Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 16 Agosto 2019RSS feeds

The Witcher 3: Henry Cavill diventa Geralt anche nel gioco grazie a una mod

di Nicola Armondi
Come di certo saprete, Henry Cavill interpreterà lo strigo Geralt di Rivia all’interno della serie Netflix The Witcher. Se non vedere l’ora di ammirare in azione l’attore, potete ingannare l’attesa con una mod che permette di dare al cacciatore di mostri proprio il volto di Cavill. La mod, disponibile su NexusMods, è stata rilasciata da […]
Meno recentiRSS feeds

State of Play: a novembre una nuova diretta con annuncio della data di The Last of Us 2?

di Nicola Armondi
PlayStation ha saltato l’annuale appuntamento dell’E3. Si è trattato probabilmente della scelta migliore, dal punto di vista del marketing, ma all’atto pratico noi giocatori ci siamo ritrovati senza seri aggiornamenti sui principali titoli per PS4, escluso Death Stranding, che è stato presentato in una diretta dedicata. Molti pensavano che Sony avrebbe mandato in onda una […]

The Last of Us 2: nuove informazioni sul gameplay

di Alessandro Niro
Le informazioni sino ad oggi rilasciate riguardo il sequel del titolo di Naughty Dog più atteso ed amato The Last of Us 2, sono veramente pochissime. Il team di sviluppo non ha lasciato molto al pubblico su cui lavorare. Ed anche il prossimo gameplay sembra non arrivare mai. Il panel del Manchester Comic-Con di The Last […]

The Last of Us, tributo all’opera da un artista della Disney Pixar

di Alessandro Niro
The Last of Us, uscito più di sei anni fa, è rimasto nel cuore di moltissimi giocatori. Grazie alla sua avvincente ed emozionante narrazione, è diventato presto una pietra miliare del genere e sul web, l’opera ha continuato ad essere una fonte d’ispirazione per la creazione di diverse fan art. Ciò è dovuto dal particolare […]

I ladri non vogliono le auto elettriche

di Antonio Elia Migliozzi

Quali sono le auto più interessanti agli occhi dei ladri? Una ricerca americana fa chiarezza. Come sappiamo non tutte le auto sono attraenti per i ladri che, prima di compiere un furto, valutano la preda alla luce delle possibilità di rivendita. L’Istituto americano sulla sicurezza stradale IIHS e l’Highway Loss Data Institute (HLDI) hanno stilato la classifica delle auto più rubate negli Usa. I risultati sono interessanti. Se scorriamo i nomi notiamo come le prime posizioni siano occupate da vetture sportive ad alte prestazioni e pick-up. Il podio è composto dalle velocissime Dodge Charger HEMI e Challenger SRT con la berlina Infiniti Q50 che si piazza terza. Tra le auto meno rubate primo posto per la BMW Serie 3 berlina seguita dalle elettriche Tesla Model S e Model X. Lo scarso appeal delle auto elettriche si spiegherebbe nella necessità di lasciarle in carica durante la notte all’interno di box o parcheggi controllati. Diamo uno sguardo dettagliato a questo interessante studio.

SPORTIVE IN TESTA

L’istituto americano IIHS e l’Highway Loss Data Institute (HLDI) hanno unito le forze per una nuova ricerca congiunta. Al centro della loro attenzione le auto rubate negli Usa. Ne sono derivate due classifiche che mettono nero su bianco i nomi delle vetture più, o meno, desiderate dai ladri. Tra i veicoli che hanno subito più furti, nel periodo tra il 2016 e il 2018, troviamo modelli ad alte prestazioni ma anche SUV e pickup. Insomma mezzi diversi ma accomunati da prezzi di vendita, anche nell’usato, abbastanza elevati. Primo posto per la Dodge Charger HEMI seguita dalla Dodge Challenger SRT Hellcat. Queste due auto hanno tassi di furto che sono più di 5 volte sopra la media. Chiude il podio la berlina Infiniti Q50 anche lei con un tasso di oltre 5 volte superiore alle altre.

ELETTRICHE POCO AMBITE

Curioso il fatto che l’auto in cima alla lista dei modelli meno rubati ci sia una berlina di pregio come la BMW Serie 3. Sorpresa anche per lo scarso interesse dei malintenzionati per le auto elettriche. Le Tesla Model S e Model X sono rispettivamente seconda e terza tra le meno rubate. Per gli autori della ricerca il loro tasso di furto limitato è correlato al fatto che i veicoli elettrici, di solito, sono parcheggiati in garage o luoghi protetti per la ricarica. Già lo scorso anno HLDI aveva evidenziato come i veicoli elettrici mostrassero un minor numero di reclami per furto. Gli interessi dei ladri cambiano spesso. Assente dall’elenco dei modelli più rubati il poderoso SUV Cadillac Escalade, che fino a qualche anno fa, dominava la classifica. Sicuramente tra i SUV di lusso c’è più concorrenza come confermano le attenzioni per Infiniti QX80 e Land Rover Range Rover.

LO STUDIO

Da parte loro IIHS e HDLI riconoscono l’impegno dei costruttori sul fronte sicurezza. La maggior parte dei veicoli oggi in commercio dispone di immobilizzatori per impedire che vengano avviati senza una chiave adeguata. Oltre agli immobilizzatori molte auto prevedono funzioni antifurto, sensori di rottura dei vetri, rilevatori di movimento e inclinazione. Si tratta di dotazioni spesso opzionali ma che possono fare davvero una grande differenza. Va detto che la ricerca ha considerato i veicoli rubati e non tutte le denunce di furto come, ad esempio, quelle relative a singole componenti. Per effettuare questa cernita HLDI ha esaminato nel dettaglio gli importi pagati ai singoli automobilisti. “I modelli che vengono rubati tendono ad essere potenti e costosi, il furto di veicoli è un crimine di opportunità, afferma Matt Moore, di HLDI.

The post I ladri non vogliono le auto elettriche appeared first on SicurAUTO.it.

The Witcher 3 su Switch: data di uscita in arrivo?

di Nicola Armondi
The Witcher 3, non senza una certa sorpresa, arriverà anche su Nintendo Switch. Ovviamente il gioco non sarà paragonabile, a livello visivo, alle altre versioni, ma il fascino delle più recenti avventure di Geralt di Rivia non si discute. In ogni caso, potremo giudicare la resa finale solo quando avremo in mano il gioco: la […]

Luke Skywalker (Star Wars: The Last Jedi) di Tamashii Nations

di Alex Enuncio
Tamashii Nations pochi giorni fa ha annunciato l’arrivo della nuova action figure ispirata a Luke Skywalker direttamente dal film di Star Wars VIII: The Last Jedi (Gli Ultimi Jedi) per la linea S.H. Figuarts. L’action figure è realizzata completamente in plastica, misurerà circa 15 cm, rimanendo in scala con l’altezza delle altre figure della serie […]

The Last of Us 2: Troy Baker ci parla di data di uscita e della qualità del gioco

di Nicola Armondi
The Last of Us 2, attualmente in sviluppo presso gli studios di Naughty Dog, è probabilmente una delle esclusive PS4 più attese di questa generazione. I Cagnacci di Sony hanno stupito tutti quando, a fine generazione PlayStation 3, hanno pubblicato una nuova IP di qualità elevatissima. Il gioco è stato annunciato da tempo e abbiamo già […]

PS5: Stray’s Cross di Naughty Dog sarà un gioco di lancio?

di Nicola Armondi
Anche se l’attuale generazione è tutt’altro che conclusa, sopratutto in casa Sony dove ancora devono giungere grandi nomi come Death Stranding, Ghost of Tsushima e The Last of Us Part II, la voglia di next-gen è tanta. Di certo i grandi sviluppatori sono già al lavoro su titoli per PS5, ma prima di scoprire qualcosa […]

App anti-distrazioni al volante: solo il 20% dei conducenti le usa

di Donato D'Ambrosi

La distrazione al volante è la prima causa di incidenti stradali, e lo smartphone è tra i fattori scatenanti di un fenomeno in crescita. Negli anni sono state sviluppate funzioni e app dedicate per limitare la connettività quando il conducente è alla guida. Una soluzione molto apprezzata dagli utenti, ma poco usata in auto, almeno secondo un’indagine dell’IIHS. L’Insurance Institute for Highway Safety ha infatti scoperto che solo 1 proprietario su 5 di smartphone si impegna ad usare tutti gli strumenti a sua disposizione per evitare distrazioni alla guida.

UNA FUNZIONE UTILE PER 3 SU 4

L’IIHS ha condotto un sondaggio telefonico su un campione di 800 intervistati dai 18 anni in su, tutti frequenti utilizzatori di smarthpone. Almeno la metà degli intervistati utilizza un iPhone in grado di silenziare automaticamente le telefonate durante la guida. Mentre l’altra metà ha dichiarato di usare uno smartphone Android o un iPhone antecedente alla versione 6. La maggior parte delle persone (3 su 4) ha riconosciuto che la possibilità di non distrarsi alla guida con il blocco automatico delle telefonate è molto utile, ma poi solo 1 su 5 attiva la funzione anti-distrazione al volante intenzionalmente.

NOT DISTURB DALL’IPHONE 6 E iOS11

Prima di addentrarci nei risultati dell’indagine dell’IIHS facciamo chiarezza sulla funzione anti-distrazione dei più recenti iPhone. Lo stesso vale per i più moderni Android o comunque per la possibilità di connettere il cellulare con il kit vivavoce integrato o il sistema d’infotainment dell’auto. Per quanto riguarda Apple, dall’iPhone 6 in poi e comunque dal rilascio dell’aggiornamento iOS11, gli iPhone possono limitare le distrazioni del conducente durante la guida. Tutto risolto? Proprio no, poiché chiaramente, quando si scarica l’aggiornamento l’utente ha la facoltà di accettare l’attivazione automatico del blocco quando è alla guida o “non ora”. Spuntando “non ora” dovrà poi abilitare manualmente la funzione ogni volta che sale in auto. 1 intervistato su 4 ha dichiarato di non aver attivato il blocco automatico delle chiamate perché “preoccupati di perdere importanti notifiche o perché non consapevoli che l’app fosse in modalità manuale”.

QUANTI LA USANO SU SMARTPHONE MENO RECENTI

Il 19% dei conducenti con smartphone Androidi o iPhone più vecchi che hanno un blocco di sicurezza si riduce della metà di quelli che lo usano davvero in auto. Solo circa la metà di questo gruppo lo attiva per tutto il tempo di guida o per la maggior parte del tragitto. “Anche se i proprietari di smartphone non si affrettano a utilizzare le app di blocco, sembrano aperti ai promemoria che li invitano a farlo.” Afferma Ian Reagan, coautore dello studio e ricercatore presso l’IIHS. “Le richieste periodiche di Apple potrebbero aumentare l’uso della modalità automatica ‘Not disturb’ durante la guida e contribuire a frenare almeno una delle cause di distrazione del conducente.”

The post App anti-distrazioni al volante: solo il 20% dei conducenti le usa appeared first on SicurAUTO.it.

Seat Mii EV: la prima “vera” elettrica di Martorell?

di Federico Proverbio
La piccola citycar, nata come alternativa alle sorelle Up! e Citigo del gruppo Volkswagen, si è da sempre contraddistinta per l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Acquistandola si potevano ottenere gran parte dei benefici della più costosa Up! risparmiando sul prezzo finale una cifra considerevole. Un passo in avanti, quasi naturale, per una vettura espressamente destinata alla città è […]

Final Fantasy 7 Remake approfondirà le relazioni tra i vari personaggi.

di Giacomo Todeschini
Nonostante sia stato svelato oramai diversi anni fa Final Fantasy 7 Remake resta tuttora uno dei titoli più attesi dall’intera community videoludica. Del resto è veramente difficile ignorare il remake di uno dei titoli più apprezzati ed amati di tutto il settore. A tornare sull’argomento è stato il producer Yoshinori Kitase, che ha mostrato la […]

The Last of Us 2: svelate data di uscita e nuovo gioco PS5 con un leak?

di Alessandro Niro
I leak ci sono sempre piaciuti anche se spesso, mostravano informazioni errate e non veritiere. In questo caso, sulle pagine di 4chan e Reddit è comparso uno screen contenente informazioni provenienti da un recente meeting che si sarebbe tenuto tra i capi di Naughty Dog e Sony. Da questa riunione, sarebbe sorta la data d’uscita dell’attesissimo […]

The Last of Us 2: turni di lavoro estenuanti in Naughty Dog

di Alessandro Niro
Abbiamo sentito parlare in diverse occasioni di crunch time, ossia l’abitudine che hanno le case di produzione videoludiche di “costringere” i propri dipendenti a turni di lavoro estenuanti e spesso, al limite della sopportazione umana. Bersaglio questa volta di alcune accuse anonime è Naughty Dog con l’attesissimo The Last of Us 2. Secondo alcune accuse […]

Final Fantasy 7 Remake ricreato all’interno di Dreams!

di Giacomo Todeschini
Nonostante sia ancora in accesso anticipato Dreams, titolo della talentuosa Media Molecule, ci ha già regalato in questi primi mesi di vita diverse esperienze decisamente promettenti, tra cui vari omaggi a celebri franchise. L’ultima creazione emersa da questa straordinaria fucina creativa riguarda nientepopodimeno che l’attesissimo Final Fantasy 7 Remake. L’utente “sosetsuken5360” è infatti riuscito a […]

Sagat tratto da Ultra Street Fighter II EXCLUSIVE San diego Comic Con 2019

di Alex Enuncio
In occasione del San Diego Comic Con che si svolgerà tra pochissimi giorni, Storm Collectibles come ogni anno ha annunciato delle action figure in esclusiva che troveremo solamente in vendita alla fiera di San Diego, e tra quelle proposte nel 2019 ci sarà Sagat tratto dal videogioco di Ultra Street Figher II. Come per tutte […]

FaceApp: ecco gli eroi dei videogame invecchiati dall’applicazione mobile

di Nicola Armondi
Una delle mode del momento è FaceApp, un’applicazione che è in gradi di invecchiare, cambiare genere e agire in vari altri modi sul vostro volto. Molti si stanno divertendo a provare l’applicazione con le proprie fotografie (o anche quelle altrui, alle volte). Pushsquare, però, è andata oltre e ha deciso di sfruttare FaceApp per provare […]

Street Fighter 2: Mike Tyson ha scoperto ora del personaggio a lui ispirato

di Nicola Armondi
La serie di Street Fighter può contare su innumerevoli lottatori. Di capitolo in capitolo, sono stati introdotti nuovi personaggi spesso passati alla storia. Uno dei più famosi, introdotto con Street Fighter 2 (1991 ), era ispirato al pugile Mike Tyson. È un fatto abbastanza noto, ma a quanto pare solo all’interno della community dei videogiocatori, […]

The Witcher 3: Exodus Reshade trasforma il gioco grazie al ray tracing

di Nicola Armondi
The Witcher 3 è, ancora adesso, un gioco di alta qualità visiva, sopratutto su PC. Questo però non significa che non possa essere migliorato: il mondo dei modder è sempre attivo in tal senso e ci permette di applicare qualche modifica grafica al capolavoro di CD Projekt RED per potenziare questo o quel dettaglio. Ora, […]

Sicurezza rotatorie: più rischi se ci sono due o più corsie

di Antonio Elia Migliozzi

In Europa come in America le rotatorie sono sempre più diffuse. Si tratta di una soluzione ideale per evitare ingorghi ai semafori all’intersezione di due o più strade trafficate. Una ricerca dell’Istituto americano IIHS dimostra che le rotatorie sono spesso molto pericolose. Le statistiche confermano le rotatorie a corsia unica sono le più sicure mentre quelle a corsia doppia aumentano, almeno in un primo momento, il rischio di errori e incidenti. La ricerca ha esaminato 98 rotatorie tra le oltre 300 presenti nello Stato di Washington. Eppure viene confermato che il problema non è di progettazione delle infrastrutture ma di attenzione alla guida da parte degli automobilisti. Insomma spesso il punto è capire a chi spetta effettivamente la precedenza. Vediamo tutti i dettagli dello studio.

UNA O DUE CORSIE

Le rotatorie migliorano la fluidità della circolazione stradale rispetto alle intersezioni tradizionali. Eppure i vantaggi delle rotatorie a due corsie sono inferiori a quelli offerti delle rotatorie a singola corsia. I ricercatori dell’IIHS hanno svolto uno studio sulle rotatorie confermando che quelle a doppia corsia registrano più incidenti. La ricerca conferma che gli incidenti alle rotatorie a due corsie diminuiscono col passare del tempo perché i conducenti acquisiscono maggiore familiarità. Le rotatorie costringono le auto a rallentare evitando i tipici incidenti da incrocio: collisioni ad angolo retto, laterali e frontali. La doppia corsia rende, però, le rotatorie più complesse, accrescendo il rischio incidenti. Alcuni studi, tra cui uno del 2012, ne avevano già sospettato la maggiore pericolosità. I ricercatori dell’IIHS si sono concentrati sullo stato di Washington che conta oltre 300 rotatorie. Coinvolte 98 rotatorie a una corsia e 29 a due corsie costruite tra il 2009 e il 2015.

LO STUDIO

Per ogni rotonda, i ricercatori IIHS hanno esaminato gli incidenti a partire dal primo anno dopo la costruzione fino al 2016. Per rendere lo il tutto più verosimile sono stati considerati anche i volumi di traffico delle zone in cui trova ciascuna rotonda. Il trend che ne è derivato è positivo. Il numero di incidenti alle rotatorie a due corsie è diminuito, in media, del 9% all’anno. Allo stesso tempo, diminuiscono nel tempo le probabilità che un incidente a una rotonda a due corsie comporti feriti gravi. In questo caso il calo registrato è di quasi un terzo all’anno. I ricercatori dell’IIHS hanno invece notato un aumento del numero di incidenti nelle rotatorie a corsia singola del 7% annuo anche se le probabilità di ferimento sono diminuite del 19%. “Le rotatorie a due corsie sono intrinsecamente più complesse rispetto a quelle a corsia singola”, ha concluso Wen Hu, principale autore dello studio.

QUESTIONE DI FAMILIARITA’

E’ chiaro che nello Stato di Washington molti conducenti non hanno ancora molta familiarità con le rotonde a doppia corsia ed è per questo comprensibile l’iniziale maggior numero di incidenti. Un problema comune alle rotonde è che non viene data la precedenza in modo corretto. I risultati dello studio IIHS suggeriscono che i conducenti vanno di solito più piano sulle rotonde a corsia singola riducendo di molto i rischi per la sicurezza. L’IIHS raccomanda comunque una progettazione e manutenzione più attenta. In questo senso l’illuminazione e la segnaletica, sia verticale che orizzontale, fanno davvero la differenza. I ricercatori auspicano più attenzione anche alla pendenza, alla grandezza delle isole spartitraffico e agli elementi decorativi centrali. Questi ultimi possono distrarre gli automobilisti e impedirgli di vedere oltre la rotonda.

The post Sicurezza rotatorie: più rischi se ci sono due o più corsie appeared first on SicurAUTO.it.

❌