Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Oggi — 19 Febbraio 2020RSS feeds

Auto usate certificate: le garanzie di Ford Approved

di Donato D'Ambrosi

Le auto usate si confermano la scelta principale degli italiani. Nel 2019 sono stati venduti oltre 3 milioni di veicoli usati, cioè 159 auto usate ogni 100 auto nuove. Un trend che le stesse Case auto stanno sempre più cavalcando offrendo servizi di auto usate certificate, come Ford Approved di cui parleremo in questo articolo.

COSA SONO LE AUTO USATE CERTIFICATE

I canali tradizionali per acquistare un’auto usata sono essenzialmente 3: rivolgersi a un privato, a un venditore o alle Concessionarie. Questo lo sanno grossomodo tutti. Qualcosa cui spesso non si fa abbastanza attenzione invece è il livello di rischio associato al venditore dell’auto che stiamo per comprare. Nel primo caso il rischio è tutto dell’acquirente, che si assume la responsabilità dei controlli da fare sull’auto usata; scarica qui la check list. Nel secondo caso (rivenditore-salonista) quella responsabilità assume più i contorni della fiducia che si instaura con il venditore, non di rado mal riposta, se poi si scoprono danni occulti all’auto o chilometri scalati. E poi ci sono le auto usate certificate. Ma cosa significa “auto usata certificata”? Per capirlo meglio scopriamo da vicino il servizio Ford Approved.

AUTO USATE, LA CERTIFICAZIONE INIZIA DALLA SELEZIONE

Le auto usate certificate, a differenza delle auto usate che hanno una garanzia legale di 2 anni (riducibile a 1, previo consenso tra le parti), sono veicoli con un pedigree noto alla rete ufficiale dei Costruttori. Sono solitamente auto già nelle disponibilità dei Concessionari o che le concessionarie ritirano da permute di clienti/società noti. Ford, ad esempio, certifica solo auto usate della stessa marca che hanno non più di 5 anni. Nessun modello è escluso dalla certificazione Ford Approved, infatti sulla pagina Ford.it si può cercare qualsiasi auto Ford tra circa 2500 veicoli in vendita.

I CONTROLLI DA SUPERARE PER LE AUTO USATE CERTIFICATE

Poi ciò che cambia tra un’auto usata garantita, che si può comprare quasi ovunque presso rivenditori specializzati, e un’auto usata certificata è nei controlli. Prendendo nuovamente Ford come esempio, le auto usate “in ingresso”, vengono controllate in 75 aree diverse, dalla meccanica alla carrozzeria, per assicurarsi che la qualità dell’auto sia all’altezza per poter essere certificata. Inoltre, ogni auto viene collegata ai sistemi diagnostici Ford da cui viene estrapolata tutta la sua storia, dalla manutenzione ordinaria al controllo dei dati originari. Infine le auto certificate con l’usato Ford Approved passano in vetrina solo dopo gli aggiornamenti software, se necessari, alle ultime versioni disponibili.

The post Auto usate certificate: le garanzie di Ford Approved appeared first on SicurAUTO.it.

Le 10 auto usate economiche con più km vendute a gennaio 2020

di Donato D'Ambrosi

Se doveste comprare un’auto usata con la minima spesa, probabilmente cerchereste tra le auto usate economiche con più chilometri. Un acquisto che per molti potrebbe sembrare azzardato, visto che il rapporto degli italiani con l’auto è più platonico che basato sulla manutenzione auto ordinaria. E invece secondo un’indagine sulle auto usate online, ci sono modelli di auto usate intramontabili, che al di là del valore e dei km sono tra le auto usate più vendute in 2 mesi.

AUTO USATE ECONOMICHE, L’INDAGINE ONLINE

La classifica delle auto usate economiche con più chilometri proviene da un’elaborazione di Autouncle sul numero di auto usate vendute online in meno tempo. Sono state considerate le auto usate con meno di 10 anni di età e la percorrenza media maggiore, a fronte del maggior numero di vendite tra gennaio e febbraio 2020. Guardando la classifica delle auto usate più economiche per vendite, si capisce come ormai sia incrinato il binomio auto tedesche-indistruttibilità.

LE 5 AUTO USATE PIU’ VENDUTE CON PIU’ KM

Non sorprende che tra le auto usate più economiche vendute online ci siano molte Fiat, quanto invece il fatto che le auto FCA sono nelle prime 5 posizioni della classifica. L’auto usata con una media di più chilometri è la Fiat Bravo, venduta in oltre 1100 esemplari. La Fiat Punto Evo però fa meglio, forte della sua presenza stabile tra le 10 auto nuove più vendute per molti mesi, è la scelta preferita per oltre 3500 utenti, nonostante i suoi 126 mila km in media. La Fiat Freemont, con in media 120 mila km, può dare ancora tanto, se si pensa che nasce come auto per la famiglia e i grandi spostamenti.

AUTO USATE ECONOMICHE, MA NON TROPPO CON LE MARCHE STRANIERE

Tra le altre 5 auto usate più economiche bisogna arrivare in ultima posizione per trovare una tedesca. La Volkswagen Passat è la seconda più venduta (e la più cara), ma con una media di km di gran lunga più bassa (106 mila km). Una sola francese, ancora una volta monovolume, e due Opel ma di tipologia totalmente diversa sono tra le auto usate economiche che gli italiani hanno cercato e acquistato di più tra gennaio e febbraio 2020.

The post Le 10 auto usate economiche con più km vendute a gennaio 2020 appeared first on SicurAUTO.it.

Meno recentiRSS feeds

Tesla usata: l’Autopilot si disattiva se il cliente non paga

di Donato D'Ambrosi

Comprare una Tesla usata richiede più attenzioni di quanto potesse immaginare l’incauto cliente che ha scoperto l’Autopilot disattivato da Tesla solo dopo l’acquisto dell’auto elettrica usata. L’episodio per quanto singolare, non va sottovalutato considerando che le auto connesse che ricevono aggiornamenti OTA in remoto saranno sempre di più. Ecco cosa è successo e perché Tesla può rivalersi sui clienti disattivando funzioni dell’auto a distanza.

TESLA USATA ALL’ASTA E AUTOPILOT DI SERIE

I contorni della vicenda Tesla riportata da Jalopnik hanno dell’incredibile perché dimostrano come l’idea di acquistare un’auto usata full optional per pagarla meno non funzionerà più con le auto che si aggiornano in remoto. Tesla è la Casa auto che ha fatto degli aggiornamenti OTA (Over The Air) un suo cavallo di battaglia. Compri l’auto che ha tutto l’hardware incluso e attivi funzioni, sistemi e servizi quando vuoi anche a distanza di anni, incluso l’Autopilot. Peccato che al cliente della Tesla Model S usata nessuno avesse detto che Tesla dà e Tesla toglie senza alcun preavviso. Ripercorriamo i fatti salienti dell’Autopilot Tesla disattivato. Tale Alec, sarebbe il nome del cliente Tesla, ha acquistato una Tesla Model S 2017 da un rivenditore di auto negli USA puntando sul fatto che l’auto era equipaggiata con Enhanced Autopilot e Full Self Driving Capability.

TESLA DISABILITA L’AUTOPILOT SE IL CLIENTE NON HA PAGATO

I due sistemi, del valore complessivo di 8 mila dollari, facevano parte dell’equipaggiamento di serie, come mostra la scheda tecnica associata al VIN della Tesla Model S usata, nell’immagine sotto. La Tesla Model S del 2017 faceva parte del lotto di auto che Tesla aveva ritirato dai clienti a causa dei numerosi problemi tra cui il display centrale difettoso. Il rivenditore l’aveva acquistata da Tesla all’asta circa 1 mese prima di venderla ad Alec. In questo lasso di tempo, l’auto è stata evidentemente riparata, come si vede dalle fatture pubblicate da Jalopnik, prima di venderla ad Alec. Dopo l’acquisto però il cliente ha ricevuto l’amara sorpresa: l’Autopilot non c’era più. Le funzioni di guida avanzata per cui aveva acquistato la Tesla Model S usata erano state disabilitate da Tesla ancora prima che l’auto passasse dal rivenditore alle mani del cliente (aggiornamento OTA del 18 novembre).

L’AGGIORNAMENTO TESLA SULLE AUTO ELETTRICHE USATE

Pare che il tutto sia avvenuto all’oscuro del rivenditore, a dimostrazione del fatto che Tesla può mettere le mani direttamente sulle auto dei clienti . Alla richiesta di chiarimenti, Tesla avrebbe risposto al cliente che “la guida autonoma non era una caratteristica per cui aveva pagato. Ci scusiamo per la confusione. Se è ancora interessato ad avere quelle funzionalità aggiuntive, possiamo iniziare il processo per acquistare l’aggiornamento.” Pare che la vicenda sia già oggetto di studio per capire se la condotta Tesla nei confronti del rivenditore e del cliente finale sia stata lecita oppure no. Intanto vi consigliamo di assicurarvi anche tramite la rete ufficiale che la Tesla usata cui siete interessati sia realmente equipaggiata di tutto. O al prossimo aggiornamento OTA rischiate di dover pagare più di quanto avreste voluto spendere per un’auto elettrica usata.

The post Tesla usata: l’Autopilot si disattiva se il cliente non paga appeared first on SicurAUTO.it.

Auto Usate, crollo delle Diesel nel 2020: -11% di vendite

di Donato D'Ambrosi

Le auto usate perdono l’11% di vendite, un crollo che fa pensare a una minore fiducia verso le auto diesel sia da parte dei consumatori che dei rivenditori di auto. A gennaio 2020 le auto usate restano la prima scelta degli italiani che vogliono cambiare veicolo. Nel confronto tra diesel e benzina, i veicoli a gasolio però sono in picchiata sia tra i privati che tra i professionisti, mentre continuano a crescere le radiazioni di auto.

AUTO USATE DIESEL, IL CROLLO DI VENDITE A GENNAIO 2020

Secondo il bollettino Auto-Trend ACI elaborato sui dati del Pubblico Registro Automobilistico, a gennaio 2020 sono state vendute 175 auto usate ogni 100 auto nuove immatricolate. Un dato che, a dispetto del calo di vendite di auto usate di quai il 7% rispetto a gennaio 2019, conferma la solidità conclamata del mercato. Complessivamente a gennaio 2020 hanno cambiato proprietario circa 20 mila veicoli in meno rispetto al 2019: 267.903 contro 287.807. Se si mette sulla bilancia il numero di veicoli per alimentazione, i veicoli usati calano nei passaggi di proprietà (-11,5%) e anche nelle minivolture (-6,7%), cioè i passaggi di proprietà tra rivenditori.

ANCHE I RIVENDITORI STANNO CAMBIANDO IDEA SULLE AUTO USATE DIESEL

Questo significa che il clima di incertezza dovuto ai blocchi delle auto diesel, sta cambiando anche le strategie commerciali di chi fa delle auto usate la sua fonte di guadagno. Al contrario invece cresce per la prima volta la tendenza dei rivenditori a mettere in vetrina auto usate a benzina (+5,8%). Le auto a benzina a gennaio 2020 sono aumentate anche nelle prime iscrizioni del +4%, dimostrando che gli italiani non hanno poi tanti dubbi se scegliere un’auto nuova a benzina o diesel. E’ quasi ribaltato il paradigma che voleva il parco auto nuovo e usato sbilanciato verso i veicoli a gasolio. Si presume che questo cambiamento si rafforzerà nei prossimi mesi con la diffusione delle Fiat mild-hybrid tra le auto più vendute in Italia.

MENO RADIAZIONI DI AUTO USATE RISPETTO ALLE IMMATRICOLAZIONI

A gennaio 2020 diminuiscono anche le radiazioni di auto11,3% rispetto al mese del 2019 (ogni 100 auto immatricolate ne sono state radiate 85). In negativo nel primo mese del 2020  anche le radiazioni dei motocicli che hanno fatto rilevare a gennaio un vistoso calo dell’14,7% (-10,6% la media giornaliera).

The post Auto Usate, crollo delle Diesel nel 2020: -11% di vendite appeared first on SicurAUTO.it.

Auto usate: nel 2019 il prezzo medio è 13.700 euro

di Donato D'Ambrosi

Le auto usate sono per gli italiani un’alternativa ormai non più seconda alle auto nuove. Nel 2019 le auto usate in vendita online avevano un’età media di poco superiore a 8 anni e un prezzo medio di quasi 14 mila euro. Ecco un report regione per regione sulla scelta degli italiani in fatto di auto usate.

I MODELLI PIU’ DIFFUSI TRA LE AUTO USATE ONLINE

L’indagine sulle auto usate online proviene dall’Osservatorio di un importante sito di annunci online che sulla base dei dati PRA elegge Roma, Napoli e Milano come le città con più passaggi di proprietà. Nel 2019 hanno cambiato proprietario 3,1 milioni di veicoli (+0,5% rispetto al 2018). Dagli annunci online è stato possibile capire che in Italia il prezzo medio delle auto usate è nettamente inferiore rispetto a Germania, Austria, Belgio e Olanda. L’età media delle auto in vendita è di 8,2 anni, ma i modelli più diffusi per tipologia sono la Volkswagen Golf tra le tradizionali, la Toyota Auris tra le auto ibride e la Tesla Model S tra le auto elettriche.

LE CITTA’ CON PIU’ PASSAGGI DI PROPRIETA’ PER AUTO USATE

Rispetto al 2018, i passaggi di proprietà delle auto usate sono aumentati del +0,5%, raggiungendo 3.102.893 atti. Tra i capoluoghi di regione, ai primi posti per trascrizioni c’è Roma (230.908 passaggi), poi Napoli (144.854) e Milano (135.402). Confrontando i dati con la popolazione residente, il podio passa a Trento con 866 passaggi di proprietà ogni 10 mila abitanti, Aosta (747,5) e Perugia (684,4). Fanalini di coda Genova (474), Milano (503,1) e Firenze (513,7).

QUANTO COSTA IN MEDIA UN’AUTO USATA ONLINE

Il prezzo medio di vendita delle auto usate si attesta, in generale, a 13.715 euro (+3%), un dato nettamente inferiore a Paesi come Germania (17.750 euro), Austria (17.685 euro), Belgio (16.205 euro) e Olanda (15.280 euro). Tra le province capoluogo di regione “più care” troviamo ancora una volta Trieste con un costo medio di 15.695 euro, seguita da Perugia (15.230 euro), Firenze (15.155 euro), Bologna (15.070 euro) e Milano (14.745 euro). Nettamente più economica l’offerta a L’Aquila e Genova, dove gli acquirenti devono prevedere rispettivamente 10.530 euro e 11.305 euro. I prezzi salgono se si considerano le vetture usate elettriche (25.815 euro) o ibride (27.060 euro).

The post Auto usate: nel 2019 il prezzo medio è 13.700 euro appeared first on SicurAUTO.it.

Prezzi auto nuove in aumento: +2,5% nel 2019

di Donato D'Ambrosi

Nel 2019 i prezzi auto sono aumentati del +2,5% a fronte di una riduzione di quelli delle auto usate. La crisi del diesel e l’apertura del mercato all’elettrificazione ha rafforzato una maggiore fiducia verso le auto di seconda mano.

PREZZI AUTO NUOVE E USATE NEL 2019

La rilevazione dei prezzi dell’Osservatorio Autopromotec rivela un nuovo aumento sui prezzi auto nuove. Comprare un’auto nuova nel 2019 è costato in media +2,5%. Un aumento che viene controbilanciato da una riduzione media dei prezzi delle auto usate. A dicembre 2019 sono state vendute 162 auto usate su 100 auto nuove e la diminuzione del costo di acquisto del -2,7% non farà che cementare il trend nel 2020, se i  Costruttori auto non si inventeranno qualcosa. Nel 2019 infatti l’effetto degli eco bonus su auto elettriche e ibride è stato pressoché marginale (lo sconto comporta una spesa non allineata alle esigenze della famiglia media). Ma qualcosa forse cambierà con gli eco bonus sulle auto ibride più popolari dal 2022.

OLTRE AL PREZZO AUTO NUOVE, LE ALTRE VOCI DI SPESA

Se si esclude la diminuzione dei prezzi auto usate, il bilancio 2019 dell’Osservatorio Autopromotec mostra un rincaro complessivo dei prezzi al consumo del +0,6% in media. La manutenzione e riparazione dei veicoli privati è il secondo incremento più importante (+1,6%), accompagnata anche da una crescita dell’attività nelle officine nel 2019. Più contenuto l’aumento dei prezzi dei lubrificanti (+0,9%) e dei ricambi e accessori (+0,4%), mentre quelli il prezzo degli pneumatici è rimasto invariato nel 2019.

IL PREZZO AUTO NUOVA PESA SOLO PER IL 25% SUI COSTI

Possedere un’auto nuova in Italia nel 2019 comporta un costo del 25% rispetto all’intera spesa. Nel 2019 infatti gli italiani hanno speso quasi 196,4 milioni di euro per gli autoveicoli. Una spesa leggermente inferiore rispetto al 2018 (-0,2%). Il costo di acquisto di un’auto nuova nel 2019 è secondo solo alla spesa carburante (31%) e precede la spesa per la manutenzione auto (20%) e i costi per l’assicurazione (9%) e bollo (3,5%).

The post Prezzi auto nuove in aumento: +2,5% nel 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Le 5 auto usate più cercate online in Europa nel 2019

di Donato D'Ambrosi

Auto cointestata

Se in Italia la Fiat Panda è l’auto preferita degli italiani, sia da nuova sia tra le auto usate, in Europa le preferenze variano non solo in base alla marca, ma anche alla tipologia di auto. Si scopre così che tra le 5 auto usate più cercate online in Europa, la Volkswagen Golf, scalzata dalla Fiat Panda in Italia nel 2019, è ancora l’auto più desiderata dagli automobilisti europei. Ecco le 5 auto usate migliori online in Europa nel 2019.

L’INDAGINE SULLE 5 MIGLIORI AUTO USATE ONLINE

L’indagine sulle 5 auto usate più vendute online in Europa nel 2019 viene fuori da una ricerca condotta sui siti di annunci online affiliati a un noto portale di vendita di auto usate. L’indagine sulle auto usate più cercate online in Europa si basa sul numero di pagine viste e sugli annunci di auto usate di un determinato modello in 5 paesi. Si scopre così qual è l’auto usata migliore secondo gli automobilisti in Italia, Canada, Danimarca, Germania e Inghilterra tra gennaio e novembre 2019.

LA GOLF E’ PREFERITA TRA LE 5 MIGLIORI AUTO USATE ONLINE

La Volkswagen Golf è l’auto usata più cercata dagli automobilisti europei. La Germania ha una naturale predilezione per le auto tedesche: nei primi posti delle ricerche ci sono proprio la Volkswagen Golf, l’Audi A6, l’Audi A4 e l’Audi A3. Rispetto all’Italia, dove la Fiat Panda, auto più ricercata si attesta su un costo medio di 11.933 euro, la Volkswagen Golf arriva a 17.611 euro. Nel Regno Unito la auto risulta tra le più ricercate ma con un costo medio di 4.644 euro. Sul Podio inglese seguono a ruota la BMW 3 Series e la Opel Corsa.  Tutte con un prezzo medio più basso rispetto a quello delle altre auto usate online ai primi posti delle classifiche europee, rispettivamente 4.644 euro, 4.694 euro e 2.617 euro.

LE 5 AUTO USATE PIU’ CERCATE IN EUROPA: SINTESI PER PAESE

Anche in Danimarca la Volkswagen Golf è l’auto usata più cercata online con Volkswagen Passat e Audi A6 a seguito. E’ la Honda invece, la Civic che spopola in Canada dove tra le auto più ricercate si trovano anche la Ford F150 e la Bmw Serie 3. Il resto della classifica canadese è però caratterizzata dai pick-up. Rispetto alla ricerca condotta su specifici brand automobilistici il Canada premia l’americana Ford, l’Italia sposa la Fiat e il Regno Unito premia l’Opel mentre restano fedeli alla Volkswagen Germania e Danimarca.

The post Le 5 auto usate più cercate online in Europa nel 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Le 10 auto usate più vendute in Italia nel 2019

di Donato D'Ambrosi

http://add-a-cdchanger.co.uk/wp-content/uploads/sites/294/2018/04/A_row_of_modern.jpg

Le 10 auto usate più vendute nel 2019, vedono gran parte dei modelli del Gruppo FCA e a marchio Fiat in testa anche con una percorrenza media che sfida le auto tedesche. Tra queste però alcuni modelli di auto usate cambieranno totalmente nei prossimi mesi e questo potrebbe rendere le auto usate ancora più appetibili. Se sei alla ricerca di un’auto usata molto diffusa, ecco la classifica delle 10 auto usate più vendute nel 2019.

LA FIAT 500 SCALZA LA FIAT PANDA TRA LE AUTO USATE PIÙ VENDUTE

La classifica delle 10 auto usate più vendute nel 2019 è stata realizzata da un noto motore di ricerca di annunci online che vede a sorpresa la Fiat 500. Rispetto alla classifica delle 10 auto nuove più vendute nel 2019 infatti, la Fiat Panda perde il posto d’onore. Per sapere quale auto usata gli italiani hanno comprato di più, sono stati analizzati gli annunci online attraverso la piattaforma. Tra le 10 auto usate più vendute in Italia nel 2019 sono solo due i modelli che non fanno parte del Gruppo FCA. Sorprende più di tutti la resilienza della Lancia Ypsilon, ormai prossima al pensionamento.

LA TOP5 DELLE AUTO USATE PIU’ VENDUTE E’ TUTTA ITALIANA

Tra le prime 5 posizione delle 10 auto usate più vendute nel 2019 si può scoprire come le Fiat relativamente recenti siano la scelta più frequente. Dopo Fiat 500 (2014), Fiat Panda (2016) e Fiat 500X (2018), la Lancia Ypsilon si piazza quarta tra le scelte più frequenti degli italiani. E non è per niente banale, se si pensa che nella classifica delle auto usate più vendute, si tratta della Lancia Ypsilon del 2007 con in media oltre 120 mila km. Il quintetto di testa si chiude con la Fiat Tipo usata, una scelta facile per chi cerca un’auto usata per la famiglia senza spendere troppo (in media 13.800 euro del 2017). Clicca sull’immagine sotto per vederla a tutta larghezza.

LA FIAT PUNTO RESISTE TRA LE 10 AUTO USATE PIÙ VENDUTE IN ITALIA

Nelle altre 5 posizioni delle 10 auto usate più vendute del 2019, sorprende la presenza dell’intramontabile Fiat Punto. Sebbene al 10 posto tra i modelli di auto usate più venduti, la Fiat Punto è anche la più economica sul mercato online (in media 3.200 euro per un modello del 2008 con circa 140 mila km). Prima della Fiat Punto gli italiani che preferiscono le straniere si orientano sulla Renault Clio, in sesta posizione. Oppure qualche posizione più giù sulla Volkswagen Golf VII (2017). L’auto in media più costosa tra le 10 auto usate più vendute nel 2019 è la Jeep Renegade (prossima a diventare ibrida Plug-in) con quasi 22 mila euro necessari per comprare un modello del 2019 con circa 11 mila km.

The post Le 10 auto usate più vendute in Italia nel 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Le 10 auto usate più cercate in Italia nel 2019

di Donato D'Ambrosi

Le 10 auto usate più cercate dagli italiani nel 2019, non sono proprio le auto più desiderate. Comprare un’auto usata è spesso una necessità, più che un ripiego all’auto nuova. Se nel 2018 la Volkswagen Golf era il modello più cercato sul web, il patriottismo fa strada alla Fiat Panda. Ecco quali sono le auto usate online che gli italiani hanno cercato di più tra gli annunci nel 2019.

LE PAROLE PIU’ CERCATE TRA LE AUTO USATE ONLINE

Ad eleggere la Fiat Panda in testa ai modelli più cercati tra le auto usate online è Subito Motori, che ha identificato le 10 auto usate più cercate tra 300 milioni di ricerche per parola chiave del 2019. Tra le ricerche maggiori che fanno gli italiani online in fatto di motori, le parole “4×4”, “GPL” e “microcar” sono quelle più frequenti. Il metano, per anni consolazione degli automobilisti al caro carburante e ai blocchi al traffico, scende di posizioni (9^ su 10) appena prima di “tuning”.

LE 10 AUTO USATE PIÙ CERCATE

Tra le 10 auto usate più cercate online nel 2019, la Volkswagen Golf ha ceduto il primo posto alla Fiat Panda, che passa in testa. Che si tratti di auto usate o nuove, i modelli Fiat sono persistentemente tra le scelte maggiori. La Fiat 500 infatti scala due posizioni tra le auto usate e va al terzo posto, scalzando la Fiat Punto che finisce in sesta posizione. Resta immutata la preferenza tra gli italiani nel 2019 per Smart, Volkswagen Polo e Golf e Alfa Romeo Giulietta. Mentre aumentano le ricerche sulla Mercede Classe A (10^) e Audi A3 (5^).

BRAND E TIPOLOGIE DI AUTO USATE, LE PREFERITE DAGLI ITALIANI

Tra i brand preferiti dagli italiani per le auto usate sono sempre le marche tedesche, con BMW, Mercedes e Audi in testa. Crescono le preferenze per Jeep, Porsche e Abarth, mentre Fiat perde una posizione nella valutazione complessiva. La classifica delle auto usate più cercate nel 2019 per carrozzeria è più variegata:  Fiat Panda (utilitarie), Audi A4 (Station wagon), Land Rover Defender (fuoristrada), Mercedes AMG C (sportive),  Volkswagen Tiguan (SUV) e Audi TT (spider).

The post Le 10 auto usate più cercate in Italia nel 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Auto usate certificate: brumbrum apre la prima fabbrica della qualità

di Donato D'Ambrosi

Comprare un’auto usata espone spesso al rischio di doversi fidare dell’istinto e di ciò che garantisce il venditore. C’è la garanzia sull’auto usata per legge, è vero, ma il timore che prima o poi possa presentarsi qualche problema limita a 150 km la distanza media dei passaggi di proprietà in Italia (fonte ACI). Due equazioni che trovano soluzione nella factory brumbrum dove rinasce la qualità delle auto usate. Abbiamo visitato il luogo dove le auto usate certificate in vendita sull’e-commerce brumbrum devono superare severi test prima di essere rigenerate e trovare un nuovo proprietario. Ecco come viene rigenerata un’auto usata brumbrum.

VIAGGIO NELLA RIGENERAZIONE DELLE AUTO USATE

Quante volte vi siete chiesti quale fosse la vita precedente della vostra auto usata? Ce lo siamo chiesti anche noi camminando accanto a decine di auto in attesa di essere rimesse a nuovo dai tecnici brumbrum. Ecco, il nostro viaggio nella factory italiana delle auto usate inizia proprio così, scoprendo che solo le auto con un curriculum affidabile vengono selezionate ancora prima di passare sotto la lente dei tester. Siamo nello stabilimento all’avanguardia dove brumbrum ha unito tutte le competenze e i processi di rigenerazione delle auto usate che poi finiscono nella vetrina online. E subito ci salta all’occhio che si tratta di auto relativamente nuove, con al massimo qualche graffio da parcheggio o piccoli danni.

DA DOVE PROVENGO LE AUTO USATE BRUMBRUM

Tutte le nostre auto hanno standard qualitativi elevati, sono garantite e certificate.” spiega Francesco Banfi, CEO brumbrum, che ci ha accolti nella factory – “Non accettiamo compromessi quando si tratta di prendere tutte le precauzioni necessarie affinché l’auto possa soddisfare le nostre aspettative e quelle del futuro cliente”. Le auto brumbrum che arrivano nella nuova factory di Reggio Emilia (a due passi dalla stazione ferroviaria) provengono quasi totalmente da noleggi a lungo termine di Arval. Ma la parte più interessante di come viene rigenerata un’auto usata certificata deve ancora venire.

LA RIGENERAZIONE DELLE AUTO USATE STEP BY STEP

Provate ad immaginare cosa comporta garantire un’auto usata fino a 3 anni (questa la promessa brumbrum) o essere così sicuri della sua qualità da restituire i soldi al cliente se non è soddisfatto. Anzi, piuttosto che immaginarlo proviamo a raccontarvelo. La factory di brumbrum ha molto in comune con uno stabilimento in cui si assemblano le auto, solo che il processo avviene al contrario. All’arrivo delle auto usate già selezionate, si va alla fase di checkup con 200 controlli alla meccanica e alla carrozzeria e un test drive. Il check dura 50 minuti, quanto basta per capire da prove su speciali banchi (foto sopra) e con l’occhio esperto dei tecnici cosa bisogna ripristinare nell’auto e quali ricambi ordinare. Una chicca che non ci aspettavamo è che nonostante la giovane età, la carrozzeria viene analizzata con spessimetro e mappata per identificare le riparazioni necessarie.

“SULLE AUTO USATE BRUMBRUM NON NASCONDE I DIFETTI”

Da qui in poi l’auto riceve riparazioni meccaniche, alla carrozzeria, agli interni, va al reparto gomme, viene sanificata, lavata, ricontrollata e va al Photo Shooting. Qui capiamo ancora di più l’impegno dell’azienda nel voler instaurare con i clienti un rapporto basato sulla trasparenza oltre che sulla qualità. Può sembrare banale fare due foto, ma l’ultimo step è forse quello più impegnativo prima di mettere l’auto usata in vetrina sull’e-commerce. Al termine della rigenerazione, l’auto passa nelle mani di un addetto che fotografa i dettagli da evidenziare. Un lavoro minuzioso di circa 60 scatti per mostrare gli optional ma anche piccoli difetti segnalati dai reparti tecnici che non è stato possibile riparare. Questi difetti sono descritti nella scheda di ogni auto ed indicati con un triangolino rosso. “Lo facciamo quando riparare un piccolo danno sarebbe troppo costoso, ma riguarda esclusivamente difetti estetici. Nulla che abbia a che vedere con la meccanica o la sicurezza delle auto brumbrum” conclude Banfi.

The post Auto usate certificate: brumbrum apre la prima fabbrica della qualità appeared first on SicurAUTO.it.

Auto usate in calo: ad ottobre arranca anche il diesel

di Donato D'Ambrosi

Garanzia auto usate Codice del Consumo

Il mercato delle auto usate incassa il primo colpo del 2019, con una contrazione dei passaggi di proprietà di circa 5 mila unità. Rispetto al mercato delle auto nuove, le auto usate rappresentano ancora un’alternativa per chi non vuole spendere troppo, ma ad ottobre 2019 il diesel scende di quota. Intanto ogni 100 auto nuove immatricolate, 192 auto usate hanno cambiato proprietario.

AUTO USATE E NUOVE DIESEL VENDUTE AD OTTOBRE

Il calo delle auto usate diesel vendute ad ottobre 2019 è sicuramente meno consistente di quelle nuove (circa -15%). Ma se il trend sarà confermato nei prossimi mesi quel -0,4% potrebbe accendere ripensamenti degli automobilisti sulle motorizzazioni delle auto usate. Per ora se si considerano le quote di auto usate diesel vendute, il 51,3% da gennaio ad ottobre 2019 spegne i timori. Anche perché il trend delle auto a gasolio usate è in crescita rispetto ai primi 10 mesi del 2018. Sono i numeri elaborati dall’ACI sulla base delle registrazioni al PRA.

RADIAZIONI E ROTTAMAZIONE DI AUTO USATE STABILI

Le radiazioni di auto usate sono rimaste quasi invariate ad ottobre con -0,1%. Il tasso unitario di sostituzione è stato pari a 0,88 (ogni 100 autovetture iscritte ne sono state radiate 88) ed a 0,78 nei primi 10 mesi dell’anno. In discesa anche le radiazioni di motocicli con un decremento mensile del 4,3%. Molto positivi sono invece i numeri del mercato moto usate come mostra la tabella qui sotto. Clicca sull’immagine qui sotto per vederla a tutta larghezza.

OGNI 100 AUTO NUOVE CAMBIANO PROPRIETARIO 192 AUTO USATE

I numeri del mercato di auto usate per alimentazione mostrano che il trend tra immatricolazioni nuove e passaggi di proprietà di auto usate è inversamente proporzionale. Mentre nei primi 10 mesi del 2019 le auto nuove a benzina sono aumentate del +26,7%, quelle a benzina usate hanno rallentato di -1,7%. Al contrario invece i veicoli diesel usati sono aumentati di +4,3% a fronte di una contrazione delle immatricolazioni di auto nuove a gasolio di -22,8%.

The post Auto usate in calo: ad ottobre arranca anche il diesel appeared first on SicurAUTO.it.

Auto usate certificate Hyundai: arriva la formula soddisfatto o restituisci

di Donato D'Ambrosi

Attorno alle auto usate sta montando sempre di più l’interesse dei Costruttori auto che rimettono in vendita auto usate con la garanzia sui chilometri. La vera novità però riguarda la possibilità di restituire l’auto usata acquistata se non rispecchia le aspettative iniziali. La clausola soddisfatti o rimborsati sulle auto usate ha azzerato il rischio di acquistare un’auto usata con chilometri scalati.

L’AUTO USATA SENZA RISCHI

Si chiama Hyundai Promise il servizio di certificazione e ripristino delle auto usate in vendita per poter garantire lo stato d’usura e i chilometri percorsi. È l’espressione ufficiale della Casa coreana di quanto racchiude la nostra guida all’acquisto dell’auto usata. Ma oltre ai controlli – eseguiti da personale tecnico – c’è anche la garanzia che quell’auto non è stata ringiovanita. Un aspetto non di poco conto se si considera che il certificato di revisione ha dato una stretta ai contachilometri scalati, ma escludendo le auto che hanno meno di 4 anni.

LE AUTO USATE CERTIFICATE

Su tutte le auto usate certificate Hyundai Promise, verranno eseguiti 100 controlli prima di rimettere in vendita un’auto che può essere sia del Gruppo Hyundai sia di qualsiasi altra marca. Questo servizio rappresenta una valida opportunità per chi ha intenzione di acquistare un’auto ibrida o elettrica usata con chilometri certificati. In seguito ai controlli vengono ripristinate e sostituite tutte le parti ritenute non idonee con ricambi originali. L’esito dei controlli, lo stato di usura e la certificazione dei chilometri sono tutti riportati in un rapporto che accompagna l’auto usata certificata alla vendita.

GARANZIA AUTO USATA HYUNDAI

La garanzia sull’auto usata Hyundai Promise dipende dall’età e dai km percorsi. Le auto usate certificate fino a 5 anni e 120 mila km percorsi saranno coperte da una garanzia da 2 a 5 anni. Non male considerando che la Garanzia Ufficiale del Costruttore è di 5 anni con chilometri illimitati. Le auto usate che hanno tra 5 e 8 anni di vita e fino a 160 mila km saranno coperte da 1 a 2 anni di garanzia a seconda dei casi. Scende a 1 anno di garanzia solo la copertura per le auto usate certificate di altre marche fino a 8 anni e meno di 160 mila chilometri.

PERMUTA AUTO USATA QUANDO E COME

Le auto usate del programma Hyundai Promise si possono acquistare anche dando in permuta un’altra auto. E se la nuova auto usata certificata non soddisfa l’acquirente può restituirle dandola in permuta per un’altra auto che abbia lo stesso valore. L’opzione “Soddisfatto o Sostituisci” vale solo entro 1 mese dall’acquisto e se l’auto certificata ha percorso meno di 1000 km. Il programma partirà prima in alcune concessionarie Hyundai per poter essere esteso a tutta la rete in Italia entro il 2020.

The post Auto usate certificate Hyundai: arriva la formula soddisfatto o restituisci appeared first on SicurAUTO.it.

Area B Milano 2019: è corsa all’acquisto di auto usate meno inquinanti

di Raffaele Dambra

Area B Milano 2019

Il 1° ottobre 2019 inizierà la nuova fase di Area B a Milano che prevede l’estensione dei limiti alla circolazione delle auto diesel nella superficie delimitata, attualmente interdetta alle vetture a gasolio Euro 0, 1, 2 e 3 senza FAP (ed Euro 0 benzina). Saranno interessate dal provvedimento specialmente le auto Euro 4 diesel senza FAP ed Euro 3 e 4 diesel con FAP di serie, portando a circa 160.000 il numero di vetture che non potranno più circolare nell’area. E per non farsi trovare impreparati, i cittadini milanesi hanno già iniziato ad adeguarsi alle nuove restrizioni, che anno dopo anno diventeranno sempre più stringenti fino all’abolizione totale dei diesel nel 2030, visto che nel primo semestre di quest’anno sono nettamente diminuiti gli acquisti di auto usate più vecchie, mentre sono cresciute le auto meno inquinanti.

AREA B MILANO SPINGE L’ACQUISTO DI AUTO USATE MENO INQUINANTI

Le statistiche elaborate dal centro studi di AutoScout24 sulla base dei dati ACI, mostrano infatti che da gennaio a giugno 2019 a Milano solo il 7,8% dei passaggi di proprietà di auto usate ha riguardato le classi già escluse da Area B (-43,7% rispetto allo stesso periodo del 2018). Viceversa sono aumentati gli acquisti riguardanti le vetture ad alimentazione tradizionale Euro 5 e 6 (+6,8%), che avranno ancora accesso per qualche anno, e quelle ibride ed elettriche (+17,6%). Ricordiamo che a Milano fino allo scorso anno il parco circolante era costituito da 693.084 auto, di cui il 23,6% appartenenti alle classi ambientali Euro 0 benzina ed Euro 0-1-2-3-4 diesel, quindi già colpite dal blocco o pronte per esserlo. Siamo quasi certi che al 31 dicembre 2019 quella percentuale sarà scesa di parecchio.

AUTO INQUINANTI NELLE ALTRE CITTÀ: BENE AOSTA E TRENTO, MALE NAPOLI

AutoScout24 ha fotografato anche il parco circolante di altre città, scoprendo che le città capoluogo di regione più virtuose sono Trento e Aosta, dove le auto più inquinanti sono rispettivamente del 4,7% e 4,9% sul totale. A Napoli, al contrario, sono il 43,1%, seguita da Campobasso (39,7%) e Potenza (38,6%). Milano quindi si colloca più o meno nel mezzo.

CHE COS’È AREA B DI MILANO

In vigore dallo scorso 25 febbraio, l’Area B di Milano copre gran parte del territorio cittadino e prevede il blocco della circolazione delle auto diesel più inquinanti nei giorni feriali dalle 7:30 alle 19:30 ((per i dettagli su tutti i tipi di vetture coinvolte, oggi e in futuro, vi rimandiamo alla nostra guida sulla Area B di Milano). A delimitare l’area ci sono 186 varchi elettronici, e chi entra senza averne diritto è sanzionato con una multa da 163 a 658 euro. In caso di recidiva nel biennio si applica la sospensione della patente da 15 a 30 giorni. Come detto, dal 1° ottobre 2019 i limiti riguarderanno queste vetture:
– auto Euro 4 diesel senza FAP;
– auto Euro 3 e 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km;
– le auto Euro 4 diesel con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione (in assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo);
auto Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato dopo il 31 dicembre 2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4.

The post Area B Milano 2019: è corsa all’acquisto di auto usate meno inquinanti appeared first on SicurAUTO.it.

Auto con km scalati: nuove regole per evitare le truffe anche negli USA

di Donato D'Ambrosi

L’acquisto di un’auto con i chilometri scalati è un reato molto più rischioso negli USA che in Italia. Nonostante questo le truffe auto con meno km di quelli reali rappresentano un giro d’affari da oltre 1 miliardo di dollari. Sono le auto con contachilometri digitale più facili da taroccare quelle al centro delle maggiori truffe negli USA. Per questo motivo l’NHTSA (l’agenzia governativa per la sicurezza dei trasporti) ha annunciato nuove regole nei passaggi di proprietà. Ecco cosa cambia negli USA e quali le differenze rispetto alle novità in Italia per evitare le truffe dei contachilometri scalati.

TRUFFE AUTO DEI CONTACHILOMETRI PIU’ FACILI DOPO 10 ANNI

In molti Stati USA il cambio di intestazione dell’auto (l’equivalente del nostro passaggio di proprietà) è accompagnato da una dichiarazione sui chilometri reali dell’auto. Un documento firmato dal venditore, sia privato che professionista, che attesta la genuinità del contachilometri. Il problema più grosso, oltra alla facilità di truccare il contachilometri è che vale solo fino a 10 anni di età del veicolo o fino a 7 tonnellate di peso. Ciò che ha permesso di vendere ogni anno circa 450 mila auto con chilometri scalati negli USA. E’ chiaro a tutti che i veicoli oltre i 10 anni sfuggono dalle maglie dei controlli sui chilometri scalati.

LE REGOLE USA ANTI-FRODE DELLE AUTO CON KM SCALATI

Secondo l’NHTSA però anche le auto più giovani sono a rischio truffe del contachilometri per la facilità con cui è possibile alterare i documenti cartacei. L’età media delle auto USA è 12 anni indicativamente come quella italiana, ma con regole sui chilometri reali molto diverse. Negli USA truccare il contachilometri di un’auto usata è un crimine federale. Per questo su tutti i modelli dal 2010 in poi sarà esteso l’obbligo di certificazione dei chilometri fino a 20 anni di età. Inoltre la certificazione cartacea prende il posto del rilevamento elettronico dei chilometri. “I registri elettronici sono più efficienti della documentazione cartacea e sono più difficili da falsificare, contribuendo a prevenire le frodi.” ha dichiarato James Owens, AD dell’NHTSA.

LE REGOLE ITALIANE CONTRO LE TRUFFE DEL CONTACHILOMETRI

Le nuove regole USA per evitare truffe auto con chilometri scalati, ricordano le novità introdotte in Italia con il Certificato di revisione. Un documento con cui però l’intestatario, e non il venditore, si assume la responsabilità dei chilometri reali riportati dal contachilometri. Un meccanismo antifrode che si presta ugualmente a scappatoie per i venditori disonesti. La prima più semplice, è che prima dei 4 anni le auto non vanno a revisione e quindi possono essere tranquillamente taroccate. La seconda è che la manomissione del contachilometri si può nascondere facilmente con la compiacenza di un’officina che ne dichiara la sostituzione. Terzo motivo da non sottovalutare, è che la vendita di un’auto tra privati non è coperta da garanzia, il che rende ancora più scivoloso far valere i propri diritti in caso di presunta truffa. Per non prendere bidoni da privati e professionisti, leggi qui tutti i consigli della guida all’acquisto di un’auto usata.

The post Auto con km scalati: nuove regole per evitare le truffe anche negli USA appeared first on SicurAUTO.it.

Acquisto auto usata: si vendono quasi solo diesel ad agosto 2019

di Donato D'Ambrosi

http://add-a-cdchanger.co.uk/wp-content/uploads/sites/294/2018/04/A_row_of_modern.jpg

L’acquisto di un’auto usata in estate è in media una scelta che si alterna alle vacanze. Chi ha deciso per l’acquisto dell’auto di seconda mano ad agosto ha per la maggiore puntato su un diesel. Ma quante auto usate si vendono in Italia ad agosto? Sicuramente meno rispetto all’anno precedente: basta pensare che ogni 100 nuove immatricolazioni di auto nuove sono stati fatti 177 passaggi di proprietà. Ecco da vicino tutti i numeri sulle auto e moto usate vendute ad agosto 2019.

PASSAGGI DI PROPRIETA’ DELLE AUTO USATE IN DIMINUZIONE

I passaggi di proprietà delle autovetture, depurati dalle minivolture (intestazioni dei rivenditori), hanno archiviato ad agosto una variazione mensile negativa del -2,0%. In termini di media giornaliera si traduce in un +2,7%. Per ogni 100 auto nuove ne sono state vendute 177 usate nel mese di agosto e 151 nei primi otto mesi dell’anno. Emerge dall’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA. Se invece si guardano le quote di acquisto di auto usate, solo le auto diesel fanno registrare un trend positivo controcorrente alle auto nuove vendute ad agosto. In totale sono quasi 189 mila le auto usate che hanno cambiato proprietario in piena estate. Clicca sull’immagine sotto per vederla a tutta larghezza.

OLTRE 1 AUTO USATA SU 2 VENDUTA E’ DIESEL

A fronte di un consistente calo delle prime iscrizioni di autovetture diesel, in controtendenza nel mese di agosto, sono aumentati del + 3,2% dei passaggi di proprietà delle auto a gasolio. Aumenta anche la quota di auto diesel rispetto a quelle benzina sul totale delle auto usate vendute (dal +52,0% di agosto 2018 al +54,7% di agosto 2019). In calo invece i passaggi di proprietà delle autovetture a benzina, che hanno subìto ad agosto una flessione mensile del -7,6%.

RADIAZIONI AUTO USATE IN AUMENTO AD AGOSTO 2019

Negativo anche il bilancio dei passaggi di proprietà delle due ruote, al netto delle minivolture: ad agosto hanno registrato una variazione mensile del -4,0%. Nei primi otto mesi dell’anno sono state rilevate complessivamente crescite dell’1,0% per le autovetture e dello 0,4% per tutti i veicoli, contro una flessione dello 0,9% per i motocicli. In crescita ad agosto le radiazioni di autovetture, che hanno messo a segno un incremento mensile dell’1,3%, ancor più accentuato in termini di media giornaliera (+6,1%). Il tasso unitario di sostituzione ad agosto è stato pari a 0,82 (ogni 100 autovetture iscritte ne sono state radiate 82) e a 0,76 nei primi otto mesi dell’anno. In calo, al contrario, le radiazioni di motocicli, con un decremento mensile del 16,6% (-12,6% la media giornaliera).

The post Acquisto auto usata: si vendono quasi solo diesel ad agosto 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Prezzi auto nuove in aumento: +3% nel primo semestre 2019

di Donato D'Ambrosi

Il prezzo delle auto nuove aumenta anche nel primo semestre 2019, un trend non nuovo considerando l’adeguamento tecnologico continuo dei veicoli. Tra sistemi antinquinamento (ora anche le auto benzina montano il filtro antiparticolato) e i sistemi che assistono alla frenata di emergenza sempre più diffusi il prezzo di un’auto media è aumentato del +2,8%. Un aumento simile si era già avuto nel 2018 ma con entità più contenuta.

AUTO NUOVE PIU’ RICCHE E COSTOSE

Spesso sono optional “banali” come il climatizzatore ad avere prezzi folli rispetto al costo dell’auto nuova. Altre volte gli aumenti riguardano tutta la gamma per l’adeguamento dei listini alla dotazione di base. E’ quanto emerge dal bollettino dell’Osservatorio Autopromotec che afferma “Il generale aumento dei prezzi delle autovetture di nuova produzione (+2,8%) è dovuto alla tendenza delle case automobilistiche ad offrire contenuti e software sempre più sofisticati a bordo delle auto. Una diretta conseguenza delle stringenti norme anti-inquinamento stabilite dall’Unione Europea e da richieste di sicurezza e comfort sempre maggiori da parte degli automobilisti.

PREZZI AUTO USATE IN CALO, MA IL DIESEL RESISTE

Al contrario invece le auto usate subiscono un abbassamento delle quotazioni (-3,2%) legato presumibilmente alla spinta elettrificata sui listini del nuovo. In sostanza – secondo l’Osservatorio Autopromotec – chi deve acquistare un’auto usata viene influenzato dalla campagna di demonizzazione del diesel. I numeri anche se in rimescolamento, danno ancora le auto diesel usate come la scelta maggiore di chi deve comprare un’auto di seconda mano.

CRESCONO ANCHE I PREZZI DEI SERVIZI

Nello stesso periodo, assieme al prezzo medio delle auto nuove cresce anche l’indice generale dei prezzi al consumo (+0,9%). Nei primi sei  mesi  del  2019 i prezzi hanno fatto registrare un  incremento  medio  dell’1,5%  rispetto  allo  stesso periodo dell’anno scorso. Nel dettaglio, la voce dell’assistenza auto che ha fatto registrare il maggiore  incremento  dei  prezzi  è  stata  quella  relativa  alla  manutenzione  e  riparazione (+1,7%). In misura più contenuta sono aumentati i prezzi dei ricambi e accessori (+0,6%) e i prezzi dei lubrificanti (+0,6%). L’unico comparto dell’assistenza che presenta un calo dei prezzi, peraltro lievissimo, è quello degli pneumatici (-0,1%).

The post Prezzi auto nuove in aumento: +3% nel primo semestre 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Auto tedesche meglio delle italiane? Un’indagine dice che è il contrario

di Antonio Elia Migliozzi

Quando si parla di affidabilità delle auto è facile avere opinioni diverse. Capita spesso di aver avuto esperienze sfortunate alla guida di una certa auto conservando un brutto ricordo di un determinato brand. Ecco che una ricerca ci aiuta a capire come, contrariamente a quanto in molti pensano, le auto italiane non siano peggiori delle tedesche. Numeri alla mano le auto italiane presentano 48 danni ogni 100.000 veicoli mentre, tra le tedesche, sono 53 cioè l’11% in più. Se si allarga il quadro con una comparativa tra Italia, Giappone, Francia e Germania, le auto tedesche sono le meno affidabili. Le auto giapponesi si piazzano prime per affidabilità seguite dalle francesi, chiude il podio l’Italia. Le vetture francesi e giapponesi sono entrambe meglio delle altre due concorrenti. Se si estende il confronto ai brand Toyota è al vertice, ultima Fiat mentre Alfa Romeo chiude sesta. Interessante il fatto che le parti più difettose (75%) siano prodotte in Germania. Diamo uno sguardo dettagliato allo studio.

ITALIA BATTE GERMANIA

In Italia è diffusa l’idea che le automobili tedesche siano superiori in termini di performance e durabilità. Anche chi cerca un usato garantito punta spesso su quello tedesco, più che per motivi di prezzo o kilometraggio, ma solo perché si pensa che sia più affidabile. Ecco allora che una ricerca di ECU Testing smonta questi miti e mette nero su bianco numeri interessanti. Lo studio poggia sui dati raccolti in 6 mesi di lavoro, dal 16 gennaio 2019 al 16 giugno 2019, su tutte le parti aggiustate provenienti da 4 paesi produttori: Francia, Italia, Germania e Giappone. I dati includono il numero di guasti, la casa produttrice, il paese di origine della parte difettosa. Per ottenere la media del paese la base di riferimento è quella delle 100.000 vetture. Le auto italiane presentano 48 difetti ogni 100.000 veicoli, mentre le tedesche sono a quota 53.

NAZIONALITA’ A CONFRONTO

Le auto italiane sono dell’11% più affidabili di quelle provenienti dalla Germania. Tra le 4 nazioni esaminate, le auto tedesche sono le meno affidabili. Primo posto le giapponesi con 17 danni su 100.000 unità, secondo per le francesi con 25 danni. La ricerca ha poi esaminato l’origine delle parti più difettose. I risultati anche qui smentiscono le aspettative e si dimostrano coerenti con i dati precedenti. Il 75% delle parti meccaniche o elettriche malfunzionanti vengono dalla Germania. In questo caso cambia la morfologia del podio. Al primo posto per affidabilità le componenti francesi con il 2%. Bene anche Irlanda e Usa con percentuali al 4% seguite dall’Italia. Se si guarda ai malfunzionamenti delle parti provenienti dall’Italia la loro percentuale è ferma al 6%. Questo significa che le parti “made in Italy” battono anche quelle giapponesi che sono a quota 8% e umiliano quelle tedesche che sono le più inaffidabili.

PARTI E MARCHI

L’ultima parte dello studio è dedicato al dettaglio dei marchi. Per ottenere i numeri è stato considerato un campione di 100.000 unità. Anche in questo caso le vetture teutoniche disattendono le attese. Alfa Romeo batte tutte le marche tedesche come Volkswagen, Opel, Audi, BMW e Mercedes-Benz. Le Alfa Romeo infatti hanno presentato 29 danni contro un più preoccupante 64 delle Mercedes. Bicchiere comunque mezzo pieno. I migliori brand sono, nell’ordine, Toyota, Renault e Honda che staccano di gran lunga gli altri. Non eccelle invece la Fiat, che si piazza all’ultimo posto della classifica sull’affidabilità suddivisa per marchi. Eppure è curioso che le Fiat registrino soltanto due guasti in più rispetto alle Mercedes-Benz che chiudono in penultima posizione. Insomma quelli presentati in questo studio saranno solo numeri e percentuali ma forse valgono più di una semplice opinione.

The post Auto tedesche meglio delle italiane? Un’indagine dice che è il contrario appeared first on SicurAUTO.it.

Le 10 auto a km 0 più vendute nel 2018

di Antonio Elia Migliozzi

Quando si pensa all’auto nuova in tanti non scartano l’ipotesi km 0. Si tratta delle tante vetture praticamente nuove che affollano i piazzali delle concessionarie e con le quali si possono fare veri e propri affari. Un portale online ha stilato la classifica delle 10 auto a km 0 vendute più velocemente nel corso degli ultimi 60 giorni. La ricerca premia la Dacia Duster che si afferma con il suo mix di prezzo conveniente e formato crossover. Secondo posto per la Jeep Compass che, nonostante il prezzo medio da vero SUV premium, convince gli italiani. Chiude il podio la Renault Clio complice l’attesa per l’arrivo nelle concessionarie della nuova generazione. A scorrere la lista dei 10 modelli in classifica stupisce l’assenza di vetture a marchio Fiat da sempre sostenitrice della strategia del km 0. Diamo uno sguardo dettagliato ai numeri.

OCCASIONI A KM 0

In un mercato sempre più in affanno come quello italiano capita che un’auto su tre venga immatricolata negli ultimi tre giorni del mese. A fare volume ci pensano le auto “km 0” che sono immatricolate a nome delle varie concessionarie per poi essere rivendute con ai clienti con forti sconti. Si tratta infatti di vetture ufficialmente usate perché chi le compra di fatto è il secondo proprietario. Questa politica consente di liberare i piazzali delle fabbriche, alleggerendo il processo produttivo e, soprattutto, dona respiro ai bilanci mensili dei marchi portando un segno positivo. Va detto però che il valore di questo usato molto giovane è molto basso perché la concorrenza tra le km 0 è davvero serrata. Il portale online Autouncle.it ci offre la classifica delle auto km 0 del 2018 vendute in meno giorni.

SUV E CROSSOVER

Quello delle vetture a km 0 è un mercato principalmente italiano visto che nelle altre nazioni il fenomeno è molto raro se non del tutto assente. Eppure è facile fare degli affari. Scorrendo la classifica i tempi medi di vendita di una km 0 vanno dai 50 giorni della prima ai circa 80 dell’ultima. Nella “top 10” c’è solo un’auto appartenente al gruppo FCA ed è strano visto che è stata proprio Fiat la prima casa ad aprire a questo mercato in Italia. Nei fatti emerge una certa omogeneità tra i segmenti delle vetture presenti in classifica: si va dal SUV, all’utilitaria passando per la berlina. Primo posto per la Dacia Duster, il crossover del gruppo Renault conferma la formula vincente dell’ottimo rapporto qualità prezzo. Secondo posto per il SUV Jeep Compass la cui seconda serie è stata presentata nel 2017, ed costruito sul pianale della Renegade.

IL PREZZO CONTA

Chiude il podio la Renault Clio che, presentata nel 1990 come erede della R5, ha portato nel segmento B tecnologie di fascia superiore. Quarto posto per la VW Tiguan che piace nonostante il prezzo medio elevato. Dopo quasi 10 anni di carriera la Tiguan si affianca alla T-Cross, Tuareg e T-Roc, quinta a metà classifica. Sesto e settimo posto rispettivamente per le due francesi Renault Megane e Citroën C3. Si piazza ottava la Jeep Renegade, che conferma il suo successo dopo che lo scorso mese è riuscita a soffiare alla Lancia Ypsilon il secondo posto tra le auto nuove più vendute in Italia. Non a caso è la prima auto in classifica per esemplari venduti. Nono posto per l’Alfa Romeo Stelvio, primo SUV del biscione che paga il prezzo medio più alto rispetto alle altre auto di questa top 10. Ultima, a conferma che il prezzo basso non è tutto, la più economica tra tutte ovvero la citycar VW up!.

The post Le 10 auto a km 0 più vendute nel 2018 appeared first on SicurAUTO.it.

Auto usate: -6% a giugno con 233 mila passaggi di proprietà

di Donato D'Ambrosi

Il mercato delle auto usate a giugno non si salva dalla flessione delle vendite che fisiologicamente in estate colpisce anche le nuove immatricolazioni. A giugno si vendono meno auto usate (-6%), sicuramente più diesel (52,3% in quota) che benzina (34,4%) con una tendenza inversa a quelle delle nuove immatricolazioni. Gli unici segni positivi riguardano le minivolture (le intestazioni dei rivenditori) e i passaggi di proprietà delle auto diesel ma solo da gennaio a giugno 2019.

125 AUTO USATE OGNI 100 IMMATRICOLAZIONI

Nuovo segno negativo a giugno per il mercato dell’usato. I passaggi di proprietà delle automobili al netto delle minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) a giugno hanno archiviato una variazione mensile di -5,4% (-0,7% in media giornaliera). Per ogni 100 auto nuove ne sono state vendute 125 di seconda mano nel mese di giugno e 149 nel primo semestre dell’anno. I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend dell’Automobile Club d’Italia elaborato sui dati del PRA.

IL DIESEL USATO VENDE DI PIU’ MA E’ IN CALO A GIUGNO

Per quanto riguarda le alimentazioni a giugno le vetture usate a gasolio hanno registrato una contrazione dell’1,2%, superata di gran lunga dai passaggi netti di auto a benzina, che hanno subìto un calo del 9,6%. Nonostante la diminuzione la quota di auto usate diesel sul totale è cresciuta di oltre due punti percentuali (dal 50% di giugno 2018 al 52,3% di giugno 2019). Decremento a giugno anche per le minivolture di auto diesel (-4,3%), ma a fronte di una più netta contrazione dei minipassaggi di auto a benzina (-13,3%). Diminuiscono anche i passaggi di proprietà delle moto che al netto delle minivolture hanno messo a bilancio una variazione mensile del -6,7% rispetto al mese di giugno del 2018 (-2,1% in termini di media giornaliera).

DIMINUISCONO ANCHE LE RADIAZIONI AUTO: -2,6%

Il primo semestre dell’anno si chiude con una crescita complessiva dello 0,9% per le autovetture e dello 0,2% per tutti i veicoli, mentre le due ruote hanno fatto rilevare una flessione dell’1,6%. Variazione mensile negativa del 2,6% a giugno per le radiazioni di autovetture, che tuttavia per effetto della giornata lavorativa in meno equivale ad un incremento del 2,2% in termini di media giornaliera. Il tasso unitario di sostituzione nel settore auto a giugno è stato pari a 0,63 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 63) e a 0,75 nell’intero primo semestre dell’anno. In netto calo, invece, le radiazioni di motocicli che a giugno hanno messo a segno un decremento mensile dell’11% (-6,6 in termini di media giornaliera). Nel primo semestre 2019 le radiazioni hanno archiviato crescite complessive dell’1% per le autovetture e dello 0,1% per tutti i veicoli, a fronte di una flessione del 10,3% per i motocicli.

The post Auto usate: -6% a giugno con 233 mila passaggi di proprietà appeared first on SicurAUTO.it.

Le 10 coupé usate più economiche del 2019 a meno di 10 mila euro

di Antonio Elia Migliozzi

Arriva l’estate e cresce la voglia di fare un giro a bordo di una coupé. Ecco allora che conviene dare uno sguardo al mercato dell’usato che potrebbe avere offerte a portata di click. Un noto portale operativo nel settore delle auto usate ha realizzato la classifica delle sportive usate sotto i 10.000 euro. Insomma auto iconiche ma non impossibili da acquistare e mantenere. Primo posto per la smart ForTwo coupé del 2010 seguita dall’Alfa Romeo GT in produzione dal 2003 al 2013. Ultime in classifica la Citroen DS3 e Fiat Coupé. Come dimostra lo studio con un budget tra i 5.000 e i 6.200 ci si riesce ad assicurare vetture tra il 2000 e il 2010. Vediamo com’è possibile spendere bene i propri soldi mettendosi alla guida una sportiva.

SEGMENTI A CONFRONTO

Da sempre con il termine coupé indichiamo le auto sportive rigorosamente a due porte. Per sottolineare il concetto il termine deriva dal verbo “couper”, cioè “tagliare”. Nella maggior parte dei casi da una coupé deriva la variante scoperta cabriolet, una spider o una targa. Di recente sono arrivate anche carrozzerie “miste”: le coupé-cabriolet, le berline-coupé e, addirittura, i suv-coupé. In clima estivo il sito Autouncle.it propone una classifica delle 10 coupé usate più vendute negli ultimi due mesi. Attenzione si tratta di auto a meno di 10mila euro. Al primo posto la smart ForTwo Coupé che stacca le altre per numero di esemplari venduti. Molti i vantaggi della biposto di casa Daimler. Oltre alle dimensioni adatte agli spazi urbani, la smart presenta consumi ridotti di soli 3,3 litri per 100 km.Secondo posto per l’Alfa Romeo GT. Prodotta dal 2003 al 2013 è erede delle storiche GT tre volumi del marchio.

LA CLASSIFICA

Chiude il podio, in terza posizione, la BMW 320. Nel corso dei suoi quarant’anni di carriera la Serie 3 è cambiata molto. La versione coupé è uscita di scena nel 2013 per fare posto alla Serie 4. Vista la solidità generale si trovano online modelli con 300 o 400mila km. Quarto posto per l’Audi TT. La seconda generazione aveva grandi novità come l’anteriore in alluminio e il posteriore in acciaio. Quinto posto in classifica per la più grande Audi A5 Coupé. Walter De Silva la definisce l’auto più bella da lui progettata. Sesto piazzamento per la Mini Cooper Coupé e i suoi 4.800 euro. L’auto è la famosa per la sua vocazione sportiva a due posti. La versione del 2007 inclina il vetro anteriore, abbassa il tetto e presenta il padiglione posteriore spiovente. Si piazza settima l’Alfa Romeo Brera. Erede della GTV è nata dalla penna di Giugiaro.

I RITARDATARI

Scorrendo la classifica arriviamo all’ottavo posto della Volkswagen Scirocco. Servono circa 7.900 euro per un esemplare del 2009. Nata nel 1974, si basava sulla Golf 1 di cui eredita la piattaforma. Nel 1992 la produzione venne interrotta, per poi ripartire nel 2008 all’arrivo della terza versione. Penultimo posto per la francese Citroën DS3 coupé. La vettura inaugura il ritorno del marchio DS e servono 6.900 euro per un esemplare del 2011. Ultima in classifica la Fiat Coupé. La sportiva italiana è disegnata da Chris Bangle e stata prodotta dal 1994 al 2000. Fiat Coupé, con i suoi oltre 70mila esemplari in 6 anni, fu un successo dalla sua uscita. Fino al novembre 1994 le vendite furono sopra la media con circa 17mila ordini complessivi. Oggi una Fiat Coupé del 2000 si trova in vendita a circa 5.000 euro.

The post Le 10 coupé usate più economiche del 2019 a meno di 10 mila euro appeared first on SicurAUTO.it.

❌