Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Google Chrome, nuova stretta sugli annunci pubblicitari ‘pesanti’

di Nico Petilli

Google Chrome, a partire dal mese di agosto, introdurrà nuovi strumenti utili per limitare l’impatto degli ADS che fanno eccessivamente leva sulle risorse di sistema.

Continua a leggere Google Chrome, nuova stretta sugli annunci pubblicitari ‘pesanti’ su Smartiani.com

Chrome limiterà gli annunci pubblicitari che consumano troppi dati

di Massimiliano Riccardo Ferrari
Chromium annuncia che solo lo 0.3% degli annunci pubblicitari consuma il 27% dell’intero consumo della rete da parte di tutti gli AD. Un trend a cui si vuole mettere un freno. Basandosi infatti su Better ADS Standards e indicizzando gli annunci ritenuti inaccettabili dalla maggior parte degli utenti, Chromium Blog scrive di aver scoperto di […]

Google combatte la pubblicità che consuma troppe risorse con un nuovo strumento

di Biagio Petronaci
Google ha annunciato di essere a lavoro per bloccare tutti quegli annunci pubblicitari online che consumano una quantità eccessiva di risorse. La società ha condotto delle ricerche utilizzando Chromium, la piattaforma su cui sono basati numerosi browser (tra cui Chrome ed Edge) e ha scoperto che sono sempre più numerosi gli annunci pubblicitari potenzialmente dannosi […]

Google accusata di non rispettare il GDPR nella creazione di ID pubblicitari

di Lucia Massaro
NOYB (centro europeo per i diritti digitali) con sede a Vienna ha formalmente accusato Google di agire contro i principi imposti dal GDPR. L’accusa riguarda il tracciamento degli utenti attraverso l’ID pubblicità creato al momento della configurazione di un dispositivo. I dati di questo identificatore vengono utilizzati per mostrare annunci pubblicitari pertinenti all’utente. Secondo l’accusa, […]

Fase 2: dal 18 maggio nuove linee guida per i mezzi pubblici

di Raffaele Dambra

Mezzi pubblici Fase 2

Come prendere i mezzi pubblici nella Fase 2 dal 18 maggio: le linee guida aggiornate del Ministero dei Trasporti per viaggiare sicuri durante l'emergenza Coronavirus

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Intel potrebbe acquisire Moovit per 1 miliardo di dollari

di Biagio Petronaci
Intel potrebbe acquistare Moovit, l’applicazione che offre indicazioni riguardo ai mezzi di trasporto pubblici a oltre 800 milioni di persone. I colleghi di TechCrunch hanno parlato con Nir Erez, fondatore e CEO di Moovit, che non ha confermato o smentito l’ipotesi. Questo ci fa pensare che l’acquisizione possa essere prossima. La start-up israeliana Moovit era precedentemente […]

Pubblicità in arrivo su Whatsapp?

di Alessandro Matthia Celli

É dall’anno scorso che Facebook ha sperimentato e ipotizzato modi per rendere più profittevole la loro app di messaggistica, Whatsapp.(...)
Continua a leggere Pubblicità in arrivo su Whatsapp? su Androidiani.Com


© alessandromatthiacelli for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Autobus, treno, taxi: come viaggeremo nella Fase 2

di Raffaele Dambra

Autobus, treno, taxi: come viaggeremo nella Fase 2

Ritorno su autobus, treno e taxi: come viaggeremo nella Fase 2 del Coronavirus in base alle disposizioni del DPCM del 26 aprile 2020

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Migliori app per bloccare pubblicità Android

di Alessandra Tommasi
Quante volte utilizzando il tuo smartphone ti sarai imbattuto in annunci pubblicitari alquanto invadenti? Immagino questo si verifichi ad intervalli regolari, ti procuri un notevole fastidio e che tu abbia bisogno di una soluzione immediata. leggi di più...

Taxi, NCC e SIAE per la musica: tariffe e condizioni 2020

di Donato D'Ambrosi

Riprodurre musica su Taxi, NCC e mezzi pubblici: tariffe e condizioni SIAE 2020 e le formule di pagamento in base al numero di apparecchi e tipologia di veicoli

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Micro Colibrì: arriva un nuovo monopattino “ultra leggero”

di Rossana Barbagallo
Annunciato l’arrivo sul mercato di Micro Colibrì, un prodotto pensato con un occhio di riguardo per gli spostamenti in città ed il trasporto sui mezzi pubblici. Con la crescente necessità di potersi spostare liberamente in città senza subire il peso del traffico e l’incubo dei parcheggi nascono nuove opportunità nel mondo mobility che provano a fornire […]

Sciopero trasporti 3 febbraio 2020: le città e le fasce orarie

di Donato D'Ambrosi

Sciopero dei trasporti pubblici indetto in molte città per il 3 febbraio 2020: lo sciopero trasporto viaggiatori è stato confermato da molte sigle sindacali. Mentre a Roma l’Atac ha revocato lo sciopero dei mezzi pubblici, a Napoli e Latina i trasporti pubblici sono garantiti solo in alcune fasce orarie.

SCIOPERO TRASPORTI A ROMA E BLOCCO CIRCOLAZIONE

Scongiurato lo sciopero dei mezzi pubblici a Roma, la restrizione al traffico che il Comune aveva previsto come misura cautelare invece resta. Proprio mentre il sindacato S.L.M Fast Confsal comunicava la revoca dello sciopero trasporti pubblici su invito del Prefetto, il Comune deliberava il giro di vite ai veicoli e motocicli in Zona Fascia Verde. Con l’ordinanza n.26 del 2 febbraio 2020, il sindaco di Roma, ha disposto la limitazione dei veicoli più inquinanti nella Z.T.L. “Fascia Verde”, dalle ore 7.30 alle ore 20.30. Restano fermi:
– ciclomotori e motoveicoli “PRE-EURO 1” ed “EURO 1”, a due, tre e quattro ruote, dotati di motore a 2 e 4 tempi;
autoveicoli alimentati a benzina “EURO 2”.

LE FASCE ORARIE GARANTITE A NAPOLI CON LO SCIOPERO MEZZI PUBBLICI

Lo sciopero trasporti pubblici a Napoli annunciato dalla società ANM e proclamato dalle sigle OO.SS.  USB, ORSA e FAISA CONFAIL riguarda lo stop di autobus, Metropolitana e Funicolare. L’Azienda Napoletana Mobilità spiega i motivi dello sciopero con la necessità di una “migliore gestione del personale e  il rispetto di norme per la tutela della salute dei lavoratori”. Lo sciopero dei mezzi pubblici a Napoli garantirà comunque il servizio nelle seguenti modalità:

– Linee bus: il servizio è garantito dalle ore 5:30 alle ore 8:30 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00. Le ultime partenze vengono effettuate 30 minuti prima dell’inizio dello sciopero e riprendono circa 30 minuti dopo la fine dello sciopero.

– Metro Linea 1: la fascia di garanzia del mattino prevede prima corsa da Colli Aminei alle ore 6.46, da Garibaldi alle ore 7.20 e ultima corsa da Colli Aminei alle ore 9.16 e da Garibaldi alle ore 9.20. Il servizio riprende a copertura della fascia pomeridiana di garanzia con la prima corsa da Colli Aminei delle ore 17.16 e da Garibaldi alle ore 17.50 e ultima partenza da Colli Aminei alle ore 19.46 e da Garibaldi alle ore 19.50.

– Funicolari Centrale, Chiaia, Montesanto e Mergellina: l’ultima corsa garantita su tutti gli impianti al mattino alle ore 9.20. La fascia pomeridiana di garanzia inizia invece con la prima corsa delle ore 17.00 e ultima corsa delle ore 19.50.

SCIOPERO TRASPORTI A LATINA

Lo sciopero dei mezzi di trasporto pubblico a Latina di 24 ore per il 3 febbraio 2020  è stato annunciato dalla società CSC mobilità. L’azienda assicura comunque che il servizio di trasporto viaggiatori sarà garantito nelle fasce orarie dalle 6:30 alle 9:30 e dalle 13:30 alle 16:30.

The post Sciopero trasporti 3 febbraio 2020: le città e le fasce orarie appeared first on SicurAUTO.it.

Auto Nuova Gratis: le 4 imprese multate da cui tenersi alla larga

di Redazione

L’Auto Nuova Gratis o a costo zero è solo un miraggio, a confermarlo è l’Autorità Garante che ha multato Vantage Group, Pubblicamente, Golden Car ed Entity Holding Italia. Le multe per un totale di 1,6 milioni di euro alle 4 società distinte sono state comminate dopo una lunga serie di indagini. Al centro delle accuse di pratica commerciale scorretta ci sono le auto promesse agli associati a costo zero, ma quasi mai consegnate. Il Garante ha accertato che la solidità delle organizzazioni derivava in gran parte dalle quote che “i clienti” versavano per ottenere un’auto gratis o a costo zero e guadagnare compensi promessi dalle aziende.

AUTO NUOVA GRATIS E SENZA COSTI: COSA C’E’ DIETRO

L’Autorità Garante della Concorrenza e del mercato ha accertato in 4 procedimenti istruttori diversi che le società raccoglievano fondi per alimentare un’organizzazione senza assolvere agli impegni contrattuali. In sostanza fumo negli occhi a chi ha aderito a “My Car No Cost”, “Spot & Go”, “Golden Car” e “AutoNuovaGratis” pensando di aver fatto l’affare del secolo. L’Antitrust ha contestato la pratica commerciale scorretta (artt. 20, 21 e 22 del Codice del Consumo) ai professionisti per aver diffuso informazioni ingannevoli sui siti web. Lo scopo delle 4 società era promuovere le offerte commerciali “a costo zero” e “auto gratis” in cambio dell’attività di carvertising, cioè guadagnare con una pubblicità sull’auto. Uno dei rischi più frequenti come noleggiare un’auto in aeroporto senza controllarla.

LE PROMESSE NON MANTENUTE SULLE AUTO A COSTO ZERO

Dai 300 ai 400 euro di compenso al mese avrebbero ricevuto i clienti sottoscrivendo un contratto con le rispettive società. Ma oltre alla paga mensile, la società avrebbe coperto anche la rata del finanziamento dell’auto o il canone del noleggio. Intanto solo poche auto, dopo la sottoscrizione del contratto sarebbero state consegnate ai rispettivi proprietari. Ma in secondo luogo, questo impegno contrattuale cela non poche criticità. Intanto perché la corresponsione del compenso è legata all’effettivo affitto dello spazio pubblicitario sull’auto. Poi perché se il cliente non riesce a coprire le rate dell’auto potrebbe anche perdere quanto versato per entrare nell’organizzazione.

L’AUTO GRATIS SE LA PAGAVANO GLI AFFILIATI TRA LORO

“L’effettiva redditività dell’attività pubblicitaria si basava in modo pressoché esclusivo sulla disponibilità delle fee d’ingresso corrisposte dagli aderenti.” Scrive l’Antitrust “Non era quindi in grado di onorare, se non per un limitato lasso di tempo, la promessa agli aderenti dei prospettati rimborsi rateali.” Tra le società delle offerte di auto gratis, Vantage Group è stata sanzionata dell’importo più alto (1,2 milioni di euro) per pratica commerciale aggressiva ( artt. 24 e 25 del Codice del Consumo). L’Antitrust ha accertato che chi aderiva all’offerta “My Car No Cost” si ritrovava ostacolato nell’esercizio dei propri diritti contrattuali, di fronte all’inadempienza contrattuale della società. A causa della gravità delle evidenze emerse, l’Antitrust ha multato Pubblicamente s.r.l. per 200.000 euro, Golden Car s.r.l.s. e Entity Holding Italia rispettivamente per 100.000 euro.

The post Auto Nuova Gratis: le 4 imprese multate da cui tenersi alla larga appeared first on SicurAUTO.it.

Bonus mobilità 2019: 1.500 € di sconti su mezzi pubblici e car sharing

di Raffaele Dambra

Bonus mobilità 2019

Alla fine, dopo l’annuncio e il successivo rinvio, pare proprio che nel Dl Clima ci sarà anche il Bonus Mobilità 2019, la misura che permetterà di ricevere 1.500 euro da usare per abbonarsi ai mezzi pubblici o al car sharing a chi rottamerà un’auto inquinante (ma lo sconto non sarà per tutti, tra poco dettaglieremo meglio). Lo ha anticipato l’Ansa, che ha avuto modo di visionare la nuova bozza del Decreto Clima voluto dal Ministero dell’Ambiente per incentivare la mobilità sostenibile nelle aree metropolitane.

CHE COS’È IL BONUS MOBILITÀ 2019-2021

Rispetto alla prima proposta, che prevedeva sconti per 2.000 euro, il bonus a disposizione per ciascun beneficiario scenderà dunque a 1.500 euro. Ma sarà disponibile fin da subito, appena dopo l’entrata in vigore del decreto, e durerà per un triennio, fino al 2021. La dotazione prevista in questo scampolo di 2019 sarà di 5 milioni di euro, poi saranno messi a disposizione 100 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.

COME FUNZIONA IL BONUS MOBILITÀ

Come spiegavamo inizialmente, non tutti i cittadini italiani potranno accedere al Fondo Buono Mobilità, altrimenti detto Bonus Mobilità. Il sostegno sarà infatti riservato solo ai residenti nei Comuni sotto procedura d’infrazione UE per eccesso di smog (l’elenco completo sarà diffuso insieme alla versione definitiva del Dl Clima). Per accedervi sarà necessario rottamare entro il 31 dicembre 2021 un’autovettura omologata fino alla classe Euro 4. Il bonus di 1.500 euro si potrà utilizzare, entro tre anni, per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale e per l’abbonamento ai servizi di sharing mobility con veicoli elettrici o a emissioni ridotte (quindi, in teoria, non solo car sharing ma anche scooter, bici e monopattini). Il Sole 24 Ore precisa che il bonus mobilità 2019 non costituisce reddito imponibile del beneficiario e non rileva ai fini dell’Isee.

BONUS MOBILITÀ ANCHE PER I CONVIVENTI DEI BENEFICIARI

Restiamo ovviamente in attesa del testo ufficiale del Decreto Clima per scoprire ulteriori e più precisi dettagli sulla misura, che in ogni caso si preannuncia piuttosto interessante. Tra le altre cose sembra che i beneficiari potranno acquistare un abbonamento ai mezzi pubblici o al car sharing anche a favore di un convivente. Previsto inoltre l’avvio di un programma strategico, da attuare entro un quinquennio, per il rinnovo integrale dei mezzi di trasporto pubblico locale con mezzi a basso o nullo impatto ambientale, e la promozione del trasporto scolastico sostenibile con uno stanziamento di 20 milioni di euro.

The post Bonus mobilità 2019: 1.500 € di sconti su mezzi pubblici e car sharing appeared first on SicurAUTO.it.

Auto Nuova Gratis con pubblicità: l’Antitrust mette in guardia da Entity

di Donato D'Ambrosi

La possibilità di acquistare un’auto nuova gratis è sempre più pubblicizzata da servizi spesso collegati a molte aziende. Ne abbiamo già parlato qui dei rischi legati alle auto gratis con pubblicità e stavolta l’Antitrsut ammonisce Entity Holding Italia che offre la stessa opportunità di avere un’auto nuova e fare soldi tramite “carvertising”. Oltre alla presunta scorrettezza commerciale su cui indaga l’Autorità Garante, c’è il rischio che chi aderisce ad Auto Nuova Gratis in realtà si paga da solo i compensi che poi percepisce.

L’INDAGINE ANTITRUST SU AUTO NUOVA GRATIS

Con il procedimento istruttorio PS11450 l’Antitrust contesta l’offerta commerciale “AutoNuova Gratis”, che “prospetta ai consumatori la possibilità di acquistare varie tipologie di veicoli “a costo zero”. Basta solo applicare sull’auto degli adesivi pubblicitari aderendo alla promozione con le regole e i costi di ingresso tutt’altro che zero. Gli affiliati, cosiddetti “driver” percepirebbero un rimborso mensile a titolo di remunerazione, per coprire integralmente la rata del finanziamento del veicolo e consentire anche un guadagno per il consumatore aderente. Almeno questo promette la promozione.

I RIMBORSI PROMESSI PER L’AUTO GRATIS CON PUBBLICITA’

La realtà dei fatti però è molto lontana dal costo zero pubblicizzato, stando a quanto l’Autorità Garante ha evidenziato nella fase di acquisizione degli elementi investigativi. L’offerta del professionista è molto convincente considerando che sul sito ufficiale si impegna a pagare un rimborso mensile per 84, 72, 60 oppure 48 mesi, il cui importo varia da 70 ad un massimo di 4.010 euro, in base al finanziamento. Il guadagno preventivato, da aggiungere al rimborso va da un minimo di 1.330 a un massimo di 53.000 euro. Abbastanza da convincere ad oggi almeno 190 driver affiliati. Tutti o quasi, vista l’assenza di lamentele, avrebbero ricevuto i compensi e i rimborsi promessi fino ad oggi. Ma non è tutto gratis quello che viene proposto, come evidenzia l’Antitrust. Intanto come vuole la regola comune alle promozioni di carvertising, vedi qui cosa dice la legge – è che l’affiliato pubblichi ogni settimana su Facebook almeno una foto dell’auto con le pubblicità.

QUANTO COSTA DAVVERO L’AUTO NUOVA GRATIS

Chi non rispetta questa condizione contrattuale fa decadere il diritto a percepire il rimborso. Infatti gli unici casi di inadempienza emersi sarebbero legati alla rescissione del contratto. Il consumatore però paga il prezzo di acquisto o noleggio del veicolo scelto. Inoltre deve pagare 190 euro per l’attivazione della pratica ANG e un “fondo di sicurezza” tra 2.000 e 105.000 euro. Ma come? Non era a costo zero? Vi chiederete. E infatti l’Antitrust sostiene che sia proprio questo fondo di garanzia a foraggiare l’azienda che poi rigira i compensi in base agli accordi. Entity offre ai clienti pubblicità a titolo gratuito, riporta l’Antitrust “in quanto consiste in un omaggio per i prodotti acquistati dagli stessi, quali la creazione di siti internet, volantini, banner pubblicitari, ecc.”. Occhi aperti quindi, poiché l’auto nuova gratis, quella a costo zero, non esiste.

The post Auto Nuova Gratis con pubblicità: l’Antitrust mette in guardia da Entity appeared first on SicurAUTO.it.

Chrome bloccherà le pubblicità avide di risorse hardware

di Marco Grigis
Google potrebbe introdurre un sistema di blocco per quelle pubblicità che consumano troppe risorse hardware: ecco il progetto per Chrome. Leggi Chrome bloccherà le pubblicità avide di risorse hardware

Chrome bloccherà le pubblicità avide di risorse hardware

di Marco Grigis

Google potrebbe introdurre un sistema di blocco per quelle pubblicità che consumano troppe risorse hardware: ecco il progetto per Chrome.

Leggi Chrome bloccherà le pubblicità avide di risorse hardware

Google Maps ci dirà anche quanto sono affollati i mezzi pubblici

di Niccolò Proietti Savina

È un periodo di grandi aggiornamenti per Google Maps. La novità di cui vi parliamo oggi riguarda l’aggiunta di informazioni su quanto il treno o l’autobus che abbiamo intenzione di prendere sia affollato.

(...)
Continua a leggere Google Maps ci dirà anche quanto sono affollati i mezzi pubblici su Androidiani.Com


© niccoloproietti for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Xiaomi elimina la pubblicità dalla MIUI

di Luca Colantuoni

Xiaomi utilizza una versione modificata di Android per i suoi smartphone, ad esclusione della serie Mi A1/A2. Il nome dell’interfaccia proprietaria è MIUI e include diverse app sviluppate dal produttore cinese. Durante un incontro con gli sviluppatori è stata confermata l’eliminazione dei banner pubblicitari che ostacolano l’esperienza d’uso.

Leggi il resto dell’articolo

Google blocca 2,3 miliardi di annunci ingannevoli

di Marco Locatelli

Con l’obiettivo di fermare truffe, abusi, malware e altre criticità che affliggono il settore della della pubblicità online, Google ha bloccato 2,3 miliardi di annunci pubblicitari ingannevoli o pericolosi nel 2018.

Leggi il resto dell’articolo

❌