Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Elon Musk presenta i nuovi progetti per il marchio Tesla

di Emanuela Acri
In occasione di un importante evento che si è tenuto in Cina, Elon Musk ne ha “approfittato” per presentare la prossima novità Tesla. Infatti, è stato condiviso su WeChat il promo bozzetto ufficiale di quella che potrebbe essere – molto probabilmente – la nuova compatta del marchio Tesla. Si tratta di una citycar elettrica dall’aspetto molto particolare. Come si […]

Tesla: da luglio il nero si paga. Stessi colori per i prossimi 20 anni

di Donato D'Ambrosi

I colori preferiti dagli automobilisti non sono più quelli di una volta e visto che razionalizzare è il fattore comune a molti Costruttori di auto, anche Tesla ha annunciato cambiamenti importanti. Come suo solito fare, Elon Musk ha spiegato in un tweet lampo, qui sotto, che da luglio 2019 il colore nero costerà 1000 dollari e non sarà più quello base gratuito. In linea di massima i colori disponibili per le Tesla resteranno gli stessi ancora per molti anni. Ed è facile immaginare che far pagare la vernice di colore nero ha a che fare anche con la sempre maggiore compatibilità con i radar e i sensori dei sistemi ADAS.

L’ANNUNCIO DI MUSK SULLA VERNICE NERA DA 1000 $

Se fino ad oggi i colori scuri erano un must per le auto premium e quelle istituzionali, la tendenza del mercato va sempre più verso colori chiari, con il bianco in testa, e il grigio. Anche se non è ufficialmente chiaro il motivo della scelta Tesla di far pagare il colore nero 1000 dollari come per il grigio metallizzato a partire da luglio, si può ipotizzare che i nuovi colori siano più “radar-friendly”. Ma allora perché non dirlo chiaramente? Forse per non spaventare i clienti?

Starting next month, Tesla will charge $1000 for color black (same price as silver)

— Elon Musk (@elonmusk) June 19, 2019

COME CAMBIANO I COLORI DEI MODELLI TESLA

Quel che è certo è che da luglio il nero pastello non sarà più il colore di base gratuito: lo afferma sempre Elon Musk in risposta a un follower che chiedeva delucidazioni in merito. Quindi, salvo altre novità dell’ultimo minuto i colori standard delle Tesla sono fondamentalmente quelli della bandiera americana più qualche tono scuro: bianco pastello (gratis, di base), rosso, blu, grigio e nero metallizzati. E a chi ricorda a Musk che forse per Tesla è arrivato il momento di aggiornare la tavolozza dei colori, il CEO risponde che “Cambiare la tavolozza è l’inferno sul service, perché le auto durano per 20 anni. Ogni cambiamento di colore ha effetti a lungo termine, soprattutto per la Model 3.”

GLI EFFETTI DELLA VERNICE NERA SUGLI ADAS

Non sarebbe così improbabile il legame tra questa novità e l’introduzione di nuove vernici compatibili con i radar, poiché come abbiamo spiegato qui, saranno proprio i colori meno riflettenti e quelli scuri a sparire dai listini delle auto a guida autonoma. I maggiori fornitori di vernici stanno infatti lavorando con i Costruttori di auto allo sviluppo di rivestimenti che applicati su materiali che compensano il disturbo al funzionamento corretto dei Lidar. Sarà così anche per Tesla? Intanto se stavate pensando di comprare una Tesla nera farete bene ad affrettarvi per non pagare la vernice 1000 dollari in più.

The post Tesla: da luglio il nero si paga. Stessi colori per i prossimi 20 anni appeared first on SicurAUTO.it.

Tesla Model 3: ora si puó avere con 527 euro al mese

di Redazione

La Tesla Model 3 è arrivata in vendita in Italia da pochi mesi. Si è presentata nella versione Standard Range Plus a un prezzo di listino di 48.500 euro. L’auto, negli Usa, era disponibile anche con la formula del finanziamento con riscatto. Oggi, su Twitter, Elon Musk ha annunciato che quella stessa formula è stata attivata anche in altri Paesi, Italia inclusa. Lo fa appoggiandosi in via non esclusiva a Fiditalia con un offerta valida fino al 31 maggio di quest’anno.

UN FINANZIAMENTO MODULARE

L’idea non è nuova, ma rappresenta una novità per la Tesla Model 3. La Casa californiana, come abitudine, rende tutto molto semplice. Basta andare sul configuratore, scegliere la versione che si preferisce, e poi selezionare i parametri del finanziamento per tarare anticipo iniziale, durata e maxi rata finale di riscatto sulle proprie esigenze.

A PARTIRE DA 527 EURO AL MESE

Facciamo un esempio. Prendiamo la versione “base” della Tesla Model 3 Standard Range Plus a trazione posteriore. Con vernice pastello, cerchi da 18”, interni neri Partial Premium e Pilota automatico di serie. La Casa, come opzioni iniziali, suggerisce un anticipo da 8.000 euro, una durata di 60 mesi e una maxi rata finale da 17.318 euro. Tutti gli importi sono Iva inclusa. In questo caso, la rata mensile per entrare in possesso della vettura è di 527 euro al mese. Con costi totali di 49.090 euro, Tan al 4,45% e Taeg al 5,07%. A questi si devono aggiungere 350 euro di spese di istruttoria, 16 euro di bollo e 5 euro di spese di incasso rata. Ci sono poi 1,2 euro di spese annue di invio del rendiconto e un’imposta di bollo di 2 euro per saldi superiori ai 77,47 euro.

SI PUÒ AVERE ANCHE PER SOLI DUE ANNI

Ma Tesla,nella formula del finanziamento, permette la massima flessibilità. Se ad esempio per la stessa vettura descritta sopra, con lo stesso anticipo di 8.000 euro, si decide di abbassare la durata a soli 24 mesi, allora si andrà incontro ad una rata mensile di 551 euro, ma anche ad una maxi rata finale per il riscatto della vettura di 32.162 euro, rifinanziabile a sua volta.

RATA INIZIALE A PIACERE

Il configuratore mette a disposizione anche durate intermedie di 36 e 48 mesi e la possibilità di modificare la rata iniziale. Tornando all’ipotesi dei 60 mesi, ad esempio, impostando un’anticipo di soli 1.000 euro, si andrà incontro ad un canone mensile di 657 euro. Al contrario, se si decide di sborsare una cifra iniziale di 17.318 euro (il massimo consentito, pari a circa un terzo del valore di acquisto), la rata scenderà a 353 euro al mese.

MUSK SPINGE PER L’ACQUISTO

Nonostante il finanziamento così descritto metta in luce un risparmio di 173 euro al mese nel caso di un anticipo di 8.000 euro e una durata di 60 mesi, Elon Musk, sempre via Twitter, suggerisce ai clienti Tesla di preferire l’acquisto della vettura. Queste le sue parole: “per quanto il finanziamento abbia un costo minore, io suggerisco l’acquisto, perché il valore residuo della vettura per i clienti che non vogliono riscattare l’auto è più alto del risparmio derivante dal finanziamento stesso”. Insomma, stando al “Musk-pensiero”, se alla fine non volete tenere l’auto, spenderete di meno acquistandola e rivendendola piuttosto che accendendo al finanziamento. Una considerazione che in Italia ha ancora più valore tenendo conto degli incentivi per l’acquisto delle auto elettriche che può far scendere il prezzo anche di 5.000 euro.

L'articolo Tesla Model 3: ora si puó avere con 527 euro al mese proviene da SicurAUTO.it.

Elon Musk, anche meno

di Antonino Caffo

Il 2019 non è stato certo all’insegna dei pesci d’aprile, ma se lo fosse stato, quello che vi racconto oggi avrebbe vinto il primo premio. Elon Musk ha scritto e inciso un brano rap.

Leggi il resto dell’articolo

OpenAI lancia un nuovo progetto AI etico

di Antonino Caffo

OpenAI ha annunciato oggi la creazione di OpenAI LP, una società creata per far progredire l’intelligenza artificiale verso un sistema sicuro.

Leggi il resto dell’articolo

Tesla Model Y, annuncio il 14 marzo

di Filippo Vendrame

Tesla Model Y sarà presentata ufficialmente il prossimo 14 marzo al Tesla Design Studio di Hawthorne a Los Angeles. Elon Musk ha condiviso questa importante notizia direttamente attraverso il suo profilo Twitter. Finalmente, la casa americana toglierà i veli sul suo crossover elettrico di cui si specula già da parecchio tempo. Che l’annuncio potesse arrivare già nel corso del mese di marzo non rappresenta una sorpresa. Più di un anno fa, lo stesso Elon Musk aveva fissato per la metà del mese di marzo 2019 il periodo utile per la presentazione della Model Y.

Leggi il resto dell’articolo

Tesla Model 3, prezzi inferiori e più opzioni

di Filippo Vendrame

Tesla non si è limitata a presentare la versione “Standard Range” della Model 3. La società americana, infatti, ha annunciato importanti cambiamenti a livelli di prezzi e di opzioni per le varianti già in vendita. I prezzi di accesso delle Tesla Model 3 sono, infatti, calati sensibilmente. Contestualmente, però, la società di Elon Musk ha deciso di sdoppiare l’opzione Autopilot. Chi vorrà inserire le funzionalità di guida assistita nella sua Model 3 potrà adesso scegliere non un solo pacchetto ma due optional distinti.

Leggi il resto dell’articolo

Tesla Model 3, arriva la versione Standard Range

di Filippo Vendrame

Tesla ha finalmente lanciato la Model 3 “Standard Range“, la variante entry level della sua “piccola” auto elettrica con prezzi a partire da 35 mila dollari. Questo annuncio era molto atteso da quando, alcuni anni fa, Elon Musk presentò al pubblico la Model 3. Secondo il “Master Plan” dello stesso Musk, la Model 3 aveva il compito di democratizzare l’auto elettrica grazie al suo prezzo base di appena 35 mila dollari. Tuttavia, Tesla ha fatto inizialmente debuttare solo le versioni più costose della Model 3 per ragioni prettamente legate ai costi di produzione ed alla necessità di ottenere profitti. Con il passare dei mesi, nonostante le rassicurazioni di Musk, la Tesla Model 3 “Standard Range” stava diventando sempre di più un miraggio.

Leggi il resto dell’articolo

Elon Musk annuncia la data: 10 dicembre il primo tunnel!

di Canna
Mai banali i progetti di Elon Musk e difficilmente, anzi quasi mai, non mantiene le promesse. Il primo tunnel sembra infatti ormai pronto e abbiamo una data ufficiale: 10 dicembre. Il progetto era quello di costruire dei tunnel sotterranei con […]
❌