Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 20 Agosto 2019RSS feeds

Crisi di Governo: 5 impegni su auto e sicurezza stradale a rischio

di Raffaele Dambra

Crisi di Governo

La crisi di Governo che ha portato alle dimissioni del premier Conte e a un futuro tutto da decifrare, potrebbe avere notevoli conseguenze anche sul mondo dell’auto e della sicurezza stradale. Nei prossimi mesi, infatti, Governo e Parlamento si sarebbero dovuti pronunciare in via definitiva su alcuni temi caldi come il pacchetto di riforme al Codice della Strada, l’introduzione dei dispositivi anti-abbandono per i bambini in auto e gli sconti obbligatori sulle tariffe RC auto in caso di installazione della scatola nera, per cui mancano ancora i decreti attuativi. Ma anche sull’eventualità di estendere ecotassa ed ecobonus e sulla possibile revoca delle concessioni ad Autostrade SpA dopo i fatti del Ponte Morandi. Adesso però l’impasse politico rischia di far saltare tutto o di rinviare a chissà quanto (con possibili modifiche o stravolgimenti) questi ed altri importantissimi cambiamenti. Facciamo il punto della situazione.

CRISI DI GOVERNO: CHE FINE FARANNO LE MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA?

Ad oggi il corposo pacchetto di modifiche al Codice della Strada è già stato approvato in prima lettura in Commissione Trasporti alla Camera, ma deve ancora transitare in Aula (è richiesta l’approvazione sia della Camera che del Senato). In caso di esito favorevole sarebbe diventato legge entro la fine del 2019, ma adesso che fine farà? Ricordiamo che parliamo di modifiche su cui si è discusso molto come l’inasprimento delle sanzioni per chi guida maneggiando il cellulare (con sospensione della patente fin dalla prima violazione); la circolazione di scooter 125 cc in autostrada, purché guidati da maggiorenni; l’aumento dei fondi destinati alla sicurezza stradale derivanti dalle multe (e obbligo di rendicontarne l’uso); l’introduzione delle strade scolastiche e degli stalli rosa; la proposta del doppio senso ciclabile o senso unico eccetto bici; lo snellimento dell’iter per presentare ricorso al prefetto, e molto altro ancora. Cambiamenti anche epocali che rischiano seriamente di andare in fumo…

CRISI DI GOVERNO: CHE SUCCEDERÀ CON I DISPOSITIVI ANTI ABBANDONO PER I BAMBINI?

L’obbligo di utilizzare sulle auto i dispositivi di allarme volti a prevenire l’abbandono dei bambini sarebbe dovuto scattare già lo scorso 1° luglio 2019. Ma a causa delle solite lungaggini burocratiche la stesura del decreto attuativo, necessario per mettere in pratica quanto previsto dalla nuova legge, sta richiedendo molto più tempo del previsto e al momento non è stata ancora ultimata. Prima della crisi di Governo si sperava di completare il tutto entro novembre (ricordiamo che serve pure il parere positivo del Consiglio di Stato, seguito dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale). Ma adesso il futuro è assai più nebuloso e non sono affatto esclusi ulteriori rinvii. Poveri bambini…

CRISI DI GOVERNO: A QUANDO I DECRETI ATTUATIVI PER GLI SCONTI OBBLIGATORI DELLA SCATOLA NERA?

Questa vicenda va incredibilmente avanti da ben due anni e quindi le dimissioni del Governo Conte c’entrano fino a un certo punto. Ma sicuramente non aiutano a raggiungere celermente l’obiettivo. Facciamo un rapido recap: nell’estate 2017 fu annunciato che l’installazione della scatola nera auto avrebbe generato significativi sconti obbligatori sull’assicurazione RCA. Oggi però gli sconti sono ancora quelli facoltativi che applicano le compagnie assicurative. Di obbligatorio invece non c’è ancora nulla, poiché anche in questo caso mancano i necessari decreti attuativi del Ministero dei Trasporti e del Ministero dello Sviluppo Economico. Lo stallo pare sia dovuto ad alcune criticità relative alla privacy e alla piena attendibilità del dispositivo che di fatto stanno bloccando l’approvazione dei decreti. Stallo che in caso di caduta del Governo e a maggior ragione dell’intera Legislatura rischia di prolungarsi chissà per quanto…

CRISI DI GOVERNO: ECOTASSA ED ECOBONUS SARANNO CONFERMATI?

Le due misure introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 per penalizzare chi acquista veicoli inquinanti e premiare chi sceglie una mobilità più sostenibile, dovrebbero restare in vigore fino al 31 dicembre 2021 (ma per i ciclomotori solo fino al 31/12/2019) e superare quindi indenni la crisi di Governo. Nulla però vieta che una nuova maggioranza in Parlamento, costituita magari da forze contrarie a questo genere di politiche (o semplicemente per smistare i fondi altrove), cancelli con un colpo di spugna sia l’ecotassa che l’ecobonus. Non ci resta che attendere.

CRISI DI GOVERNO: CONTINUERÀ LA BATTAGLIA DEL M5S CONTRO LA SOCIETÀ AUTOSTRADE?

La revoca della concessione delle tratte autostradali ad Autostrade per l’Italia SpA, società che fa parte del gruppo Atlantia che ha come principale azionista la famiglia Benetton, è una delle (non facili) battaglie che il Movimento 5 Stelle sta portando avanti fin dal giorno dopo il crollo del Ponte Morandi di Genova (mentre Salvini e la Lega si sono sempre mostrati più prudenti). Ovviamente tale battaglia risulterebbe seriamente compromessa se il M5S uscisse dalla compagine governativa.

CRISI DI GOVERNO: BOLLO AUTO, ACCISE SUI CARBURANTI E AUMENTO DELL’IVA, QUANTI DUBBI

Elencati i 5 impegni su auto e sicurezza stradale che la caduta del Governo metterebbe maggiormente a serio rischio, non possiamo non accennare sommariamente ad altre questioni che la crisi parlamentare di certo non contribuirebbe a risolvere, anzi. Pensiamo per esempio all’odiato bollo auto, che tanti vorrebbero eliminare o quanto meno ridurre ma nessuno ci riesce. Oppure alle tanto discusse accise sui carburanti, la cui cancellazione, uno degli storici cavalli di battaglia di Matteo Salvini, non è stata mai concretamente affrontata e di questo passo non lo sarà. E infine il temutissimo aumento dell’IVA, ipotesi più che possibile in caso di crisi di Governo. E che andrebbe a incidere anche sul mondo dell’auto con l’immediato sbalzo verso l’alto di listini, benzina e quant’altro.

The post Crisi di Governo: 5 impegni su auto e sicurezza stradale a rischio appeared first on SicurAUTO.it.

RaspArch: nuova build con supporto a Raspberry Pi 4

di Claudio Davide Ferrara
RaspArch, rilasciata la nuova versione della distribuzione basata su Arch Linux e dedicata a Raspberry Pi. Leggi RaspArch: nuova build con supporto a Raspberry Pi 4

Le 10 cose più pericolose che si fanno al volante, anche inconsciamente

di Antonio Elia Migliozzi

Una ricerca americana smaschera le cattive abitudini degli automobilisti. Il 90% degli intervistati ammette di aver tenuto comportamenti pericolosi alla guida nel corso dell’ultimo anno. Finiscono all’indice i soliti vizi come usare lo smartphone o cambiare la stazione radio, ma la vetta della classifica spetta al cibo in auto. Il 67% del campione confessa infatti di essersi distratto al volante perché impegnato a mangiare. Restano fuori dal podio altri atteggiamenti imprudenti come viaggiare ad alta velocità, inviare messaggini o non tenere le cinture allacciate. Lo studio conferma i rischi legati agli altri occupanti dell’auto che spingono il conducente a staccare gli occhi dalla strada. In questo senso si parla delle attenzioni ad animali e bimbi. Diamo uno sguardo da vicino ai numeri considerando che certi vizi, nonostante l’impegno della polizia e delle autorità locali, sono davvero duri a morire.

SICUREZZA A RISCHIO

Un portale americano ha svolto un sondaggio sui vizi degli automobilisti negli Usa. Lo studio ha rivelato che quasi tutti i conducenti, cioè il 90%, ammette di aver tenuto comportamenti di guida pericolosi nel corso dell’ultimo anno. E se alcuni di questi gesti, come mangiare, parlare al telefono o cambiare musica, possono sembrare innocui i dati parlano chiaro. Negli Stati Uniti il 94% degli incidenti stradali è causato da errori umani e da stili di guida pericolosi. Ancora più preoccupante il fatto che molti conducenti distratti continuano a comportarsi in modo scorretto perché impuniti. Più di un terzo dei patentati ha dichiarato di non essere mai stato fermato per una violazione nonostante la scarsa attenzione sul fronte sicurezza. L’uso del telefono al volante resta la prima minaccia. Nel dettaglio il 58%, il 27% e il 24% dei conducenti dichiara rispettivamente di parlare al telefono, leggere inviare messaggi di testo.

CATTIVE ABITUDINI

Lo smartphone resta pericoloso nonostante 20 Stati degli Usa abbiano imposto specifici divieti sull’uso. Altri comportamenti rischiosi al volante includono mangiare (67%), cambiare la musica (55%) e guidare ad alta velocità (41%). Alla domanda su quale sia l’attività più pericolosa da fare mentre si guida i conducenti contattati citano l’invio di SMS. Insomma sembrerebbe una certa consapevolezza inizi a farsi largo, tra le condotte più rischiose al secondo posto si piazza l’uso di alcolici. Tuttavia emerge una chiara contraddizione. Il numero di conducenti che ha riferito di inviare un messaggio durante la guida è di 6 volte superiore rispetto a quelli che hanno dichiarato di aver bevuto alcolici. Nel dettaglio il 24% continua a messaggiare allegramente al volante mentre il 4% dichiara di aver bevuto troppo prima di sedersi al posto di guida. Sul fronte sanzioni arrivano conferme interessanti con le donne che sono più attente alle regole.

UOMINI AL VOLANTE

Lo studio conferma che i conducenti maschi hanno maggiori probabilità di finire sotto l’occhio della legge; il 94% degli uomini ha confermato di essere stato fermato dalla polizia almeno una volta nel corso dell’ultimo anno rispetto all’89% delle donne. Gli uomini hanno anche maggiori probabilità di essere multati, sono il 65% , rispetto al 46% delle donne. Queste cattive abitudini contribuiscono agli alti costi assicurativi, in particolare i giovani conducenti maschi che pagano il 23% in più rispetto alle giovani donne. Con una media di otto comportamenti di guida pericolosi nell’ultimo anno i driver del nordest degli Usa si aggiudicano il primato. In questo caso sono seguiti dal midwest con sei, dall’ovest con cinque e dal sud degli Usa con due. È interessante notare nel sud degli States si hanno più probabilità di essere stati fermati per guida pericolosa (67%), rispetto al nord (60%).

The post Le 10 cose più pericolose che si fanno al volante, anche inconsciamente appeared first on SicurAUTO.it.

Come attivare i Gruppi di prodotto (Collections) sul nuovo Microsoft Edge

di WindowsBlogItalia

In occasione di Build 2019, Microsoft ha annunciato diverse novità tra cui Collections (in italiano Gruppi di prodotto). Scopriamo assieme di cosa si tratta e come è possibile attivare, sin da subito, la nuova funzionalità. Gruppi di prodotto (Collections) Collections permette all’utente di selezionare testo, immagini ed elementi multimediali dalle pagine web e unirli in una […]

Puoi leggere l'articolo Come attivare i Gruppi di prodotto (Collections) sul nuovo Microsoft Edge in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Adesso è ufficiale! PUBG supporterà il cross-play tra Xbox One e PlayStation 4

di Lorenzo Spada
PUBG Season 4

Durante l'evento Inside Xbox della Gamescom 2019 di Colonia è stata annunciata la Season 4 di PUBG e il futuro supporto al cross-play tra Xbox One e PS4

L'articolo Adesso è ufficiale! PUBG supporterà il cross-play tra Xbox One e PlayStation 4 proviene da TuttoTech.net.

L’ex dirigente di Apple Siri Bill Stasior ha abbandonato l’azienda per passare a Microsoft

di Giuseppe

Bill Stasior ufficializza la sua nuova posizione lavorativo presso Microsoft: secondo indiscrezioni sarà a capo di una divisione al lavoro sull'intelligenza artificiale, assumendo il ruolo di vice direttore tecnologico

L'articolo L’ex dirigente di Apple Siri Bill Stasior ha abbandonato l’azienda per passare a Microsoft proviene da TuttoTech.net.

GeForce Now avrà dei server dedicati al gaming con RTX

di Alessandro Bellia
Nvidia ha annunciato che la sua piattaforma in cloud dedicata al gaming, GeForce Now, avrà dei nuovi server dedicati esclusivamente alla tecnologia RTX. A partire da oggi al Gamescom in Germania, i beta tester di GeForce Now potranno iniziare ad usufruire dei vantaggi del gaming RTX in cloud. Il nuovo servizio sarà dedicato a tutti, […]

What3Words, l’app utile per i soccorsi che ti geolocalizza in 3 parole

di Lucia Massaro
What3Words è l’applicazione che può salvare vite umane nel caso in cui non si conoscano le giuste coordinate. La posizione esatta può essere conosciuta tramite tre semplici parole. L’app infatti utilizza una griglia composta da 57 trilioni di quadrati delle dimensioni di 3 metri per 3 metri. A ogni quadrato sono state assegnate tre parole […]

Nova è stato veramente introdotto in Avengers: Endgame?

di Emanuela Acri
Il film Marvel campione d’incassi, Avengers: Endgame, ha avuto uno dei finali più eclatanti dei cinecomics e sono stati veramente molti i personaggi che hanno preso parte allo scontro con Thanos. Dunque, proprio la parte finale del capitolo dedicato alla saga dei Vendicatori è stato al centro dell’attenzione e continua ad esserlo tuttora. I fratelli […]

Display auto 3D: come cambierà il modo di guidare un’auto

di Donato D'Ambrosi

I display nella plancia e nel quadro strumenti hanno accompagnato l’evoluzione tecnologica delle auto fino a diventare dei proiettori 3D. Sempre più costruttori rimpiazzano strumenti analogici a lancette con display 3D interattivi e riconfigurabili. Ma siamo sicuri che troppa luce non creerà alla lunga gli stessi effetti del computer in ufficio? Bisogna chiederselo ora che i display oltre ad essere sempre più sconfinati, iniziano a fuoriuscire olograficamente dalle strutture tangibili dell’auto.

I TENTATIVI FALLITI E QUELLI RIUSCITI CON I DISPLAY

I display non sono certo una novità sulle auto, chi può ricorda le varie Audi Quattro, Fiat Tipo e Tempra, Renault Espace e Twingo, e così via. Una tendenza quasi anacronistica di innovare, quando la tecnologia dei display non garantiva sempre la giusta affidabilità alle alte temperature, al tempo e all’umidità. Quei tempi sono ben lontani, tanto che Tesla – per tirarne in ballo una a caso – già dal 2012 ha destato stupore con il display centrale da ben 17 pollici. Praticamente se alle Model S e X si togliesse il monitor centrale, resterebbe nulla o poco della plancia. Tanto display però significa zero tasti, design più pulito, infotainment e assistenza alla guida. Una nota azienda tra quelle più impegnate nello sviluppo di soluzioni multimediali per auto però ha appena annunciato i display 3D che promettono tanti vantaggi per il guidatore. Sui possibili rischi però quasi nessuno si pronuncia.

I VANTAGGI DI UN DISPLAY 3D

Le informazioni di guida, di navigazione, gli alert provenienti dalle altre auto (V2V) e tutto ciò che può interessare il guidatore salterà letteralmente fuori dalla plancia. È l’annunciata novità dei display 3D su alcune auto che presto vedremo in commercio. Il conducente potrebbe farsi un’idea migliore dello spazio restante tra l’auto e il muro di un garage, ad esempio. Questo effetto 3D sarebbe funzionale anche quando si percorrono strade fiancheggiate da edifici molto alti per individuare meglio la svolta successiva.

I DUBBI DI UN DISPLAY TROPPO INVASIVO

A chi si chiede ma a cosa serve un display 3D in auto, non bastava un display digitale ben fatto? L’azienda risponde che: “Grazie alla profondità di campo del display il conducente può cogliere più velocemente importanti informazioni visive, come quelle trasmesse da un sistema di assistenza o di segnalazione delle condizioni del traffico. I messaggi che sembrano uscir fuori dal display sono molto più evidenti e immediati“. C’è un fattore molto influente sulla sicurezza di guida che ancora oggi si cerca di contrastare: la stanchezza di guida e della vista con soluzioni sempre più ergonomiche.

OCCHI A RISCHIO CON TROPPI DISPLAY?

Ma quante volte guidando di notte quel colpo d’occhio al display vi ha spinto a battere le palpebre? E’ uno dei sintomi molto simili alla “Sindrome del Computer” o banalmente all’affaticamento degli occhi dovuto all’esposizione prolungata alla luce di un monitor. Allora viene spontaneo chiedersi se la prorompente diffusione di display sempre più grandi e interattivi risponde ad esigenze di mercato o di sicurezza di guida. Visto che ad oggi le stesse aziende non hanno diffuso conferme o smentite su quanto realmente i display fanno bene agli occhi del guidatore o affaticano la vista. E se per caso volessimo spegnere un enorme display, magari di notte, perché ci disturba la guida? Tesla, che abbiamo citato più sopra, ad esempio dice che non è possibile. Precisa che “è possibile regolare la luminosità e l’impostazione Giorno / Notte in Controlli> Schermo, nonché oscurare temporaneamente lo schermo per la pulizia”. Restate collegati poiché torneremo sull’argomento con interessanti e inedite curiosità.

The post Display auto 3D: come cambierà il modo di guidare un’auto appeared first on SicurAUTO.it.

Giochi Xbox su Android e iPhone grazie a Project xCloud: ecco le prime conferme

di Giuseppe

Con Project xCloud Microsoft tenta di fornire ai videogiocatori due possibilità di vivere i titoli Xbox in una nuova forma: lo streaming personale, utilizzando i giochi presenta sulla console che diventa un server pronto all'uso, e lo streaming di titoli direttamente dai server dell'azienda di Redmond, per poter giocare sempre e ovunque

L'articolo Giochi Xbox su Android e iPhone grazie a Project xCloud: ecco le prime conferme proviene da TuttoTech.net.

Microsoft annuncia le novità in arrivo nel nuovo Edge nei prossimi mesi

di Filippo Molinini

In un post sul forum ufficiale, Microsoft ha annunciato tutte le novità in arrivo nei prossimi mesi nel nuovo Edge, sulla base dei feedback ricevuti dagli utenti. Tante novità in arrivo in Edge nei prossimi mesi Microsoft tiene a precisare che la maggior parte delle novità introdotte nel corso delle ultime settimane sono state frutto […]

Puoi leggere l'articolo Microsoft annuncia le novità in arrivo nel nuovo Edge nei prossimi mesi in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Microsoft rilascia la build 17134.984 per Windows 10 1803 | Novità

di Lorenzo Spada
Aggiornamento Windows 10

Microsoft ha provveduto a rilasciare la nuova build 17134.984 per Windows 10 1803 (May 2018 Update) con diverse risoluzioni di problemi

L'articolo Microsoft rilascia la build 17134.984 per Windows 10 1803 | Novità proviene da TuttoTech.net.

Apple CarPlay, con iOS 13 novità e interfaccia ridisegnata

di Lorenzo Spada
Apple CarPlay iOS 13

Ecco tutte le novità che verranno apportate sui sistemi di infotainment compatibili con Apple CarPlay con l'aggiornamento ad iOS 13

L'articolo Apple CarPlay, con iOS 13 novità e interfaccia ridisegnata proviene da TuttoTech.net.

Come vedere canali TV su Chromecast

di Alessio Salome
Avete voglia di guardare il programma televisivo preferito ma purtroppo non avete a disposizione un’antenna nella stanza? È possibile risolvere questo problema in maniera molto semplice seguendo le indicazioni che vi proponiamo in questa guida, leggi di più...

Dall’assistenza di Siri a quella di Cortana per Bill Stasior

di Antonino Caffo
Microsoft ha assunto l’ex vicepresidente della divisione IA di Apple e capo del team responsabile di Siri, Bill Stasior. Il nuovo titolo di Stasior, aggiornato ad agosto 2019, è quello di vicepresidente aziendale del reparto Technology. Stasior farà parte dell’ufficio del Chief Technology Officer, Kevin Scott. Come originariamente riportato da The Information, il compito di […]

LineageOS 16 sbarca su vari altri smartphone: ecco i nuovi modelli supportati

di Roberto F.

Nelle scorse ore la popolare ROM LineageOS 16 è stata rilasciata per sei nuovi modelli, incluso il recente ASUS ZenFone 6. Scopriamo insieme tutti i dettagli

L'articolo LineageOS 16 sbarca su vari altri smartphone: ecco i nuovi modelli supportati proviene da TuttoAndroid.

IKEA mette in piedi una divisione dedicata ai dispositivi smart home mentre apre a Philips Hue

di Pietro Paolucci

IKEA punta forte sui dispositivi smart home e comincia ad aprire la strada all'interconnessione con la tecnologia Philips Hue. Nel frattempo c'è persino chi ha provato a impiantare il sistema che sta dentro gli altoparlanti SYMFONISK in speaker terzi.

L'articolo IKEA mette in piedi una divisione dedicata ai dispositivi smart home mentre apre a Philips Hue proviene da TuttoAndroid.

Meno recentiRSS feeds

Apple Arcade: svelato il costo mensile, consentirà il Family Sharing

di Giuseppe
Apple Arcade

Apple Arcade vuole proporre centinaia di titoli premium con un singolo abbonamento mensile, possibilità di giocare ad essi tramite tutte le piattaforme offerte dai prodotti Apple e anche con la possibilità di condividere il servizio con i membri della famiglia

L'articolo Apple Arcade: svelato il costo mensile, consentirà il Family Sharing proviene da TuttoTech.net.

❌