Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 18 Settembre 2019RSS feeds

GalaHACKtic Challenge, a ottobre la competizione di Reti dedicata alla cybersicurezza

di Tom's Hardware
Se siete appassionati di sicurezza informatica, non prendete impegni per ottobre: venerdì 11 e sabato 12, infatti, si terrà in Campus Reti la GalaHACKtic Challenge, una sfida aperta a tutti sul tema della cybersicurezza, in cui i partecipanti dovranno mettere in campo le proprie conoscenze e competenze nel settore per giungere alla vittoria e guadagnare […]

I 5 attacchi informatici più frequenti al mondo: l’auto connessa non c’è

di Donato D'Ambrosi

Le auto connesse sono davvero a rischio furto ed esposte ad attacchi informatici? Molte auto si possono aprire e anche rubare senza chiavi e in pochi secondi. Ma per quanto le auto connesse facciano più paura ai Costruttori delle auto elettriche e ibride, gli hacker le trovano ancora poco interessanti. Ecco i 5 attacchi informatici più frequenti al mondo da cui gli hacker ricavano più soldi.

L’INDAGINE SUI MAGGIORI ATTACCHI DEGLI HACKER NEL DEEP WEB

Con l’ampia diffusione dell’IoT non si fa che parlare di hacker, attacchi informatici e cyber security anche sulle auto. Qualsiasi cosa che è collegata in rete può essere attaccata da un virus o manipolata. Come in qualsiasi bilancio costi-benefici gli hacker attaccano solo quando c’è un lauto guadagno. L’indagine The Internet of Things in the Cybercrime Underground ha scandagliato il deep web, dove si nascondono i traffici illegali di beni e servizi per capire cosa interessa di più ai pirati informatici. E’ sorprendente scoprire come contrariamente ai timori di oggi, le auto agli hacker non interessano per niente. Ecco come guadagna un hacker e quali sono i 5 bersagli presi mira dai cyber attack in Russia, Inghilterra, Arabia, Portogallo e Spagna.

GLI ATTACCHI HACKER AI SERVER

Gli attacchi ai server DNS (Domain Name Server) sono quelli più frequenti e massivi con cui gli hacker cercano di ottenere informazioni riservate dirottando il traffico dati su server esterni. Il modo più semplice è inviare un’email di spam con un link all’interno e immagini e spingere con modi più fantasiosi a cliccare quel link. Lo scopo è fare spionaggio industriale o di ricerca. E’ un argomento di cui si parla molto nelle community oscure della Russia e dell’Arabia.

GLI HACKER ATTACCANO LE RETI INDUSTRIALI

Gli attacchi informatici alle reti di PLC (Programmable Logic Controller) sono un altro attacco molto frequente per mandare in tilt uno stabilimento. Attaccando il sistema che gestisce gli impianti di uno stabilimento gli hacker ne prendono il controllo allo scopo di estorcere quasi sempre denaro. Non è raro che la richiesta possa anche essere commissionata per ostacolare attività concorrenti. Ne sono interessati soprattutto gli hacker in Russia, Portogallo, Inghilterra e Spagna.

CELLULARI ATTACCATI DAGLI HACKER  

Come per gli attacchi DNS qualsiasi device in rete (cellulari, videocamere di sorveglianza o dispositivi VR di realtà virtuale) possono essere violati dagli hacker. Questo tipo di attacchi informatici è frequente per acquisire informazioni private, estorsione o favorire altre attività criminali. Russia, Inghilterra e Arabia sono più attive nel deep web su questo tipo di attacchi.

LE CRIPTOVALUTE TRAFUGATE DAGLI HACKER

Gli attacchi informatici ai server dei mining di criptovalute si sono moltiplicati da quando il valore delle criptovalute è in rialzo. Estrarre criptovalute è diventato molto più complesso e richiede potenze grafiche di calcolo maggiori, così qualcuno ha inventato il modo di estrarre criptovalute con il cellulare. Gli hacker che rubano criptovalute sfruttano proprio la vulnerabilità dei sistemi Android con attacchi informatici massivi. E’ ciò che interessa in modo particolare agli hacker in Russia.

GAS ED ELETTRICITA’ NEL MIRINO DEGLI HACKER

Il controllo dell’energia è un altro obiettivo dei pirati informatici: basti pensare cosa significherebbe per un intero Paese restare senza elettricità o gas. In Russia e Portogallo, ad esempio sono specializzati negli attacchi hacker ai distributori di carburante. Mentre sempre in Russia qualsiasi misuratore di gas o elettricità smart (cioè controllabile da remoto) può essere attaccato dagli hacker.

The post I 5 attacchi informatici più frequenti al mondo: l’auto connessa non c’è appeared first on SicurAUTO.it.

Meno recentiRSS feeds

Tribunale di Catania, archiviazione per un caso di hacking etico

di Dario D'Elia
Il giudice per le indagini preliminari di Catania ha disposto l’archiviazione per un caso di hacking etico legato all’app Beentouch. Ieri La Repubblica ha rivelato una vicenda risalente al 2017 che ha visto coinvolti un esperto di sicurezza e la società informatica Beentouch, specialista in videoconferenza via smartphone e web. Come racconta il quotidiano, l’indagato […]

Apple: il rischio hacking iPhone scoperto da Project Zero è stato molto limitato

di Dario D'Elia
Apple si è piuttosto irritata per la modalità con cui il team di Project Zero (Google) la scorsa settimana ha svelato l’esistenza di siti “malevoli” capaci di hackerare gli iPhone. Sebbene fosse stato esplicitato dai ricercatori che il problema di sicurezza era stato risolto a distanza di poche settimane dalla scoperta, Apple si è sentita […]

Il database da 419 mln di ID Facebook trafugato potrebbe essere nuovamente online

di Dario D'Elia
Lo specialista in cybersicurezza Elliott Murray di WebProtect ieri ha scoperto che il database da 419 milioni di ID Facebook e numeri telefonici trafugati potrebbe essere ancora disponibile online. Due giorni fa la scoperta di GDI Foundation, la collaborazione di Techcrunch e le assicurazioni di Facebook sembravano aver chiuso la vicenda, sebbene l’indagine stia proseguendo. […]

WatchGuard, la nuova strategia anti-zero day

di Antonino Caffo
WatchGuard Technologies ha annunciato una serie di aggiornamenti alla sua piattaforma di risposta alle minacce ThreatSync con una recente release di Threat Detection and Response (TDR). Si tratta di un servizio che include una rilevazione accelerata delle violazioni, correlazione del processo di rete e un’analisi delle minacce, potenziata dall’intelligenza artificiale. Questo permette ai fornitori di […]

L’hacking iPhone scoperto da Project Zero riguarderebbe anche utenti Windows e Android

di Dario D'Elia
L’attacco agli iPhone tramite siti Web svelato la settimana scorsa dal team di Google Project Zero, secondo più fonti autorevoli contattate da Forbes sarebbe più ampio del previsto. Adesso si parla di una campagna che avrebbe contaminato anche utenti Windows e Android. In special modo uno degli obiettivi sarebbe stato proprio il gruppo etnico uiguro […]

Acronis presenta Acronis Cyber Services

di Antonino Caffo
Acronis ha annunciato il lancio di Acronis Cyber Services, una piattaforma per le aziende di ogni dimensione che mira a semplificare l’accesso a servizi di valutazione dei rischi. Questo anche, e soprattutto, per aumentare la consapevolezza e reattività alle emergenze, fino a oggi prerogativa esclusiva delle grandi aziende perché troppo complessi e costosi per quelle […]

Gli hacker cinesi ora rubano i risultati delle ricerche sul cancro

di Alessandro Crea
Gli istituti di ricerca sul cancro sarebbero diventati uno dei principali obiettivi dei gruppi di hacker cinesi APT (advanced persistent threat). Ad affermarlo è l’ultimo report della società specializzata in cybersicurezza FireEye, secondo cui l’intento è quello di velocizzare lo sviluppo della propria ricerca, anche con mezzi illegali. ‎Stando a quanto riportato dall’Organizzazione Mondiale della […]

Grave falla di sicurezza nel Bluetooth, dalla versione 1.0 alla 5.1

di Dario D'Elia
Il Bluetooth fino all’anno scorso soffriva di una grave falla di sicurezza che consentiva di aggirare la cifratura applicata ai collegamenti ai dispositivi. Insomma “una grave minaccia per la sicurezza e la privacy di tutti gli utenti Bluetooth (dalla versione 1.0 a 5.1, N.d.R.)”, secondo gli esperti. Il problema è stato scoperto a maggio 2018 […]

Dynatrace si prepara al PerformGo! Milan

di Antonino Caffo
Si svolgerà il 22 ottobre il PerformGo! Milan, l’evento che Dynatrace dedica alla sua community di clienti ed esperti. Si parlerà di cloud, trasformazione digitale e intelligenza artificiale, oltre che delle best practices messe in atto dagli utenti Dynatrace. PerformGo! Milano è dedicato all’innovazione a 360 gradi. Una mattinata in cui Dynatrace riunisce a Milano […]

2019, oltre sei mesi di poca cybersecurity

di Antonino Caffo
Siamo ben oltre la prima metà del 2019 ma già, guardandoci indietro, vediamo dei disastri abbastanza eclatanti in tema cybersecurity. Che s tratti del furto di informazioni personali o della poca tendenza a crittografare le informazioni, i casi oramai sono molti. Ha provato a metterli assieme Stormshield, azienda di cybersecurity che conta nel suo albo […]

mHACKeroni, la squadra dei talenti italiani è quinta ai mondiali di cybersicurezza

di Alessandro Crea
Il team di hacker italiani mHACKeroni si è classificato quinto al DEF-CON di Las Vegas, una sorta di mondiale dedicato alla cybersicurezza. Nonostante le difficoltà di cui vi abbiamo recentemente parlato nel reperire i fondi dunque i nostri ragazzi sono riusciti a partecipare, migliorando di due piazzamenti il risultato ottenuto lo scorso anno e arrivando […]

SWAPGS Attack, la nuova falla nelle CPU Intel

di Valerio Porcu
SWAPGS Attack è una nuova e pericolosa vulnerabilità nei processori Intel, che riguarda tutte le generazioni da Ivy Bridge in poi. Lo ha rivelato BitDefender, in un articolo che spiega come la nuova minaccia aggiri le protezioni già disponibili per Spectre e Meltdown. Il nuovo attacco è stato nominato. Microsoft ha già pubblicato una patch correttiva (luglio 2019), mentre MacOS non […]

La Corea del Nord finanzia le armi con i cyber attacchi? Le accuse delle Nazioni Unite

di Alessandro Crea
Stando a quanto riportato dalla prestigiosa agenzia stampa internazionale Reuters, un rapporto delle Nazioni Unite a cui avrebbe avuto accesso ieri, dimostrerebbe come la Corea del Nord abbia raccolto oltre 2 miliardi di dollari attraverso attacchi informatici diffusi ma mirati e assi sofisticati, soprattutto nei confronti di banche e servizi di scambio criptovalute, reinvestendo poi […]

Alitalia, Carrefour, Conad e altri marchi vittime come i consumatori: coupon falsi online e sui social

di Dario D'Elia
Alitalia, Carrefour, Conad e altri marchi sono oggetto una campagna fraudolenta online e sui social network che punta a indirizzare utenti verso siti che sottraggono inoculano malware, domandano la sottoscrizione ad abbonamenti, sottraggono dati, etc. Ovviamente tutti marchi di queste grandi aziende non sono in alcun modo coinvolti, ma vittime come i consumatori. La società […]

mHACKeroni, la squadra italiana di cybersecurity tra talento e mancanza di fondi

di Alessandro Crea
Quella che riguarda i mHACKeroni è una tipica storia italiana, a base di talento e mancanza di fondi per coltivarlo. Una storia che chi ha frequentato gli ambienti accademici conosce bene ma che in questo caso è ancora più grave ed emblematica dell’arretratezza tecnologica del Paese, perchè riguarda un settore cruciale per il futuro come […]

Capital One, oltre 100 milioni di credenziali di carte di credito sottratte

di Dario D'Elia
Capital One, una holding bancaria della Virginia, ieri ha confermato che il 19 luglio è stata oggetto di un attacco informatico che ha consentito il furto di oltre 100 milioni di credenziali di carte di credito. Si è trattata di una delle più grandi ed estese violazioni informatiche mai avvenute nel settore finanziario; la più grande […]

L’Italia che non ti aspetti: è boom di imprese cybersec

di Antonino Caffo
Certo, un conto è parlare di cybersecurity e un altro metterla in pratica. Però il dato che emerge dall’ultima rilevazione di Unioncamere fa ben sperare: un boom per le imprese  che si occupano di sicurezza informatica nel nostro paese. Tra la fine del 2017 e i primi tre mesi del 2019 le aziende nostrane del […]

FaceApp: un’analisi approfondita conferma che non ci sarebbero pericoli per la nostra privacy

di Alessandro Signori

La nota app che permette di trasformare i nostri volti, sviluppata da un team russo, è stata sottoposta ad un controllo da parte dei maggiori esperti mondiali di cybersecurity, i quali hanno dichiarato che non ci sarebbe nulla di pericoloso per la nostra privacy. (...)
Continua a leggere FaceApp: un’analisi approfondita conferma che non ci sarebbero pericoli per la nostra privacy su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , ,

❌