Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Il cambio sulle auto elettriche: a cosa serve e come funziona

di Nicodemo Angì

cambio-sulle-auto-elettriche

Abbiamo visto che le auto elettriche rappresentano un vero cambio di paradigma sia nell’uso sia nella loro costruzione. Una delle loro caratteristiche più evidenti è infatti la trasmissione, che nella maggior parte dei casi è una semplice riduzione a rapporto fisso. Ma perché il cambio sulle auto elettriche è una vera rarità? Per inciso, la mancanza di una trasmissione a più rapporti concorre anche a ridurre le esigenze di manutenzione delle auto elettriche rispetto alle ibride, come abbiamo visto nello speciale manutenzione. Un semplice calcolo permette di capire perché il motore a scoppio ha sempre bisogno di più rapporti mentre il cambio sulle auto elettriche non occorre.

LA TRASMISSIONE CHE SERVE

Prendiamo la molto diffusa Golf con il motore TSI Turbo: la potenza massima arriva a 5000 giri e il minimo è circa a 750 giri. Il loro rapporto è quindi 6,67 ma se confrontiamo i 216 chilometri l’ora di velocità massima con 5 km/h minimi abbiamo un rapporto di 43. Si capisce quindi che la trasmissione di un motore a combustione, automatica o manuale che sia, deve avere diversi rapporti. Le 2 variazioni, quella delle velocità e quella dei regimi, sono infatti troppo diverse e devono essere raccordate con una trasmissione a più marce. Ma le elettriche in vendita in Italia sono praticamente tutte senza cambio: hanno una riduzione a rapporto fisso all’uscita del motore. Questa semplificazione deriva dal particolare comportamento dei motori elettrici, ricchi di coppia a zero giri ma propensi a girare molto in alto.

IL CAMBIO SULLE AUTO ELETTRICHE? NO MA FORSE SI

Questo spiega perché il cambio sulle auto elettriche serve quasi mai: il campo dei regimi utili del motore elettrico è molto ampio. In pratica lo stesso rapporto va bene sia per partire da fermo sia per andare in autostrada. Questa “monomarcia” vale 7,05 per la Chevrolet Bolt, 8,13 per la Nissan Leaf, 9,25 per l’Audi e-tron e 9,04 per la Jaguar I-Pace. Sappiamo però che la regola ha qualche eccezione e le nuove elettriche debuttano con la trasmissione automatica a 2 rapporti. La grintosissima e desiderata Porsche Taycan (20 mila ordini in poche ore), per esempio, rinuncia alla semplicità e adotta una trasmissione automatica a 2 marce. È una soluzione che nasce per combinare uno scatto rabbioso (0 – 100 km/h in 3,2 o 2,8 secondi) con la velocità massima di 260 km/h.

GLI USI DEL CAMBIO SU UN’ELETTRICA

Le velocità massime delle varie BMW i3, Bolt, Leaf, Zoe, e-Golf sono infatti contenute: il gruppo motore-trasmissione è stato ottimizzato per lo scatto in città. La strada scelta da Porsche sarà probabilmente percorsa da altre Case dato che i fornitori, che in qualche modo anticipano le tecnologie, si stanno muovendo. GKN ha fornito assali elettrici a 2 rapporti a sportive e SUV mentre ZF ha appena presentato un gruppo motore-trasmissione con 2 marce e potenza fino a 250 kW. Il passaggio di rapporto avviene a 70 km/h e il costruttore promette un aumento dell’autonomia di circa il 5 %. Questo gruppo dialoga con CAN-Bus e il GPS in modo da implementare, in funzione del percorso, la migliore strategia per aumentare l’autonomia. ZF pensa addirittura ad un suo aggiornamento Over-The-Air.

EREDITÀ IBRIDA PER IL CAMBIO SULL’ELETTRICA

La prossima Clio ibrida avrà un motore a scoppio, 2 motori elettrici e 2 cambi: un 4 marce per il termico e un 2 marce per l’elettrico. La frizione è assente: la macchina elettrica più potente permette di partire in elettrico mentre la più piccola agisce anche da starter. La sua funzione principale è però quella di sincronizzare le velocità dei vari ingranaggi in modo che le marce possano essere inserite con semplici innesti  dog clutch. È facile pensare che una versione elettrica potrebbe ereditare una trasmissione a 2 rapporti.

NON RINUNCIO ALLA SEMPLICITÀ

Tesla continua invece a usare la semplice riduzione fissa anche sulle sue auto, tutte capaci di più di 200 km/h. Ma come riesce a non montare il cambio su auto elettriche così veloci? La risposta è duplice: i suoi motori perfezionati raggiungono anche i 18.000 giri/minuto con una campo d’utilizzo estremamente ampio. Il secondo artificio è un doppio rapporto “criptico”: tutti i suoi modelli a trazione integrale esibiscono un rapporto di trasmissione diverso per i due motori. Alle basse velocità arriva più potenza dal motore posteriore ma all’aumentare dell’andatura interviene sempre di più quello anteriore. Per la Model S i rapporti sono 9,73 per l’asse posteriore e 9,34 per l’anteriore, che è quindi più “lungo”.

The post Il cambio sulle auto elettriche: a cosa serve e come funziona appeared first on SicurAUTO.it.

FCA: le auto ibride avranno il cambio elettrificato ZF a 8 marce dal 2022

di Donato D'Ambrosi

Fiat Chrysler Automobiles ha scelto ZF come fornitore globale della trasmissione per auto ibride a trazione posteriore e integrale. ZF fornirà la nuova trasmissione automatica a 8 velocità sviluppata per inglobare al suo interno anche il motore elettrico. L’ultima versione della trasmissione a 8 velocità di ZF è stata ulteriormente ottimizzata e presenta un azionamento elettrico integrato per varianti ibride che saranno sul mercato dal 2022. Leggi qui quanti tipi di cambi esistono e quali sono le differenze.

IL CAMBIO ZF 8HP SARA’ PRODOTTO IN DIVERSI PAESI

Siamo lieti di essere stati nominati fornitore di servizi di trasmissione globale da FCA, questo è il nostro secondo ordine principale per il nuovo 8HP e conferma la nostra strategia di concentrarsi sugli ibridi plug-in come soluzione quotidiana e sviluppare prodotti interessanti in queste aree“, afferma Wolf-Henning Scheider, CEO di ZF. Lo stabilimento di produzione principale per la quarta generazione di trasmissioni, che inizierà la produzione in serie nel 2022, sarà lo stabilimento ZF di Saarbruecken. ZF prevede inoltre di avviare la produzione della tecnologia in altre località, tra cui USA e Cina in futuro.

CAMBIO MODULARE PER LE AUTO IBRIDE E TRADIZIONALI

La nuova trasmissione automatica a 8 velocità potrebbe essere installata in quasi tutti i segmenti di veicoli con una configurazione di guida longitudinale anteriore. L’innovazione tecnica principale della trasmissione è però l’integrazione della trasmissione elettrica. Con questo, ZF supporta i propri clienti nel raggiungere i loro obiettivi di riduzione di CO2.

GLI ACCORDI ZF CON FCA E BMW

Con la trasmissione modulare, i produttori saranno in grado di passare facilmente da una variante di trasmissione a un’altra che offre la flessibilità necessaria per rispondere alle esigenze del mercato. Solo tre mesi fa, ZF ha firmato un primo contratto per la consegna dell’ultima generazione di 8HP alla BMW, che ha poi segnato il più grande singolo ordine nella storia della ZF.

The post FCA: le auto ibride avranno il cambio elettrificato ZF a 8 marce dal 2022 appeared first on SicurAUTO.it.

Porsche richiama 100 mila auto negli USA per il cambio difettoso

di Donato D'Ambrosi

Un difetto al cambio delle Porsche Cayenne e Panamera può tradursi in un problema per la sicurezza del guidatore, dei passeggeri e di chi sta intorno all’auto parcheggiata. Porsche ha infatti informato gli organi dell’NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration) del richiamo per il cambio che in condizioni particolari potrebbe passare da solo in folle quando l’auto è parcheggiata. Un problema simile a un altro caso che riguardava le Jeep di FCA ma che era provocato da un malfunzionamento del software. In questo caso le Porsche richiamate in officina potrebbero essere affette da un problema meccanico.

IL PROBLEMA AL CAMBIO QUANDO LA PORSCHE E’ IN “PARK”

La campagna di sicurezza NHTSA per il problema al cambio delle Porsche è stata pubblicata nel bollettino 19V446 e riguarda 99.665 modelli venduti negli USA. Il guasto accertato dal Costruttore ha richiesto il richiamo delle Cayenne e Panamera per verificare l’usura di un comando legato alla leva. Il difetto rientra nell’ambito dei richiami per motivi di sicurezza perché il conducente potrebbe credere di aver posizionato la leva in “Park” mentre in realtà l’auto non è in quella modalità di sicurezza. Il rischio è che l’auto possa muoversi quando il conducente è sceso o comunque fuori dal suo controllo. Anche se Porsche afferma di non essere a conoscenza di incidenti legati al problema invita a recarsi in officina e ad usare sempre anche il freno a mano.

LE PORSCHE COINVOLTE NEL RICHIAMO

Le auto coinvolte nel richiamo di sicurezza sono le Porsche Cayenne prodotte dal 15 novembre 2002 al 2 febbraio 2010 e le Porsche Panamera prodotte dal 6 luglio 2009 al 6 settembre 2016. Il problema riguarda una boccola che collega il selettore marce alla trasmissione e che potrebbe non funzionare a dovere. Di conseguenza, i conducenti potrebbero pensare di aver messo il veicolo in Park anche se è ancora in Drive, Reverse o Neutral.

COME VERIFICARE IL DIFETTO TRAMITE VIN

Il richiamo alle Porsche Cayenne e Panamera sembra circoscritto agli Stati Uniti, ma è plausibile che il Costruttore invierà una raccomandata anche ai clienti europei nel caso dovessero rientrare nel lotto di auto difettose. Tuttavia l’NHTSA ha messo a disposizione un servizio sul suo portale per verificare tramite il VIN (numero di telaio) a 17 cifre se l’auto è tra le Porsche Cayenne e Panamera con il cambio difettoso da controllare in officina.

The post Porsche richiama 100 mila auto negli USA per il cambio difettoso appeared first on SicurAUTO.it.

Goodyear presenta le gomme invernali Ultra Grip 9+

di Antonio Elia Migliozzi

Goodyear mette a punto una nuova gamma di pneumatici invernali. UltraGrip Performance +, UltraGrip 9+ e UltraGrip Cargo sono pronti a scendere in strada anche nelle peggiori condizioni meteo. Il nuovo Ultragrip Performance + vuole unire prestazioni e capacità su bagnato, asciutto e neve. Nuova la tecnologia della mescola che offre elasticità anche a basse temperature. Goodyear UltraGrip 9+ unisce la durata chilometrica a una tenuta di strada migliorata anche su neve e ghiaccio. Completa il lineup Goodyear il nuovo invernale UltraGrip Cargo la gomma pensata per i veicoli commerciali leggeri. In questo caso una soluzione al servizio dei fleet manager che vogliono ottimizzare i costi di gestione dei mezzi aziendali. Vediamo i dettagli sulla gamma.

LE NUOVE INVERNALI

Goodyear annuncia novità interessanti per la sua pluripremiata gamma di pneumatici invernali. In arrivo un rinnovato assortimento UltraGrip che prevede un aggiornamento completo delle prestazioni. Goodyear ha pensato tre prodotti per rispondere a tre differenti esigenze del pubblico. Per i veicoli ad alte prestazioni ci sarà UltraGrip Performance +, per le citycar UltraGrip 9+ mentre UltraGrip Cargo è dedicato ai veicoli commercili. Goodyear UltraGrip Performance + promette di migliorare le prestazioni su bagnato, asciutto e invernale nel caso delle vetture di alta cilindrata. Il segreto è legato all’uso di due tecnologie chiave. La tecnologia Traction Protect include una nuova resina che migliora le capacità di deformazione e di riformazione del pneumatico. In questo modo le forze frenanti vengono convertite in grip. Winter Grip Technology si lega ad una nuova mescola che aumenta l’elasticità della gomma alle basse temperature, anche su neve e ghiaccio.

CONDIZIONI DIFFICILI

Goodyear pensa anche al grande pubblico delle citycar e svela il suo UltraGrip 9+. Ecco allora un pneumatico che lavora in condizioni stradali difficili, anche a temperature estremamente basse. La sua tecnologia Mileage Plus protegge il battistrada da incrinature e distacchi di particelle di gomma dovute all’inverno. Questo significa che questa gomma offre una migliore resa chilometrica. Anche UltraGrip 9+ prevede la tecnologia Winter Grip che lo rende ideale anche su neve e ghiaccio. Ultima novità il UltraGrip Cargo. Goodyear si rivolge ai proprietari di veicoli commerciali che viaggiano con il furgone anche con le condizioni invernali più difficili. Grazie ai diversi aggiornamenti al design del battistrada e alla sua mescola composta, il nuovo pneumatico invernale potrà fare la differenza. Secondo Goodyear sugli autocarri leggeri la gomma migliora la frenata anche sulla neve e riduce il costo totale di gestione per chilometro.

TUTTE LE TAGLIE

Il nuovo lineup Goodyear è pronto per la stagione invernale che scatterà, come ogni anno, dal 15 novembre. L’azienda ha comunicato che circa il 69% delle dimensioni disponibili per UltraGrip 9+ saranno introdotte entro giugno 2019. L’ultimo 31% arriverà gradualmente sul mercato con la completa disponibilità a settembre 2019. Goodyear distribuirà il nuovo UltraGrip Performance + a partire da giugno 2019, con più della metà delle dimensioni disponibili da Agosto 2019. Entro la fine di giugno 2020, saranno disponibili tutte le taglie previste per auto ad alte prestazioni. Per quanto riguarda gli UltraGrip Cargo sono già disponibili tutte le dimensioni previste dall’azienda per questo specifico prodotto.

The post Goodyear presenta le gomme invernali Ultra Grip 9+ appeared first on SicurAUTO.it.

BMW presenta la nuova Serie 1: la prima a trazione anteriore

di Redazione

Annunciata più volte ma rimasta sotto il velo dei “camouflage” per lungo tempo, la nuova BMW Serie 1 è finalmente pronta. L’anteprima mondiale, che si attendeva per il Salone di Ginevra, è invece fissata per il 25 giugno a Monaco di Baviera. In Italia si dovrà attendere fino ad ottobre per poterla ammirare in concessionaria. Forme e proporzioni sono totalmente riviste in funzione della vera grande rivoluzione, peraltro annunciata da tempo. Parliamo del passaggio dal motore longitudinale con trazione posteriore al motore trasversale e trazione anteriore. Si tratta del secondo modello dopo X1 a “convertirsi” a questa architettura inaugurata dalle Serie 2 Active Tourer sfruttando la piattaforma condivisa con i modelli Mini.

NOVITÀ NELLE FORME

Coerente ma totalmente rivoluzionata, la linea vede sparire il cofano lungo della precedente per un anteriore molto spiovente. La nuova BMW Serie 1 è invariata nella lunghezza, 4,32 metri, ma più alta e con passo accorciato di 2 cm. Malgrado questo, le nuove proporzioni e l’abitacolo più avanzato regalano spazi maggiori. Aumentano infatti quelli per le ginocchia e per le spalle mentre il bagagliaio passa da 360 a 380 litri. Il frontale presenta un doppio rene più grande mentre la coda è meno tronca e più avvolgente, senza spigoli e dallo sbalzo ridotto.

CRESCONO I COMFORT

Anche gli interni sfoggiano un design di nuova impronta e sono ancora caratterizzati dalla presenza del sistema iDrive con manopola centrale ma dotati di sistema multimediale di 7.0. Per la prima volta poi, sulla Serie 1, fanno il loro esordio il tetto panoramico e il portellone ad azionamento elettrico. I gruppi ottici sia anteriori sia posteriori, a seconda della versione, sono con fari alogeni e luci diurne a Led oppure “full Led”.

MOTORI E CAMBI

La gamma della nuova BMW Serie 1 al lancio comprenderà motori a tre e quattro cilindri per ora senza ibridi. A benzina saranno disponibili il 1.5 da 140 CV e 220 Nm per la 118i e il 2.0 da 306 CV per la 135i xDrive. Tre i Diesel: 116d 1.5 con 116 CV, 118d da 2.0 da 150 CV e 120d Xdrive da 190 CV. I cambi sono manuali a 6 marce sulle versioni, 118i, 116d e 118d, con l’opzione di un automatico doppia frizione a 7 rapporti per i primi due. Per la 118d si può invece avere lo Steptronic a 8 rapporti di serie con la 120d xDrive e sulla M135i xDrive. I modelli a trazione anteriore dispongono di un un sofisticato controllo di trazione che interviene sui freni e sulla gestione del motore.

L'articolo BMW presenta la nuova Serie 1: la prima a trazione anteriore proviene da SicurAUTO.it.

Cambio per Mitsubishi

di redazione

Cambio Mtsubishi Lancer Evo X by Evo Racing Shop

L'azienda di accessori Evo Racing Shop ha messo in commercio il cambio sequenziale Samsonas per Mitsubishi Lancer Evo X. Ideale per Time Attack, Rally Cross, Terra, Ghiaccio e Drag. Per maggiori informazioni tecniche e sui costi, contattare l’Azienda telefonicamente o via e-mail. Info. Tel. 338/4725712 - 331/1251917 - www.evoracingshop.com

A Marzo come cambia l’ora da solare a legale

di redazione

oralegale-cambio

Attenzione al cambio dell'ora da solare a legale nel mese di marzo: vi spieghiamo come funziona questo passaggio dall'ora solare a quella legale per il quale dormiremo un'ora in meno.  Un'ora avanti per gli orologi tra la notte di sabato 26 e domenica 27 marzo 2016, quando scatta l'ora legale. Il ritorno all’ora solare avverrà a fine ottobre. Appuntamento puntuale quello del cambio dell’orario in primavera, cioè il passaggio dall’Ora Solare all’Ora Legale che rappresenta la fine dell'inverno e l’avvio delle giornate di sole primaverili. QUI http://www.youtube.com/watch?v=P8PkGTw2oNE QUANDO E' NATA L'ORA LEGALE? - In Italia l'ora legale è stata adottata per la prima volta nel 1916, tramite il decreto legislativo n. 631 del 25 maggio, ed è rimasta in uso fino al 1920. Tra il 1940 e il 1948 fu abolita e ripristinata diverse volte a causa della Seconda guerra mondiale. Passaggio Ora Solare Legale approfondisci QUI GUARDA tutti i cambi dell'orario link QUI Leggi il cambio da  LEGALE a SOLARE Guarda qui gli Orologi sportivi selezionati da Elaborare link QUI rosso_corsa_orologio_RALLYE   ---- orario_cambio_legale_solare http://www.youtube.com/watch?v=ZtJrtcovDf4  

Le date del cambio orario solare/legale/solare avviene nella notte.

Passaggio da solare a legale Passaggio da legale a solare
2016 Tra sabato 26 marzo 2016 e domenica 27 marzo 2016 Tra sabato 29 ottobre 2016 e domenica 30 ottobre 2016
2017 Tra sabato 25 marzo 2017 e domenica 26 marzo 2017 Tra sabato 28 ottobre 2017 e domenica 29 ottobre 2017
2018 Tra sabato 24 marzo 2018 e domenica 25 marzo 2018 Tra sabato 27 ottobre 2018 e domenica 28 ottobre 2018
2019 Tra sabato 30 marzo 2019 e domenica 31 marzo 2019 Tra sabato 26 ottobre 2019 e domenica 27 ottobre 2019
2020 Tra sabato 28 marzo 2020 e domenica 29 marzo 2020 Tra sabato 24 ottobre 2020 e domenica 25 ottobre 2020
2021 Tra sabato 27 marzo 2021 e domenica 28 marzo 2021 Tra sabato 30 ottobre 2021 e domenica 31 ottobre 2021
2022 Tra sabato 26 marzo 2022 e domenica 27 marzo 2022 Tra sabato 29 ottobre 2022 e domenica 30 ottobre 2022
2023 Tra sabato 25 marzo 2023 e domenica 26 marzo 2023 Tra sabato 28 ottobre 2023 e domenica 29 ottobre 2023
2024 Tra sabato 30 marzo 2024 e domenica 31 marzo 2024 Tra sabato 26 ottobre 2024 e domenica 27 ottobre 2024
2025 Tra sabato 29 marzo 2025 e domenica 30 marzo 2025 Tra sabato 25 ottobre 2025 e domenica 26 ottobre 2025
2026 Tra sabato 28 marzo 2026 e domenica 29 marzo 2026 Tra sabato 24 ottobre 2026 e domenica 25 ottobre 2026
2027 Tra sabato 27 marzo 2027 e domenica 28 marzo 2027 Tra sabato 30 ottobre 2027 e domenica 31 ottobre 2027
2028 Tra sabato 25 marzo 2028 e domenica 26 marzo 2028 Tra sabato 28 ottobre 2028 e domenica 29 ottobre 2028
 

Cambi racing

di redazione

Cambi racing Samsonas

I cambi racing Samsonas di Evo Racing Shop arrivano sul mercato e arricchiscono il catalogo di prodotti racing per auto stradali e da competizione della dinamica Azienda torinese. Samsonas infatti produce cambi sequenziali in grado di resistere alle tremende sollecitazioni tipiche delle gare in circuito. Il nuovo Samsonas Universal, ad esempio, per tutte le vetture a trazione posteriore (RWD), è in grado di sopportare fino a 1.400 Nm senza problemi di affidabilità. Difficile trovare sul mercato qualcosa di più affidabile e competitivo! Particolarmente indicato per auto da Drifting, Time Attack, Drag Racing, siano esse BMW, Ford, Nissan Subaru, Toyota e qualsiasi altra tipologia di vettura a trazione posteriore.

Calcola il prezzo di un oggetto in oro

di Aggregator

Se siete curiosi di conoscere il valore di una moneta d’oro, della vostra collana o del vostro bracciale potete affidarvi a questo sito web. GoldCalc è un’applicazione web che ci permette di calcolare il valore dei gioielli in oro. Per utilizzare questo calcolatore online e fare una stima finanziaria sul prezzo, è necessario indicare: il peso ( milligrammi, grammi, ecc.), la purezza del nostro oggetto (da 8 e 24 carati) ed in fine si cliccare sul pulsante Calculate Gold Scrap Value

[adv1]

Fonte

❌