Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Gomme auto: dal 15 aprile stop ai pneumatici invernali

di Redazione

gomme auto 15 aprile

Il 15 aprile è una data importante per gli automobilisti italiani perché termina l’obbligo di viaggiare con pneumatici invernali e si può tornare alle gomme auto estive. La normativa prevede infatti che dal 15 novembre al 15 aprile di ogni anno si debbano montare dotazioni invernali e nei sei mesi successivi pneumatici estivi, ma in realtà la faccenda è un po’ più complessa visto che sono previste numerose eccezioni. Cerchiamo perciò di fare maggiore chiarezza.

CAMBIO GOMME DA INVERNALI A ESTIVE: COSE DA SAPERE

Innanzitutto quella del 15 aprile non è una scadenza categorica. La legge concede agli automobilisti un mese aggiuntivo per mettersi in regola, quindi c’è tempo fino al 15 maggio per dotarsi di gomme auto estive. Inoltre sono previste estensioni o riduzioni del periodo di vigenza a seconda della posizione geografica e delle condizioni climatiche: per esempio nelle zone più fredde l’obbligo di circolare con pneumatici invernali può iniziare prima e terminare dopo, e viceversa. Maggiori informazioni a riguardo, con il calendario completo e le notifiche più recenti, sono disponibili sui portali istituzionali di ciascuna regione o sul sito dell’Anas.

LA REGOLA DEL CODICE DI VELOCITÀ

Ma la cosa più importante da sapere è che non c’è sempre l’obbligo di tornare alle dotazioni estive. I pneumatici invernali con dicitura M+S (che c’è sempre) e codice di velocità uguale o superiore a quanto indicato sul libretto di circolazione, possono infatti circolare tutto l’anno, senza limitazioni. Al contrario, solo le gomme invernali che riportano un codice di velocità inferiore (al massimo una lettera) devono essere obbligatoriamente cambiate nel periodo estivo.

COME INDIVIDUARE IL CODICE DI VELOCITÀ

Il codice di velocità è una sigla riportata sulle gomme delle auto, rappresentata da una lettera dell’alfabeto, e corrisponde alla velocità massima alla quale un pneumatico può viaggiare. Per esempio la lettera P indica che il limite è di 150 km/h, la Q di 160 e così via, fino alla sigla Y. Su tutti i libretti di circolazione è indicato il codice di velocità minimo di ciascuna vettura. Quindi se il libretto riporta la lettera Q, montando gomme auto invernali M+S con codice di velocità da Q in poi (Q, R, S. T, ecc.) non c’è nessun obbligo di cambiare i pneumatici per l’estate. Altrimenti (fino alla lettera P) l’obbligo sussiste. I codici di velocità sono 31 e vanno da A1 a Y. Ecco la tabella completa dal sito dell’ASAPS, Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale:

VANTAGGI DELLE GOMME ESTIVE

A prescindere però dagli obblighi di legge, nei mesi più caldi è sempre meglio circolare con gomme estive. Con temperature superiori ai 7/10 gradi centigradi, infatti, queste ultime offrono migliori performance in fatto di tenuta di strada, frenata, sicurezza e garantiscono risultati superiori sia in termini di consumi che di comfort acustico. Inoltre, il loro battistrada si consuma meno con le temperature elevate.

SANZIONI PER CHI NON MONTA LE GOMME ESTIVE

Chi viene sorpreso a circolare nel periodo estivo (dal 16 maggio, terminato il mese di “tolleranza”) con tipologia di pneumatici non regolare (quindi con gomme M+S contrassegnate da un codice inferiore rispetto a quanto previsto dal libretto) è soggetto a una multa da 422 a 1.695 euro, oltre al ritiro della carta di circolazione e all’obbligo di revisione. Attenzione: se, come abbiamo visto, il passaggio dalle gomme invernali a quelle per l’estate non è sempre obbligatorio, in direzione opposta vale esattamente il contrario. Perciò con le dotazioni estive non si può mai circolare in inverno. Leggermente diverso il caso dei cosiddetti pneumatici All Season su cui vi invitiamo a leggere la nostra mini guida completa.

L'articolo Gomme auto: dal 15 aprile stop ai pneumatici invernali proviene da SicurAUTO.it.

Nokian presenta le WR Snowproof: le gomme invernali in arrivo nel 2019

di Donato D'Ambrosi

La primavera è ormai alle porte, ma Nokian anticipa i tempi presentando le nuove gomme invernali WR Snowproof per il prossimo inverno. Avranno prestazioni equilibrate per adattarsi alle mutevoli condizioni dell’asfalto freddo: le anticipazioni di Nokian sugli pneumatici invernali WR Snowproof, rivelano 55 misure diverse disponibili dall’autunno 2019. Premesse in linea con le recenti Nokian Powerproof e Wetproof che abbiamo provato qui.

L’INDAGINE NOKIAN IN EUROPA

Gli pneumatici Nokian WR Snowproof sono fatti secondo le preferenze dei consumatori europei – dice Nokian – e offrono un’aderenza ottimale in condizioni di guida variegate: dalle velocità cittadine a quelle autostradali. Secondo un sondaggio commissionato dal Costruttore di pneumatici, il 60% degli automobilisti del Centro Europa ritiene che le gomme invernali siano lo strumento di sicurezza più importante in inverno. Quasi il 70% degli intervistati ritiene che l’aderenza e la maneggevolezza delle gomme sia fondamentale. Mentre la sicurezza è tra i primi 3 fattori rilevanti nelle condizioni di guida più impegnative.

EQUILIBRIO DI PRESTAZIONI DALLA PIOGGIA ALLA NEVE

Sicurezza aderenza delle nuove Nokian WR Snowproof si basano sul pilastro Alpine Sense Grip e sulla mescola Alpine Grip. Battistrada e mescola si combinano in modo da rendere lo pneumatico euiqlibrato in situazioni di guida mutevoli, maneggevole nei repentini cambi di traiettoria e con una bassa resistenza al rotolamento, scopri in questo video perché è importante. “Il nostro concept Alpine Sense Grip permette allo pneumatico invernale di adattarsi alle variazioni del meteo, – spiega MarkoRantonen, Product Development Manager di Nokian Tyres – garantendo il grip tanto necessario per le situazioni più estreme di guida anche prima che i sistemi di sicurezza elettronica si attivino”.

50 NUOVE MISURE DA 14 A 20 POLLICI

Con gli pneumatici Nokian WR Snowproof, la gamma attuale di 150 misure di pneumatici invernali si allargherà con ulteriori 50 misure a partire dall’autunno 2019. Le gomme WR Snowproof infatti affiancheranno le Nokian WR D4 e Nokian WR A4, nelle dimensioni da 14 a 20 pollici declinate nei codici di velocità Q (160 km/h), T (190 km/h), H (210 km/h), V (240 km/h) e W (270 km/h).

L'articolo Nokian presenta le WR Snowproof: le gomme invernali in arrivo nel 2019 proviene da SicurAUTO.it.

Nuova etichetta pneumatici UE: includerà anche le prestazioni invernali

di Donato D'Ambrosi

L’Europa sta per introdurre interessanti novità con la nuova etichetta sugli pneumatici che, tra le altre disposizioni, diventa a misura di pneumatici invernali e da ghiaccio. Si rinnova così l’etichetta energetica che ora colma l’ultimo spazio bianco in basso con nuove icone che danno indicazioni sulle performance invernali delle gomme. Tra le proposte avanzate dal Consiglio europeo delle Nazioni Unite ci sono anche novità sugli pneumatici ricostruiti e indicazioni sull’esposizione dell’etichetta anche per le vendite online. Ma vediamo come è fatta la nuova etichetta per pneumatici estivi e invernali.

LE PROPOSTE AL VAGLIO DEL PARLAMENTO EU Le novità sull’etichetta degli pneumatici per gomme invernali, ricostruite e vendute online sono contenute nelle proposte che il Consiglio europeo sottopone al Parlamento con il fascicolo 6695/19. In altre parole, la delegazione ha chiesto l’introduzione di una serie di variazioni tecniche che spingere i costruttori di pneumatici a sviluppare gomme sempre più efficienti. D’altro canto la nuova etichetta energetica punta anche a informare in modo più completo i consumatori che fino ad oggi trovano solo le caratteristiche “standard” di gomme estive e invernali, scopri in questo video le differenze. La proposta punta ad estendere anche alle gomme ricostruite il regolamento in vigore, ma solo quando sarà sviluppato un metodo di prova adeguato.

I SIMBOLI DA NEVE E GHIACCIO Quanto invece alla nuova etichetta, dovrà indicare chiaramente in basso, in aggiunta alle altre caratteristiche, anche se lo pneumatico è adatto alla guida su neve e ghiaccio. Attenzione, poiché mentre per “frenata sul bagnato”, “consumo carburante” e “rumorosità” troveremo un valore in lettere o decibel, l’attitudine della gomma alla guida su neve e ghiaccio sarà indicata solo da uno dei due simboli o entrambi come mostra la figura in basso. I Costruttori di pneumatici autocertificheranno le prestazioni su neve se nei test la gomma rispetta il valore minimo dell’indice di aderenza in conformità all’allegato 7 del regolamento UNECE n.117. In tal caso lo pneumatico riporterà sull’etichetta la montagnetta a 3 punte 3PMSF (simbolo n.11) indicante che può essere usato in “condizioni di neve estreme”. Per quanto riguarda le prestazioni su ghiaccio, invece, i Costruttori dovranno attenersi per i test a quanto dispone la norma ISO 19447. Se lo pneumatico rispetterà il valore minimo di aderenza stabilito dalla suddetta norma riporterà in etichetta il simbolo n.10 del triangolo ghiacciato con vertice in basso, che classifica la gomma appunto come “pneumatico da ghiaccio”.

LE PRESTAZIONI DA USATE MANCANO La nuova etichetta energetica degli pneumatici estivi e invernali potrà essere adottata da fornitori e rivenditori online nella pubblicità come informazione annidata. In particolare si stabilisce anche la facoltà (ma non l’obbligo) per le autorità nazionali di effettuare ulteriori verifiche comparando le informazioni riportate in etichetta e quelle trasmesse dai fornitori. Ma questa eventualità si manifesterebbe solo qualora vi fossero motivi di ritenere che un fornitore non abbia garantito la precisione dell’etichetta (es. segnalazioni all’Antitrust o test indipendenti). Insomma, un’etichetta che  – per quanto sarà sempre indicativa e autocertificata dai produttori, si arricchisce di altre utili informazioni. Resta invece una proposta inevasa l’indicazione sulle prestazioni degli pneumatici da usati. Un punto su cui Michelin ha fondato la sua compagna per dimostrare che cambiare le gomme a 3 millimetri è uno spreco inutile, come spiega in questo video.

L'articolo Nuova etichetta pneumatici UE: includerà anche le prestazioni invernali proviene da SicurAUTO.it.

❌