Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Oggi — 24 Aprile 2019RSS feeds

Nikon COOLPIX W150: la fotocamera pensata per l'estate

Nikon COOLPIX W150 è la nuova fotocamera pensata per l'estate (e non solo) dedicata alla famiglia e soprattutto ai bambini. Funzionalità su misura oltre a impermeabilità e resistenza agli urti, il tutto in uno chassis colorato.

Airbag difettosi ZF-TRW: l’indagine USA riguarda oltre 12 milioni di auto

di Antonio Elia Migliozzi

Negli Usa scoppia un nuovo caso sicurezza nel campo degli airbag. I media riferiscono di indagini in corso su un presunto malfunzionamento che coinvolgerebbe 12,3 milioni di veicoli. L’Ente statale per la sicurezza NHTSA è al lavoro per verificare le unità di controllo degli airbag prodotti da ZF-TRW. Secondo gli inquirenti una interferenza elettrica potrebbe essere all’origine del guasto che impedisce ai dispositivi di gonfiarsi. Al problema sarebbero attribuibili 8 decessi. Coinvolti diversi costruttori auto; Toyota, Honda, Kia, Hyundai, Mitsubishi e Fiat Chrysler. I modelli interessati sarebbero quelli prodotti dal 2010 al 2019. Vediamo tutti gli sviluppi sull’indagine più importante dallo scandalo degli airbag Takata.

I NUMERI DEL CASO

Le autorità degli Stati Uniti hanno avviato una nuova indagine su presunti airbag difettosi. Il caso riguarda 12,3 milioni di veicoli, i cui airbag potrebbero non gonfiarsi in caso di incidente. Il problema sarebbe responsabile di 8 morti avvenute negli scorsi anni. Da una prima verifica sono sono 6 le aziende automotive coinvolte. I veicoli prodotti da Toyota, Honda, Kia, Hyundai, Mitsubishi e Fiat Chrysler tra il 2010 e il 2019 potrebbero presentare difetti. Nel mirino finiscono le unità di controllo degli airbag di bordo prodotte da ZF-TRW. Secondo i documenti dell’NHTSA delle interferenze elettriche all’interno dell’abitacolo potrebbero danneggiare il funzionamento del circuito di controllo. Dal canto suo ZF, colosso tedesco dei ricambi per auto, ha espresso piena collaborazione alle autorità americane. La multinazionale ha acquisito il controllo della TRW Automotive nel 2015.

IL BILANCIO

I media americani hanno subito richiamato lo scandalo degli airbag Takata che ha causato 24 morti e oltre 200 feriti nel mondo. In quel caso, però, gli airbag esplodevano scagliando pericolose schegge addosso ai passeggeri. Negli ultimi anni la sicurezza degli airbag ha destano parecchie preoccupazioni. la Negli Stati Uniti ci sono circa 70 milioni di airbag difettosi da richiamare che diventano ben 100 milioni in tutto il mondo. Tornando al caso ZF-TRW lo scorso 19 aprile, l’HTSA ha notificato all’azienda la sua valutazione preliminare sul caso. Finora, solo Hyundai e Kia e Fiat Chrysler hanno emesso richiami. Quattro morti potrebbero essere state causate dal problema su veicoli Hyundai e Kia mentre tre a bordo di vetture Fca. L’indagine dell’NHTSA è partita nel marzo 2017 proprio dagli incidenti che hanno coinvolto auto prodotte dalle coreane Hyundai e Kia.

LE INDAGINI

L’NHTSA sta verificando la sensibilità delle unità di controllo degli airbag ai segnali elettrici per capire cosa impedirebbe il gonfiaggio degli airbag. L’agenzia ha fatto sapere di procedere a tutto campo nell’individuazione dei fattori di rischio. L’anno scorso, Hyundai e Kia hanno richiamato quasi 1,1 milioni di veicoli a causa di questo problema e, circa un anno dopo, l’NHTSA ha aperto le sue indagini. I veicoli Kia interessati includono la compatta Forte, prodotta dal 2010 al 2013, e la berlina media Optima prodotta dal 2011 al 2013. Sempre negli Usa sono sotto osservazione anche la Optima Hybrid e la Sedona prodotte dal 2011 al 2012. Quanto a Hyundai i rischi riguardano la Sonata Hybrid negli esemplari tra il 2011 e il 2012 .

GLI SVILUPPI

Nel 2016, Fiat Chrysler ha richiamato circa 1,6 milioni di veicoli in tutto il mondo per problemi agli airbag. Tra i modelli a rischio la Chrysler Sebring del 2010, la Chrysler 200 dal 2011 al 2014, la Dodge Caliber dal 2010 al 2012, la Dodge Avenger dal 2010 al 2014. Interessati da rischi agli airbag anche i SUV Jeep Patriot e Compass prodotti dal 2010 al 2014. Le successive indagini svolte dall’NHTSA hanno accertato rischi anche per le Toyota Corolla a partire dal 2011. Va detto che ad oggi dalle indagini non risulta nessun caso di interferenza elettrica a bordo di veicoli Honda o Mitsubishi dotati di airbag ZF-TRW.

L'articolo Airbag difettosi ZF-TRW: l’indagine USA riguarda oltre 12 milioni di auto proviene da SicurAUTO.it.

Fix installazione bloccata dell’aggiornamento a May 2019 Update [2]

di Alexandre Milli

Dopo il blocco a causa dei giochi, sono sorti ulteriori problemi circa l’assegnazione dei drive e Microsoft ha bloccato nuovamente l’aggiornamento a May 2019 Update – vediamo insieme come risolvere. Fix blocco May 2019 Update [2] Nello specifico, sembrerebbe che alcuni problemi legati alla presenza di memorie interne ed esterne assegnate come drive erroneamente affliggano […]

Puoi leggere l'articolo Fix installazione bloccata dell’aggiornamento a May 2019 Update [2] in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Mortal Kombat 11 ora disponibile per PC, PS4 e Xbox One

In Mortal Kombat 11 fa il suo debutto l'innovativo Sistema di variazione dei personaggi personalizzabili, che offre ai giocatori opportunità pressoché infinite, dando vita a un'esperienza più profonda

Disponibile Google Chrome 74 che introduce il tema scuro su Windows 10

di Filippo Molinini

Google Chrome versione 74 è disponibile pubblicamente. Tra le novità di questa versione viene introdotto il supporto completo al tema scuro di Windows 10. Google Chrome 74 Tema scuro La nuova versione di Google Chrome introduce finalmente il supporto al tema scuro di Windows 10. Infatti, attivando la modalità scura da Impostazioni > Personalizzazione > […]

Puoi leggere l'articolo Disponibile Google Chrome 74 che introduce il tema scuro su Windows 10 in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

NASA InSight: forse rilevato il primo terremoto su Marte

NASA InSight potrebbe aver rivelato il primo terremoto su Marte. Il sensibilissimo sismografo installato sulla sonda e che è poggiato sul suolo marziano potrebbe così svelare alcuni dei segreti del Pianeta Rosso.

Apple AirPod 3: arrivano già entro la fine del 2019?

Le cuffiette wireless della Mela potrebbero vedere la terza iterazione già entro fine anno e questa volta, forse, con tecnologia di cancellazione del rumore

Un ragazzo di 24 anni è riuscito a sottrarre i dati di 1.4 milioni di utenti di Libero e Virgilio

Un giovane hacker ha superato con successo le difese di Libero Mail e Virgilio Mail comodamente seduto in un bar di Assago. Peccato che l'enorme antenna usata abbia attirato l'attenzione delle autorità che sono riuscite ad acciuffarlo.

Le auto connesse non potranno fare a meno di Amazon

di Antonio Elia Migliozzi

Ford annuncia un accordo con Amazon per l’auto connessa e autonoma. Il brand americano ha siglato una partnership a livello globale con Amazon Web Services per lavorare sulla connettività. In arrivo una nuova piattaforma basata su cloud che nei prossimi anni cambierà il volto delle auto del brand. La nuova interfaccia catapulterà l’auto nel mondo dell’Internet of Things permettendo una gestione rapida ed efficace anche nel caso delle flotte. Ford nel frattempo si potrà concentrare sullo sviluppo di una interfaccia utente semplice ed efficace. Dell’accordo con Amazon è parte anche Autonomic azienda controllata da Ford al lavoro sul Transportation Mobility Cloud (TMC). Vediamo i dettagli.

ACCORDO TECH

Ford Motor Company e la sua controllata Autonomic hanno siglato un accordo strategico con Amazon. Mentre in tutto il mondo si lavora alla messa su strada delle connected car di nuova generazione, Ford punta su Amazon Web Services (AWS). Il progetto è globale e di durata pluriennale. Si vuole ampliare la disponibilità di servizi di connettività cloud e servizi per lo sviluppo di applicazioni automotive. In questo modo Ford potenzierà il cloud TMC per farne la sua piattaforma ufficiale per l’auto connessa. Puntando sui servizi del portafoglio di Amazon il marchio americano scommette sull’Internet of Things (IoT), sul machine learning sugli ultimi sistemi di analisi e elaborazione dati. La collaborazione con Amazon apre le porte ad ulteriori servizi a disposizione degli operatori del trasporto pubblico, i gestori delle flotte e gli sviluppatori di software.

INVESTIMENTI IN CAMPO

Ad oggi il Transportation Mobility Cloud di Autonomic è al servizio del settore automotive e degli sviluppatori sulla strada dell’auto connessa. Autonomic, con il sostegno di Ford, ha già collegato in rete milioni di veicoli e fornisce connettività sicura ad un cloud dedicato. “Questa collaborazione amplierà significativamente le nostre opportunità di offrire le migliori esperienze ai clienti Ford”, ha dichiarato Marcy Klevorn, presidente di Ford Mobility. In casa Ford ci tengono ad aggiungere che il loro futuro cloud: “Sarà supportato da Amazon Web Services oltre che dal Transportation Mobility Cloud di Autonomic. Lavorando con AWS e Autonomic, Ford avrà accesso alla piattaforma di mobilità leader del settore.” Insomma se oggi si parla di auto connessa è facile immaginare che un simile accordo si potrà estendere al lavoro di Ford sulla guida autonoma.

LA PROSPETTIVA

La collaborazione tra Ford, Autonomic e Amazon vuole offrire servizi di mobilità innovativi e esperienze cliente differenziate in tutto il mondo. Autonomic conferma di voler costruire uno standard di connettività che ciascun brand dell’auto potrà personalizzare. Amazon Web Services è una tra le piattaforme cloud più adottate al mondo. Il sistema offre oltre 165 servizi per l’elaborazione, l’archiviazione, il networking e l’analisi dei dati. Amazon è sempre più attiva nel settore automotive sia sul fronte delle tecnologie su strada che su quello della progettazione industriale. L’Industrial Cloud fornito da Amazon a Volkswagen unirà i dati di circa 122 stabilimenti del gruppo grazie alla tecnologia cloud. In questo modo si ottimizzeranno i processi di produzione garantendo anche uno stretto contatto tra VW e le aziende fornitrici.

 

L'articolo Le auto connesse non potranno fare a meno di Amazon proviene da SicurAUTO.it.

Oppo presenta la serie Reno: zoom 10X, fotocamera ''a scomparsa'' e modem 5G. Prezzi a partire da 499 Euro

La nuova serie Reno di Oppo viene creata per soddisfare le aspettative in termini di design, fotografia e performance che gli utenti ricercano in uno smartphone di ultima generazione. Due gli smartphone con specifiche tecniche di primissimo ordine soprattutto per quanto concerne la fotocamera del Reno Zoom 10x.

PUBG: quasi un miliardo di dollari nel 2018, la maggior parte dal PC

Secondo i dati raccolti da un analista di mercato, il PC sta trainando il successo di PUBG, mentre più del 50% dei suoi giocatori risiede in Asia

Foto Antiquaria: il 28 Aprile 2019 ad Arezzo la mostra-mercato

Torna l'appuntamento con la mostra mercato di Foto Antiquaria ad Arezzo! Dal 1986 un ritrovo per tutti gli appassionati di fotografia, sia digitale che analogica, che potranno trovare e acquistare vere e proprie rarità (e non solo)!

Oppo Reno ufficiale in Europa: dal 10 Maggio da 499 euro

di Alessandro Signori

Oggi, a Zurigo, è stata presentata, per l’Europa, la nuova gamma di smartphone Oppo: Reno 5G, Reno Zoom 10x e Reno. Design e caratteristiche all’avanguardia con uno sguardo al futuro. (...)
Continua a leggere Oppo Reno ufficiale in Europa: dal 10 Maggio da 499 euro su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Vedi il miglior smartphone android di Aprile 2019
Tags del post: , , , ,

Google Pixel 3a: un nuovo render lo mostra in versione bianca

di Alessandro Signori

Tramite un tweet, uno dei più noti leakers del mondo, ha postato un’immagine del prossimo Google Pixel 3a in versione bianca, mostrando sia la parte frontale che il retro del dispositivo. (...)
Continua a leggere Google Pixel 3a: un nuovo render lo mostra in versione bianca su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Qui trovi la classifica del miglior smartphone android
Tags del post: , , ,

TIM, Vodafone, Wind e altri propongono i 50GB a meno di 7 Euro. Ecco tutte le offerte di telefonia di Mercoledì 24 Aprile

Tante le offerte che si susseguono per quanto concerne i vari operatori della telefonia mobile. Spesso diventa difficile capire effettivamente se una determinata offerta è ancora valida e come è possibile soprattutto attivarla se andando in un negozio o se è possibile farlo online.

Equinix investe 8 milioni per ampliare il suo datacenter ML3 di Milano

Il nuovo datacenter ML3 di Equinix, noto anche come Fort Knox, è stato appena rinnovato. Ora può ospitare un massimo di 800 cabinet ed è in grado di garantire un uptime del 99,999%, merito dei nuovi sistemi di alimentazione ridondanti.

La parola Leica bannata in Cina per un video su Piazza Tiananmen

La parola Leica è stata bannata in Cina dal governo della nazione asiatica per via di un video pubblicitario riconducibile alla filiale brasiliana del produttore tedesco. Lo scandalo? I riferimenti a Piazza Tiananmen.

La benzina supera 2 euro/l in autostrada, aumenti anche alle pompe bianche

di Donato D'Ambrosi

Il ponte del 25 aprile si sarà più caro del previsto per gli italiani in viaggio a causa degli aumenti del prezzo della benzina in autostrada oltre i 2 euro al litro. Un rialzo che nei giorni precedenti non ha escluso gli altri carburanti seppure in varia misura e le pompe bianche, dopo il sorpasso del gasolio nei mesi scorsi. Ecco dove il prezzo della benzina è schizzato alle stelle.

GLI AUMENTI IN AUTOSTRADA

Rimbalza in rete la notizia della benzina schizzata oltre 2 euro al litro sulle arterie stradali principali. Sulle autostrade A1 Milano-Napoli, presso alcune aree di servizio, Lucignano est (Arezzo), Arno ovest (Firenze), San Zenone est (Milano), ormai pensare di fare un pieno a una Fiat Punto in autostrada restando sotto la spesa di 100 euro è impossibile.

TUTTO PARTE DAGLI USA

A causare l’impennata dei prezzi del carburante alla pompa sarebbero state le ripercussioni d’oltreoceano dallo scontro tra USA e Iran con il coinvolgimento della Cina. Dopo l’annuncio delle sanzioni ai Paesi che avrebbero importato petrolio iraniano, si fanno roventi i rapporti anche con Cina, Giappone e altri Paesi – tra cui anche l’Italia che paga così il rialzo del prezzo del greggio.

IN AUTOSTRADA L’AUMENTO SI VEDE DI PIU’

In un solo colpo l’Italia così torna nel periodo pre e post Pasqua 2019 ai prezzi medi alla pompa di diversi mesi fa. Basta pensare che solo a gennaio 2019, le quotazioni dei carburanti medie, secondo i dati del Ministero dello Sviluppo Economico, si fermavano a 1,49013 euro per la benzina e 1,43473 euro per il diesel. Bisogna comunque tenere conto anche che sulla rete autostradale il prezzo sono già rincarati rispetto alla rete extraurbana secondaria a causa delle commissioni che incassano i Gestori stradali. Autostrade o no, il costo della benzina e del gasolio è aumentato significativamente anche presso le pompe bianche o no-logo, dove il prezzo dei carburanti si discosta in media di 10 centesimi di euro rispetto alla media degli altri gestori.

L'articolo La benzina supera 2 euro/l in autostrada, aumenti anche alle pompe bianche proviene da SicurAUTO.it.

Amazon Echo Dot disponibile anche da MediaWorld

di Roberto F.

Amazon Echo Dot è entrato nel portafoglio di prodotti disponibili con la nota catena di elettronica MediaWorld. Scopriamo insieme tutti i dettagli

L'articolo Amazon Echo Dot disponibile anche da MediaWorld proviene da TuttoAndroid.

Thermaltake presenta il dissipatore AIO Floe Riing RGB 360 in versione TR4 Edition

hermaltake presenta un nuovo modello della sua già nota serie di dissipatori AIO per processori denominata Floe Riing RGB, pensato per essere abbinato ai processori AMD Ryzen Threadripper con socket TR4: ecco il Floe Riing RGB 360 TR4 Edition
❌