Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Kia Sorento 2020: arrivano il motore ibrido e la frenata multipla

di Donato D'Ambrosi

Il Salone di Ginevra 2020 è la vetrina di lancio della nuova Kia Sorento 2020, il suv ibrido con nuovi motori, caratteristiche e dotazioni. Kia conferma il motore da 1,6 litri ma diventa ibrida e fa il pieno di sistemi di sicurezza di serie sulla Sorento 2020. Ecco tutte le caratteristiche e le novità in anteprima sulla Kia Sorento 2020.

CON LA KIA SORENTO 2020 ARRIVA LA PIATTAFORMA GLOBALE SUV

Le auto ibride saranno sotto i riflettori del Salone di Ginevra 2020 e attireranno molti visitatori, come si intuisce dalle auto nuove vendute in Europa a gennaio 2020. Kia non sarà da meno, con la nuova Sorento 2020 che debutterà con una nuova piattaforma e una nuova gamma di motori. La produzione della nuova Kia Sorento inizierà alla fine del 2020 e utilizzerà per la prima volta la piattaforma globale Kia per i SUV medi. Questa piattaforma si caratterizza per massimizzare il passo, quindi l’abitabilità a fronte di sbalzi davanti e dietro più corti.

LA NUOVA KIA SORENTO 2020 DIVENTA IBRIDA

La Kia Sorento 2020 debutterà il nuovo motore turbo ibrido “Smartstream”: il motore sarà basato sull’unità turbo T-GDi da 1,6 litri accoppiato a un motore elettrico da 44,2 KW. L’alimentazione dell’unità elettrica avviene tramite un pacco batteria ai polimeri di litio da 1,49 KWh. Insieme, le due unità sviluppano una potenza totale di 230 CV e 350 nm di coppia, promette Kia. Con la nuova piattaforma, il pacco batterie sarà posizionato in un vano al di sotto del posto passeggero, senza limitare l’abitabilità di bordo o la capacità del bagagliaio.

I SISTEMI DI SICUREZZA DI SERIE SULLA KIA SORENTO 2020

Con la nuova Kia Sorento 2020 arriverà Il primo sistema frenante multi-collisione capace di limitare i danni in caso di urti secondari. Il sistema è in grado di attivare automaticamente i freni del veicolo in seguito all’apertura degli airbag per un urto, proteggendo i passeggeri da impatti. Il sistema frenante a collisione multipla sarà disponibile a seconda del mercato con otto airbag (laterali centrali dei sedili anteriori e airbag per le ginocchia). Su alcuni mercati sarà disponibile anche il sistema smartphone Surround View Monitor remoto che permette di controllare l’ambiente circostante il veicolo con il proprio smartphone. Per i prezzi bisognerà attendere il Salone di Ginevra dal 3 marzo 2020, mentre è già confermato il lancio della variante plug in hybrid nel corso dell’anno.

The post Kia Sorento 2020: arrivano il motore ibrido e la frenata multipla appeared first on SicurAUTO.it.

Alfa Romeo, Giulia Quadrifoglio GTA al Salone di Ginevra?

di Emanuela Acri
Per il momento sono solo voci di corridoio, però l’Alfa Romeo potrebbe presentare – al Salone di Ginevra 2020 – la nuova versione GTA della Giulia Quadrifoglio. Dunque la nuova auto potrebbe essere tra le principali protagoniste del grande evento, considerato il fatto che si tratta di una serie “ultra limitata”. Dunque, dopo le versioni 147 […]

Koenigsegg Jesko top car elaborata 1.600 CV con biometanolo

di redazione

La top car elaborata Koenigsegg Jesko può raggiungere 1.600 CV e spingersi fino a quasi 500 km/h, grazie alla possibilità di alimentazione a biometanolo E85, con cui spinge il 5 litri V8 biturbo.

Koenigsegg Jesko top car elaborata

Lo scorso Salone di Ginevra 2019, secondo l’opinione generale, è stato il “Salone dell’auto elettrica ma, senza alcun dubbio, anche il “Salone delle Hypercar, tra cui una delle più eclatanti è l’ultima fatica del costruttore svedese Koenigsegg che si chiama Jesko, è animata da un 5 litri V8 biturbo da ben 1.300 CV incrementabili fino a 1.600 CV mediante alimentazione a biometanolo e ha una velocità di punta ipotizzata vicina ai 500 km/h!

Koenigsegg Jesko top car elaborazione 1.600 CV con bioetanolo

Koenigsegg Jesko top car modificata

Ci sono tre elementi che caratterizzano il look di una Koenigsegg sin dalle origini: il parabrezza e i finestrini avvolgenti simili alla visiera di un casco, le portiere con apertura “a coltello” e il tetto rigido asportabile. Naturalmente anche la Koenigsegg Jesko li possiede ben integrati in un corpo vettura che trae ispirazione dalla Agera, nonché dagli attuali prototipi per gare di durata tipo Le Mans. Considerate le enormi prestazioni di cui è capace la Jesko, è stata data grande importanza alla downforce, ovvero al carico aerodinamico.

Koenigsegg Jesko top car tuning

A dispetto del corsaiolo look esteriore, l’abitacolo biposto della Koenigsegg Jesko non è affatto essenziale, minimalista o spoglio, esibendo invece styling, materiali e dotazioni hi-tech di ultima generazione in linea con le rivali di settore. Ci mancherebbe altro per ben oltre 2 milioni di Euro!

Koenigsegg Jesko top car elaborazione 1.600 CV con bioetanolo

I numeri della Koenigsegg Jesko
2019 – Anno di presentazione
1280 – Potenza max CV (benzina 95 ott.)
1600 – Potenza max CV (bioetanolo E85)
1500 – Coppia max Nm
482 – Velocità max km/h
2,5 – Secondi 0-100 km/h
125 – Esemplari previsti
2.300.000 – Prezzo in Euro (optional esclusi)

Info: www.koenigsegg.com

Koenigsegg Jesko top car elaborazione 1.600 CV con bioetanolo

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della Koenigsegg Jesko è su Elaborare 249.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 249 Maggio 2019QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

 
 
 
 
 
 
 
Cover Elaborare Maggio n° 249 2019

L'articolo Koenigsegg Jesko top car elaborata 1.600 CV con biometanolo proviene da ELABORARE.

Wimmer VW Polo-R WRC top tuning 420 CV

di redazione

Wimmer VW Polo-R WRC

Il tuner tedesco Wimmer ha elaborato la VW Polo-R WRC stradale raddoppiando, o quasi, la potenza del motore, che ora eroga ben 420 CV e tocca i 280 km/h! La Polo-R WRC fu presentata al Salone Ginevra del 2013 in vista dell'impegno ufficiale VW del World Rally Championship. Per prendervi parte, il regolamento della competizione prevede che le vetture partecipanti siano derivate da un modello di serie costruito in almeno 2.500 esemplari. La Casa tedesca ha provveduto quindi ad allestire una speciale versione della Polo dotata del 2.0 TSI da 220 CV della Golf GTI, affiancandola alla conosciuta 1.8 GTI da 180 CV. Di fatto, però, quella realmente schierata in gara deriva solo parzialmente dalla suddetta ad iniziare dal motore, un 1.6 TSI da 300 CV, passando per la trazione, integrale anziché sulle sole ruote anteriori, per terminare con ulteriori importanti modifiche a carrozzeria, telaio e organi meccanici.  (...) Carrozzeria e interni - Ad esclusione della livrea multicolore e delle ruote, dal punto di vista estetico la Polo-R WRC by Wimmer non presenta differenze rispetto alla versione prodotta in serie limitata dalla VW. Tuttavia, benché quest'ultima adottasse un sobrio aerokit che la distingueva dalla meno prestante Polo GTI, resta da chiedersi se non fosse opportuno dotarla di modifiche aerodinamiche più spinte. (...) Meccanica - Se il comparto estetico non è stato toccato più di tanto, quello meccanico prevede interventi davvero importanti, soprattutto a livello motoristico. Già, perché i 220 CV erogati dal noto 4 cilindri 2.0 TSI, montato sulla Polo-R WRC standard, nel caso della versione elaborata da Wimmer sono quasi raddoppiati raggiungendo quota 420 CV! Le numerose modifiche apportate per ottenerli sono elencate nella scheda a parte e disponibili ad un costo intorno ai 10.300 Euro. Una cifra non certo irrisoria, ma nemmeno inarrivabile per chi voglia provare l'ebrezza di gestire ben 420 CV con il piede destro a bordo di un'auto di evidente origine utilitaria. (...) Wimmer – VW Polo-R WRC I numeri della Wimmer VW Polo-R WRC 2016 – Anno di presentazione 420 – CV potenza max 480 – Nm coppia max 280 – Km/h velocità max 17 – Pollici diametro ruote 14.000 – Euro prezzo tuning meccanica Scheda tuning Wimmer VW Polo-R WRC Stesse caratteristiche della VW Polo-R WRC con le seguenti modifiche: Motore: centralina elettronica aggiornata, turbocompressore e intercooler modificati, condotti di aspirazione lavorati, pompa ad alta pressione maggiorata, nuova pompa benzina (6 bar), filtro aria ad alte prestazioni, nuovo impianto di scarico inox con catalizzatore sportivo, potenza max 420 CV (309 Kw), coppia max 480 Nm (48,9 kgm) Ruote: OZ Superleggera 8,0Jx17”, pneumatici 215/40 R17 (Nokian) Corpo vettura: wrapping parziale carrozzeria Sospensioni: assetto KW regolabile Variante 3 Prestazioni: velocità max oltre 280 km/h, accelerazione 0-100 km/h N.D. Prezzi: elaborazione motore € 10.300 , assetto € 1.700, ruote € 2.000 - Totale: € 14.000 Wimmer VW Polo-R WRC L'articolo completo della Wimmer VW Polo-R WRC con tutti i dettagli del tuning effettuato è su Elaborare 217. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI Cover Elaborare 217

AC Schnitzer ACL2 tuning 570 CV

di redazione

AC Schnitzer ACL2 570 CV

Presentata al Salone di Ginevra con la sigla ACL2, ha 570 CV e un rapporto peso/potenza da far rabbrividire una Porsche GT3. Per ora è solo una one-off, ma il preparatore tedesco è pronto a metterla a listino. Meccanica, aerodinamica, interni, ogni aspetto stato rivisto e innalzato di categoria. Stavolta chiamarla “the beast”, la bestia, non è sbagliato! AC Schnitzer, studio di engineering tedesco noto per le elaborazioni su base BMW, l’ha svelata al Salone di Ginevra ed è stata una delle supercar più ammirate dello show. Il punto di partenza è la BMW M235i. L’imponenza della ACL2 infatti, con le carreggiate allargate e la carrozzeria di colore verde acido non hanno certo deluso le attese. (...) AC Schnitzer ACL2 570 CV Motore e scarico - Il propulsore della M235i ha lasciato il posto a quello TwinTurbo della sorella maggiore M4, che ha 431 CV standard. Ovviamente la centralina è stata rimappata; poi troviamo un differenziale autobloccante a slittamento limitato con percentuali di bloccaggio dal 25 al 95% (...) AC Schnitzer ACL2 570 CV Freni e sospensioni - I freni sono a a sei pistoncini all’anteriore con dischi da 400 mm e a quattro pistoncini al posteriore con dischi da 380 mm. Le sospensioni, come schema, sono ancora una volta quelle della M4, ma con ammortizzatori e molle AC Schnitzer Clubsport regolabili sia in estensione sia in compressione. Aerodinamica e assetto - Il preparatore tedesco ha curato molto l’alleggerimento dell’auto, tanto che tutto il cofano motore è stato realizzato in carbonio. Le carreggiate sono allargate di 70 mm per lato, dunque complessivi 14 cm in più rispetto alla vettura standard. (...) Abitacolo - Anche l’abitacolo è stato stravolto. Ora presenta rivestimento bicolor in nappa, sedili racing in carbonio, volante a tre razze AC Schnitzer e cruscotto con tachimetro che ha il giusto fondoscala: 330 km/h. (...) AC Schnitzer ACL2 570 CV L'articolo completo con tutti i dettagli del test sulla AC Schnitzer ACL2 è  su Elaborare 215. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI Cover Elaborare 215

Salone Ginevra 2016 auto speciali

di redazione

Salone Ginevra 2016

Il Salone di Ginevra giunto alla sua 86ª edizione ha visto la presenza di tutti i grandi Costruttori, ma anche numerosi carrozzieri, preparatori e designer con 120 anteprime mondiali ed europee, 50 vetture esposte dai tuner e ben 35.000 CV complessivi. Il Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra ha preso il via con l'elezione dell'Auto dell'anno 2016, che è avvenuta ancor prima dell’apertura del Salone stesso. Sono seguite due giornate riservate ai giornalisti, con circa 70 conferenze stampa. Il botteghino ha fatto registrare un +0,7% rispetto al 2015, segno di ripresa del settore auto. Salone Ginevra 2106Salone Ginevra 2016 Il trend di quest’anno è la guida autonoma, abbinata ad ogni forma di alimentazione ibrida. In questo campo troviamo impegnati molti italiani a partire dallo IED che ha presentato la Shiwa, concept elettrico a guida autonoma. Ma non sono mancati gli atelier come quello di Pininfarina che ha proposto la H2 Speed, una vettura supersportiva alimentata con tecnologia a idrogeno fuel cell adatta per l'utilizzo in pista, con 503 CV ad emissioni zero in grado di raggiungere i 300 km/h. Salone Ginevra 2016 Salone Ginevra 2016 Anche la Italdesign ha esposto un'auto a trazione elettrica con ben 500 km di autonomia, la GTZero, una granturismo dalle forme ricercate e dall'aerodinamica molto curata come da tradizione Giugiaro. Ma in fatto di prestazioni puramente elettriche la Rimac non è seconda a nessuno. Se non vi bastano i quattro motori della Concept One che sviluppano una potenza complessiva di 1.088 CV e 1.600 Nm di coppia, con la Concept S da pista si arriva a 1.384 CV, 1.800 Nm e uno 0-100 in soli 2,5 sec. per una velocità massima di 365 km/h. In contrasto con questi veicoli che ci proiettano nel futuro, abbiamo trovato in numerosi stand una o più vetture del passato che, nonostante il progresso tecnologico, evidenziano un ritorno alle origini, specie per dettagli e colori delle carrozzerie. Tutti i dettagli e le immagini più suggestive delle auto esposte al Salone di Ginevra  2016 sono su Elaborare 215. ABBONATI alla rivista per riceverla a casa QUI (diverse opzioni a partire da 9 Euro) ACQUISTA la VERSIONE DIGITALE (abbonamento o singolo numero) su - Elaborare SHOP link QUI - PocketMags link QUI (la puoi consultare anche da tablet Ipad o Android) - EzPress link QUI Cover Elaborare 215
❌