Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Relicensing di software: breve guida per attuare pratiche di “riciclo digitale” a norma di legge

di Alessandro Crea
L’utilizzo di software per la gestione di aspetti sempre più capillari sia della vita economica, che di quella di tutti i giorni, ha posto l’attenzione, già da tempo, sull’esigenza di potervi accedere a prezzi accessibili. Una possibile soluzione al problema è il ‘relicensing’, pratica che ha avuto il via libera con la sentenza del 3 […]

Privacy Shield inadeguato alla tutela dei dati trasferiti negli USA: quali conseguenze per le aziende?

di Alessandro Crea
Il Reg. UE 679/2016 o “GDPR” si applica solo all’interno dell’Unione Europea. Ci sono, però, alcune previsioni specifiche (segnatamente nel capo V, dagli artt. 44 ss., GDPR) volte a garantire il rispetto dei principi di tutela e protezione dei dati personali anche nel caso di trasferimento dei dati dall’Unione Europea verso i paesi Extra-UE. In […]

Il Trust adotta la blockchain

di Alessandro Crea
Il Trust italiano, o, per meglio dire, l’associazione di professionisti che applicano l’istituto del Trust in Italia, ha deciso di utilizzare la blockchain per dare maggiore certezza e trasparenza alle operazioni compiute. In particolare, l’impiego della blockchain è finalizzato ad assicurare ai documenti i caratteri di certezza della data, immodificabilità e opponibilità verso terzi. Come vedremo di seguito, […]

L’identità digitale: la tutela della personalità dell’individuo sul web

di Alessandro Crea
Secondo la definizione data dalla psicologia e dalle scienze sociali, in via del tutto generale, l’identità personale consisterebbe nella rappresentazione di un individuo in relazione al contesto sociale in cui sviluppa la sua personalità. Essa è costituita quindi dalle sue esperienze, dai suoi gusti e dalle sue convinzioni personali. L’Identità personale, così definita, rientra anche […]

Danno alla reputazione: personale, professionale e della persona giuridica

di Alessandro Crea
Oggigiorno si sente parlare molto spesso di danno alla reputazione. La questione non è affatto nuova, ma sembra che nell’era di Internet e dei social network la possibilità di arrecare un danno di questo tipo a qualcuno o di subirlo si siano amplificate. Infatti, se da un lato l’iperconnessione rende estremamente facili e veloci le interazioni tra persone, […]

Il Codice deontologico degli influencer marketing: le regole di condotta

di Alessandro Crea
Già da tempo le aziende sfruttano la fama e la notorietà di un personaggio famoso (come uno sportivo, un cantante o un attore) coinvolgendolo nei propri spot pubblicitari, cartellonistici o televisivi, per far conoscere i propri prodotti al pubblico dei consumatori. Quest’attività si è resa subito piuttosto proficua, grazie alla fiducia che già di per […]

Google rischia una nuova class action a causa dei problemi legati ai Pixel 3

di Raffaele Casola
Lo studio legale Chimicles Schwartz Kriner e Donaldson-Smith LLP (CSK & D) ha da poco reso noto di aver avviato un indagine per l’avvio di una potenziale causa contro il colosso tecnologico Google. Pochi mesi dopo il lancio del Pixel 3, molti utenti hanno iniziato a lamentare gravi problemi alla durata della batteria, una netta […]

La distribuzione di contenuti illeciti su Telegram: una guerra senza fine

di Alessandro Crea
Come ormai noto, nel periodo più buio della lotta al coronavirus, quello in cui le nostre libertà di circolazione sono state pressoché azzerate, la fruizione di quotidiani, riviste e libri in versione digitale ha avuto un’impennata considerevole. Per venire incontro alle esigenze dei lettori più avidi, nonostante le edicole siano rimaste aperte per tutto il […]

L’Affective Computing: implicazioni giuridiche dell’Algoritmo emozionale

di Alessandro Crea
Una delle questioni attualmente più dibattute sullo sviluppo della tecnologia e sulla sua diffusione nella società riguarda le possibilità per macchine o robot di essere in grado di riconoscere, esprimere e generare emozioni e sentimenti umani. Ciò che infatti attualmente distinguerebbe l’uomo dalle macchine è la c.d. “Intelligenza emotiva”, ovvero la capacità di riconoscere e […]

Concerti estivi annullati: l’ira dei consumatori

di Alessandro Crea
L’estate 2020 sarà senza dubbio un’estate sottotono, non solo per le strutture recettive che faticano a ripartire, ma soprattutto per la quasi totale assenza di serate, concerti e festival: quasi tutto cancellato o rimandato a data da destinarsi. Uno shock per gli appassionati di musica dal vivo. I concerti estivi che sono stati annullati o […]

Lo smart-working, effetti sul rapporto di lavoro e problemi giuridici

di Alessandro Crea
Come è noto, l’emergenza da Covid-19, a cui consegue la necessità di evitare assembramenti e favorire il distanziamento sociale, ha favorito in molti casi il ricorso alla tecnologia per garantire la prosecuzione delle attività. Le riunioni si svolgono tramite teleconferenza e la prestazione lavorativa, dove possibile, da remoto. Si è dunque favorito il ricorso a […]

Bonus mobilità: incentivi per la tutela dell’ambiente e la mobilità sostenibile

di Alessandro Crea
La fine del lockdown e la ripresa graduale dell’attività lavorativa comportano che un numero sempre più importante di persone invada le strade per recarsi a lavoro. Nella gestione della c.d. “fase 2” è essenziale contemperare alcune esigenze primarie: innanzitutto, la tutela della salute dei lavoratori, e in generale di chi deve spostarsi per i motivi più vari; […]

L’Oversight Board di Facebook

di Alessandro Crea
I primi di maggio, Facebook ha annunciato pubblicamente i nomi dei venti personaggi di spicco che andranno a costituire il suo Oversight Board, una sorta di Consiglio di sorveglianza che avrà, tra gli altri, il compito di accogliere e valutare le istanze degli utenti di Facebook e Instagram, che si sono visti cancellare determinati contenuti. L’organo valuterà, in sostanza, se […]

Differenza garanzia commerciale e garanzia legale

di Aggregator

La garanzia offerta dai produttori non è sempre di due anni. Cerchiamo di capire meglio la normativa europea. Quando acquistiamo un computer o un televisore ultimo modello, di norma pensiamo di poter godere di una garanzia di due anni e quindi di avere due anni di tranquillità – ferma restando la scocciatura di non poter usare il nostro amato acquisto per il periodo di tempo, più o meno lungo, necessario per l’eventuale riparazione. La realtà, però, è diversa. Molti produttori concedono due anni di garanzia, altri solo uno. Fra gli ultimi rientrano anche alcuni big del settore hi-tech, come Apple e Sony (che offre un solo anno sulla Playstation 3).

La garanzia detta convenzionale o commerciale viene solitamente offerta dal produttore del bene (negli esempi che abbiamo fatto, Apple e Sony), che s’impegna direttamente a riparare e/o sostituire il bene o suoi componenti entro un determinato periodo, purché i difetti non siano stati causati dalla condotta dell’acquirente (ad esempio perché ha fatto cadere la console oppure perché il telefono cellulare è caduto in acqua). Se il televisore di cui abbiamo detto cessa di funzionare o manifesta altre problematiche durante il periodo di validità della garanzia commerciale, allora il produttore provvederà, di norma, a ripararlo o sostituirlo. Anche un difetto sopravvenuto darà all’acquirente la possibilità di ottenere la riparazione o la sostituzione del bene acquistato (purché il guasto non sia stato una conseguenza di un uso scorretto da parte dell’acquirente stesso!).

[adv1]

Premesso che quando viene venduto un bene trova applicazione anche la disciplina del codice civile in tema di contratto di vendita, assume una fondamentale importanza, per i nostri scopi, la celebre garanzia biennale (spesso confusa con quella commerciale). Tale garanzia è quella oggi prevista dal Codice del consumo, che opera se il bene acquistato presenta un difetto di conformità.

Il difetto di conformità sussiste quando il bene non è conforme a quanto pattuito nel contratto di vendita. Tale difetto, però, deve sussistere ab origine: dunque, anche se il guasto si verifica successivamente, la causa del guasto non deve essere sopravvenuta. Come vedremo, provare che il difetto sia insito nel bene può essere però un compito molto arduo.

Fonte

❌