Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Gallery Go riceve il suo primo aggiornamento: ecco il tema scuro

di Vincenzo

Gallery Go, la nuova galleria ultraleggera lanciata da Google il mese scorso, sta ricevendo il suo primo aggiornamento che introduce il tema scuro.

L'articolo Gallery Go riceve il suo primo aggiornamento: ecco il tema scuro proviene da TuttoAndroid.

Google Foto è un successo e tocca quota 1 miliardo di utenti a quattro anni dalla nascita

di Angelo Falcone

Google Foto ha raggiunto quota 1 miliardo di utenti a quattro anni dal suo lancio al Google I/O 2015, per l'occasione Google lancia la Google Gallery Go.

L'articolo Google Foto è un successo e tocca quota 1 miliardo di utenti a quattro anni dalla nascita proviene da TuttoAndroid.

Google Gallery Go è perfetta per gli smartphone poco potenti o chi non ama il cloud

di Giuseppe
Google Gallery GO

La serie di applicazioni “Go” promosse da Google fanno parte di quell’ecosistema destinato ai paesi con infrastrutture di rete in via di sviluppo e smartphone con caratteristiche tecniche esigue. Nulla vieta però di utilizzare un’app “Go” se essa è leggera, votata all’utilizzo offline e perfettamente utilizzabile da tutti: è il caso di Google Gallery Go. Sebbene […]

L'articolo Google Gallery Go è perfetta per gli smartphone poco potenti o chi non ama il cloud proviene da TuttoTech.net.

Peso piuma ed essenzialità: ecco Gallery Go, la galleria Google da appena 10 MB

di Giuseppe Biondo

Si amplia il ventaglio di app Google con il suffisso Go, quelle cioè dedicate agli smartphone di fascia molto bassa con un quantitativo ristretto di memoria

L'articolo Peso piuma ed essenzialità: ecco Gallery Go, la galleria Google da appena 10 MB proviene da TuttoAndroid.

La OnePlus Gallery si aggiorna introducendo una funzione per nascondere le foto

di Angelo Falcone

Dopo il rilascio delle nuove versioni della OxygenOS, OnePlus ha aggiornato anche la OnePlus Gallery aggiungendo una funzione per nascondere le foto.

L'articolo La OnePlus Gallery si aggiorna introducendo una funzione per nascondere le foto proviene da TuttoAndroid.

Huawei cerca di ingrossare il proprio app store, dopo il “ban” da parte di Google

di Thomas De Faveri

Huawei spinge per popolare il proprio store di applicazioni: dopo il caso del ban da parte di Google e degli USA, il colosso cinese cerca di creare una valida alternativa.

L'articolo Huawei cerca di ingrossare il proprio app store, dopo il “ban” da parte di Google proviene da TuttoAndroid.

AUTOSHOW 2019 a MODENA con ELABORARE DAYS

di redazione

Una domenica speciale vi attende il 22 SETTEMBRE con l’ELABORARE AUTOSHOW 2019 in Emilia Romagna, terra calda per i motori. L’appuntamento imperdibile per festeggiare i 250 numeri della rivista ELABORARE è all’Autodromo di Modena per una giornata indimenticabile (Elaborare Day) dedicata agli appassionati della guida con auto sportive in pista e non solo, con un ricco ed interessante programma tutto “performances” e personalizzazioni. Sarà davvero un grande Autoshow!

Si torna nuovamente in pista dopo il grande successo delle manifestazioni all’Autodromo di Modena, organizzate nel 2016-2017-2018, gli Elaborare Days con i lettori e fans, Club di auto speciali, test drive Auto Performanti ed Aziende specializzate del settore. Tanta attività nei paddock e tra i cordoli, passione per le auto sportive, classiche e tuning!

ORE 13.00 HANDY DRIVE CUP – IN PISTA con i ragazzi disabili e le ONLUS di Modena

Ecco il programma completo e le informazioni necessarie per partecipare da protagonisti!

Quando e dove?

Il 22 settembre 2019 Autodromo di Modena!

Circuito con omologazione ACI e FMI inaugurato nel 2011. Lungo 2.007 metri e largo 12 con un susseguirsi di sali e scendi, 11 curve e un rettilineo che misura 400 metri. È dotato di 21 box e un paddock attrezzato.

PROGRAMMA AUTOSHOW ELABORARE DAY
22 SETTEMBRE – ATTIVITA’ IN PISTA Track Day

Turni di prove libere da 20 minuti, aperte alle vetture del pubblico
Exciting Laps con vetture sportive
Orari domenica 22 settembre ore 9.00 – 18.30 (solo turni di pista)

Elaborare-Days Autoshow Modena

22 SETTEMBRE –  ATTIVITA’ IN PISTA Track Day + TROFEI + EXPO + Driving Experience

Trofeo Car Audio Emilia Romagna: Best in Show, Best Engine, Best Racing, Best Racing Classic, Best Classic, Tuning 2000 Style, Estetica & Design.
TROFEI Car Audio – Best in Show, Best Engine, Best Racing, Best Racing Classic, Best Classic, Tuning 2000 Style, Estetica & Design.

TROFEI – Best in Show, Best Engine, Best Racing, Best Racing Classic, Best Classic, Tuning 2000 Style, Estetica & Design.
(PACK “1” 10€ iscrizione+ kit “basic” con prodotto Ma-Fra + Copia Rivista a scelta (Elaborare/Classic/ Elaborare 4×4).
Direttamente il giorno 22 settembre presso il Box Elaborare, premiazione alle ore 17.30 al box Elaborare.
MODALITA’ ISCRIZIONE TROFEI (direttamente nel paddock e pre-registrazione gratuita)

SEI UN’AZIENDA DI SETTORE E VUOI PARTECIPARE?

Disponibili Box, spazi paddock, aree di sponsorizzazione e servizi vari scrivi una mail a info@auto-show.it

SEI UN PRIVATO E VUOI PARTECIPARE CON LA TUA AUTO?

Vieni in autodromo con la tua auto per provare emozioni straordinarie in questo autoshow di Elaborare! Partecipa anche tu insieme al team di Elaborare per condividere la passione per le auto speciali/sportive/tuning nell’Autodromo di MODENA con l’Elaborare AutoShow 2018

VUOI PARTECIPARE CON IL TUO CLUB?

E’ possibile avere uno spazio personalizzato nel paddock accreditandosi gratuitamente all’evento. Saranno riservati spazi dedicati ad ogni singolo club senza limitazione di numero vetture! Un’ottima occasione di visibilità durante la giornata, sulla rivista su NewsautoTV in televisione!

Scrivi una mail a info@auto-show.it
o messaggio WHATSAPP al numero +39 342 754 6859


Ingressi Autoshow
Pubblico visitatori GRATUITO!
Auto (solo EXPO e Turni) GRATUITO (accesso paddock entro le ore 9.00)

Orari Autoshow
Domenica 22 settembre ore 9.00 – 18.30 (expò, test drive, turni, trofei) con grande parata finale in pista per tutte le auto private e racing presenti in autodromo!


Elaborare-Days Autoshow Modena con auto storiche
Elaborare Days Autoshow Modena con auto storiche

ATTIVITA’ NEI BOX

Lamborghini Gallardo-nera-g all'Autoshow di Modena
Lamborghini Gallardo-nera-g all’Autoshow di Modena

– Aziende specializzate nella vendita e installazione di componenti speciali tuning e racing
– Preparazioni elettroniche con mappature e centraline aggiuntive in tempo reale
– Demo detailing con servizio on-site
– Assistenza pneumatici/cerchi/impianti frenanti
– Produzione adesivi, magliette/cappelli/felpe personalizzate
– Acquisto gadget automobilistici e accessori

ATTIVITA’ NEI PADDOCK

Maxi raduni di Club auto Sportive/Tuning/Classiche e auto di privati con Trofei Elaborare
Maxi raduno ER Car Audio con giudici professionali e Trofei SPL e Sound Quality
Assistenza pneumatici e cerchi by MAC AUTO (partner tecnico)

EXPO’ 4×4 -Fuoristrada preparati e selezionati dalla redazione di ELABORARE 4×4 – Club e Aziende nel paddock

ATTIVITA’ IN PISTA

Turni di prove libere da 20 minuti, aperte alle vetture del pubblico
Esibizioni di Drifting e Quad Acrobatici, Exciting Laps con vetture sportive Peugeot. Parata di vetture private a chiusura giornata.
——————
PREZZO E PACCHETTI TURNI STRADALI E RACING
– Costo del turno: 30 €
– Pacchetto 2 turni: 56 €
– Pacchetto 3 turni: 80 €
———————–
Prenotazioni TURNI PISTA INFO QUI
Tel 059 388711 – info@autodromodimodena.it 

(casco obbligatorio + scarico di responsabilità)
————-
Passeggero: 10 Euro (paga una sola volta per l’intero giorno)
Pilota supplementare: 25€ (da indicare nell’e-mail di prenotazione e/o durante le operazioni di accredito al desk della segreteria Autodromo)
Casco a noleggio: 10€ (disponibilità limitata)

Raduno club auto speciali, sportive e performanti!

Special Guest

ABARTH-SCORPIONI IN PISTA

RADUNO NAZIONALE A112

– RADUNO NAZIONALE AMERICAN LEGEND

– RADUNO NAZIONALE ALFA CLUB

Quest’anno grande presenza di appassionati e possessori di Abarth che saranno protagonisti all’evento in uno spazio dedicato. Solo per gli “abarthisti” in palio a fine giornata un prestigioso kit turbo SAITO SFM230 Scorpio!!!

NON PRENDERE IMPEGNI VIENI A MODENA IL 22 SETTEMBRE!
TI ASPETTIAMO IN PISTA CON LA TUA AUTO PER UNA GIORNATA DI GRANDI EMOZIONI!

Autodromo di Modena
Autodrmo di Modena AUTOSHOW

REPORT EVENTO COME E’ ANDATA NEL 2018 CON FOTO E VIDEO

L'articolo AUTOSHOW 2019 a MODENA con ELABORARE DAYS proviene da ELABORARE.

Donne & Motori, foto spettacolari!

di redazione
L’accoppiata donne e motori, gioie e dolori… ha sempre il suo perchè! Il binomio si ripropone di continuo, ogni anno, sulle riviste, sul web, all’interno di ogni mostra e saloni di auto; d’altronde, come dare torto a gli uomini che vedono unirsi sotto un unico tetto le proprie due grandi passioni? E’ bel connubio quello tra donne e motori dove le donne si uniscono e si amalgamano alla perfezione alle belle auto. Paragonare le curve morbide e calde di avvenenti ragazze dai fisici statuari alle fredde a decise linee di auto e moto potrebbe quasi apparire una strumentalizzazione ed, alcuni, lo considerano piuttosto scontato, ma, di certo, i fan del binomio donna e motori non sono mai mancati e non sembrano volersi estinguere così facilmente! GUARDA altre 3 FOTOGALLERY di Newsauto.it con le belle selezionate di donne, ragazze con auto sportive tuning e racing

Donne & Motori FOTO e Photogallery

1) Donne e Motori Fotogallery 1

2) Fotogallery 2 Car & Girls

3) Car & girs photogallery 3.a edizione

Girls Bionda Giorgia Corbetta con trapano
VIDEO TOP GIRLS

L'articolo Donne & Motori, foto spettacolari! proviene da ELABORARE.

Evento Tuning Calabria, 6° Catanzaro Tuning Day 2018

di Raffaello Caruso

EVENTO TUNING CALABRIA – Uno spettacolare evento motoristico a base di tuning, la giornata del 9 Settembrea Catanzaro, ove la Calabria ha avuto l’occasione di ospitare delle favolose auto tuning durante il 6° Catanzaro Tuning Day 2018; organizzato da Alessio Scalzo, Rosario Abbruzzo, Massimo Tallerico, Rosario ZacconeArmando Mirarchi e con il patrocinio di Elaborare. Durante il raduno aperto al pubblico, gli ospiti hanno avuto modo di ammirare auto di tutti i tipi: dalle quelle d’epoca alle off-road più estreme, fino ad arrivare ad auto tuning d’eccellenza come l’ Alfa Romeo 147 e la Citroen Saxo, esteticamente tra le più belle.

dav

Evento tuning Calabria, all’insegna della sensibilizzazione

Il 6° Catanzaro Tuning Day 2018, parte integrante del “Circuito Calabria Tuning“; si è tenuto nel parcheggio del centro commerciale “Valle del Corace” a Caraffa di Catanzaro. L’evento tuning Calabria è stato organizzato con cura impeccabile dallo staff; che ha ottenuto numeri da capogiro: 150 auto tra tuning, storiche, Fiat 500 e off-road; con oltre 2000 visitatori. Erano presenti anche molti club motoristici calabresi e siciliani, che hanno preso parte ad una manifestazione ricca di gare regalando al pubblico uno spettacolo unico nel suo genere!

Gli organizzatori dell’evento hanno promosso più volte lo slogan “Non correre sulla strada”, rivolto soprattutto ai giovani neopatentati che, presi dall’entusiasmo di poter guidare un’automobile, si cimentano nelle corse clandestine in cui, spesso, incorrono in un esito spiacevole. I moderatori del Raduno Tuning Catanzaro hanno puntato molto anche a sensibilizzare gli ospiti; ed a far capire loro che gli appassionati del tuning, non sono dei “criminali” come li dipinge la società; ma dei semplici appassionati di un’estrema e particolare branca dei motori che mette a frutto la fantasia del possessore nel “customizzare” e rendere unica la propria vettura.

Evento motori Calabria, auto tuning uniche nel loro genere

A far da sfondo durante il 6° Catanzaro Tuning Day 2018, sono state le oltre 150 vetture tra cui off-road, tuning ed auto storiche. Queste ultime – ci spiegano gli organizzatori – hanno avuto un ruolo chiave durante il raduno tuning day Catanzaro: “[…] Con questo stiamo  anche cercando di valorizzare le auto d’epoca – dice Alessio Scalzo – con più di venti anni di età, che molte volte vengono abbandonate e lasciate al loro destino”. Oltre alle auto d’epoca, erano presenti moltissime auto tuning uniche nel loro genere, quali la bellissima Renault Clio F1 Team e delle Volkswagen Scirocco niente male.

Alfa Romeo 147 e Citroen Saxo uniche, all’evento tuning Calabria

Le vetture tuning che più hanno colpito durante l’evento tuning Calabria sono state l’Alfa Romeo 147 e la Citroen Saxo. La prima, è una vettura esteticamente ibrida; un pò Alfa 147 ed un pò 159. Monta un pacchetto estetico rivisitato, con diverse appendici aerodinamiche quali minigonne, spoiler posteriore e paraurti anteriore Cadamuro, paraurti posteriore lester lisciato, cerchi in lega Asanti in edizione limitata. Il musetto è stato ridisegnato per poter montare i fari dell’Alfa Romeo 159. Gli interni sono completamente Sparco: iniziando dai sedili Torino Carbon Look, per passare alle cinture a tre punte, alla pedaliera, alla leva del cambio e per finire al fantastico volante racing.

evento tuning calabria alfa romeo 147 tuning elaborare

 

Anche la meccanica di questa Alfa Romeo è sbalorditiva. Monta 3 batterie AGM Powerforce nel vano ruota di scorta, sistema frenante Brembo modificato per montare dischi da 330×32 con tubi aerodinamici. Il motore è un 16 V da 150CV, con cablaggio completo,centralina EDC16C-39 ed iniettori maggiorati del 70%. Il turbocompressore è un Garrett 2260 derivazione di derivazione BMW; possiede dei collettori di scarico allargati e frangiati, il Downpipe è artigianale ed ha installato un intercooler frontale da 8.2 litri con tubi in acciaio.

La Citroen Saxo, invece, monta entrambi i paraurti prodotti dalla Carcept, spoiler Lester e minigonne Cadamuro e cerchi cromati da 15 pollici. Il cofano posteriore è allungato e lisciato fino agli stop posteriori cromati. L’interno dell’auto è prevalentemente bianco in pelle, il pomello del cambio ed il freno a mano sono cromati e fatti in swarovski. Monta un display TV da 21″ integrato nel cruscotto con tre manometri che misurano, rispettivamente, acqua, olio e batteria. Se siete dei passeggeri e vi state annoiando a bordo di quest’auto, potrete sempre farvi una partita alla PlayStation 2 montata all’interno dell’abitacolo!

evento tuning calabria motore citroen saxo bianca tuning elaborare

Evento Tuning Calabria, sempre più auto tuning

Un raduno di tale portata, con ospiti provenienti da buona parte del Sud Italia, non può che essere un ottimo segnale di crescita per il tuning italiano che, oltre ad essere da sempre palcoscenico nel resto d’Europa, inizia a prendere forma anche nel Bel Paese. La dedizione, la passione e la concreta voglia di crescere da parte degli organizzatori del 6° Catanzaro Tuning Day 2018, danno prova di come sia possibile dare vita ad un evento di notevole portata partendo da piccole realtà come quelle meridionali.

LEGGI ANCHE GLI EVENTI DEL MESE DI SETTEMBRE

Raduni Club Motori Tuning Settembre 2018

Elaborare AutoShow Racalmuto 2018

 

L'articolo Evento Tuning Calabria, 6° Catanzaro Tuning Day 2018 proviene da ELABORARE.

Elaborare AutoShow Racalmuto 2018, un trionfo!

di redazione

I numeri in crescita dell’Elaborare AutoShow a Racalmuto sanciscono un lampante risultato: un trionfo con ben 160 auto presenti, tra cui 11 fuoristrada portati da Elaborare 4×4! Tanta infatti è stata l’affluenza di pubblico con 1500 spettatori venuti da tutta la Sicilia per ammirare le vetture elaborate e partecipare ai circa 120 turni di pista da 25′, maggiore della scorsa edizione 2017, che hanno partecipato all’expò e alle gare di tuning e audio, con premi speciali a Nitro Race, Team di Drifting Power Drift Team di Marco Stellino, all’Abarth Club Trinacria e al best in show Mini Cooper racing con motore BMW da 400 CV.

Club presenti Elaborare AutoShow

All’Elaborare AutoShow di Racalmuto è stata molto ampia la risposta dei club di fan del tuning come l’Abarth Club Trinacria presente con 31 vetture e gli affezionati Streeters di Palermo, Etna Tuning Club, Seat Ibiza Club Sicilia, il Lancia Delta Club Sicilia e Fiat 500 Storiche. Immancabili i turni in pista gestiti sapientemente da Michelangelo Romano responsabile dell’Autodromo Valle dei Templi. Non sono mancati i trofei di estetica targati Elaborare così come le gare audio organizzate con il supporto di Francesco Siracusano e del suo team.

Fuoristrada a Elaborare AutoShow

Per gli appassionati di fuoristrada una novità li attendeva…con un area riservata ad Elaborare 4×4 che ha esposto ben 11 mezzi preparati che hanno calamitato l’attenzione del pubblico.

Elaborare AutoShow – Spettacolo e grandi performance

Lo spettacolo proseguiva con i sexy car wash delle ragazze MaFra e il drifting di Marco Stellino e Claudio Palermo affiancati dallo stuntman Angel the devil con la sua fedele moto KTM. Infine diverse aziende hanno esposto i loro prodotti come Nitrorace, nuovo Elaborare Check Point siciliano, con ben 3 box allestiti, Labocosmetica, Alcar, MAK, Policlinicar e Gemelli Motors.

Sul prossimo numero di Elaborare, in uscita ad Ottobre, sarà presente un ampio approfondimento sull’evento di AutoShow Elaborare in terra siciliana.

L'articolo Elaborare AutoShow Racalmuto 2018, un trionfo! proviene da ELABORARE.

Nuovo banco a rulli prova potenza DynoRace A2CTION

di Giovanni Mancini

BANCO A RULLI PROVA POTENZA  – È tutto italiano il nuovo banco prova potenza Dynorace A2CTION, progettato, sviluppato e realizzato con componenti di altissima qualità dalla Dimsport, che ha curato anche la parte software. Si tratta del Dynorace A2CTION concepito sia per le classiche prove di potenza, sia per le funzioni più evolute come richiedono gli ultimi sviluppi tecnologici in ambito Automotive.

BANCO A RULLI PROVA POTENZA DYNORACE A2ction

È un banco 4WD, frenato, attivo e con un monorullo per singola ruota. Per garantire la buona riuscita delle prove con le vetture a 4 ruote motrici e non avere problemi né interferenze con l’elettronica di gestione (ESP), alla Dimsport hanno scelto una connessione diretta meccanica (escludibile) tra asse anteriore e posteriore tramite un albero di trasmissione cardanica.
L’obiettivo dell’Azienda è di offrire una nuova piattaforma sviluppata non solo per simulare la decelerazione dell’auto su una salita, ma anche per accelerare la rotazione dei pneumatici ricreando una discesa virtuale. Per questo è presente un motore elettrico capace di accelerare i rulli, offrendo al contempo la possibilità di testare il corretto funzionamento della ricarica di una vettura elettrica in fase di decelerazione.
Nello sviluppo del nuovo banco si è prestata attenzione anche al fattore sicurezza: sono presenti, infatti, due freni a disco in grado di arrestare i rulli in caso di emergenza.

BANCO MONORULLO COME È REALIZZATO

Per disporre delle suddette funzioni, il nuovo banco prova potenza a rulli è stato progettato per ospitare sia i freni (uno per asse) sia un motore elettrico (optional) tra le due bancate. Nella parte anteriore è incluso un rullo aggiuntivo, con la sola funzione di posizionamento che facilita l’operazione di centraggio della ruota sul monorullo.
I rulli, dal diametro di 605 mm ad alta inerzia, sono realizzati con una finitura godronata che limita il rischio di slittamento e supportati da nuovi cuscinetti per migliorare le performance e la durabilità. Nella fase preliminare è possibile inserire via software anche il passo dell’auto, oltre alla misura dei pneumatici; questo permette di calibrare il banco automaticamente con il giusto interasse tra i rulli.

Parallelamente, come ci dicono alla Dimsport, il nuovo banco dispone di una nuova piattaforma elettronica che consente un trasferimento di dati più veloce, indispensabile quando vengono analizzate delle vetture estremamente potenti, per le quali è richiesta un’altissima precisione durante le fasi dei test. Il banco prova potenza, realizzato dalla Dimsport, è un valido strumento che permette alle officine meccaniche di fare un salto di qualità. Si tratta, infatti, di un sistema evoluto per testare l’effettivo incremento delle preparazioni sui motori, ricalibrare l’elettronica delle centraline auto stradali e sviluppare le mappature per i propulsori da corsa.

DATI TECNICI BANCO PROVA POTENZA DIMSPORT A2CTION

Portata massima: 880 kW
Velocità massima: 300 km/h
Coppia massima alla ruota: 3.200 Nm
Diametro rulli: 605 mm
Passo: variabile tra 2.000 e 3.250 mm
Portata per asse: 2.500 kg
Inerzia totale: 96 kg*M2
Dimensioni massime del modulo da incasso: 3090X4200X630 mm
Peso – solo modulo da incasso: 3.600 kg

L’estensione massima del passo sfrutta la tangenza del rullo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DYNORACE A2CTION
BANCO MONORULLO

Realizzato per ottenere una maggiore inerzia e sostenuto da un albero in acciaio legato ad alta resistenza con accoppiatori conici per garantire un perfetto allineamento.

SISTEMA DI CONNESSIONE MECCANICA DIRETTA tra asse anteriore e posteriore per riprodurre le condizioni reali che incontra il veicolo su strada. La connessione è ‘escludibile’, caratteristica peculiare dei banchi Dynorace.

REGOLAZIONE DEL PASSO Avviene attraverso l’inserimento nel software dei dati del veicolo, per posizionare nella giusta misura l’asse posteriore del banco.

FRENO A CORRENTI PARASSITE Sono 2, uno per asse raffreddati da un condotto di aria forzata per mantenere la cella di carico all’interno di un’area a temperatura controllata.

FRENO DI SICUREZZA E STAZIONAMENTO Un dispositivo che in caso di emergenza è in grado di rallentare l’intero banco e il veicolo durante la fase di test e garantire la massima sicurezza anche in situazioni di emergenza.

RULLI DI POSIZIONAMENTO E CENTRAGGIO Sono presenti sull’assale anteriore per portare la vettura nella posizione ottimale (determinata dal software attraverso l’inserimento delle misure dello pneumatico) e identificare il livello di slittamento tra pneumatico e rullo.

MOTORE ELETTRICO DA 33 KW È presente un motore elettrico attivo per consentire un reale ciclo di simulazione stradale e replicare la massa inerziale del veicolo in prova anche per scopi omologativi. (optional, presto disponibile)

L'articolo Nuovo banco a rulli prova potenza DynoRace A2CTION proviene da ELABORARE.

Studenti Università elaborazione monoposto competizione Formula SAE

di redazione

Tra gli eventi racing la Formula SAE riserva un fascino tutto particolare. Si tratta di è una competizione tra università di tutto il mondo, con team di studenti che progettano e costruiscono una monoposto con la quale scendere in pista. Il test in pista di Elaborare ha riguardato la UC22, una monoposto tutta pepe completamente ideata e assemblata da un’affiatata squadra di studenti dell’Università Federico II di Napoli. La Formula SAE è dunque una gara di intelligenza progettuale e talento operativo di stampo ingegneristico, perché tutto nasce con il progetto di un’auto più performante possibile, e sta acquisendo fama e importanza sempre crescenti, con tappe in vari continenti, con sponsor e centinaia di migliaia di Euro che gettano le basi per la carriera degli ingegneri del futuro. Gli stessi brand automobilistici, infatti, hanno cominciato ad affacciarsi a questo mondo, favorendone un maggior sviluppo per poi raccogliere i frutti con un massiccio scouting: la tappa italiana del Campionato è organizzata in associazione con FCA e Dallara, quest’ultima di casa a Varano de’ Melegari dove si svolge fisicamente l’evento.

Come nasce una monoposto della Formula SAE

Ogni team che partecipa alla Formula SAE deve sottostare ad un regolamento che da un lato offre spunti per realizzare l’auto, mentre dall’altro impone dei vincoli da rispettare, sia per il progetto di una vetttura “combustion” sia per quello di una “electric”; le due categorie finora possibili, alle quali si è aggiunta recentemente quella delle “auto a guida autonoma”. Il passo della vettura, ad esempio, ha un valore massimo e uno minimo consentiti, così come l’aspirazione deve avere un diametro massimo di 20 mm all’ingresso dell’airbox, con il corpo farfallato obbligatoriamente posto a monte di quest’ultimo.

Come si svolgono le gare Formula SAE

A differenza di quanto siamo abituati a vedere nelle gare di Formula 1, con le vetture schierate in pista contemporaneamente, gli eventi della Formula SAE dono divisi in due parti: una statica e una dinamica. La statica comprende la Business Presentation, il Design Event e il Cost Event.
Finalmente in pista – Sono quattro le prove da superare nel senso più completo del termine: Acceleration, Skid Pad, Autocross ed Endurance.

I test in circuito

La pista è il terreno di battaglia ideale della UC22 del team UniNa Corse. Il race test in vista della gara di Formula SAE si è svolto sul Circuito del Sele di Battipaglia per raccogliere informazioni per il team e per voi!

Scheda tuning monoposto UC22

Telaio: tubolare in acciaio
Dimensioni: lunghezza 2.850 mm senza aerokit/ 3.000 mm con aerokit, larghezza 1.170 mm, passo 1.545 mm
Peso in ordine di marcia: 275 kg
Sospensioni: sistema pull road anteriore e posteriore con barre antirollio
Pneumatici e cerchi: Pirelli slick 180/530, cerchi OZ Racing 13”
Motore: Honda Hornet CB600-F, 4 cilindri in linea con mappatura centralina dedicata e airbox artigianale
Rapporto di compressione: 12:1
Alimentazione: benzina Ron 98
Potenza e coppia: 60 KW a 10.000 g/m, 70 Nm a 8.000 g/m
Trazione: posteriore
Raffreddamento: radiatore singolo
Impianto frenante: pinze freno racing a 4 pistoncini con dischi flottanti forati
Elettronica: elettronica progettata con schede ST. Display touchscreen multifunzione con LED cambiata e personalizzazione con logo del team
Ergonomia e sicurezza: sedile in carbonio modellato sul pilota, con cinture di sicurezza a 6 punti
Costo: 300.000 Euro circa

Date stagione 2018 Eventi ufficiali SAE e tassa di iscrizione

Formula SAE Michigan, USA: 9-12 Maggio 2018, 2.250$
Formula SAE Lincoln, USA: 20-23 Giugno 2018, 2.250$
Formula SAE Electric Nebraska, USA: 20-23 Giugno 2018, 2.250$
Formula SAE Australasia, Australia: 6-9 Dicembre 2018, 4.100€ (circa)
Formula SAE Brazil, Brazil: 29 Novembre-3 Dicembre 2018, 3.400$ (circa)
Formula SAE Italy: 11-15 Luglio 2018, 1.580€
Formula Student United Kingdom: 11-15 Luglio 2018, 2.500€ (circa)
Formula Student Austria: 29 Luglio-2 Agosto 2018, 1.200€ (circa)
Formula Student Germany: 6-12 Agosto 2018, 1.000€
Formula Student Japan: 4-8 Settembre 2018, 850€ (circa)

Elenco Team Università partecipanti alla Formula SAE 2018

Unipg Racing Team – Università di Perugia
Squadra Corse – Politecnico di Torino
Fast Charge – Università di Roma “La Sapienza” (team elettrico)
Firenze Race Team – Università di Firenze
Unical Reparto Corse – Università della Calabria
Race UP Team – Università di Padova
Dynamis PRC – Politecnico di Milano
UniPR Racing Team – Università di Parma
Salento Racing Team – Università del Salento
E-Team Squadra Corse – Università di Pisa
UniBo Motorsport – Università di Bologna
Scuderia Tor Vergata – Università di Roma “Tor Vergata”
Polimarche Racing Team – Università Politecnica delle Marche
UniBS Motorsport – Università degli Studi di Brescia
More Modena Racing – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Poliba Corse – Politecnico di Bari
Sapienza Corse – Università di Roma “La Sapienza” (Team Combustion)
E-agle Trento Racing Team – Università degli Studi di Trento

L’articolo completo sulla Formula SAE e tutte le università italiane che vi partecipano è su Elaborare 237 in edicola nel mese di aprile 2018.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 237 Aprile 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

 

 

L'articolo Studenti Università elaborazione monoposto competizione Formula SAE proviene da ELABORARE.

Elaborazioni elettroniche auto e moto nelle Marche c’è Serial Tuning

di redazione

Officina preparazioni elettroniche auto Marche

Per chi ha necessità di preparare un’auto nelle Marche ha vaste scelte. Ma in fatto di elaborazioni elettroniche di auto stradali e preparazioni tuning la rosa dei nomi si restringe soprattutto a Urbino, città d’arte e studi ma anche di valenti tuner!  A Pesaro l’officina Serial Tuning di cui è titolare Alessandro Morganti è specializzata negli interventi sull’elettronica, campo nel quale ha acquisito un’autorevolezza che ha fruttato collaborazioni prestigiose. L’officina Serial Tuning sorge in un ampio e luminoso capannone alla porte dell’antica città marchigiana ed è attiva dal 2003.
Il titolare Alessandro Morganti spiega come ha acquisito il know-how che gli ha permesso di avviare la sua attività: “Ho accumulato una lunga esperienza in sala prove, accanto ai motoristi più qualificati della zona. La chiave di volta della mia crescita professionale è stata l’assimilazione del rigoroso metodo di lavoro necessario ad analizzare le caratteristiche di qualsiasi veicolo e ad intervenire su di esso, grazie ad un’attenta interpretazione dei dati telemetrici”. L’autorevolezza acquisita nel campo è nota, tanto che anche la scuderia motociclistica Sky Racing Team VR46 si è affidata alla professionalità di Morganti per alcune verifiche sui mezzi impegnati nel Mondiale delle categorie Moto 2 e Moto 3. D’altra parte Tavullia non è molto lontana!

Offina con banco prova frenato

Il titolare ci descrive orgoglioso la sua struttura: “L’Officina ha una superficie di circa 400 mq, che teniamo a mantenere ordinata e pulita in ogni angolo. Abbiamo un banco prova moto e un banco prova auto a 2 ruote motrici, entrambi della Bapro. A breve ci attrezzeremo con un banco 4×4, con il supporto del nostro motorista di fiducia per l’acquisizione dei dati e lo sviluppo dell’elettronica dedicata ai mezzi a trazione integrale.” Alessandro ci parla delle sfide che affronta nel suo lavoro: “Ci occupiamo dello sviluppo dell’elettronica di gestione, sia dei mezzi originali sia dei veicoli sportivi, intervenendo sulle centraline di serie ma anche sui sistemi elettronici aftermarket. Mantenendo le parti meccaniche originali, aumentiamo le prestazioni del motore del 10-15%. Il discorso diventa più complesso quando vengono sostituiti componenti meccanici importanti, come il turbocompressore: in questi casi i dati ricevuti dai sensori possono generare warning da parte della ECU, a causa di valori fuori dal range atteso. Più è esteso l’intervento sulla meccanica, più si deve andare in profondità nell’analisi e nella modifica delle logiche di gestione, utilizzando un software specialistico per sviluppatori.”

Incrementi prestazionali con motori aspirati e sovralimentati

Alessandro Morganti illustra quali sono i principali vantaggi ottenibili dalla riprogrammazione della centralina: “I costruttori impostano i software di gestione dell’elettronica lasciando un margine di sicurezza molto ampio per adattarsi ad ogni tipo di evenienza, ad esempio utilizzo di carburanti di bassa qualità o inconvenienti dovuti a manutenzione irregolare.
Riprogrammando la ECU si punta ad ottenere: aumento della coppia e della potenza; eliminazione di eventuali esitazioni in ripresa, accelerazione più brillante; ottimizzazione dei consumi a parità di velocità. Ovviamente ogni propulsore ha un rendimento meccanico che non può essere oltrepassato con l’elettronica. Quindi non ci si può aspettare incrementi prestazionali sostanziali da un motore aspirato, mentre quello sovralimentato ha un margine di miglioramento decisamente più elevato. In questo caso cerchiamo di raggiungere il miglior compromesso, garantendo sempre la massima affidabilità e il rispetto delle normative sulle emissioni dei gas di scarico. E ogni volta con molto giudizio, perché aumenti troppo elevati, oltre che diminuire la vita del propulsore, possono causare danni agli organi di trasmissione.”

Come funziona una centralina

Alessandro Morganti illustra brevemente il funzionamento di una centralina: “Il calcolatore elabora i dati forniti dai sensori, come numero di giri motore, temperatura del liquido di raffreddamento, quantità d’aria aspirata, ecc. In base a questi valori, l’elettronica regola il funzionamento dei principali componenti del propulsore: iniettori, bobine di accensione, elettrovalvole e così via.
La ECU si può suddividere in due sezioni: il microprocessore (unità che elabora le informazioni) e la EPROM, ovvero la memoria -programmabile- dove sono registrati i dati che il microprocessore legge di volta in volta in base ai segnali che riceve dai sensori. Le informazioni all’interno della EPROM sono “scritte” sotto forma alfanumerica (codice esadecimale): alcune sono istruzioni di gestione dell’EPROM, altre sono i parametri di funzionamento di iniezione, accensione e diverse componenti, cioè le cosiddette mappature”
.

Come modificare la centralina elettronica

“Esistono diversi modi per intervenire: il più semplice è la sostituzione della EPROM originale con un’altra opportunamente elaborata. Il problema fondamentale è la reperibilità della EPROM specifica per il modello di vettura, anche perché le Case costruttrici possono cambiarla senza preavviso all’interno delle centraline di macchine apparentemente identiche. Per questo consigliamo a chi non ha una specifica competenza in materia di rivolgersi a personale esperto e qualificato come il nostro, per smontare e rimontare una ECU. Un altro metodo, che noi adottiamo nella maggior parte dei casi, consiste nel collegamento tra la centralina dell’auto e un computer portatile sul quale è installato un emulatore di EPROM. Questo specifico programma permette di aggiornare il software dall’interno della vettura con il motore acceso.”

Alessandro poi precisa: “Nel caso di propulsori aspirati si interviene fondamentalmente sui tempi di iniezione e sui gradi d’anticipo: non si influisce sul riempimento volumetrico del cilindro (quantità d’aria aspirata); quindi non si possono modificare sostanzialmente gli andamenti delle curve di potenza e coppia, ma solo alzare o abbassare tali curve. Diverso è il discorso per i motori turbodiesel e turbo benzina, per i quali tramite la centralina si può variare la portata d’aria immessa nel propulsore e, dunque, si possono garantire incrementi di potenza fino al 25% e di coppia fino al 30%. Ribadisco il concetto che una EPROM funzionante su una determinata auto non è detto che vada bene su un altro esemplare dello stesso modello, e questo perché due vetture non sono mai totalmente identiche nemmeno appena uscite dalla fabbrica.”

Abarth nel cuore

Gli ambienti della Serial Tuning hanno ospitato auto prestigiose come Ferrari e McLaren, ma alle cure dell’Officina marchigiana sono state affidate vetture di ogni marca. Alessandro però confida una sua predilezione: “Ci piace lavorare particolarmente sulle Abarth, perché è un Marchio italiano e il prestigio del brand continua a fare breccia nel cuore degli appassionati. È vero che le supersportive da centinaia di migliaia di Euro fanno ‘vetrina’, ma per noi è molto più appassionante la sfida rappresentata dallo sviluppo del piccolo 1.4 T-Jet Abarth: è un lavoro ‘di cesello’ e ogni cavallo ottenuto in più dà una grande soddisfazione”.

Interventi di elettronica ma anche di meccanica

Abbiamo chiesto ad Alessandro se effettua anche interventi sulla meccanica e la sua risposta è stata illuminante sul suo approccio professionale: In officina interveniamo solo sull’elettronica, perché riteniamo che sia importante specializzarsi in un ben determinato settore per giungere a grandi risultati e ottenere la fiducia dei clienti. È altrettanto chiaro che elettronica e meccanica sono strettamente legati: quando si interviene su un propulsore, una chiama l’altra. Per questo collaboriamo da anni con la Car Sistem di Lugo di Ravenna, esperti motoristi in grado di operare sulla meccanica di ogni mezzo, anche da competizione.”

Serial Tuning officina nelle Marche

Indirizzo: Via Marconi, 5/A – Casinina di Auditore 61020 (PU)
Contatti: Tel. tel. 333/4217280
Email: alessandrodaniele@tiscali.it
Web: FB Serial Tuning –  www.serialtuning.it
Persone di riferimento: Alessandro Morganti
Specializzazione: messa a punto di parametri di iniezione su centraline di veicoli automezzi, mezzi pesanti e moto.I programmi per gli incrementi prestazionali sono generati singolarmente per ogni autovettura e personalizzati in base alle specifiche esigenze del cliente.
Marchi Trattati: Ferrari, McLaren, Abarth
Superficie: una sede di 400 mq ognuna con officina, uffici e magazzino
Personale: 1 Titolare e  Dipendenti
Attrezzatura: Banco Prova Potenza Bapro moto e un Banco Prova auto a 2 ruote motrici
Anni di attività: circa 15 anni

L’articolo completo sul top tuner Serial Tuning con tutti i dettagli dell’azienda e le sue specializzazioni è su Elaborare 237 in edicola nel mese di aprile 2018.

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 237 Aprile 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

L'articolo Elaborazioni elettroniche auto e moto nelle Marche c’è Serial Tuning proviene da ELABORARE.

Giorgia Corbetta la MISS!

di redazione

Dotata di brio, vivace intelligenza e simpatia contagiosa, la giovanissima modella Giorgia Corbetta dimostra una brillante maturità e una perfetta unione di spirito libero e buoni valori del passato. Nata a Roma in una famiglia tradizionale e molto unita, Giorgia vive insieme alla sorella minore e a Brando, un barboncino cui è molto affezionata. Attualmente frequenta il quinto anno del Liceo artistico e a breve conseguirà il diploma. Ha iniziato a sfilare a 15 anni e a 16 ha svolto il suo primo lavoro in qualità di hostess in AltaRoma Altamoda. Oltre all’animatrice e indossatrice, ha partecipato con successo a sfilate, concorsi di moda e come comparsa nel film “Ricordi” del 2017. Combattiva animalista e amante della lettura, Giorgia Corbetta coltiva il sogno di aprire un’agenzia di eventi.

Da quanto tempo fai la modella e come hai scelto questa professione?
Ho iniziato da pochissimo tempo: il primo a fotografarmi è stato Giorgio Simonetti, poi ho conosciuto Andrea Pitorri che mi ha definitivamente lanciato come modella. In realtà non sono io che ho scelto questa professione, ma è lei ad aver scelto me fin da quando ero molto piccola.

Quali altri interessi coltivi?
Mi piace tanto studiare e leggere. Sono molto versatile e mi interesso di parrecchie cose, dalla comunicazione al mondo della moda, con una venerazione speciale per gli stilisti Dolce&Gabbana. Sono una fervente animalista con petizioni e manifestazioni in loro favore.

Pregi e difetti?
Sono testarda e orgogliosa, sempre in ritardo e spesso provo a fare molte cose nello stesso momento senza concludere nulla. Però so essere una buona amica, sono molto solare, sorridente, precisa e di mentalità aperta. Inoltre riesco ad adattarmi con facilità, ho uno spiccato senso dell’umorismo e una grande dose di immaginazione e simpatia.

Scheda Giorgia Corbetta
Nome e cognome: Giorgia Corbetta
Luca Di Meo PHAnni: 18
Occhi: azzurri
Altezza: 174 cm
Misure: 90-68-89
Segno zodiacale: Gemelli
Hobby: lettura e shopping
Sport: pallavolo
Temperamento: solare, vivace e determinato
Segni particolari: neo sotto l’occhio destro
Sogno nel cassetto: aprire una società di organizzazione eventi
Sito o blog: FB Giorgia Corbetta –

Foto di Luca Di Meo

Giorgia-Corbetta

L’intervista completa di Giorgia Corbetta con altri particolari interessanti è su Elaborare n° 236 Marzo

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 236 Marzo 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

 

L'articolo Giorgia Corbetta la MISS! proviene da ELABORARE.

Valentina Serafin

di redazione

Nata a Vittorio Veneto (TV), la modella Valentina Serafin ha conseguito il diploma classico a Conegliano e seguito il corso di Laurea Triennale in “Letteratura, Musica e Spettacolo” presso “La Sapienza” di Roma, dove vive da 7 anni svolgendo la professione di hostess e tour leader nel mondo degli eventi. Attualmente Valentina serafin lavora in qualità di conduttrice sportiva presso la TV locale “Rete Oro”, coltivando sempre la sua grande passione ovvero posare davanti alla macchina fotografica.

Da quanto tempo fai la modella e come hai scelto questa professione?
Faccio la modella da circa otto anni. Amo posare, perché davanti alla macchina fotografica riesco a esprimere la mia natura.

Quali altri interessi coltivi?
Sto studiando e approfondendo il mestiere difficoltoso ed esigente della conduzione televisiva, collaborando con una TV sportiva locale. Tutto ciò mi costa fatica, in quanto lo sport non mi ha mai affascinata più di tanto.

Scheda Valentina Serafin
Nome e cognome: Valentina Serafin
Anni: 28
Occhi: marroni
Altezza: 1,75 m
Misure: 86-61- 91
Segno zodiacale: Toro
Hobby: viaggi e shopping
Temperamento: sensibile e romantico
Segni particolari: acqua e sapone
Auto posseduta e colore: Toyota “Yaris Hybrid”
Sogno nel cassetto: diventare una conduttrice televisiva
Foto di: Luca Di Meo

Valentina Serafin

 

L’intervista completa di Valentina Serafin con altri particolari interessanti è su Elaborare n° 235 Febbraio

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 235 Febbraio 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 2018.

Cover Elaborare 235

L'articolo Valentina Serafin proviene da ELABORARE.

Alcar Italia

di marcello

Nascosta nel verde dell’operosa Brianza ha sede l’Alcar Italia. filiale italiana delle 30 attive in 18 Paesi di Alcar, che con i suoi tre marchi produce cerchi in lega leggera e acciaio per l’aftermarket automotive dedicati sia al tuning che alle auto sportive e da turismo. Segno distintivo di  Alcar sono ruote di qualità e design, che trovano una degna cornice nei moderni uffici e nell’immenso capannone di Alcar Italia, nella quiete del Parco del Fiume Lambro. Qui sono stoccati i cerchi, pronti per essere distribuiti su tutto il territorio italiano per la gioia degli automobilisti attenti tanto al look quanto al contenuto tecnologico. La qualità è il fiore all’occhiello del gruppo internazionale Alcar, che ha la sede e il centro sviluppo e progetto in Austria vicino a Vienna, e due stabilimenti di produzione in Germania e in Svizzera. In Germania, nei pressi di Colonia, ci sono le fonderie della produzione in lega leggera mentre in Svizzera, vicino a Lugano nella ex fabbrica Ambrosetti Ruote, c’è lo stampaggio dei cerchi in ferro. La convinzione che la ruota aftermarket sia solo in lega leggera è smentita da Corrado Bergagna, amministratore delegato e “creatore” di Alcar Italia fin dalla sua nascita nel 2004. La lega leggera è una ricerca estetica e una necessità quando si parla di tuning, mentre per il secondo treno di pneumatici invernali è richiesto soprattutto il cerchio in ferro; quelli Alcar, oltre ad essere di elevata qualità e verniciati con speciali protettivi resistenti al sale sparso in inverno sulle strade, hanno differenti disegni e sono personalizzabili con il copricerchio dedicato in modo da non pregiudicare l’estetica del veicolo.

Alcar Italia

Il punto di forza Alcar vanta tre marchi di cerchi in lega leggera, Aez, Dotz e Dezent, rivolti a differenti clientele, ma accomunati dall’alta qualità del prodotto. Nello stabilimento tedesco la produzione è automatizzata con severi controlli ai raggi X, controlli micrometrici dimensionali, prove di tenuta all’aria, test di resistenza agli urti e alla flessione. Non meno importante è il controllo della verniciatura, che protegge la lega leggera e la isola dagli agenti atmosferici. Proprio per garantire la massima affidabilità nel tempo, Alcar ha sviluppato lo speciale processo multistrato SR3 di rivestimento del cerchio, proteggendolo dagli elementi più aggressivi come il sale sparso d’inverno sulle strade. Tre strati protettivi estremamente duri, applicati al cerchio e cotti al forno fino a 210 °C, resistono ai test più severi: come una cannonata di neve da 120 kg di peso o un blocco di sale stradale e ghiaccio di 20 kg lanciato dall’alto. Il risultato è uno strato superficiale protettivo garantito tre anni! Le ruote Alcar, certificate TÜV Austria e omologate KBA Ministero dei Trasporti Tedesco, rispettano le due normative ECE 124 (per le ruote sostitutive con misure uguali a cerchio di primo equipaggiamento) o NAD, per misure differenti ma compatibili con il veicolo su cui saranno montate. “Con la certificazione NAD e con l’attestato rilasciato dal gommista del lavoro eseguito a regola d’arte” – puntualizza Bergagna – “è possibile omologare a libretto una misura differente da quella di serie, per il tuning del veicolo.” Il fiore all’occhiello di Alcar Italia è il configuratore 3D, che permette di visualizzare sul sito internet dell’azienda come appare ciascun veicolo con le diverse finiture di cerchio. “Col marchio Dezent produciamo 14 differenti disegni dal look giovane”, prosegue Bergagna “sono ruote belle e funzionali, adatte ad esempio al secondo treno di ruote invernali.”

Aez è il marchio premium di cerchi eleganti e raffinati, realizzati in 9 diversi design. Dotz invece è dedicato al tuning perché ha un aspetto più aggressivo e grintoso, realizzato in 4 diversi disegni. Ogni ruota è disponibile in più tinte come il silver, il graphite, il dark o il bicolore. Dotz è “lo sportivo” per eccellenza e il preferito nel drifting come nelle elaborazioni estetiche estreme. Ma se l’occhio vuole la sua parte, la sicurezza non deve mai passare in secondo piano. Per questo il cerchio è corredato, quando necessario come ad esempio con la certificazione NAD, di bulloneria dedicata che garantisca il serraggio ideale, soprattutto che non si allenti con le vibrazioni. “Il bullone è importantissimo per la sicurezza – spiega Bergagna – e non deve essere mai sottovalutato. È l’elemento che unisce la ruota all’auto ed è fondamentale per viaggiare sereni. Ma un altro elemento importantissimo è l’aria, quella contenuta all’interno della ruota. Per questo Alcar ha in catalogo anche una vasta serie di sensori TPMS (Tyre Pressure Monitoring System) per controllare l’esatta pressione dell’aria tra il pneumatico e il canale del cerchio. Se le ruote Alcar sono riservate esclusivamente all’aftermarket, per offrire un’alternativa di alta qualità e di eleganza al cerchio standard, i sensori Alcar TPMS sono disponibili come primo equipaggiamento OE (Original Equipment), programmabili o esenti da programmazione. Grazie al portale Fitted Units, i partner di Alcar possono visionare e configurare facilmente tutte le possibili combinazioni di cerchi Aez, Dotz o Dezent, di pneumatici e di sensori TPMS compatibili con ogni singolo veicolo, per scegliere la ruota più bella ma, soprattutto, per essere certi che sia quella giusta.”

Montabilità regolamentata – Con il DM 20 del 10 gennaio 2013 anche in Italia è entrata in vigore una normativa che regolamenta l’utilizzo dei cerchi ruota. I cerchi in alternativa al primo equipaggiamento devono essere conformi ECE 124 se hanno misure identiche alla ruota di serie, oppure essere omologati NAD se hanno misure differenti. Con l’omologazione NAD il costruttore del cerchio dichiara che una misura diversa, ad esempio un diametro 17” invece del 16” di serie, è compatibile per un determinato veicolo perché non interferisce con l’impianto frenante, le sospensioni e la carrozzeria. Col “Decreto 20” quindi è possibile effettuare un light tuning della ruota, variando la misura della stessa e del pneumatico, ed essere in regola con il Codice della Strada, previo l’aggiornamento della Carta di Circolazione. Altre omologazioni internazionali sono la tedesca KBA, la giapponese JWL e l’asiatica VIA.

La giusta pressione – Dal 1 novembre 2014 gli autoveicoli di nuova immatricolazione devono essere dotati di sistema di sicurezza TPMS (Tyre Pressure Monitoring System) secondo il Regolamento CE 661/2009 e la misura attuativa UN/ECE 64/2010. Il sensore TPMS che monitora la pressione del pneumatico, considerato a tutti gli effetti un sistema di sicurezza del veicolo, non si può disattivare e deve essere in perfetta efficienza. È obbligatorio in fase di revisione e le sanzioni in caso di malfunzionamento o di modifiche costruttive e funzionali arrivano fino al ritiro della Carta di Circolazione. Nel ricco catalogo di sensori Alcar, i TPMS sono disponibili come primo equipaggiamento OE (Original Equipment), programmabili o esenti da programmazione. È importante verificare la compatibilità del TPMS con il nuovo cerchio che si vuole montare.

I NUMERI DELL’AZIENDA
3 centri operativi in Austria, Germania e Svizzera
30 filiali
18 Paesi
900 persone in Europa
12 persone in Italia
2003 start up Alcar Italia
2004 nascita Alcar Italia
6 milioni di cerchi prodotti in Europa
500 mila ruote a magazzino robotizzato

Alcar Italia srl
Via Daneda, 8 – 20836 Briosco (MB)
Tel. 0362/488301- info@alcar.it – www.alcar.it

L'articolo Alcar Italia proviene da ELABORARE.

Federica Donno Modella

di redazione
Bionda dal carattere forte e deciso, la modella Federica Donno è giovanissima, ma ha già le idee ben chiare sul suo futuro. Infatti, dopo il Liceo classico a Lecce e due anni di scuola di recitazione, Federica Donno ha deciso di lasciare il suo amato Salento per trasferirsi a Milano, capitale mondiale della moda, dove vuole realizzare le sue aspirazioni di modella, impegnandosi con tanto sacrificio e abnegazione. È molto legata alla famiglia e ai forti valori a lei trasmessi dalla mamma e dal papà. Nel tempo libero Federica Donno ama curare il suo personale, ma soprattutto scrivere e disegnare; per il prossimo anno ha in progetto di iscriversi alla Facoltà di Filosofia.

Il segreto della tua avvenenza in poche parole…
Seguo una dieta sana, abbinata alla palestra due volte a settimana. Passo molto del mio tempo dal parrucchiere e dall’estetista, perché mi piace essere sempre in ordine e con un look glamour anche per andare a fare la spesa.

Piatti preferiti?
Sono molto brava e sforno manicaretti, calzoni al forno con mozzarella e pomodoro.

Nell’era delle ‘Insta-Girl’ che rapporto hai con i social network?
Non ho mai dato molta importanza ai social network perché non mi piace dipendere dai giudizi delle persone, ma sono un ottimo trampolino di lancio; perciò sono diventati parte integrante della mia vita quotidiana.

Quali sono i ricordi più belli della tua carriera di modella fino ad ora?
Ho ottenuto diversi successi nella mia vita e ne vado fiera, perché dietro ad ognuno c’è tanto sacrificio personale ed economico. Tra questi ricordo la vittoria del concorso Miss Motor Sport, oltre ad essere stata l’unica pugliese alla finale nazionale del concorso Miss Mondo nell’estate del 2017. Poi ho partecipato ad un noto programma TV su Real Time e ne registrerò un altro a breve che andrà in onda su Rai 1. Inoltre ho prestato il volto per diversi cataloghi di moda e lavorato come figurante prevalente di un film per Rai 1.

Il tuo sogno più grande che vorresti realizzare?
Vorrei tanto diventare conduttrice di un programma televisivo, un po’ come Barbara D’Urso o Ilary Blasi.

Scheda Federica Donno
Nome e cognome: Federica Donno
Anni: 19
Occhi: verdi
Altezza: 1,73 m
Misure: 80-63-90
Segno zodiacale: Sagittario
Hobby: recitazione, scrittura e disegno
Sport: palestra
Temperamento: deciso, genuino
Segni particolari: piercing all’ombelico
Sogno nel cassetto: diventare una conduttrice TV
Sito o blog: FB Federica Donno
Foto di: Gianluigi Visconti

L’intervista di Federica Donno, completa con altri dettagli e particolari interessanti è su Elaborare n° 234 Gennaio 2018.

Cover Elaborare 234

L'articolo Federica Donno Modella proviene da ELABORARE.

Elaborare Day Franciacorta 2017 Foto

di Marco Paternostro

Elaborare Day Franciacorta 2017, tutte le foto delle due giornate di motori tra gare di Drifting, turni in pista, raduno tuning e sfilata delle miss.
Un vero festival dei motori a 360° protagonista sul circuito di Franciacorta, dove ha avuto luogo la quarta tappa degli Elaborare Day di quest’anno.
Il team di Elaborare, con la preziosa collaborazione di Filippo Tortorici e il suo staff, il 14 e 15 ottobre scorsi, è sceso in campo per allestire un evento unico: uno show che sul circuito Daniel Bonara di Castrezzato (BS) non si era mai visto! Il circuito si è letteralmente riempito di pubblico e veicoli di tutti i tipi, tanto che è stata necessaria un’attentissima gestione degli ingressi, specialmente delle auto ospitate nei paddock.

L'articolo Elaborare Day Franciacorta 2017 Foto proviene da ELABORARE.

FOTO FIAT PANDA

di Giovanni Mancini
❌