Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Come sostituire vetro iPhone

di Simone Rossi
È impossibile negare che gli iPhone siano dei dispositivi molto amati e davvero belli esteticamente ma allo stesso tempo anche notevolmente fragili per il loro schermo che possiede un vetro il quale, nella maggior parte leggi di più...

FlexPai, ecco il primo smartphone con schermo flessibile. Innovativo e costoso

di Valerio Porcu

Si chiama FlexPai il primo vero tablet flessibile del mondo, e lo produce una società californiana di cui probabilmente non avete mai sentito parlare, che risponde al nome di Royole Technology. Questo smartphone, appena presentato, dovrebbe anche essere il primo a montare uno Snapdragon 8150, anche se il sito ufficiale parla genericamente di Snapdragon serie 8 octa-core a 2,8 GHz. Per le dimensioni dello schermo, 7,8″ di diagonale, siamo di fronte a un tablet, con uno spessore di 7,6 mm (appena meno di un iPhone X, per intenderci); la risoluzione è di 1920 x 1440 (expanded mode) e il pannello è un AMOLED, flessibile ovviamente.

Il dispositivo si piega in due, schermo compreso, e una volta fatta questa operazione il display si divide e può mostrare un’applicazione per lato. La parte curva offre alcune funzioni specifiche. Il FlexPai, dunque, una volta piegato ha le dimensioni di uno smartphone da 4 pollici, più o meno. Ma lo spessore aumenta e non sembra molto comodo da tenere in tasca – il che svilisce un po’ tutto il concetto di “piegabilità”. Ma siamo pur sempre davanti a un primo passo. Si può dire che è un tablet che diventa un telefono e viceversa, con alcuni limiti.

Immagine: Flexpai

L’azienda ha evidentemente lavorato in fretta per arrivare prima di Samsung e degli altri colossi hi-tech, riuscendo se non altro a guadagnarsi gli onori della cronaca e l’attenzione dei riflettori per qualche ora. Tanto potrebbe bastare a trovarsi un proprio posto nel mercato, facendo a gomitate in uno spazio già affollato. Qualcuno comprerà il FlexPai, cominceranno a girare test e opinioni, e se son rose fioriranno. Se i concept mostrati da Samsung sono più raffinati, a Royole Technology va il merito di essere arrivata per prima.

Trattandosi di una tecnologia nuovissima il prezzo indicato appare alto ma non sorprendente: 1.388 (128 GB) oppure 1.539 euro (256 GB). Si può ordinare da subito, ma tenete in considerazione che è un prodotto inteso per gli sviluppatori.

L'articolo FlexPai, ecco il primo smartphone con schermo flessibile. Innovativo e costoso proviene da Tom's Hardware.

Samsung produrrà un notebook con schermo flessibile

di Andrea Rossi
Di smartphone con schermo flessibile abbiamo già iniziato a parlarne da qualche anno, con la presentazione di diversi prototipi che per il momento non sono entrati in produzione. Samsung però sposta il tiro su di leggi di più...

Google Pixel 3: i suoi angoli sono ancora più rotondi

di Andrea Rossi
Per quanto riguarda Google Pixel 3, gli esperimenti dell’azienda sul design si sono estesi al software, introducendo nuove funzionalità prima mai vista. Stiamo parlando degli angoli rotondi presenti ai bordi dello schermo che sembrano aver leggi di più...

Samsung sempre più vicina al suo primo smartphone con display flessibile

di Claudio Apicella

Sono ormai diversi anni che, ad ogni fiera tecnologica o grande evento che si rispetti, Samsung è solita affiancare al lancio dei suoi “classici” terminali, uno o più concept che stuzzicano la nostra fantasia. Uno di questi è stato sicuramente lo smartphone flessibile, fornito di un display capace di subire flessioni e torsioni, adattandosi a varie forme ed esigenze.

Ora però il tempo sembra maturo per trasformare tali fantasie in realtà. A comunicarlo infatti è proprio il presidente di Samsung Mobile DJ Koh che recentemente, in un’intervista rilasciata alla CNBC, ha dichiarato che a fine del 2018 saranno rilasciati maggiori dettagli circa tale tecnologia. Non ci resta che attendere quindi la conferenza per gli sviluppatori di Novembre per avere altre info riguardo le funzionalità e il rilascio di quello che si prospetta essere lo smartphone più atteso della prossima generazione.

Uno smartphone flessibile che si fa attendere

Samsung è stata sempre restia negli anni a rilasciare info riguardo questo tipo di terminali e sull’avanzamento dello sviluppo degli schermi OLED flessibili. Ma le parole del presidente in persona lasciano ben sperare che a breve Samsung sia pronta a colpire nuovamente il mondo della telefonia mobile e delle sue forme con un sorprendete effetto “WOW” che oramai manca dal rilascio, ormai datato di qualche anno, dello schermo curvo edge to edge introdotto nei suoi top di gamma.

DJ Koh, infatti, alla domanda su quali dovrebbero essere le funzionalità che che dovrebbero convincere il pubblico a optare per questa nuova tecnologia, ha risposto: “Ogni dispositivo, ogni funzionalità, ogni innovazione che rilasciamo, dovrebbe portare con se un messaggio importante per il consumatore finale, facendo si che quando il cliente alla fine lo userà dovrà pensare ‘WOW, ecco il motivo per cui Samsung l’ha fatto’“.

Miracast: cos’è, come funziona e come usarlo

di Giuseppe Testa
Miracast cosa è come funziona e come usarlo

Desideri condividere i tuoi contenuti multimediali dallo smartphone o dal tablet direttamente sulla tua TV? Tra le tante tecnologie che puoi sfruttare una delle migliori è Miracast. Scopri in questa guida completa cosa significa Miracast, come funziona e come puoi utilizzarlo efficacemente per connettere un dispositivo portatile alla tua TV. Cosa è, come funziona e […]

Miracast: cos’è, come funziona e come usarlo

❌