Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

L’ESA sta costruendo una sonda da lanciare su una cometa del Sistema Solare

di Lorenzo Spada
Comet Interceptor

L’ESA (European Space Agency) ha annunciato di aver avviato un programma di sviluppo per una missione chiamata “Comet Interceptor” che ha lo scopo di costruire una sonda e inviarla su una cometa del sistema solare al fine di scoprirne i misteri rimasti fino a ora irrisolti. La sonda che intercetterà la cometa sarà formata da […]

L'articolo L’ESA sta costruendo una sonda da lanciare su una cometa del Sistema Solare proviene da TuttoTech.net.

I satelliti Starlink di SpaceX “appariranno nel cielo” italiano stasera 30 maggio

di Lorenzo Spada
Satelliti Starlink SpaceX

Con il lancio della costellazione di satelliti Starlink di SpaceX avvenuta qualche giorno fa, l’azienda ha fatto il primo passo verso l’offrire un servizio di connettività a Internet satellitare disponibile in tutto il mondo. Seppur molto piccoli (basati sullo standard CubeSat), i 60 satelliti Starlink e le loro piccole luci saranno visibili stasera in Italia […]

L'articolo I satelliti Starlink di SpaceX “appariranno nel cielo” italiano stasera 30 maggio proviene da TuttoTech.net.

Blue Origin lancia il “Club for the Future” per ispirare la prossima generazione di esploratori spaziali

di Lorenzo Spada
Blue Origin Club for the Future

L’azienda spaziale Blue Origin (nelle mani di Jeff Bazos) ha annunciato la nuova iniziativa Club for the Future che ha lo scopo di ispirare la prossima generazione di esploratori spaziali. La nuova organizzazione, aperta a educatori, genitori e bambini nella scuola materna fino al liceo (solo USA), sembra progettata per integrare lezioni educative con le […]

L'articolo Blue Origin lancia il “Club for the Future” per ispirare la prossima generazione di esploratori spaziali proviene da TuttoTech.net.

Come trovare file di grandi dimensioni in Mac

di Giuseppe Castellano
Su macOS Sierra o versioni successive è possibile utilizzare una comodissima utility, chiamata Gestione Spazio, che permette facilmente di memorizzare file su iCloud in moda da risparmiare spazio di archiviazione, e di ottimizzare lo spazio leggi di più...

La NASA si aspetta l’impatto di un asteroide con la Terra nel giro di 60 -70 anni

di Lorenzo Spada
Asteroide contro la Terra

Film e storie di fantascienza hanno da sempre esplorato l’idea di un asteroide che abbia una traiettoria che prima o poi impatterà con la Terra (vi ricordate il film Armageddon con Bruce Willis?) e, nonostante l’Universo sia estremamente vasto, c’è sempre una remota possibilità che ciò avvenga sul serio. Anzi, stando all’amministratore della NASA, Jim […]

L'articolo La NASA si aspetta l’impatto di un asteroide con la Terra nel giro di 60 -70 anni proviene da TuttoTech.net.

Consiglio acquisto auto 7 posti: budget fino a 25.000 euro

di Redazione

La nuova guida di SicurAUTO.it è dedicata ai consigli per l’acquisto di auto 7 posti con budget fino a 25.000 euro, massimo 29.000. Dopo avere analizzato di recente i segmenti più innovativi del mercato, rappresentati da ibride ed elettriche, ci occupiamo stavolta di automobili appartenenti a una categoria particolare di vetture, che interessano una platea piuttosto ampia di utenti. Parliamo delle vetture con sette posti, ideali per famiglie numerose ma che trovano impiego felice anche come mezzi per uso professionale. Guida aggiornata il 26 aprile 2019.

SCEGLIERE IN BASE ALLE ESIGENZE E AL BUDGET

Se si è portati a scegliere una vettura con omologazione sette posti, difficilmente sarà una scelta dettata da mode e trend di mercato. Si tratta infatti di una peculiare tipologia di automobile, per la quale si opta prevalentemente proprio per la disponibilità superiore di posti a sedere. Nella scelta è determinante il proprio budget per l’acquisto e le previsioni di spesa annua per gestione e manutenzione del veicolo (se avete esigenze diverse consultate la nostra guida all’acquisto di auto 7 posti da 35.000 euro). Per quanto riguarda le caratteristiche è opportuno valutare tipo di alimentazione, cilindrata e prestazioni, in base al tipo di utilizzo prevalente e alla percorrenza annua stimata. Per esempio se l’uso che si fa della vettura è prettamente cittadino, non è da sottovalutare l’opportunità di optare per una vettura bi-fuel, che assicura risparmio per via del carburante a prezzo ridotto.

PROVARE SU STRADA I MODELLI PAPABILI

Quando il cerchio si stringe attorno a due o tre modelli di nostro interesse, un’approfondita prova su strada può fugare gli ultimi dubbi e portare alla scelta definiva. È importante avere la possibilità di testare la cilindrata della vettura, e magari l’allestimento desiderato. Questo permetterà di vivere realmente le sensazioni che può regalarci la nostra futura automobile. Bisogna inoltre tenere conto che alcune auto 7 posti derivano da station wagon o monovolume con impostazione standard 5 posti. Ciò significa che se il passo della vettura è esteso rispetto al modello originale, con buona approssimazione i posti aggiuntivi possono ospitare anche due adulti. Ma se il passo è invariato potrebbe trattarsi di posti di ‘fortuna’ in cui possono stare comodi solo dei bambini.

BMW SERIE 2 GRAN TOURER

La monovolume compatta BMW Serie 2 Gran Tourer è lunga 456 cm e dispone di un bagagliaio dalla capacità minima di 560 litri. Nella versione base 216i è equipaggiata con un 3 cilindri turbo benzina da 1.5 litri e 109 cavalli, il consumo dichiarato è di 6,1 l/100 km con 139 g/km di CO2. Il prezzo di listino parte da 28.900 euro. Uscita nel 2018, la Gran Tourer rappresenta una piacevole novità per BMW, che con questo modello ha iniziato a esplorare un segmento di mercato nel quale non era mai stata presente. Deriva dalla Serie 2 Active Tourer, rispetto alla quale è più lunga di 21 cm e vanta un passo accresciuto di 11 cm, a tutto vantaggio dell’abitabilità e della capacità di carico. Euro NCAP ha testato nel 2014 la versione ‘corta’ Active Tourer conferendole 5/5 (qui la scheda del crash test con i risultati e il video).

CITROEN GRAND C4 SPACETOURER

La monovolume francese Citroen Grand C4 Spacetourer è lunga 460 centimetri e offre un bagagliaio con una capacità minima di 130 litri. Nella versione più economica PureTech 130 S&S Live da 27.300 euro adotta un motore benzina da 1.2 litri e 131 cavalli, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 5,2 l/100 km con 118 g/km di emissioni di CO2. La nuova sette posti parigina continua la tradizione intrapresa molti anni fa con il marchio Picasso, offrendo un abitacolo spazioso per famiglie numerose e caratterizzato da vetrature ampie per godere dell’illuminazione naturale. Inoltre la ricca la dotazione di optional rende la vettura quanto mai personale e tecnologica. Nel 2013 è stata testata da Euro NCAP nella versione 5 posti, ottenendo il massimo punteggio.

DACIA LODGY

È la proposta più economica della nostra guida con i consigli per l’acquisto di auto 7 posti a budget ridotto. Lunga 449 cm, Dacia Lodgy ha un bagagliaio dalla capacità minima di 207 litri. Disponibile in ben venti allestimenti diversi, con prezzi che variano da 11.650 a 16.900 euro, la versione base 1.6 Essential 7p adotta un 4 cilindri 1.6 benzina da 100 cavalli, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 6,7 l/100 km con 152 g/km di emissioni di CO2. Dacia Lodgy è una interessante proposta per chi vuole acquistare una vettura sette posti low cost ma versatile. Con un budget leggermente superiore si può scegliere l’allestimento Stepway che potremmo definire Suv Inspired per via delle numerose protezioni sottoscocca e dei pratici mancorrenti sul tetto. Nel 2012 è stata testata da Euro NCAP ottenendo 3/5 (qui la scheda del crash test con i risultati e il video).

FORD C-MAX

La 7 posti dell’Ovale Blu è lunga 452 cm e dispone di un bagagliaio con una capacità minima di 475 litri. La versione 1.5 EcoBlue 95 CV S&S Business adotta un 4 cilindri diesel da 1.5 litri e 95 cavalli, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 4,4 l/100 km con 128 g/km di emissioni di CO2. Il prezzo di listino parte da 27.150 euro. La Ford C-Max è una sette posti piuttosto compatta e dal design molto filante, quasi sportivo. Sottoposta a restyling nel 2014, ha beneficiato di numerosi aggiornamenti estetici e dell’introduzione nella gamma dei nuovi motori quattro cilindri della famiglia EcoBlue. Testata da Euro NCAP nel 2010, ha ottenuto le 5 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi e il video).

FORD GRAND TOURNEO CONNECT

La Ford Grand Tourneo Connect è lunga 4,82 metri, ha 5 porte e fino a 7 posti, con un volume minimo del bagagliaio di 322 litri. Il motore equipaggiato nella entry level 1.5 TDCi 120 CV 7 posti Plus è un 1.500 diesel 4 cilindri da 120 cavalli, con un consumo medio dichiarato nel misto di 4,7 l/100 km e 122 g/km di CO2. Il prezzo di listino parte da 27.050 euro. Frontale grintoso con passaruota muscolosi, in dimensioni tuttavia compatte vista la lunghezza e il tanto spazio disponibile a bordo. L’abitacolo è luminoso e ricco di porta oggetti, con il divanetto posteriore completamente modulabile. È stata testata nel 2018 da Euro NCAP totalizzando 4 stelle.

KIA CARENS

La sudcoreana Kia Carens è lunga 452 cm e dispone di un bagagliaio dalla capacità minima di 103 litri. Nella versione base 1.6 GDI Cool è equipaggiata con un 4 cilindri benzina da 1.6 litri e 135 cavalli, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 6,5 l/100 km con 150 g/km di CO2. Il prezzo di listino parte da 22.000 euro. La Carens è una monovolume compatta dotata opzionalmente di una terza fila di sedili per raggiungere i 7 posti. Recentemente aggiornata nel design offre un’ottima dotazione di serie e come da tradizione della casa gode di una garanzia molto estesa. È stata testata da Euro NCAP nel 2013 ottenendo 5 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi e il video).

MAHINDRA XUV500

Unico suv proposto nella nostra guida sulle auto 7 posti low cost, l’indiana Mahindra XUV500 è lunga 458 cm e dispone di un bagagliaio dalla capacità minima di 400 litri. Disponibile in sei diversi allestimenti in vendita da 19.854 a 25.985 euro e tutti dotati di un propulsore 4 cilindri turbo diesel da 2.2 litri e 140 cavalli, con consumo dichiarato nel ciclo misto è di 7,5 l/100 km e 197 g/km di CO2 (penalizzata quindi dall’Ecotassa). La proposta di Mahindra punta su una dotazione estremamente completa già negli allestimenti base, mentre per il full optional mancano soltanto gli interni in pelle e qualche altra amenità. Le finiture sono di buon livello. Non è stata ancora testata da Euro NCAP, ma qui c’è la nostra prova su strada della Mahindra XUV500.

NISSAN EVALIA

Arrivata sul mercato italiano già da qualche anno, la Nissan Evalia si presenta come un’auto innovativa nel segmento delle monovolume compatte a 7 posti. L’allestimento che rientra nel nostro budget (se volete spendere di più c’è pure una versione 100% elettrica) è il 1.5 dCi 110cv Evalia Euro 6, con un propulsore diesel 1.5 di cilindrata e 110 cavalli, 4,9 l/100 km di consumo combinato e 160 g/km di CO2 (al limite dell’Ecotassa, che come sappiamo parte da 161 g/km). Prezzo di listino: 25.244 euro. Nel 2013 il crash test Nissan Evalia ha dato il modesto punteggio di 3/5.

OPEL ZAFIRA

L’auto 7 posti della casa tedesca è lunga 466 cm e dispone di un bagagliaio con una capacità minima di 152 litri. La versione più economica di Opel Zafira, denominata 1.6 Turbo 136cv 120 Anniversary S&S MT6, è equipaggiata con un 4 cilindri turbo benzina da 1.6 litri e 136 cavalli, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 7,5 l/100 km con 172 g/km di CO2 (scatta l’Ecotassa). Il prezzo di listino parte da 28.200 euro. La Zafira ha beneficiato nel 2016 di consistente restyling: la monovolume è stata ridisegnata e adesso mostra il più recente family feeling di casa Opel, con il montaggio di un sistema di infotainment che offre connettività 4G e hotspot wifi per sette distinti device. Testata da Euro NCAP nel 2011, le sono state assegnate 5 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati e il video).

RENAULT GRAND KANGOO

Renault Grand Kangoo è lunga 469 cm e dispone di un bagagliaio dalla capacità minima di 400 litri. La versione a 7 posti è la 1.5 dCi 110 CV S&S, proposta con un 4 cilindri turbo diesel da 1.5 litri e 110 cavalli. Il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 4.5 l/100 km con 119 g/km di CO2. Il prezzo di listino parte da 23.660 euro. La Grand Kangoo offre un abitacolo altamente configurabile e la praticità di un mezzo che non disdegna impieghi professionali. Comode le portiere posteriori scorrevoli che facilitano l’accesso ai divani posteriori. L’offerta di optional è sufficientemente ricca per personalizzare e arricchire al meglio l’allestimento. La Kangoo è stata testata da Euro NCAP nel 2008 ricevendo 4 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi e il video).

RENAULT GRAND SCENIC

La Renault Grand Scenic è la versione allungata e a 7 posti della monovolume francese giunta ormai alla quarta generazione. Disponibile in moltissimi allestimenti e versioni anche a prezzi molto competitivi per la categoria. In questa sede vi presentiamo infatti Grand Scenic 1.3 TCE 85KW FAP Sport Edition, in vendita ad appena 23.850 euro. Monta un propulsore benzina da 115 CV e viaggia a 193 km/h di velocità massima. Con emissioni di CO2 a 141 g/km e 6,1 l/100 km di consumi dichiarati. Il crash test di Renault Grand Scenic (scheda e video) è vecchio del 2009 ma è valso 5/5.

TATA ARIA

Tata Aria è un’altra valida alternativa a budget ridotto per chi cerca una monovolume con 7 comodi posti. Tra le vetture del brand indiano più conosciute nel mondo, la Aria piace a parecchi automobilisti per l’interessante rapporto qualità-prezzo e per le buone prestazioni dichiarate. Attualmente sono disponibili tre versioni, con prezzo oscillanti tra 21.580 e 27.780 euro. La più economica è la 2.2 Prestige 4×2, equipaggiata con un motore diesel da 150 CV e con un consumo combinato di 7,8 l/100 km. Peccato per le forti emissioni di CO2, 205 g/km, che rientrano nel range sottoposto a Ecotassa. Mai sottoposta a crash test Euro NCAP.

VOLKSWAGEN CADDY MAXI

La multispazio tedesca VW Caddy è lunga 488 cm e dispone di un bagagliaio con una capacita minima di 530 litri. Molto versatile, nell’allestimento a 7 posti denominato Maxi consente di reclinare gli schienali e di ripiegare o togliere i sedili indipendentemente l’uno dall’altro. Nel nostro budget rientra la versione Caddy 1.4 TGI Plus Maxi, equipaggiata con un 4 cilindri benzina o metano da 1.4 litri e 110 cavalli. Il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 4,3 l/100 km con 116 g/km di CO2. Il prezzo di listino parte da 27.400 euro. È stata testata da Euro NCAP nel 2015 e ha ottenuto 4 Stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi e il video).

VOLKSWAGEN TOURAN

La monovolume tedesca Volkswagen Touran è lunga 452 cm e dispone di un bagagliaio dalla capacità minima di 137 litri. La versione base 1.6 TDI SCR Trendline BMT adotta un 4 cilindri a gasolio da 1.6 litri e 115 cavalli, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 4,6 l/100 km con 120 g/km di CO2. Il prezzo di listino parte da 28.950 euro. La Touran è stata totalmente rinnovata nel 2015. Più leggera della precedente versione, può contare su una gamma assortita di motorizzazioni e su un notevole spazio interno dove trovano posto fino a 7 passeggeri. È stata testata da Euro NCAP nel 2015 ricevendo il punteggio di 5/5 (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video).

L'articolo Consiglio acquisto auto 7 posti: budget fino a 25.000 euro proviene da SicurAUTO.it.

Lavatrice spaziale, il progetto italiano vince la First Lego League World Championship

di Elena Re Garbagnati
Campioni del mondo grazie a una lavatrice spaziale. C’è aria di festa sulla pagina Facebook dell’Istituto salesiano don Bosco di Verona, dopo che un gruppo di suoi studenti ha vinto la ventesima edizione del First Lego League World Championship a Houston (Texas). A salire sul podio  sono stati otto studenti del quarto anno di liceo: […]

La NASA ha scoperto tracce di idruro di elio, la prima molecola formatasi nell’universo, a 3.000 anni luce di distanza

di Lorenzo Spada
Idruro di elio prima molecola universo 3000 anni luce

Gli scienziati della NASA, dell’ESA e di altre agenzie spaziali hanno a lungo sospettato che, circa 100.000 anni dopo il big bang, l’elio e l’idrogeno (i due elementi più abbondandi nell’universo) si unirono per formare la prima molecola, l’idruro di elio. Ciò ha aiutato l’universo ad abbassare la temperatura e ha portato alla formazione delle […]

L'articolo La NASA ha scoperto tracce di idruro di elio, la prima molecola formatasi nell’universo, a 3.000 anni luce di distanza proviene da TuttoTech.net.

Ecco la prima foto reale di un buco nero supermassiccio

di Lorenzo Spada
Foto reale buco nero Event Horizon Telescope EHT

Forse non tutti sanno che tutte le foto di buchi neri che siamo stati abituati a vedere negli anni in realtà sono fake: sono riproduzioni a computer create da veri e propri artisti. Questo perché non siamo mai riusciti a scattare una foto né a un buco nero (d’altronde nemmeno la luce può fuggire dalla […]

L'articolo Ecco la prima foto reale di un buco nero supermassiccio proviene da TuttoTech.net.

NASA, l’uomo su Marte nel 2033, ma servirà la Luna

di Candido Romano

NASA pensa in grande e annuncia che, dopo il ritorno sulla Luna anticipato al 2024, porterà gli esseri umani su Marte nel 2033. A dichiararlo è stato Jim Bridenstine, l’amministratore dell’Agenzia spaziale americana, rispondendo all’appello del vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence. Proprio lui ha chiesto un’accelerata sui piani per portare di nuovo l’uomo sul nostro satellite entro cinque anni.

Leggi il resto dell’articolo

NASA, 24 detriti del satellite indiano (abbattuto) potrebbero raggiungere la ISS

di Dario D'Elia
La distruzione di un satellite causata mercoledì scorso da un missile indiano ha incrementato del 44% il rischio che la Base Spaziale Internazionale (ISS) possa essere colpita da piccoli detriti. L’ha confermato lunedì l’amministratore della NASA Jim Bridenstine durante un incontro stampa presso il quartier generale dell’agenzia a Washington. La sperimentazione del sistema ASAT (anti-satellite) […]

Su Marte c’è metano: lo conferma ricerca italiana

di Marco Locatelli

Non solo l’acqua è sinonimo di vita, ma anche il metano. Proprio così. E dopo le recenti, diverse notizie (e suggestioni) relative alla presenza di acqua su Marte, ora arriva da un team di scienziati italiani la conferma anche in merito alla presenza del gas.

Leggi il resto dell’articolo

Fiumi di Marte meno antichi di quanto si pensava

di Marco Locatelli

Che su Marte in passato – un passato molto lontano – scorresse acqua è ormai certo e lo ha confermato in maniera inconfutabile la sonda Curiosity nel 2012. Quello che però fino ad oggi non si sapeva è che i corsi d’acqua come i grandi fiumi di Marte avrebbero scorso per molto più tempo di quanto ipotizzato sinora.

Leggi il resto dell’articolo

L’India ha abbattuto un suo satellite con un missile

di Dario D'Elia
Ieri il Primo Ministro indiano Narendra Modi ha annunciato con soddisfazione che un nuovo tipo di missile ha correttamente abbattuto, come previsto, il satellite DRDO Microsat-R. La “Missione Shakti” si è compiuta senza particolari problemi, a parte la nuvola di detriti che ha già messo in allerta la NASA. “I nostri scienziati hanno abbattuto un […]

NASA, niente passeggiata spaziale al femminile

di Marco Locatelli

Niente passeggiata spaziale tutta al femminile il 29 marzo. Meno di un mese fa si era infatti parlato di una missione NASA fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale che avrebbe fatto la storia: sarebbe stata infatti la prima volta di una missione spaziale completamente “in rosa”.

Leggi il resto dell’articolo

Russia vuole una base abitabile sulla Luna

di Candido Romano

Anche la Russia vuole la Luna. Dopo il rinnovato interesse degli Stati Uniti di Donald Trump, che progetta un satellite lunare entro il 2028, è proprio la Russia a dichiarare la volontà di costruire una base lunare di ricerca internazionale. Oltre a questi due grandi player in campo c’è già la Cina, che negli scorsi mesi ha stupito tutti inviando la sua sonda sul lato nascosto della Luna. In tutto questo anche L’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, sta studiando la possibilità di preparare una missione scientifica entro il 2025, con lo scopo di estrarre risorse dalla Luna come la regolite.

Leggi il resto dell’articolo

Prisma, guarda il lancio del satellite italiano

di Candido Romano

Il lancio di Prisma, il satellite italiano voluto dall’Agenzia Spaziale Italiana e costruito tra Firenze, Milano e Roma, è avvenuto con successo. Il liftoff è avvenuto alle 2:50 del mattino dalla stazione spaziale europea di Kourou, nella Guyana Francese. Prisma sta per “PRecursore IperSpettrale della Missione Applicativa” ed è riuscito a decollare grazie al razzo Vega dell’ESA, ma progettato in Italia da parte di Avio.

Leggi il resto dell’articolo

NASA, grandi sorprese dall’asteroide Bennu

di Candido Romano

Studiare la composizione di Bennu sta aiutando a capire molto di più del nostro pianeta, la Terra. Diversi materiali ricchi di carbonio, indispensabili per ottenere la vita, sarebbero arrivati sulla Terra proprio con l’impatto di asteroidi simili a Bennu, studiato dalla missione OSIRIS-Rex (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, and Security – Regolith Explorer) della NASA. I dati provengono da ben sette studi su diverse riviste del gruppo Nature, a cui ha contribuito anche l’Italia con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

Leggi il resto dell’articolo

SpaceX, in video lo scudo termico della Starship

di Candido Romano

Elon Musk continua a stupire i suoi milioni di follower e praticamente il mondo intero, mostrando su Twitter gli scudi termici della Starship. Già recentemente ha collezionato l’ennesimo successo con la missione Demo-2, in cui la Crew Dragon, stavolta senza equipaggio, ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale.

Leggi il resto dell’articolo

NASA, esplode grossa meteora, 10 volte Hiroshima

di Candido Romano

Una enorme palla di fuoco è esplosa lo scorso dicembre, precisamente il giorno 18, nell’atmosfera terrestre secondo la NASA. L’esplosione della meteora è stata la seconda più grande di questo tipo negli ultimi 30 anni, la più grande in termini di dimensioni dalla meteora di Chelyabinsk in Russia, osservata sei anni fa. L’energia generata da questa esplosione è stata descritta come 10 volte quella della bomba atomica di Hiroshima.

Leggi il resto dell’articolo

❌