Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Amazon Dash Button: stop in Germania

di Filippo Vendrame

Un tribunale tedesco ha dichiarato che gli Amazon Dash Button violano la legislazione sulla protezione dei consumatori. Trattasi di quei famosi pulsanti wireless disponibili anche in italia che permettono l’acquisto di un particolare bene con un semplice click. Il risultato di questa sentenza è il divieto per Amazon di continuare a ricevere ordini da questi mini dispositivi. Questa sentenza è arrivata a seguito di una causa portata avanti dall’associazione tedesca per la protezione dei consumatori, che ha affermato di agire dopo aver ricevuto lamentele da parte dei clienti di Amazon.

Leggi il resto dell’articolo

VW Golf 400R preparazione 400 CV

di redazione

Questa VW Golf 400R, elaborata da Oettinger e con le insegne della Polizia Tedesca, è il risultato di un positivo accordo tra le Istituzioni e il settore del Car-Tuning. Infatti se qualcuno si chiede ancora perché la Germania è considerata la patria del Car-Tuning, la risposta è semplice: in terra tedesca elaborare un’auto è lecito, purché le modifiche effettuate siano ufficialmente omologate dal TÜV (in italiano Associazione di Controllo Tecnico) col benestare del Ministero dei Trasporti germanico. Naturamente per ottenere l’omologazione alla libera circolazione stradale esse non devono precludere in alcun modo la sicurezza del veicolo, dei suoi occupanti e degli altri utenti della strada.

Carrozzeria e interni – L’auto da cui deriva la VW Golf di queste pagine è la versione R, la più potente della gamma con i suoi 310 CV, che il tuner ha provveduto a potenziare fino a ben 400 CV e dotare di una serie di modifiche estetiche per assecondare al meglio le aumentate prestazioni.

Meccanica – Per innalzare la potenza da 310 a 400 CV e aumentare la coppia da 400 a 510 Nm, il tuner è intervenuto sul 2 litri 4 cilindri sovralimentato della Golf R in vari ambiti ad iniziare dalla completa rivisitazione del turbogruppo.

I numeri della VW Golf 400R Polizei by Oettinger
2017 – Anno di presentazione
400 – CV potenza max (294 kW)
510 – Nm coppia max (52 kgm)
290 – Km/h velocità max
3,6 – Secondi 0-100 km/h

Scheda tecnica e tuning VW Golf 400R by Oettinger
Stesse caratteristiche della VW Golf 2.0 TSI R DSG 4Motion 5p. BMT tranne:
Motore: centralina aggiuntiva plug-in by Oettinger, turbocompressore modificato e ottimizzato, filtro aspirazione aria sportivo, equilibratura/bilanciamento parti mobili, impianto di scarico inox ad alto rendimento con 4 terminali da 90 mm. Potenza max 400 CV (294 kW), coppia max 510 Nm (52 kgm)
Ruote: Oettinger OET03 Black Bluline (by Borbet) in lega di alluminio 8,5Jx20”, pneumatici Hankook Ventus S1 evo2 235/30 ZR20
Corpo vettura: Kit aerodinamico by Oettinger, lightbar lampeggiante by Hella, wrapping livrea Polizia tedesca by Foliatec
Sospensioni: assetto sportivo ribassato (-20 mm)
Freni: dischi ant. autoventilanti/forati (370×32 mm), pinze a 4 pistoni, pastiglie freni ad alte prestazioni, tubi freni in treccia metallica
Dimensioni e pesi: N.D
Prestazioni (dichiarate): velocità max 290 km/h, accelerazione 0-100 km/h 3,6 s, rapp. peso/potenza N.D.
Prezzo: dono di TUNE IT! SAFE! alla Polizia tedesca

Info: Dealer Oettinger per l’Italia Rabanser Tuning www.rabanser-tuning.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della VW Golf 400R by Oettinger è su Elaborare 235.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 235 Febbraio 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 2018.

Cover Elaborare 235

L'articolo VW Golf 400R preparazione 400 CV proviene da ELABORARE.

Alcar Italia

di marcello

Nascosta nel verde dell’operosa Brianza ha sede l’Alcar Italia. filiale italiana delle 30 attive in 18 Paesi di Alcar, che con i suoi tre marchi produce cerchi in lega leggera e acciaio per l’aftermarket automotive dedicati sia al tuning che alle auto sportive e da turismo. Segno distintivo di  Alcar sono ruote di qualità e design, che trovano una degna cornice nei moderni uffici e nell’immenso capannone di Alcar Italia, nella quiete del Parco del Fiume Lambro. Qui sono stoccati i cerchi, pronti per essere distribuiti su tutto il territorio italiano per la gioia degli automobilisti attenti tanto al look quanto al contenuto tecnologico. La qualità è il fiore all’occhiello del gruppo internazionale Alcar, che ha la sede e il centro sviluppo e progetto in Austria vicino a Vienna, e due stabilimenti di produzione in Germania e in Svizzera. In Germania, nei pressi di Colonia, ci sono le fonderie della produzione in lega leggera mentre in Svizzera, vicino a Lugano nella ex fabbrica Ambrosetti Ruote, c’è lo stampaggio dei cerchi in ferro. La convinzione che la ruota aftermarket sia solo in lega leggera è smentita da Corrado Bergagna, amministratore delegato e “creatore” di Alcar Italia fin dalla sua nascita nel 2004. La lega leggera è una ricerca estetica e una necessità quando si parla di tuning, mentre per il secondo treno di pneumatici invernali è richiesto soprattutto il cerchio in ferro; quelli Alcar, oltre ad essere di elevata qualità e verniciati con speciali protettivi resistenti al sale sparso in inverno sulle strade, hanno differenti disegni e sono personalizzabili con il copricerchio dedicato in modo da non pregiudicare l’estetica del veicolo.

Alcar Italia

Il punto di forza Alcar vanta tre marchi di cerchi in lega leggera, Aez, Dotz e Dezent, rivolti a differenti clientele, ma accomunati dall’alta qualità del prodotto. Nello stabilimento tedesco la produzione è automatizzata con severi controlli ai raggi X, controlli micrometrici dimensionali, prove di tenuta all’aria, test di resistenza agli urti e alla flessione. Non meno importante è il controllo della verniciatura, che protegge la lega leggera e la isola dagli agenti atmosferici. Proprio per garantire la massima affidabilità nel tempo, Alcar ha sviluppato lo speciale processo multistrato SR3 di rivestimento del cerchio, proteggendolo dagli elementi più aggressivi come il sale sparso d’inverno sulle strade. Tre strati protettivi estremamente duri, applicati al cerchio e cotti al forno fino a 210 °C, resistono ai test più severi: come una cannonata di neve da 120 kg di peso o un blocco di sale stradale e ghiaccio di 20 kg lanciato dall’alto. Il risultato è uno strato superficiale protettivo garantito tre anni! Le ruote Alcar, certificate TÜV Austria e omologate KBA Ministero dei Trasporti Tedesco, rispettano le due normative ECE 124 (per le ruote sostitutive con misure uguali a cerchio di primo equipaggiamento) o NAD, per misure differenti ma compatibili con il veicolo su cui saranno montate. “Con la certificazione NAD e con l’attestato rilasciato dal gommista del lavoro eseguito a regola d’arte” – puntualizza Bergagna – “è possibile omologare a libretto una misura differente da quella di serie, per il tuning del veicolo.” Il fiore all’occhiello di Alcar Italia è il configuratore 3D, che permette di visualizzare sul sito internet dell’azienda come appare ciascun veicolo con le diverse finiture di cerchio. “Col marchio Dezent produciamo 14 differenti disegni dal look giovane”, prosegue Bergagna “sono ruote belle e funzionali, adatte ad esempio al secondo treno di ruote invernali.”

Aez è il marchio premium di cerchi eleganti e raffinati, realizzati in 9 diversi design. Dotz invece è dedicato al tuning perché ha un aspetto più aggressivo e grintoso, realizzato in 4 diversi disegni. Ogni ruota è disponibile in più tinte come il silver, il graphite, il dark o il bicolore. Dotz è “lo sportivo” per eccellenza e il preferito nel drifting come nelle elaborazioni estetiche estreme. Ma se l’occhio vuole la sua parte, la sicurezza non deve mai passare in secondo piano. Per questo il cerchio è corredato, quando necessario come ad esempio con la certificazione NAD, di bulloneria dedicata che garantisca il serraggio ideale, soprattutto che non si allenti con le vibrazioni. “Il bullone è importantissimo per la sicurezza – spiega Bergagna – e non deve essere mai sottovalutato. È l’elemento che unisce la ruota all’auto ed è fondamentale per viaggiare sereni. Ma un altro elemento importantissimo è l’aria, quella contenuta all’interno della ruota. Per questo Alcar ha in catalogo anche una vasta serie di sensori TPMS (Tyre Pressure Monitoring System) per controllare l’esatta pressione dell’aria tra il pneumatico e il canale del cerchio. Se le ruote Alcar sono riservate esclusivamente all’aftermarket, per offrire un’alternativa di alta qualità e di eleganza al cerchio standard, i sensori Alcar TPMS sono disponibili come primo equipaggiamento OE (Original Equipment), programmabili o esenti da programmazione. Grazie al portale Fitted Units, i partner di Alcar possono visionare e configurare facilmente tutte le possibili combinazioni di cerchi Aez, Dotz o Dezent, di pneumatici e di sensori TPMS compatibili con ogni singolo veicolo, per scegliere la ruota più bella ma, soprattutto, per essere certi che sia quella giusta.”

Montabilità regolamentata – Con il DM 20 del 10 gennaio 2013 anche in Italia è entrata in vigore una normativa che regolamenta l’utilizzo dei cerchi ruota. I cerchi in alternativa al primo equipaggiamento devono essere conformi ECE 124 se hanno misure identiche alla ruota di serie, oppure essere omologati NAD se hanno misure differenti. Con l’omologazione NAD il costruttore del cerchio dichiara che una misura diversa, ad esempio un diametro 17” invece del 16” di serie, è compatibile per un determinato veicolo perché non interferisce con l’impianto frenante, le sospensioni e la carrozzeria. Col “Decreto 20” quindi è possibile effettuare un light tuning della ruota, variando la misura della stessa e del pneumatico, ed essere in regola con il Codice della Strada, previo l’aggiornamento della Carta di Circolazione. Altre omologazioni internazionali sono la tedesca KBA, la giapponese JWL e l’asiatica VIA.

La giusta pressione – Dal 1 novembre 2014 gli autoveicoli di nuova immatricolazione devono essere dotati di sistema di sicurezza TPMS (Tyre Pressure Monitoring System) secondo il Regolamento CE 661/2009 e la misura attuativa UN/ECE 64/2010. Il sensore TPMS che monitora la pressione del pneumatico, considerato a tutti gli effetti un sistema di sicurezza del veicolo, non si può disattivare e deve essere in perfetta efficienza. È obbligatorio in fase di revisione e le sanzioni in caso di malfunzionamento o di modifiche costruttive e funzionali arrivano fino al ritiro della Carta di Circolazione. Nel ricco catalogo di sensori Alcar, i TPMS sono disponibili come primo equipaggiamento OE (Original Equipment), programmabili o esenti da programmazione. È importante verificare la compatibilità del TPMS con il nuovo cerchio che si vuole montare.

I NUMERI DELL’AZIENDA
3 centri operativi in Austria, Germania e Svizzera
30 filiali
18 Paesi
900 persone in Europa
12 persone in Italia
2003 start up Alcar Italia
2004 nascita Alcar Italia
6 milioni di cerchi prodotti in Europa
500 mila ruote a magazzino robotizzato

Alcar Italia srl
Via Daneda, 8 – 20836 Briosco (MB)
Tel. 0362/488301- info@alcar.it – www.alcar.it

L'articolo Alcar Italia proviene da ELABORARE.

Tasse auto in Germania a confronto con l’Italia

di Giovanni Mancini

Siamo stati in Germania, in occasione della festa organizzata da Mercedes-AMG, per provare la famiglia dei modelli GT sulla pista di Bilster Berg. Auto da sogno, tanti cavalli e fascino a non finire e ci ritroviamo a parlare di tasse auto in Germania…
Durante la prova della Mercedes-AMG GT R ti ritrovi con gli ingegneri che l’hanno progettata e costruita, i quali ti illustrano per filo e per segno tante curiosità tecniche e le sue prestazioni. Si parla del più e del meno fino ad arrivare alla nota dolente “tasse auto in germania” ed a fare confronti con la tassa di possesso dovuta in Italia per questa vettura.
È stata una “pugnalata” sapere quanto paga in Germania la GT R motorizzata con il 4 mila biturbo da 585 CV: meno di 500 Euro da pagare come “tassa di circolazione”! Una cifra onesta contro i 7.000 Euro imposti in Italia (oltre 5.000 Euro di solo superbollo al quale aggiungere anche il bollo di € 1.694) che paghi comunque, anche se decidi di tenere la vettura in garage ferma.
Il nostro è un vero “primato” visto che nessuna altra nazione tassa le macchine con potenza superiore a 185 Kw con 20 Euro per ogni Kw eccedente.
È proprio vero, nel nostro Paese gli automobilisti sono una sorta di bancomat usato dal Governo per rimpinguare le casse sempre più in difficoltà. Ma la “spremitura” non riguarda solo il superbollo per le auto con oltre 185 kW. Sono senza mezza misura anche i costi dei passaggi di proprietà (oscillano da 400 a 1.000 Euro e oltre) contro un decimo di quelli sostenuti dai tedeschi: per una vettura su cui sborsiamo 450 Euro, lì ne pagano solo 45!
Ma c’è anche la differenza sull’IVA per l’acquisto di una nuova auto (Italia 22% contro il 19% della Germania), per la quale tra l’altro lì non si paga la tassa di registrazione così come nella Repubblica Ceca, Bulgaria, Estonia, Lituania, Svezia (dove però qui l’IVA è al 25%) e Regno Unito.
Per non parlare dei carburanti: noi abbiamo le accise tra le più care di tutta Europa che incidono per 728 Euro per 1.000 litri di benzina e 617 Euro per 1.000 litri di gasolio.
Aggiungi anche che in Germania da trent’anni è possibile omologare tutte le “elaborazioni” sulle automobili, che in Italia sono per la maggior parte sono vietate. Ci sono tratti autostradali senza limiti di velocità dove si può andare anche oltre i 300 km/h; in più non si è mai pagato un bollo e fino al 2012 la patente tedesca non aveva scadenza, mentre dal 2013 si rinnova ogni 15 anni.
E per finire… le donnine non sono per strada, ma in case chiuse regolamentate dallo Stato. Vi pare poco?
Insomma non solo le tasse auto in Germania sono un decimo di quelle italiane ma l’automobile non si tocca grazie ad una lobby molto forte che la tutela e la protegge in ogni momento.

L’editoriale completo è su Elaborare ottobre 2017
Elaborare ottobre 2017 editoriale con tasse auto in germania

L'articolo Tasse auto in Germania a confronto con l’Italia proviene da ELABORARE Tuning.

BMW M3 GT2 S Hurricane top tuning 720 CV

di redazione

Grazie al compressore volumetrico la preparazione della BMW M3 GT2 S Hurricane arriva a ben 720 CV, grazie al tedesco G-Power, uno dei più abili top-tuner BMW. Affinata ed evoluta in molte parti pur mantenendo l’essenza della progenitrice la vettura tedesca è street-legal, ossia omologata per l’uso stradale, mentre il capitolo prezzi è da far tremare i polsi. G-Power, infatti, può procurare ed elaborare una delle rare M3 GTS (E92) ad un prezzo totale di ben 350.000 Euro, tenendo conto che l’attuale quotazione di un esemplare usato è di 220/230 mila Euro. Se invece si è già fortunati proprietari dell’auto, la spesa riguarderà il solo tuning ma, anche in tal caso e fatta una semplice sottrazione, il conto non sarà affatto leggero. È la dura legge del Top-Tuning: prendere o lasciare!

Meccanica – Per spremere 270 CV in più dal V8 aspirato da 450 CV della M3 GTS (E92), la via da seguire è quella della sovralimentazione senza tralasciare gli interventi a “cuore aperto”. Entrambi sono stati effettuati da G-Power mediante un compressore centrifugo, aumentando la cilindrata tramite pistoni forgiati e adottando altre modifiche che indichiamo nella scheda a parte. I risultati del tuning motoristico hanno innalzato la potenza fino a 720 CV e la coppia fino a 650 Nm con incrementi rilevanti nella velocità massima, passata da 305 a ben 330 km/h.

I numeri della BMW M3 GT2 S Hurricane by G-Power
2017 – Anno di presentazione
4,5 – Litri di cilindrata
8 – Cilindri motore
1 – Kit supercharger
720 – CV potenza max
650 – Nm coppia max
1 – Aerokit in carbonio
330 – Km/h di velocità max
3,8 – Secondi 0-100 km/h
9,8 – Secondi 0-200 km/h
19 – Diametro ruote in pollici

Scheda tuning BMW M3 GT2 S Hurricane by G-Power
Stesse caratteristiche della BMW M3 GTS (E92) con le seguenti modifiche:
Motore: cilindrata 4.500 cc, potenza max 720 CV (530 kW) a 8.000 g/m, coppia max 66,2 kgm (650 Nm) a 5.900 g/m, nuovi pistoni e bielle forgiati, albero motore modificato, kit di sovralimentazione con compressore centrifugo, intercooler maggiorato, nuovo airbox, upgrade centralina elettronica, nuovo scarico in titanio con catalizzatori metallici
Ruote: forgiate scomponibili 19”, pneumatici Pirelli PZero Trofeo R ant. 245/30 ZR19, post. 325/30 ZR19
Corpo vettura Esterno: aerokit wide-body in fibra di carbonio. Interno: rollcage omologato, sedili racing in carbonio, rivestimenti totali in alcantara
Sospensioni: assetto a ghiera regolabile G-Power Clubsport, snodi sferici Uniball
Freni: a disco in carboceramica, autoventilanti/forati sulle 4 ruote (diametro ant./post. 396/380 mm), pinze ant. a 6 pistoni, post. a 4 pistoni
Dimensioni e pesi: lungh. largh. alt. N.D., peso 1.490 kg ca.
Prestazioni: velocità max 330 km/h, accelerazione 0-100 km/h 3,8 s, 0-200 km/h 9,8 s, rapp. peso/potenza 2,07 kg/CV ca.
Prezzi: da 348.500 Euro (vettura + tuning completo)

Info: www.g-power.de

L’articolo completo con tutti i dettagli, il test e i dati strumentali della BMW M3 GT2 S Hurricane è su Elaborare 230.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 230 Settembre 2017 QUI 
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

L'articolo BMW M3 GT2 S Hurricane top tuning 720 CV proviene da Tuning - ELABORARE Gt Tuning Sport & Magazine elaborazioni preparazioni modifiche track day.

Ford Fiesta S test in pista Isam

di redazione

Ford Fiesta S by Autocarrozzeria Fiorella Design 110 CV

Il test in pista sul circuito dell'Isam ha svelato tutte le doti della Ford Fiest S elaborata dall'Autocarrozzeria Fiorella Design, che in due mesi di duro lavoro ha curato l'estetica, allargamenti dei parafanghi e cambio di colore nel grigio Audi RS. Così la Ford Fiesta S 1.6 TDCi esibisce un perfetto German Style ed è pronta a distinguersi per strada e ai raduni. ford-fiesta-s-2ford-fiesta-s-3 Scheda Tuning Ford Fiesta S 1.6 TDCi Motore Rimappatura centralina 200 € Filtro a pannello BMC Eliminazione centrale scarico Finale scarico Isotta Assetto Barra duomi OMP Ammortizzatori a ghiera AP 500 € Interni Pedaliera Momo Challenger in alluminio Pomello cambio Momo Special Nero Fondini bianchi Lockwood Fiesta ST Sedili in pelle Fiesta ST Strumento aggiuntivo pressione turbo Sumex Race Sport Tappo accendisigari cromato Autoradio JVC Gruppo Ruota Cerchi 3DSM 0.05 monoblock 8jx16” ET25 davanti e 9jx16” ET20 dietro 750 € Pirelli PZero 195/45 R16 190 € Barum Bravuris 3HM 195/45 R16 170 € Dadi ruota personalizzati Tappi coprivalvola a forma di granata 10 € Freni Anteriore: freni maggiorati di derivazione Ford Mondeo con dischi da 300 mm baffati e pastiglie EBC Posteriore: installato impianto dischi della Fiesta ST con dischi baffati e pastiglie EBC Tutti i tubi in treccia EBC Carrozzeria Riverniciatura completa grigio Audi RS con tetto e alettone nero lucido Lisciatura paraurti anteriore rimuovendo incasso targa Bad look sul cofano Modifica mascherina per eliminare il logo Ford Rimosse frecce laterali e installate sugli specchietti Rimossi paracolpi laterali Allargamento fiancate +2 cm per parte anteriore e posteriore Lisciatura cofano posteriore, rimosso stemma maniglione e serratura Verniciature pinze di verde Costo complessivo 3.000 € Vetri laterali e posteriore oscurati Oscuramento fari anteriori Fari anteriori a sfondo nero e modifica per led Angel Eyes 300 € Fari fendinebbia anteriori gialli Fascia parasole nera Totale costo intervento tuning: circa 5.000 € ford-fiesta-s-1 L'articolo completo con tutti i dettagli ed il test in pista della Ford Fiesta S è su Elaborare 220. ACQUISTA QUESTO NUMERO di ELABORARE ottobre 2016 da QUI  ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI copia-di-ford-fiesta  cover-elaborare-220

Renault Clio RS 220 EDC Trophy elaborazione 245 CV

di redazione

Renault Clio RS 220 EDC Trophy

La Renault Clio RS 220 EDC Trophy da 245 CV elaborata dalla tedesca Waldow Performance è l'auto ideale per chi ama i track day, visto che è potente, veloce, decisa, virile! Presentata nel corso del 2012, la Renault Clio  RS, è la quarta serie della versione sportiva e rappresenta il top della gamma. La Clio RS 220 è dotata di cambio doppia frizione EDC e motorizzata da un 1.6 turbo da 200 CV. Si tratta della classica minibomba, un genere di auto che è sempre stato nel DNA della Casa francese contribuendo a definirne l'immagine sportiva, affiancandola al proverbiale comfort dei modelli più tranquilli. I dati prestazionali della vettura appaiono degni dell'acronimo RS, ossia Renault Sport, benché i patiti della guida sportiva tout court abbiano rilevato un temperamento meno rabbioso rispetto all'antenata. È per questo che lo scorso anno la Regie ha realizzato la versione Trophy con potenza e coppia aumentate a 220 CV e 280 Nm, assetto ancor più sportivo, sterzo più diretto e ruote da 18” con pneumatici Michelin Super Sport.(...) Renault Clio RS 220 EDC Trophy Carrozzeria e interni - Sono bastati alcuni ben studiati ritocchi per trasformare l'aspetto piuttosto ricercato della Clio Trophy d'origine in una piccola purosangue pronta allo scatto. La ricetta preparata da Waldow Performance prevede all'esterno un completo wrapping delle superfici verniciate con una pellicola vinilica color azzurro, nonché l'impiego di un aerokit in carbonio composto da uno spoiler frontale e da un grande alettone posteriore in due pezzi.(...) Renault Clio RS 220 EDC Trophy Meccanica - In una vettura con vocazione pistaiola come la Clio RS Trophy firmata Waldow Performance le modifiche estetiche sono importanti, ma quelle al comparto meccanico forse lo sono di più ad iniziare dal potenziamento del motore. In tal senso il tuning prevede l'aggiornamento della centralina elettronica con un incremento di potenza da 220 a 245 CV, ossia 25 CV in più senza comprometterne l'affidabilità.  (...) I numeri della Renault Clio RS 220 EDC Trophy by Waldow Performance 2016 – Anno di presentazione 245 – CV potenza max 310 – Nm coppia max 4 – Pistoni pinze freno Brembo 4 – Pneumatici Dunlop Direzza semislick 4 – Ammortizzatori KW Clubsport regolabili 4 – Ruote Sparco “Assetto Gara” da 17” Renault Clio RS 220 EDC Trophy Scheda tuning Renault Clio RS 220 EDC Trophy by Waldow Performance Motore Upgrade centralina elettronica € 680,00 Impianto di iniezione d'acqua € 650,00 Scarico inox con elettrovalvola € 2400,00 Ruote e pneumatici Ruote Sparco “Assetto Gara” 7,5Jx17” € 176,00 cad. Pneumatici Dunlop “Direzza” semislick € 253,00 cad. Aerodinamica: Spoiler frontale (VTR) € 260,00 Spoiler frontale (carbonio) € 275,00 Spoiler lunotto bipartito (carbonio) € 1.400,00 Interni Sedile Recaro con adattatori € 1015,00 cad. Roll cage in acciaio € 1200,00 Traversa posteriore di irrigidimento € 117,00 Cintura a 4 punti Schroth € 305,00 cad. Coprivolante in Alcantara € 310,00 Contenitore portacaschi OMP € 65,00 Assetto: KW Coilovers “ClubSport” regolabile € 2.170,00 Barra duomi regolabile € 165,00 Freni Pinza ant. Brembo a 4 pistoni € 215,00 cad. Adattatore per pinza ant. Brembo € 200,00 cad. Pastiglie per pinza ant. Brembo da € 220,00 Prezzi in Euro IVA inclusa. L'articolo completo con tutti i dettagli, i segreti e le schede tecniche della Renault Clio RS 220 EDC Trophy è su Elaborare 218. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI Cover Elaborare 218

Porsche 911 GT3 elaborazione motore 1200 CV

di redazione

Porsche 911 GT3 by 9FF

Per la Porsche 911 GT3, ad esempio, la factory tedesca 9FF, un tuner considerato il top in termini di preparazioni su base Porsche, è in grado di offrire diversi step di elaborazione per motore e cambio, oltre che per assetto, freni e aerodinamica. La GT turbo, infatti, è una GT3 sovralimentata in grado di erogare fino a 1.200 CV, dotata di cambio sequenziale 6 marce Holinger e caratterizzata da un peso di soli 1.210 kg, per un rapporto peso/potenza di 1 kg/CV. Info: www.9ff.com

Wimmer VW Polo-R WRC top tuning 420 CV

di redazione

Wimmer VW Polo-R WRC

Il tuner tedesco Wimmer ha elaborato la VW Polo-R WRC stradale raddoppiando, o quasi, la potenza del motore, che ora eroga ben 420 CV e tocca i 280 km/h! La Polo-R WRC fu presentata al Salone Ginevra del 2013 in vista dell'impegno ufficiale VW del World Rally Championship. Per prendervi parte, il regolamento della competizione prevede che le vetture partecipanti siano derivate da un modello di serie costruito in almeno 2.500 esemplari. La Casa tedesca ha provveduto quindi ad allestire una speciale versione della Polo dotata del 2.0 TSI da 220 CV della Golf GTI, affiancandola alla conosciuta 1.8 GTI da 180 CV. Di fatto, però, quella realmente schierata in gara deriva solo parzialmente dalla suddetta ad iniziare dal motore, un 1.6 TSI da 300 CV, passando per la trazione, integrale anziché sulle sole ruote anteriori, per terminare con ulteriori importanti modifiche a carrozzeria, telaio e organi meccanici.  (...) Carrozzeria e interni - Ad esclusione della livrea multicolore e delle ruote, dal punto di vista estetico la Polo-R WRC by Wimmer non presenta differenze rispetto alla versione prodotta in serie limitata dalla VW. Tuttavia, benché quest'ultima adottasse un sobrio aerokit che la distingueva dalla meno prestante Polo GTI, resta da chiedersi se non fosse opportuno dotarla di modifiche aerodinamiche più spinte. (...) Meccanica - Se il comparto estetico non è stato toccato più di tanto, quello meccanico prevede interventi davvero importanti, soprattutto a livello motoristico. Già, perché i 220 CV erogati dal noto 4 cilindri 2.0 TSI, montato sulla Polo-R WRC standard, nel caso della versione elaborata da Wimmer sono quasi raddoppiati raggiungendo quota 420 CV! Le numerose modifiche apportate per ottenerli sono elencate nella scheda a parte e disponibili ad un costo intorno ai 10.300 Euro. Una cifra non certo irrisoria, ma nemmeno inarrivabile per chi voglia provare l'ebrezza di gestire ben 420 CV con il piede destro a bordo di un'auto di evidente origine utilitaria. (...) Wimmer – VW Polo-R WRC I numeri della Wimmer VW Polo-R WRC 2016 – Anno di presentazione 420 – CV potenza max 480 – Nm coppia max 280 – Km/h velocità max 17 – Pollici diametro ruote 14.000 – Euro prezzo tuning meccanica Scheda tuning Wimmer VW Polo-R WRC Stesse caratteristiche della VW Polo-R WRC con le seguenti modifiche: Motore: centralina elettronica aggiornata, turbocompressore e intercooler modificati, condotti di aspirazione lavorati, pompa ad alta pressione maggiorata, nuova pompa benzina (6 bar), filtro aria ad alte prestazioni, nuovo impianto di scarico inox con catalizzatore sportivo, potenza max 420 CV (309 Kw), coppia max 480 Nm (48,9 kgm) Ruote: OZ Superleggera 8,0Jx17”, pneumatici 215/40 R17 (Nokian) Corpo vettura: wrapping parziale carrozzeria Sospensioni: assetto KW regolabile Variante 3 Prestazioni: velocità max oltre 280 km/h, accelerazione 0-100 km/h N.D. Prezzi: elaborazione motore € 10.300 , assetto € 1.700, ruote € 2.000 - Totale: € 14.000 Wimmer VW Polo-R WRC L'articolo completo della Wimmer VW Polo-R WRC con tutti i dettagli del tuning effettuato è su Elaborare 217. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI Cover Elaborare 217

Ferrari 488 GTB tuning 1000 CV!

di redazione

Ferrari 488 GTB xXx Performance

Un tuning da oltre 1.000 CV per la nuova Ferrari 488 GTB grazie al doppio turbo e al brillante intervento del tuner tedesco xXx Performance. (...) È noto, infatti, che i propulsori turbocompressi sono ampiamente “manipolabili” per via elettronica rispetto a quelli aspirati ed è quello che la tedesca xXx Performance ha attuato per questa 488 GTB, approntando tre gradi di potenza e coppia max per il suo 3.9 biturbo, fino a un massimo di oltre 1.000 CV! Resta da chiedersi se con simili prestazioni le emissioni di CO2 tengano conto dei suddetti limiti, ma in tal caso forse è meglio fischiettare... e schiacciare il chiodo! Ferrari 488 GTB xXx Performance Carrozzeria e interni - Se a prima vista il look della 488 può sembrare simile alla precedente 458, in realtà le differenze non sono poche e hanno apportato notevoli miglioramenti nell'efficienza aerodinamica e nella ventilazione degli organi meccanici dell'auto. Il tuning estetico predisposto da xXx Performance non stravolge le inconfondibili linee della 488, limitandosi a pochi e ben mirati interventi.  (...) Ferrari 488 GTB xXx Performance Meccanica - La facilità, pur relativa, con cui è possibile aumentare la cavalleria dei motori turbocompressi intervenendo sulla centralina elettronica, ha consentito al tuner di predisporre tre gradi di potenza per il 3.9 V8 biturbo della 488 GTB, capace di erogare ben 670 CV già in origine. Il primo consente di raggiungere 750 CV, il secondo 850 CV e il terzo addirittura 1.000 CV e oltre! (...) Ferrari 488 GTB xXx Performance I numeri della Ferrari 488 GT xXx Performance 2015 – Anno di presentazione 750 – CV potenza max Stage 1 850 – CV potenza max Stage 2 1000 – CV potenza max Stage 3 84,6 – Kgm coppia max Stage 1 94,8 – Kgm coppia max Stage 2 94,8 – Kgm coppia max Stage 3 127,4 – Kgm coppia max Stage 3 21 – Diametro ruote in pollici 1 – Assetto sportivo KW, fisso o reg. 1 – Scarico sportivo Capristo Scheda tuning Ferrari 488 GTB xXx Performance Stesse caratteristiche della Ferrari 488 GTB DCT con le seguenti modifiche: Motore: upgrade centralina elettronica, condotti di aspirazione modificati, nuovo impianto di scarico Capristo. Stage 1: potenza max 750 CV (551 Kw), coppia max 830 Nm (84,6 kgm). Stage 2: potenza max 850 CV (625 Kw), coppia max 930 Nm (94,8 kgm). Stage 3: potenza max 1000 CV (735 Kw), coppia max 1.250 Nm (127,4 kgm) Ruote: Vossen VPS-315T 20” forgiate, ant. 9,0Jx21”, post. 12,5Jx21”, pneumatici ant. 245/30 ZR21, post. 325/35 ZR21 Corpo vettura: Kit aerodinamico in carbonio, wrapping carrozzeria rosso opaco con tetto e specchietti nero opaco Sospensioni: assetto ribassato KW (-35 mm), ammortizzatori regolabili KW a richiesta, sistema di sollevamento idraulico (lift-system) a richiesta Prestazioni N.D. Prezzo N.D. L'articolo completo con tutti i dettagli e le prestazioni della Ferrari 488 GTB xXx Performance su elaborare 213. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI

Cover-Elaborare-213

❌