Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Come migliorare la durata della batteria su Ubuntu

di Alessio Salome
Da un po’ di tempo vi siete accorti che il vostro PC Linux consuma parecchia batteria, quindi state cercando una soluzione per provare ad estendere l’autonomia. All’interno di questo tutorial di oggi, vi spiegheremo come leggi di più...

Mini Cooper SE 2020, annunciati prezzi e disponibilità

di Valentina Acri
La nuova Mini Cooper SE completamente elettrica sarà disponibile negli Stati Uniti da marzo 2020 a partire da 26.897 euro (esentasse). Una cifra notevolmente inferiore rispetto ai 32.000 euro iniziali stimati al momento della presentazione fatta dal brand lo scorso luglio. Tuttavia, considerando anche i crediti d’imposta federali e statali disponibili, i futuri acquirenti potrebbero riuscire […]

TomTom, il migliore navigatore allungherà l’autonomia alle auto elettriche

di Donato D'Ambrosi

Nelle grandi città gli ingorghi dovuti a traffico e ai lavori stradali oggi provocano ritardi e code, ma con le auto elettriche bisognerà fare anche i conti con l’autonomia batterie. E’ la strada che stanno percorrendo i costruttori dei migliori navigatori satellitari, tra cui TomTom, elaborare le migliori tecnologie per permettere ai navigatori di evitare in tempo reale incidenti, ingorghi e traffico. Ecco cosa c’è dietro una semplice funzione del navigatore che permetterà alle auto elettriche e autonome di evitare il traffico e allungare l’autonomia delle batterie.

NAVIGATORI ALLE PRESE CON GLI INGORGHI

Tra i più grandi partner di TomTom si sono aggiunti due protagonisti che contribuiranno allo sviluppo delle future funzionalità dei migliori navigatori per auto.  Road Event Reporter di seconda generazione è lo strumento TomTom per la segnalazione di chiusure stradali, lavori ed eventi. TomTom Road Event Reporter è un’applicazione basata su rete globale che consente alle autorità stradali e ai partner TomTom di fiducia di aiutare i conducenti a evitare inutili ritardi segnalando gli eventi stradali attuali e futuri.

I DATI SUL TRAFFICO SERVIRANNO SEMPRE DI PIU’ AI NAVIGATORI

Sumitomo Electric collabora con TomTom per migliorare la sicurezza stradale legata agli ingorghi. La nuova collaborazione che unirà l’expertise di Sumitomo Electric nei sistemi di trasporto intelligenti e i dati sul traffico in tempo reale e le mappe ad alta definizione. Lavorando insieme, le aziende creeranno soluzioni di mobilità progettate per migliorare la sicurezza stradale e la congestione del traffico.

L’AUTONOMIA DELLE AUTO ELETTRICHE, PUNTI DI RICARICA E NAVIGATORI

TomTom e ChargeHub hanno instaurato una collaborazione chiave per l’integrazione dei punti di ricarica nelle mappe del navigatore satellitare. La partnership permetterà a TomTom l’accesso a uno dei più grandi database di stazioni di ricarica per auto elettriche in Nord America. In questo modo TomTom aggiungerà più di 300.000 stazioni di ricarica integrate per EV nelle mappe del navigatore. Restate collegati perché presto arriveranno tante interessanti novità su come i navigatori diventeranno migliori per adattarsi all’autonomia delle auto elettriche.

The post TomTom, il migliore navigatore allungherà l’autonomia alle auto elettriche appeared first on SicurAUTO.it.

IONITY: ecco le nuove colonnine “halo” da 350Kw

di Valentina Acri
IONITY ha sviluppato un nuova generazione di colonnine di ricarica da 350 kW in collaborazione con Tritium, una joint venture fondata tra BMW, Daimler, Ford e Volkswagen, nata con l’intento di costruire stazioni di ricarica per veicoli elettrici in modo da facilitare i viaggi a lunga distanza. La creazione di una rete di stazioni di ricarica […]

Aptera: la startup propone un EV con 1600 km di autonomia

di Valentina Acri
Aptera fa il suo ritorno dopo dieci anni con un veicolo elettrico che offrirà fino a 1600 km di autonomia con una sola carica. I tre fondatori dell’azienda, Chris Anthony, Steve Fambro e Michael Johnson non hanno abbandonato il “sogno” di creare il più efficiente veicolo elettrico.  La startup americana venne fondata nel 2006 presentando […]

Nissan: nel 2021 nuovo crossover elettrico

di Valentina Acri
Nissan sembra essere a lavoro già da tempo su un nuova auto elettrica, preparandosi a lanciare sul mercato automobilistico degli Stati Uniti una nuova EV di cui ancora non si conosce il nome. La casa automobilistica giapponese ha introdotto il primo veicolo elettrico, Leaf, quasi un decennio fa conquistando buona parte del mercato europeo delle […]

Auto elettriche: la ricarica veloce sarà liquida?

di Nicodemo Angì

ricarica veloce-liquida

La coperta è sempre un po’ corta anche per le auto elettriche: aumentare l’autonomia alza i prezzi e anche i tempi di ricarica. Un paradigma che potrebbe cambiare se le cariche elettriche necessarie al funzionamento non fossero più “iniettate” nelle batterie ma veicolate da un elettrolita sostituibile. Queste cariche sarebbero quindi contenute in un liquido da rimpiazzare quando esausto, un’operazione veloce quanto rifornirsi di carburante. Il componente che contiene la carica di una batteria al Litio è l’elettrolita, una sorta di gel posizionato tra due elettrodi (anodo e catodo). Durante l’utilizzo nell’elettrolita avviene una reazione chimica e la carica passa da un elettrodo all’altro, alimentando il carico. Ad un certo punto l’elettrolita si esaurisce e per ricaricare si fa scorrere una corrente nella direzione opposta attraverso gli elettrodi.

CARICHE LIQUIDE

L’idea delle flow battery è l’uso di un elettrolita liquido, conservato in un serbatoio e fatto scorrere lungo gli elettrodi durante il funzionamento. I vantaggi sono importanti, a partire dall’energia immagazzinabile: per incrementarla basta aumentare la capacità del serbatoio dell’elettrolita. Interessante è la velocità del “rifornimento”: uno swap di serbatoi (pieno, di energia, contro vuoto) o svuotamento e riempimento di un contenitore fisso. Non finisce però qui: questi elettroliti liquidi sono quasi sempre non nocivi, riciclabili facilmente e non infiammabili perché a base acquosa. Un’altra caratteristica di spicco è la longevità: a differenza con l’elettrolita “stazionario” delle attuali batterie Li-Ion, quello liquido non si degrada apprezzabilmente. L’elettrolita degli elementi convenzionali, infatti, invecchiando sviluppa dei composti inerti che rendono più difficile il movimento delle cariche, diminuendo la capacità del pack.

GLI STUDI PROCEDONO

Parliamo subito di una realtà concreta che parla italiano: si tratta di StorEn Tecnologies, della quale Carlo Brovero e Angelo D’Anzi sono CEO e CTO. I prodotti StoreEn, basati su elettroliti al Vanadio, sono dedicati alle applicazioni fisse, come i condomini e l’immagazzinamento dell’energia da rinnovabili. Citiamo l’azienda, oltre che per il cuore tricolore, perché è già in produzione con dati esemplari: vita utile di 25 anni e 15.000 cicli garantiti. Più adatti alle automobili sono invece gli elementi allo studio nel dipartimento di chimica della University of Glasgow. Il loro elettrolita acquoso è basato su una grossa molecola della classe dei polyoxoanion con formula P2W18O62 che può accogliere 18 cariche positive. Essa è fatta di Fosforo, Tungsteno e Ossigeno ed è molto promettente perché a Glasgow hanno già ottenuto una densità di energia di 225 Wh/litro.

RICARICA LIQUIDA LEGGERA

Per arrivare alla capacità di una Tesla Model 3 (sapevi che si può avere anche con un finanziamento?), circa 70 kWh, ci vorrebbero quindi circa 300 litri di elettrolita. È un volume eccessivo ma si confida di arrivare a quasi 1.000 Wh/litro e a quel punto gli 80 litri necessari sarebbero ben più gestibili. Questo è il solo elettrolita ma, essendo il “serbatoio” molto più leggero rispetto alle batterie Li-Ion, il bilancio è positivo anche aggiungendo gli elettrodi. Il professore Lee Cronin parla dil retrofit di un veicolo elettrico già esistente (si può fare anche per le auto convenzionali) e della facilità della conversione delle stazioni di servizio. L’elettrolita, anche se non infiammabile, è leggermente corrosivo e imporrebbe la sostituzione di serbatoi, tubi e pompe d’erogazione. Questi adattamenti sono comunque poca cosa rispetto alla costruzione di un’infrastruttura di ricarica elettrica completamente nuova e che potrebbe sovraccaricare localmente la rete.

CAMBIO L’OLIO O L’ANODO?

Ancor più promettente è l’idea della Purdue University di Indianapolis: usa un singolo elettrodo consumabile invece di 2 separati da una costosa membrana. Secondo il professor John Cushman la batteria allo studio, per ora non ricaricabile, può arrivare persino a 1.200 Wh/litro e in più produce idrogeno a bassa pressione. Il sistema è compatto (lo si sta sperimentando su scooter e golf cart), e si ipotizzano autonomie superiori ai 4.800 km per ogni anodo. In pratica si farebbe il pieno di elettrolita ogni 500 km circa sostituendo l’anodo ogni 5.000 km per 65 dollari. L’elettrolita dovrebbe essere economico – acqua e metanolo o etanolo – e anche l’impossibilità di rigenerare l’energia in frenata potrebbe essere superata con supercondensatori. Anche in questo caso si potrebbero usare le infrastrutture esistenti, che potrebbero raccogliere e inviare l’elettrolita a impianti di rigenerazione alimentati a rinnovabili.

VECCHIE CONOSCENZE

La Purdue University ha creato una spinoff, dal nome di IFBattery, che porta avanti gli studi e l’ingegnerizzazione di questi elementi. Anodo ed elettrolita sono così sicuri da poter essere conservati in casa ma questa batteria ha ancora una potenza un po’ bassa. L’erogazione “dolce” accomuna anche un prototipo in circolazione da un po’: il Quantino di NanoFlowCell a 48 volt mosso da un sistema che l’azienda chiama bi-Ion perché usa 2 elettroliti. Dall’edizione 2016 del Salone di Ginevra ad oggi il concept ha percorso più di 350 mila km. Il sistema NanoFlowCell è del tipo a membrana e usa 2 liquidi distinti, innocui per l’ambiente; la tensione di lavoro mediobassa limita però la potenza ottenibile. Il risvolto positivo è che costruzione, certificazione e manutenzione sono molto più agevoli (leggi che l’aftermarket deve sapere come trattare l’alta tensione). La vetturetta ha già girato per 10 mila ore ma l’azienda precisa che garantirà le sue batterie per 50 mila ore.

The post Auto elettriche: la ricarica veloce sarà liquida? appeared first on SicurAUTO.it.

❌