Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Creare un salvadanaio condiviso su PayPal

di Roberto Cocciolo
La gestione del denaro è ormai cambiata quasi del tutto. Grazie all’arrivo di ottimi strumenti digitali infatti, è possibile proteggere i propri risparmi e crearne anche di nuovi. Oggi andremo quindi a vedere una funzione, leggi di più...

Come dividere una spesa su PayPal

di Roberto Cocciolo
PayPal continua la sua espansione proponendo periodicamente funzioni innovative e utili. Una delle ultime presentate e rilasciate al pubblico è senza dubbio quella dedicata alla divisione della spesa tra amici e parenti, senza alcuna commissione. leggi di più...

Come trasferire soldi da PayPal a conto gratuitamente

di Roberto Cocciolo
Una delle poche critiche mosse negli anni verso PayPal, è sicuramente la continua richiesta di commissioni per il trasferimento di denaro tra lo stesso servizio e una qualsiasi carta di pagamento. Fortunatamente però, oggi è leggi di più...

Satispay vs Paypal: differenze e quale conviene

di Santjago Burini
Paypal e Satispay sono due tra i molti metodi di pagamento online esistenti, il primo molto utilizzato e conosciuto, il secondo invece un po’ meno famoso. Quale tra i due però si adatta meglio alle leggi di più...

PayPal, per le aziende il posto giusto è online

di Filippo Vendrame

PayPal ha annunciato i risultati raccolti in un nuovo white paper che mostra come il commercio digitale rappresenti una risorsa particolarmente utile per le PMI. Sono state prese in considerazione 157.636 piccole e medie imprese che utilizzano PayPal per gestire i pagamenti digitali in 28 paesi dell’Unione europea.

Leggi il resto dell’articolo

La CONFERENZA PIU’ DIVERTENTE di SEMPRE! PayPal e FREE P2P

di Canna
PayPal annuncia oggi i risultati della sua nuova ricerca, condotta per indagare le abitudini degli Italiani nei confronti dei metodi di trasferimento di piccole somme di denaro e proporre nuove funzionalità della sua app per smartphone. Dalla ricerca è emerso che l’Italia […]

PayPal: come funziona, la guida rapida

di Salvo Vosal
paypal

Online, si sente spesso parlare di PayPal, in questo articolo spiegheremo cos’è e come funziona questo interessante servizio, che ha reso i pagamenti online più semplici rapidi e sicuri. PayPal è nata nel 1998 ed è stata definitivamente consacrata con l’acquisizione da parte di eBay nel 2002. Ancora oggi l’azienda è strettamente legata a questo […]

PayPal: come funziona, la guida rapida

Come trasferire soldi da PayPal a Postepay

di Giuseppe Testa
Come trasferire soldi da PayPal a Postepay

Hai il saldo di PayPal in attivo e vorresti trasferire i soldi sulla tua fidata Postepay? Hai diversi metodi per trasferire soldi da PayPal a Postepay e te li illustrerò nel dettaglio nella seguente guida. Continuando nella lettura troverai il metodo per trasferire soldi da PayPal a Postepay tramite il tuo PC ed il metodo per […]

Come trasferire soldi da PayPal a Postepay

Il corriere consegna un pacco danneggiato: ecco cosa fare

di Gianluca

L’acquisto di merce online è un’operazione spesso conveniente, però ai prezzi vantaggiosi corrispondono spesso dei rischi e uno dei principali è quello di ricevere merce guasta o danneggiata. In queste situazioni riportare il pacco danneggiato indietro è una situazione più complessa e lunga rispetto a quanto accade in negozio ma ci sono degli accorgimenti da fare se volete evitare qualunque problematica.

Firmare Con Riserva

La cosa più importante che potrete fare per proteggervi da eventuali danni alla merce in arrivo è quella di firmare con riserva la bolla di spedizione del corriere. Una firma con riserva significa che accettate il pacco danneggiato ma non avete la certezza che il suo contenuto sia integro, in questo modo se il contenuto dovesse essere danneggiato potrete facilmente avere ragione nei confronti del venditore. Questo metodo di accettazione dei pacchi nasce come garanzia degli acquirenti che non possono testare il contenuto del proprio ordine senza prima firmare l’accettazione dell’ordine stesso.cardboard-box-155563_960_720

Ovviamente non parliamo della panacea di tutti i mali dell’e-commerce, in quanto il corriere è tenuto ad accettare una firma con riserva solo se il pacco è esteticamente danneggiato, ovvero solo quando ci sono crepe o ammaccature sull’imballaggio. Non è una situazione molto comune, in quanto le società di spedizione che imballano da sé i pacchi si prendono molta cura della qualità degli imballaggi ed i problemi possono nascere da cadute accidentali magari causate dagli stessi corrieri.

Questa situazione entra in contrasto con i consigli dei negozi online che spesso chiedono sempre di accettare con riserva i pacchi, in quanto in questo modo i danni alla merce sarebbero automaticamente accollati alla società di spedizioni. Una buona pratica sarebbe quella di chiedere sempre se potete firmare con riserva: molti spedizionieri potrebbero non avere interesse a discutere su questa vostra richiesta ma qualora si rifiutino, e soprattutto qualora il pacco arrivato sia evidentemente danneggiato, l’unica cosa che vi resta da fare è rifiutare il pacco danneggiato e quindi rimandarlo indietro. Sarà cura del rivenditore assicurarsi dell’integrità del prodotto e rinviarvelo appena possibile.

Avete in questo modo evitato qualunque problematica successiva.

Pagare con PayPal

paypal

Quando possibile scegliete sempre, come metodo di pagamento, PayPal. Il popolare servizio di pagamenti online è la migliore soluzione per acquistare prodotti in sicurezza perché evitate lo scambio di informazioni sensibili con il rivenditore (che non avrà i dati della vostra carta di credito) e soprattutto perché se nascono problemi inerenti al pacco arrivato potrete chiedere l’intermediazione della stessa società PayPal per avere un rimborso immediato o un nuovo prodotto spedito. Non è ovviamente una procedura veloce o semplice, come prima cosa dovete infatti dimostrare che il prodotto non sia stato danneggiato da voi o dallo spedizioniere: nel primo caso la responsabilità sarebbe vostra, nel secondo caso avreste ragione soltanto con una firma con riserva. In generale PayPal è un servizio indispensabile per l’acquisto tra privati, in quanto è l’unico modo per avere la possibilità di avere ragione qualora dall’altra parte ci siano venditori poco professionali o poco corretti.

Sfruttare il diritto di recesso

Su alcuni siti, soprattutto i più seri e importanti come Amazon, potrete in ogni caso provare a far valere i vostri diritti di consumatori sfruttando il diritto di recesso che, salvo indicazioni differenti, vale almeno 14 giorni dall’arrivo del pacco. In questi casi potrete inviare il pacco danneggiato indietro chiedendone la sostituzione con un altro articolo uguale. Questa procedura è influenzata dal rivenditore: rivenditori come Amazon tendono ad accettare sui loro prodotti facilmente il recesso, all’arrivo si preoccupano di controllare se la merce era effettivamente difettosa e hanno comunque la forza di contrattare con i fornitori un rimborso anche per loro.parcel-service-151369_960_720
I siti più piccoli però potrebbero non avere voglia di perdersi in questioni con i fornitori, e negarvi il diritto di recesso. Per la legge avrete però la possibilità di sfruttarlo comunque se riuscite a dimostrare che la responsabilità del danno al prodotto non è vostra, e preferibilmente non date la colpa al corriere, per evitare anche qui di farvi ricadere addosso la responsabilità di non aver firmato con riserva.

Di seguito alcuni nostri articoli che potrebbero tornarvi utili:

L'articolo Il corriere consegna un pacco danneggiato: ecco cosa fare appare per la prima volta su Chimera Revo - News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia.

Consigli e accorgimenti per acquistare su eBay

di Aggregator

Tutti conosciamo eBay, il sito per comprare e vendere on-line più famoso al mondo. Tutti abbiamo comprato qualcosa da eBay, o conosciamo qualcuno che l’abbia fatto. Ovviamente con un gran risparmio se si è stati bravi a fare un ottimo affare. Purtroppo però non sempre sentiamo grandi storie gradevoli su chi frequenta eBay, tra i truffatori e chi vende merce contraffatta verrebbe quasi da smettere di frequentare eBay. Ma forse bastano un po’ si semplici accorgimenti per non incappare in qualche strana situazione.

Feedback

Il punteggio di feedback di un utente non è nient’altro che la percentuale di persone soddisfatte che ha trattato con quell’utente su tutta la totalità di persone. Spiegato così sembra un ottimo strumento per non farsi fregare, ma nel tempo molti furbetti sono riusciti ad arginare il problema. Come? Semplice, creandosi dei feedback ad-hoc.

[adv1]

La procedura che seguono è molto semplice, prima comprano un diverso numero di oggetti di pochissimo valore, in modo da avere un feedback positivo su un consistente numero di oggetti, poi passano alla loro truffa, vendendo oggetti inesistenti utilizzando il vecchio trucco di una svendita incredibile, o chissà quale prezzo stracciato su oggetti di diverse migliaia di euro. Il consiglio è non sono di guardare la percentuale di feedback positivi, ma anche come questi sono stati ottenuti e in che tempistiche.

Pagamenti

eBay offre ormai da diverso tempo la protezione integrale sui pagamenti grazie a PayPal. Purtroppo però i pagamenti tramite PayPal impongono delle percentuali ai venditori, le quali si vanno ad aggiungere alle percentuali di eBay. Per questo può sembrare sconveniente, ma la realtà è che, chi gioca troppo spesso con questo dato di fatto, potrebbe non avere buone intenzioni in caso di controversia. Consiglio? Trovate chi vende il vostro oggetto dei desideri con PayPal, anche se costa qualche euro in più. Nel caso di una controversia avrete un alleato potente come PayPal nelle vostre fila, potendo riavere indietro il vostro denaro.

Spedizioni

Cercate di non risparmiare sulle spedizioni, chiedete anzi di voler spedizioni diverse da quelle indicate se possibile. Ovviamente dipende dal valore dell’oggetto, ma preferite i servizi top di gamma di Poste Italiane, o un qualsiasi altro corriere espresso. Fate in modo che la spedizione sia tracciabile e assicurata. A proposito dell’assicurazione che offre Poste Italiane, non è da intendersi come un risarcimento se il pacco viene smarrito, ma viene applicata una franchigia pari al 10% del valore dichiarato, per un minimo di 26,00€ solo se il pacco viene danneggiato durante il trasporto.

Fonte

❌