Recensione e novità nuova versione Ubuntu 12.10

Categoria: Linux
Voto: 1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle
Loading...Loading...

L’interfaccia desktop è stata rinnovata e migliorata la schermata di accesso, che adesso permette l’accesso remoto. Il Gestore Aggiornamenti è stato semplificato e snellito, anche il nome è cambiato, da questo rilascio si chiama: Aggiornamenti software. Inoltre la parte che riguarda l’aggiornamento di versione è stata rilasciata in un pacchetto a parte.
I driver grafici sono stati aggiornati per una migliore esperienza, sono stati infatti inclusi svariate correzioni, che rendono tutto più fluido. Unity è stato aggiornato alla versione 6.8, che comprende molte nuove funzionalità e correzioni Il sistema per migliorare l’accessibilità è attivo in maniera predefinita, può essere disattivato in un secondo momento. È stato incluso un nuovo font nel sistema, Ubuntu Medium.

Firefox e Thunderbird sono stati aggiornati alla versione 16
Libreoffice è stato aggiornato alla versione 3.6.2, offrendo così il supporto nativo a HUD e e alla nuova barra dei menù.
La maggior parte del software GNOME è stata aggiornata alla versione 3.6. L’attuale gestore dei driver aggiuntivi è stato abbandonato in favore di una sezione Driver nel Aggiornamenti Software.

Il Software Center è stato reso più veloce, compresa l’installazione delle applicazioni.
È stato inserito il supporto a 3D secure, che permette transazioni con carta di credito su Internet più sicure.
Facendo clic sui banner presenti si aprono i link.
Sono state inserite le raccomandazioni.
È stato integrato con il plugin delle anteprime di Unity: adesso si può installare un programma direttamente dalla Dash.

Sono state introdotte le Web Apps, un sistema di servizi che permette di usare molte delle funzionalità dei siti web – come Gmail, Twitter, Facebook – direttamente dal destkop.


Ulteriore modifiche riguardano l’introduzione del Secure Boot per Ubuntu, Ubuntu Server e Edubuntu (nelle altre derivate sarà introdotto da Ubuntu 13.04), l’aggiornamento del kernel alla versione 3.5.5, l’esclusione di Python 2.x a favore di Python 3.2, l’abbandono di OpenJDK6 a favore di OpenJDK7, l’aggiornamento di GCC e GDB.

Fonte



Articoli correlati

comments powered by Disqus