Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

HTC pensa positivo: smartphone 5G (H2 2019) e VR faranno rinascere l'azienda

di HDblog.it

HTC non intende mollare la presa e, nonostante un 2018 disastroso, continua a puntare sul mercato degli smartphone. Infatti, dopo la presentazione dei nuovi visori VR Vive Cosmos e Vive Pro Eye, la presidente della società Cher Wang ha annunciato al CES di Las Vegas il lancio di uno smartphone 5G, che però non avverrà prima della seconda seconda metà del 2019.

Il brand preferisce focalizzarsi innanzitutto sullo sviluppo delle soluzioni basate sulla nuova tecnologia senza perciò bruciare le tappe, puntando piuttosto a proporre dispositivi maturi e pronti a primeggiare nel settore. HTC si concentrerà dunque inizialmente sulla crescita dei ricavi del settore VR, fondamentale per il futuro dell'azienda, e sullo sviluppo di uno smart hub 5G, atteso nel primo semestre dell'anno e realizzato in collaborazione con l'operatore telefonico statunitense Sprint.

Wang ha mostrato un certo ottimismo sulla ripresa di HTC affermando che l'arrivo delle reti 5G contribuirà attivamente al decollo dei settori relativi alla realtà aumentata e virtuale con anche l'ausilio dell'intelligenza artificiale e della blockchain (QUI le immagini di Exodus 1), tutti ambiti in cui l'azienda sta investendo in maniera importante.


Medio gamma senza compromessi? Samsung Galaxy A7 2018, compralo al miglior prezzo da Amazon a 269 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

HTC VIVE – VIVE Cosmos

di Andrea Alfano

HTC ha presentato al CES 2019 di Las Vegas i visori per la realtà virtuale VIVE Pro Eye e Vive Cosmos oltre al programma in abbonamento Viveport Infinity.

Leggi il resto dell’articolo

CES 2019, HTC annuncia VIVE Pro Eye e Vive Cosmos

di Filippo Vendrame

HTC ha annunciato al CES 2019 di Las Vegas alcune interessanti novità in materia di realtà virtuale. Nello specifico, la società ha annunciato nuovi prodotti hardware e software che ridefiniscono il modo in cui viene vissuta la realtà virtuale. Le novità principali riguardano i nuovi visori VIVE Pro Eye e Vive Cosmos oltre al servizio in abbonamento Viveport Infinity.

Leggi il resto dell’articolo

HTC Vive Cosmos e Vive Pro Eye: l’evoluzione della realtà virtuale passa dal tracciamento degli occhi

di Saverio Alloggio

Nel corso del CES 2019 – in corso in questi giorni a Las Vegas – HTC ha presentato due nuovi visori che sfruttano la realtà virtuale. Si tratta del Vive Cosmos e del Vive Pro Eye, evoluzioni dei due già presenti nel catalogo dell’azienda taiwanese. Non sono stati forniti tutti i dettagli tecnici, ma le novità annunciate fanno intravedere enormi potenzialità.

Vive Pro Eye è il primo visore per la realtà virtuale a introdurre il tracciamento degli occhi. Questo consente di sfruttare la tecnologia denominata “rendering foveated”, che gestisce le immagini a seconda della direzione dello sguardo da parte dell’utente: di fatto la messa a fuoco cambia rispetto a dove si guarda, per cui viene utilizzata minore potenza grafica in tutte le altre zone, con un grande vantaggio in termini di prestazioni e impatto energetico, oltre che di veridicità dell’esperienza visiva.

Insomma, potremmo essere difronte alla “next big thing” in ambito VR. Sulla carta le applicazioni di una simile tecnologia sono infinte, senza contare come possa rappresentare un punto cardine verso la totale indipendenza dei visori da hardware esterni. Nel corso delle prossime settimane HTC rilascerà maggiori informazioni, ma i primi hands-on effettuati al CES 2019 del Vive Pro Eye ne parlano in maniera entusiastica.

Our event starts with Dan O’Brien, GM Americas, who is excited to announce the new VIVE PRO EYE, an evolution in the enterprise VR space. #HTCVIVE #HTCVIVEPROEYE pic.twitter.com/mpblk8EZdK

— HTC VIVE (@htcvive) January 7, 2019

Per quanto riguarda HTC Vive Cosmos invece, la novità è rappresentata dalla presenza di due videocamere frontali e di controller di nuova generazione per la rilevazione del movimento. Secondo l’azienda taiwanese il visore sarà in grado di eseguire in automatico il tracking di corpo e testa, per cui non sarà più necessario disporre vari sensori in giro per la stanza, come avvenuto con il modello precedente.

Necessita comunque il collegamento al PC, ma può essere sfruttato anche in abbinata agli smartphone. Non si tratta dunque di un dispositivo standalone, necessita di un hardware esterno per il funzionamento, e magari questo potrebbe rappresentare il più grande limite in ottica commerciale, visto che l’arrivo sul mercato è previsto entro la fine del 2019. Per vedere invece sul mercato il Vive Pro Eye occorrerà attendere aprile, a prezzi non ancora comunicati.

VIVE COSMOS will offer absolute comfort, easy set up, & will require no external tracking; COSMOS allows you to enjoy VR at home or on-the-go. #HTCVIVECOSMOS #HTCVIVE #VIVEPORT pic.twitter.com/fQEZArr8LJ

— HTC VIVE (@htcvive) January 7, 2019

Proprio nella giornata di ieri, vi abbiamo parlato del calo del fatturato del 62% subito da HTC nel corso del 2018 rispetto all’anno precedente. Tra i vari settori per il rilancio dell’azienda abbiamo citato proprio la realtà virtuale, visti i buoni risultati dei visori Vive di precedente generazione. Con gli annunci odierni, è evidente come sia questo il settore su cui l’ex gigante taiwanese intende puntare.

HTC U11 è disponibile su Amazon con quasi 300 euro di sconto rispetto al prezzo di listino. Lo trovate a questo link.

L'articolo HTC Vive Cosmos e Vive Pro Eye: l’evoluzione della realtà virtuale passa dal tracciamento degli occhi proviene da Tom's Hardware.

HTC, il fatturato è crollato del 62% nel 2018

di Saverio Alloggio

HTC ha chiuso il 2018 con una diminuzione del 62% del fatturato rispetto al 2017. Le entrate infatti, aggiornate a dicembre, ammontano a soli 23,74 milioni di dollari, contro i 62 dell’anno precedente. Insomma, una spirale discendente che sembra non avere fine, dopo gli anni gloriosi vissuti dall’azienda taiwanese agli albori dell’era smartphone.

Le cifre in questione sono state diffuse attraverso Twitter da Tim Culpan, noto analista di Bloomberg, che ha confrontato mese per mese le entrate di HTC tra il 2018 e il 2017. Le ragioni di questa situazione sono molteplici, a cominciare dall’incapacità di contrastare, nel tempo, le nuove realtà che si sono affacciate sul mercato, in particolare quelle provenienti dalla Cina, Huawei e Xiaomi su tutte.

La recente serie U di smartphone top di gamma (l’ultimo in ordine temporale è l’U12 Plus) non ha ottenuto i risultati sperati, per quanto si tratti di dispositivi di assoluta qualità. Non è bastata neanche l’immissione di liquidità da parte di Google – che a settembre 2017 ha acquisito per 1,1 miliardi di dollari la divisione Pixel di HTC – per risollevare le sorti dell’azienda taiwanese.

HTC's 2018 started off badly.
And got progressively worse.
By year end, revenue dropped 62 percent.
That's their worst year ever.

for reference:
2017: – 21%
2016: – 36%
2015: – 35% pic.twitter.com/fwKXHhkJ8Q

— Tim Culpan (@tculpan) January 4, 2019

Resta da capire quelli che saranno gli scenari futuri. Negli ultimi anni HTC si è concentrata particolarmente sulla realtà virtuale, immettendo sul mercato uno dei migliori visori, il Vive. Proprio questa divisione è quella che sta ottenendo i risultati più incoraggianti, senza dimenticare il recente Exodus, ovvero uno dei primi smartphone blockchain realizzato proprio dall’azienda taiwanese che, nel corso del 2019, sembra essere pronta a commercializzare anche i primi dispositivi 5G.

Sarà difficile comunque riuscire a recuperare terreno. Il mercato smartphone non offre più gli spiragli di qualche anno fa, e la stessa HTC ha perso nel tempo alcuni punti chiave del proprio successo, su tutti l’interfaccia Sense, trasformatasi ormai quasi in una versione stock di Android. In ogni caso, il Mobile World Congress 2019 potrà fornire indicazioni su quella che sarà la strategia futura dell’azienda taiwanese.

HTC U11 è disponibile su Amazon con quasi 300 euro di sconto rispetto al prezzo di listino. Lo trovate a questo link.

L'articolo HTC, il fatturato è crollato del 62% nel 2018 proviene da Tom's Hardware.

HTC U11 con Android 9 Pie appare su Geekbench

di Roberto F.

Buone notizie per i possessori di HTC U11: lo smartphone è apparso nelle scorse ore nel database di Geekbench con a bordo Android 9 Pie

L'articolo HTC U11 con Android 9 Pie appare su Geekbench proviene da TuttoAndroid.

HTC perde il 62% nel 2018: difficile la ripresa se non con acquisizione

di HDblog.it

Ennesimo articolo su HTC ed ennesima conferma dell'enorme calo dell'azienda che, di fatto, ha anticipato tutti nel settore Android e ha dato realmente vita al sistema operativo Google. Il 2018 per il produttore taiwanese è stato disastroso con un -62% e possiamo anche aggiungere che la stessa azienda non ha fatto molto per cercare di arginare le perdite.

I prodotti, per quanto interessanti, non hanno certamente avuto particolare fortuna, gli investimenti pubblicitari sono stati scarsi e ormai il pubblico meno esperto stenta a conoscere HTC come brand di smartphone.

Nel 2018 HTC ha registrato entrate pari a soli 23,74 milioni di dollari contro i circa 62 milioni del 2017 come si nota dallo schema diffuso su Twitter da Tim Culpan, analista di Bllomberg:


Uno smartphone concreto, veloce e con un display eccellente? Asus Zenfone 5Z, in offerta oggi da Computer Shop Pisa a 399 euro oppure da Amazon a 457 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

HTC chiude il 2018 in negativo, per il settimo anno consecutivo

di Irven Zanolla

HTC ha chiuso il 2018 con l'ennesimo risultato negativo, sia per quanto riguarda il mese di dicembre sia per quanto riguarda l'intero 2018.

L'articolo HTC chiude il 2018 in negativo, per il settimo anno consecutivo proviene da TuttoAndroid.

HTC cerca il rilancio nel 2019, ma la formula lascia qualche dubbio

di HDblog.it

HTC sta attraversando un periodo particolarmente burrascoso, caratterizzato da una lenta ripresa su base mensile e un crollo senza fine su base annuale, che porterà la società taiwanese a chiudere il 2018 senza aver raggiunto il traguardo del miliardo di dollari di fatturato in un anno, per la prima volta in 10 anni.

Le fondamenta della società non appaiono molto solide e il futuro è incerto. Fortunatamente Darren Chen, presidente della compagnia, sembra avere un piano per rilanciare HTC nel corso del 2019 e incrementare le sue quote di mercato nel campo degli smartphone. La strategia sembra essere abbastanza semplice: concentrarsi esclusivamente sui top e i medi di gamma, tralasciando segmenti di mercato estremamente competitivi, come quello entry level.

Per mettere in atto questo piano e ridurre al minimo i costi, HTC estenderà il ciclo vitale dei suoi prodotti della serie U12 già in commercio, come il top di gamma U12+ e il medio di gamma U12 Life (recentemente presentato in versione 128GB), assieme al fresco di presentazione Desire 12s, con cui la casa taiwanese punta ad aggredire il segmento mid range durante le festività del nuovo anno cinese. Peccato che lo smartphone in questione sia basato su uno Snapdragon 435, una proposta di tutt'altra fascia di mercato e molto poco competitiva in un mercato come quello asiatico.


L'unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 609 euro oppure da ePrice a 859 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

HTC ha pronto un piano per rilanciarsi nel 2019

di Irven Zanolla

HTC annuncia un cambio di strategia per il 2019, nel corso del quale si concentrerà sui top di gamma e sui dispositivi di fascia media.

L'articolo HTC ha pronto un piano per rilanciarsi nel 2019 proviene da TuttoAndroid.

HTC Desire 12S: base di gamma in arrivo!

di Canna
Non si sente molto spesso parlare di HTC perchè è rimasto uno dei pochi brand a portare una vastissima gamma di prodotti ogni anno e perchè, purtroppo, non sembra affatto navigare in buone acque. Dopo HTC U12 nella sua variante […]

HTC Desire 12s ufficiale: snapdragon 435 e batteria da 3075 mAh

di Andrea Genovese

HTC Desire 12s è stato ufficialmente presentato durante un evento tenuto a Taiwan nelle scorse ore, introducendo un nuovo smartphone entry-level dalle buone prestazioni.

(...)
Continua a leggere HTC Desire 12s ufficiale: snapdragon 435 e batteria da 3075 mAh su Androidiani.Com


© andreagenovese for Androidiani.com, 2018. | Permalink |

Tags del post: ,

HTC Desire 12s, smartphone asimmetrico

di Luca Colantuoni

A distanza di circa nove mesi dall’annuncio dei Desire 12 e 12+, il produttore taiwanese ha presentato un terzo modello della serie. Si tratta del nuovo HTC Desire 12s con specifiche leggermente migliori del Desire 12. HTC ha stranamente cambiato il design della parte posteriore che ora farebbe storcere gli occhi agli amanti della simmetria.

Leggi il resto dell’articolo

HTC Desire 12s ufficiale: un entry-level con display 18:9 e Snapdragon 435

di HDblog.it

HTC Desire 12s è stato presentato ufficialmente a Taiwan: si tratta di un nuovo smartphone appartenente alla fascia economica che va così ad affiancarsi ai Desire 12 e Desire 12+ annunciati a marzo.

Il dispositivo è dotato di uno schermo da 5,7 pollici in formato 18:9 HD+, mentre la scocca posteriore è contraddistinta da una doppia texture interrotta a metà da una serie di righe orizzontali simile a quella della serie Pixel. Il processore è un Qualcomm Snapdragon 435.

HTC DESIRE 12S: SPECIFICHE TECNICHE

  • Display da 5,7" HD+ (720 x 1440 pixel), 2,5D IPS e formato 18:9
  • SoC Qualcomm Snapdragon 435 octa-core
  • 3/4GB di RAM e 32/64GB di storage espandibili
  • Sistema Android 8.1 Oreo personalizzato HTC Sense UI
  • Connettività: dual-SIM 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 b/g/n, Bluetooth 4.2, GPS + GLONASS, NFC
  • Fotocamera posteriore 13MP, apertura f/2.2, PDAF, registrazione video 1080p, flash LED
  • Fotocamera anteriore da 13MP, apertura f/2.4 e flash LED
  • Sensore delle impronte digitali posteriore
  • Dimensioni: 154,2 x 72,7 x 8,3 mm
  • Peso: 150 grammi
  • Batteria da 3075 mAh

HTC Desire 12s viene proposto in tre colorazioni: nero, argento e un rosso particolarmente accattivante. Per quanto riguarda prezzi e disponibilità, lo smartphone è al momento previsto solo sul mercato tawainese ad un prezzo di 5990 NT$ (circa 170 euro al cambio) per la variante con 3GB di RAM e 6990 NT$ (circa 200 euro) per la più completa con 4GB di RAM e 64GB di storage.


Il top gamma 2018 più completo sul mercato? Samsung Galaxy S9 Plus, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 525 euro oppure da ePrice a 576 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

HTC Desire 12s è ufficiale con 4 GB di RAM, un display 18:9 e le fotocamere da 13 MP

di Angelo Falcone

HTC Desire 12s è ufficiale con 4 GB di RAM, un display 18:9 e due fotocamere da 13 megapixel. Ecco a voi le specifiche tecniche e il prezzo.

L'articolo HTC Desire 12s è ufficiale con 4 GB di RAM, un display 18:9 e le fotocamere da 13 MP proviene da TuttoAndroid.

HTC regala gli auricolari JBL a chi acquista HTC U12+, U11+ e U11

di Irven Zanolla

HTC annuncia la vendita di Natale, con gli auricolari JBL, del valore di 120 euro, in regalo per chi acquista uno dei più recenti flagship.

L'articolo HTC regala gli auricolari JBL a chi acquista HTC U12+, U11+ e U11 proviene da TuttoAndroid.

HTC, fatturato in crescita su base mensile, ma crollo su base annua

di HDblog.it

HTC a novembre 2018 ha fatturato un po' di più rispetto a ottobre, ma molto meno rispetto al novembre dell'anno precedente. A meno di un clamoroso colpo di scena, è tra l'altro difficile che riuscirà a raggiungere il miliardo di dollari di fatturato complessivo annuale. Sarebbe la prima volta in 10 anni. Le cifre in sintesi:

  • Fatturato novembre 2018: 47,67 milioni di dollari
  • Fatturato ottobre 2018: 42, 63 milioni di dollari
  • Fatturato novembre 2017: 182, 5 milioni di dollari
  • Variazioni: +12,5 per cento rispetto al mese precedente, -73,98 per cento rispetto all'anno prima.

Fino a questo mese, il fatturato complessivo per il 2018 del produttore taiwanese ha raggiunto 725 milioni di dollari. Dicembre è un mese decisivo per la tecnologia di consumo, considerando il periodo natalizio, ma è difficile che si riusciranno a incassare i 275 milioni mancanti per arrivare alla simbolica quota di 1 miliardo (la media mensile finora è stata di 65,9 milioni, 1/4 scarso della cifra da raccogliere). Per riferimento, a novembre 2017 il fatturato annuo di HTC era già arrivato a quota 1,882 miliardi.

VIDEO


Medio gamma senza compromessi? Samsung Galaxy A7 2018, compralo al miglior prezzo da Amazon a 279 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Il 2018 sarà un anno indimenticabile per HTC, in negativo. Ma una piccola speranza…

di Giuseppe Biondo

Faranno fatica a dimenticare il 2018 in HTC, anno in cui le entrate sono letteralmente precipitate

L'articolo Il 2018 sarà un anno indimenticabile per HTC, in negativo. Ma una piccola speranza… proviene da TuttoAndroid.

❌