Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 22 Gennaio 2019RSS feeds

Spotify, in arrivo il blocco degli artisti su iOS

di Marco Locatelli

Spotify sta testando una funzione decisamente singolare: un silenziatore delle canzoni degli artisti presenti sulla popolare piattaforma di musica in streaming. Insomma, un vero e proprio blocco per la musica indesiderata.

Leggi il resto dell’articolo

Spotify sperimenta l’opzione per bloccare la musica che non vi piace

di Valerio Porcu

Spotify sta sperimentando la possibilità di bloccare singoli artisti, andando così a a eliminare una delle eventualità più fastidiose: quella che si verifica quando ti stai godendo la tua musica preferita e salta fuori un brano che proprio detesti. Metti che stai ascoltando una lista basata su De André e all’improvviso salta fuori Vasco Rossi… facile che finisci per detestare Spotify e la sua “intelligenza artificiale”.

L’uso delle virgolette per rappresentare ironia certe volte è obbligatorio, ma con la nuova funzione se non altro Spotify ci dà uno strumento per metterci al riparo da brutte sorprese. Non volete mai sentire Sfera Ebbasta? Nessun problema, basterà aggiungerlo agli artisti bloccati. Non blocca quelle canzoni in cui l’artista bloccato è featured, cioè compare come ospite nel brano di qualcun altro – ma nel caso potrete bloccare anche quello.

La nuova funzione per ora è disponibile solo su iOS  e solo negli Stati Uniti, a titolo di test; sembra funzionare bene, ma non sappiamo se Spotify la estenderà a tutti gli utenti e la renderà parte del servizio. Né è noto se sarà riservata agli utenti paganti oppure aperta a tutti. Speriamo che l’esperimento porti l’azienda a decidere di conservare questa opzione, che a giudicare dai primi commenti è più che gradita.

Immagine: The Verge

A quanto riportano le fonti, Spotify è al lavoro su questa funzione sin dal 2017, ma l’ha tenuta chiusa nel cassetto dopo aver fatto “serie considerazioni”. Poi c’è stato il caso di R. Kelly, artista denunciato per molestie: diversi utenti hanno chiesto a Spotify di bloccarlo, perché non volevano più che comparisse nelle loro playlist. All’inizio l’azienda si limitò a rimuoverlo solo dalle playlist curate a mano dallo staff interno.

Con la nuova funzione invece la risposta è completa, e chi usa Spotify potrà assicurarsi di non sentire mai le opere di un certo artista, nemmeno per caso. Un piccolo passo per Spotify, ma un grande passo per l’umanità?

Per ascoltare la musica in mobilità ci vogliono almeno degli auricolari decenti, come per esempio i Sony mdr-ex650ap.

Google, in Francia multa da 50 milioni di euro per infrazioni al GDPR. A rischio altri colossi digitali

di Alessandro Crea

La Francia ha appena comminato una multa da 50 milioni di euro a Google per non aver rispettato alcune direttive del GDPR in materia di privacy e gestione dei dati degli utenti. Nel frattempo NYOB, un’organizzazione non profit europea, ha evidenziato come Amazon, Spotify, Netflix, DAZN, YouTube e altri servizi di streaming siano anch’essi a rischio, avendo acconsentito, o avendo acconsentito solo parzialmente, alla richiesta di poter ottenere copia di tutti i dati posseduti sul richiedente stesso, come invece prevede l’articolo 15 del GDPR.

Per quanto riguarda Google, secondo l’agenzia governativa CNIL che si è occupata del caso, non solo Google avrebbe violato le direttive del GDPR, ma le starebbe ancora violando. I problemi principali sarebbero due: ‎non rendere sufficientemente accessibili le proprie direttive in materia di raccolta dati e non aver ottenuto da parte degli utenti il consenso specifico per la personalizzazione degli annunci pubblicitari per ciascuno dei suoi tanti servizi, tra cui YouTube, Google Maps e molti altri.

Proprio YouTube, assieme ad Amazon Prime, Apple Music, DAZN, Flimmit, Netflix, SoundCloud e Spotify è stato poi segnalato come a rischio multe da un’associazione non profit europea chiamata NYOB (None of Your Business). Tutti questi servizi di streaming infatti non avrebbero rispettato in tutto o in parte le direttive stabilite dall’articolo 15 del GDPR, che prevede per un utente la possibilità di chiedere copia di tutti i dati in possesso delle aziende, che lo riguardino direttamente. In molti casi infatti i dati non sono stati forniti e in quei pochi casi in cui è stato possibile ottenerli essi erano incompleti o in formati proprietari che non ne hanno consentito la comprensione o quantomeno ostacolata.

Insomma a quasi un anno di distanza dall’entrata in vigore del GDPR c’è ancora molto da fare in materia di privacy e gestione dei dati. I colossi non hanno intenzione di mollare facilmente una delle maggiori risorse economiche in loro possesso e anzi ciò che sta succedendo è che, per non essere costretti a seguire le direttive comunitarie, molti siti extraeuropei hanno iniziato ad applicare filtri IP su base geografica, onde evitare l’accesso agli utenti europei, risolvendo così drasticamente qualsiasi problema, ovviamente a proprio vantaggio.

Meno recentiRSS feeds

Spotify sta testando un’opzione che consente di bloccare completamente gli artisti

di Gerardo Orlandin

Secondo un reportage su Thurrott, Spotify sta attualmente testando una funzionalità che consente agli utenti di bloccare completamente un artista, il quale non apparirà nella libreria personale, nelle playlist generate automaticamente, nelle classifiche, nelle radio o in qualsiasi altra parte in cui verrebbe normalmente incluso.

L'articolo Spotify sta testando un’opzione che consente di bloccare completamente gli artisti proviene da TuttoAndroid.

Spotify nel 2019 dovrebbe lanciare un player musicale da auto

di Roberto F.

Pare che il team di Spotify abbia in programma il lancio entro la fine di quest'anno di un player musicale da auto con controlli vocali

L'articolo Spotify nel 2019 dovrebbe lanciare un player musicale da auto proviene da TuttoAndroid.

Spotify Car View, modalità per una guida sicura

di Marco Locatelli

Utilizzare lo smartphone alla guida è una delle abitudini più pericolose in assoluto. Alcune software house in questi anni hanno introdotto delle soluzioni che rendono l’utilizzo delle loro app in auto più sicuro. Tra questi c’è anche Spotify, popolare servizio di streaming musicale che ha lanciato la nuova modalità di visualizzazione Car View per la sua app, che permette agli utenti di controllare più facilmente la musica mentre sono al volante.

Leggi il resto dell’articolo

Dove scaricare musica alta qualità gratis

di Alessio Salome
Visto che volete ascoltare le canzoni del vostro cantante preferito, state cercando delle piattaforme adatte dove scaricare musica alta qualità gratis dal vostro PC o dispositivo mobile. Nei prossimi paragrafi vi elencheremo una serie di leggi di più...

Dove scaricare musica alta qualità

di Alessio Salome
La nuova guida di oggi è dedicata a tutte quelle persone che si chiedono quali sono le piattaforme online dove scaricare musica alta qualità in pochi e semplici passaggi. Nelle prossime righe vi elencheremo una leggi di più...

Spotify cambia idea e avvia i test di un’altra UI dedicata agli automobilisti

di Giuseppe Biondo

Pare essere in atto un altro tentativo di Spotify per offrire una modalità alla guida rivista rispetto al tentativo precedente

L'articolo Spotify cambia idea e avvia i test di un’altra UI dedicata agli automobilisti proviene da TuttoAndroid.

Spotify Premium gratis per sempre: come ottenerlo

di Alessio Salome
Fra i servizi di streaming musicale più famosi al giorno d’oggi c’è senza dubbio Spotify. Pur proponendo ai nuovi utenti una prova gratuita valida per 30 giorni, sono molti quelli che si chiedono come avere leggi di più...

Come regalare un abbonamento Spotify

di Alessio Salome
State cercando un regalo da fare al vostro amico amante della musica ma fino ad ora non avete trovato nulla di interessante? In questa nuova guida di oggi vi spiegheremo come regolare un abbonamento Spotify leggi di più...

Condividete la password Netflix? In futuro forse non potrete più farlo

di Lorenzo Spada
Password Netflix

Una delle libertà “non scritte” ma che la maggior parte dei servizi di streaming accettano pur di aver un bacino di utenza sempre più vasto è quella di permettere la condivisione la password con amici e parenti al fine di usufruire, con un solo abbonamento, di più visioni in contemporanea. Probabilmente la password Netflix è quella […]

L'articolo Condividete la password Netflix? In futuro forse non potrete più farlo proviene da TuttoTech.net.

Migliori siti e app per scaricare musica gratis

di Alessio Salome
Sul Web è possibile reperire varie risorse che permettono di effettuare il download gratuito di canzoni. In questa guida odierna abbiamo deciso di raggruppare i migliori siti e app per scaricare musica gratis in maniera leggi di più...

Dove scaricare musica MP3

di Alessio Salome
Se siete appassionati di musica e state cercando un servizio dove scaricare musica MP3 ma fino ad ora non avete trovate nulla di interessante, continuate a leggere perché siete capitati nella guida giusta! Indice dei leggi di più...

Come ascoltare musica su iPhone

di Alessio Salome
Siete appassionati di musica e volete trasformare il vostro melafonino in un potente lettore audio ma non sapete come fare? Nelle prossime righe vi spiegheremo nel dettaglio come ascoltare musica su iPhone in maniera semplice leggi di più...

Dove ascoltare musica gratis su Internet

di Alessio Salome
Vi state chiedendo dove ascoltare musica gratis su Internet? Nelle prossime righe vi elencheremo una serie di servizi che consentono di fruire di canzoni gratuitamente in maniera completamente legale, anche se in alcuni casi l’esperienza leggi di più...

Spotify Premium in offerta a partire da 0,99 euro per tre mesi

di Paolo Giorgetti

Spotify ha deciso di riproporre a grande richiesta la sua offerta dedicata all'abbonamento Premium: si parte da 0,99 euro per tre mesi per i nuovi iscritti per arrivare ai tre mesi al prezzo di uno per gli altri.

L'articolo Spotify Premium in offerta a partire da 0,99 euro per tre mesi proviene da TuttoAndroid.

Ecco come rendere segrete le proprie playlist su Spotify con un clic

di Roberto F.

L'ingegnere di Google Eric Andrew Lewis ha creato un sito Web che permette di rendere private tutte le proprie playlist di Spotify con un semplice clic

L'articolo Ecco come rendere segrete le proprie playlist su Spotify con un clic proviene da TuttoAndroid.

Spotify celebra le canzoni più amate del 2018 e lancia due nuove playlist

di Roberto F.

Il team di Spotify ha pubblicato il sito dedicato alla musica più apprezzata dagli utenti del popolare servizio di streaming musicale nel corso del 2018

L'articolo Spotify celebra le canzoni più amate del 2018 e lancia due nuove playlist proviene da TuttoAndroid.

Natale 2018: come regalare Spotify

di Filippo Vendrame

Natale sta arrivando e le persone si stanno affannando per comprare i regali per amici e parenti. Accanto ai soliti regali, però, è possibile pensare a qualcosa di diverso, soprattutto se la persona a cui si vuole fare un presente è appassionata di musica. Per esempio, si può pensare di regalare un abbonamento a Spotify Premium ad amici e parenti. Un omaggio diverso dal solito ma sicuramente molto apprezzato dagli appassionati della buona musica.

Leggi il resto dell’articolo

❌