Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Green NCAP: Fiat Panda metano è meno efficiente e pulita di quella a benzina

di Donato D'Ambrosi

La nuova sessione di novembre del Green NCAP mette in discussione l’efficienza e l’ecologia della Fiat Panda a Metano. Il test dell’Euro NCAP che valuta consumi ed emissioni reali ha messo valutato la reale ecologia della Fiat Panda Metano-benzina, la Skoda Octavia diesel e la Seat Arona benzina. Ecco quanto consumano davvero le auto più recenti Euro D-Temp e quanto conviene guidare a benzina una Fiat Panda Metano.

SEAT ARONA 1.0 AL GREEN NCAP

Con 4 stelle la Seat Arona risulta la più efficiente di questa tornata di test Green NCAP. Colpisce la performance nei test di emissione, (punteggio di 9,8 su una valutazione massima di 10), con valori quasi da motore elettrico! Molto efficace, poi, il post-trattamento dei gas di scarico del motore conforme alla normativa Euro 6D-Temp. Giudizio marginale soltanto per le emissioni di CO (monossido di carbonio), nella prova di carico elevato. La valutazione complessiva risulta penalizzata dall’efficienza energetica, (indice 6,1 su un massimo di 10). L’Arona ha riscontrato prestazioni ‘adeguate’ in tutte le prove, eccetto in quella autostradale con carico elevato, dove il giudizio è stato ‘marginale’.

CONSUMI ED EMISSIONI DELLA SKODA OCTAVIA 2.0 DIESEL

La terza generazione della Škoda Octavia con motore diesel 2.0 da 110 kW, ottiene una valutazione complessiva di 3 stelle. Grazie al ricircolo dei gas di scarico, alla riduzione selettiva del catalizzatore e al filtro antiparticolato diesel, il controllo delle emissioni di idrocarburi (HC), monossido di carbonio (CO) e particolato (PN) è risultato positivo. Scarso, invece, quello delle emissioni degli ossidi di azoto (NOx), in particolare nella prova autostradale con elevato carico. Il giudizio complessivo, quindi, è risultato pari a 6,7 (su una scala da 1 a 10). L’efficienza energetica ottiene 5,7 punti (su un massimo di 10), con valori generalmente ‘adeguati’, che diventano ‘marginali’ nella prova autostradale con carichi elevati. Complessivamente, quindi, il giudizio della Skoda Octavia ha margini di miglioramento in termini di emissioni di NOx e di consumi.

LA FIAT PANDA METANO RIMANDATA DA GREEN NCAP

La Fiat Panda, già testata da Green NCAP nella versione benzina con motore Euro 6 di prima generazione, è stata analizzata con motore alimentato sia a metano che benzina, Euro 6D-Temp di ultima generazione. Le dimensioni dei serbatoi dell’auto, (12 kg per il metano e 35 litri per la benzina), ipotizzano l’uso del veicolo con entrambe le alimentazioni. In termini di emissioni i risultati sono “buoni” o “adeguati” nel caso di funzionamento a metano. Il punteggio conseguito, (5,0 su una scala fino a 10), è risultato penalizzato dalle scarse prestazioni in caso di funzionamento a benzina. Le emissioni di particolato e di idrocarburi hanno avuto valutazioni molto scarse. L’efficienza energetica, (4,9 su un massimo di 10), è risultata adeguata nella maggior parte delle prove, eccetto nei test ad elevato carico. Queste penalizzazioni, soprattutto legate alla modalità di funzionamento a benzina, purtroppo, limitano il giudizio complessivo a 2 stelle.

The post Green NCAP: Fiat Panda metano è meno efficiente e pulita di quella a benzina appeared first on SicurAUTO.it.

Ufficiale: Seat Code è la divisione che lavorerà alla connettività delle auto

di Antonio Elia Migliozzi

Seat ha annunciato la creazione di una apposita struttura per guidare la trasformazione digitale. Al centro del nuovo Seat Code un team di esperti chiamati sviluppare e mettere in pratica concetti molto importanti come connettività e digitalizzazione. Accanto a questo hub ci sarà una squadra composta da esperti internazionali attivi nel settore IT guidati da Sebastian Grams. Uomo di fiducia del gruppo Volkswagen ha lavorato per anni in Audi dove ha ricoperto varie posizioni di responsabilità nello sviluppo tecnico. Come ha specificato il Presidente di Seat Luca de Meo, il controllo del software deve diventare una “competenza funzionale” per il brand, e per questo è di importanza vitale. Vediamo i progetti Seat nel campo dell’Information Technology applicata al settore dell’auto.

NUOVA STRUTTURA IT

In occasione Mobile World Congress 2019 Seat ha annunciato la creazione di un centro di sviluppo software. La nuova divisione si chiamerà Code (Center of Digital Excellence) e guiderà la trasformazione digitale del brand. Seat Code sarà un hub tecnologico al servizio di tutto il gruppo Volkswagen. Attenzione quindi alla trasformazione digitale dell’azienda ma anche ad accrescere l’efficienza dei processi attraverso la digitalizzazione. In questo senso Seat, già dai prossimi anni, mira a studiare e implementare nuovi modelli di business incentrati su mobilità 2.0, connettività e digitalizzazione. La società ha inoltre annunciato la creazione della sua nuova struttura IT, e la nomina di Sebastian Grams nuovo Cio di Seat. Accanto a lui ci sarà Carlos Buenosvinos in funzione di Cto. Per migliorare il coordinamento il team del Metropolis: Lab sarà integrato nel nuovo centro per continuare a sviluppare soluzioni innovative nel settore mobilità.

IL TEAM

Sebastian Grams ha sottolineato: Seat: Code conferma l’impegno dell’azienda a diventare un punto di riferimento per la digitalizzazione dei veicoli e per lo sviluppo di nuove soluzioni di mobilità”. La scelta di Sebastian Grams non è casuale. A 39 anni vanta due lauree in ingegneria industriale e un dottorato di ricerca presso l’Università di Karlsruhe. Grams ha alle spalle una carriera nel gruppo Volkswagen e in Audi ha ricoperto varie posizioni di responsabilità in settori legati alla tecnologia dell’informazione e allo sviluppo tecnico. Da gennaio 2019 fa anche parte del team di gestione del Metropolis: Lab di casa Seat. New entry è invece Carlos Buenosvinos, 36 anni, laureato in ingegneria informatica avanzata presso il Politecnico della Catalogna (UPC) che si unià al team Seat portando la sua esperienza nel settore tecnologico. Fino allo scorso aprile è stato vicepresidente di XING, il Linkedin tedesco, incarico che ha ricoperto per tre anni.

NUOVI SPECIALISTI

Carlos Buenosvinos guiderà la nuova divisione Code e gestirà un team composto da oltre 100 specialisti dello sviluppo software. Va detto che il processo di selezione per identificare questi nuovi profili digitali è ancora attivo. L’obiettivo è quello di mettere insieme una squadra in grado di fare dell’unità Code un centro di riferimento mondiale per lo sviluppo di software applicati al settore della mobilità. Luca de Meo, Presidente di Seat ha commentato l’operazione: “Se vogliamo trasformarci da produttore di automobili in una società di mobilità e impegnarci nell’industria 4.0, dobbiamo fare del software una competenza fondamentale”. Come precisato dallo stesso de Meo il nuovo centro di ricerca sarà situato a Barcellona confermando l’impegno di Seat nel voler rendere la città una degli hotspot globali della digitalizzazione. Seat rimarca il suo legame con la città catalana ma come detto la divisione Code sarà al servizio del gruppo Volkswagen nella sua interezza.

The post Ufficiale: Seat Code è la divisione che lavorerà alla connettività delle auto appeared first on SicurAUTO.it.

Guidare con l’auto rovente equivale a farlo da ubriachi: 5 consigli per l’estate

di Nicodemo Angì

Solo gli incoscienti non prestano attenzione al loro stato psicofisico quando si mettono al volante: i guidatori responsabili sanno bene che per guidare è indispensabile essere sobri e riposati (leggi dei test che deve superare chi soffre di apnee notturne e quindi riposa male). È quindi ovvio che bisogna evitare tutte le sostanze che alterano la coscienza e la lucidità, dall’alcol alle droghe, pesanti o leggere che siano, ai farmaci particolari e via elencando. Occorre però fare attenzione anche all’ambiente esterno, che può essere ancor più subdolo perché non dipende da noi. Un esempio di quest’insidia ci viene riportato da Seat, che è giunta alla conclusione che mettersi al volante in un abitacolo surriscaldato appanna le facoltà del guidatore in maniera paragonabile a quanto accade con un tasso alcolemico di 0,5 grammi/litro, al limite del consentito!

QUANDO IL CALDO “APPANNA”

Lo studio presentato da Seat sembra non lasciare dubbi: mettersi al volante di un’auto lasciata sotto il sole, oltre ad esporre al rischio di scottature alle mani, equivale a muoversi con un tasso alcolemico di 0,5 g/litro, il limite al di sopra del quale si viene considerati “in stato di ebrezza” in molti Paesi (leggi che la Svizzera ha nuovi test che hanno valore di prova). Ad aggravare la situazione è l’effetto si manifesta a “soli” 35 gradi centigradi, un valore che superato di slancio nelle condizioni che possiamo trovare comunemente in Italia d’estate.

OCCHIO AL TERMOMETRO

I consigli di Seat partono ricordando la torrida estate del 2015, quando la colonnina di mercurio raggiunse i 44 gradi a Saragozza, 36 gradi all’aeroporto londinese di Heathrow e 39 gradi a Parigi.

Ángel Suárez, ingegnere del Centro Tecnico Seat di Martorell, in Spagna, mette sull’avviso: “Quando è così caldo, le persone seguono delle linee guida di sicurezza quando devono uscire a piedi ma pochi di loro sono consapevoli che è altrettanto importante considerare alcuni importanti suggerimenti quando si guida in queste condizioni di calore intenso. Occorre prestare particolare attenzione quando si guida con temperature estreme perché se la temperatura nell’abitacolo raggiunge i 35 gradi, il tempo di reazione del conducente è del 20% maggiore rispetto a quando si guida a 25 gradi. Questo aumento equivale a guidare con un livello di alcool di sangue di 0,5 grammi/litro“.

ACCORTEZZE IMPORTANTI

Suárez aggiunge che uno degli errori più comuni commessi dai guidatori quando utilizzano il condizionatore è accenderlo prima di aver ventilato l’automobile . “Se abbassiamo i cristalli o apriamo le portiere per circa 30 secondi prima di accendere il climatizzatore, l’aria calda dentro l’abitacolo uscirà velocemente, perché molto più leggera di quella esterna, e la temperatura scenderà velocemente” (leggi la guida su come utilizzare il climatizzatore). Il tecnico Seat raccomanda inoltre di selezionare la modalità “auto” del condizionatore, così l’aria fresca è distribuita uniformemente nell’abitacolo. Sono da evitare inoltre temperature inferiori ai 21 gradi: scendere al disotto non velocizzerebbe comunque il raffreddamento ma sarebbe nocivo per la salute e aumenterebbe il consumo di carburante.

Altre linee guida per una guida sicura e confortevole prevedono la pianificazione del viaggio per evitare di guidare nelle ore più calde, l’indossare abiti leggeri e traspiranti, l’evitare pasti pesanti, fare una pausa ogni 2 ore almeno e bere molti liquidi (sapevamo già che non dissetarsi alla guida abbassa la concentrazione come il bere alcolici). Anche la nostra fedele automobile ha bisogno di “idratazione”. Ricordiamoci quindi di controllare i livelli dell’olio e del liquido raffreddamento e la pressione delle gomme: a freddo, mi raccomando!

The post Guidare con l’auto rovente equivale a farlo da ubriachi: 5 consigli per l’estate appeared first on SicurAUTO.it.

Seat testa la consegna di ricambi con i droni in 15 minuti

di Antonio Elia Migliozzi

L’industria 4.0 rappresenta una sfida importante anche per il settore dell’auto. Da parte loro Seat e il Grupo Sesé hanno scelto realizzare un collegamento via drone tra i loro impianti. In questo modo si potrà aumentare l’efficienza e la flessibilità nello stabilimento Seat di Martorell tagliando i tempi di approvvigionamento dei ricambi. Si tratta ancora di un test ma è comunque un punto di partenza importante perché, per la prima volta in Spagna, due società scelgono i droni per scambiarsi materiali. A regime il servizio garantirà la consegna dei ricambi in soli 15 minuti. La scelta di partire con i test arriva nel momento in cui Seat da il via alla produzione del nuovo cambio MQ281 con la capacità massima annuale di produzione fissata a 450.000 unità. Vediamo come cambia l’automotive nell’industria 4.0.


PRODUZIONE TECH

Lo stabilimento Seat di Martorell sarà il primo impianto spagnolo a ricevere componenti tramite un drone. Il servizio collega il centro logistico del Grupo Sesé ad Abrera con lo stabilimento di Martorell consegnando ricambi tra i due impianti di produzione. Si lavora alla consegna di volanti e airbag alle linee di assemblaggio Seat tenendo sotto controllo la sicurezza. Il progetto pilota è in corso sotto la supervisione dell’Agenzia spagnola per la sicurezza e la sicurezza aerea (AESA) che ha accordato a Seat una fase sperimentale con diversi voli al giorno. L’arrivo dei droni migliorerà la flessibilità delle linee di produzione con consegne veloci. In questo modo si potrà coprire la distanza di poco più di due chilometri che separa le due strutture in appena 15 minuti. Un taglio significativo ai tempi rispetto agli attuali 90 minuti necessari, ma anche alle emissioni visto che si evita l’uso dei camion. Questa innovazione è parte dell’impegno di Seat nel campo dell’Industry 4.0.

INNOVAZIONE AL QUADRATO

Seat sta affrontando un ambizioso processo di trasformazione volto a rendere lo stabilimento produttivo di Martorell più intelligente, digitalizzato e connesso. La consegna con droni permette anche una riduzione delle emissioni di CO2 rispetto al trasporto su gomma. Seat ha anche fatto sapere che per la ricarica dei droni utilizzerà energia proveniente da fonti rinnovabili. Christian Vollmer, resposnsabile Produzione e Logistica di Seat: “Il volo dei droni è il primo passo verso la trasformazione della catena di fornitura nel settore automobilistico. La consegna con i droni rivoluzionerà la logistica e ridurrà i tempi di consegna dell’80%”. Per arrivare ad uno stabilimento intelligente tutte le attività di produzione devono essere parte di un ambiente digitale. Seat, come parte del gruppo Volkswagen, sta sviluppando e applicando strumenti e soluzioni digitali per produrre vetture in modo più efficiente, flessibile e agile.

INDUSTRIA 4.0

Tra gli esempi di questa trasformazione messa in campo da Seat troviamo la pianificazione della catena di approvvigionamento attraverso strumenti di simulazione. Previsto anche l’utilizzo di sistemi intelligenti di picking e di navigazione autonoma all’interno dei siti produttivi. Seat ha anche introdotto strumenti che sfruttano big data e intelligenza artificiale per monitorare in tempo reale le principali strutture e infrastrutture della catena di fornitura. L’innovazione dei processi logistici è valsa di recente a Seat un premio nella categoria digitalizzazione della supply chain dall’International Logistics Exhibition (SIL). In questo quadrio Seat Componentes ha avviato di recente la produzione del nuovo cambio MQ281 del gruppo Volkswagen. Questa nuova trasmissione a sei marce sarà utilizzata da Seat, Volkswagen, Audi e Skoda e prodotta in 450.000 unità all’anno. Ad oggi Seat assembla il cambio MQ200 e, nel solo 2018, ne ha sfornati quasi 700.000 esemplari.

The post Seat testa la consegna di ricambi con i droni in 15 minuti appeared first on SicurAUTO.it.

Gabucci Autotecnica preparazioni auto racing e stradali

di redazione

A Sezze (LT) i fratelli Gianluca e Rino Gabucci sono i titolari dell’azienda Gabucci Autotecnica, un’officina specializzata in preparazioni racing, gestione elettronica racing e stradale. L’azienda include l’officina con banco prova potenza e un negozio specializzato di accessori.

I fratelli Gabucci sono inoltre specializzati negli aggiornamenti software di centraline AUDI, VW e Seat, effettuando assetti per vetture di serie e da competizione di ogni genere e riprogrammazione centraline d’iniezione di vetture di serie e da competizione di varie tipologie.

Gianluca Gabucci è il Responsabile Meccanica, con esperienza decennale nella meccanica e nella elaborazione motoristica delle scuderia Gabucci.

Rino Gabuccci è Responsabile Elettronica e Pilota con vasta conoscenza dei software di diagnostica ed ottimizzazione delle centraline elettronice. Inoltre è pilota ufficiale della scuderia Gabucci.

Gianluca e Rino Gabucci  titolari di Gabucci Autotecnica Elaborare Check Point

In più alla Gabucci Autotecnica si costruiscono scarichi sportivi per vetture di serie e da competizione, ma anche si elaborano motori per ogni specialità da competizione.

Gabucci Autotecnica è un Elaborare Check Point, la rete di aziende e tuner selezionati da Elaborare che si distingue per grande professionalità e competenza, costante aggiornamento dei prodotti e tecnologia, sicurezza nella qualità del servizio.

Gabucci Autecnica (contatti, indirizzo)
Via Migliara 47,4 – 04018 Sezze (LT)
Contatti: Tel. 0773/804353
Email: info@gabucciautotecnica.it
Web: www. gabucciautotecnica.it

Persona di riferimento: Gianluca e Rino
Specializzazione: preparazioni racing, riprogrammazione centraline con banco prova potenza, riparazione centraline, gestione elettronica racing e stradale, scarichi sportivi, kit potenziamento specifici plug and play, tagliandi Auto, officina meccanica
Marche Trattate: Dimsport, Garrett, Bosch, CPS, CND, MagicMotorSport, Bacci
Superficie: 150 Mq (Interno, Esterno)
Personale: 2 Titolari e 1 Dipendente
Attrezzatura: Banco Prova Potenza Dimsport frenato 2×2.
Garanzia: dipende dall’intervento richiesto
Carta di Credito: sì
Anni di attività: 16 anni

logo-check-point-elaborare-tuning

L'articolo Gabucci Autotecnica preparazioni auto racing e stradali proviene da ELABORARE.

Seat Mii Electric 2019: un teaser svela l’elettrica da 260 km di autonomia

di Redazione

Spetterà alla Norvegia tenere a battesimo la prima auto elettrica made in Seat. Il marchio spagnolo ha scelto Oslo per la prima mondiale della Mii electric. Il primo modello 100% elettrico di Seat prenderà parte al “Seat on Tour”. Si tratta di roadshow che attraverserà parte del Vecchio Continente. Partendo proprio dalla capitale norvegese. La Mii electric attraverserà Liverpool, Parigi e Milano.

UN’OCCASIONE PER PRESENTARE LE NOVITA’

Con il suo primo roadshow “Seat on Tour” la Casa spagnola, oltre alla Mii electric, porterà in giro tante altre novità. Tutti ovviamente elettrificati. Dalla Seat Minimò alla Cupra Formentor. Al fine di rafforzare la strategia di micromobilità, il marchio affiancherà alla Mii in giro per l’Europa anche la concept car Seat Minimó, un modello che combina il comfort e la sicurezza di un’auto con l’agilità di una moto. A completare la gamma di novità, ci sarà anche la el-Born, basato sulla piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen.

CUPRA GUIDA IL PERCORSO

Un anno dopo la sua nascita come marchio indipendente, Cupra si unirà al tour con l’ibrido plug-in Formentor. L’interpretazione più sportiva del concetto di elettrificazione secondo il produttore spagnolo. “Stiamo espandendo la nostra impronta, rafforzando la gamma di prodotti e completando la nostra rete di distribuzione – ha affermato Wayne Griffiths, Ceo di Cupra – inoltre, con Formentor e il suo motore ibrido plug-in ad alte prestazioni rivoluzioniamo il nostro percorso di crescita verso l’elettrificazione. Vogliamo dimostrare che le prestazioni possono essere anche elettrificate”.

IN ARRIVO A FINE ANNO

Dopo aver visitato la capitale norvegese, Seat e Cupra faranno capolino a Liverpool, nel Regno Unito il 18 giugno. Qui verranno messe in mostra anche alcune auto d’epoca del marchio. Dopo il Motorshow di Francoforte, alla fine di settembre il tour punterà su Parigi. Il viaggio si concluderà a novembre a Milano. La prevendita della Seat Mii elettrica per i clienti è prevista già a partire da inizio settembre, prima della conclusione del roadshow.  E farà il suo debutto commerciale entro la fine dell’anno. Sarà alimentata da un pacco batterie da circa 36 kWh. E garantirà un’autonomia di circa 260 km.

L'articolo Seat Mii Electric 2019: un teaser svela l’elettrica da 260 km di autonomia proviene da SicurAUTO.it.

Seat Leon Cupra elaborata 398 CV con preparazione Ecu-Tronika e turbo originale!

di redazione

La base di partenza di questa Seat Leon Cupra elaborata da Ecu-Tronika con 398 CV è una Seat Leon Cupra 2000 TSI 290 CV 5f. Lo Stage 2+, composto da intercooler Wagner, aspirazione VW R600, inlet pipe, scarico completo da 76 by TPV Racing, candele NGK Racing, mappatura cambio e motore Ecu-Tronika.

Il tuning sulla Seat Leon Cupra preparata da Ecu-Tronika ha permesso di ottenere una potenza massima di 398 CV e una coppia di 560 Nm. L’elaborazione dell’auto è stata completata tramite molle VW Racing, impianto frenante Brembo 4 pompanti con dischi da 370 mm, tubi freno aeronautici e cerchi in lega leggera 8Jx19” OZ Hyper GT, oltre all’upgrade con pompa Loba alta pressione, turbo LM500 e sensore map 4 bar.
Ecu-Tronika – Tel. 328/6835409

L'articolo Seat Leon Cupra elaborata 398 CV con preparazione Ecu-Tronika e turbo originale! proviene da ELABORARE.

3 elettriche per Seat: la gamma va da Minimò a Cupra Formentor

di Redazione

Seat gioca in casa e alla centesima edizione di Automobile Barcellona presenta la propria visione sulla mobilità elettrica. Lo fa portando in mostra una gamma completa, che si compone di due Seat e due Cupra. È Luca de Meo in persona, presidente della Casa di Martorell, a spiegare come si pone il marchio di fronte alla corsa verso l’elettrificazione. “Come Seat stiamo vivendo un momento estremamente positivo e i nuovi modelli in arrivo ci permettono di guardare al futuro con estrema fiducia”. In effetti il brand sta facendo registrare una crescita anche in doppia cifra in tutta Europa, Italia inclusa.

IL CAR POOLING CON LA MINIMÒ

Per quanto riguarda il marchio Seat in senso stretto, la Casa ha portato la Minimò e la el-Born. La prima, la Minimò, interpreta una futura vettura da città. Ha dimensioni compatte e due soli posti. La piccola concept ha anche guida autonoma di livello 4 e un’interessante soluzione per le batterie che possono essere sostituite “al volo”. Lunga 2,5 metri e larga 1,24 può essere parcheggiata anche negli spazi riservati alle moto. Promette 100 km con una ricarica ed è stata pensata per offrire nelle città del futuro sevizi di “bus on demand” e car pooling. In pratica, due servizi di mobilità condivisa che permetteranno sia di prenotare un corsa in tempo reale o di dare un passaggio ad un’altra persona mentre si percorre il solito tragitto casa-lavoro.

EL-BORN: LA PRIMA A ZERO EMISSIONI

A fianco di un’interpretazione futuristica di mobilità cittadina come la Minimò, Seat ha portato anche un esempio ben più concreto di auto elettrica. Si chiama el-Born ed è stata presentata al Salone di Ginevra. Anticipa molto da vicino il modello di serie atteso per il 2020. Sarà il primo ad arrivare per la Casa e sarà realizzato sulla stessa base della Volkswagen ID.3 che è in già in preordine a partire da poco meno di 40.000 con una “first edition” che si piazza al top dell’offerta. La el-Born avrà autonomia compresa tra 300 e 420 km in base alla versione e potrà ricaricarsi per percorrere 260 km in soli 30 minuti.

CUPRA DA STRADA E DA CORSA

Seat ha colto l’occasione di Automobile Barcellona per portare anche due vetture del neonato marchio Cupra. Si tratta della Fomentor e della e-Racer. La prima è l’auto con cui Cupra esordirà come marchi indipendente da Seat. Si tratta di un Suv sportivo spinto da uno schema ibrido plug-in con potenza massima di 245 CV che può percorrere in solo elettrico fino a 50 km/h. La seconda invece è una vettura da corsa. Si chiama e-Racer e come Minimò e el-Born è del tutto elettrica. Solo che ha una potenza complessiva di 680 CV, può raggiungere una velocità massima di 270 km/h e ha accelerazioni brucianti. Scatta da 0 a 100 in 3”2 e da 0 a 200 in 8”2.

L'articolo 3 elettriche per Seat: la gamma va da Minimò a Cupra Formentor proviene da SicurAUTO.it.

Elaborare Maggio n° 249 2019

di redazione

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 249 Maggio 2019 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

app-digitali-magazine-tuning-elaborare

COVER – Ford Mustang Fastback 302 con 300 CV!

Test Drive Seat Leon Cupra 290 CV | Ecu-Tronika, Fiat Coupé T20 300 CV |Max Racing, Fiat Uno Turbo 256 CV|Malandra, VW Golf GTE 246 CV |Abbasciano
CLICCA QUI

 VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare Maggio n° 249 2019

L'articolo Elaborare Maggio n° 249 2019 proviene da ELABORARE.

Seat: con il biometano dai rifiuti emissioni di CO2 giù dell’80%

di Redazione

Seat avrà un ruolo ben preciso all’interno delle strategie del gruppo Volkswagen. Sarà infatti il marchio leader nello sviluppo di tecnologie e motori a metano. Le conoscenze maturate a Martorell sul gas naturale, poi, saranno allargate a tutti gli altri marchi di proprietà della Casa di Wolfsburg. A dimostrazione di quanto detto, basti notare che proprio da Seat è partito il rinnovamento della gamma a gas, ora tra le più complete sul mercato grazie all’arrivo della Ibiza, della Leon e della Arona. Quest’ultima, unico SUV con questo tipo di alimentazione. Oggi Seat si spinge oltre, cercando soluzioni sostenibili per la produzione di metano da fonti rinnovabili. Accade anche in Italia, dove si studiano soluzioni per abbattere ulteriormente l’impatto ambientale di questo tipo di carburante. Con il nuovo processo di produzione di biometano testato da Seat, addirittura, le emissioni di CO2 sarebbero abbattute dell’80%.

LUNGA VITA AL METANO

Nei piani della Casa Spagnola, almeno stando a quanto detto da Andrew Shepherd, che il programma sul CNG sta dirigendo, non rappresenta una scelta transitoria e temporanea. Il metano, sfruttato in modo corretto, rappresenterà una valida alternativa alle alimentazioni tradizionali. Troverà il proprio spazio su un mercato dove l’elettrico sta prendendo piede. Anzi, proprio in parallelo alle alimentazioni a zero emissioni sarà sviluppato. Solo così si potrà raggiungere un mix di offerta che sia equilibrato e sostenibile anche nel lungo periodo.

IL GAS DALLA SPAZZATURA

Su queste considerazioni generali si inserisce l’iniziativa avviata da Seat a Barcellona. Il progetto, chiamato Life Methamorphosis, punta ad ottimizzare i processi per ottenere biometano a partire dai rifiuti organici. Basti pensare che ogni abitante della città catalana genera quotidianamente circa 1,5 kg di rifiuti. Moltiplicati per la popolazione cittadina, fa 2,5 tonnellate di spazzatura al giorno. Permetterebbe a 10.000 veicoli di percorrere ciascuno 15.000 km all’anno. Di questa montagna di rifiuti, però, solo il 40% viene riciclato.

UN PROCESSO IN VARIE FASI

Il progetto Life Metamorphosis prevede vari passaggi per arrivare ad ottenere dalla spazzatura un carburante adatto ad alimentare le auto a metano. Prima di tutto richiede una selezione dei rifiuti organici. Questa avviene proprio all’Ecoparc di Barcellona. Da lì i rifiuti vengono immessi in digestori anaerobici alti 26 metri. Hanno una capacità di 4.500 metri cubi. Qui iniziano a decomporsi velocemente, non essendoci ossigeno, e dopo 30 giorni danno origine a un biogas contenente metano in una percentuale del 65% circa. Questo biogas viene poi purificato per essere utilizzato come carburante per autotrazione. Al momento tre Seat Leon e una Arona stanno utilizzando questo tipo di gas per verificare l’effetto sugli organi meccanici dopo 30.000 km.

L'articolo Seat: con il biometano dai rifiuti emissioni di CO2 giù dell’80% proviene da SicurAUTO.it.

Seat Leon 2.0 TDI elaborata 360 CV con preparazione L.B. Engineering

di redazione

Ispirata a Black Comet, questa Seat Leon 2.0 TDI elaborata con 360 CV dal sapiente lavoro dei meccanici di L.B. Engineering, che non ne hanno minato l’affidabilità, così da poterla guidare tutti i giorni.

Seat Leon 2.0 TDI elaborata

Il nero della carrozzeria della Seat Leon 2.0 TDI elaborata non lascia trasparire alcunché, proprio come gli aerei Stealth, che utilizzano la stessa colorazione per passare inosservati durante il volo notturno. Ma questa Seat, una volta messa in moto, scatena tutta la sua cattiveria e se la incontrate per strada sarete avvolti da un’inevitabile nuvola di fumo che scaturisce dallo scarico. La carrozzeria è completamente nera, ma impreziosita dal kit estetico Aero Cupra R della Seat che comprende paraurti, minigonne e alettone sul tetto.

Seat Leon 2.0 TDI elaborata 360 CV con preparazione L.B. Engineering

Seat Leon 2.0 TDI modificata

Per far raggiungere alla Seat Leon 2.0 TDI modificata i 360 CV a motore chiuso di questa preparazione è stato necessario sostituire il turbocompressore, gli iniettori e il giro tubi dello scambiatore di calore realizzato con la stessa tecnica impiegata sulla Black Comet. Inoltre l’aspirazione “corta” diretta ha un condotto da 76 mm con filtro a doppio cono BMC. L’intercooler di serie ha lasciato il posto ad uno maggiorato installato dietro il paraurti. Lo scarico in acciaio inox 316L da 70 mm con doppia uscita cromata e “ciliegina sulla torta” la messa a punto elettronica.

Seat Leon 2.0 TDI elaborata 360 CV con preparazione L.B. Engineering

Scheda tuning Seat Leon TDI by L.B. Engineering

MOTORE
Turbo Garrett GTB2265VK GEN II (compressore in avional di nuova generazione) derivazione Audi, fornito da “TurboFlash” di Giuseppe Di Benedetto 1.400€
Iniettori maggiorati Firad +120% forniti da Alessandro Rossi 1.000€
Map sensor 4 bar Bosch 60€
Intercooler maggiorato 14 lt fornito da STC Racing 250€
Scarico in acciaio lucidato da 70 mm by LRS Exhaust 950€
Aspirazione “corta” diretta, condotto da 76 mm con filtro a doppio cono BMC, giro tubi intercooler condotto maggiorato e accorciato; il tutto realizzato da Antonino Palmeri Automotori Service e Tony Sanna Autotecnica. Costo lavoro totale 750€
Mappa a cura dell’Ing. Luigi Bombaci (L.B. Engineering, Catania) 500€

TRASMISSIONE
Gruppo frizione rinforzato LUKpro DMF con modifica disco e spingidisco realizzato da Alessandro Scazzosi 660€

ASSETTO
Cerchi in lega Axe EX18 Hbp 8jx18” 780€
Pneumatici Nexen N’Fera 225/40 R18 500€
Impianto frenante ant. maggiorato Audi TT 900€
Tubi in treccia aeronautici ant. e post. Goodridge
Molle Eibach Pro Kit -3 cm 250€

INTERNI
Volante Leon FR 200€
Fondini quadro strumenti Birba Racing 100€
Manometro turbo Prosport 152€
Manometro EGT Prosport 90€
Autoradio 2 Din da 9” 245€

ESTETICA
Kit aerodinamico Seat Cupra R 1.800€
Fari posteriori Dectane CarDNA a led 369€
Palpebre fari anteriori RDX RaceDesign 39€

Costo totale interevento tuning : 10.745 Euro

Cerca la Seat Leon usata su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della Seat Leon TDI by L.B. Engineering è su Elaborare 248.

Seat Leon 2.0 TDI elaborata 360 CV con preparazione L.B. Engineering



ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 248 Aprile 2019 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€  VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI 

 

L'articolo Seat Leon 2.0 TDI elaborata 360 CV con preparazione L.B. Engineering proviene da ELABORARE.

Elaborare Aprile n° 248 2019

di redazione

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 248 Aprile 2019 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

app-digitali-magazine-tuning-elaborare

COVER – Nissan Skyline GT Turbo R34 562 CV!

Test Drive con Nissan Skyline GT Turbo R34 562 CV | Franco Alosa, Seat Leon TDI 360 CV | L.B. Engineering -Automotori Service, BMW 328 Ci 245 CV |AlbaMotorSport, Subaru Impreza  WRX 218 CV |Nitro Race
CLICCA QUI

(dall’8 aprile in tutta Italia)

(SOMMARIO COMPLETO)

 VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI 

L'articolo Elaborare Aprile n° 248 2019 proviene da ELABORARE.

Elaborare Marzo n° 247 2019

di redazione

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 247 Marzo 2019 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

app-digitali-magazine-tuning-elaborare

COVER – Peugeot 308 GTi con 302 CV!

Test Drive con Peugeot 302 CV | Arduini Corse, Audi S3 490 CV | Brando Racing, Seat Leon TDI 458 CV | L.B. Engineering -Automotori Service, Fiat Grande Punto 193 CV |Autech, Mazda MX-5 130 CV |Works Garage
CLICCA QUI

Passa in edicola ed acquista il nuovo numero! 

(dall’8 marzo in tutta Italia)

(SOMMARIO COMPLETO)

cover Elaborare Marzo n° 247 2019

L'articolo Elaborare Marzo n° 247 2019 proviene da ELABORARE.

Elaborare Dicembre n° 244 2018

di redazione

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 244 Dicembre 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

app-digitali-magazine-tuning-elaborare

COVER – LOTUS EXIGE brutale 533 CV!!! Sezione speciale CLASSIC con la mitica FIAT RITMO ABARTH 75 GRUPPO 2

Test Drive con Lotus Exige S 3.5 V6 533 CV by Mauriello Motorsport, Honda Civic Type R 530 CV by Garage Caldè, Seat Arosa TDi 280 CV by Rudicar Corse, Abarth 500 248 CV by Risi Engineering, Peugeot 106 XS 150 CV by Autotecnica Sansonetti e tanto altro che trovi nel sommario completo con tutti i contenuti di Elaborare 244 Dicembre 2018 CLICCA QUI

Passa in edicola ed acquista il nuovo numero! 

(dal 9 dicembre in tutta Italia)

(SOMMARIO COMPLETO)

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 244 Dicembre 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

Cover Elaborare 244 dicembre 2018 - magazine

L'articolo Elaborare Dicembre n° 244 2018 proviene da ELABORARE.

Seat Leon elaborata con preparazione by Ecu-Tronika

di redazione

La Seat Leon elaborata da Ecu-Tronika è una Cupra preparata per andare forte soprattutto in pista con 344 CV con ammortizzatori e differenziale autobloccante entrambi a controllo elettronico. La vettura, di serie, ha già un ottimo potenziale grazie ai 300 CV e 380 Nm erogati dal suo 2 litri TSI.
Ne abbiamo provate diverse con tanti livelli di potenza come l’ultima prova, la Seat Leon Cupra preparata da  con 279 cavalli di Carburatori Bergamo, e questa, pubblicata su ELABORARE MAGGIO 2018, è l’ultima ci ha letteralmente colpito!

Seat Leon elaborata

Questa è una Seat Leon Cupra elaborata per un uso pista! Per ottenere ciò si è puntato anche sugli ammortizzatori a controllo elettronico DCC per via del loro ampio range di regolazione.

Seat Leon Cupra chip tuning

La messa a punto della Seat Leon Cupra dell’elettronica di gestione è stata affidata ai tecnici della Ecu-Tronika, espertissimi sui propulsori TSI e in grado di ottimizzare una messa a punto specifica per l’utilizzo in pista, con la potenza ben spalmata lungo tutto l’arco di rotazione senza inutili picchi di potenza.
Una bella soluzione per la Seat Leon Cupra chip tuning!
Con una pressione turbo di 1,6 bar e limitatore a 6.900 g/m, il motore eroga 344 CV e 516 Nm di coppia. L’unica modifica a livello ciclistico riguarda l’adozione di una barra duomi anteriore e ovviamente sono state installate le cinture 4 punti.

Seat Leon Cupra tuning

In tal modo la Seat Leon Cupra si rivela una macchina velocissima, elaborata in modo intelligente per essere utilizzata sia su strada che in pista. Ottima la messa a punto del motore, potente ma caratterizzato da un’erogazione lineare. Sorprendente l’assetto DCC che, in modalità Cupra, sfrutta alla grande anche le semislick. Da rivedere le geometrie delle ruote per affinare una già soddisfacente messa a punto complessiva.

Seat Leon Cupra preparazione 344 CV stradale e pista Seat Leon elaborata

Scheda tuning Seat Leon Cupra modificata

Ecco le modifiche apportate sulla Seat Leon,
Impianto di scarico completo TPV Racing 1.200 €
Intercooler Wagner Competition 880 €
Kit aspirazione con inlet pipe e muffler delete Volkswagen Racing 700 €
Mappatura centralina Ecu-Tronika 650 €
Barra duomi anteriore 268 €
Pneumatici Toyo R888R 780 €
Cerchi Autec 600 €

Costo totale intervento tuning  5.048 Euro

Scheda tuning Seat Leon Cupra modifcata

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della Seat Leon Cupra è su Elaborare 238.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 238 Maggio 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€

ELABORARE magazine maggio 2018

L'articolo Seat Leon elaborata con preparazione by Ecu-Tronika proviene da ELABORARE.

Scarico per Seat Ibiza Cupra by Ragazzon

di redazione

Per la Seat Ibiza 1.8 TSI Cupra prodotta dal 2015, Ragazzon sta mettendo a punto un performante impianto di scarico costruito interamente in acciaio inox AISI 304 e omologato. Si parte dal tubo centrale Gr. N con linea maggiorata del diametro da 70 mm più catalizzatore. Al retrotreno è disponibile il silenziatore inox sdoppiato Ragazzon. Il guadagno in termini di potenza della sezione centrale + posteriore sdoppiato con diametro maggiorato è pari a 22,1 CV e 20 Nm di coppia. Il catalogo Ragazzon con tutta la gamma di scarichi per la Seat Ibiza è sul sito on line www.ragazzon.it
Info: Tel. 0438/73523

L'articolo Scarico per Seat Ibiza Cupra by Ragazzon proviene da ELABORARE.

Seat Leon FR preparazione 279 CV

di redazione

Da 170 a 279 CV la preparazione di questa Seat Leon FR con il 2.0 TDI, con pochi e accurati ritocchi, l’ha fatta diventare più piacevole e divertente da guidare di tante hot-hatch all’apparenza molto più attrezzati. Senza scomodare i grandi maestri dell’automobilismo, è ovvio che 280 CV siano migliori dei 170 CV originali del 2 litri TDI. Sicuramente la Seat Leon FR elaborata da Carburatori Bergamo, dimostra che un lavoro davvero ben fatto sul motore e senza inutili esagerazioni, unito a qualche ritocco all’assetto, può dare risultati anche sorprendenti. Almeno valutando il rapporto tra la quantità di modifiche effettuate e gli obiettivi raggiunti…

Motore – Non toccare gli organi interni, lasciare il motore chiuso e fare il meglio che si può! È stato questo il “mantra” del preparatore “Carburatori Bergamo”, che Andrea Vendemiello mi ha spiegato con un certo orgoglio.

Assetto e freni – Al posto dei cerchi originali troviamo degli OZ Ultraleggera HLT bronzati, che fanno compiere il salto di qualità “visivo” a questa Seat Leon FR. Poi sono stati aggiunti dei distanziali, delle barre duomi e un assetto Bilstein con cui si regola l’altezza a ghiera, ma non la taratura degli ammortizzatori, che resta fissa.

Estetica – Il tocco più evidente è quello dato dai cerchi, come anzidetto. Poi ci sono l’estrattore posteriore e una piccola lama anteriore. Niente di più! Ma la Leon FR nera con le macchie bronzate degli OZ e l’assetto ribassato non passa inosservata, pur senza esagerare. Insomma, è stata un’elaborazione equilibrata in tutto e per tutto, anche per quanto concerne la personalizzazione del design. E, nostro parere, funziona!

Seat Leon FR

Scheda tuning Seat Leon FR
Motore
Turbina Garrett con giranti modificate
Centralina rimappata Carburatori Bergamo
Intercooler maggiorato Toyosports
Aspirazione rivista con filtro K&N
Manometro turbo Blink

Scarico Ragazzon

Assetto
Bilstein B14 regolabile in altezza
Distanziali da 1.2 Simoni Racing
Barre duomi Eibach
Cerchi OZ Racing Ultraleggera HLT

Freni
Dischi Zimmermann
Pastiglie Ferodo DS2500
Tubi in treccia e olio Motul RBF 660

Estetica
Estrattore posteriore Lester
Lama paraurti anteriore

Costo totale intervento tuning 8.000 Euro

L’articolo completo con tutti i dettagli, il test e i dati strumentali della Seat Leon FR è su Elaborare 229.

Seat Leon FR

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 229 Luglio-Agosto 2017 QUI 
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

L’articolo

Elaborare Luglio-Agosto 2017 Alfa Romeo Giulia

di redazione

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 229 Luglio-Agosto 2017 QUI  ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri) ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€  app-digitali-magazine-tuning-elaborare COVER - Questo mese in copertina l'Alfa Romeo Giulia TM7 180 CV by TecnoMagnesio-TRC Perfomance: che perfomance!   Editoriale NEWS Shop I migliori accessori per la tua auto Accessori Racing Abbigliamento Racing SUPERCAR Top Car Mercedes-AMG S 63 Coupé 740 CV | Fostla Giannini 350 GP Anniversario 350 CV | GRAM Test Drive Alfa Romeo Giulia TM7 180 CV | Tecnomagnesio-TRC Performance Nissan Skyline R34 GT-T 366 CV | FFF Drifting Abarth Grande Punto 272 CV | Bius Power Seat Leon FR TDI 279 CV | Carburatori Bergamo Honda Civic 1.6 VTi 176 CV | Remida BMW 120d 218 CV | Ecu-Tronika Racing Test Renault Clio Cup Newsauto Primo Contatto Honda Civic Type R MY 2017 320 CV Skoda Octavia RS 245 CV Peugeot 308 Restyling GARAGE Tecnica Masse Radianti Posta I consigli dell’esperto Preparazioni 98 Novità dai professionisti del tuning EVENTI Racing Campionato Italiano Accelerazione Tuning Fashion and Tuning U.S. Car Reunion Lotus Meeting Tour Trofeo Master Cup Campionato ER CarAudio 2017 TMR Village WTC La Base Japanese Car Meeting 15º Raduno MX-5 Raduni Sprint Calendari Racing Calendario eventi La mia supercar Miss Martina Meneghini Elenco Club Anteprima Prossimamente su Elaborare ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 229 Luglio-Agosto 2017 QUI  ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri) ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€   

Seat Leon 1.9 TDI preparazione 310 CV

di redazione

Seat_Leon_TDI-310-C

Questa Seat Leon 1.9 TDI ha 310 CV di potenza e una coppia di 552 Nm grazie alla preparazione di Rudicar Corse, che ha lavorato profondamente la testata e sostituito bielle e turbocompressore. Assetto artigianale, freni carboceramici e un autobloccante cercano di rendere guidabile questa “pallottola” d’argento. La vettura è stata preparata per competere nelle gare di accelerazione, i cosiddetti “spari” sui 400 m, dove si difende sempre egregiamente. Il propulsore ha toccato quota 310 CV senza spingere troppo con la pressione di sovralimentazione, mantenendo anche una buona sfruttabilità nell’utilizzo su strada con consumi accettabili. I freni e l’assetto sono stati migliorati in seguito al nostro test. Il Tuning – Il punto chiave di questa Leon è il motore, il mitico 1.9 TDI a 8 valvole che per anni ha mosso gloriosamente migliaia di veicoli del gruppo Volkswagen. Quello che equipaggia la “nostra” Seat è la versione da 130 CV. Ora scopriamo insieme le migliorie che hanno permesso di raggiungere i 310 CV con una pressione di 2,7 bar. Iniziamo dalla testa, completamente lavorata con macchine CNC e rifinita a mano per ottenere prestazioni superiori. Seat Leon TDI 310 CVAssetto e freni – Per quanto riguarda le sospensioni, il proprietario ha optato per una soluzione mista: all’anteriore Nunzio Farinato ha costruito dei ghiera regolabili in compressione, estensione, pre-carico molla e altezza; al posteriore invece ci sono dei classici Koni rossi con molle rinforzate. I freni non passano di certo inosservati: all’avantreno sono stati potenziati con dischi carboceramici da 360 mm provenienti addirittura dalla Ferrari F430 con pinze a 6 pompanti, mentre al posteriore troviamo dischi e pinze dell’Audi S3. Ad aumentare la presenza scenica ci pensano 4 distanziali sui mozzi e cerchi in lega dal peso contenuto, ovvero i mitici OZ Racing Ultraleggera da 18″ che calzano pneumatici Bridgestone Potenza S002 Adrenalin 225/40 R18. Estetica – All’esterno questa Leon difficilmente tradisce la presenza di quel “mostro” di potenza che si cela sotto il cofano. La linea accattivante di serie infatti non è stata alterata, ad eccezione dei deflettori dell’aria per i finestrini anteriori, degli adesivi Seat Sport e dei fari allo Xeno anteriori. Al posteriore anche il terminale di scarico è tutto sommato discreto e riprende il disegno ovale di quello originale. Interni – L’abitacolo di serie è già sportiveggiante, grazie anche ai sedili profilati. Completano la dotazione del quadro strumenti un manometro del turbo con fondoscala a 3,5 bar, uno digitale della temperatura dei gas di scarico della GMC. Scheda tuning Seat Leon 1.9 TDI
Motore
Testata lavorata da NPS con valvole di aspirazione e scarico maggiorate, pacco molle rinforzato, condotti di aspirazione e scarico raccordati e lucidati 1.800 €
Albero a camme sportivo con fasatura e alzata maggiorata NPS 400 €
Collettore di aspirazione dinamico 540 €
Collettore di scarico artigianale 500 €
Scarico artigianale completo in acciaio inox 600 €
Turbo maggiorato su base Garrett 2260 con cuscinetto a sfera ceramico e raffreddato ad acqua 1500 €
Tubazione aspirazione e mandata turbo in acciaio inox 450 €
Filtro aria sportivo a pannello K&N 60 €
Intercooler frontale artigianale 350 €
Bielle ad H rovesciata Rosten Performance 400 €
Prigionieri testata con relativi bulloni 300 €
Iniettori maggiorati 700 €
Rimappatura centralina elettronica di serie 350 €
Attivazione Launch Control sull’elettronica di serie 150 €
Sensore map da 4 bar 200 € Trasmissione
Frizione Sachs 900 €
Differenziale autobloccante Wavetrack 800 € Assetto
Ammortizzatori anteriori By Farinato regolabili in compressione, estensione, pre-carico molla e altezza 1.250 €
Ammortizzatori Koni rossi e molle rinforzate 500 €
Cerchi OZ Ultraleggera da 18” con gomme Bridgestone S002 Adrenalin 235/40 R18 1.600 €
Distanziali Freni
Dischi anteriori carboceramici 360×32 mm
Pinze anteriori Brembo a 6 pompanti
Dischi e pinze posteriori derivazione Audi S3 Estetica
Fari Xeno
Adesivi Seat sport
Deflettori aria finestrini anteriori Interni
Manometro turbo 3.5 bar
Sensore lambda GMC Interventi effettuati dopo il test
Impianto frenante ant. con pinza Brembo 8 pompanti derivazione Audi RS6 e pastiglie Pagid RS29
Intercooler aria/acqua
Ammortizzatori ricostruiti con canne lappate
Powerflex Black series
Bracci sospensione Audi TT Costo totale intervento tuning oltre 13.000 Euro L’articolo completo con tutti i dettagli, dati strumentali e test drive della Seat Leon 1.9 TDI è su Elaborare 228.
leonACQUISTA ELABORARE n° 228 Giugno 2017 QUI 
ABBONATI alla rivista mensile ELABORARE 
QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONAMENTO DIGITALE ANNUALE a solo 22,99€
Cover Elaborare 228

Elaborare Luglio-Agosto 2017 Alfa Romeo Giulia

di redazione

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 229 Luglio-Agosto 2017 QUI  ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri) ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€  app-digitali-magazine-tuning-elaborare COVER - Questo mese in copertina l'Alfa Romeo Giulia TM7 180 CV by TecnoMagnesio-TRC Perfomance: che perfomance!   Editoriale NEWS Shop I migliori accessori per la tua auto Accessori Racing Abbigliamento Racing SUPERCAR Top Car Mercedes-AMG S 63 Coupé 740 CV | Fostla Giannini 350 GP Anniversario 350 CV | GRAM Test Drive Alfa Romeo Giulia TM7 180 CV | Tecnomagnesio-TRC Performance Nissan Skyline R34 GT-T 366 CV | FFF Drifting Abarth Grande Punto 272 CV | Bius Power Seat Leon FR TDI 279 CV | Carburatori Bergamo Honda Civic 1.6 VTi 176 CV | Remida BMW 120d 218 CV | Ecu-Tronika Racing Test Renault Clio Cup Newsauto Primo Contatto Honda Civic Type R MY 2017 320 CV Skoda Octavia RS 245 CV Peugeot 308 Restyling GARAGE Tecnica Masse Radianti Posta I consigli dell’esperto Preparazioni 98 Novità dai professionisti del tuning EVENTI Racing Campionato Italiano Accelerazione Tuning Fashion and Tuning U.S. Car Reunion Lotus Meeting Tour Trofeo Master Cup Campionato ER CarAudio 2017 TMR Village WTC La Base Japanese Car Meeting 15º Raduno MX-5 Raduni Sprint Calendari Racing Calendario eventi La mia supercar Miss Martina Meneghini Elenco Club Anteprima Prossimamente su Elaborare ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 229 Luglio-Agosto 2017 QUI  ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri) ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 
❌