Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 23 Gennaio 2019RSS feeds

NPD rivela quali sono i giochi più venduti nel 2018

di Nicola Armondi

Il 2018 è finito da quasi un mese e siamo già tutti volti al 2019 e ai grandi giochi in arrivo, sopratutto in questo fine gennaio (avete letto la nostra recensione di Resident Evil 2, vero?). Ora, però, ci dobbiamo prendere qualche minuto per guardare al passato e tirare le somme dello scorso anno, grazie all’analisi fatta da NPD che ci aiuta a scoprire quali sono i videogame più venduti nei dodici mesi da poco conclusisi.

Per iniziare, l’analista Mat Piscatella ci rivela che l’industria ha venduto giochi console, PC e portatili per un valore totale di 7.1 miliardi di dollari, con un incremento del 7% rispetto al 2017: si tratta del valore più alto dal 2012, quando venne raggiunta la cifra di 7.5 miliardi di dollari. I tre giochi meritevoli di salire sul podio sono stati Red Dead Redemption II, Call of Duty: Black Ops 4 e NBA 2K19. Per quanto riguarda le esclusive, troviamo al quinto posto Super Smash Bros. Ultimate, seguito da Marvel’s Spider-Man e, in ottava posizione, God of War.

Piscatella ci fa però notare che le vendite digitali della versione PC non sono incluse nel conteggio di Call of Duty: Black Ops 4 e che questa differenza ha certamente definito la seconda posizione del gioco Activision. Inoltre, per quanto appaia “solamente” in quinta posizione, Super Smash Bros. Ultimate è innegabilmente un gioco da record: il videogame è stato messo in vendita solamente a dicembre, diventando il più acquistato del mese; inoltre le copie digitali non sono incluse, quindi potrebbe essere ancora più in alto nella classifica.

Vediamo però, con precisione, tutti i nomi della classifica dei giochi più venduti del 2018. I videogame segnati con * indicano che non sono incluse le vendite digitali; quelli segnati con ^ indicano che non sono incluse le copi digitali in versione PC.

  1. Red Dead Redemption II
  2. Call of Duty: Black Ops 4^
  3. NBA 2K19
  4. Madden NFL 19^
  5. Super Smash Bros. Ultimate*
  6. Marvel’s Spider-Man
  7. Far Cry 5
  8. God of War 2018
  9. Monster Hunter: World
  10. Assassin’s Creed: Odyssey
  11. Grand Theft Auto V
  12. Mario Kart 8*
  13. FIFA 19^
  14. Battlefield V^
  15. Super Mario Odyssey*
  16. Call of Duty: WWII^
  17. Dragon Ball: Fighterz
  18. The Legend of Zelda: Breath of the Wild*
  19. Super Mario Party*
  20. Pokemon: Lets Go Pikachu*

Cosa ne pensate di questa classifica? Pensate che tutte le posizioni siano meritate, oppure credete che qualche gioco avrebbe meritato di vendere di più?

Tra Red Dead Redemption II, Call of Duty: Black Ops 4, NBA 2K19, Super Smash Bros. Ultimate e Marvel’s Spider-Man, è stato un 2018 incredibile!

Meno recentiRSS feeds

Wizkids annuncia Smash City: mostri giganteschi alla distruzione delle città!

di Silvio Colombini
I giocatori dovranno dimostrare di avere una buona mira ,  grande destrezza ed un’abbondante sete di distruzione nel nuovo gioco della Wizkids ispirato alle epiche battaglie tra kaiju, i giganteschi mostri della mitologia nipponica. Dal sito del produttore: “WizKids è lieta di annunciare che il suo nuovo gioco devasta-città,  Smash City, è in arrivo nei negozi […]

Super Smash Bros. Ultimate Guida: come specializzarsi con un personaggio

di Luca Trimboli

Se c’è una cosa davvero difficile da fare in Super Smash Bros. Ultimate, è specializzarsi con un personaggio in particolare, poiché la vasta scelta (ben 74 i lottatori disponibili) convince spesso il giocatore a provare e riprovare più membri del roster. Se anche voi siete in difficoltà, oppure temete di essere abili con un personaggio di basso livello, ecco alcuni consigli su come specializzarvi con un combattente in particolare e, soprattutto, quali sono i più efficaci, se sfruttati al massimo.

Dopo aver sbloccato un buon numero di combattenti, arriverà il momento di iniziare a specializzarsi con un personaggio, così da migliorare le proprie prestazioni online. Prima di tutto, il nostro consiglio è quello di comprendere che tipo di giocatori siete: preferite un combattente lento che infligge ingenti danni, uno rapido che colpisce più volte in poco tempo o uno che addirittura vi consente di attaccare a distanza? Probabilmente basteranno le prime due ore di gioco per capirlo.

Una volta scelto il tipo di combattente, rimarranno ben pochi personaggi a disposizione: se non avete ancora sbloccato l’intero roster, vi invitiamo a rimediare, poiché potreste impiegare tempo e forze con un combattente superiore. Il primo passo è esercitarvi nella modalità allenamento, almeno per memorizzare le mosse base e per familiarizzare con il personaggio. A questo punto, potrete decidere cosa fare per migliorare ulteriormente:

  • Iniziare a combattere online.
  • Seguire tornei e dirette dei pro player.

Iniziamo col dire che entrambi i metodi vanno bene, in quanto nel primo si mettono in atto le mosse provare più e più volte in allenamento, mentre nel secondo si scoprono nuovi approcci al match, oltre a comprendere come gestire le situazioni più delicate.

La realtà è che dovrete alternare i due metodi, poiché serviranno molte ore di studio e centinaia di match per conoscere un personaggio al 100%. Pur sapendo utilizzare tutte le mosse possibili di un combattente, servirà il tempismo giusto per non sprecare le Smash Finali e soprattutto il giocatore dovrà essere in grado di capire quando attaccare e quando no. Anche il personaggio più forte può essere umiliato, se utilizzato solo per sferrare calci e pugni: la calma è la virtù dei forti, soprattutto in Super Smash Bros. Ultimate.

Per coloro che non hanno ancora sbloccato l’intero roster, ma vogliono comunque iniziare a specializzarsi con un personaggio, ecco quali sono i combattenti più efficaci:

  • Mario, proveniente da Regno dei Funghi
  • Link, proveniente da Zelda
  • Kirby, proveniente da Kirby

Se avete invece l’intero roster a disposizione, ecco quali sono i migliori personaggi con cui specializzarsi:

  • Chrom, Marth e Lucina, provenienti da Fire Emblem
  • Inkling, proveniente da Splatoon
  • Ricter e Simon, provenienti da Castlevania
  • Mewtwo e Pikachu, provenienti da Pokémon
  • Sheik, proveniente da Zelda

Ovviamente, la prima lista contiene personaggi abbastanza semplici da padroneggiare, mentre la seconda richiederà ore e ore di allenamento, di studio e di sconfitte.

Seguendo i consigli sopra, e soprattutto utilizzando uno dei personaggi consigliati, migliorerete rapidamente e avrete un vero e proprio main, pronto a combattere online a testa alta. Ricordatevi sempre di mantenere la calma durante i match e aspettare il momento giusto per attaccare, altrimenti verrete facilmente sconfitti, nonostante le ore di allenamento.

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate Guida: come specializzarsi con un personaggio proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate: un DLC a tema Dragon Quest?

di Nicola Armondi

Super Smash Bros. Ultimate sta ottenendo un grandissimo successo a livello mondiale, ma la strada non è finita, anzi. Dopo un primo DLC a tema Persona 5 (che include il protagonista, Joker), pare sia ora di rumor sul secondo contenuto aggiuntivo del gioco. Le voci dicono che tutto punta a Erdrick, da Dragon Quest.

Prima di approfondire la questione, vediamo subito se possiamo reputare questo rumor come credibile. La fonte è la stessa che ha parlato di “Persona 5 R” (ovvero la supposta riedizione del gioco, diretta anche a Nintendo Switch), oltre che di Grandblue Fantasy Versus di Arc System Works (rivelatosi poi vero dopo una settimana). Fermo restando che non si tratta di una conferma ufficiale, è sufficientemente credibile.

Quindi, cosa dice il rumor esattamente? Il personaggio sarà Erdrick e tra i suoi costumi ce ne sarà uno che si rifà al protagonista di Dragon Quest 11. Lo stage sarà Alefgard e apparirà uno Slime, la famosa mascotte della saga. Pare inoltre che, a differenza di quanto accaduto con Cloud, Square Enix stia collaborando molto con Nintendo riguardo a questo nuovo personaggio.

Secondo il rumor, lo scopo della compagnia sarebbe di “beneficiare del conseguente marketing oltreoceano per Dragon Quest 11”. È possibile che il riferimento sia anche a Dragon Quest 11 S, annunciato per Switch ma di cui ancora non si conoscono molti dettagli?

Lo ripetiamo, si tratta di un rumor e quindi tutto questo va considerato come una pura speculazione. Speriamo ovviamente che sia vero: a noi piacerebbe combattere nello stage di Dragon Quest. Anche per voi è così?

Super Smash Bros. Ultimate contiene già moltissimi personaggi, ma non è intenzionato a fermarsi: cederemo anche noi all’acquisto?

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate: un DLC a tema Dragon Quest? proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate: Sakurai spiega il significato del logo

di Nicola Armondi

Tramite un recente video su YouTube, il creatore di Super Smash Bros. Ultimate, Masahiro Sakurai, spiega qual è il significato dell’iconico logo della serie. Ovviamente il director spiega la questione in giapponese e dobbiamo basarci su una traduzione di un utente per comprenderlo.

Quest’ultimo dice, tramite un tweet che potete vedere poco sotto, che le linee che si incrociano rappresentano l’unione di differenti franchise, mentre le risultanti quattro sezioni del cerchio simboleggiano il multiplayer a quattro giocatori.

In a recent video on Nintendo Japan’s Youtube channel, Sakurai was asked what the Smash logo is supposed to represent. He said that the intersecting lines are meant to show the “crossover” nature of the series and the circle divided into 4 sections represents 4 person multiplayer pic.twitter.com/9vZ5iU5cRr

— Kyle McLain (@FarmboyinJapan) December 14, 2018

Certo, gli ultimi due capitoli della serie offrono il multiplayer fino a otto giocatori, ma la sostanza non cambia. La spiegazione del logo, quindi, è stata servita e ora possiamo smettere di ossessionarci a riguardo. La qualità del gioco, in ogni caso, era indiscussa.

Super Smash Bros. Ultimate è un grande gioco: voi ci state già giocando?

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate: Sakurai spiega il significato del logo proviene da Tom's Hardware.

Il doppiatore di Super Mario è stato premiato dai Guinness World Record

di Nicola Armondi

Charles Martinet è stata premiato dai Guinness World Record per il maggior numero di doppiaggi di uno stesso personaggio: la cifra raggiunta infatti è 100, precisamente con Mario, la mascotte Nintendo.

Martinet ha registrato un video a riguardo e l’ha pubblicato tramite Instagram. Possiamo vederlo qui sotto.

Come possiamo inoltre leggere anche poco sotto, tramite un messaggio Twitter del doppiatore, il centesimo doppiaggio è avvenuto all’interno di Super Smash Bros. Ultimate per Nintendo Switch, il royal rumble di Nintendo che sta segnando numeri di vendita incredibili.

With Craig receiving my record certificate @GWR for most video game voiceover performances as the same character – 100, as Mario – on 7 December 2018 upon the release of #SuperSmashBrosUltimate #woohoo! Many thanks to #Nintendo and #GWR pic.twitter.com/ICfKlK9hO1

— Charles Martinet (@CharlesMartinet) December 14, 2018

Martinet ha iniziato a doppiare Mario dal 1990, ma è stato la voce anche di Wario, Luigi, Waluigi, Baby Luigi e Baby Mario. La sua carriera, però, non si è limitata al mondo Nintendo: lo sapevate che ha prestato la voce anche al drago Paarthurnax all’interno di Skyrim?

Super Smash Bros. Ultimate è un gioco da record in molti sensi: fa già parte della vostra collezione?

L'articolo Il doppiatore di Super Mario è stato premiato dai Guinness World Record proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate Guida: consigli per i nuovi giocatori

di Luca Trimboli

Arrivato sul mercato da appena una settimana, Super Smash Bros. Ultimate è riuscito a convincere numerosi fan ad acquistare addirittura Nintendo Switch per essere giocato. Dietro questa febbre da Smash, c’è una motivazione ben precisa: il picchiaduro targato HAL Laboratory figura benissimo in video, e riesce a catturare l’attenzione di vecchi e nuovi fan. Certo, chi ha già giocato diversi capitoli della saga non avrà problemi con Ultimate, mentre i neofiti faticheranno non poco, rischiando di abbandonare il titolo anzitempo. Per quest’ultimi, oggi abbiamo una serie di consigli grazie ai quali potrete migliorare le vostre abilità e diminuire il gap con la CPU e con gli altri giocatori.

Per iniziare a comprendere le meccaniche di Super Smash Bros. Ultimate, vi invitiamo a seguire gli step qui sotto:

  • Sbloccate il maggior numero di personaggi possibile (qui la nostra guida), così da poter scegliere il combattente più adatto al vostro stile. Se non avete tempo o voglia, potete comunque utilizzare Link e Kirby, due dei personaggi più efficaci e disponibili sin da subito.
  • Andate su Giochi e altro – Allenamento e selezionate con quale personaggio scendere in campo.
  • Premete subito il tasto +, poi ZR così da aprire l’elenco completo delle mosse.
  • Memorizzate le mosse ed esercitatevi prima in allenamento e poi contro la CPU, migliorando rapidamente i risultati.
  • Una volta apprese le mosse, iniziate a sfruttare l’analogico destro per utilizzare gli attacchi Smash, L/R per le prese e ZL/ZR per la bolla difensiva.
  • Iniziate La Stella della Speranza per affrontare sfide più difficili, grazie ai continui bonus e malus che avrete.

Così facendo, migliorerete di partita in partita, ma c’è ancora molto da imparare per poter dire la vostra contro altre persone. Principalmente sono tre le meccaniche da dover padroneggiare per poter giocare online:

  • Salto.
  • Contrattacco.
  • Strumenti.

Quando verrete lanciati all’estremità dell’arena, padroneggiare il salto in ogni sua sfumatura sarà fondamentale. Oltre al comune balzo, infatti, dovrete utilizzare L e R per scattare rispettivamente a sinistra e a destra, azione che vi farà recuperare molto terreno. Se ciò non bastasse, vi invitiamo a sferrare uno Smash alto (B + levetta analogica sinistra verso l’alto), azione che solitamente farà andare verso l’alto il vostro combattente. Il contrattacco, invece, è molto più semplice da compiere: basterà disattivare la bolla difensiva (ZL/ZR) durante l’attacco nemico, guadagnando così qualche frame in cui potrete attaccarlo liberamente e infliggergli ingenti danni.

Per ultimi, ci sono gli strumenti sparsi per la mappa: pur essendo casuali, dovrete sempre prestare attenzione a ciò che spawnerà, poiché il mancato utilizzo potrebbe seriamente far cambiare l’esito di un incontro. Le semplici Poké Ball doneranno un Pokémon aiutante, mentre il trofeo chiamerà un personaggio di supporto e la banana farà semplicemente scivolare. Ce ne sono molti altri, e sapere quali prendere e quali no sarà fondamentale per i match online.

A questo punto, dovreste conoscere l’intero moveset del personaggio ed essere in grado di affrontare altri combattenti online, oppure di sfidare i vostri amici più esperti e dargli del filo da torcere.

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate Guida: consigli per i nuovi giocatori proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate: i dettagli della patch 1.2.0 che cancella i replay

di Nicola Armondi

Come vi avevamo già annunciato, è arrivato l’update numero 1.2.0 di Super Smash Bros. Ultimate. Vi ricordiamo che, da questa versione in poi, tutti i replay precedentemente salvati non sono più disponibili: fortunatamente avete messo al sicuro le vostre vittorie sotto forma di filmato.

Veniamo però ai cambiamenti apportati da questa patch. Vediamoli insieme.

Offline Gameplay

  • Correzioni alla difficoltà delle sfide

Online Gameplay

  • Quando si esegue un matchmaking in Partita veloce, il formato delle tue regole preferite avrà una maggiore priorità. Questo potrebbe causare un ritardo nella procedura di matchmaking e ancora non c’è la garanzia che troverai un match impostato esattamente sulle tue regole preferite.
  • Aumentata la stabilità della connessione all’interno delle Battle Arena (Nota: le opzioni online richiedono una sottoscrizione a Nintendo Switch Online)

Cambiamenti generali

  • Effettuati dei bilanciamenti al gioco
  • Varie correzioni al gameplay

Personaggi a cui sono state apportate delle variazioni

  • Donkey Kong
  • Link
  • Kirby
  • Luigi
  • Ice Climbers
  • Young Link
  • Olimar
  • Toon Link
  • Villager
  • Greninja
  • PAC-MAN
  • Duck Hunt
  • Isabelle

Note di compatibilità

  • Per usare le funzioni online, il software deve essere aggiornato alla versione più recente
  • Le funzioni wireless locali non sono compatibili tra una versione 1.2.0 e le versioni precedenti. Per favore, assicurarsi che tutti i giocatori usino la stessa versione del software
  • I replay creati nelle versioni precedenti alla 1.2.0 non sono compatibili con la 1.2.0. Se vuoi salvare dei replay, dovrai convertirli in filmati prima dell’update del software

Diteci, avete già iniziato a combattere nelle arene di Super Smash Bros. Ultimate? Qual è il vostro lottatore preferito? Li avete già sbloccati tutti?

Super Smash Bros. Ultimate è certamente un (altro) grandissimo gioco della grande N: voi ci state già giocando?

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate: i dettagli della patch 1.2.0 che cancella i replay proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate: il prossimo aggiornamento bloccherà i vecchi replay

di Nicola Armondi

I giocatori che si stanno godendo Super Smash Bros. Ultimate hanno ricevuto una notifica all’interno del gioco. Nintendo annuncia che l’aggiornamento numero 1.2.0 è in arrivo: più precisamente si afferma che sarà disponibile “durante la prossima settimana”, senza altri dettagli.

Le specifiche dell’update non sono state rese note: si può leggere che verranno condivise in contemporanea con l’aggiornamento. L’unico elemento specificato in anticipo è legato ai replay. Pare infatti che i replay registrati fino a questo momento non saranno più disponibili a partire dalla versione 1.2.0.

Nintendo suggerisce quindi di salvarli convertendoli in video, a partire dal menù dei replay stesso. Se avete qualche ricordo importante di una vittoria guadagnata con stile, non perdete tempo e andate subito a metterla al sicuro, prima che l’aggiornamento ve la elimini.

Super Smash Bros. Ultimate, come avete potuto leggere nella nostra recensione, è un gran gioco e i numeri di vendita lo dimostrano: in pochissimo giorni, sul territorio giapponese, l’opera ha raggiunto le 1,238,358 copie vendute in formato fisico (mancano quindi nel conteggio le copie digitali).

Diteci, avete già sbloccato tutti i personaggi? Se no, potete trovare un ottimo metodo per semplificarvi la vita a questo indirizzo.

Avete già comprato la vostra copia di Super Smash Bros. Ultimate? Avete preso la Limited Edition?

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate: il prossimo aggiornamento bloccherà i vecchi replay proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate Recensione, Nintendo è tornata con il suo miglior picchiaduro

di Luca Trimboli

Il secondo anno di vita di Nintendo Switch si potrebbe riassumere in quattro parole: Super Smash Bros. Ultimate. Certo, non sono mancate le uscite di IP vecchie e nuove, ma l’azienda nipponica sembra aver puntato tutto sull’opera di Masahiro Sakurai, creatore della serie e di Kirby. Annunciato durante la Nintendo Direct dell’8 marzo, Super Smash Bros. Ultimate è tornato poi all’E3 con un trailer di quasi trenta minuti, dove la produzione ha immediatamente mostrato uno dei punti di forza: le dimensioni del roster. I mesi successivi sono stati un susseguirsi di informazioni e trailer, atti soprattutto a chiarire la reale natura del titolo: Super Smash Bros. Ultimate non è un’edizione Deluxe del videogioco visto su Wii U e Nintendo 3DS, bensì un capitolo tutto nuovo.

A differenza di molti picchiaduro, in cui l’obiettivo principale è mandare a 0 la vita dell’avversario, qui il nemico deve essere scagliato oltre il bordo dell’arena. Giocando con le regole standard, il dannometro cresce a ogni colpo, così come aumenta la distanza a cui il combattente viene scagliato. Per i neofiti: danneggiare l’avversario a inizio match lo farà spostare di pochi pixel, mentre utilizzare una smash quando il dannometro sta oltre il 100% farà volare il nemico molto lontano. È possibile cambiare le regole, partendo per esempio con 150 punti vita da sottrarre colpendo ripetutamente l’avversario: starà sempre a voi cambiare il tipo di match, modificando vite a disposizione, partecipanti tempo totale.

Come in ogni capitolo della saga, anche in Super Smash Bros. Ultimate il cuore pulsante è il gameplay non troppo complesso, ma estremamente funzionale. Nelle arene, infatti, non sono molti i comandi base da utilizzare: si potranno utilizzare due tipi di salto, fondamentali per non cadere oltre il bordo della mappa, una bolla difensiva che diminuisce a ogni colpo subito, un comando di corsa e uno di frenata. Fondamentali sono i tasti A e B, che corrispondono agli attacchi normali e speciali: combinati a uno spostamento in alto, in basso o in laterale dell’analogico, risultano fondamentali per creare una combo efficace. Molto importante durante il match è il giusto utilizzo dell’analogico destro, che corrisponde all’Attacco Smash, comando davvero utile per lanciare il nemico oltre i limiti della mappa. Assai positiva è l’introduzione della Barra Smash, caricabile subendo colpi, che è semplicemente uno Smash Finale meno potente di quello ottenibile distruggendo la Sfera Smash. L’ultimo cambiamento riguarda il contrattacco, che non è più eseguibile attivando al momento giusto la bolla difensiva, bensì disattivandola nell’istante in cui si subisce il colpo: pur non sembrando una modifica trascendentale, questa novità fa guadagnare qualche istante a chi riesce a neutralizzare l’attacco al momento opportuno.

L’imbarazzo della scelta

Super Smash Bros. Utimate si è fatto notare in positivo sin dalla prima accensione, dove abbiamo potuto apprezzare Lifelight, colonna sonora composta da Hideki Sakamoto e cantata da Abby Trott, nel filmato d’apertura in cui viene presentato l’ampio roster presente in-game. Una volta finito o saltato il video, abbiamo potuto apprezzare il nuovo menu di gioco, elegante e soprattutto più intuitivo del precedente: oltre a essere suddiviso in 5 sezioni, è presente un elenco laterale a scomparsa che rende la navigazione ancora più semplice. La modalità più utile per i neofiti è certamente Mischia, che permette di esercitarsi con i combattenti in tanti modi diversi: ci si può divertire nelle sfide 1 contro 1, nei torneo a 32 partecipanti e nelle mischie contenenti tutti i personaggi sbloccati (fino a 74!), modificando anche parametri e regole per rendere ogni incontro unico. Già in quella che possiamo definire una modalità base, Super Smash Bros. Utimate ci ha impressionato per ciò che ha da offrire al day one, capace di soddisfare anche i videogiocatori più esperti con scontri di ogni tipo. Non manca ovviamente la sempreverde modalità classica, un percorso con sei match, uno stage bonus e un boss finale in cui si otterranno punti. Molto importante è la presenza del murales, elemento in grado di mostrare il livello di difficoltà e il grado di avanzamento: più alto è il punteggio e maggiore sarà la difficoltà.

Il punto forte di Super Smash Bros. Ultimate è senza ombra di dubbio la nuova modalità avventura La Stella della Speranza, la vera ventata d’aria fresca che serviva alla serie. È qui che Masahiro Sakurai ha messo in mostra la sua incredibile abilità da game designer e la grande passione per i videogiochi: l’obiettivo non è mai stato quello di scrivere una trama sopraffina, bensì di creare una modalità storia in grado di ampliare il gameplay all’ennesima potenza. Muovendosi per la mappa, si può combattere contro altri personaggi controllati da Kieran, l’antagonista di turno, per far salire di livello gli Spiriti e per sbloccare nuovi combattenti da aggiungere alla propria formazione. Questi Spiriti, divisi in principali e aiutanti, consentono ai giocatori di organizzare al meglio il proprio party, in quanto i primi aumentano i parametri del personaggio e i secondi garantiscono degli oggetti a inizio scontro. Sarebbe bello descrivere ogni singolo Spirito, ma essendo circa mille pensiamo sia meglio lasciare a voi l’arduo compito di trovare quelli più utili. Tornando ora all’avventura, ci teniamo a sottolineare che è necessario modificare in continuazione la formazione, sostituendo i vari spiriti per eliminare le diverse debolezze agli elementi e rendere gli incontri meno ardui. Pur sembrando inizialmente semplice, La Stella della Speranza si è rivelata una modalità davvero complessa, e a difficoltà normale ci sono volute poco più di venti ore per terminarla, contando anche diversi combattimenti giocati più volte per ottenere un particolare Spirito.

Tecnicamente parlando, siamo davanti a un lavoro monumentale: il salto di qualità rispetto alla versione Wii U e 3DS  dato dalla natura non ibrida del videogioco, ideato e sviluppato unicamente per Nintendo Switch e quindi perfettamente adatto alla console, è evidente. Nonostante siano oltre 100 gli scenari presenti, la resa di ognuno è semplicemente sublime. Quest’ultimi, poi, diventano ancora più splendidi negli incontri con più personaggi, quando le animazioni e gli oggetti utilizzati riempiono lo schermo di effetti speciali semplicemente splendidi. Nonostante tanta spettacolarità, un’alta concentrazione di personaggi è sfociata alcune volte in un calo di FPS leggero, ma comunque fastidioso in un gioco come Super Smash Bros. Ultimate. Per fortuna le disavventure tecniche finiscono qui, con Switch che mantiene i 60FPS sia in modalità dock che in quella tablet, che viaggiano rispettivamente a 1080p e 720p.

Ad accompagnare gli splendidi scenari ci sono oltre ottocento brani, peraltro sempre collegati alle arene scelte, ascoltabili anche con la console in modalità riposo. Infine, i personaggi giocabili sono addirittura 74 (76 se consideriamo le tre forme offerte dall’Allenatore Pokémon), ma inizialmente saranno solamente 8 quelli sbloccati. Sta al giocatore consumare la propria console e ampliare al massimo il proprio roster, così da avere una scelta più vasta anche nel discusso reparto Online.

Uno Smash mondiale…o quasi

Super Smash Bros. Ultimate è già tra i titoli più streammati su Twitch, e la maggior parte degli spettatori amano seguire i loro beniamini alle prese con incredibili match multigiocatore, dunque è lecito aspettarsi un comparto online di spessore, complice anche il costo del Nintendo Switch Online. Purtroppo, invece, il servizio ha mantenuto gli stessi difetti che aveva su Wii U, come il lag quasi sempre presente, nonostante una connessione 100 Mega che in altri lidi permette di scaricare patch e giocare online senza nessun tipo di problema.

Disagi a parte, l’offerta di Super Smash Bros. Ultimate Online rimane comunque più che soddisfacente: c’è la modalità Spettatore dove possiamo osservare altri giocatori e “rubargli” qualche strategia e quella Mischia dove c’è da sfidare l’intero globo…o quasi. Diciamo quasi perché in realtà il matchmaking ci ha permesso di confrontarci solamente con giocatori europei, e ciò ci fa abbastanza paura considerando il lag riscontrato con persone vicine: chissà come sarebbe stato affrontare un avversario asiatico o americano. Andando oltre, si possono creare e cercare le Stanze Smash, fondamentali per combattere contro gli amici e decretare chi è il più forte, oppure ci si può gettare nelle Sfide Rapide. Nonostante il nome, questi sono gli incontri classificati di Super Smash Bros. Ultimate e decretano il ranking del giocatore. Pur potendo personalizzare la ricerca, scegliendo magari un match 1 contro 1, il gioco dà sempre la priorità allo svolgimento dell’incontro, anche al costo di ignorare le preferenze dei partecipanti. Ciò sarebbe forse accettabile in un match rapido, ma essendo classificato ci sentiamo di disapprovare la scelta di Nintendo.

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate Recensione, Nintendo è tornata con il suo miglior picchiaduro proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate Guida: come sbloccare rapidamente ogni personaggio

di Luca Trimboli

Pur essendo appena uscito, Super Smash Bros. Ultimate è già sulla bocca di tutti. In effetti, la saga è arrivata su Nintendo Switch con un’offerta mai vista prima: 103 livelli, oltre 700 brani e ben 74 personaggi giocabili al day one. Purtroppo, una volta avviata la console si viene immediatamente a conoscenza di una verità assai amara: solamente 8 personaggi sono utilizzabili, mentre gli altri 66 dovranno essere sbloccati combattendo.

Vincendo un paio di match, avrete l’opportunità di affrontare un nuovo personaggio che, in caso di successo, verrà immediatamente sbloccato. Ciò accadrà ogni 10 minuti circa, dunque ci vorranno oltre dieci ore per avere l’intero roster a disposizione, ma Nintendo ha inserito una meccanica utile a ridurre drasticamente il tempo necessario.

Ogni volta che Super Smash Bros. Ultimate viene avviato, il software vuole immediatamente premiare il gesto del giocatore e, alla prima vittoria, consente di sfidare un nuovo personaggio, dunque vi invitiamo a seguire questi step per sbloccare velocemente i combattenti:

  • Avviate Super Smash Bros. Ultimate.
  • Selezionate Incontro normale.
  • Create un nuovo set di regole, impostando il limite di vite a 1.
  • Sconfiggete il combattente (se volete accelerare ulteriormente, potete affrontare un secondo giocatore umano).
  • Affrontate il nuovo personaggio e sconfiggetelo per sbloccarlo.
  • Tornate alla Home e premete X su Super Smash Bros. Ultimate per chiudere il software.

Ripetendo il procedimento, sbloccherete un personaggio in circa 3 minuti, il che vuol dire che con appena più di 3 ore potrete avere a disposizione l’intero roster di Super Smash Bros. Ultimate.

Il procedimento è sicuramente meno stimolante rispetto a quello standard, ma alla fine basterà alternarlo a match online o ad altre modalità per non sentire affatto la noia e avere in men che non si dica tutti i 74 combattenti a disposizione.

Super Smash Bros. Ultimate è già disponibile: voi avete già acquistato la vostra copia?

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate Guida: come sbloccare rapidamente ogni personaggio proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate è stato completamente svelato dai leak

di Nicola Armondi

Pare che il weekend di Nintendo non sia stato dei più tranquilli. Di recente, alcune copie di Super Smash Bros. Ultimate sono finite in circolazione e, ovviamente, il gioco è stato piratato e distribuito online. Il passo successivo è ovvio: l’intera rete è stata bersagliata da video di gameplay e filmati. Molti fan hanno involontariamente subito spoiler su vari elementi del gioco.

Nintendo ha quindi iniziato a bloccare i video, ma è chiaro che è impossibile eliminare ogni singolo leak. I dataminer, ad esempio, hanno potuto cercare nei file di gioco ogni dettaglio legato agli Spiriti, dal tipo al numero. Si tratta di elementi che la casa di Kyoto si era ben impegnata a tenere segreti fino alla release.

Sono state scoperte, inoltre, le specifiche su modalità ancora non annunciate, metodi per sbloccare nuovi personaggi, ore e ore di tracce musicali e una grande quantità di costumi per Mii. Il pacchetto completo, in sostanza, è già a disposizione dei più curiosi.

L’uscita dell’opera è programmata per il 7 dicembre. Una data che sembra molto vicina, ma in seguito a questi leak pare più lontana che mai. Non solo Nintendo dovrà continuare a bloccare le informazioni illegalmente distribuite, ma i fan che non desiderano rovinarsi l’esperienza (e visti i numeri delle prevendite, siamo certi che siano molti) saranno costretti a vivere sul “chi va là” per una decina di giorni.

Se riuscirete a evitare spoiler, la vostra copia di Super Smash Bros. Ultimate vi attende.

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate è stato completamente svelato dai leak proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate è il gioco più pre-venduto della storia Nintendo Switch

di Nicola Armondi

Super Smash Bros. Ultimate è appena diventato il gioco che ha raggiunto il maggior numero di prevendite tra tutte le opere Nintendo Switch. È stato annunciato da Nintendo Versus tramite il proprio l’account Twitter.

È un periodo roseo per Nintendo che negli ultimi giorni ha festeggiato anche le tre milioni di copie vendute di Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee! in una sola settimana, oltre a essere stato il gioco Nintendo Switch (o meglio la coppia, in questo caso) che ha raggiunto più velocemente tale cifra.

Possiamo vedere il tweet qui sotto:

Super #SmashBrosUltimate is punching its way into the record books! Thank you to all the amazing fans for your support in making this a fight for the ages! Be sure to have your #NintendoSwitch ready to experience the action when the game launches on 12/7.https://t.co/z26JLSHE3W pic.twitter.com/AqkeDlKYSb

— Nintendo Versus (@NintendoVS) November 23, 2018

Super Smash Bros. Ultime pare essere un capitolo dalla portata incredibile, vista l’enorme quantità di personaggi presenti (ben 74 al lancio). Di recente, inoltre, il creatore della serie ha affermato di non essere in grado di dire se l’opera sia effettivamente l’ultima o meno.

Il gioco sarà distribuito a partire dal 7 dicembre e proporrà una serie di DLC post lancio con personaggi, stage e musiche aggiuntive. Sarà disponibile anche un Fighter Pass che includerà tutte le espansioni.

Voi avete aiutato a raggiungere tale record o no? In caso, potete preordinare Super Smash Bros. Ultimate su Amazon.

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate è il gioco più pre-venduto della storia Nintendo Switch proviene da Tom's Hardware.

Sakurai non sa se Super Smash Bros. Ultimate sarà l’ultimo gioco della serie

di Nicola Armondi

Masahiro Sakurai è stato il director di ogni singolo Super Smash Bros. mai creato: ben quattro giochi, più il quinto in uscita a breve, Super Smash Bros. Ultimate. Nel corso della sua carriera, lo sviluppatore ha sempre detto che lo Smash in lavorazione sarebbe stato l’ultimo a cui avrebbe lavorato. Chiaramente ogni volta non è stato così.

Recentemente, in un’intervista, è stato chiesto a Sakurai se Super Smash Bros. Ultimate, data la storia di Sakurai stesso e dato il nome del gioco, sarebbe stato effettivamente il capitolo conclusivo del franchise. Sakurai non ha dato una risposta definitiva, a differenza del passato.

Sakurai ha affermato di aver sempre lavorato su ogni capitolo della saga come se fosse quello finale, visto anche che il fatto di riuscire a sommare personaggi provenienti da molteplici IP è sempre, dal suo punto di vista, “un miracolo”. Questa volta però non è in grado di dire cosa riserva il futuro e quindi non è in grado di affermare che Ultimate sia effettivamente quello conclusivo. Sarebbe la prima volta nella sua carriera.

Data la grande popolarità del franchise e i guadagni che garantisce a Nintendo, è difficile pensare che la casa di Kyoto lasci andare una IP di questo livello. Al tempo stesso, però, Sakurai ha espresso più volte il desiderio di allontanarsi da Smash. Un possibile futuro sarebbe vedere il creatore della serie al lavoro su un nuovo progetto (Kid Icarus?) e Smash assegnato a un altro director di casa Nintendo.

In ogni caso, Super Smash Bros. Ultimate sarà distribuito a partire dal 7 dicembre 2018. Diteci: un nuovo Smash sviluppato da un’altra persona, avrebbe secondo voi il giusto stile?

Ultimo o non ultimo, Super Smash Bros. Ultimate è certamente reale e interessante: voi lo avete già prenotato?

L'articolo Sakurai non sa se Super Smash Bros. Ultimate sarà l’ultimo gioco della serie proviene da Tom's Hardware.

Super Smash Bros. Ultimate, abbiamo provato il picchiaduro definitivo di Nintendo

di Andrea Riviera

In questi ultimi due mesi del 2018, Nintendo ha previsto il rilascio di due autentiche bombe system seller sul mercato videoludico. Se di Pokémon Let’s Go Pikachu! ed Eevee! ne abbiamo già parlato riuscendo già a definire un giudizio finale, di Super Smash Bros. Ultimate c’è ancora da dire.

Il brawler dell’azienda di Kyota debutterà su Nintendo Switch il prossimo 7 dicembre 2018, nei giorni scorsi abbiamo avuto il piacere di provare per l’ultima volta il gioco, in versione praticamente definitiva, prima dell’analisi finale che avverrà in fase di recensione.

Modalità per tutti i gusti

I fan più appassionati lo sanno: Smash Bros. non è un picchiaduro semplice nell’essere appreso e offre una curva d’apprendimento parecchio ripida. Nintendo è però brava a cercare sempre di venire incontro alle necessità di qualunque tipo di giocatore, da quello esperto a colui che si approccia per la prima volta alla saga.

Per questo motivo la presenza di un elevato numero di modalità con tipologie divverse di obiettivi può chiaramente aiutare i neo giocatori a scegliere con oculatezza da dove iniziare. Partiamo dalla “Modalità Avventura” chiamata: La Stella della Speranza che  ci guida attraverso un contesto narrativo – una storia – da seguire: tutti i combattenti del mondo sono stati posseduti e catturati da una temibile creatura di nome Kiaran e spetta noi a liberarli uno per volta partendo dal nostro Kirby, salvatosi dal rapimento grazie alla sua stella Warp. Lo sviluppo della storia è semplice: si procede in una mappa in 2D con un percorso ben delineato che può successivamente dividersi in bivi. Ogni scontro sbloccherà Eroi e Spiriti da utilizzare nella medesima modalità, il tutto amalgamato da cutscene e dialoghi aggiuntivi.

Immancabile anche la “Modalità Classica” in cui si parte con la scelta di un combattente – tra i 72 disponibili – e di una difficoltà. Mano a mano che si avanza sconfiggendo i nemici, aumenta la difficoltà – in base al nostro modo di giocare – e i punti guadagnati. L’ultimo step è, ovviamente, la presenza di un boss, nel nostro caso è capitato Bowser e Abbatterlo e stato tutt’altro che semplice! La bellezza di questa modalità è che si bilancia con la nostra bravura. Se infatti cominceremo a perdere numerose scontri, il gioco ci verrà incontro e ci abbasserà automaticamente il livello di difficoltà che parte da 1.0 fino ad un massimo di 5.0.

Nintendo ci mette sempre cura e amore nei loro prodotti. Super Smash Bros. Ultimate non è da meno. Sono oltre 800 le tracce sonore – prese da diversi brand – applicate al gioco, con più di 100 scenari a disposizioni che possono anche essere resi dinamici durante gli stessi scontri; un lavoro semplicemente incredibile che non ha potuto che lasciarci a bocca aperta.

“Spiriti” è invece la novità di questo Super Smash Bros. Ultimate ed è appunto dedicata agli “Spiriti”, novità del gioco che andremo ad approfondire successivamente. In questa nuova modalità avremo a disposizione diversi Spiriti da poter sbloccare e utilizzare come supporti per il nostro Eroe. Per sbloccarli, occorre prima sconfinggere lo stesso in uno scontro e poi superare un minigioco in cui è necessario sparare con precisione all’interno di un semicerchio in movimento; per poterlo superare con facilità possiamo anche utilizzare dei perk speciali che rallentano il movimento del semicerchio o ingrandiscono l’apertura per permetterci di sparare con successo al bersaglio.  Gli Spiriti sbloccabili sono casuali e vengono intercambiati ogni 5 minuti – è presente un timer che segnala tra quanto vengono generati di nuovi -, se si perde malauguratamente uno scontro, lo spirito in questione scompare e non è più possibile trovarlo fino a quando non compare di nuovo.

L’ultima modalità provata nella nostra anteprima è stata quella dedicata alla Mischia a Tempo, potendo osservare nel contempo alcune delle opzioni che è possibile modificare durante il setting tra cui la selezione dell’arena, dei moltiplicatori, delle tracce sonore e tantissimo – veramente tanto – altro ancora. Nel gioco finale, tuttavia, saranno presenti anche: Torneo, Smash di gruppo, Mischia multipla, Allenamento, Mischia a 8, Mischia Speciale, Mischia a Vite, Mischia Totale. In poche parole un gioco che definire “infinito” e “vario” è un eufemismo.

Ci siamo quindi lanciati in diverse partite a Mischia a Tempo, in cui una volta selezionato il nostro Eroe, abbiamo dovuto combattere contro i nostri avversari. Alla fine del tempo, chi aveva effettuato più “fuori mappa” avversari rispetto ai propri, vinceva. Per chi non è avezzo al genere Brawler di Nintendo, in Super Smash Bros. Ultimate, non si vince facendo KO, ma causando diversi danni ai nemici fino a quando non si riesce a gettarli fuori dall’arena, sia con le proprie abilità che con gli oggetti trovabili sul campo.

Gli Spiriti

Sugli Spiriti c’è veramente tanto da dire e probabilmente in fase di recensione riusciremo ad approfondire in maniera più incisiva questa nuova introduzione che ci è sembrata oltre che molto interessante anche decisamente coraggiosa, poiché rischia di sbilanciare – e non di poco – l’intero sistema di gioco. Ciò rimane una paura che è impossibile giudicare ora, anche con la consapevolezza che gli stessi “Spiriti” possono essere disattivati durante le modalità Mischia.

Questi Spiriti prendono il posto dei famigerati Trofei dei precedenti Smash, in questo caso l’azienda di Kyoto ha però deciso di renderli a conti fatti una reale meccanica di gioco. Esistono due tipi di questi nuovi “collezionabili”: primari -Spiriti Combattenti- e di supporto -Spiriti Aiutanti-. I primi si dividono a loro volta in tre specialisti: Attacco, Difesa e Presa, i secondari invece vengono associati insieme ai primari. Ogni Spirito offre delle caratteristiche aggiuntive al nostro Eroe, che sia una difesa magica che un miglioramento per quanto concerne la barra dedicata allo smash, da questo punto di vista entra in gioco anche una certa strategia nel saperli adattare ai diversi incontri.  Gli Eroi possono associare un solo Spirito Combattente e a seconda di quest’ultimo, uno o più Spiriti aiutanti.

Gli Spiriti sono, come nel caso degli Eroi, entità che provengono da universi videoludici diversi. Se i personaggi principali del roster sono 74, gli Spiriti superano un numero che va oltre il centinaio. Se quindi non trovate tra i combattenti un personaggio che amate, è altamente probabile che sia presente negli Spiriti. Tra quelli che abbiamo potuto vedere citiamo: Mr. SandMan, Gyarados, Calamità Ganon, Seliph, Blood Falcon e altri ancora!

Il solito, divertente, Smash Bros.

Vi diciamo sin da subito che parlare delle meccaniche gameplay di Super Smash bros. Ultimate in un anteprima è assai riduttivo. Approcciare per la prima volta a questo videogioco non è semplice, ma è anche vero che non è difficile perdersi nella ripida curva d’apprendimento che  con qualche giorno, settimana di allenamento può regalare già diverse soddisfazioni. Sono tante le tecniche da imparare e se si pensa che ogni personaggio si differenzia, si può già riflettere su quanto sia profonda questa esperienza.

Lo scopo è, sulla carta, molto semplice: colpire gli avversari attraverso tecniche e oggetti, superare la loro soglia danni e successivamente buttarli fuori dallo scenario. Peccato che i combattimenti sono molto frenetici e le stesse arene dinamiche non rendono semplici gli scontri, sta a noi con la nostra bravura, saper sfruttare ogni singola situazione a nostro vantaggio. Ancora presente, come da tradizione, la ultimate smash che a differenza degli altri capitoli, può essere lanciata sia riempiendo una barra – si riempie una volta che si continua a colpire gli avversari – sia riuscendo a recuperare l’orb di smash che ogni tanto giunge sul campo di battaglia.

Conclusioni

I giocatori di vecchia data troveranno in Super Smash Bros. Ultimate un titolo semplicemente fenomenale dal punto di vista tecnico, un picchiaduro brawler che ruberà mesi se non anni di vita al fine di limare giorno per giorno le proprie tecniche di combattimento. I nuovi giocatori, al contrario, è probabile che faranno una leggera fatica iniziale che, se superata, potrà senza ombra di dubbio lanciarli in un vortice di divertimento infinito che difficilmente troveranno in altri prodotti di questo calibro. Le tantissime modalità a disposizione e le nuove meccaniche dedicate agli Spiriti potrebbero rendere questo Super Smash Bros. Ultimate il picchiaduro definitivo di Nintendo; un “attestato” che, tuttavia, ancora non gli si può applicare visto che sono diverse le cose che dovranno essere testate nella versione definitiva, tra cui la più importante: il bilanciamento di Eroi e Spiriti. Sarebbe tuttavia sbagliato non dire che il prodotto di Nintendo parte decisamente bene e noi non vediamo l’ora di vedere se questo nuovo brawler supererà l’ultima prova, quella più complessa, quella della recensione che arriverà prossimamente sulle nostre pagine.

Super Smash Bros. Ultimate può essere prenotato su Amazon! Cosa aspetti a buttarti nella mischia?

L'articolo Super Smash Bros. Ultimate, abbiamo provato il picchiaduro definitivo di Nintendo proviene da Tom's Hardware.

Lucca Comics & Games 2018, Nintendo sarà presente con alcune anteprime e non solo

di Emanuele D'Ascanio
Nintendo porterà a Lucca Comics & Games 2018 una serie di esclusive imperdibili per i videogiocatori di tutte le età. In anteprima per le migliaia di appassionati i titoli in arrivo su Nintendo Switch nei prossimi mesi, da Super Smash Bros. Ultimate a Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee!, protagonisti del padiglione monografico Nintendo posizionato in Piazza Bernardini. Spazio anche alle ultime novità tra cui Super Mario Party, FIFA 19, Starlink: Battle for Atlas e Diablo III: Eternal Collection.

La line up di Nintendo Switch si fa sempre più ricca e i visitatori di Lucca Comics & Games potranno provare in anteprima Super Smash Bros. Ultimate (in uscita il 7 dicembre), il gioco d’azione dedicato ai vari protagonisti delle diverse serie storiche firmate Nintendo e non solo: sarà la versione più completa di sempre, con tantissimi scenari e lottatori. Saranno presenti, infatti, i personaggi di tutti gli episodi precedenti  al gran completo. Inoltre, i giocatori potranno provare con due settimane di anticipo Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee!, due nuovi giochi tra i più belli e innovativi mai realizzati sul mondo dei Pokémon, in arrivo il 16 novembre.

Gli Allenatori Pokémon avranno la possibilità di tornare a Kanto, la primissima regione che ha dato il via alla serie, e di catturare i Pokémon con un metodo intuitivo e divertente, che prevede di mimare il gesto del lancio della Poké Ball. Proprio per questo è stata creata una Poké Ball Plus, una vera Poké Ball e un vero controller che può sostituire in tutto e per tutto un Joy-Con Switch. Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee!, si presentano come giochi profondi e di grande valore che soddisferanno le aspettative dei fan e apriranno le porte a tanti nuovi appassionati della saga.

Ad affiancare le anteprime e a garantire il divertimento di tutti i visitatori di Lucca Comics & Games ci saranno anche i videogame già disponibili per Nintendo Switch: da Super Mario Party, l’ultimo capitolo della serie party game per eccellenza con 80 nuovi minigiochi e innovative dinamiche di gioco che sfruttano le funzionalità della console, a Mario Tennis Aces, l’ultimo videogioco sportivo con protagonisti Super Mario e friends, a Mario Kart 8 Deluxe, il Mario Kart migliore di sempre, a The Legend of Zelda: Breath of the Wild, un mondo vastissimo pieno di scoperte, esplorazione e avventura, passando anche per Super Mario Odyssey, l’ultima avventura di Super Mario con il suo fedele alleato Cappy, Splatoon 2, con nuovi livelli, nuovi stili, nuove armi e molto altro.

Non mancheranno i videogame prodotti da altre case di sviluppo già presenti su Nintendo Switch: da FIFA 19, la simulazione calcistica di EA Sports, a Starlink: Battle for Atlas, titolo Ubisoft che supporta dei modellini di astronave da attaccare sui propri controller e visualizzabili in-game, da Dragon Ball FighterZ, picchiaduro di Namco Bandai Entertainment, , all’intramontabile The Elder Scrolls VI: Skyrim di Bethesda. Inoltre, per gli amanti dell’azione al cardiopalma, Dark Souls: Remastered e Wolfenstein II: The New Colossus. Tutti questi titoli sono godibili in modalità portatile esclusivamente su Nintendo Switch.

In occasione del lancio di Diablo III: Eternal Collection, terzo capitolo della storica serie Blizzard in arrivo su Nintendo Switch il 2 novembre, Blizzard ha organizzato un evento speciale presso lo stand Nintendo. Quattro dei più famosi autori italiani di comics, Roberto Recchioni, Giacomo Bevilacqua, Riccardo Torti e Ausonia, incontreranno i fan e tutti gli appassionati presenti a LC&G, firmando e regalando litografie delle illustrazioni da loro realizzate per Diablo III. Gli appuntamenti sono per venerdì 2 novembre alle 17.00 e domenica 4 novembre alle 12.30.

Nintendo Switch è la console perfetta per giocare ai titoli indie, piccole gemme del panorama indipendente! A Lucca C&G presenti 4 titoli ideali per cominciare a conoscere la scena indie, e scoprire il vasto catalogo presente sul Nintendo eShop: Hollow Knight, un evocativo gioco d’azione e avventura in 2D pieno di sfide e misteri da svelare; Dead Cells, in cui il giocatore si ritrova al centro di un esperimento alchemico finito male, mentre cerca di capire cosa sta succedendo su un’isola che muta incessantemente; Overcooked 2, il divertente titolo culinario di Team17 e Ghost Town Games in cui collaborazione e spirito di squadra sono fondamentali per raggiungere il punteggio più alto nella caotica modalità multigiocatore online e locale; Okunoka, un nuovo platform per hardcore gamer sviluppato dagli italiani Caracal Games.

Tommaso Bonanni e Giovanni Lo Re di Caracal Games incontreranno i fan sabato 3 novembre alle ore 17.00 presso lo stand Nintendo e risponderanno a domande su Okunoka in arrivo il 30 novembre su Nintendo Switch. Una serie di postazioni dedicate a Nintendo Switch con Mario Kart 8 Deluxe, Super Mario Party, Mario Tennis Aces, The Legend of Zelda Breath of the Wild e, in anteprima, Super Smash Bros Ultimate, saranno presenti anche all’interno dello stand Euronics, situato al Baluardo Santa Croce.

Nintendo sarà inoltre presente all’interno dell’area dedicata al mondo Pokémon, situata all’interno del Family Palace, al Real Collegio, regno delle famiglie e dei bambini, come sempre accessibile gratuitamente. Anche qui sarà possibile provare in anteprima Pokèmon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee! ma anche Pokkén Tournament DX, adrenalinico gioco Pokémon di combattimento uno contro uno, per i fan più giovani, disegnare e colorare i Pokèmon preferiti.

Lo stand Nintendo in Piazza Bernardini e l’area Pokémon al Real Collegio saranno i punti di ritrovo delle principali community Nintendo. In particolare, visto l’imminente arrivo dei nuovi titoli Pokèmon, sarà possibile partecipare o assistere alle tante attività organizzate in collaborazione con la community Pokémon Millennium. Ad arricchire lo spettacolo alcuni tra i più amati YouTube Creator del mondo Pokèmon come Cydonia, Chiara e Federic95ita.

In attesa di ulteriori aggiornamenti in merito, vi ricordiamo che la Redazione di Tom’s Hardware, in veste di media partner, sarà presente all’interno del Samsung Esport Palace, il quale sarà allestito presso Piazzale Santa Maria (Lucca), per garantirvi un’accurata copertura dell’evento grazie a numerose e costanti attività decisamente interessanti e imperdibili.

Potete comodamente acquistare la vostra copia di Pokémon Let’s Go su Amazon, buon divertimento!

L'articolo Lucca Comics & Games 2018, Nintendo sarà presente con alcune anteprime e non solo proviene da Tom's Hardware.

❌