Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Recensione Master&Dynamic MW07, True Wireless di lusso dall’ottimo sound

di Vittorio Pipia

Quando si pensa a Master&Dynamic non vengono di certo in mente prodotti economici. Non è così neanche per questi auricolari True Wireless MW07, che costano ben 300 euro, ovvero circa il doppio rispetto a tante altre alternative e alle stesse AirPods che hanno a tutti gli effetti lanciato questa categoria di prodotto.

Un prezzo che però è lo stesso delle Bang&Olufsen BeoPlay E8 e delle Sennheiser Momentum True Wireless, da poco arrivate in redazione, un trittico del lusso che si sfida a colpi di qualità audio ed eleganza. Le MW07 sono tra gli auricolari TrueWireless col migliore sound, ma non sono prive di compromessi, tra cui una custodia in metallo tanto bella quanto facile da graffiare.

Design e materiali

Come si esige da un prodotto concepito per il mondo del lusso, a partire dalla confezione tutto è curato nei minimi dettagli, oltre che con una dotazione completa. All’interno troviamo infatti cinque paia di gommini per adattare gli auricolari alle nostre orecchie, due paia di alette che garantiscono una maggiore tenuta, un cavo USB-C per la ricarica, un adattatore da USB-C a USB-A, una pochette in velluto per il trasporto. Ovviamente sono presenti anche i due auricolari e la custodia in acciaio inox che permette anche di caricare gli auricolari per un’autonomia totale di 12 ore.

La parte esterna è costruita interamente in acciaio inox, con una cromatura dal sicuro effetto e un assemblaggio certosino. È curato anche il clic di chiusura, particolari che si apprezzano tenendola in mano e osservandola. Nella parte posteriore c’è la USB-C per la ricarica, mentre davanti tre led indicano l’autonomia residua. Purtroppo chi adotta una cura maniacale dei propri oggetti rimarrà spaventato dalla facilità con cui tale custodia non solo si sporca, catturando detriti e impronte con estrema facilità, ma si graffia. Sono stati sufficienti un paio di giorni per rovinare tutta la superficie semplicemente inserendo ed estraendo gli auricolari dal taschino del giubbotto e la situazione peggiora con il passare del tempo.

Aprendola ci sono gli alloggi dei due auricolari con i due contatti per la ricarica e un magnete che le assicura in posizione. Gli auricolari hanno un design particolare, con una forma a D che non mi è piaciuta, ma che potrà suscitare opinioni differenti: fatecelo sapere nei commenti. Sicuramente è un design originale che rende questo prodotto quasi unico tra gli altri.

L’azienda tiene in particolar modo a sottolineare che la parte esterna è fatta in maniera artigianale usando dell’acetato e che per questo motivo non esistono due MW07 esattamente uguali in tutto il mondo. L’esclusività si paga. Sull’auricolare sinistro c’è il bilanciere del volume, mentre sul destro il tasto di controllo della riproduzione che permette di avere accesso agli assistenti vocali se premuto per qualche secondo.

Funzioni ed ergonomia

Le MW07 non hanno pulsante di attivazione, perché si accendono e si abbinano in automatico all’ultimo dispositivo connesso non appena si estraggono dalla custodia. Una cosa molto comoda se usate un solo dispositivo, mentre se ne usate diversi dovrete di volta in volta fare l’abbinamento, tenendo premuto il tasto multifunzione e recandovi poi nelle impostazioni Bluetooth del vostro cellulare.

Sulla parte interna c’è un sensore ottico su entrambi gli auricolari che permette di mettere immediatamente in pausa la riproduzione nel momento in cui ne togliete uno. Una funzione decisamente più comoda rispetto alle varie modalità “transparency” integrate per esempio nelle Bang&Olufsen E8. Se dovete parlare con qualcuno, o ascoltare un’avvertenza mentre siete in viaggio, sarà sufficiente togliere uno dei due auricolari per poter sentire l’annuncio e rimetterlo per continuare ad ascoltare musica.

Per quanto riguarda l’ergonomia, nonostante un design che ci aveva un po’ intimorito, possiamo tranquillamente affermare che si tratta di un paio di auricolari molto confortevoli. Come le Bose SoundSport Free, anche in questo caso si notano parecchio quando indossate e l’effetto non è bellissimo. Però sono comode e anche per qualche ora non creano alcun fastidio. Non le consiglieremmo a chi vuole fare sport: nonostante la protezione IPX4, è molto semplice rovinare la custodia e gli auricolari con sudore o se usati sotto la pioggia.

Autonomia e ricezione

Il Bluetooth è di tipo 4.2 e supporta il codec Apt-X. Rispetto ad altre soluzioni provate, grazie all’uso di una particolare antenna che permette un raggio di copertura di 20 metri tra gli auricolari e la sorgente audio. Effettivamente non abbiamo mai avuto problemi di audio interrotto, neanche in luoghi affollati come una stazione all’ora di punta, scenario che mette spesso in difficoltà dispositivi di questo tipo.

Master&Dynamic dichiara un’autonomia di 3,5 ore per una singola ricarica e di una capacità della custodia di caricare le cuffie per altre tre volte, per un totale di 14 ore. In realtà ci si ferma un po’ prima, a poco meno di tre ore. Un’autonomia lontana da altre concorrenti, come le Bose SoundSport Free, le Jaybird Run o le Zolo Liberty+, ma che risulta sufficiente nell’uso quotidiano.

Difficilmente infatti ascolterete musica per tre ore consecutive, e tra un utilizzo e l’altro le porrete dentro la custodia ritrovandole di nuovo cariche. A tal proposito, 15 minuti di ricarica restituiscono il 40% di autonomia, una sorta di ricarica rapida.

Qualità audio

Inutile girarci attorno: siamo di fronte a uno dei migliori auricolari True Wireless sotto il punto di vista audio. Dopo averne provato più di una decina su svariate fasce di prezzo, possiamo tranquillamente affermare che l’azienda newyorkese ha fatto un ottimo lavoro su queste MW07. I driver al berillio restituiscono un’ottima fedeltà per quanto riguarda le frequenze basse e alte, permettendo un ascolto di livello nella maggior parte degli stili musicali. Restano impercettibilmente indietro le frequenze medie, che risultano un po’ più arretrate e che potrebbero portare a qualche mancanza durante qualche ensemble strumentale di un certo tipo.

Nulla di grave comunque. Da segnalare anche l’assenza di lag tra riproduzione audio e video, almeno utilizzando le app ufficiali di Amazon Prime Video e Youtube.

Deludente invece il microfono che restituisce una voce metallica e con qualche disturbo di troppo. Le chiamate invece si sentono in stereo.

Verdetto

Difficile valutare queste Master&Dynamic in maniera completamente oggettiva. Tra i pregi sicuramente la raffinatezza del dispositivo e la qualità audio di assoluto livello, ma che si scontrano con una custodia che si graffia nello stesso istante in cui la rimuovete dalla confezione, un’autonomia nella media e un design particolare. Infine il prezzo: 300 euro vi permettono di acquistare cuffie come le Sony WH-1000XM2, ben più indicate per chi viaggia oppure auricolari come le Bose SoundSport Free, perfette per chi fa sport e con un buon audio, le 1More DualDriver BT ANC che abbiamo recensito qui, risparmiando parecchio.

L’altra faccia della medaglia è il lusso: si tratta di un prodotto unico, assemblato in maniera quasi artigianale e con materiali assolutamente non comuni. A questo punto dovrete essere voi a capire se siete disposti a spendere tale cifra per avere questa esclusività, oppure se puntare su altro. Sappiate che per lo stesso auricolare potete spendere fino a 700 euro, acquistando la versione creata in collaborazione con Luis Vuitton di cui vi abbiamo parlato qualche giorno fa.

Se stai cercando degli auricolari True Wireless economici ma che suonino bene e con una buona autonomia, le Anker Soundcore Liberty Lite sono la scelta giusta.

Recensione Pamu Scroll: cuffie True Wireless di qualità anche se non perfette

di Alessandro Pentenè

Scopri come funzionano le cuffie True Wireless più chiacchierate della rete, le PamuScroll. Auricolari bluetooth di qualità ma con qualche difetto.

L'articolo Recensione Pamu Scroll: cuffie True Wireless di qualità anche se non perfette proviene da TuttoAndroid.

True Detective 3, la recensione: il dramma sta (anche) nel perdere sé stessi

di Raffaele Giasi
Parlare di True Detective nel complesso delle due stagioni uscite sino ad ora potrebbe sembrare estremamente semplice. Ci si potrebbe limitare a dire che la prima stagione è stata di un successo ineguagliabile, complice un’alchimia tra scrittura, regia e prove attoriali al di sopra di quella che era la media televisiva di ormai cinque anni […]

Bang & Olufsen BeoPlay E8 2.0, in arrivo gli auricolari senza fili con ricarica wireless

di Vittorio Pipia

Bang&Olufsen ha annunciato l’arrivo della seconda generazione di auricolari True Wireless E8, che si contraddistinguono per una maggiore autonomia e una custodia compatibile con la ricarica wireless e più curata dal punto di vista estetico.

Abbiamo provato la prima generazione dei BeoPlay E8, qui la nostra recensione, e a distanza di un anno possiamo confermare che si tratta di uno degli auricolari True Wireless più vicini alle AirPods per facilità d’uso. La seconda generazione non cambia sostanzialmente il design degli auricolari, ma principalmente la custodia. Il primo modello era infatti dotato di una custodia con una batteria in grado di restituire un’autonomia di 12 ore, passate invece a 16 ore nella seconda versione.

Sparisce inoltre l’ingresso micro-USB, in favore di una più moderna USB-C. La custodia vede inoltre un significativo rinnovamento del design, con un bordo in alluminio con singola o doppia anodizzazione sulla chiusura, che dona maggiore eleganza, e il classico rivestimento in pelle vera. All’interno c’è un modulo per la ricarica wireless, compatibile sia con i caricatori wireless da 5W che da 10W. La stessa Bang&Olufsen venderà separatamente una base di ricarica wireless compatibile con entrambi gli output.

Buone notizie invece per chi già possiede un paio di auricolari True Wireless E8. Infatti gli auricolari non hanno subito variazioni, e chi vuole può effettuare l’upgrade acquistando la semplice custodia separatamente. Gli auricolari hanno al loro interno un diffusore dinamico da 5,7 mm, un piccolo trasduttore magnetico e Bluetooth 4.2 e sono tra i pochi a permettere le chiamate in stereo, oltre a offrire un audio molto buono.

Si possono anche controllare da applicazione, compatibile sia con dispositivi iOS che Android, e l’azienda permetterà di acquistare anche un singolo auricolare destro, o sinistro, nel caso nel abbiate smarrito uno. C’è infine anche la modalità “Transparency” che permetterà di attivare i microfoni in modo da poter udire i suoni ambientali o la voce dei nostri interlocutori senza obbligarci a togliere gli auricolari.

Saranno disponibili a partire dal 14 febbraio in quattro colorazioni: Black, Indigo Blue, Natural e Limestone, con un prezzo di listino di 350 euro presso tutti i venditori autorizzati. Il prezzo dei singoli auricolari sarà di 125 euro, mentre il prezzo della singola custodia sarà di 200 euro ed entrambi saranno disponibili a partire dal mese di aprile.

Se volete un paio di auricolari True Wireless adatti sia all’uso quotidiano che allo sport, con una buona autonomia, facili da usare e che costino poco, le Anker Soundcore Liberty Lite sono una delle migliori opzioni attualmente disponibili. Le trovate su Amazon a 54,99 euro

L'articolo Bang & Olufsen BeoPlay E8 2.0, in arrivo gli auricolari senza fili con ricarica wireless proviene da Tom's Hardware.

4Smart: cuffie stile AirPods a 40€! Ne vale la pena?

di Manuel Baldassarre
Il 2018 ha visto un diffondersi a macchia d’olio delle cuffie Bluetooth True Wireless in stile Apple AirPods. A breve però vi parleremo degli auricolari True Wireless di 4Smarts, un marchio tedesco ed estremamente affidabile leggi di più...

Spam telefonico in Italia: forte aumento nel 2018

di Carla Stea

truecaller spam

La fine dell’anno è il periodo ideale per tirare le somme, di qualsiasi genere. Lo ha fatto anche Truecaller, nota applicazione in grado di identificare e bloccare chiamate ed SMS di spam, nel suo report annuale riferito al 2018. L’Italia non è il paese più più tormentato da questo fenomeno, tuttavia sperimenta un aumento rispetto al 2017.

Spam tramite telefonate ed SMS

Secondo Truecaller è il Brasile il paese in assoluto più tormentato dal fenomeno dello spam telefonico, con circa il 38% mensile di chiamate spam per ogni utente: più di una chiamata ogni tre è solo per pubblicità o – peggio – truffe. A seguire il Brasile nella top ten ci sono diversi altri paesi, ma per il momento solo due sono europei: la Grecia e la Spagna, posizionate rispettivamente al nono e decimo posto nella classifica.

Tuttavia, ammonisce Truecaller, questo non significa che i paesi europei non siano a rischio. I dati analitici mostrano un aumento dello spam anche nelle nostre aree. In particolare, in Italia il fenomeno nel 2018 è cresciuto del 22,7% rispetto all’anno passato. Gli Stati Uniti si mostrano invece relativamente più virtuosi: sebbene rientrino ancora fra i 10 paesi più colpiti dal problema, rispetto al 2017 la situazione è migliorata, portando il paese dal secondo all’ottavo posto in classifica.

Tuttavia, gli States sono quelli esposti allo spam peggiore. Non solo telefonate per vendere prodotti e servizi, ma anche e soprattutto truffe. Trappole nelle quali è caduto il 10% della popolazione adulta statunitense solo nel 2018, rimettendoci una media di 357$. In Italia questo genere di fenomeno non è così diffuso, ma questo non significa che sia assente.

Come proteggersi dallo spam

Capita a tutti e capita spesso: il telefono squilla, sovente è un numero di rete fissa con prefisso nazionale, ma non abbiamo idea di chi possa essere. Se decidiamo di rispondere, la possibilità che vogliano venderci un prodotto o un servizio è altissima. Diversamente, se quando riceviamo la telefonata non possiamo rispondere, appena possibile cercheremo di capire chi ha chiamato prima di telefonare.

La prima idea, in genere, è quella di compiere una ricerca sul Web per scoprirlo e – spesso – basta poco per trovare la risposta che immaginavamo: si tratta di spam. Infatti, ormai ci sono diversi portali che consentono di recensire (letteralmente) un numero di telefono per permettere ad altri utenti di identificarlo.

Tutti questi passaggi possono essere evitati grazie ai sistemi messi a disposizione da applicazioni terze, come la celeberrima Truecaller, o feature incluse nell’interfaccia utente dello smartphone. Il loro compito è quello di individuare per conto dell’utente – in tempo reale – chi è il mittente di una telefona e di un SMS. In questo modo è più semplice decidere se rispondere o rifiutare la chiamata ed eventualmente bloccare il numero.

Considerando la crescita generale del fenomeno, se non l’avete ancora fatto, è consigliabile correre ai ripari il prima possibile utilizzando uno dei sistemi elencati, che di certo vi semplifcheranno il rapporto con lo smartphone.

The post Spam telefonico in Italia: forte aumento nel 2018 appeared first on telefonino.net.

L’Italia è sommersa dalle chiamate spam: 3° posto in Europa e 11° nel mondo

di Paolo Giorgetti

Secondo il nuovo Truecaller Insights Report, l'Italia è uno dei Paesi maggiormente "colpiti" dalle chiamate spam: di media sono più di 3,8 milioni ogni mese, 10,8 al mese per ogni utente, con un aumento del 22,7% rispetto allo scorso anno.

L'articolo L’Italia è sommersa dalle chiamate spam: 3° posto in Europa e 11° nel mondo proviene da TuttoAndroid.

True Detective 3, un trailer di misteri e oscurità

di Alessandro Crea

Una spirale di misteri e ossessioni che si dipana nel tempo senza alcuna via d’uscita, trascinando il detective Wayne Hays (il premio Oscar Mahershala Ali) della polizia statale del Northwest Arkansas in un gorgo di oscurità e ossessione che ha distrutto la sua vita. È il contenuto del nuovo trailer dedicato a True Detective 3 che la HBO ha pubblicato per mantenere alta l’attenzione in attesa dell’ormai imminente debutto, il prossimo 14 gennaio 2019, su Sky Atlantic.

Scritto nuovamente dal creatore della serie Nic Pizzolatto, a parziale eccezione del quarto episodio, co-sceneggiato dal creatore di Deadwood, David Milch, la vicenda avrà come fulcro la macabra uccisione di due bambini nei monti Ozarks e la conseguente indagine da parte dello stesso Hays e del suo collega Roland West/Stephen Dorff (Leatherface).

Il mistero, irrisolto, finirà con lo snodarsi su tre piani temporali che occupano l’intera vita del detective Hays dall’avvio delle indagini ai giorni nostri.

A dirigere gli otto nuovi episodi sarà Jeremy Saulnier, mentre tra i produttori esecutivi figura Cary Fukunaga, virtuoso e apprezzatissimo regista della prima stagione. Speriamo solo che Pizzolatto sia riuscito a superare i suoi limiti che lo vedono bravissimo a tessere avvolgenti e inquietanti misteri infarciti di spunti e citazioni filosofiche, religiose e mitologiche, che poi però solitamente non riescono a coagularsi in una riflessione vera e profonda sul male e l’essere umano, finendo per suscitare il dubbio che si tratti solo di un superficiale gioco per rendere più intrigante una storia di investigazione altrimenti banale.

Pur se con gli evidenti limiti appena ricordati, True Detective resta comunque una delle serie più interessanti per soluzioni narrative e linguaggio cinematografico (soprattutto la prima stagione): non averla nella propria collezione è un delitto.

L'articolo True Detective 3, un trailer di misteri e oscurità proviene da Tom's Hardware.

Cuffie True Wireless a confronto: Airpods vs PamuScroll vs TicPods Free (video)

di Alessandro Pentené

In occasione del Black Friday e delle festività natalizie, uno dei regali che può piacere a tutti e che sicuramente sarà oggetto di grande interesse sono le cuffie true wireless. Piccole, comode, tascabili, facili da usare e immediate nell’uso quotidiano. Per chi odia il filo, ma ama la musica, sono un must, e con tutti […]

L'articolo Cuffie True Wireless a confronto: Airpods vs PamuScroll vs TicPods Free (video) proviene da TuttoTech.net.

Clips di Apple si aggiorna con nuove scene e filtri

di Carmine Vitale
Apple ha rilasciato un nuovo aggiornamento per Clips, l’app realizzata dalla casa di Cupertino che consente di realizzare video originali e divertenti da condividere con gli amici. Questa applicazione sfrutta a pieno nella funzionalità “Scene” la leggi di più...

IFA 2018: Sennheiser presenta MOMENTUM True Wireless

di Niccolò Proietti Savina

Sennheiser ha deciso di sfruttare IFA 2018 per presentare al pubblico il suo nuovo prodotto: MOMENTUM  True Wireless, auricolari Bluetooth le cui caratteristiche sono la  precisione nella riproduzione sonora, marchio di fabbrica dell’azienda, e la cura in materiali e design tipica della gamma MOMENTUM.

(...)
Continua a leggere IFA 2018: Sennheiser presenta MOMENTUM True Wireless su Androidiani.Com


© niccoloproietti for Androidiani.com, 2018. | Permalink |

Tags del post: , , ,

❌