Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Istituto Superiore della Sanità: l’uso del cellulare non aumenta i rischi di neoplasie

di Dario D'Elia
Oggi l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato il Rapporto ISTISAN Esposizione a radiofrequenze e tumori: un documento che fa il punto anche sui presunti rischi legati ai cellulari, Wi-Fi, 5G, etc. Un gruppo di esperti di diverse agenzie italiane (ISS, ARPA Piemonte, ENEA e CNR-IREA), composto da Susanna Lagorio, Laura Anglesio, Giovanni d’Amore, Carmela Marino […]

Migliorare i processi bancari con il cloud? Il caso di Intesa Sanpaolo

di Antonino Caffo
Pure Storage è stata scelta da Intesa Sanpaolo per introdurre maggiore efficienza, resilienza e velocità nel sistema informatico dell’istituto finanziario. Già pienamente inserita nel flusso di digitalizzazione del settore banking, Intesa Sanpaolo ha avviato un processo di forte cultura del dato, quale area chiave di interesse per la crescita del gruppo. Attraverso il lavoro di […]

Guida Alla Frontiera Galattica ecco la nuova ambientazione per Savage Worlds

di Mabelle Sasso
L’Associazione Culturale Fulcrum ha annunciato Guida Alla Frontiera Galattica, una nuova ambientazione originale per il gioco di ruolo universale Savage Worlds. Guida Alla Frontiera Galattica sarà un’ambientazione di fantascienza, precisamente Hard Sci-Fi, basata sull’opera letteraria dello scrittore Giorgio Sangiorgi e illustrata in perfetto stile retrò anni ‘70 da Luca Oleastri. L’Hard Sci-Fi, di cui Sangiorgi è uno […]

Croazia: multe più severe per eccesso di velocità, alcol e altre infrazioni

di Antonio Elia Migliozzi

La Croazia adotta il pugno duro contro le infrazioni del Codice della strada. Il Parlamento croato ha licenziato degli emendamenti che introducono novità importanti sul fronte della sicurezza. In arrivo norme più severe per chi viene sorpreso ubriaco al volante o supera i limiti di velocità. Nuove sanzioni pecuniarie con importi da 2.000 a 2.700 euro per 8 reati di particolare gravità. Giro di vite sull’eccesso di velocità ma anche sull’attraversamento di un incrocio a semaforo rosso. La stretta colpisce anche coloro che si rifiuteranno di essere sottoposti a test per verificare l’uso di alcool o droghe. Queste novità legislative arrivano dopo un 2018 molto preoccupante sul fronte della sicurezza sulle strade della Croazia. Nei primi 8 mesi dello scorso anno ben 217 persone hanno perso la vita a causa di incidenti stradali. Diamo uno sguardo ai nuovi provvedimenti appena entrati in vigore.

NUOVE NORME

Il Parlamento croato ha approvato alcuni emendamenti alla legge che regola la sicurezza stradale. In arrivo sanzioni elevate per alcune infrazioni stradali molto diffuse. Obiettivo delle modifiche, approvate ad inizio mese, gli 8 reati più gravi. Questi subiranno una multa da 2000 a 2700 euro che sostituiranno quelle ad oggi vigenti che vanno da 675 a 1350 euro. Le multe si applicano a reati quali la guida contromano sulle autostrade, il superamento del limite di velocità di oltre 50 km/h il passaggio a semaforo rosso. A queste fattispecie si aggiungono il rifiuto di sottoporsi a test dell’alcool o della droga o la guida sotto l’effetto delle medesime sostanze. Saranno puniti con la stessa fermezza quanti verranno sorpresi al volante sprovvisti di patente di guida o con la patente sospesa o revocata. Nel caso si commetta la stessa infrazione entro tre anni, ci sarà la sospensione della patente per almeno sei mesi.

TREND PREOCCUPANTE

Oltre alle sanzioni pecuniarie la Croazia prevede inoltre la confisca temporanea del veicolo ai soggetti recidivi. La svolta normativa arriva dopo che gli indicatori statistici riguardanti gli incidenti stradali sono schizzati alle stelle nel corso degli ultimi anni. Basti pensare che nei primi otto mesi del 2018 ben 217 persone sono morte in Croazia a causa di sinistri. Per fare un confronto si tratta dello stesso numero registrato in tutto il 2017. Alla luce di questa situazione preoccupante le autorità croate intendono invertire questa tendenza negativa prevenendo gli incidenti stradali e le loro conseguenze. Già dalla fine del 2018 la polizia ha intrapreso in tutto il paese una intensa attività di controllo soprattutto nei fine settimana. Tra il 21 e il 24 settembre 2018, sono state sanzione 4.856 infrazioni per uso di alcol e droghe, e violazione dei limiti di velocità.

CONTROLLI A TAPPETO

Droghe, alcool e alta velocità restano un mix di fattori letale. Nel 2018 in Unione europea, 251.000 persone sono morte in incidenti stradali. Dai numeri si coglie un timido calo dell’1% rispetto al 2017, mentre rispetto al 2010 il numero di vittime è diminuito del 21%. Anche in Croazia le multe nuove e più severe combinate con programmi di sensibilizzazione destinati ai conducenti stanno dando frutti. Nel 2010, 99 persone per milione sono morte a causa di incidenti stradali in Croazia. Facendo un confronto con il 2018 il rapporto è sceso a 77, ovvero il 26% in meno. La maggior parte di questi decessi è rappresentato da giovani conducenti, in particolare uomini. Certo molto resta da fare perché i numeri della Croazia rimangono elevati, la media Ue relativa al 2018 parla di 49 decessi per milione di abitanti. Le strade croate sono pertanto tra le più pericolose dell’intera Unione europea.

The post Croazia: multe più severe per eccesso di velocità, alcol e altre infrazioni appeared first on SicurAUTO.it.

Cloud e dati sanitari, due mondi destinati a incrociarsi (prima o poi)

di Antonino Caffo
Il settore sanitario, così come molti altri, è in continua trasformazione. Si tratta di un cambiamento fortemente permeato dalla tecnologia. Sappiamo che i dati inerenti pazienti, terapie e statistiche sono molto più delicati di quelli prodotti e gestiti da vari settori. Per questo, lo switch evidente altrove, qui è forse più combattuto, meno veloce e […]

Nissan perde il 90% dei profitti e si prepara a massicci licenziamenti

di Donato D'Ambrosi

Nissan affronterà un periodo di rinnovamento che per 10 mila dipendenti nel mondo significherà cambiare mansione o anche lavoro. Dopo l’uscita dell’ex CEO Ghosn, Nissan fa i conti con un calo di profitti e scarse vendite soprattutto negli USA. Così dopo il piano di tagli annunciato a maggio Nissan si avvia verso una fase di rinnovamento dei modelli e di ridimensionamento degli stabilimenti che lavorano meno.

NISSAN E LA POLITICA USA DEGLI SCONTI

L’uscita di scena di Carlos Ghosn, che ora ha avviato anche un’azione legale contro Nissan, ha portato a un calo delle vendite soprattutto negli USA. L’ex CEO infatti era noto per la sua proverbiale capacità di risollevare le finanze con politiche apprezzate e discusse. Dopo Ghosn, Nissan si trova nel primo trimestre con il peggior bilancio che abbia mai registrato negli ultimi 10 anni, riporta Reuters. “Le performance in calpo negli Stati Uniti è un grosso problema che stiamo affrontando“, ha spiegato Motoo Nagai, presidente del comitato di revisione Nissan. “Per molto tempo ci siamo preoccupati di inseguire i numeri. Ora è il momento di migliorare il marchio

10 MILA POSTI IN MENO NELLE FABBRICHE LENTE

Non ci sarebbero info ufficiali sul nuovo piano di tagli mentre è confermato il calo di profitti del 90% nel primo trimestre. Un calo di vendite che negli USA, il secondo mercato di riferimento per Nissan, ha riguardato soprattutto la Altima. I tagli annunciati a maggio di 4800 dipendenti sarebbero diventati 10 mila e riguarderebbero tutti gli stabilimenti esteri che hanno meno operatività. La notizia riportata da AutoNews non è stata commentata ufficialmente da Nissan, che deve fare i conti anche con la causa legale dell’ex CEO Ghosn contro l’azienda che l’ha messo alla porta.

GHOSN CONTRO NISSAN E MITSUBISHI

Carlos Ghosn ha fatto causa a Nissan chiedendo un risarcimento di 17 milioni di dollari perché, secondo i suoi legali, sarebbe stato licenziato senza una giusta causa. Il manager argentino a capo dell’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi intanto è imputato anche nel procedimento legale in corso in Giappone. Ghosn si sarebbe avvalso di una legge che impone nei Paesi Bassi, dove è stata depositata la denuncia contro Nissan e Mitsubishi, di comunicare la causa al dipendente del licenziamento. Mitsubishi e Nissan invece sostengono che il manager abbia ottenuto in modo improprio 9 milioni di dollari di risarcimenti. Solo il tribunale olandese stabilirà se la richiesta è lecita, ma per ora non è ancora stata fissata la data del processo.

The post Nissan perde il 90% dei profitti e si prepara a massicci licenziamenti appeared first on SicurAUTO.it.

Taxi Drift all’Autoshow Elaborare Day a Modena

di redazione

Il 22 settembre all’Autodromo di Modena si svolgerà il Taxi Drift! Sarà la Gallo Drifting School, che è partner dell’Autoshow di Elaborare, a occuparsi della gestione del Taxi Drift. A disposizione del pubblico ci saranno due BMW M3 e due Nissan (Silvia e 350Z), appositamente preparate per le esibizioni in pista con traversi e fumate.

Chi vorrà provare l’ebbrezza del drifting potrà prenotarsi via mail – corsidrift@gmail.com – oppure direttamente al Box della scuola. Il costo è di 30 Euro (2 giri di pista) – 40 Euro (tre giri) e 50 Euro (4 giri). Sono necessari il casco e lo scarico di responsabilità.

Il 22 settembre tutti all’Autodromo di Modena dove si svolgerà l’AutoShow di Elaborare! Oltre alla consueta attività di TrackDay in pista e alle numerose aziende del settore presenti, all’Autoshow di Elaborare si svolgeranno numerose iniziative per una full immersion totale nel mondo del motorsport. L’ingresso è gratuito per auto e visitatori!
www.elaborare.comwww.auto-show.it/

NON PRENDERE IMPEGNI VIENI A MODENA IL 22 SETTEMBRE!
TI ASPETTIAMO IN PISTA CON LA TUA AUTO PER UNA GIORNATA DI GRANDI EMOZIONI!

Autodromo di Modena
Autodrmo di Modena AUTOSHOW



L'articolo Taxi Drift all’Autoshow Elaborare Day a Modena proviene da ELABORARE.

Crisi sulle Terre Infinite: Brandon Routh sarà Superman di Kingdom Come

di Emanuela Acri
Sarà ancora una volta Brandon Routh a interpretare Superman di Kingdom Come in Crisi sulle Terre Infinite, crossover dell’Arrowverse. L’annuncio è arrivato nel corso dell’evento Comic Con di San Diego che si è svolto nei giorni scorsi. In oltre assisteremo al ritorno di Jon Cryer, che vestirà i panni di Lex Luthor. Dunque, i fan saranno contenti di vedere […]

Watchmen: ecco il trailer ufficiale!

di Emanuela Acri
L’evento di San Diego che si è tenuto nei giorni scorsi è stato veramente ricco di sorprese per gli appassionati del mondo del cinema e dei fumetti. Tra le varie novità, al San Diego Comic Con 2019 è stato presentato il trailer dell’attesa serie televisiva Watchmen, targata HBO. Gli episodi di Watchmen sono tratti dall’omonimo fumetto […]

SDCC 2019: Marvel Studios annuncia Fase 4 del MCU

di Emanuela Acri
Nel corso del San Diego Comic Con 2019, Marvel Studios ha annunciato la Fase 4 dell’Universo Cinematografico Marvel, dunque sono stati svelati i debutti dei nuovi film e telefilm. Tutti gli show televisivi che sono stati ufficializzati da Marvel potranno essere seguiti sulla piattaforma streaming Disney+. A rendere noto in nuovo programma è stato Kevin Feige, presidente […]

SDCC 2019, LEGO realizza modellini in scala 1:1

di Emanuela Acri
L’evento più atteso dell’anno, dedicato al mondo del cinema e dei fumetti è finalmente arrivato. Il San Diego Comic-Con 2019, che è iniziato martedì 18 e terminerà domenica 21 luglio, ha riservato molte sorprese agli appassionati del mondo nerd. Uno dei protagonisti assoluti, e sempre presente da qualche anno a questa parte, alla convention di […]

San Francisco (USA): dal 2040 potranno circolare solo auto elettriche

di Antonio Elia Migliozzi

San Francisco decide una stretta sui motori a combustione per migliorare la qualità dell’aria. La città americana bloccherà entro il 2040 la circolazione di auto, van e camion alimentati dai tradizionali motori termici. Si tratta di un chiaro impegno contro le emissioni di CO2 che pone San Francisco in linea con la strategia dello Stato della California. Nel 2018, infatti, l’allora Governatore della California Jerry Brow aveva firmato un ordine esecutivo per favorire l’immatricolazione 5 milioni di nuovi veicoli a emissioni zero entro il 2030. Il piano si accompagnava ad uno stanziamento di denaro pubblico per l’istallazione di 250.000 stazioni di ricarica entro il 2025.Va comunque specificato che, secondo il Dipartimento ambientale della città, il 44% delle emissioni proviene dagli impianti di riscaldamento degli edifici commerciali e residenziali. Vediamo come San Francisco metterà in pratica la sua svolta a favore della mobilità green.

ARIA PULITA

L’amministrazione della città americana di San Francisco è decisa ad eliminare i gas serra emessi da auto, camion e più in generale da tutti i veicoli a motore. La deadline fissata è quella del 2040. Come primo passo verso questo ambizioso obiettivo il sindaco, London Breed, varerà una normazione specifica per installare in tempi brevi una nuova rete di stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Le colonnine troveranno posto all’interno di parcheggi pubblici e privati della città. Numeri alla mano il traffico di auto e camion genera il 46% di tutte le emissioni di CO2 nell’area di San Francisco. La mobilità, individuale e collettiva, porta il maggior contributo alle emissioni in città. Si lavora anche ad una legislazione che imporrà ai proprietari degli immobili commerciali di utilizzare energia proveniente da fonti 100% rinnovabili entro il 2030.

TAGLIO DELLE EMISSIONI

Da diverso tempo l’amministrazione di San Francisco sta cercando di stimolare l’adozione di veicoli elettrici da parte dei cittadini. L’impegno di San Francisco è in linea con quello dello Stato della California. Nel 2018, l’allora Governatore Jerry Brown, ha firmato un ordine esecutivo per favorire l’immatricolazione di 5 milioni di nuovi veicoli a emissioni zero entro il 2030. A questo si affiancava uno stanziamento per installare 250.000 stazioni di ricarica entro il 2025. London Bread, sindaco di San Francisco, ha chiarito in una nota: “Per raggiungere i nostri obiettivi climatici e migliorare l’aria che respiriamo, dobbiamo elettrificare i trasporti pubblici e privati.” Quanto allo scarso numero di colonnine di ricarica: “Sappiamo che uno dei maggiori ostacoli per le persone alla guida di un veicolo elettrico è l’accesso alla ricarica, vogliamo quindi assicurarci che la nostra città abbia l’infrastruttura di ricarica necessaria.”

COLONNINE DI RICARICA

La nuova legislazione di San Francisco promette di essere la prima del suo genere negli Usa. Nello specifico si prevede che i parcheggi privati e i garage con oltre 100 posti auto installino postazioni di ricarica per veicoli elettrici in almeno il 10% degli spazi. Sarebbero coinvolti circa 300 parcheggi nella città con i proprietari che avrebbero tempo fino al 2023 per mettersi in regola. L’impegno si estende ai garage gestiti direttamente dal comune e qui si parla di 340 nuovi punti di ricarica. Dal 2009 la città di San Francisco ha installato 200 colonnine pubbliche di ricarica. Oltre all’apertura di più stazioni di ricarica sono allo studio altre proposte volte a spingere più persone a scegliere i veicoli elettrici. Si pensa allora a rendere più economico il parcheggio in strada e presso i garage. In arrivo flotte elettrificate per quanto riguarda autobus e veicoli impegnati nella raccolta dei rifiuti.

The post San Francisco (USA): dal 2040 potranno circolare solo auto elettriche appeared first on SicurAUTO.it.

San Diego Comic Con 2019: ecco i gadget esclusivi

di Mabelle Sasso
Il San Diego Comic Con è uno degli appuntamenti più attesi dell’anno per quel che riguarda il mondo geek e la cultura pop, dove i più importanti player dell’industria dell’entertainment si ritrovano insieme nello stesso luogo per qualche giorno, rendendo questa città del sud della California il centro del mondo per gli appassionati dei vari […]

Dragon Ball: al Comic-Con verrà lanciata una KameHameHa da Guinness World Record!

di Roberto Tavecchia
Nutri un amore incondizionato per Dragon Ball e stai cercando di entrare nel Guinness World Record? Allora sappi che Toei Animation ha bisogno di te per creare la KameHameHa più grande del mondo. Save the date: mercoledì 17 luglio alle 15:30 (ora locale) al San Diego Comic-Con, Toei Animation punta a radunare il maggior numero […]

I 10 migliori parchi divertimento in Italia

di Giuseppe Genova
I parchi divertimento presenti in Italia sono decine e decine ma quali sono i migliori? Quelli che andrebbero visitati almeno una volta se siete degli amanti di questi luoghi di divertimento ed intrattenimento?  In questa classifica dei migliori parchi divertimento in Italia abbiamo tenuto conto di quelli rientranti nella categoria “parchi meccanici e/o tematici”. Alcune […]

Community: al Comic-Con i fratelli Russo presenteranno il film?

di Roberto Tavecchia
I fratelli Joe ed Anthony Russo oggi sono conosciutissimi grazie al loro grande lavoro svolto con i cinecomic Marvel. Reduci dal successo di Avengers: Endgame, i due registi hanno dichiarato di volersi prendere una pausa dai supereroi per dedicarsi a qualcos’altro. E se qual “qualcos’altro” fosse il film di Community, la serie TV che li […]

Le auto più vecchie d’Europa hanno oltre 17 anni e circolano in Polonia

di Donato D'Ambrosi

Pedaggi autostradali

Il parco auto circolante italiano è sicuramente tra i più vecchi d’Europa ad invecchiare non sono solo i veicoli privati per il trasporto passeggeri ma anche quelli commerciali leggeri e pesanti. Tra tutti i 27 Paesi, se si considera la sola età anagrafica media delle auto iscritte nei pubblici registri al 2017, la Polonia è il fanalino di coda. Almeno secondo il rapporto ACEA (l’Associazione Europea dei Costruttori di Auto), ma non bisogna lasciarsi offuscare dalla media, perché i Paesi in cui le auto sono più giovani sono anche quelli in cui il mercato è piatto e cresce sempre meno.

L’ECONOMIA CRESCE MENO DOVE LE AUTO SONO PIU’ GIOVANI

Si rimane un po’ sorpresi a guardare il rapporto dell’ACEA sull’età media del parco circolante in Europa, che vede la Polonia (con oltre 17 anni) in netto svantaggio. Non va peggio ad altri Paesi dell’est come Ungheria, Romani, Lituania e via dicendo. Ma non ci fa certo bella figura neppure l’Italia che per poco supera la media europea di 11,1 anni di età. Se si guarda con più attenzione alle singole realtà locali ci si accorge che in molti Paesi la crescita economica corre a una velocità totalmente diversa. Ed è proprio il caso della Polonia, che nello stesso periodo 2017 vs 2016, ha registrato una crescita del mercato auto nuove maggiore (dati UNARE) di Paesi come il Belgio, il Lussemburgo e il Regno Unito con un’età media del circolante sotto i 10 anni. Segno evidente e tangibile visitando la Polonia, che nelle città metropolitane l’economia è pulsante, ma magri nelle zone più rurali si percepisce ancora l’effetto del post comunismo.

MEZZI LEGGERI PIU’ VECCHI DELLE AUTO, MA NON SEMPRE

L’età media delle auto circolanti però non dovrebbe preoccupare più di quella dei mezzi da lavoro che invecchiano inesorabilmente come le altre. E il rinnovamento di veicoli utilizzati per lavoro segue a piè pari l’andamento dell’economia di un Paese: se l’economia gira e magari lo Stato sovvenziona, le aziende sono più spinte ad investire in nuovi strumenti. Ma non accade esattamente questo ad esempio in Grecia, il Paese con il parco di veicoli commerciali leggeri più vecchio d’Europa (oltre 17 anni), seguito da Polonia (16,4 anni) e Romania (15,3 anni). L’Italia invece si ferma a 12,4 anni, comunque più dell’età media europea di 12 anni dei veicoli commerciali leggeri.

IN GRECIA I TIR HANNO QUASI 19 ANNI IN MEDIA

I veicoli commerciali pesanti costano anche di più di quelli per il trasporto leggero, costano di più e quindi è facile aspettarsi un’età media maggiore visto che l’ammortamento è più lungo. Lo si capisce dall’età media in Europa dei mezzi pesanti a 12 anni. Ma non è uno standard per tutti. Accade sicuramente in Grecia (parco più vecchio con 18,9 anni), in Estonia, Italia e Croazia tra gli altri Paesi. Mentre in molti altri i mezzi pesanti hanno un’età media anche inferiore a quella delle auto. Ad esempio in Francia, Austria, Slovenia, Ungheria, Germania e ad altri Paesi dove leggi, efficienza e burocrazia sono, magari, ruote ben oliate di un meccanismo economico che nella sua complessità funziona a dovere.

The post Le auto più vecchie d’Europa hanno oltre 17 anni e circolano in Polonia appeared first on SicurAUTO.it.

Assicurazione auto a 18 anni: quanto costa a Milano, Roma e Napoli

di Donato D'Ambrosi

Quanto si paga di assicurazione a 18 anni con il Decreto Bersani? E’ una domanda che molti si fanno visto che il regalo più gettonato al compimento dei 18 anni e al conseguimento del diploma è l’auto acquistata da mamma e papà. Una scorciatoia ben nota da tempo per non partire dall’ultima classe è il Decreto Bersani, ma il costo dell’assicurazione varia molto in base alle città. Un’indagine rivela che nonostante i benefici fiscali a Napoli l’assicurazione costa a 18enne sempre più di Roma e Milano, con o senza il Decreto Bersani.

IL DECRETO BERSANI

Un’indagine di SOSTariffe.it rivela quanto nel 2019 a un neopatentato, che spesso è anche 18enne, assicurare l’auto per la prima volta con o senza decreto Bersani. Dall’indagine viene fuori che a prescindere dai benefici a influenzare notevolmente il costo dell’assicurazione è sempre la città. Bisogna però ricordare che il Decreto Bersani permette di sfruttare la stessa classe di merito di un familiare convivente, ma con il bonus-malus maturato non si trasferisce anche la tariffa. La tariffa e la classe di merito sono infatti distinte e il più delle volte quando si sfrutta il Decreto Bersani viene applicata la tariffa meno vantaggiosa equivalente a una specifica classe di merito. Che comunque dovrebbe essere più economica rispetto a una 14esima classe. Ma questo – secondo l’indagine – non succede a Napoli.

ASSICURAZIONE 18ENNE SENZA DECRETO BERSANI

Un 18enne che a Roma vuole assicurare per la prima volta un’auto deve fare bene i conti e cercare di sfruttare la classe di merito di un familiare. E’ qui infatti che la differenza maggiore pesa di più senza l’agevolazione: il costo medio parte da 956 euro e arriva anche a 3500 euro. Un costo più alto di Milano dove invece le tariffe medie partono da 653 euro e si fermano a 3150 euro, ma con un risparmio lievemente minore applicando Bersani. Se si confronta il costo medio massimo dell’assicurazione auto a Napoli per un 18enne (3527 euro) ci si rende conto che in fin dei conti non è poi così distante da Roma e Milano. Il discorso cambia se invece si mettono a confronto le tariffe medie minime (2200 euro).

ASSICURAZIONE 18ENNE CON DECRETO BERSANI

Usufruendo del Decreto Bersani l’assicurazione auto di un 18enne di Milano invece costa in media da 172 a 2647 euro in meno: il costo può variare da 481 a 1549 euro. A Roma le tariffe aumentano proporzionalmente ma con un risparmio medio stimato da 184 a 2748 euro. Assicurare a Roma un’auto con il Decreto Bersani, in base alla classe di merito può costare infatti da 752 a 1964 euro. A Napoli assicurare un’auto con il Decreto Bersani può costare quanto sottoscrivere il contratto a Milano senza agevolazione. Il prezzo medio più basso preventivato dall’indagine a Napoli è di 1532 euro, con un vantaggio che può variare da 669 a 1995 euro in base alla classe di merito e all’applicazione del Decreto Bersani.

The post Assicurazione auto a 18 anni: quanto costa a Milano, Roma e Napoli appeared first on SicurAUTO.it.

Hello Kitty libera in Europa! Multa milionaria a Sanrio dall’antitrust UE

di Roberto Tavecchia
Brutta batosta per Sanrio, l’antitrust dell’UE ha multato l’azienda giapponese per 6,2 milioni di euro per aver impedito a commercianti di terze parti la vendita del merchandise dedicato ad Hello Kitty ad altri Paesi all’interno del mercato unico. Nello specifico parliamo della violazione dell’articolo 101 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE), che vieta tassativamente […]

Sandman: Neil Gaiman risponde alle domande dei fan

di Luciana Perrucci
Da un paio d’anni le opere di Neil Gaiman sono state adattate per il piccolo schermo, basta pensare ad American Gods, giunto alla seconda stagione, e al recente Good Omens (entrambi disponibili su Amazon Prime Video). Qualche giorno fa è stata diffusa la notizia di una nuova serie Netflix basata su Sandman, opera fumettistica di Gaiman. Infatti, da diversi anni i fan […]
❌