Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Hyundai, accordo con Canoo per lo sviluppo di una piattaforma “skateboard” per veicoli elettrici

di Valentina Acri
Hyundai lavorerà allo sviluppo di una piattaforma modulare insieme alla startup Canoo da implementare sulle sue future auto elettriche.  Le due società, Hyundai e Canoo, grazie alla loro partnership opereranno al fine di creare una piattaforma modulare  skateboard che sarà resa operativa sui prossimi modelli a marchio Hyundai e Kia. Hyundai conferma il suo impegno […]

Acquisto auto: un italiano su due sceglierà elettriche e ibride

di Raffaele Dambra

Acquisto auto

Italiani popolo di pigri e abitudinari? Sì ma forse le cose stanno cambiando. Per esempio nell’ambito della mobilità su quattro ruote un numero sorprendente alto di consumatori ha ammesso di essere pronto ad abbracciare l’elettrico o l’ibrido in caso di acquisto di un’auto nuova nei prossimi tre anni. Ma non solo. Oltre 6 su 10, quindi ben più della metà, sono molto interessati all’avvento della guida autonoma.

ACQUISTO AUTO: IL 47,4% PRONTO A PASSARE ALL’ELETTRICO O ALL’IBRIDO

Se n’è parlato recentemente a Milano al convegno “La mobilità del possibile” durante cui è stata presentata una ricerca condotta da EY su un campione di 1.500 automobilisti del nostro Paese. L’indagine ha confermato che l’auto resta la prima scelta di mobilità per il 70% degli italiani. Tuttavia circa la metà si è detta disponibile a cambiare mezzo di trasporto a fronte di una valida e più economica alternativa. Il 47,4%, infatti, ha dichiarato che se dovesse cambiare vettura nei prossimi tre anni sceglierebbe un modello elettrico o ibrido. Si tratta di un dato quasi insperato, se consideriamo che nel 2019 solo lo 0,5% ha acquistato un’auto elettrica e il 5,8% un’ibrida. Ma che può essere interpretato come una rinnovata sensibilità verso l’ambiente, nonché determinato dalle numerose misure restrittive varate dai Comuni.

GUIDA AUTONOMA: INTERESSA AL 63% DEGLI ITALIANI

Entrando più nello specifico della ricerca, l’elettrico pare riscontrare maggior successo nei centri urbani di medie dimensioni (11%). Mentre nelle grandi città prevale ancora la scelta dell’alimentazione a benzina. In tema di guida autonoma, come anticipavamo, il 63% si dice molto interessato a utilizzare assistenti alla guida che possano aumentare la sicurezza su strada. Anche se i conducenti italiani vedono ancora lontano il giorno in cui questa tecnologia sarà davvero al servizio di tutti.

MOBILITA SOSTENIBILE: UN MERCATO IN VERTIGINOSA CRESCITA

Lo studio ha evidenziato inoltre la crescita verso la ricerca e l’uso della mobilità smart, conosciuta da quasi 9 italiani su 10. Di questi il 22% ha usato almeno una volta un servizio di car sharing e il 17% ha provato una bicicletta in condivisone (era l’8% nel 2018). Solo il 10%, infine, ha approfittato con assiduità della sharing mobility (servizi come Bla Bla Car e simili), i cui vantaggi sono comunque noti dal 91% degli automobilisti. “La smart mobility è un fenomeno rilevante e strategico per lo sviluppo sostenibile dell’economia”, ha spiegato Donato Iacovone, ad di EY Italia, “Si stima infatti che questo mercato, contando solo l’Italia, abbia un valore superiore ai 200 miliardi di euro, e che nei prossimi 5 anni assorbirà circa 2,4 milioni di lavoratori”.

The post Acquisto auto: un italiano su due sceglierà elettriche e ibride appeared first on SicurAUTO.it.

Legge di Bilancio 2020: 10 proposte per l’eco-mobilità

di Raffaele Dambra

Legge di Bilancio 2020 eco-mobilità

Nell’ottica di un’azione politica che guardi con maggiore responsabilità a un futuro eco-sostenibile, mettendo al primo posto l’ecologia e il clima, Legambiente ha messo nero su bianco 10 proposte in materia di mobilità e trasporti per la Legge di Bilancio 2020. Si tratta di 10 ‘suggerimenti’ volti a incentivare la mobilità sostenibile, assicurando a un numero sempre più alto di persone l’accesso ai servizi e ai mezzi cosiddetti ‘green’. A cominciare, ovviamente, dalle auto elettriche.

LEGAMBIENTE: 10 PROPOSTE PER INCENTIVARE L’ECO-MOBILITÀ

Anche l’anno scorso abbiamo presentato le nostre proposte alla Legge di Bilancio in materia di mobilità e trasporto”, hanno spiegato quelli di Legambiente. “E abbiamo ottenuto dei primi risultati, tra cui il bonus-malus auto e moto elettriche, gli incentivi per le ricariche private e la sperimentazione sulla micromobilità elettrica. Ora però bisogna accelerare il cambiamento nella mobilità, che è decisivo nella battaglia del clima. Per cui chiediamo al nuovo governo di dare subito un segnale chiaro ai cittadini, ai sindaci e al sistema delle imprese, con provvedimenti che definiscano la traiettoria delle scelte indispensabili a rilanciare il trasporto pubblico in Italia, a rendere sempre più competitiva la mobilità elettrica, e a superare le barriere che ancora oggi incontra la micromobilità a emissioni zero nel circolare all’interno delle città”.

LEGGE DI BILANCIO 2020: IL MINISTRO GUALTIERI VUOLE UN GREEN NEW DEAL

Ovviamente non sappiamo se le 10 proposte di Legambiente (che tra poco vi elencheremo) saranno prese in considerazione, in tutto o in parte. Ma il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri sembra voler muoversi nella stessa direzione, assicurando che la Legge di Bilancio 2020 affronterà anche la sfida del mutamento climatico “pensando alle prossime generazioni e non alle prossime elezioni”. Una sorta di ‘Green New Deal’ che prevede massicci investimenti per una politica verde attiva, contando sull’approvazione dell’UE (tutta da verificare, a dire il vero) circa il possibile scorporo dal computo del deficit delle spese a favore dell’ambiente. Vedremo nelle prossime settimane se alle parole seguiranno i fatti.

I SUGGERIMENTI DI LEGAMBIENTE PER LA LEGGE DI BILANCIO 2020

E vediamo, sommariamente, quali sono queste 10 proposte di Legambiente per incentivare la mobilità sostenibile.
1) Bonus per la rottamazione di veicoli inquinanti, anche senza l’acquisto di un nuovo mezzo elettrico, spendibile per abbonamenti al trasporto pubblico, servizi di sharing mobility, taxi e acquisto di veicoli elettrici leggeri. Questo primo punto potrebbe diventare effettivamente realtà, se sarà approvata la bozza sul Bonus Mobilità 2019-2021 all’interno del Decreto Clima.
2) Welfare mobilità, ovvero aziende ed enti pubblici promuovono la mobilità pendolare sostenibile dei dipendenti e dei loro famigliari.
3) Agevolazione IVA al 10% per la sharing mobility, come c’è oggi sui biglietti dei mezzi pubblici.
4) Bonus elettrico. Incentivi per l’acquisto di mezzi elettrici leggeri, dall’e-bike al quadriciclo.
5) Iva mezzi elettrici e rigenerazione Bus. Più nel dettaglio, IVA al 10% per l’acquisto di mezzi elettrici per trasporto pubblico, condiviso e noleggi.
6) Costo elettricità per la mobilità: nessuna accisa per l’energia elettrica per la ricarica dei veicoli in ambito pubblico o privato.
7) No tasse per rinnovabili e niente sussidi all’olio di palma. Nessuna accisa per i biocarburanti ‘avanzati’ e abolizione dal 1° gennaio 2021 dei sussidi all’olio di palma (e derivati) e all’olio di soia. E progressivamente dal 2025 a tutti i biocarburanti ‘non avanzati’.
8) Rimodulazione accise carburanti, cercando di diminuire la sproporzione tra l’inquinamento prodotto e i vantaggi fiscali.
9) Sussidi autotrasporto e trasporto aereo. Ovvero eliminazione dei sussidi all’autotrasporto per i camion Euro 3, destinando il medesimo importo all’incentivo per la loro sostituzione con mezzi nuovi a gas naturale liquefatto (GNL). Anche gli aerei e le navi, oggi a zero accise, devono cominciare a pagare.
10) Smart city. Privilegiare, nei trasferimenti delle risorse statali ai Comuni, i piani (come PUMS, PAES) che prevedono obiettivi di natura ecosostenibile.

LE PROPOSTE NEL DETTAGLIO

Il documento completo, con il dettaglio di tutte le 10 proposte di Legambiente per la Legge di Bilancio 2020, comprensive di spese e coperture, è visionabile cliccando sul tasto Scarica PDF.

The post Legge di Bilancio 2020: 10 proposte per l’eco-mobilità appeared first on SicurAUTO.it.

Incentivi auto elettriche 2019 per i Comuni della Sardegna

di Raffaele Dambra

Incentivi auto elettriche 2019

Continua la politica di sviluppo verso una mobilità più ecosostenibile. E così dopo l’Ecobonus statale 2019-2021 e gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche in Lombardia e Veneto, la Regione Sardegna ha da poco pubblicato un bando da 1.600.000 euro a sostegno della sostituzione di veicoli a motore termico con vetture a emissioni zero. I destinatari del bando, che si può scaricare integralmente cliccando sul tasto rosso Scarica PDF in fondo all’articolo, sono i singoli Comuni della Sardegna, tranne quelli che hanno già beneficiato di precedenti contributi nell’ambito dell’Accordo di Programma per lo sviluppo della mobilità elettrica regionale. Ogni Comune può presentare una sola domanda per un’auto elettrica.

INCENTIVI AUTO ELETTRICHE SARDEGNA: COME ACCEDERE AL CONTRIBUTO

Il finanziamento della Regione Sardegna consiste in un contributo a fondo perduto nella misura del 100% delle spese ammissibili ed effettivamente sostenute, fino a un massimo di 40.000 euro per ciascun veicolo elettrico. Il contributo è cumulabile con altre agevolazioni purché in misura non superiore all’intero valore del costo della vettura. Come già accennato, per accedere agli incentivi auto elettriche 2019 in Sardegna è necessaria la contestuale rottamazione di un veicolo a trazione termica intestato da almeno 12 mesi al Comune beneficiario, appartenente alle categoria euro 0, euro 1, euro 2 o euro 3. Per quanto riguarda invece le caratteristiche dei veicoli da acquistare, devono essere nuovi, full electric, con potenza massima maggiore di 40 kW e almeno 120 km di autonomia, minimo 4 posti a sedere e destinati a una percorrenza annua di non meno di 2.000 km.

INCENTIVI AUTO ELETTRICHE SARDEGNA: PUNTI DI RICARICA

Entro i termini per la rendicontazione dell’intervento, ogni Comune interessato è tenuto tra le altre cose a installare a proprie spese un’infrastruttura di ricarica a uso pubblico. Oppure ad acquistare una wall box per la ricarica del veicolo elettrico preso con gli incentivi, il cui importo deve essere quantificato e indicato nella domanda di finanziamento.

INCENTIVI AUTO ELETTRICHE 2019 IN SARDEGNA: TERMINI DELLA DOMANDA

La domanda di accesso agli incentivi auto elettriche 2019 per i Comuni della Sardegna può essere presentata dalle ore 9:00 del 1° ottobre 2019 fino alle 14:00 del 3 dicembre 2019, utilizzando esclusivamente il sistema informativo per la gestione del processo di erogazione e sostegno della Regione Sardegna (SIPES), accessibile tramite il portale istituzionale dell’isola. Il soggetto richiedente deve obbligatoriamente disporre di una casella email PEC e della firma elettronica digitale in corso di validità.

The post Incentivi auto elettriche 2019 per i Comuni della Sardegna appeared first on SicurAUTO.it.

Helbiz, monopattini elettrici anche su Moovit

di Candido Romano

Heilbiz e Moovit hanno concluso una partnership per mettere a disposizione degli utenti milanesi i monopattini elettrici HelbizGo in sharing  direttamente sull’app Moovit. L’obiettivo è quello di facilitare gli spostamenti nel centro di Milano rendendoli più semplici. Moovit è l’app per il trasporto pubblico più utilizzata e grazie ad essa gli utenti di Milano possono sapere in tempo reale quali sono i monopattini elettrici di Helbiz più vicini a loro, disponibili in condivisione. La partnership fra Heilbiz e Moovit si pone l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di una mobilità multimodale ed eco-sostenibile.

Leggi il resto dell’articolo

BMW e Daimler, alleanza su mobilità e car sharing

di Candido Romano

BMW e Daimler, principali produttori di auto a livello mondiale, hanno annunciato che lavoreranno insieme a progetti dedicati alla mobilità. I due colossi tedeschi dell’auto prevedono un investimento di più di un miliardo di euro sul mercato della mobilità urbana. Insomma una joint venture sul ride hailing (cioè la prenotazione di una vettura con autista attraverso un’app), car sharing, ricarica di auto elettriche e altri servizi.

Leggi il resto dell’articolo

❌