Windows 8 come Windows 7 ma con interfaccia Metro

Categoria: Windows
Voto: 1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle
Loading...Loading...

Microsoft ha svelato maggiori dettagli su Windows 8 e ha reso disponibile la versione Developer Preview. Tutto ruota attorno all’interfaccia Metro e al concetto di Hub e Tile. Compatibilità con i vecchi standard e nuovi linguaggi la fanno da padrone per un sistema operativo che sarà multi-dispositivo e compatibile non solo con le architetture x86, ma anche quelle ARM.

L’aspetto potrebbe far pensare ben altro, fin dalla cosiddetta lock screen, molto simile a quella di Windows Phone. La schermata iniziale, totalmente personalizzabile e composta dalle cosiddette Tile (i vari box che la compongono), è un inno all’interfaccia Metro. La nuova interfaccia sarà centrale sui tablet, e la casa di Redmond non l’ha sviluppata solo per questi dispositivi, ma anche per i classici computer, sebbene non manchi la possibilità di passare all’occorrenza a quella classica di Windows, con la barra in basso e le icone sul desktop.


Windows 8 utilizza per il login una Picture Password, ovvero un meccanismo per sbloccare il dispositivo mobile, che non prevede più una stringa alfanumerica da inserire, ma aree scelte dall’utente sui punti prescelti di una fotografia, un metodo originale che svela anche come gli input saranno visualizzati a schermo da un cerchio che in base all’azione, singola o multipla, può essere vuoto o pieno (spostamento o selezione).

Passo successivo è l’evoluzione di Windows Defender che protegge il sistema dal malware sin dal boot, anche se presente su una chiavetta USB collegata. Quindi, si passa velocemente al risparmio energetico con consumi praticamente azzerati in stand-by e una nuova interessante modalità, Connected Standby, che permette di mantenere attive le funzioni base di aggiornamento dalla Rete.

Task manager rivisto con possibilità di sospendere le applicazioni Metro Style, limitando l’impatto su memoria e CPU; funzione Refresh per ripristinare il sistema allo stato originario, mantenendo i file personali o Reset per riportarlo allo stato di fabbrica, entrambi accessibili dal Pannello di Controllo; demo di macchina virtuale Hyper-V e Remote Desktop Metro Style con controllo di un device touch remoto; Windows Explorer con l’interfaccia Ribbon; ricerca dei contenuti completamente ripensata (il search inizia appena si inizia a digitare e per lanciare un’applicazione basta digitarne il nome).

Fonte



Articoli correlati

comments powered by Disqus