Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 27 Febbraio 2020RSS feeds

I migliori pneumatici estivi per SUV e auto 2020

di Donato D'Ambrosi

Il test pneumatici estivi per SUV e auto 2020 mette a confronto 28 gomme estive 235/55 R17 e 225/40 R18: 2 pneumatici poco consigliati o insicuri

The post I migliori pneumatici estivi per SUV e auto 2020 appeared first on SicurAUTO.it.

BMW M135i xDrive: la prova su strada e in pista

di Redazione

Trazione integrale e motore 2 litri sovralimentato da 306 CV per la più pepata tra le Serie 1 di nuova generazione

L'articolo BMW M135i xDrive: la prova su strada e in pista proviene da Motori.it.

Meno recentiRSS feeds

Le 30 gomme estive peggiori nei test 2020

di Donato D'Ambrosi

Se stai pensando di cambiare le gomme estive, ecco la classifica di 30 marche e modelli di pneumatici bocciati nei test gomme estive 2020 secondo Autobild

The post Le 30 gomme estive peggiori nei test 2020 appeared first on SicurAUTO.it.

Lumix S1H, recensione

di Vittorio Pipia
Panasonic S1H è una mirrorless dedicata alla produzione video di alto livello che fa anche eccellenti foto, tanto da poterla considerare una videocamera in miniatura, se non fosse per un peso record nel mondo delle fotocamere senza specchio. Il solo corpo sposta l’ago della bilancia fino a 1.164 grammi, che se sommati al peso dell’obiettivo […]

Le auto più sicure per trasportare bambini del 2020

di Donato D'Ambrosi

Ecco i modelli più sicuri per i bambini in auto: le auto più sicure e quelle meno per trasportare bambini del 2020 nei crashtest Euro NCAP

The post Le auto più sicure per trasportare bambini del 2020 appeared first on SicurAUTO.it.

Audi Q3 Sportback 35 TDI S tronic: la prova su strada

di Redazione

Abbiamo provato la variante coupé dell’Audi Q3 che si caratterizza per una linea affascinante ed appaga sul fronte della guida

L'articolo Audi Q3 Sportback 35 TDI S tronic: la prova su strada proviene da Motori.it.

Volvo V60 T8 Twin Engine AWD: la prova su strada

di Giuseppe Cutrone

La prova su strada della familiare ibrida plug-in Volvo V60 T8 Twin Engine AWD.

L'articolo Volvo V60 T8 Twin Engine AWD: la prova su strada proviene da Motori.it.

Coronavirus: sospesi gli alcoltest su strada. Il testo del Decreto

di Raffaele Dambra

Coronavirus

Il propagarsi nelle ultime ore del Coronavirus in Italia ha costretto le Autorità a mettere in atto provvedimenti straordinari per limitare il contagio. Proprio ieri sera il Governo ha adottato un decreto legge con le misure di contenimento dell’epidemia nelle aree focolaio in Lombardia e Veneto, che prevede numerose restrizioni anche per quanto riguarda gli spostamenti delle persone e la circolazione dei mezzi. Ma le disposizioni contro il diffondersi del virus riguardano anche altri ambiti (ad esempio sospensione degli etilometri), proviamo a fare il punto della situazione.

CORONAVIRUS: ALCOL TEST SOSPESI IN LOMBARDIA

Per esempio SicurAUTO.it ha avuto l’opportunità di leggere una nota integrale della Polstrada di Varese con oggetto ‘Emergenza Coronavirus’, emessa sabato 21 febbraio 2020, in cui di dispone “a seguito dei recenti contagi in regione Lombardia, la sospensione di tutti gli accertamenti correlati all’uso delle apparecchiature etilometriche e per sostanze psicotrope. […] E che le pattuglie d’istituto siano esclusivamente di viabilità limitando il più possibile il contatto con l’utenza”. È possibile che il provvedimento possa essere presto adottato anche da altre regioni e che le fonti ufficiali provino ad evitare che la notizia si diffonda per evitare che la gente ne approfitti. Ovviamente riportiamo la nota di Polstrada non per incentivare comportamenti illeciti alla guida (“Tanto non lo fanno l’alcoltest…”) ma per descrivere la situazione d’emergenza venutasi a creare, anche per gli agenti per strada. Anzi ne approfittiamo per invitare tutti gli automobilisti a un comportamento ancor più responsabile del solito e ricordiamo che si rischiano sempre le sanzioni amministrative anche se l’etilometro non viene fatto.

Paragrafo aggiornato il 24 febbraio 2019.

CORONAVIRUS: PRECAUZIONI PER CHI EFFETTUA I CONTROLLI

Ad ogni modo il Ministero dell’Interno ha rilasciato un vademecum per le forze di polizia (Prot. 850/A.P.1- 1596 del 22 febbraio 2020) al fine di ridurre al minimo il pericolo di eventuali contagi. Tra le varie disposizioni si raccomanda che nei servizi di controllo del territorio, come quelli svolti dalla Polizia Stradale e Ferroviaria, in cui generalmente si verifica il contatto diretto con soggetti non immediatamente identificabili, il personale operante debba essere dotato di guanti e maschere facciali FFP3 da utilizzare nel caso in cui si verifichino concrete condizioni di rischio.

CORONAVIRUS IN ITALIA: LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

Passiamo adesso alle limitazioni che riguardano la circolazione. Nella zona del focolaio in Lombardia è stato disposto lo stop alle fermate dei treni nei paesi dell’area. Pertanto a partire da sabato 22 febbraio i treni non si fermano nelle stazioni di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo. E restano chiuse pure le relative biglietterie. Più in particolare, i treni della linea Milano-Piacenza e della linea Mantova-Cremona-Milano continuano a viaggiare regolarmente senza però effettuare la fermata a Codogno e a Casalpusterlengo; mentre il servizio è totalmente sospeso sulle linee locali Pavia-Codogno e Cremona-Codogno. Il provvedimento rimarrà in vigore fino a nuova comunicazione da parte delle Autorità.

CORONAVIRUS IL TESTO UFFICIALE DECRETO LEGGE URGENTE

Riportiamo infine il testo integrale del decreto legge (pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 febbraio 2019) con le misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza Coronavirus emanato al termine del Consiglio dei Ministri di sabato 22 febbraio. Ricordiamo che allo stato attuale i cosiddetti ‘Comuni focolaio’ sono 11. Di cui 10 in Lombardia (Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano). E 1 in Veneto (Vò Euganeo).

– Articolo 1

Allo scopo di evitare il diffondersi di epidemie, nei Comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi è un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un’area già interessata dal contagio di virus, le autorità competenti sono tenute ad adottare ogni misura di contenimento adeguata e proporzionale all’evolversi della situazione epidemiologica.

Tra le misure possono essere adottate anche le seguenti:

a) divieto di allontanamento dal Comune o dall’area interessata da parte di tutti gli individui comunque presenti nel comune o nell’area;
b) divieto di accesso al Comune o all’area interessata;
c) sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in un luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso. Anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico;
d) sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado. Nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, salvo le attività formative svolte a distanza;

e) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonché l’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero e gratuito a tali istituti e luoghi;
f) sospensione di ogni viaggio d’istruzione, sia sul territorio nazionale sia estero;
g) sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità;

h) applicazione della misura della quarantena con sorveglianza attiva fra gli individui che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusa;
i) previsione dell’obbligo da parte degli individui che hanno fatto ingresso in Italia da zona a rischio epidemiologico, come identificate dall’OMS, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio. Che provvede poi a comunicarlo all’autorità sanitaria competente per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;
j) chiusura di tutte le attività commerciali, ad esclusione di quelle di pubblica utilità e dei servizi pubblici essenziali di cui agli articoli 1 e 2 della legge 12 giugno 1990, 146. Ivi compresi gli esercizi commerciali per l’acquisto dei beni di prima necessità;

k) previsione che l’accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l’acquisto di beni di prima necessità sia condizionato all’utilizzo di dispositivi di protezione individuale
l) limitazione all’accesso o sospensione dei servizi del trasporto di merci e di persone terrestre, aereo, marittimo, ferroviario su rete nazionale o di trasporto pubblico locale. Salvo specifiche deroghe previste dal provvedimento di cui all’articolo 3;
m) sospensione delle attività lavorative per le imprese, ad esclusione di quelle che erogano servizi essenziali e di pubblica utilità, tra cui la zootecnia, e di quelle che possono essere svolte in modalità domiciliare ovvero in modalità a distanza;
n) sospensione dello svolgimento delle attività lavorative per i lavoratori residenti nel Comune o nell’area interessata, anche ove le stesse si svolgano fuori dal Comune o dall’area indicata, salvo specifiche deroghe.

– Articolo 2

Le autorità competenti hanno la facoltà di adottare ulteriori misure di contenimento, al fine di prevenire la diffusione dell’epidemia anche fuori dai casi di cui all’articolo 1, comma 1.

– Articolo 3

[omissis]

Il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto è punito ai sensi dell’articolo 650 del codice penale. (“Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d’ordine pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro”).
Il Prefetto, informando preventivamente il Ministro dell’interno, assicura l’esecuzione delle misure avvalendosi delle forze di polizia. E, ove occorra, delle forze armate, sentiti i competenti comandi territoriali.

The post Coronavirus: sospesi gli alcoltest su strada. Il testo del Decreto appeared first on SicurAUTO.it.

Subaru Levorg: la prova su strada

di Redazione

Tanta concretezza, un ottimo rapporto qualità prezzo e una dinamica di marcia convincente per la wagon delle Pleiadi.

L'articolo Subaru Levorg: la prova su strada proviene da Motori.it.

Alfa Romeo Alfetta GTV auto sportiva storica elaborata

di redazione

Questa Alfa Romeo Alfetta GTV è un’auto sportiva storica con una carrozzeria alleggerita, motore V6 3 litri Busso da gara, tanto da essere una chicca da guidare e da gustare tra i cordoli. L’Alfetta vanta una potenza di 220 CV a 6.600 giri/min ed è stata preparata con attenzione e rispetto della sua storia, per correre e divertirsi davvero!

AR Alfetta GTV – Tuning carrozzeria

Il lavoro eseguito per la carrozzeria dell’Alfetta GTV è stato tanto, perché si è voluto alleggerirla e allargarla. Era blu in origine, ma dopo tante ore passate a scatramarla, smontarla, stuccarla e a realizzare gli stampi, ecco com’è venuta. Cofano, passaruota, portiere e musetto sono in vetroresina, così come lo spoiler.

Alfa Romeo Alfetta GTV auto sportiva storica elaborata – posteriore

Opera di Andrea stesso, che è carrozziere. Dentro c’è il cruscotto di serie e tutto il resto è sparito: è nuda, con un sedile Toora, cinture a quattro punti, volante a due razze e serbatoio della benzina dietro le spalle. Un’operazione che ha contribuito a portare il peso di questa GTV sotto i mille chilogrammi, 915 per la precisione.

AR Alfetta GTV – Motore e trasmissione

Si era partiti montando il V6 Busso 24 valvole 3 litri. Ma non era facile trovare l’affidabilità ricercata. Allora Paolo Meratti, con l’amico Sergio Bonorandi, ha optato per un Busso sempre V6 3 litri, ma a 12 valvole e a carter secco da gara, con circa 220 CV a disposizione.

Alfa Romeo Alfetta GTV auto sportiva storica elaborata – motore

AR Alfetta GTV – Assetto e freni

Anche su assetto e freni il lavoro svolto sull’Alfetta è stato meticoloso. Si è partiti con allargamenti di circa 60 mm. Davanti ci sono sospensioni a quadrilatero, ora con ammortizzatori a doppia regolazione; dietro, il ponte De Dion è stato affiancato da nuovi ammortizzatori, sempre regolabili in estensione e compressione, con serbatoi all’interno dell’abitacolo e nuovi alloggiamenti delle molle.

Scheda tecnica tuning Alfa Romeo Alfetta GTV

  • MOTORE
  • V6 Alfa Romeo Busso, 3 litri, a carter secco (preparazione Gruppo N)
  • Collettori in acciaio Supersprint, con scarico semplificato e silenziatore in carbonio
  • Centralina Bosch Motronic e iniezione elettronica
  • TRASMISSIONE
  • Cambio a innesti frontali a 5 rapporti ravvicinati (non per questa prova)
  • Differenziale autobloccante al 40% di origine Alfa Romeo 75 Turbo
  • FRENI
  • Doppia pompa e ripartitore di frenata con bilanciere a comando remoto
  • Dischi ant. da 310 mm e pinze Brembo a 4 pompanti
  • Dischi post. da 260 mm e pinze Tarox a 4 pompanti
  • SOSPENSIONI
  • Ammortizzatori Oram a doppia regolazione a gas
  • Modifica alloggiamento di serie delle molle
  • RUOTE
  • Cerchi scomponibili Mad’In da 15” a 5 fori, canale 9,5” anteriori e 10” posteriori
  • ESTERNI
  • Cofano, passaruota, portiere, spoiler in vetroresina
  • INTERNI
  • Sedile Toora
  • Cinture a quattro punti
  • Strumentazione AIM digitale e cruscotto originale
  • Volante a due razze
  • Rollbar

Cerca l’Alfa Romeo Alfetta nell’usato su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti dell’Alfa Romeo Alfetta GTV è su Elaborare 257.

Alfa Romeo Alfetta GTV su Elaborare 257

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 257 Febbraio 2020 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 24,99 € 

VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020
Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020

L'articolo Alfa Romeo Alfetta GTV auto sportiva storica elaborata proviene da ELABORARE.

Test gomme estive 2020: i 20 migliori pneumatici 245/45 R18

di Donato D'Ambrosi

Le prime giornate di sole preannunciano la primavera e per molti automobilisti è già tempo di mettersi alla ricerca delle migliori gomme estive 2020. Il test degli pneumatici estivi di cui parleremo oggi mette a confronto 20 delle gomme estive migliori che hanno superato una preselezione tra 50 modelli di pneumatici 245/45 R18. Ecco quali sono le gomme migliori nel test per frenata su asciutto e bagnato.

IL TEST DELLE GOMME ESTIVE 245/45 R18

Il test gomme estive 2020 elegge gli pneumatici estivi migliori che Autobild ha individuato nelle prove di frenata su fondo stradale asciutto e bagnato. Prima di arrivare alla classifica delle 20 gomme migliori da 18 pollici per l’estate, i test effettuati su 50 modelli di pneumatici di prima e seconda linea sono stati acquistati direttamente sul mercato. Tra le gomme estive testate Pirelli è forse la più svantaggiata poiché la difficoltà a reperire le gomme estive Pirelli più recenti ha comportato lo svantaggio delle Pirelli PZero sostituite.

I MIGLIORI PNEUMATICI ESTIVI 2020 SU ASCIUTTO E BAGNATO

Escluse le ultime 30 gomme meno performanti, il magazine tedesco ha messo a confronto le 20 gomme estive migliori in un test di frenata su asciutto da 100 km/h e un test di frenata su bagnato da 80 km/h. Tra le gomme estive migliori nella frenata su asciutto la classifica premia le Michelin Pilot Sport 4 (32,1 metri). All’estremo opposto, fuori dalla Top20, invece le gomme estive peggiori su asciutto sono le ricostruite King Meiler (43,2 metri). Il test di frenata su bagnato invece premia gli pneumatici estivi Bridgestone Potenza S001 (28,7 metri); molto davanti alle peggiori su bagnato, nuovamente le gomme King Meiler (43,2 metri) Nella tabella dei risultati qui sotto qui è poi riportata in metri anche la distanza di frenata totale e la classifica delle migliori gomme estive in ordine alfabetico che hanno frenato in meno spazio.

https://www.autobild.de/artikel/sommerreifen-test-5629291.html

LE ALTRE 30 GOMME ESTIVE NELLA CLASSIFICA DEL TEST

La classifica delle gomme estive migliori 2020 vede al primo posto le Michelin Pilot Sport 4, più performanti su asciutto. Al terzo posto la frenata migliore avvantaggia le gomme estive Bridgestone. Tra le due si piazzano le gomme estive Nokian Powerproof, che in totale frenano 20 cm prima delle gomme giapponesi. Come anticipato, le gomme estive Pirelli PZero sono fuori dalla Top20, al 25esimo posto, per le prestazioni di gran lunga peggiori rispetto alle più recenti che successivamente Autobild ha testato con ottimi risultati. Guarda la classifica completa delle gomme estive 2020.

The post Test gomme estive 2020: i 20 migliori pneumatici 245/45 R18 appeared first on SicurAUTO.it.

Ford Fiesta ST: la prova su strada e in pista

di Redazione

La sportiva di segmento B dell’Ovale Blu diverte anche nella guida in pista dove si dimostra particolarmente affilata

L'articolo Ford Fiesta ST: la prova su strada e in pista proviene da Motori.it.

Volkswagen Golf MK1 GTI auto sportiva storica elaborata

di redazione

Mentre entra in produzione la nuova Golf 8, questa Volkswagen Golf MK1 GTI, auto sportiva storica elaborata, sembra appena uscita dal concessionario, nonostante sia stata prodotta 37 anni fa!

Nella categoria delle piccole sportive la Golf GTI, se si esclude la Renault 8 Gordini del ‘64, ha reso le prestazioni accessibili al pubblico, diventando nel tempo un must! Durante l’ultimo anno di produzione, il 1983, questa Golf era già affiancata dalla successiva MK2; così nel nostro Paese si decise di rinominare la MK1 GTI in “fioriserie” perché fuoriserie o fine serie sarebbe stato disdicevole per una tale “signora”.

Volkswagen Golf MK1 GTI – Estetica

Come già accennato, la linea è scaturita dalla matita di Giorgetto Giugiaro, capace di rendere questa Golf intramontabile. La GTI si distingue esteticamente per la mascherina nera con filetto perimetrale rosso, i pneumatici maggiorati, l’assetto rivisto, le stripes adesive a contrasto lungo la fiancata e la cornice nera opaca del lunotto, i codolini passaruota neri e lo splitter anteriore.

Per i primi due anni i paraurti erano in ferro, poi si passò a quelli in plastica nera. Il restyling del 1979 introdusse al posteriore i gruppi ottici di dimensioni maggiorate, mentre dal 1983 venne adottata la mascherina a quattro fari. Sull’esemplare in prova, al posto dei cerchi originali modello Avus, sono montati gli introvabili ATS Cup da 14” abbinati ai pneumatici Dunlop 185/60 R14.

Volkswagen Golf MK1 GTI – Interni

Questa vettura, essendo del 1983, adotta già gli interni rivisti con il restyling del 1979. Troviamo quindi lo stesso volante a quattro razze della MK2 così come il cruscotto con termometro acqua, econometro e orologio digitale, sedili a righe grigie su sfondo nero, oltre all’immancabile pallina da golf nera al posto del pomello del cambio.

Volkswagen Golf MK1 GTI – Meccanica

Inizialmente la GTI venne prodotta con il motore EA827 8 valvole da 1.6 litri ad iniezione meccanica Bosch K-Jetronik con 110 CV, 136 Nm e cambio manuale a 4 marce. Con il restyling del 1979 furono introdotte le 5 marce e, a partire dal 1982, arrivò un’evoluzione del propulsore portando la cilindrata a 1.8 litri con un guadagno di soli due cavalli, ma un aumento di circa 20 Nm di coppia.

Volkswagen Golf MK1 GTI  - Motore
Volkswagen Golf MK1 GTI – Motore
  • Scheda tecnica tuning VW Golf MK1 GTI 1983
  • Cerchi ATS Cup 14”
  • Pneumatici Dunlop Sport BlueResponse 185/60 R14
  • Staccabatteria

Cerca la Volkswagen Golf GTI nell’usato su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della VW Golf GTI by Calasso è su Elaborare 257.

Volkswagen Golf MK1 GTI auto sportiva storica elaborata - Elaborare 257
Volkswagen Golf MK1 GTI – Elaborare 257

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 257 Febbraio 2020 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 24,99 € 

VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020
Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020

L'articolo Volkswagen Golf MK1 GTI auto sportiva storica elaborata proviene da ELABORARE.

Gli italiani “sfrecciano” in rete più velocemente in roaming: il report di Speedtest

di Giuseppe Biondo

Il paradosso si palesa attraverso il report di Speedtest: gli italiani navigano più rapidamente fuori confine, tramite roaming UE, che in Italia

L'articolo Gli italiani “sfrecciano” in rete più velocemente in roaming: il report di Speedtest proviene da TuttoAndroid.

Pneumatici auto: ora i test delle gomme si fanno al simulatore come in F1

di Donato D'Ambrosi

Il lavoro di un collaudatore che testa pneumatici auto ogni giorno richiede anni di preparazione, che si sommano alle prove delle gomme su strada e in pista. Sviluppare un nuovo pneumatico auto stradale efficiente può richiedere fino a 4 anni, tempi che nel motorsport significherebbero non stare al passo con le norme tecniche e lo sviluppo tecnologico delle auto. Da questo incipit, Pirelli ha annunciato che utilizzerà il simulatore virtuale per gli pneumatici auto stradali come in pista. Ecco cosa cambia e quali benefici porteranno i test virtuali sulle gomme auto.

TEST PNEUMATICI AUTO PIU’ EFFICIENTI

Minori tempi di sviluppo pneumatici, meno prototipi di pneumatici da smaltire e una risposta più veloce alle richieste di innovazione delle Case auto. Sono gli obiettivi Pirelli che ha annunciato l’uso del nuovo simulatore statico, inaugurato nel centro di Ricerca & Sviluppo di Milano. Il nuovo simulatore ha l’obiettivo di ottimizzare le fasi di sviluppo e test dei nuovi pneumatici, riducendo i tempi del 30%.

COM’E’ FATTO IL SIMULATORE PER I TEST DELLE GOMME STRADALI

La simulazione utilizzata già alcuni anni per la progettazione e il test degli pneumatici da Formula 1 e per altre categorie viene applicata anche agli pneumatici di utilizzo stradale. Il simulatore è composto da uno schermo cilindrico con un’estensione di 210° e diametro di 7,5 m per riprodurre visivamente i diversi circuiti e condizioni di guida.  Grazie all’utilizzo dei prototipi virtuali per i diversi modelli di auto si possono modificare velocemente i parametri durante lo sviluppo e lo scambio di informazioni digitali con la Casa auto committente.

SVILUPPO PNEUMATICI AUTO: I TEST VIRTUALI

Il sistema è dotato al centro dello schermo di una vettura statica equipaggiata con alcune tecnologie attive per restituire i comportamenti reali della vettura al guidatore. Il sedile, lo sterzo, le cinture di sicurezza e diversi shaker sono posizionati in corrispondenza delle sospensioni e del motore. Ogni operazione è coordinata da una control room, dalla quale è possibile inserire nel simulatore i parametri delle specifiche tecniche di pneumatico e veicolo. Dalla stessa stanza di comando sono poi monitorati i risultati dei test simulati, tra cui forze al contatto pneumatico-strada e tutti gli indici di prestazione, oltre che la valutazione soggettiva del collaudatore.

The post Pneumatici auto: ora i test delle gomme si fanno al simulatore come in F1 appeared first on SicurAUTO.it.

Volkswagen Golf V TDI 140 elaborata 425 CV con preparazione

di redazione

Questa Volkswagen Golf V TDI 140 elaborata con 425 CV e preparazione di Federico Motori/AutoMotori Service & LB Engineering vanta una potenza triplicata, grazie alla lavorazione del monoblocco, del turbo e degli organi interni del motore. I 425 CV ottenuti da un 2.0 diesel sono davvero tanti, ma nonostante la potenza esagerata ben gestibili nella guida di tutti i giorni.

VW Golf 5 TDI 140 – Tuning motore

L’operazione di tuning della Golf V TDI 140 si è svolta in due fasi, ottenendo prima 345 CV e poi gli attuali 425 CV. All’inizio il motore è stato completamente smontato partendo dal monoblocco (tipo BKD 16 valvole), a cui ha fatto seguito la lavorazione e la sostituzione dei componenti principali.

Tra questi citiamo il primo turbo GTB2265VK (compressore in avional 6+6 blades) Garrett di derivazione BMW 530d fornito da TurboFlash, le bielle in acciaio forgiato ad H rovesciata della Maxspeeding Rods, la lucidatura ed equilibratura di precisione dell’albero motore (con volano e puleggia servizi), oltre ai pistoni pesati e portati tutti alla stessa grammatura.

VW Golf 5 TDI 140 elaborata 425 CV - motore
VW Golf 5 TDI 140 elaborata 425 CV – motore

VW Golf 5 TDI 140 – Tuning assetto e freni

Il giorno della prova l’assetto montato sulla vettura era un TA Technix a ghiera, che tuttavia si è rivelato un po’ morbido per l’uso in pista e sostituito poi con uno della AP Sport. I cerchi in lega Mak DTM One da 17” di colore nero, abbinati a pneumatici invernali della Kumho, sono stati rimpiazzati con gli OZ Ultraleggera e i pneumatici Yokohama Neova AD08R 225/45 R17 per ottimizzare la messa a terra della potenza.

VW Golf 5 TDI 140 – Tuning estetica

Per quanto riguarda il tuning esterno praticamente nulla da segnalare, a parte la mascherina di derivazione Golf GTI e la verniciatura della parte inferiore del paraurti posteriore. Dato qualche anno sulle spalle della vettura, è stato eseguito un detailing completo presso la Beautycar Trapani con applicazione di un rivestimento nano-ceramico sulla carrozzeria. In seguito alla prova, sul retro della Golf il proprietario ha installato un estrattore Maxton Design affiancato ad un grintoso scarico con quattro uscite.

Scheda tecnica tuning Volkswagen Golf V TDI 140 by D.F. Motori/AM Service&LB Engineering

  • MOTORE
  • Lavorazione completa monoblocco, albero motore ecc. 3.000€
  • Turbo Garrett GTD3071V fornito da AVD Turbo 1.600€
  • Collettori di scarico 4in1 realizzati dalla Rudicar Corse 500€
  • Iniettori maggiorati Nozzles Firad +120% 800€
  • Pompa alta pressione Bosch modificata stage 3 900€
  • Map sensor 4 bar Bosch 60€
  • Prigionieri testa ARP 400€
  • Intercooler maggiorato 14 lt Orra Racing 450€
  • Linea di scarico full 76 mm 1.000€
  • Aspirazione diretta da 90 mm con filtro a doppio cono BMC, giro tubi intercooler maggiorato e accorciato, il tutto realizzato da Antonino Palmeri Automotori Service e Tony Sanna Autotecnica. Costo lavoro totale 750€
  • Mappa a cura dell’Ing. Luigi Bombaci (L.B. Engineering, Catania) 500€
  • Modifiche successive alla prova:
  • Scarico a quattro uscite 350 €
  • TRASMISSIONE
  • Gruppo frizione rinforzato LUKpro DMF con modifica disco e spingidisco by Scazzosi 660€
  • Modifiche successive alla prova:
  • Gruppo frizione rinforzato Sachs Performance DMF con modifica disco e spingidisco 660€
  • ASSETTO
  • Ammortizzatori TA Technix 350€
  • Cerchi in lega Mak DTM One 7,5jx17” 600€
  • Pneumatici Kumho Wintercraft 225/45 R17 500€
  • Modifiche successive alla prova:
  • Ammortizzatori AP Sport regolabili 600€
  • Cerchi in lega OZ Ultraleggera 900 €
  • Pneumatici Yokohama Neova AD08R 225/45 R17 650€
  • INTERNI
  • Manometro turbo Depo Racing 60€
  • Manometro EGT Depo Racing 100€
  • Autoradio 2 Din da 9” 300€
  • ESTETICA
  • Mascherina anteriore Golf GTI 150€
  • Verniciatura paraurti posteriore 100€
  • Coating nano-ceramico sulla carrozzeria by Beauty Trapani 800€
  • Modifiche successive alla prova:
  • Estrattore posteriore Maxton Design 150€

Costo totale intervento tuning: oltre 13.000 Euro

Cerca la Volkswagen Golf nell’usato su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della VW Golf V TDI 140 by D.F. Motori/AM Service&LB Engineering è su Elaborare 257.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 257 Febbraio 2020 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 24,99 € 

VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020
Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020

L'articolo Volkswagen Golf V TDI 140 elaborata 425 CV con preparazione proviene da ELABORARE.

Renault Clio 1.5 dCi R.S. Line: la prova su strada

di Redazione

Abbiamo guidato la variante R.S. Line della Clio di nuova generazione spinta dall’inossidabile 1.5 dCi da 115 CV

L'articolo Renault Clio 1.5 dCi R.S. Line: la prova su strada proviene da Motori.it.

Nuova Mazda2: la prova su strada

di Giuseppe Cutrone

Come va la nuova Mazda2 e quali sono le sue caratteristiche principali? Scopriamolo nella prova su strada dedicata alla vettura giapponese.

L'articolo Nuova Mazda2: la prova su strada proviene da Motori.it.

Honda Integra Type R elaborata 480 CV con preparazione

di redazione

Questa Honda Integra Type R elaborata con 480 CV vanta prestazioni straordinarie, grazie alla magistrale preparazione di Autech, uno dei più bravi specialisti su Honda oggi in Italia. Da sottolineare l’incredibile erogazione della potenza e la brutalità nel salire di giri senza incertezze né buchi di erogazione.

Honda Integra Type R – Tuning motore

Cosa spinge una persona sana di mente a sovralimentare uno dei migliori motori aspirati che siano mai stati realizzati? Dietro questa scelta c’è proprio la consapevolezza che i margini d’intervento su un propulsore che nasce con 105 CV/litro sono davvero esigui e se ci si vuole discostare dalle prestazioni oggi alla portata anche delle utilitarie la strada della sovralimentazione è l’unica percorribile.

D’altra parte trasformare un motore Honda VTEC da aspirato a turbo non è mai stato un intervento facile, soprattutto lasciando attivo il VTEC. Andrea Sergio, Etiliko per gli amici, è uno dei maggiori esperti in Italia su questi propulsori; infatti ha una competenza tecnica incredibile e i risultati si toccano con mano. Il preparatore ha costruito un motore ad hoc, con un basamento B18 JDM, canne wet sleeve integrali Autech, pistoni CP stampati, bielle Manley ad H rovesciata e modifica testa completa.

Honda Integra Type R elaborata 480 CV con preparazione - posteriore
Honda Integra Type R elaborata 480 CV con preparazione – posteriore

Scheda tecnica tuning Honda Integra Type R Turbo by Autech

  • Motore-cambio
  • Monoblocco B18C JDM
  • Incamiciatura con canne wet sleeve integrali by Autech
  • Pistoni CP Carrillo
  • Bielle Manley H beam
  • Bronzine Honda OEM
  • Pompa olio lavorata
  • Coppa olio con paratie artigianali
  • Testa lavorata
  • Valvole Ferrea 6000
  • Guidavalvole Ferrea
  • Guarnizione testa JE MLS
  • Prigionieri testa ARP 2000
  • Pulegge camme regolabili in ergal
  • Guarnizione collettori aspirazione in teflon
  • Corpo farfallato 70 mm
  • Volano alleggerito + perni ARP
  • Frizione con parastrappi rinforzato e disco in carbonio
  • Sincronizzatori cambio Sincrotech
  • Rapporto finale derivazione Civic EK4 (4,27:1)
  • Pompa benzina Walbro 255 lph
  • Regolatore pressione benzina AEM
  • Flauto iniettori AEM
  • Iniettori Grams 750 cc
  • Radiatore Mishimoto
  • Ventole Spal
  • Pompa acqua ausiliaria elettrica
  • Termoswitch Spoon
  • Kit tubazioni siliconiche
  • Cavi candela siliconici da 100 mm
  • Alternatore derivazione Honda S2000
  • Oil catch can
  • Kit turbo con collettori Ramhorn, turbina Precision 5558, Vband, wastegate esterna Tial 38 mm
  • Blow off Tial 50 mm
  • Scarico diam. 76 mm inox by SG Motorsport
  • Kit intercooler frontale Go Autoworks
  • Filtro aria conico Pipercross
  • Radiatore olio 19 file con termostatica Mocal
  • Kit pulegge servizi alleggerite
  • Cinghia distribuzione in kevklar Gates
  • Semiassi rinforzati
  • Elettronica – Strumentazione
  • Centralina motore Hondata S300, mappatura al banco by Autech
  • Doppia mappa, flat shift, launch control
  • Sensore MAP Hondata 4 bar
  • Solenoide 3 port AEM
  • Pressione olio AEM
  • Wideband AEM
  • Temperatura olio AEM
  • Pressione turbo
  • EGT PLX
  • Turbo timer HKS
  • Kit iniezione acqua metanolo (ancora da mettere a punto)
  • Sospensioni-telaio
  • Kit silentblock Hardrace
  • Boccole culla motore in acciaio
  • Freni
  • Dischi freno baffati
  • Pastiglie EBC Yellowstuff
  • Olio freni RBF660 Motul
  • Tubazioni aeronautiche
  • Allestimento
  • Eliminazione ABS e A/C (l’auto è stata concepita per occasionali gare di drag racing)
  • Costo totale intervento tuning 23.000 Euro
Honda Integra Type R elaborata 480 CV - motore
Honda Integra Type R elaborata 480 CV – motore

Cerca la Honda Integra nell’usato su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della Honda Integra Type R by Autech è su Elaborare 257.

Honda Integra Type R elaborata 480 CV con preparazione - Elaborare 257
Honda Integra Type R elaborata 480 CV con preparazione – Elaborare 257

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 257 Febbraio 2020 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 24,99 € 

VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020
Cover Elaborare n. 257 Febbraio 2020

L'articolo Honda Integra Type R elaborata 480 CV con preparazione proviene da ELABORARE.

MINI Clubman Cooper D: la prova su strada

di Redazione

Al volante della MINI compatta rinnovata nel design e nei contenuti in seguito al recente restyling

L'articolo MINI Clubman Cooper D: la prova su strada proviene da Motori.it.

❌