Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 26 Marzo 2019RSS feeds

Firenze sarà PlasticFree dal 2020? L’iniziativa avviata da una scuola

di Donato D'Ambrosi

Quello della plastica è un problema di cui ci stiamo accorgendo solo negli ultimi tempi, dopo decenni di incurante abuso di materiale usa e getta che finisce in discarica o nell’ambiente. Il tema sta diventando argomento di dibatti e iniziative da più parti (Volvo ha deciso di ripulire alcuni porti italiani) tanto da impegnare attivamente gli alunni della scuola secondaria di I grado dell’Istituto Comprensivo Centro Storico Pestalozzi di Firenze, diretto dalla Preside Carla Busconi, che hanno strappato una promessa al sindaco di Firenze dopo una tavola rotonda organizzata tra gli alunni e l’Assessore all’Ambiente Alessia Bettini del comune di Firenze. Mentre l’Unione Europea delinea il bando totale alla plastica di più ampio consumo, la città di Firenze sembra avviarsi verso un’ordinanza PlasticFree e potrebbe essere persino la prima città d’Italia a bandire anche la plastica biodegradabile.

GLI ALUNNI INCONTRANO I POLITICI

Immaginare una quotidianità senza plastica non è complicato, se a dimostrare sulla carta che è possibile ci hanno pensato dei ragazzi, coinvolgendo gli insegnanti dell’istituto e Greenpeace e WWF. Ma la caparbietà degli alunni del Pestalozzi li ha portati oltre, organizzando una tavola rotonda con l’Assessore all’Ambiente Alessia Bettini alla quale hanno esposto i traguardi del progetto “Scuola Plastic Free” coordinato dall’insegnante Maria Vittoria Cangialosi, biologa marina ricercatrice nell’ambito dell’ecotossicologia. 12 alunni in rappresentanza di tutte le sezioni della scuola hanno contestualmente commentato le iniziative da poter mettere in campo e quelle già attuate dai Comuni italiani che hanno aderito al “Plastic Free Challenge” lanciato dal Ministro dell’Ambiente Costa il 12 giugno 2018. Ma in cosa consiste all’atto pratico l’impegno dei ragazzi della scuola Pestalozzi di Firenze?

LA PROMESSA DI UN’ORDINANZA “PLASTICFREE” A FIRENZE

Con una lettera indirizzata al Sindaco di Firenze Dario Nardella, gli alunni si sono attivati per informarlo del loro progetto e della manifestazione organizzata per fine marzo con lo scopo di sensibilizzare i cittadini. L’entusiasmo dei ragazzi è stato premiato dal supporto del Sindaco che ha accolto con interesse la proposta di un’ordinanza PlasticFree. Ordinanza che gli alunni confidano possa arrivare già entro il 29 marzo, in occasione della manifestazione organizzata davanti a Palazzo Vecchio. Le aspettative sono molto alte se si pensa che tutti i manager che interverranno al festival dell’economia sostenibile a Palazzo Vecchio, in programma lo stesso giorno, potranno decidere di implementare l’iniziativa PlasticFree proposta dagli alunni nelle loro imprese.

I BENEFICI SENZA PLASTICA

Un piccolo sforzo per ridimensionare l’abuso di plastica a casa, a scuola, negli uffici e negli esercizi pubblici può portare grandi vantaggi, secondo gli alunni che hanno avanzato la proposta al sindaco sull’ordinanza PlasticFree. Basterebbe preferire le cialde (quelle con involucro di carta) al posto delle capsule di plastica e utilizzare tazzine lavabili per la pausa caffè. O ancora spingere anche i genitori a organizzare la merenda dei figli con contenitori riutilizzabili al cui interno si può conservare il cibo privo di involucri di plastica. Lo stesso vale per gli adulti, che quando sono fuori casa e hanno sete corrono ad acquistare bottigliette di plastica al bar. Magari circolare con una borraccia non sarà facile sulle prime e ci si dovrà abituare, ecco perché l’attivismo degli alunni spinge anche il Comune a pubblicizzare meglio l’utilizzo delle fontane pubbliche. E se a guadagnare una riduzione della TARI o un buono spesa saranno anche i negozianti e i cittadini privati – come prevede la richiesta degli alunni al Sindaco Nardella -, cambiare le abitudini quotidiane in favore di un’ecologia circolare è uno sforzo che fa bene alla salute e alla tasca. Ci auguriamo che l’iniziativa proposta da questi “giovani adulti” possa fare breccia sul Sindaco Nardella e a seguire altri politici locali o nazionali. Insomma a Firenze sembra essere nata una comunità di piccoli “Greta” che stanno facendo dell’ecologia la loro missione.

L'articolo Firenze sarà PlasticFree dal 2020? L’iniziativa avviata da una scuola proviene da SicurAUTO.it.

Meno recentiRSS feeds

Google Docs usato per chattare in classe

di Marco Locatelli

Con la recentissima chiusura di Google Allo e con Plus che si “spegnerà” definitivamente il 2 aprile, il colosso di Mountain View non sembra essere particolarmente sul pezzo per quanto riguarda il mondo social e i servizi di messaggistica. Ma c’è un servizio che – inaspettatamente – social lo è diventato suo malgrado, senza che ciò fosse previsto. Stiamo parlando di Google Docs.

Leggi il resto dell’articolo

Etica e morale per aspiranti ingegneri, perché il corso del PoliMi è solo un inizio

di Valerio Porcu
Al Politecnico di Milano è stato introdotto il corso Ethics for Technology, un percorso formativo pensato per mettere ingegneri e scienziati in condizioni di affrontare “una sfida urgente e del tutto nuova, quella di affrontare l’innovazione in maniera consapevole, sentendosi responsabili non solo del buon funzionamento delle innovazioni. Ma anche delle loro conseguenze”. Come si legge su […]

Lo stato digitale delle scuole in Italia: solo l’11,2% con connessioni superiori ai 30 Mbps

di Dario D'Elia
Il rapporto AGCOM “Educare Digitale” sullo stato digitale delle scuole in Italia è piuttosto preoccupante sotto il punto di vista delle infrastrutture: le connessioni a Internet sono inadeguate. Il dato più eclatante è che ad oggi esiste ancora un 3% degli edifici scolastici – prevalentemente primari e dislocati per la maggior parte nel sud Italia […]

USA, una IA che previene le stragi a scuola

di Marco Locatelli

Tra i tantissimi utilizzi che può avere l’intelligenza artificiale c’è anche quello di prevenire stragi all’interno degli istituti superiori americani, dove effettivamente capita non di rado di assistere a tristi fatti di cronaca nera.

Leggi il resto dell’articolo

Interazione umani-robot, a Pisa svelati i segreti della manipolazione degli oggetti

di Valerio Porcu
Sviluppare nuove tecnologie significa anche studiare come interagiscono persone e macchine. E nel caso dei robot, un aspetto critico è quando umano e macchina si passano materialmente un oggetto. Un ambito di studio in cui la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa sembra aver raggiunto una svolta. Nello studio On the choice of grasp type and […]

Bill e Melinda Gates: i libri di testo a scuola sono obsoleti

di Valerio Porcu
Come ogni anno, Bill Gates e sua moglie Melina hanno pubblicato una lettera aperta, dedicata alla loro visione sul 2018 e a cosa ci si può aspettare nell’immediato futuro. È una lettura interessante per chiunque mastichi un po’ d’inglese, dove trova spazio anche qualche parola per dire che i libri di testo scolastici stanno diventando obsoleti. […]

Fortnite, insegnante gioca con allievi: licenziato

di Marco Locatelli

“Il gioco è bello quando dura poco”, recita un antico proverbio. E anche quando si tratta di videogiochi l’equazione dovrebbe essere la stessa, più o meno. E lo sa bene Brett Belsky, 29enne insegnante di ginnastica di Brooklyn che ha giocato con i suoi alunni a Fortnite. Non lo ha fatto a scuola, ma  la scelta che gli è comunque costata il posto di lavoro.

Leggi il resto dell’articolo

Verso gli uomini bionici, installata una mano robotica di nuova generazione

di Valerio Porcu
È un nuovo passo verso l’uomo cibernetico quello compiuto dai medici svedesi, che hanno donato a una paziente un “impianto transradiale (sotto il gomito) stabile e permanente per il controllo di una mano robotica”. Ce ne dà notizia la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che ha collaborato allo sviluppo della protesi è che da anni è […]
❌