Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Revoca patente: da quando decorre? La risposta della Cassazione

di Redazione

Revoca patente da quando decorre

Il Codice della Strada dispone, per chi guida in stato di forte ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti e provoca un incidente stradale, la revoca della patente: ma da quando decorre il provvedimento? La domanda non è banale perché dal 2010 per conseguire un nuovo documento di guida è necessario che siano trascorsi tre anni dall’accertamento del reato. Ma questi tre anni quando si iniziano a contare? Dalla data dell’incidente o comunque del ritiro della patente, o dal giorno in cui la sentenza penale di condanna è passata in giudicato?

DA QUANDO DECORRE LA REVOCA PATENTE?

Inizialmente questo dubbio aveva ‘incartato’ diversi tribunali, visto che sulla stessa questione erano uscite sentenze diverse. Ma in seguito la giurisprudenza ha decisamente virato verso la soluzione meno favorevole al trasgressore, stabilendo tempi più lunghi per la revoca. Aveva disposto già in tal senso un’ordinanza ministeriale del 2015. E l’ultima sentenza della Cassazione depositata lo scorso 20 maggio 2019 ha confermato la ‘linea dura’, sciogliendo definitivamente tutte le incertezze sull’argomento. I tre anni di revoca patente non decorrono dalla data del sinistro o del ritiro, ma dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna.

LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE SULLA REVOCA PATENTE

Nel caso in discussione, leggiamo sul sito dell’Ansa, la Corte di Cassazione è stata chiamata a deliberare sul caso di un cittadino che si era rivolto al Giudice di Pace di Rovereto per contestare la revoca della patente fatta partire non dal giorno dell’incidente e della sospensione cautelare del documento di guida (15 dicembre 2013), ma dalla data di notifica della revoca stessa (5 settembre 2014). Accogliendo però il ricorso del Commissariato di Governo per la Provincia Autonoma di Trento, la Cassazione ha specificato un elemento importante. E cioè che “il provvedimento di revoca non viene in esistenza prima che il Giudice Penale lo pronunci”. Di conseguenza “la sua applicazione non può iniziare prima che la sentenza penale sia passata in giudicato. La revoca della patente è pertanto un atto ad efficacia istantanea adottabile solo una volta che la sentenza penale di condanna sia, appunto, passata in giudicato”.

LA SOSPENSIONE CAUTELARE DELLA PATENTE SI SOMMA ALLA REVOCA

Il risultato pratico, commenta giustamente il Sole 24 Ore, è che con quest’ultima interpretazione della Suprema Corte il condannato non può ottenere una nuova patente per un lasso di tempo ben più lungo dei tre anni previsti dal CdS. Il triennio di revoca effettiva disposto dal giudice va infatti sommato, e non sovrapposto, al periodo di sospensione cautelare della patente che la Prefettura dispone subito dopo l’infrazione. E visto che la sospensione cautelare può protrarsi per anni in attesa del processo, i conti sono belli e fatti…

L'articolo Revoca patente: da quando decorre? La risposta della Cassazione proviene da SicurAUTO.it.

Sospensioni Öhlins per 124 Abarth by Andreani Group

di redazione

La gamma delle performanti sospensioni Öhlins Road & Track si è ampliata con il modello specifico per la Fiat 124 Abarth. Le sospensioni Öhlins Road & Track sono distribuite da Andreani Group e dotate dell’esclusiva tecnologia DFV (Dual Flow Valve), basata sull’utilizzo di valvole a doppio flusso che garantiscono una tenuta di strada e una trazione senza eguali, mantenendo al contempo un elevato livello di comfort.
Le sospensioni Öhlins Road & Track hanno l’assetto regolabile in estensione e compressione tramite un unico registro ed è possibile impostare anche il precarico molla; la loro particolare conformazione, invece, permette di modificarne l’altezza agendo sugli appositi registri senza variare il precarico molla; rispetto al setup standard definito dalla Casa si raggiunge un abbassamento di 20 mm all’anteriore e di 15 mm al posteriore.
Gli assetti Road & Track sono realizzati con componenti di alta qualità che permettono di superare diversi test tra cui quelli ISO 9227, che hanno consentito di portare la garanzia a ben due anni.
Info: Tel. 0721/20921 – www.andreanigroup.com

L'articolo Sospensioni Öhlins per 124 Abarth by Andreani Group proviene da ELABORARE.

Andreani Group programma corsi

di Marco Savo

andreani-corsi-tecnici-preparatori

Sulla scia di quelli moto e bici, Andreani Group presenta i corsi Advanced Suspension Technology dedicati ai tecnici e preparatori del mondo auto che hanno già maturato una esperienza e che vogliono approfondire gli argomenti legati alle sospensioni.  Il primo il corso è in programma venerdì 17 e sabato 18 febbraio dalle 9,30 alle 18 al costo di 390,00 € Iva esclusa. Il programma della prima giornata rispecchia le tematiche trattate nel corso Suspension Technology Training: come gli ammortizzatori influenzano il grip e il bilanciamento della vettura, i layout sospensivi, le masse sospese e non sospese, rollio e beccheggio, gli angoli caratteristici (Convergenza, Camber, Caster, King Pin), la tecnologia e il funzionamento degli ammortizzatori standard e di quelli TTX, le caratteristiche dell’olio, l’importanza della manutenzione e la regolazione degli ammortizzatori.andreani-corsi-tecnici-preparatori-2 Il secondo giorno si analizzano le dinamiche della sospensione e dell’assetto della vettura per lavorare in modo approfondito su assetti, ammortizzatori e telemetria, toccando argomenti quali motion ratio, roll center, ackermann, recupero convergenza e recupero camber, roll e bump steer, dinamica del veicolo, centro di gravità, beccheggi e antifeatures, rollio e trasferimenti di carico e gli effetti che questi fattori hanno sulle gomme, l’importanza della rigidezza del telaio, il funzionamento degli ammortizzatori e gli effetti che le regolazioni hanno su di essi, esempi di analisi della telemetria. Info: Andreani Group, Strada della Romagna 361, 61121 Pesaro (PU), telefono 0721/20921, info@andreanigroup.com, facebook.com/andreanigroup.

DS3 test con assetto regolabile Öhlins

di redazione

DS3 test assetto Ohlins

Il settimo step di elaborazione sulla DS3 ha visto il test con l'assetto regolabile Öhlins sulla pista dell'Isam di Anagni. Öhlins, in collaborazione con lo staff tecnico di Andreani Group, ha sviluppato appositamente per questo test il kit specifico per la DS3. Regolabile nella taratura e nell’altezza, è la soluzione più sofisticata per questa vettura. gli ammortizzatori della linea R&T utilizzano l'esclusiva tecnologia DFV (Dual Flow Valve) con valvole a doppio flusso che garantiscono una tenuta di strada ottimale, consentendo al pneumatico di lavorare al meglio; ciò si traduce in migliori performance su pista e maggiore comfort, feeling e piacere di guida su strada. Questo kit prevede la regolazione idraulica dell'estensione dell'ammortizzatore e il precarico delle molle, con un'altezza più bassa di 15 mm rispetto all'originale. Le molle anteriori e posteriori sono di tipo lineare con un K rispettivamente di 60 N/mm e 34 N/mm.(...) DS3 test assetto Ohlins DS3 test assetto Ohlins COMPORTAMENTO SU STRADA - Comparabile all'originale, il comfort di bordo è rimasto molto buono. Tuttavia si avverte una maggiore frenatura dell'ammortizzatore, che riesce a smorzare in fretta i movimenti della sospensione. In autostrada o comunque a velocità superiori ai 100 km/h è più efficace un setup medio rigido dell'ammortizzatore, piuttosto che quello morbido, più indicato per l'utilizzo cittadino.(...) COMPORTAMENTO IN PISTA - Rollio e beccheggio sono ridotti ai minimi termini, ma anche in questo caso il posteriore non scorre come vorremmo, i pneumatici nemmeno si scaldano. Alla curva Mare così come con i Bilstein, la gomma anteriore esterna tende ad andare in deriva e un posteriore così abbottonato di certo non favorisce la percorrenza. Meglio privilegiare una guida pulita senza forzare troppo in curva.(...) DS3 test assetto Ohlins Hot lap in pista con Pierluigi Mancini - Ad un prezzo più elevato Öhlins offre un ottimo prodotto. Nel test slalom il risultato è paragonabile a quello del Bilstein, con una notevole riduzione del rollio e un apprezzabile miglioramento in termini di reattività e prontezza. Nel test comfort gli Öhlins ci hanno sorpreso: nonostante la rigidezza, hanno dimostrato una buona capacità di assorbimento dei duri colpi, che poi avrei riscontrato anche saltando sui cordoli in pista. (...) L'articolo completo con il test dell'assetto regolabile Öhlins sulla DS3 è su Elaborare 214. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI

Cover Elaborare 214

DS3 test con assetto completo Bilstein

di redazione

DS3 Test MAK Yokohama

Il sesto step di elaborazione sulla DS3 ha visto il test con assetto completo Bilstein .  sulla pista dell'Isam di Anagni, dove smontiamo nuovamente le sospensioni per installare un assetto completo, regolabile in altezza, ma caratterizzato dalla taratura fissa: Bilstein PSS 14. L'assetto Bilstein PSS 14 è stato studiato appositamente per uso stradale quotidiano, senza disdegnare qualche evento track day nel fine settimana. Le molle sono di tipo progressivo, per il massimo comfort a basse velocità e una buona performance nell’utilizzo più spinto, ad esempio in circuito. DS3 test assetto Bilstein Il carico ad altezza statica parte da 55 N/mm (ant.) e 49 N/mm (post.) e s’incrementa man mano che la molla viene schiacciata. L'abbassamento sull'anteriore certificato dal TÜV tedesco è da 30 fino a 50 mm, mentre al posteriore si può regolare da -5 fino a -15 mm. Gli ammortizzatori sono a stelo rovesciato, sistema up-side-down. Come tutti i componenti Bilstein sono pressurizzati ad alta pressione, revisionabili e, in caso di necessità, ritarabili su specifica del cliente presso il "Bilstein Technical Center" di Bolzano. La taratura di base per l’anteriore è di 770 Newton in estensione e 110 Newton in compressione, ad una velocità di 0,52 metri al secondo, mentre per il retrotreno il setup è 1.020 Newton in estensione e 135 Newton in compressione, sempre alla stessa velocità. DS3 test assetto Bilstein DS3 test assetto Bilstein DOSSO - Il comfort a bordo è decisamente peggiorato per via delle molle più dure. Si avverte un colpo secco che scuote tutto l'avantreno e viene mal digerito anche dal pilota. COMPORTAMENTO IN PISTA - Come per lo slalom, il ridotto rollio aumenta la precisione in curva. Tra tutte le configurazioni è quella che mi ha convinto di più proprio per il miglior inserimento, più diretto. Il retrotreno, invece, ha perso la vivacità di serie limitando l'agilità della vettura di curvare nel misto stretto, ma aumentando la soglia di confidenza del guidatore nei curvoni veloci. La ruota posteriore non si alza più in curva, mentre si avvertono maggiormente le reazioni passando sui cordoli. DS3 test assetto Bilstein DS3 test assetto Bilstein HOT LAP IN PISTA - Prima di scendere in pista per il Time Attack sperimento il passaggio sui dossi e lo slalom. In questa prova noto innanzitutto la drastica riduzione del rollio, che permette di viaggiare a velocità nettamente superiori tra i birilli senza nessuno sforzo. (...) L'articolo completo con tutti i dettagli del test sulla DS3 con assetto completo Bilstein è su Elaborare 214. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI

Cover Elaborare 214

❌