Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Come eliminare account Google

di Alessio Salome
La nostra nuova guida odierna interesserà tutte quelle persone che vogliono sapere come eliminare account Google. Nelle prossime righe, infatti, vi spiegheremo tutte le soluzioni disponibili per rimuovere l’account personale di Big G dai dispositivi leggi di più...

Come mandare iPad in assistenza

di Alessio Salome
Apple è riuscita a differenziarsi dalla marea di tablet Android disponibili sul mercato con la sua gamma iPad portando sul mercato dei prodotti di qualità ed esclusivi, perfetti per la multimedialità e la produttività in leggi di più...

Apple avvia finalmente la certificazione MFi per i cavi da USB-C a Lighting

di Lorenzo Spada
Apple cavi da USB-C a Lighting

Stando a un nuovo report di MacRumors, Apple ha avviato il processo di certificazione MFi per i cavi da USB-C a Lighting di terze parti. Si tratta di un’ottima notizia per tutti coloro hanno un iPhone di ultima o di penultima generazione. Fino a ora per avere il supporto alla ricarica rapida su iPhone infatti era […]

L'articolo Apple avvia finalmente la certificazione MFi per i cavi da USB-C a Lighting proviene da TuttoTech.net.

Le migliori app e giochi dell’App Store scelte da Apple

di Lorenzo Spada
Apple Best of 2018 app e giochi

Apple ha provveduto a rilasciare la propria classifica delle migliori app e dei migliori giochi del 2018 per iPhone e iPad relativamente al 2018. La migliore app del 2018 per iPhone è stata la versione per iPhone della famosa app di disegno Procreate per iPad, Procreate Pocket. Nel frattempo, la migliore app per iPad è […]

L'articolo Le migliori app e giochi dell’App Store scelte da Apple proviene da TuttoTech.net.

Come sostituire vetro iPad

di Alessio Salome
In momenti di distrazione può capitare di farsi sfuggire di mano il dispositivo (che sia uno smartphone o un tablet) e farlo cadere a terra. La parte più fragile di un device è senza dubbio leggi di più...

Vedere il numero seriale della SIM su Android e iPhone

di Alessio Salome
Quando si effettua la portabilità del numero verso un operatore (magari prendendo spunto dalle offerte da noi proposte) è necessario fornire alcuni dati, fra cui il codice ICCID identificativo della scheda. In questa guida odierna leggi di più...

Recensione Galaxy Tab S4: Samsung ha fatto centro, l’unico limite è Android

di Saverio Alloggio

Il Galaxy Tab S4 è il nuovo modello di punta di casa Samsung per il mondo dei tablet. Si scontra direttamente con gli iPad Pro, con il vantaggio di poter essere acquistato a cifre decisamente più contenute (parte da 729 euro, ma online è spesso possibile acquistarlo a poco più di 400 euro). È ovviamente basato su Android, croce e delizia di questo prodotto: da una parte il sistema operativo di Google garantisce maggiore flessibilità rispetto ad iOS; dall’altra non mette a disposizione il medesimo ecosistema e parco applicazioni di Apple.

Samsung ha comunque lavorato molto bene. L’idea alla base del Galaxy Tab S4 è infatti quella di garantire una certa produttività in mobilità, affiancando i computer senza volerli sostituire. L’obiettivo è stato perfettamente centrato, garantendo comunque delle eccellenti capacità multimediali a un dispositivo che rimane pur sempre un tablet: display Super AMOLED da 10,5 pollici di primissimo livello e un comparto audio che esalta la visione di film e serie-TV.

Produttività, una questione di software e accessori

Sono due i punti chiave che garantiscono un certo tipo di produttività al Galaxy Tab S4. In primis gli accessori, ovvero la S-Pen (rivale della Apple Pencil) e la cover con tastiera fisica. La prima è inclusa nella confezione di vendita, la seconda invece va acquistata separatamente e costa 149,99 euro (si può ricevere gratis acquistando il tablet entro il 2 dicembre, trovate tutti i dettagli a questo link). Un investimento importante, ma che personalmente ritengo necessario nel caso si voglia utilizzare questo dispositivo in determinati ambiti lavorativi.

La cover con tastiera si aggancia al tablet attraverso un connettore magnetico posto sul lato inferiore. La presa è salda e non si corre mai il rischio che si sganci inavvertitamente. Rispetto alla Smart Keyboard degli iPad Pro, ha un solo livello di inclinazione, una limitazione che si rivela scomoda quando, ad esempio, si vuole scrivere poggiando il Tab S4 sulle gambe. I pulsanti sono più piccoli di quelli di un notebook e hanno una corsa di circa 1 millimetro.

Occorre abituarsi, ma una volta presa la mano si riesce a scrivere abbastanza velocemente. Peccato per l’assenza di un trackpad, ma in questo caso arriva in soccorso Android, che riconosce tranquillamente i mouse esterni. Una volta richiusa, lo spessore del tablet (che è di appena 7,1 mm) aumenta nettamente, un prezzo inevitabile da pagare con questa tipologia di accessori. La cover ha comunque una piacevole finitura in tessuto sulla parte esterna e in più aggiunge un apposito alloggiamento per la S-Pen che altrimenti, quando non la si utilizza, non si saprebbe dove riporla.

La S-Pen, a livello di funzionalità, è comunque quella che abbiamo imparato a conoscere con la serie Note di Samsung. Ha a disposizione tutta la suite software dell’azienda sudcoreana, con la possibilità di trasformare il Tab S4 in un vero e proprio blocco note. È meno evoluta rispetto alla Apple Pencil, i livelli di pressione riconosciuti sono sempre 4.096, ma non riesce a stabilire l’inclinazione del tratto. Data però in dotazione a un grafico o un architetto, è tranquillamente in grado di essere utilizzata, in abbinamento al tablet, come fosse una tavoletta grafica.

Entrambi gli accessori vengono letteralmente esaltati grazie alla funzionalità Samsung DeX. Attraverso un semplice cavetto USB-C/HDMI (acquistabile per pochi euro su Amazon, trovate quello che utilizzo io a questo link), il Tab S4 può essere collegato a un monitor esterno. A questo punto ci si ritrova davanti a una sorta di ambiente desktop, sempre basato su Android, con la possibilità però di sfruttare tastiera e penna su un display decisamente più grande. Una sorta di piccolo computer per intenderci, utilissimo per la scrittura di documenti, per il disegno, per la gestione di determinate tipologie di file.

E qui entra in gioco la potenza hardware a disposizione di questo prodotto. Il processore Snapdragon 835 non è il più recente tra quelli di fascia alta targati Qualcomm, tant’è che per il Tab S4 ci si aspettava la presenza dello Snapdragon 845. Nonostante questo però, il tablet è davvero sempre veloce e fluido, in qualsiasi circostanza, anche grazie a 4 Gigabyte di RAM. Ci siamo anche spinti oltre, dandogli in pasto un file complesso con estensione dwg (creato su AutoCad) e provando a eseguire un po’ di montaggio video: nessun tipo di problema, anche in modalità DeX.

Schermo 10,5 pollici Super AMOLED, 1.600 x 2.560, 287 ppi, 16:10, HDR
SoC Snapdragon 835
RAM 4 GB
GPU Adreno 540
Storage 64 GB espandibili
Fotocamera posteriore 13 MP, flash LED, registrazione video 4K 30 fps
Fotocamera anteriore 8 MP, registrazione video Full-HD 30 fps
Sicurezza Scansione dell’iride
Batteria 7.300 mAh
Ricarica USB-C, ricarica rapida
Connettività Bluetooth 5.0, Wi-Fi ac dual-band, GPS A-GLONASS BDS
Reti LTE cat.16
Dimensioni 176.2 x 87.4 x 8 mm
Peso 482 grammi
Sistema operativo Android 8.1 Oreo personalizzato con Samsung Experience 9.5
Colori Nero, Argento
Prezzo 729 euro Wi-Fi, 799 euro Wi-Fi + LTE

Insomma, il discorso è molto simile a quello fatto per iPad Pro. Non può sostituire il computer, ma in alcuni ambiti garantisce un’oggettiva produttività in mobilità. Tra l’altro, rispetto ai tablet Apple, qui non c’è alcun problema per la gestione dei file esterni: è possibile dare in pasto ad Android (qui in versione 8.1 Oreo), con appositi adattatori, sia chiavette che hard disk, e i file manager fanno il resto. Un punto importante a favore del Tab S4.

Resta fermo un punto. Il parco applicazioni di iOS, almeno in ambito tablet, è superiore ad Android, senza dubbi. Il sistema operativo Apple, pur con tutte le sue limitazioni, sta ammiccando sempre più al mondo desktop (a breve arriverà Photoshop in versione completa), una tendenza che a livello di applicativi software manca al robottino verde. Siamo pur sempre difronte a un OS mobile, con tutto ciò che questo comporta.

L'articolo Recensione Galaxy Tab S4: Samsung ha fatto centro, l’unico limite è Android proviene da Tom's Hardware.

iPad: quale comprare

di Dionisio Ciccarese
Inutile girarci troppo intorno: gli iPad sono i migliori tablet del momento. Se però vi state chiedendo quale iPad comprare, è molto probabile che siate alla ricerca di un ottimo tablet da utilizzare per lavoro, leggi di più...

Come eliminare le password salvate

di Alessio Salome
La maggior parte dei browser più famosi permettono di salvare le password per accedere in un secondo momento a servizi online, siti e social network senza reinserire tutto ogni volta. Anche se può sembrare una leggi di più...

Come usare iCloud

di Alessio Salome
I possessori di un dispositivo iOS sicuramente conosceranno iCloud. Si tratta di un servizio messo a disposizione da Apple il quale permette di effettuare il backup dei dati personali su uno spazio archiviazione e in leggi di più...

Netflix su iOS si aggiorna rendendo più semplici i controlli multimediali

di Lorenzo Spada
Netflix iOS

Gli sviluppatori del colosso dello streaming Netflix hanno appena rilasciato un nuovo aggiornamento per l’app in versione iOS con lo scopo di rendere il controllo multimediale molto più semplice e immediato. La nuova versione 11.12.0 è già disponibile al download sull’App Store. Il changelog dell’aggiornamento recita: I nuovi tasti per andare avanti o indietro di 10 […]

L'articolo Netflix su iOS si aggiorna rendendo più semplici i controlli multimediali proviene da TuttoTech.net.

Recensione iPad Pro 12.9 2018: il miglior alleato dei computer

di Saverio Alloggio

La nuova gamma di iPad Pro è quanto di più vicino al mondo computer si sia visto – fino a oggi – in ambito tablet. È la sensazione che ho avuto dopo due settimane in compagnia del modello da 12.9 pollici, che in questa versione da 1 Terabyte di memoria Wi-Fi + LTE viene venduto in Italia a 2.119 euro. Il prezzo, come spesso è avvenuto con i più recenti prodotti Apple, è certamente il maggiore punto debole, assieme ad alcune limitazioni software inevitabilmente presenti avendo iOS come sistema operativo.

Anche questi nuovi iPad Pro non possono sostituire il computer in senso assoluto, ma garantiscono in tanti ambiti una vera produttività in mobilità. Ecco perché li ritengo i migliori alleati dei computer, che tra l’altro hanno ulteriormente distanziato tutti i diretti concorrenti nel settore tablet. Le novità rispetto alla generazione precedente – nuovo design, Apple Pencil rinnovata, processore A12X Bionic, USB-C – comportano benefici reali nell’utilizzo quotidiano. Il resto lo fa l’ecosistema dell’azienda di Cupertino.

La produttività diventa flessibile

Partiamo da come ho utilizzato iPad Pro nell’ambito della mia professione. Una delle prime attività è certamente la scrittura degli articoli. Non ho avuto modo di testare la cover Smart Keyboard Folio (venduta separatamente a partire da 199 euro), ma porto sempre con me una piccola tastiera bluetooth portatile, tranquillamente associabile alla nuova creatura Apple.

Grazie alla tastiera fisica non ho avuto particolari problemi nello scrivere articoli su iPad Pro. Lo schermo da 12,9 pollici garantisce un’area sufficientemente ampia per la scrittura, i vari strumenti di multitasking di iOS 12 tornano utili per aprire due applicazioni in contemporanea (magari Gmail con un comunicato stampa e Google Chrome per l’impaginazione su WordPress) e la potenza hardware garantisce quella fluidità necessaria per svolgere queste operazioni con la necessaria fluidità.

Certo, l’impossibilità di collegare un mouse esterno si fa sentire in alcuni casi. Probabilmente non utilizzerei questo iPad Pro in una fiera di elettronica – dove la mole di articoli da scrivere è tale da rendere necessario un computer portatile (trasferimento file, applicativi desktop ecc…) – ma potrebbe tranquillamente rappresentare il mio strumento di lavoro per i classici eventi “spot” di un paio di giorni, in cui magari viene presentato un determinato prodotto.

Stesso discorso per il montaggio video. Spesso mi capita di dover girare un video che deve subito andare in rete, dunque senza particolare montaggio. In questo caso mi sono servito di iMovie (installato di default) e iPad Pro non ha mostrato alcun tentennamento nel renderizzare filmati composti da clip provenienti dalla mirrorless. Pensate, un video di qualche minuto in Full-HD a 60 fps viene finalizzato più velocemente rispetto al mio MacBook Pro da 13 pollici Early 2015 con i5 e 8 Gigabyte di RAM.

Anche in questo caso un mouse esterno consentirebbe di lanciarsi in montaggi un po’ più complessi pure su iMovie, operazione troppo scomoda da fare con le dita o con Apple Pencil. Anche il trasferimento dei file sarebbe decisamente più agevole con la presenza di un lettore SD, che secondo me ci starebbe tutto su un prodotto del genere. In questo caso però può venire in aiuto la porta USB-C che, attraverso i soliti adattatori, risolve il problema. Si devono però spendere spendere altri soldi e non ci sarebbe comunque la possibilità di collegare hard-disk o SSD esterni.

La presenza della USB-C non va comunque sottovalutata. Per il suo tramite infatti iPad Pro è in grado di gestire monitor esterni fino alla risoluzione 5K, una possibilità che ho sfruttato negli alberghi per avere a disposizione una diagonale maggiore per il montaggio video e la scrittura degli articoli. Insomma, nel mio lavoro iPad Pro può essere utilizzato come vera estensione del computer.

Ho pensato comunque di allargare il punto di vista, coinvolgendo professionisti di altri settori. Per testare la nuova Apple Pencil – venduta separatamente a 135 euro – mi sono rivolto allo studio Concept Architettura di Bari, che lavora nel settore dell’architettura e dell’ingegneria edile.

Schizzo realizzato con Apple Pencil

Nella video recensione potete osservare uno degli architetti impegnato nello schizzo di un progetto con Apple Pencil. Immaginate la possibilità di fare questa operazione direttamente in un cantiere, magari accanto al cliente che suggerisce in tempo reale le informazioni necessarie. Il risultato lo vedete qui su. L’immagine è stata poi virtualizzata in 3D sul computer con applicativi desktop e il progetto diventerà realtà in un’abitazione.

Render 3D

Ci siamo spinti oltre. Abbiamo dato in pasto ad iPad Pro un file dwg per gestirlo con la versione mobile di AutoCAD presente sull’App Store. Si tratta di un file estremamente complesso, che include tutti i vari livelli del progetto, tanto da mettere in difficoltà alcuni computer. Il tablet Apple riesce ad aprirlo senza particolari problemi, con tempi di caricamento assolutamente accettabili e una fluidità di navigazione davvero molto buona, impensabile con altri tablet Android.

Anche qui, pensate alla possibilità per architetti e ingegneri di portare con sé iPad Pro nei cantieri, aprire i progetti direttamente sul tablet e dare indicazioni immediate alle maestranze, perché la versione mobile di AutoCAD consente comunque di visualizzare distanze, misure, aree, tra l’altro con una perfetta integrazione con Apple Pencil che funge anche da “lente d’ingrandimento”. Tutto questo senza doversi portare dietro computer e faldoni di carte.

Ovviamente, impossibile pensare di accantonare totalmente il computer a favore di iPad Pro, anche perché tanti applicativi in questo settore sono presenti solo su piattaforma desktop. Anche in questo caso però può diventare il prolungamento in mobilità dei PC, almeno per determinate operazioni, senza contare gli strumenti messi a disposizione da Apple Pencil, che possono rivelarsi davvero utilissimi per ingegneri e architetti.

Si potrebbero fare davvero tanti esempi di professioni in cui un dispositivo del genere potrebbe tornare utile. Penso ai fotografi, visto che nelle prossime settimane arriverà su iPad Pro una versione completa (quindi esattamente come quella desktop) di Photoshop, che consentirà dunque il foto ritocco avanzato in piena mobilità. Insomma, può essere considerato un vero strumento di lavoro, a patto ovviamente di accettare alcune limitazioni.

L'articolo Recensione iPad Pro 12.9 2018: il miglior alleato dei computer proviene da Tom's Hardware.

iPad Pro 11”: migliori cover e pellicole di vetro

di Valentino Viscito
Presentato il 30 Ottobre insieme alla sua versione da 12.9″, il nuovo iPad Pro da 11 pollici mostra un design tutto nuovo ed elegante. Il nuovo Liquid Display Retina garantisce una visione chiara e limpida leggi di più...

iPad Pro 2018: migliori tastiere Bluetooth

di Fabrizio De Santis
Il nuovo iPad Pro 2018 ha rivoluzionato il mondo degli iPad di Apple. Rispetto al passato, cambia il design, l’Apple Pencil e anche gli accessori dedicati. Lo Smart Connector supporta momentaneamente solo la Smart Keyboard leggi di più...

Black Friday TrenDevice: sconti fino al 60% su smartphone e tablet ricondizionati

di Jader Liberatore
Questa è la settimana perfetta per acquistare uno smartphone ricondizionato a metà prezzo approfittando delle promozioni di TrenDevice in occasione del Black Friday 2018: tanti giorni di offerte e sconti imperdibili per ricevere a casa dei dispositivi Apple, Samsung o Huawei rigenerati a prezzi davvero molto vantaggiosi. Nell’articolo sono riportati tutti i dettagli dell’iniziativa! Come già […]

Apple dà 5 motivi per cui iPad Pro può sostituire un laptop

di Lorenzo Spada
iPad Pro 2018

Neanche a farlo di proposito, a distanza di qualche ora dal nostro articolo “5 ragioni per cui un iPad Pro non può sostituire un laptop”, Apple ha pubblicato un video su YouTube dando 5 motivi per cui un iPad Pro può effettivamente sostituire un laptop. Il motivo principale, secondo Apple, è che con il SoC […]

L'articolo Apple dà 5 motivi per cui iPad Pro può sostituire un laptop proviene da TuttoTech.net.

5 ragioni per cui un iPad Pro non può sostituire un laptop

di Lorenzo Spada

Apple sta cercando in tutti i modi di convincere la gente che un iPad Pro può sostituire in tutto e per tutto un computer portatile (nonostante nella lineup compaiano anche i Mac). Con i nuovi iPad Pro si è fatto un passo in avanti verso questa possibilità anche se non nella maniera in cui tutti […]

L'articolo 5 ragioni per cui un iPad Pro non può sostituire un laptop proviene da TuttoTech.net.

Nuovi iPad Pro: è di nuovo Bendgate?

di Marco Grigis

Si ricorderà di certo il periodo di lancio di iPhone 6 Plus, quando diversi utenti si lamentarono della tendenza del device a piegarsi, ribattezzando la questione in Bendgate. Sembra che oggi la questione si ripeta con i nuovi iPad Pro: alcuni utenti, così come riporta MacRumors, avrebbero notato la scocca danneggiata con l’uso normale del tablet, ad esempio riponendolo in borse e zaine.

Leggi il resto dell’articolo

iPad Pro di nuova generazione, prove di resistenza

di Carmine Vitale
Il solito Zack del canale di JerryRigEverything ha eseguito i suoi consueti stress test mettendo alla prova, questa volta, il nuovo iPad Pro da 11 pollici, da poco presentato da Apple. Partiamo dallo scrath test. leggi di più...

Migliori app IPTV

di Alessio Salome
L’IPTV (acronimo di Internet Protocol Television) è un sistema che di solito viene impiegato per ricevere e guardare i canali televisivi (es. Rai 1, Italia 1 o Rete 4) sfruttando una connessione a Internet a leggi di più...
❌