Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Tuning, cosa è?

di redazione

Tuning – Cosa è Il tuning? Cosa intende con la parola tuning? Con il termine tuning si indicano quelle operazioni di personalizzazione attraverso la modifica (elaborazione) di un veicolo a 2, 3 o 4 ruote (tuning moto, tuning auto) che grazie al tuning diventa “personalizzato ed unico” rispetto alla configurazione originale standard prodotta in serie dalle case automobilistiche (o motociclistica) sulle nuove auto.

Con il tuning si interviene su diversi parti dell’auto come sulla carrozzeria, sui motori, sugli impianti audio di mezzi più recenti: c’è chi restaura e fa tuning su vetture d’epoca ma anche chi lo applica nelle competizioni.
Il tuning è comprende anche un mondo di appassionati che con l’attività correlata fa anche girare l’economia italiana.

Tuning Peugeot 308 GTi top car elaborazione tuning tedesco 310 CV
Un bel tuning auto

STORIA DEL TUNING – Quale è la sua storia? Qualcuno afferma che il tuning (dall’inglese to tune, regolare, accordare, mettere a punto) sia originario degli Stati Uniti d’America negli anni sessanta con le Hot rod, le T-bucket e le Lowrider. Ma questo è in parte vero perché in realtà da noi in Italia gia negli anni 50/60 si iniziava a fare tuning elaborando le auto utilizzando: spesso si usa anche il termine “truccare”,  “auto truccata” per dire appunto auto elaborata nel motore o altri particolari. 

Alcuni marchi automobilistici come, ad esempio, Abarth, hanno deciso di dedicarsi alle trasformazioni sulle auto con una strategia di marketing decisa per avvicinarsi al pubblico giovane, evidenziando la caratteristica della “preparazione”, vero DNA del marchio. 

Tuning freni, motore, assetto, hi-fi, carrozzeria (estetico)

  1. Tuning modifiche meccaniche motore, impianto frenante, assetto e scarico.
  2. Tuning modifiche estetiche alla carrozzeria o parti di essa
  3. Modifiche all’impianto elettrico e di illuminazione
  4. Modifiche all’impianto audio
  5. Modifiche agli interni

Raduni Tuning Club Auto FebbraioTuning estetico – Per tuning estetico si intende l’elaborazione della vettura o di altro veicolo sulla carrozzeria oppure comprendere anche l’interno del veicolo. La sostituzione dei cerchi originali con altri solitamente in lega leggera, rientra sia in ambito estetico ma anche meccanico. Qui rientra anche l’uso di distanziali, che hanno lo scopo di aumentare l’escursione l’ET del cerchio per spostarlo verso l’esterno.

elab (1)

Tuning carrozzeria (esterno)

ll tuning della carrozzeria delle automobili avviene con l’aggiunta o di accessori e kit  quali “minigonne”, alettoni posteriori, spoiler, appendici sottoparaurti anteriori o posteriori, prese d’aria sul cofano e/o sul tettuccio, l’allargamento dei parafanghi o il rimodellamento della carrozzeria al fine di allargare passaruota o modificare la sagoma dei paraurti. 

Poi ci sono interventi più soft come la riverniciatura parziale o totale del veicolo, la pellicolatura (wrapping), l’oscuramento dei cristalli e la sostituzione dei gruppi ottici anteriori e posteriori. Con il wrapping si riveste l’auto con una particolare pellicola che permette facilmente di cambiare il colore, protegge la vernice originale. Questa tecnica può anche essere utilizzata per rivestire il mezzo (sia esso moto, auto, camion, scooter ecc.) con disegni o loghi di sponsor.

int  e audio  (21)Tuning abitacolo (estetico) 

Questo tuning estetico riguarda gli interni. Modifiche tipiche in questo senso riguardano la strumentazione interna (plancia del cruscotto, indicatori aggiuntivi, carputers), la sostituzione di volante, pomello e cuffia del cambio, pedaliere, leva e cuffia del freno a mano, sostituzione dei sedili o rivestimento degli stessi, luci interne e riverniciatura del cruscotto e dei pannelli di rivestimento interni.

Tuning Meccanico

Gli interventi di tuning meccanico possono riguardare vari componenti del veicolo. In genere si divide tuning per:

  1. motore e impianto di scarico
  2. impianto frenante e sulle ruote
  3. sospensioni e telaio

TUNING MOTORE – Gli interventi al motore e al sistema di scarico possono leggeri o pesanti radicali. Si va dalla semplice sostituzione del silenziatore o del filtro dell’aria con altro di tipo sportivo fino a spingersi ad interventi più importanti come la sostituzione degli alberi a camme, riduzione del rapporto di compressione con la spianatura della testata, installazione di valvole aspirazione e scarico maggiorate, modifica della frizione, del cambio, aggiunta di sistemi di sovralimentazione, rimappature della centralina del veicolo.Opel-Kadett-tuning-motore
TUNING FRENI – Le modifiche all’impianto frenante riguardano il montaggio di dischi freno di diametro maggiore,  in leghe più resistenti e nella sostituzione di pinze maggiorate con numero di pistoni maggiore e pastiglie di derivazione sportiva. Con la modifica di questo tipo si garantiscono prestazioni più elevate di frenatura, spazi di arresto minori e freni mtm_ssresistenza maggiore nelle condizioni di uso gravoso come in pista nei track day.

Gli interventi sulle sospensioni hanno lo scopo di “abbassare” e “irrigidire” il veicolo, aumentandone cosi la tenuta di strada e la stabilità, specialmente in curva. Possono riguardare solo le molle, o estendersi anche all’ammortizzatore, il quale può avere taratura fissa, regolabile (con la possibilità di regolare l’altezza a piacimento con interventi sull’ammortizzatore stesso) o sistemi estremi che consentono di modificare elettronicamente i parametri di altezza e taratura dall’interno dell’abitacolo.

Vanno inoltre segnalate le cosiddette sospensioni idrauliche, che si possono estendere in maniera molto evidente causando l’innalzamento o l’abbassamento di parte del veicolo, con escursioni anche di parecchi centimetri da terra, il cui utilizzo è confinato a scopi prettamente estetici.

TUNING CAR AUDIO – È il tuning praticato dai cultori del car audio hi-fi quelli che amano le prestazioni dell’impianto audio della vettura: si va dall’adozione di amplificatori, altoparlanti dedicati alle varie frequenze (tweeter, midrange, woofer e subwoofer), sorgente autoradio di qualità e un crossover in grado di separare le varie frequenze sonore e destinarle ai vari altoparlanti. Nelle preparazioni più estreme, si arriva a modificare completamente l’assetto del vano portabagagli, installandovi tutto il materiale sopracitato, con l’aggiunta di luci al Neon o Led ottenendo un effetto stroboscopico in grado di operare in sincrono con la musica.

Negli ultimi anni ha preso piede anche l’utilizzo di sorgenti dotate di lettore DVD incorporato, e ancor più recentemente l’utilizzo di schermi supplementari situati anche nel baule o in altre zone dell’auto, come per esempio dietro i poggiatesta , al posto della plafoniera d’illuminazione dell’abitacolo.
Tuning Audio Spl sql

Raduni e altre manifestazioni tuning – Numerosi sono gli eventi tuning in italia come il My Special Car (che non esiste più), l’Elaborare Day, l’Automoracing, il Roma Tuning Show, gli Speedday di Monza ed altri. Spesso in questi raduni si svolgono vere e proprie competizioni, nelle quali si valutano i veicoli suddivisi in categorie tra cui: audio, estetica, scarico (inteso come rumorosità dell’impianto di scarico) e preparazioni meccaniche.

GARE TUNING

Nelle gare di tuning (solitamente statiche) ci sono 3 categorie dove si gareggia: soft tuning, hard tuning e extreme che definiscono anche il livello di importanza di una elaborazione. 
SOFT TUNING in questa categoria rientrano modifiche meno appariscenti ed interventi non invasivi con montaggio di kit estetici after market che non stravolgono la vettura.
HARD TUNING è la categoria dove ci sono le elaborazioni più complete sulla carrozzeria con lavorazioni artigianali come la resinatura dei componenti estetici, verniciature particolari o anche quando si montano vertical doors);
EXTREME TUNING  comprende le “Super Car” con vistosi allargamenti della carrozzeria, verniciature multi colore molto particolari, sostituzione complete di motori (“trapianto del motore”) e modifiche spettacolari.

my special car show rimini 2012 audio

Tuning a 360°- Su questo sito ci sono tantissimi contenuti. I link sotto riportati potrebbero interessarti: contengono Tuning applicato con modiche già effettuate e realizzate

Tuning assetto tuning-elaborazione/assetto-modifica-soluzioni-applicazioni

Tuning motore tuning-elaborazione/come-elaborare-il-motore
Tuning modifica centralina motore moduli tuning-elaborazione/centralina-mappatura-moduli
Tuning cerchi in lega gruppo ruota tuning-elaborazione/cerchi-lega-gruppo-ruota-news
– Tuning impianto stereo hi-fi tuning-elaborazione/car-stereo-entertainment-hi-fi
– Tuning Pneumatici e gomme categoria/pneumatici-gomme

Qui trovi proprio tutte le news tuning
 categoria/tuning-elaborazione

Leggi anche
– Tuning estetico modifiche di carrozzeria – Cosa è il tuning estetico?  link QUI
– Tuning Hi-Fi Car – Cosa è il tuning audio? link QUI
– Tuning MECCANICO – Cosa è il tuning meccanico link QUI
– TUNING cosa è in generale link QUI

Insomma avrai capito che “tuning” significa elaborare, modicare, “truccare” l’auto al fine di adeguarla ai propri gusti o alle proprie specifiche esigenze. Qualcuno definisce “tuning” quella passione per l’auto che ci porta a modificare, elaborare, personalizzare, truccare, variare, trasformare il nostro mezzo meccanico (auto, moto, scooter, camion, fuoristrada) per migliorarlo, correggere i difetti, rettificare, perfezionare e rifinire.

La modifica/personalizzazione che riguarda sia l’aspetto prestazionale (influisce quindi inevitabilmente sulla meccanica del motore o dell’assetto) sia estetica (riguarda la carrozzeria) è effettuata o da operatori del settore, meccanici qualificati (elaboratori, preparatori) o con il fai date dagli appassionati nel box di casa.

Se sei appassionato di tuning puoi restare sempre informato: non perdere la rivista ELABORARE ogni mese in edicola.
Buon tuning con ELABORARE! ABBONATI AL MAGAZINE

L'articolo Tuning, cosa è? proviene da ELABORARE.

Cerchi in lega vintage 17″ Escort e Sierra Cosworth OZ

di Paolo Turco

Cerchi in lega per Cosworth: arrivano gli OZ con nuove misure omologate per Ford Escort Cosworth  e Ford Sierra Cosworth. Sono i “Rally Racing” e “SuperturismoLM”

Dopo le bellissime ruote per la Delta Integrale arriva sempre dalla OZ una proposta interessante per i possessori Cosworth: sono i cerchi in lega Rally Racing, look vintage, simbolo dei Rally mondiali anni ’80 e ’90, e i cerchi Superturismo LM ora omologati NAD in 17” rispettivamente per Ford Escort Cosworth ed Sierra Cosworth.

Cerchi Rally Racing omologati per Ford Escorth Cosworth OZ

Arriva un nuovo gruppo ruota omologato NAD con una misura omologata sui cerchi Rally Racing per Ford Escort Cosworth della misura 8×17” 4×108 ET 35 con possibilità di installare un pneumatico associato 235/40R17, grazie alla omologazione NAD 

Cerchi SuperturismoLM omologati per Ford Sierra Cosworth

Un nuova misura di cerchio arriva anche per la Sierra Cosworth con i cerchi Superturismo LM che con l’omologazione NAD è possibile installare nella misura 7,5×17” 4×108 ET 40 con un pneumatico associato 225/35 R17.
La meccanica della Sierra Cosworth garantiva adrenalina, prestazioni e guida di traverso, mentre l’estetica era caratterizzata dall’alettone a coda di balena che la fece soprannominare “pinnone”. Solo qualche anno più tardi, la Ford Escort Cosworth ne ha seguito le orme: bassa, larga, passaruota muscolosi e ancora una volta un mega alettone sul posteriore.

Queste ruote sono disponibili presso la rete vendita di OZ Racing.
OZ Racing – Tel. 049/9423001 – www.ozracing.com

L'articolo Cerchi in lega vintage 17″ Escort e Sierra Cosworth OZ proviene da ELABORARE.

Ruote in lega Ring by Mim Tecnomagnesio

di redazione

Lo storico Marchio italiano Mim Tecnomagnesio di ruote in lega leggera nato nel 1964, propone Ring, un cerchio dedicato alle vetture Audi e VW. Come tutta la produzione Tecnomagnesio, le ruote in lega leggera sono pensate per offrire una massima robustezza sul bordo e trattate con uno speciale trasparente, particolarmente resistente alle escursioni termiche, agli agenti chimici dei lavaggi e alla salinità delle strade. Possono essere equipaggiate con sensori di pressione CUB, distribuiti da RTS Italia, scelti per la massima qualità e facilità di programmazione in una esclusiva finitura nera della valvola. Tre le colorazioni delle ruote in lega leggera Ring sono presenti: Silver e quelle diamantate Black Mirror e Graphite. Disponibili nelle misure 7.5Jx17” – 8.0Jx18”, tutte le ruote in lega Tecnomagnesio sono omologate ECE e/o NAD e si possono vendere rispettando l’attuale normativa italiana.

Info: Mim Tecnomagnesio www. mimtecnomagnesio.it

L'articolo Ruote in lega Ring by Mim Tecnomagnesio proviene da ELABORARE.

Athena

di redazione

È difficile cercare di capire e inquadrare Athena dentro uno schema preciso. L’Azienda veneta, infatti, progetta e produce primo equipaggiamento per applicazioni industriali nei più svariati settori meccanici; realizza ricambi di alta qualità per l’aftermarket automobilistico, motociclistico e marino, sia in campo elettronico sia meccanico; infine distribuisce marchi legati al movimento e allo sport come GoPro, Ogio, Tom Tom, VR46.
Da anni leader consolidata nel settore motociclistico, nel 2013 Athena decide di entrare anche nell’Automotive, concentrandosi su quegli ambiti dove è più forte grazie alla sua grande esperienza. Oltre alla classica produzione di guarnizioni Guarnitauto per automobili, anche per i vecchi modelli di interesse storico o sportivo, si dedica quindi al tuning e alla competizione.
Nella sede di Alonte, a poca distanza da Vicenza, c’è il quartier generale dell’Azienda che conta dieci stabilimenti tra Vicenza, il Sud Italia, il Brasile e l’India, oltre a sedi distributive in Cina, USA e Spagna. Giorgio Cibien, il Responsabile Automotive Italia, ci accoglie nella moderna sala conferenze. Basta poco per capire la mission di Athena nel settore racing. Sul tavolo dei congressi, infatti, c’è quanto basta per ingolosire l’appassionato. Un albero motore e le bielle forgiate sono autentiche opere d’arte, i pistoni lucidati a specchio sembrano gioielli, i dischi freno baffati e forati sono sculture moderne, e non mancano i distanziali ruote di tutte le misure curati nel minimo dettaglio.
“Tutti i nostri prodotti sono di altissimo livello, realizzati con i migliori materiali e lavorati con macchinari all’avanguardia” spiega Giorgio Cibien “Dentro ogni manufatto c’è un attento studio e tutta la nostra esperienza per offrire il meglio all’appassionato di tuning.” Poi conclude “nel settore sportivo il punto di forza di Athena sono le guarnizioni multilamellari della testa motore, costruite in acciaio inox di prima qualità e dotate di gas stopper per garantire la massima tenuta tra la testa cilindro e il blocco motore. Possiamo produrre guarnizioni testa cilindro racing su misura per qualsiasi elaborazione, compresi i motori delle gare di accelerazione USA che raggiungono i 1.400 cavalli!”.

v

La differenza nei dettagli – Per i discorsi più specificamente tecnici cede la parola a Christian Maran, Responsabile Sviluppo Prodotti: “Per progettare una guarnizione multistrato ad alte prestazioni dobbiamo avere tutti i parametri del motore, che ci vengono forniti dalla Casa automobilistica o dal preparatore se si tratta di elaborazione.” E prosegue “Le guarnizioni sono in acciaio inox AISI 301 dall’elevata memoria elastica e tagliate a laser di ultima generazione con alta precisione, senza lasciare bave sulle linee di taglio. Sono realizzate in più strati di lamelle e ognuno è lavorato per ottenere la formazione dei rilievi che garantiscono la tenuta al liquido e ai gas nella camera di scoppio”.
Gli strati sono poi rivettati tra di loro e subiscono un trattamento superficiale sulle due facce più esterne, per resistere alle alte temperature ed evitare l’incollaggio della guarnizione stessa al metallo quando si smonta il motore. Athena sottopone le guarnizioni racing al test FEM, Finite Element Method, una sofisticata modalità di simulazione dello stress a cui è soggetta la guarnizione per evidenziare i punti di pressione, la tenuta e gli eventuali micro spostamenti.
“La tecnologia Gas Stopper che piega la lamina d’acciaio su se stessa attorno al foro del cilindro ci permette di raggiungere la massima tenuta anche con le compressioni e le potenze più elevate” torna a spiegare Christian Maran “e l’alta qualità con cui progettiamo e produciamo le guarnizioni multistrato è il nostro punto di forza sulla concorrenza”.
Progettare una guarnizione sportiva non è un compito facile e lo si comprende bene seguendo la fase di sviluppo e di produzione. Giorgio Cibien racconta che solo il 30% dei preparatori è veramente esperto e competente, in grado di fornire i dati necessari alla progettazione di una guarnizione su misura. Pochi tuner infatti sono anche costruttori, mentre la maggior parte sono bravi assemblatori di componenti già disponibili sul mercato.

Un catalogo per tutti i gusti – Nel ricco catalogo dei prodotti racing commercializzati da Athena sono presenti gli alberi motore e le bielle ZRP: i primi sono realizzati in acciaio Billet 4340, mentre le bielle sono forgiate in acciaio 4340 e garantiscono elevate prestazioni e lunga durata. E poi ancora i pistoni JE progettati per le prestazioni estreme.
Si tratta di componenti forgiati da competizione con lavorazioni accurate e “tolleranze di milionesimo di pollice”. Da non dimenticare poi gli stroker kit che Athena produce per aumentare cilindrata e prestazioni dei motori. Come il 700 Big Bore Kit dedicato alla vecchia Fiat 500, che migliora nettamente le performance ed è disponibile in due misure di alesaggio maggiorato; comprende cilindri, pistoni, bielle, spinotti e componentistica come si può vedere sul sito web dell’azienda.

Non solo motoriAthena produce nei suoi stabilimenti distanziali ruota in alluminio ricavati dal pieno, con lavorazioni a controllo numerico, che garantiscono la massima precisione e la perfetta bilanciatura degli stessi. I distanziali hanno uno spessore da 5 a 50 mm, possono essere realizzati su misura e sono corredati di bulloneria certificata TÜV.
L’altro fiore all’occhiello dell’Azienda veneta sono i freni a disco di elevata qualità, prodotti in ghisa ad alto contenuto di carbonio. “Le lavorazioni di foratura e baffatura sono eseguite da macchine a controllo numerico” spiega Giorgio Cibien “per la massima precisione e per evitare che la foratura interferisca con le alette di raffreddamento interne al disco ventilato.” Si tratta d’impianti frenanti destinati alle vetture stradali, capaci di garantire elevate prestazioni e costanza di rendimento superiori alla media. “Ma si possono realizzare anche dischi freno solo baffati o solo forati” dice Giorgio “basta che il cliente ce lo chieda!”.

Anche il CinquoneRomeo Ferraris è la storica azienda specializzata in tuning e racing estremo, capace di produrre veicoli unici ed esaltanti. Come il Cinquone, realizzato su base Abarth e così elaborato da portare sul frontale e sul motore il solo logo del costruttore milanese.
La vettura monta il 1.368 cm3 T-JET New Euro 6 con lavorazione della testata e albero a camme Romeo Ferraris. La turbina ha specifiche Romeo Ferraris, così come il software della centralina elettronica. Il risultato finale è un propulsore da 248 CV a 6.250 g/m e da 330 Nm a 3.250 g/m, con velocità massima 
superiore ai 240 km/h e accelerazione 0-100 km/h di 5.5”. Il cuore di questa elaborazione utilizza componentistica Athena come i pistoni forgiati speciali, le bielle ad H rovesciata, le bronzine racing e la guarnizione testa metallica multilamellare.

Athena - Il Cinquone by Romeo Ferraris

I NUMERI DELL’AZIENDA
1973 anno di nascita
2013 inizio della produzione Automotive
3 divisioni: primo equipaggiamento, aftermarket, distribuzione
3 sedi distributive nel mondo: USA, Spagna, Cina
4 sedi produttive: Veneto, Puglia, Brasile, India
10 stabilimenti operativi nel mondo
200 distributori nel mondo
3000 punti vendita
150.000 prodotti a catalogo
150 milioni di kilowatt prodotti annualmente dagli impianti fotovoltaici Athena per il risparmio energetico

ATHENA
Via delle Albere, 13 – 36045 Alonte (VI)
Tel. 0444727272 – Fax 0444/727222 – www.athena.eu

L'articolo Athena proviene da ELABORARE.

Ruota MAK Icona

di redazione

MAK Wheels presenta MAK Icona, una nuova ruota a dieci razze accoppiate, in grado di arricchire il look delle auto più moderne. Il design asimmetrico conferisce un carattere decisamente dinamico al cerchio. MAK Icona è stata pensata per adattarsi alla maggior parte delle vetture in commercio e tutte le applicazioni vantano l’omologazione italiana NAD e le omologazioni tedesche TÜV/KBA. Questo modello è proposto in tre diverse finiture: la tradizionale Silver, elegante e sempre raffinata; la Black Mirror, in nero lucido che esalta le peculiari forme delle razze tramite la loro diamantatura; infine l'originale Matt Titan con finitura opaca, che dona un carattere particolare all'auto su cui viene montata. La gamma di MAK Icona è disponibile sia in quattro che cinque fori nelle seguenti applicazioni: Quattro fori: 6,0jx15”; 5,5jx16”; 6,0jx16”; 6,5jx16” e 7,0jx17” Cinque fori: 6,0jx15”; 6,5jx16”; 7,0jx17”; 7,5jx17”; 7,0jx18” e 8,0jx18” I prezzi sono disponibili su richiesta. Ruota MAK Icona su VW Tiguan

Wheels Design Contest Alcar Elaborare

di redazione

Alcar-Elaborare-cerchio-primo-classificato

Progettare cerchi per auto dal disegno innovativo. E' quanto hanno realizzato 72 designers, con oltre 100 progetti di ruote nel contest organizzato dalla rivista ELABORARE insieme alla ALCAR.

Si è concluso da pochi giorni il grande Contest promosso da Alcar Italia ed il mensile specializzato Elaborare, dedicato alla progettazione di cerchi in lega per auto dal disegno innovativo. Dal mese di maggio dello scorso anno attraverso le pagine della rivista ed il suo frequentatissimo sito web www.elaborare.com, è stato veicolato il Contest che si è concluso il 31 dicembre con l’arrivo delle ultime proposte stilistiche: ha visto la partecipazione di 72 designers appassionati di auto sportive. In totale sono stati realizzati oltre 100 progetti originali, trasferiti su carta o su file dai concorrenti per valorizzare l’idea di un “cerchio ideale”, magari da mettere in produzione e commercializzare in tutto il mondo. Un sfida difficile da sostenere, considerando che l’industria di settore sforna ogni anno moltissimi cerchi in lega innovativi sia nella forma sia nelle soluzioni tecniche adottate per andare incontro ai gusti degli automobilisti nel mercato dell’aftermarket, ma agevolmente superata da quasi tutti i concorrenti del Contest, che hanno prodotto disegni fortemente ispirati ed, in alcuni casi, decisamente all’avanguardia. Alcar Contest | COME FUNZIONA - Scopri di più QUI Alcar Contest | CLASSIFICA - Primo classificato – Pasquale Orsolino di Bologna – ha modernizzato un classico multi razze degli anni ’90 introducendo un doppio cerchio interno di collegamento tra le razze stesse, con un look grintoso e adattabile a molte vetture sportive di ultima generazione. 1-Pasquale-OrsolinoAlcar-Elaborare-cerchio-primo-classificato

-----------------

Il cerchio di Antonio Bonacci di Decollatura (CZ), lineare e pulito nel design, è stato proposto in diverse varianti di colore, per una perfetta adattabilità alle nuove citycar dai colori sgargianti. Ha conquistato il secondo posto nel Contest. 2-Antonio-Bonacci

2-grey-whiteAlcar-Elaborare-cerchio-secondo-classificato-----------------

I due cerchi di Andrea Arcidiacono, residente a Briosco (MB) molto tecnici e bellissimi, sono ai piedi del podio, che avrebbero potuto scalare se la sporgenza delle razze fosse stata minore di quella proposta, considerando le tolleranze ammesse dal CDS nell’allargamento di carreggiata. Ma si tratta di disegni splendidi, che hanno ampiamente meritato il terzo posto nel Contest. 3-Andrea-ArcidiaconoAlcar-Elaborare-cerchio-terzo-classificato3-bDa notare che la classifica è stata redatta dalla Direzione del Reparto Progettazione&Design di ALCAR Austria, che dopo aver valutato tutti i progetti pervenuti in redazione ed inoltrati dall’Italia ha deciso di premiare i più meritevoli con un tour in Azienda di due giorni per il vincitore assoluto, un treno di cerchi in lega per il secondo classificato ed un navigatore Tom-Tom per il terzo. Alcar Italia | ELABORARE - Con questa iniziativa, che ha fatto sicuramente emergere la passione per le auto abbinata alla capacità di produrre disegni di alto livello da parte dei lettori di Elaborare, si consolida ulteriormente la partnership della rivista con Alcar Italia, filiale della famosa multinazionale produttrice dei cerchi con i marchi AEZ, Dotz, Dezent ed< Enzo, distribuiti e apprezzati in tutto il mondo per la qualità ed il design. Una partnership che proseguirà negli “Elaborare Days”, maxi raduni di auto sportive negli autodromi italiani (primo evento: Autodromo di Modena, 9 aprile) che vedrà le vetture dotate di cerchi Alcar protagoniste assolute in pista e nel paddock. Alcar Contest Elaborare 2017

Ruota in lega Rally

di redazione

Ruota in lega Rally Racing by OZ Racing

La rinomata azienda veneta OZ Racing propone la nuova ruota in lega Rally Racing, che partendo da un look intramontabile si arricchisce di nuovi dettagli esclusivi, come la forma delle razze che, sovrapponendosi alla parte centrale, conferisce alla ruota una percezione visiva diversa, facendola apparire ancor più grande e aggressiva. Il disco al centro è piatto e riporta la doppia scritta OZ Racing. Ruota in lega Rally Racing by OZ Racing Ruota in lega Rally Racing by OZ Racing Questo componente riaccende grandi emozioni grazie al suo design unico e inconfondibile, indicato non solo per gli amanti del rally, ma anche per tutti coloro che amano il gusto rétro. La nuova ruota è disponibile nei diametri 17”, 18” e 19” e nelle finiture: Race White + Red Lettering, Dark Graphite + Silver Lettering. Come la maggior parte delle ruote OZ, Rally Racing è omologata TÜV e in fase di omologazione NAD. Richiedete sempre al vostro gommista il certificato di conformità del cerchio (Omologazione NAD) che state per acquistare, le ruote OZ sono certificate e garantiscono sicurezza totale. Ruota in lega Rally Racing by OZ Racing

Copricerchi Simoni Racing

di redazione

copricerchi-simoni-racing

Simoni Racing propone ben 11 differenti modelli di copriruota, facili da montare mediante l’anello di bloccaggio in dotazione, resistenti alle variazioni di temperatura, ai lavaggi o alla pioggia, ma soprattutto offerti in un'ampia scelta di modelli, colori e misure. Pratici ed economici sono la soluzione ideale per proteggere le ruote o cambiare look alla vettura soprattutto nel periodo invernale, quando si montano gli antiestetici cerchi in lamiera con pneumatici invernali. Dal classico Modena grigio e nero al modello Maximus disponibile da 14” e 15” anche nella variante nera bordo rosso (Maximus GTR). Accattivanti e briosi i modelli Grand Prix e Grand Prix R, il primo color silver per ruote da 13”, 14”, 15” e 16”, mentre il secondo con finitura bronzo. Il modello Discovery, dal disegno dinamico e deciso, è proposto da 13”, 14”, 15” e 16”. Caratteristici, invece, i modelli Orden e Orden Black da 14”, 15” o 16”. Linee essenziali per il Nascar (da 14”, 15” o 16”), mentre per chi vuole qualcosa di più audace e grintoso c'è il copricerchio Nascar Monster nello stesso disegno, ma di colore nero opaco e verde acido, oppure nella versione Nascar Silver Black, tutti in ABS, per ruote da 14” o 15”. Modena da 53,68 Euro Grand Prix da 42,70 Euro il kit Grand Prix R da 53,68 Euro Orden da 42,70 Euro il kit Orden Black da 53,68 Euro il kit Discovery da 42,70 Euro il kit Maximus GTR da 48,80 Euro il kit Maximus da 42,70 Euro il kit Nascar da 42,70 Euro il kit Nascar Monster da 48,80 Euro Nascar Silver Black da 53,68 Euro Tutti i prezzi sono IVA inclusa e riferiti al kit da 4 pezzi. copricerchi-simomi-racing-maximuscopricerchi-simomi-racing-modena-black-silvercopricerchi-simomi-racing-nascar-silver-black

Ruota Trofeo Sparco

di redazione

ruota Trofeo Sparco by OZ Racing

OZ Racing mette in commercio la nuova ruota Trofeo Sparco. Dopo il grande successo di Pro Corsa, ruota dal look giovane e aggressivo, Sparco Wheels propone il nuovo cerchio Sparco Trofeo. La nuova ruota è caratterizzata da un look molto grintoso e filante che, grazie alla forma affusolata delle razze, è in grado di dare un tocco di sportività e di dinamismo alla vettura. Come accade per tutte le ruote Sparco Wheels, lo sviluppo stilistico e produttivo della nuova Trofeo è opera di OZ, nel quadro di una collaborazione con Sparco che da anni porta innovazione nel mondo dell’auto e delle competizioni. Anche i contenuti tecnici-produttivi ne confermano il DNA sportivo, tipico di OZ, dedicato agli amanti della velocità e delle performance. Sparco Trofeo è disponibile nella versione 5 fori che esalta la sportività delle berline di medie dimensioni, e nella versione a 4 fori ideale per le vetture sportive di piccole e medie dimensioni. Sparco Trofeo è proposta nella finitura Matt Black e Gloss Bronze e nelle misure dal 14” al 17” per la versione a 4 fori e nei diametri 17” e 18” per la versione a 5 fori. Trofeo, come tutte le ruote by OZ, è omologata TÜV e in corso di omologazione NAD. Richiedete sempre al vostro gommista il certificato di conformità della ruota (NAD) che state per acquistare, le ruote OZ e Sparco Wheels sono certificate e garantiscono sicurezza totale. ruota Trofeo Sparco by OZ Racing  

Distanziali Xilema

di redazione

catalogo-distanziali Xilema

Xilema mette in commercio una vasta gamma di distanziali ruota, proposta nel nuovo catalogo 2016. Nel nuovo catalogo dell'azienda vicentina ci sono ben 246 pagine dedicate esclusivamente alla componentistica  dei distanziali con oltre 300 articoli, oltre ai 180 tipi differenti di bulloneria per il fissaggio degli stessi. La novità principale riguarda il nuovo distanziale con inserti, che permette il montaggio della ruota con i bulloni originali. Inoltre Xilema è in grado di soddisfare anche esigenze particolari, come spessore o caratteristiche del prodotto, realizzando l’articolo desiderato nel giro di pochissimi giorni, attraverso sofisticati macchinari a controllo numerico di ultima generazione. Distanziali Xilema Un'altra novità importante per l’Azienda veneta è la produzione avviata recentemente di articoli compositi in carbonio e vetroresina per uso competizione. Info: 0445/315387 - www.xilema-italia.com

Alcar Contest Wheels disegna una ruota

di redazione

Alcar Contest

Un contest "disegna un cerchio" con Elaborare ed Alcar. Alcar Italia, filiale italiana della multinazionale austriaca produttrice di ruote e produttore dei marchi cerchi in lega AEZ, DOTZ, DEZENT e ENZO, ha voluto insieme alla rivista Elaborare lanciare l'Alcar contest; un emozionante concorso che prevede da parte dei partecipanti la realizzazione di progetti di ruote in lega dal design originale ma possibilmente realizzabili. L‘iniziativa si propone di far avvicinare  giovani e appassionati a questo bellissimo e settore, facendone conoscere anche aspetti non proprio noti a tutti come quello della  realizzazione e produzione del cerchio in lega. Su Elaborare febbraio 2017 un estratto del Contest e le foto dei vincitori e quelle e i disegni più creativi e rappresentativi ricevuti in redazione.Alcar Contest Alcar Contest COME PARTECIPARE - Disegna un cerchio in lega dal design totalmente originale sul supporto che preferisci (carta, lucido, formato elettronico, ecc.) e spediscilo per posta o alla mail: alcarcontest@elaborare.org in formato digitale entro e non oltre il 30 dicembre 2016 Indica le tue generalità e i recapiti, allegando il file con il disegno del tuo cerchio ideale, una foto personale e - se posseduta - della tua vettura, indicandone marca/modello/ anno ed eventuali modifiche effettuate. In sede di valutazione verrà pertanto premiato non solo l’aspetto creativo ma anche la conoscenza tecnica del prodotto che deve rispettare  requisiti estetici e di sicurezza. I progetti verranno giudicati da una giuria formata da giornalisti della testata, dalla Direzione di Alcar Italia e dal suo Reparto R&D che sceglierà entro il 20 gennaio 2017 i tre migliori disegni pervenuti e che ne decreterà il vincitore assoluto. VIAGGIO IN GERMANIA - Il primo premio dei tre in palio prevede la visita alla sede Alcar Leichtmetallräder in Germania per conoscere la fabbrica nei suoi diversi processi di produzione. Precisamente Siegburg capoluogo del circondario del Rhein-Sieg-Kreis, situata sulla riva dei fiumi Sieg e Agger, è posta a 10 chilometri da Bonn e a 26 chilometri da Colonia.Siegburg Germania  

DS3 test con ruote Mak e pneumatici Yokohama

di redazione

DS3 test Mak e Yokohama

Sulla pista dell'Isam di Anagni, l'ottavo step di elaborazione sulla DS3 ha visto  il test con ruote MAK e pneumatici Yokohama insieme all'assetto regolabile Öhlins. Già con i Bilstein ci eravamo resi conto che occorrevano pneumatici dal profilo prestazionale più elevato, necessità divenuta impellente per tirare fuori il meglio dall’assetto Öhlins. Non volevamo un pneumatico semislick, ma uno sportivo abbastanza estremo. Alla nostra richiesta, lo staff di Yokohama Italia ci ha risposto inviando un treno di Advan Neova AD08. Lontano dai pregi e dai difetti di un semislick puro (di fatto omologato per uso stradale, ma da tenere in garage appena piovono due gocce d’acqua) è la risposta Yokohama a chi cerca un buon compromesso tra uso stradale sportivo e qualche capatina in pista. Per i cerchi, invece, la scelta è caduta sugli splendidi MAK Antibes 4 Black Mirror, la cui finitura nera lucida alternata all’alluminio satinato si sposa alla perfezione con il dualismo cromatico nero/giallo della DS3. Montaggio - Presso il nostro consueto punto d’installazione di fiducia, la Ferretti Gomme di Roma, abbiamo provveduto ad accoppiare cerchi e pneumatici. Una volta equilibrati, le ruote sono state installate sulla vettura e gonfiate alle pressioni previste dal libretto. (...) DS3 Test MAK Yokohama Hot Lap con Pierluigi Mancini - Queste gomme sono state provate in abbinamento all’assetto Öhlins. Già dalle prime curve ho potuto riscontrare l’eccellente trazione che sono in grado di assicurare. Ottima la tenuta della spalla anche in condizioni di impiego estreme. Forse è stata sbagliata la pressione di gonfiaggio, troppo alta all’avantreno: dopo il Time Attack, infatti, la temperatura dei battistrada anteriori era molto più elevata dei posteriori. (...) L'articolo completo con il test delle ruote Mak, pneumatici Yokohama e assetto regolabile Öhlins sulla DS3 è su Elaborare 214. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI

Cover Elaborare 214

❌