Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Coronavirus: cosa potrebbe insegnare all’automotive e non solo

di Donato D'Ambrosi

Ecco cosa abbiamo cambiato nelle nostre abitudini con il Coronavirus e cosa potrebbe insegnare all’automotive e in altre situazioni l’emergenza Covid-19 in Italia

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Chi è Morgan Lost? Ritratto di un cacciatore di serial killer

di Massimo Costante
Morgan Lost arriva nelle edicole di tutta Italia nel 2015, ma una continua e sensibile evoluzione lo porterà a raccontarsi in molteplici e oscure sfumature, l’ultima di esse la nuova serie Night Novels approdata nelle edicole con un nuovo #1 dallo scorso novembre. Ma chi è il tormentato e tenebroso personaggio ideato da Claudio Chiaverotti? […]

Le 10 auto elettriche più cercate dagli italiani sul web nel 2019

di Donato D'Ambrosi

Tra i carburanti preferiti dagli italiani, il diesel è di gran lunga in vantaggio rispetto a benzina e carburanti alternativi, ma da gennaio 2019 è esplosa la ricerca delle auto elettriche online. Lo rivela un’indagine sulle ricerche degli utenti online in fatto di carburanti che stila anche la classifica delle 10 auto elettriche più cercate su internet. Sarà sorprendente scoprire come l’auto più venduta non è quella più desiderata e che quelle più esclusive ma meno alla portata di tutti accendono più interesse.

A GENNAIO 2019 90 MILA RICERCHE ELETTRICHE

Il numero di ricerche medie mensili di auto elettriche e ibride online è molto inferiore rispetto ai carburanti più diffusi. Lo rivela l’indagine SEMrush che pone il diesel e biodiesel in testa ai carburanti più cercati dagli italiani (ma anche in Spagna, Francia, Giappone e Svezia) con un criterio basato su 11 chiavi di ricerca. Il fatto che a gennaio 2019 ci sia stato un picco di 90 mila ricerche sulle auto elettriche è un segnale che l’approccio degli utenti verso la mobilità alternativa sta cambiando. E’ anche per questo che abbiamo realizzato la prima indagine in Italia sui costi reali di manutenzione delle 10 auto elettriche e ibride più vendute in Europa.

LE 10 AUTO ELETTRICHE PIU’ CERCATE DAGLI ITALIANI

Nonostante i numeri di vendite siano ancora marginali e iniqui rispetto alle quote di benzina e diesel, gli italiani sono sempre più interessati alle auto elettriche e ibride. Complice forse anche il bonus di incentivi statali fino al 2021, ecco quali sono le 10 auto elettriche più cercate dagli italiani:

1.Hyundai Kona EV
2.Tesla Model 3
3.BMW i8
4.Tesla Model S
5.BMW i3
6.Tesla Model X
7.Renault ZOE
8.Nissan Leaf
9.Hyundai Ioniq EV
10.Tesla Roadster

IL DIESEL PERDE VENDITE SOLO SUL NUOVO

Non è una novità se le ricerche online sulle auto diesel hanno tenuto banco negli ultimi anni, con una media di quasi 50 mila clic al mese negli ultimi 3 anni. Le auto a benzina, nonostante stiano ribaltando le quote delle immatricolazioni di auto rispetto alle diesel, sono solo al terzo posto. Con una media di poco superiore a 11 mila ricerche al mese, negli ultimi 3 anni, la parola benzina è anche quella più diffusa e universale. E’ infatti del +81,7% la crescita dei volumi di ricerca negli ultimi 3 anni. Il picco massimo di ricerche relative ai carburanti fossili è attribuibile al periodo di ottobre 2018, quando l’Europa ha imposto le nuove etichette carburanti.

The post Le 10 auto elettriche più cercate dagli italiani sul web nel 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Incidente con testimone: il 55% di chi assiste si rifiuta di testimoniare

di Donato D'Ambrosi

In caso di incidente stradale il più delle volte è la testimonianza di chi ha assistito al fatto a chiarire una dinamica poco precisa. Il problema però è che in Italia oltre la metà dei testimoni si defila, ufficialmente non per omertà ma per varie ragioni. A dirlo è un’indagine italiana sulla propensione degli italiani a dare la propria testimonianza dopo aver assistito a un incidente stradale.

PERCHE’ MOLTI NON TESTIMONIANO

Secondo un’intervista commissionata da Facile.it l’equivalente di 24 milioni di italiani si rifiutano di collaborare con le autorità quando assistono a un incidente. Si tratta del 55,7% che dopo aver assistito a un sinistro fanno il possibile per sottrarsi dall’onere morale (e legale) di dire la verità. Guardando però il report del sondaggio nel dettaglio, i numeri cambiano quando si tratta di feriti o pedoni. Secondo l’analisi, il 42% degli intervistati ha evitato di testimoniare perché riteneva inutile o non necessario lasciare i propri riferimenti. Più di 1 su cinque afferma che nessuno glielo ha chiesto. Molti altri invece perché c’erano già altri testimoni (13,1%) o perché erano già intervenute le autorità (6%). C’è poi chi dice di non aver visto abbastanza (10,7%), non potersi fermarsi (5,5%) o non voler correre rischi o avere fastidi dopo (3,2%).

I TESTIMONI DEI PEDONI NON SI FANNO INDIETRO

Tra quelli che invece hanno risposto positivamente alla disponibilità di testimoniare dopo un incidente, in testa alle motivazioni c’è il senso civico (36,3%). Il 7% lo fa invece perché gli è stato esplicitamente richiesto mentre solo l’1% degli intervistati è convinto sia un obbligo del codice della strada. Se nell’incidente ci sono solo danni alle auto, il 63,7% dichiara di allontanarsi senza lasciare i dati. Se invece sono rimaste coinvolte anche persone, il 39,9% se ne va senza dare il proprio contributo alla ricostruzione della dinamica. Per fortuna la tendenza a farsi i fatti propri diminuisce quando vengono coinvolti in incidenti pedoni o ciclisti: il 67,4% dei rispondenti all’indagine ha dichiarato di essersi fermato per dare una mano. Di fronte a un incidente con uno scooter, una bici o una moto invece scende al 50% il popolo di testimoni che restano là e danno i propri riferimenti.

GLI ANZIANI E LE DONNE TESTIMONIANO MENO

Dall’indagine è emerso che gli uomini sono la componente maggiormente coinvolta nelle testimonianze: il 58% delle donne se ne è andato senza dare i propri dati contro il 53,3% del campione maschile. Tra i 60 e i 74 anni rientrano gli italiani che collaborano meno spesso con le autorità: il 39,2% degli intervistati lascia i propri contatti. Nell’indagine è emerso anche un dato importante, sebbene derivante da dichiarazioni degli intervistati. Il 62,5% dei testimoni disponibili a raccontare l’accaduto non siano poi mai stati contattati dalle autorità o da chi era coinvolto nell’incidente.

The post Incidente con testimone: il 55% di chi assiste si rifiuta di testimoniare appeared first on SicurAUTO.it.

❌