Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Le migliori 10 Marche di auto al mondo del 2019

di Donato D'Ambrosi

Sapere quali sono le migliori marche di auto al mondo restringe più facilmente la scelta dell’auto nuova o usata a un minore numero di modelli. Nel 2019 le migliori marche di auto europee sono tedesche, ma in testa alla classifica si piazza Toyota. Ecco quali sono le marche auto e i brand dei Costruttori migliori secondo la classifica Best Global Brands 2019.

LE MIGLIORI MARCHE DI AUTO 2019

Come si stabilisce quali sono le migliori marche di auto al mondo? Ci sono tanti modi per costruire la Classifica delle migliori aziende automotive. Un Costruttore auto è tanto più forte quanto più è alto il fatturato o, in modo equivalente, il numero di auto vendute. Agli automobilisti però interessa sicuramente di più quali sono le auto migliori in base alla qualità. L’indagine di Interbrands mette insieme una serie di fattori (previsioni finanziarie, ruolo del marchio e forza del marchio) che decretano quali sono le migliori marche di auto e non del 2019. Isolando dalla classifica nell’immagine qui sotto i Costruttori di auto, ecco chi e perché è tra i migliori Costruttori di auto.

1.TOYOTA  

Toyota, in testa alla classifica è la casa auto con il più alto valore del brand: oltre 56 miliardi di dollari in aumento del +5% rispetto all’anno precedente. A dare il titolo di migliore Marca di auto al mondo a Toyota è stato il valore di fattori esterni: la rilevanza, l’autenticità e la presenza sul mercato e attraverso le opinioni dei consumatori.

2.MERCEDES-BENZ

Mercedes al secondo posto tra le migliori Case auto al mondo del 2019, ha un valore stimato in quasi 51 miliardi di dollari. Il secondo posto della Best Global Brands 2019 è l’impegno verso il rafforzamento del Marchio, la rilevanza e la reattività ai cambiamenti del mercato.

3.BMW

Bmw è cresciuta solo dell’1% con un valore stimato in poco più di 41 miliardi di dollari, quanto basta però per piazzarsi nell’11esimo posto tra le migliori marche al mondo del 2019. I valori più solidi individuati nella Bmw sono secondo Interbrands sono la chiarezza sui target e il posizionamento del brand, l’infallibilità del brand e la presenza sul mercato.

4.HONDA

Honda è solo al 21esimo posto tra le migliori marche al mondo ma è cresciuto in valore più di BMW (+3%, stimato in oltre 24 miliardi di dollari). I punti di forza della Honda sono la chiarezza della sua mission, l’autenticità e la presenza sul mercato.

5.FORD

Tra le migliori marche del 2019 Ford è staccata dalla testa di 35 posizioni, tuttavia è cresciuta del 2% con un valore di 14 miliardi di dollari. I migliori aspetti della Ford sono la velocità di risposta al mercato adattandosi ai suoi mutamenti, la rilevanza di mercato e demografica e la presenza sul mercato.

6.HYUNDAI

Hyundai marca stretto la Ford dalla 36esima posizione delle migliori marche 2019, infatti nonostante il valore stimato in poco più di 14 miliardi di dollari, è cresciuta del +5%. Chiarezza della missione, l’impegno a rafforzare l’identità del marchio e la rilevanza sono i suoi valori di punta.

7.VOLKSWAGEN

Volkswagen è posta in 40esima posizione con un valore di quasi 13 miliardi di dollari, in crescita del +6%. Bisogna considerare che in questo caso si parla di Volkswagen come Brand e non come Gruppo. Le migliori caratteristiche della Volkswagen valutate sono la solidità, la presenza sul mercato e la capacità di adeguarsi ai cambiamenti dei vari mercati.

8.AUDI

Tra le migliori marche 2019 Audi è 42esima della classifica mondiale con una crescita del +4% e un valore di poco inferiore al brand gemello del Gruppo: quasi 13 miliardi di dollari. Le potenzialità migliori dell’Audi sono la chiarezza della mission, l’impegno nel rafforzamento del Brand e la differenziazione di mercato.

9.PORSCHE

Tra le migliori 10 marche di auto 2019, Porsche è cresciuta più di tutte: +9% con un valore stimato di quasi 12 miliardi di dollari. Le migliori caratteristiche del profilo Porsche sono la capacità di assecondare i clienti, l’autenticità del brand e l’identità del brand riconosciuta dai clienti.

10.NISSAN          

Nissan è ultima tra le 10 migliori marche di auto del 2019, e anche l’unica ad aver perso -6% del valore a poco più di 11 miliardi di dollari. Dalla 52esima posizione delle migliori marche al mondo del 2019, Nissan ha dalla sua l’impegno nel rafforzamento del marchio, la presenza sul mercato e la rapidità con cui riesce ad adattarsi ai cambiamenti nei mercati in cui opera.

The post Le migliori 10 Marche di auto al mondo del 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

I 12 maggiori Costruttori di auto diesel Euro 5 e 6 in Europa

di Donato D'Ambrosi

L’Europa ha un parco auto circolante prevalentemente diesel, per quanto i motori ad alimentazione alternativa stiano conquistando quote di mercato. Il calo di vendite dei motori a gasolio non va certo sottovalutato soprattutto se si considera che le auto Euro 6D-TEMP sono molto più pulite. Ciò nonostante i Costruttori maggiori di auto diesel sono anche quelli che hanno innescato questo cambiamento. Ecco quali sono i maggiori Produttori di auto e furgoni Euro 5 ed Euro 6 e in quali Paesi europei si concentrano più veicoli diesel.

IL NUMERO DI VEICOLI DIESEL IN EUROPA DAL 2008 AL 2018

Tra un paio di anni i listini auto dei Costruttori fioriranno di auto elettriche o ibride, quante ne dovranno vendere per evitare le multe sui crediti CO2 è un’altra storia. Rinnovare il parco circolante non sarà una sfida facile se si pensa che in Europa circolano 51 milioni di auto e furgoni diesel Euro 5 ed Euro 6 oltre i limiti di emissioni. Per oltre i limiti si intende più del doppio di Nox nei test NEDC e il triplo nei test RDE. Secondo il rapporto di Transport&Environment dal 2016 e nei 2 anni successivi la vendita di veicoli diesel è cresciuta del 74%. Tra i maggiori Costruttori per numero di vendite di veicoli diesel il Gruppo Volkswagen è in testa.

I MAGGIORI COSTRUTTORI DI VEICOLI DIESEL EURO 5 E 6 IN EUROPA

La classifica dei Costruttori che hanno venduto più veicoli diesel di T&E si basa sul numero di vendite dal 2008 al 2018 in Europa. Una parentesi va fatta per Opel che è stata acquistata da PSA solo nel 2017, quindi non conteggiata nelle vendite del Gruppo francese. In testa alla classifica delle vendite di auto diesel Euro 5 e 6 c’è il Gruppo Volkswagen (11,6 milioni) seguito dal Gruppo Renault (8,1 milioni) e da PSA (7,2 milioni). Fiat-Chrysler che negli ultimi anni ha puntato molto sul metano in Europa, ha una maggiore presenza negli USA soprattutto con i diesel RAM e i SUV Jeep.

I PAESI IN EUROPA CON PIU’ AUTO E FURGONI DIESEL

Se si considerano invece i Paesi con il più alto numero di auto diesel Euro 5 ed Euro 6 la Germania non poteva che essere in testa. Il rapporto T&E conta quasi 10 milioni di veicoli. Come se i veicoli diesel prodotti dal Gruppo Volkswagen fossero rimasti in patria, ma non è così. Al secondo posto c’è la Francia (9,8 milioni) e il Regno Unito (8,5 milioni). L’Italia si ferma a 6,7 milioni di auto diesel, il che significa che gran parte di queste appartengono ad altre marche. Ultima nella top5 dei principali mercati auto in Europa è la Spagna con 3,8 milioni di veicoli diesel Euro 5 ed Euro 6.

The post I 12 maggiori Costruttori di auto diesel Euro 5 e 6 in Europa appeared first on SicurAUTO.it.

Acquisto auto connesse: per il 48% l’assistenza vale più della Marca

di Donato D'Ambrosi

Qual è la Marca auto migliore da acquistare? Oggi la scelta dell’auto nuova è ancora fortemente legata alla riconoscibilità di un brand o una Marca. Si sceglie una Marca specifica per distinguersi e un modello particolare in base a una serie di valutazioni oggettive e soggettive. Nella scelta della marca oggi è ancora fortemente indicativa la classifica USA delle auto migliori, tra qualche anno invece si valuteranno le auto per servizi e assistenza. E’ quanto emerge da un sondaggio sull’importanza del Brand nella scelta di un’auto connessa.

IL COSTO E LA QUALITA’ FARANNO LA DIFFERENZA NELLA SCELTA

Le auto elettriche, ibride e connesse stanno già trasformando il mercato e presto cambieranno anche i criteri di scelta dell’auto nuova. Lo rivela un sondaggio IBM da cui viene fuori che già oggi per il 48% degli intervistati la Marca di un’auto non è fondamentale. Con le economie di scala e gli aggregamenti industriali di Costruttori in Gruppi la distinzione tra auto si baserà sui servizi. “In tutto il mondo le case auto si stanno preparando a un settore in cui meno del 50% considererà il proprio marchio un fattore competitivo differenziante“, ha affermato Ben Stanley (IBM).

COSA DEVE AVERE UN’AUTO PREMIUM PER ESSERE MIGLIORE

Le previsioni dicono che nei prossimi 10 anni acquisteremo meno auto poiché l’uso e la proprietà saranno sempre più distinti. Questo trend per il 48% delle persone intervistate significa valutare costi e convenienza più del brand o della marca auto. In quali casi però il brand vale più dei costi e della convenienza? Sulle auto connesse si sceglie un brand per caratteristiche digitali o fisiche che pongono il prezzo in seconda fila. Queste valutazioni però cambiano in modo considerevole se gli utenti abitano in città o in periferie e zone rurali. La scelta di un brand premium ad esempio passa al 28% nelle zone di periferia. Tra gli altri motivi, la possibilità di scegliere dispositivi particolari (54% in città – 40% periferia) e un servizio privilegiato, spostano l’importanza sul brand premium.

PERCHE’ SCEGLIERE UNA MARCA PREMIUM DIGITALE

Tra le caratteristiche digitali di una scelta Premium invece la sicurezza e la privacy è al primo posto (57% in città – 46% in periferia). Anche se poi con le auto Mercedes in leasing in UK vengono tracciate e i clienti neppure se ne accorgono. Un’auto premium diventa importante per la possibilità di parlare all’infotainment nel 50% dei casi (città e 30% in periferia). Globalmente l’impressione di avere un’esperienza digitale migliore su un’auto premium è importante per il 49% in città e il 32% in periferia. I cloud non sono da meno: quasi le stesse persone (49% e 31%) sceglierebbe un’auto premium per la possibilità di trasferire tutti i dati su un modello diverso ma della stessa marca.

The post Acquisto auto connesse: per il 48% l’assistenza vale più della Marca appeared first on SicurAUTO.it.

Le 12 marche di pneumatici OEM migliori del 2019

di Donato D'Ambrosi

Non sempre è possibile scegliere la marca di gomme preferita quando si acquista un’auto nuova. I Costruttori di auto spesso hanno accordi con diversi produttori di gomme OEM (original equipment manufacturer) per uno stesso modello di auto. Perché è così importante che l’auto nuova abbia le gomme migliori? Un’indagine di JD Power ha stilato la classifica delle 12 migliori marche di pneumatici del 2019 (in allegato in fondo all’articolo) in base alla soddisfazione dei clienti USA. Cosa devono avere le gomme di primo equipaggiamento per superare il test dei clienti? JDP ha raccolto le informazioni sulle gomme OEM Michelin, Continental, Pirelli, Bridgestone, Goodyear, Dunlop, Hankook, Yokohama, Kumho, Toyo, Nexen e Firestone. A guardare i risultati dell’indagine sugli pneumatici, il punteggio varia in base al segmento: lusso, utilitaria, SUV e sportiva.

L’INDAGINE USA SULLE GOMME DI PRIMO IMPIANTO MIGLIORI

Il sondaggio JD Power sulle gomme di primo impianto migliori si basa sulle risposte di 27700 consumatori da ottobre a dicembre 2018 che hanno acquistato un’auto nuova nel 2017 e nel 2018. Scegliere l’auto con le gomme giuste è per i Costruttori di auto una scelta strategica che può ritorcersi contro i suoi stessi interessi. “Quando i proprietari insoddisfatti devono cambiare prematuramente gli pneumatici, danno la colpa al produttore delle gomme – spiega Brent Gruber, Senior Director JD Power, ma anche a quello del veicolo. La marca delle gomme OEM di primo impianto influenza quindi l’automobilista anche sulla scelta delle gomme dopo qualche anno. E a quanto pare spesso anche sulla scelta della nuova auto in alcuni casi. Ma come devono essere le gomme di primo equipaggiamento secondo i consumatori?

QUANTO VALE L’USURA DELLE GOMME OEM

La caratteristica più importante per i consumatori USA è la durata, anche se l’aspettativa dei clienti è quasi sempre distante dalla realtà. L’indagine Original Equipment Tire Customer Satisfaction 2019 rivela che rispetto alle 40 mila miglia attese, la sostituzione delle gomme OEM avviene a 26 mila miglia. Secondo lo studio, il 74% dei proprietari sono estremamente soddisfatti sia dell’auto sia degli pneumatici originali. Quando invece la soddisfazione delle gomme cala, di riflesso solo il 62% dichiara di essere soddisfatto anche dell’auto. A proposito di marche, se non sai cosa lega i vari produttori ecco l’organigramma sulle parentele tra marche di pneumatici.

MICHELIN E GOODYEAR IN TESTA ALLE 12 MARCHE PREFERITE DEL 2019

Per costruire la classifica delle marche di pneumatici di primo impianto migliori, lo studio ha dato un punteggio anche ad altre 3 caratteristiche oltre l’usura: dimensioni, aspetto e motricità. Le gomme Michelin primeggiano in 3 categorie su 4 (772 luxury; 756 autovetture e 730 in camion su 1.000). Al primo posto del segmento auto sportive c’è invece Goodyear, che dall’indagine riceve una valutazione di 753/1000. Clicca sulle singole classifiche qui sopra per vedere a tutta larghezza quali sono le altre marche di pneumatici di primo equipaggiamento migliori del 2019.

The post Le 12 marche di pneumatici OEM migliori del 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

❌