Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Smartphone Android di fascia media più potenti per AnTuTu: vince OPPO con MediaTek

di Lucia Massaro
AnTuTu ha cominciato a stilare la classifica degli smartphone di fascia media più potenti a ottobre. Se nel mercato dei top di gamma, i processori Qualcomm fanno da padroni; la situazione cambia nel segmento inferiore. A dominare la classifica per il mese di gennaio infatti c’è OPPO Reno3 5G, il primo smartphone a essere basato […]

Oppo Reno3 Pro 5G: rivelato il design e la batteria

di Biagio Petronaci
Brian Shen, il vicepresidente di Oppo, ha recentemente rivelato le dimensioni della batteria e anticipato il design di Oppo Reno3 Pro 5G. Il dispositivo arriverà durane il prossimo mese e le aspettative sono molto alte, specialmente dopo il successo del suo predecessore. La società è infatti pronta a lanciare il primo device 5G dual-mode, compatibile […]

ZTE e China Telecom: connessione 5G anche sul treno Maglev lanciato a 500 km/h

di Dario D'Elia
ZTE e China Telecom oggi hanno sperimentato con successo le prime trasmissioni 5G sulla Shanghai Maglev, la linea ferroviaria Maglev (levitazione magnetica) da 30 km più veloce al mondo che collega Shanghai Pudong International Airport con la stazione di interscambio della metro. Si è trattato di un test su rete commerciale 5G, che ha consentito di […]

Come gestire l’impianto frenante dell’auto e le sue temperature

di redazione

Conoscere e gestire l’impianto frenante dell’auto e le sue temperature permette di avere sempre il massimo delle prestazioni, sia su strada che in pista. E’ quindi utile sapere che il “range termico di funzionamento” riguarda gli impianti frenanti di tutte le auto, che siano stradali, sportive o da competizione.

Esso indica chiaramente l’intervallo di temperature in cui l’abbinamento pastiglia x + disco y offre la resa ottimale; quindi sotto la temperatura minima o sopra quella massima, il rendimento ha un calo, che può essere più o meno repentino a seconda dei casi.

E’ opportuno conoscere questi fattori per sapere non solo quali pastiglie freno scegliere per la vettura, ma anche quando e come migliorare la circolazione d’aria per ottenere un abbassamento delle temperature di esercizio dei freni qualora siano troppo alte.

La scelta delle pastiglie freno

Ogni costruttore di pastiglie freno, spesso in base al colore della piastra di metallo su cui è riportato il materiale frenante, indica il tipo di utilizzo per cui è raccomandata una determinata tipologia. Ad esempio, il giallo può rappresentare la mescola sportiva per uso stradale/track day, mentre il rosso quella per le competizioni.

Non esiste una regola secondo la quale un determinato colore rappresenti uno standard generalizzato, come tale impiegato universalmente: sia chiaro!

Soluzioni per il calore

La prima raccomandazione per un impianto frenante al top è quella di non entrare mai in pista senza aver montato tubi aeronautici su tutte e 4 le ruote e impiegato un fluido idraulico idoneo a questo tipo di utilizzo e, soprattutto, con le pastiglie oltre la metà dell’usura. I tubi in gomma cedono di schianto al salire delle temperature e vi potreste trovare senza il pedale del freno di punto in bianco.

Lo stesso dicasi per un fluido inadatto o vecchio. Una pastiglia usurata, infatti, ha meno materiale d’attrito che la isola dal disco rovente e dunque trasmette più facilmente il calore all’olio, con conseguenze estremamente pericolose.

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti degli impianti frenanti e le loro temperature è su Elaborare 254.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 254 Novembre 2019 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 24,99 € 

VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare Novembre n° 254 2019

L'articolo Come gestire l’impianto frenante dell’auto e le sue temperature proviene da ELABORARE.

Oppo Reno 2, manca poco alla perfezione | Recensione

di Federico Cinque

A distanza di pochi mesi arriva la seconda versione di Oppo Reno, che porta con sé importanti conferme e discrete migliorie sotto molti aspetti. Analizziamo nei dettagli il funzionamento del nuovo smartphone dell’azienda cinese.

(...)
Continua a leggere Oppo Reno 2, manca poco alla perfezione | Recensione su Androidiani.Com


© federicocinque for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

OPPO presenta Reno2 e Reno2 Z: disponibilità, schede tecniche e prezzi

di Federico Gambarelli

Nel corso di un evento tenutosi all’English National Ballet di Londra, OPPO ha presentato la sua nuova linea di smartphone della serie Reno2, pensata per portare le funzionalità di una action-cam su uno smartphone.

(...)
Continua a leggere OPPO presenta Reno2 e Reno2 Z: disponibilità, schede tecniche e prezzi su Androidiani.Com


© federicogambarelli for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Qui trovi la classifica del miglior smartphone android
Tags del post: , ,

Oppo lancia Reno Ace, il telefono con la ricarica più veloce

di Alessandro Matthia Celli

Oppo ha sorpreso tutti il mese scorso annunciando la ricarica da 65 W, la più veloce del settore, ed ora presenta il suo Reno Ace, il primo telefono con tale tecnologia.

(...)
Continua a leggere Oppo lancia Reno Ace, il telefono con la ricarica più veloce su Androidiani.Com


© alessandromatthiacelli for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Scopri qui i migliori smartphone android scelti da Androidiani.com! Classifica aggiornata a Ottobre - 2019!
Tags del post: , ,

Oppo Reno 5G debutta ufficialmente in Italia in partnership con TIM

di Niccolò Proietti Savina

Quest’oggi si è tenuta a Roma la presentazione del nuovo Oppo Reno 5G, in collaborazione con Tim. Andiamo a scoprire nei dettagli le caratteristiche del nuovo arrivato in casa Oppo.

(...)
Continua a leggere Oppo Reno 5G debutta ufficialmente in Italia in partnership con TIM su Androidiani.Com


© niccoloproietti for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Vedi il miglior smartphone android di Luglio 2019
Tags del post: , , ,

OPPO Reno Z, dual-camera da 48MP+5MP e fotocamera selfie da 32MP

di Nico Petilli

OPPO Reno Z, nuovo modello della serie Reno, sarà disponibile per la vendita in Italia a partire dal giorno mercoledì 10 luglio.

(...)
Continua a leggere OPPO Reno Z, dual-camera da 48MP+5MP e fotocamera selfie da 32MP su Androidiani.Com


© nicopetilli for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Oppo presenta i Creators Awards 2019, un concorso per gli appassionati di fotografia

di Alessandro Signori

L’azienda cinese ha lanciato un concorso per promuovere l’arte della fotografia da smartphone che, negli ultimi anni, grazie ad un miglioramento costante degli obbiettivi presenti sui terminali, è entrata anche nell‘ambito professionale del settore fotografico. (...)
Continua a leggere Oppo presenta i Creators Awards 2019, un concorso per gli appassionati di fotografia su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , ,

OPPO Reno 10x Zoom: disponibile in Italia dal 14 giugno a 799 Euro

di Andrea Genovese

OPPO, dà il benvenuto in Italia a Reno 10x Zoom, il secondo modello della sua nuova linea Reno, che sarà disponibile a partire dal 14 giugno. Maggiori informazioni nel seguente articolo.(...)
Continua a leggere OPPO Reno 10x Zoom: disponibile in Italia dal 14 giugno a 799 Euro su Androidiani.Com


© andreagenovese for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , ,

Oppo Reno Z Ufficiale: display AMOLED da 6,4″, Snapdragon 710 e 6 GB di RAM

di Andrea Genovese

Oppo Reno Z è stato appena presentato dall’azienda cinese, svelando un nuovo smartphone di fascia media che perde il meccanismo a scomparsa per la fotocamera frontale. Scopriamolo nel seguente articolo.

(...)
Continua a leggere Oppo Reno Z Ufficiale: display AMOLED da 6,4″, Snapdragon 710 e 6 GB di RAM su Androidiani.Com


© andreagenovese for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Vedi il miglior smartphone android di Maggio 2019
Tags del post: , ,

Oppo Reno, design top e tanti miglioramenti | Recensione

di Federico Cinque

Circa un anno fa Oppo è arrivata in Italia, debuttando con un Find X che ha fissato nuovi standard di design nel mercato degli smartphone. Con Reno e Reno 10x, i dispositivi di riferimento del 2019, si conferma un’estrema cura estetica e costruttiva e si delineano evidenti passi in avanti anche in ambito software.

Oggi vi parlo di Oppo Reno, il modello più economico tra i due, che si posiziona nella fascia media del mercato. Dopo qualche settimana di utilizzo e tanti test approfonditi, sono pronto a raccontarvi come si comporta nell’utilizzo quotidiano.

(...)
Continua a leggere Oppo Reno, design top e tanti miglioramenti | Recensione su Androidiani.Com


© federicocinque for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , , , , , ,

Oppo annuncia Android Q beta per la serie Reno e mostra il 5G al Google I/O 2019

di Alessandro Signori

L’azienda cinese ha partecipato al Google I/O 2019, dove ha mostrato tutte le funzionalità del 5G e, inoltre, ha annunciato la propria partecipazione al programma Android Q Beta, già disponibile per la serie Reno. (...)
Continua a leggere Oppo annuncia Android Q beta per la serie Reno e mostra il 5G al Google I/O 2019 su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Dischi freno autoveltilanti: pieni, baffati o forati. Quali differenze?

di Valerio Boni

Sui libri delle autoscuole la differenza in un impianto frenante è limitata alla tipologia: a tamburo o a disco. In realtà non è esattamente così, e non solo perché i freni a tamburo sono più utilizzati ormai solo nella parte posteriore di alcune citycar. Oggi la classificazione è molto più ampia, con i dischi freno divisi in tipologie che differiscono tra loro soprattutto per il tipo di finitura e soluzioni per il raffreddamento. Sono varianti che derivano dalle competizioni, ma che sono entrate a tutti gli effetti nella produzione di serie, non solo delle auto ad alte prestazioni.

ALETTE INTERNE PER RAFFREDDARE

Una prima divisione è fatta tra i dischi autoventilati e quelli “pieni”. I primi hanno tra le due superfici esterne una serie di alette che generano dei vortici d’aria e favoriscono il raffreddamento. I secondi, invece, non hanno alcuna lavorazione interna e sono ottenuti semplicemente tornendo e rettificando la fusione. Dal punto di vista pratico, quelli autoventilati hanno un peso e un costo maggiore, ma assicurano un’elevata resistenza allo stress e all’uso prolungato. Quelli pieni sono invece evidentemente più indicati, anche in termini economici per le vetture leggere e meno performanti.

FISSI O FLOTTANTI

C’è poi la possibilità di classificare i freni a disco in funzione del tipo di fissaggio al mozzo. Si parte da quelli classici, che prevedono un blocco unico fissato con una serie di bulloni. Per passare alla soluzione con la pista frenante separata, per facilitare la sostituzione in caso di impiego pesante, soprattutto in pista. Infine ci sono i dischi flottanti, che hanno una “campana” centrale collegata alla pista con fissaggi che rendono possibile un minimo movimento laterale. In questo modo la frenata risulta costante, perché risente meno degli effetti del surriscaldamento, ma anche più silenziosa, perché ha il pregio di eliminare le vibrazioni.

FORI E TAGLI FANNO LA DIFFERENZA

A tutto questo si aggiungono i diversi tipi di finitura superficiale del disco, che partono da da due soluzioni. La più classica prevede una pista completamente liscia, mentre l’alternativa è rappresentata dalla presenza di fori o intagli. Questi ultimi, nati per l’impiego sportivo, hanno il doppio scopo di favorire il raffreddamento e di eliminare le polveri o le cristallizzazioni che si possono generare sulle pastiglie freno. È importante sottolineare che fori e solchi sono realizzati prima dei trattamenti indurenti, che renderebbero impossibile questo tipo di lavorazione successiva.

LA SCELTA È TRA QUATTRO SOLUZIONI

Le finiture possono essere di quattro tipi. La più diffusa, anche su vetture di uso quotidiano, sono i fori, efficaci soprattutto in caso di guida sotto la pioggia. Hanno il pregio di assicurare un raffreddamento costante e un’apprezzabile leggerezza. Ma sono più soggetti a rotture in caso di impiego prolungato, in discesa a pieno carico, oppure in pista. Una seconda tecnologia prevede una serie di scanalature dritte, di norma otto, che assicurano un buon compromesso tra usura, raffreddamento e resistenza.

A MISURA DI COMPETIZIONI

I disegni sulle superfici della pista frenante possono essere anche più aggressivi, come una serie di “virgole” simili ai disegni del battistrada di uno pneumatico per moto sportiva. Il vantaggi di questi baffi si trovano in un migliore e immediato controllo della frenata. Per contro è possibile che il disco e le pastiglie abbiano un’usura più rapida e irregolare. Infine c’è una tipologia di disegno  pensata espressamente per le gare di endurance, da 10 a 24 ore. L’obiettivo è quello di contenere l’usura delle parti, sacrificando in parte la risposta iniziale.

CARBOCERAMICI PER CHI VUOLE IL MEGLIO

Sulle auto sportive, ma anche su berline ad alte prestazioni, si è ormai diffusa la possibilità di scegliere tra dischi freno convenzionali e di tipo carboceramico. Quest’ultima tecnologia, ancora piuttosto costosa, è una via di mezzo tra i freni a disco “normali” e quelli in carbonio utilizzati in Formula 1. Il pregio di quest’ultimo materiale è quello di aumentare il coefficiente d’attrito con il crescere delle temperature di esercizio. Se ghisa e acciaio hanno un limite intorno ai 400 gradi e quelli in carbonio arrivano a 1.000, il trattamento carboceramico si posiziona più o meno a metà. Con in più un coefficiente d’attrito maggiore del 25%, un peso inferiore del 50% rispetto ai materiali standard.

LA RUGGINE NON È PIÙ UN PROBLEMA

Per tornare ad auto più normali, è da segnalare il trattamento che ha l’obiettivo di eliminare la formazione di ruggine sulle piste frenanti. Un particolare processo, ottenuto portando i dischi a una temperatura costante di 560 gradi °C per un giorno intero, rende possibile la protezione. In questo modo la durata media di un disco classico può passare da 60.000 a oltre 120.000 km. Con una pressoché assoluta resistenza agli effetti di piogge acide, e sale sparso sulle strade in caso di nevicate.

L'articolo Dischi freno autoveltilanti: pieni, baffati o forati. Quali differenze? proviene da SicurAUTO.it.

Oppo Reno ufficiale in Europa: dal 10 Maggio da 499 euro

di Alessandro Signori

Oggi, a Zurigo, è stata presentata, per l’Europa, la nuova gamma di smartphone Oppo: Reno 5G, Reno Zoom 10x e Reno. Design e caratteristiche all’avanguardia con uno sguardo al futuro. (...)
Continua a leggere Oppo Reno ufficiale in Europa: dal 10 Maggio da 499 euro su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Vedi il miglior smartphone android di Aprile 2019
Tags del post: , , , ,

Oppo Reno è ufficiale: Super Zoom 10x, niente notch e 5G

di Simone Pozzebon

Oppo Reno è la nuova famiglia della casa Cinese annunciata ieri per il mercato asiatico – a breve anche in Europa – che conferma la linea dell’azienda verso i display full-screen e le fotocamere con super zoom con un passo avanti verso il 5G.(...)
Continua a leggere Oppo Reno è ufficiale: Super Zoom 10x, niente notch e 5G su Androidiani.Com


© simonepozzebon for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Qui trovi la classifica del miglior smartphone android
Tags del post: , ,

Oppo Reno: teaser ufficiale anticipa alcune specifiche dello smartphone

di Andrea Genovese

Oppo Reno torna sotto ai riflettori grazie ad un nuovo video teaser pubblicato direttamente dall’azienda in cui vengono enfatizzate alcune caratteristiche principali come lo zoom 10X.

(...)
Continua a leggere Oppo Reno: teaser ufficiale anticipa alcune specifiche dello smartphone su Androidiani.Com


© andreagenovese for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Qui trovi la classifica del miglior smartphone android
Tags del post: ,

Pastiglie freno Pagid by Motorquality

di redazione

Per impianti frenanti più performanti Motorquality propone le pastiglie freno Pagid, che da sempre è all’avanguardia nello sviluppo di pastiglie estremamente prestazionali.
La Casa di Essen attraverso la ricerca, il know-how e il ritorno derivante dalle competizioni offre una gamma completa di mescole adatte a tutte le esigenze: Rs42, Rsl, Rst, Rsc…
Sul sito on line Motorquality www.mqauto.it è possibile scegliere una serie di compound in grado di soddisfare sia le necessità degli appassionati sia quelle dei piloti.
Coefficiente d’attrito elevato, ottima resistenza all’usura e la quasi totale assenza di fading, consentono di sfruttare appieno le prestazioni in frenata del veicolo.
Info: Tel. 02/249511

L'articolo Pastiglie freno Pagid by Motorquality proviene da ELABORARE.

Pastiglie freno PFC Brakes by Andreani Group

di redazione

Le esclusive pastiglie freno Carbon Metallic realizzate dall’Azienda statunitense PFC Brakes specializzata nella produzione di impianti frenanti ad alta tecnologia e prestazioni, hanno conquistato più vittorie e titoli di qualsiasi altra marca.
Forte di una filosofia “senza compromessi”, PFC Brakes fissa i suoi standard con componenti freno innovative con l’obiettivo di mantenersi ai vertici del mercato in termini di prestazioni e durata. Il segreto delle Carbon Metallic, disponibili in un’ampia variante di mescole sviluppate per ottimizzare le performance in pista, nei rally e track day, consiste nella loro struttura molecolare, nell’interazione della matrice fisica e nel loro esclusivo processo di lavorazione. Il tutto si traduce in un pedale più modulabile, nella totale assenza di vibrazioni, in una maggiore prevedibilità e in una migliore guidabilità e controllo della vettura.
PFC è anche pinze freno, dischi freno e olio freno ad altissime prestazioni, oltre ad una vasta linea di prodotti dedicati alle auto stradali e ai track day. I propdtti distrubuiti in Italia dall’azienda Andreani Group ed acquistabili anche on line sul sito www.andreanigroup.com
Info: Tel. 0721/20921

L'articolo Pastiglie freno PFC Brakes by Andreani Group proviene da ELABORARE.

❌