Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Come gestire l’impianto frenante dell’auto e le sue temperature

di redazione

Conoscere e gestire l’impianto frenante dell’auto e le sue temperature permette di avere sempre il massimo delle prestazioni, sia su strada che in pista. E’ quindi utile sapere che il “range termico di funzionamento” riguarda gli impianti frenanti di tutte le auto, che siano stradali, sportive o da competizione.

Esso indica chiaramente l’intervallo di temperature in cui l’abbinamento pastiglia x + disco y offre la resa ottimale; quindi sotto la temperatura minima o sopra quella massima, il rendimento ha un calo, che può essere più o meno repentino a seconda dei casi.

E’ opportuno conoscere questi fattori per sapere non solo quali pastiglie freno scegliere per la vettura, ma anche quando e come migliorare la circolazione d’aria per ottenere un abbassamento delle temperature di esercizio dei freni qualora siano troppo alte.

La scelta delle pastiglie freno

Ogni costruttore di pastiglie freno, spesso in base al colore della piastra di metallo su cui è riportato il materiale frenante, indica il tipo di utilizzo per cui è raccomandata una determinata tipologia. Ad esempio, il giallo può rappresentare la mescola sportiva per uso stradale/track day, mentre il rosso quella per le competizioni.

Non esiste una regola secondo la quale un determinato colore rappresenti uno standard generalizzato, come tale impiegato universalmente: sia chiaro!

Soluzioni per il calore

La prima raccomandazione per un impianto frenante al top è quella di non entrare mai in pista senza aver montato tubi aeronautici su tutte e 4 le ruote e impiegato un fluido idraulico idoneo a questo tipo di utilizzo e, soprattutto, con le pastiglie oltre la metà dell’usura. I tubi in gomma cedono di schianto al salire delle temperature e vi potreste trovare senza il pedale del freno di punto in bianco.

Lo stesso dicasi per un fluido inadatto o vecchio. Una pastiglia usurata, infatti, ha meno materiale d’attrito che la isola dal disco rovente e dunque trasmette più facilmente il calore all’olio, con conseguenze estremamente pericolose.

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti degli impianti frenanti e le loro temperature è su Elaborare 254.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 254 Novembre 2019 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 24,99 € 

VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare Novembre n° 254 2019

L'articolo Come gestire l’impianto frenante dell’auto e le sue temperature proviene da ELABORARE.

Vernice bianca, nera, grigia e argento: quale colore scalda di più al sole?

di Donato D'Ambrosi

Quale colore scegliere su un’auto nuova, ma potendo anche usata? Ci sono diverse correnti di pensiero e logiche per scegliere la vernice auto migliore per una questione di costi, convenienza, estetica o praticità. Non tutti sanno come scegliere l’auto giusta e si fanno guidare dall’istinto. Anche se le vernici auto sono diventate più tecnologiche, colore e calore sono sempre legati l’uno all’altro. Qual è il colore che scalda di più al sole? E’ una domanda che dovrebbe porsi anche chi compra un furgone o un mezzo da lavoro con una vernice scura per trascorrerci diverse ore. In un interessante test sono state confrontate con una termocamera le carrozzerie di 4 auto identiche ma di 4 colori diversi al sole. Ecco quale vernice scalda di più tra bianco, nero, grigio e argento.

LA VERNICE BIANCA NON E’ PIU’ SOLO DA TAXI

Col bianco, nelle sue varie sfumature pastello, perlato, lucido, non si sbaglia mai. E se pensate che è tornata in voga la vernice di colore bianco tra i colori che si rivendono più facilmente, il test del blog MikesCarInfo vi darà ragione sulla scelta. Tra le quattro auto identiche parcheggiate al sole c’è da aspettarsi che la carrozzeria si quella bianca sia la più “fresca”. Alla prova della termocamera rivelatrice, la vernice bianca infatti arriva a 45 °C. Non sappiamo da quanto fossero parcheggiate, ma è poco rilevante poiché le 4 vernici sono state sottoposte alla stessa esposizione.

QUANTO E’ CALDA LA VERNICE NERA

Passare dal bianco alla vernice nera è come saltare dalla padella alla brace perché se per qualsiasi motivo si mette la mano sulla carrozzeria l’urlo è assicurato. Sappi una cosa, se stai pensando ai vantaggi per cui scegliere una vernice nera ce ne sono ben pochi. Di sicuro la rivendibilità e l’eleganza di una berlina nera è maggiore di un’auto che sembrerà un taxi dismesso. La prova della termocamera però mostra chiaramente che con una carrozzeria a 70°C bisognerà usare il climatizzatore (maggiori consumi) con maggiore frequenza. Se pensiamo poi alla sicurezza di guida (vernice nera si vede meno in condizioni di scarsa luminosità), il bianco sul nero vince a mani basse.

SCEGLIERE TRA GRIGIO CALDO E GRIGIO FREDDO

Cosa cambia però tra il colore grigio metallizzato e l’argento? Sotto al sole ci si aspetterebbe che la vernice grigia sia indifferentemente una via di mezzo tra il bianco e il nero. E invece non è così. Alla prova della termocamera l’effetto della grana della vernice metallizzata fa aumentare la temperatura della carrozzeria e non di poco. La vernice di grigio metallizzato (grana fine) si scalda fino a circa 54 °C, meno della vernice argento (grana grossa) che arriva a 63 °C. Quindi scegliere la giusta tonalità di vernice può rivelarsi importante tanto quanto la scelta del colore migliore.

The post Vernice bianca, nera, grigia e argento: quale colore scalda di più al sole? appeared first on SicurAUTO.it.

Schienale riscaldato by SD Distribuzione

di redazione

SD Distribuzione propone lo schienale con cuscino riscaldato portatile universale anche in variante extra large, compatibile con la maggior parte dei veicoli. La terapia del calore e la zona lombare imbottita garantiscono il massimo relax alla guida. Lo schienale riscaldato fornisce, infatti, calore alla schiena fino al fondoschiena, con controllo automatico della temperatura tra 45° e 55°C. Si può gestire tramite un semplice telecomando manuale con modalità massimo/minimo/spento. Il design elegante ed ergonomico segue la posizione naturale del corpo, mentre il sistema fasciante lo rende adatto alla maggior parte dei sedili. Il rivestimento è in materiale morbido. Lo schienale riscaldato è perfetto in caso di temperature fredde e durante la guida di sera, è semplice da inserire nella presa da 12V del veicolo. Inoltre protegge il sedile da danni, cadute, graffi e sporco. Compatto e leggero, è facile da trasportare in viaggio e da riporre. Si pulisce facilmente con un panno morbido e umido.Tutti gli articoli sono disponibili presso il distributore esclusivo SD Distribuzione, on line su www.speedup.it oppure presso i Megastores Bep’s, ora anche online www.beps.it.

Info: www.speedup.it – www.beps.it

L'articolo Schienale riscaldato by SD Distribuzione proviene da ELABORARE.

Additivo Super Start

di redazione

Ma-Fra-Superstart-additivo

Con le basse temperature dell'inverno l'additivo Super Start by Ma-Fra risolve tutti gli inconvenienti legati a partenze impossibili, batterie inefficienti proprio quando è la fretta a far da padrona. Per questo Ma-Fra propone la particolare efficacia di Super Start, un prodotto assolutamente indispensabile all’automobilista capace di risolvere tutti gli inconvenienti, al momento della partenza, legati alle basse temperature. Non ci sono limitazioni sul tipo di propulsore: diesel o benzina. La vaporizzazione sul filtro (benzina) o direttamente nel condotto dell’aria (diesel) dei principi attivi di Super Start aumenta il potere detonante dei motori “stanchi”, rendendo immediata la loro accensione. Anche i propulsori più usurati e costretti ad una lunga sosta alle basse temperature, particolarmente resistenti a qualsiasi tentativo di messa in moto, trovano finalmente un'efficace soluzione al loro problema. La confezione spray da 200 ml costa circa 7 Euro.
❌