Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

The Expanse, in arrivo la prima espansione: Doors and Corners

di Mabelle Sasso
A ottobre 2017, sulla scia dell’incredibile successo della omonima serie tv, Wizkids ha messo in commercio The Expanse Board Game il gioco da tavolo basato sul serial  di Syfy e Alcon Television Group. The Expanse Board Game è un gioco per 2-4 giocatori in cui si mescolano con il giusto equilibrio politica, azioni militari e intrigo. I […]

Arriva l’espansione Fireys per Jim Henson’s Labyrinth: The Board Game

di Mabelle Sasso
Il gioco Jim Henson’s Labyrinth: The Board Game di River Horse riceverà la sua terza espansione. I pestiferi Fireys faranno la loro comparsa all’interno del gioco da tavolo tributo dell’indimenticabile film di Jim Henson del 1986. Jim Henson’s Labyrinth: The Board Game ha visto la luce nel 2016 e si tratta di un prodotto per 1-5 giocatori […]

Svelata Rivalry, la nuova espansione per il gioco Roll for the Galaxy

di Mabelle Sasso
Rio Grande Games ha annunciato la seconda espansione per il suo Roll for the Galaxy: Roll for the Galaxy: Rivalry. Roll for the Galaxy è un gioco di strategia e gestione del 2014 in cui tramite dei particolari dadi si deve costruire un impero spaziale. Roll for the Galaxy: Rivalry è opera dei game designer Wei-Hwa […]

The Mind: in arrivo una colonna sonora originale

di Silvio Colombini
La nuova, imminente, versione di The Mind,  famoso gioco di Wolfgang Warsch, includerà una colonna sonora personalizzata che i giocatori potranno ascoltare mentre affronteranno la sfida di giocare le carte nel giusto ordine senza potersi dare suggerimenti. La colonna sonora verrà messa in commercio su CD: sul disco saranno presenti due tracce, appositamente composte per il gioco e, […]

Recensione: Dead Air, i giorni della Piaga. Modulo di ambientazione per il Monad System

di Stefano Panza
Se The Last of Us e World War Z ci hanno mostrato un terribile futuro per l’umanità, con il gioco di ruolo Dead Air: I Giorni della Piaga potrete vivere in prima persona un mondo apocalittico contaminato dalla spora. Adrenalina pura con un’attenzione a temi ecologici e ambientalisti! Dead Air ci trasporta in un mondo […]

Annunciata una nuova espansione per T.I.M.E. Stories. Con Madamme l’avventura si sposta nella reggia di Versailles

di Mabelle Sasso

Space Cowboys ha rivelato la prossima espansione del suo gioco da tavolo ad episodi T.I.M.E. Stories. La nuova missione che attende gli agenti temporali si chiamerà T.I.M.E. Stories: Madame.

T.I.M.E. Stories è un gioco di società narrativo ideato da Manuel Rozoy per  2-4 giocatori e dalla durata media di 90 minuti.
I giocatori vivranno diverse avventure interpretando i diversi personaggi che fanno parte di un agenzia investigativa temporale. Per risolvere ognuna delle missioni i giocatori dovranno cercare gli indizi, dovranno combattere i nemici, ma sopratutto dovranno discutere e interagire con gli altri partecipanti al gioco. Questo elemento tipico di questa serie include una certa componente di roleplay mutuata dai giochi di ruolo.

Oltre alla scatola base sono state rilasciate numerose espansioni che permettono di ampliare il gioco a partire dal 2015, ognuna di queste contiene un nuovo scenario giocabile con un nuovo caso, nuovi personaggi nuove regole e nuovi colpi di scena. Lo scopo del gioco è quello di completare la missione proposte nel minor numero di tentativi possibili.

La nuova espansione T.I.M.E. Stories: Madame vedrà i giocatori impegnati in un caso che collegherà le missioni precedenti in una trama chiamata “The White Cycle”. La missione si svolgerà nella reggia di Versailles e giocandola si arriverà ad un importante punto di svolta nella macro trama generale, che verrà portata avanti in un nuovo arco narrativo chiamato “The Blue Cycle”.
L’espansione T.I.M.E. Stories: Madame è ad opera di Fabien Riffaud e Juan Rodriguez, mentre le illustrazioni sono di John Mac CambridgePascal Quidault.

Al momento non è ancora stata rivelata la data di uscita di T.I.M.E. Stories: Madame.

L’edizione italiana di T.I.M.E. Stories è localizzata da Asmodee Italia, che ha anche pubblicato alcune delle espansioni:
T.I.M.E. Stories: Dietro La Maschera, T.I.M.E. Stories: Il Caso Marcy, T.I.M.E. Stories: La Profezia Dei Draghi, T.I.M.E. Stories: Spedizione Endurance, T.I.M.E. Stories: Lumen Fidei e T.I.M.E. Stories: Estrella Drive.

Rio Grande Games ristampa le espansioni di Puerto Rico

di Davide Vincenzi

Rio Grande Games rilascerà ad aprile, in una raccolta dedicata, le Espansioni 1 & 2 di Puerto Rico, che risultano fuori stampa nel formato singolo dal 2009.

Puerto Rico, di Andreas Seyfarth, è uno dei più amati giochi di strategia di tipo “german”; un gioco ormai entrato nel club dei “nuovi classici” del mondo dei giochi da tavolo. Durante la partita i giocatori si sfidano tra loro nella gestione della propria piantagione sull’omonima isola, costruendo edifici, coltivando piantagioni e commerciando risorse per ottenere il maggior numero di punti vittoria.

Nel dettaglio le due espansioni che verranno ristampate saranno:

L’espansione uno, “The New Buildings” che include quattordici nuovi edifici. Questi potranno andare a sostituire alcuni o tutti gli edifici inclusi nel gioco base.

L’espansione due “The Noblesaumenta invece il numero di opzioni di costruzione, aggiungendo sette nuovi edifici. Inoltre, introduce anche un nuovo tipo di colono, il Nobile, che può interagire con i nuovi edifici.

Entrambe le espansioni contenute nel Puerto Rico Expansions 1 & 2 necessitano del gioco base per poter essere utilizzate.

La raccolta includerà le due espansioni separate, così da poterne utilizzare solo uno o entrambe contemporaneamente e avrà un costo indicativo di circa $ 14,95.

Puerto Rico è pubblicato in Italia da Giochi Uniti e nella edizione attualmente in commercio sono già comprese le due espansioni sopra citate che invece sono esaurite nel formato “separato” dal gioco base

Annunciata la prima espansione di Awaken: arriva The Liborian Saga

di Mabelle Sasso

Novità in arrivo per Awaken, gioco di ruolo di Studio 2 Publishing Inc. e The Games Collective, che ha visto la luce nel 2016 grazie ad una fortunata campagna sulla piattaforma Kickstarter.

Gli appassionati di questo titolo dark fantasy dovranno segnare il 22 gennaio sul calendario, perché in questa data è pianificato l’inizio della campagna di crowdfunding che porterà alla realizzazione del nuovo contenuto di espansione: The Liborian Saga.

In questo nuovo libro i giocatori potranno finalmente scoprire nuovi dettagli sulle isole di Liboria, zona sino ad oggi appena accennata ma mai rivelata. L’espansione metterà in luce nel dettaglio i territorii di Liboria, Jorgun e Rinean ed includerà nuovi contenuti ed elementi utili per ambientare le vostre avventure, come, ad  esempio, nuovi antagonisti, mostri, doni, armi, oggetti e ovviamente le regole aggiuntive per poterli utilizzare.

Awaken è un gioco di ruolo dark fantasy ideato da The Games Collective, un team di game designer croato, ambientato in un mondo sconvolto dalla guerra e caratterizzato dai molti riferimenti al folklore slavo e del mediterraneo.
Dopo aver causato una guerra devastante per tutto il continente i mostruosi Vargas si preparano nuovamente per uscire allo scoperto, approfittando della debolezza dell’Alleanza delle Grandi Città, che sta gradualmente venendo meno.
L’unica speranza per le genti di Salvora è riposta nelle incredibili capacità dei Vasalli, uomini e donne dotati di capacità sovrumane.
Il destino dei Vasali è quello di essere difensori del genere umano, decideranno di assecondare questo fardello o si lasceranno corrompere dal potere e soccomberanno all’oscurità?

Ulteriori dettagli sulla nuova espansione e la campagna Kickstarter saranno annunciati a breve.  Il manuale base del gioco è già disponibile in commercio localizzato in lingua italiana da Isola Illyon Edizioni

Il dark fantasy vi ispira e volete scoprire il mondo di Awaken? L’edizione in lingua italiana del manuale base gioco è  già disponibile per l’acquisto

 

 

Arriva la prima espansione per Dice Forge: annunciata per Febbraio l’uscita di Rebellion

di Silvio Colombini

Libellud ha ufficializzato l’uscita di Dice Forge: Rebellion, la prima espansione per il gioco da tavolo di successo Dice Forge.

Questa espansione aggiungerà due moduli al gioco base . Il primo conterrà un labirinto, che i giocatori, rivestendo i panni di epici eroi, potranno esplorare fino a raggiungere il Minotauro presente al suo centro mentre nel secondo i giocatori dovranno scegliere da che parte schierarsi nello scontro tra dei e titani. Nell’espansione saranno incluse trenta nuove carte eroe da aggiungere al proprio mazzo di gioco.

Dice Forge, uscito nel 2017 e localizzato in italiano da Asmodee Italia, è un gioco gestionale di dadi in cui i giocatori vestono i panni di giovani eroi che aspirano a diventare semidei.
A differenza di molti altri giochi della stessa categoria la sua peculiarità risiede nel atto che perfino i dadi sono una risorsa modificabile: ogni giocatore dispone infatti di due dadi destino che riportano i poteri del singolo eroe le cui facce sono rimovibili e possono essere cambiate nel corso della partita.

Sarà quindi possibile modificare fisicamente i dadi e sostituire vecchie abilità con nuovi e più appetibili poteri in modo da essere sempre pronti ad affrontare le sfide del gioco. Pensato per partite veloci, circa 45 minuti, è adatto a giocatori dai 10 anni di età

Dice Forge: Rebellion, già disponibile per il preordine, dovrebbe essere rilasciato a febbraio 2019.

 

Se l’idea alla base di Rebellion vi incuriosisce, in attesa della sua uscita, potete prendere la mano con la scatola base di Dice Forge

Treacherous Traps: il manuale “definitivo” per le trappole in Dungeons and Dragons

di Simone Pesenti Gritti

Uno dei “segreti” per aggiungere un tocco di suspence alle sessioni di gioco di ruolo è riempire un dungeon non solo di mostri ma anche di epiche e terribili trappole. Per far “impazzire” i vostri giocatori basta aggiungere una trappola infida e misteriosa, o magari una apparentemente impossibile da disinnescare messa nel punto più adatto e meno “visibile” a disposizione.

Per aiutarvi nell’opera di “distruzione dell’autostima”, ma soprattutto per disciplinare i ranghi dei vostri powerplayers preferiti, corre in aiuto Nord Games con il manuale “Treacherous Traps”

Secondo quanto promesso dagli autori il libro conterrà circa 250 trappole già descritte e suddivise per livello e difficoltà in modo da poter sempre avere un’alternativa perfetta per il vostro gruppo di avventurieri. Un aspetto molto interessante del progetto è la presenza di un capitolo dedicato alla generazione random di trappole. Ci sono 50 metodi di attivazione oltre a 50 effetti che una volta combinati a piacimento posso dare vita ad un risultato devastante e completamente originale ogni volta.

E se non giocate con l’ultima edizione delle regole del celebre gioco di ruolo fantasy per eccellenza? La compatibilità è assicurata. Sebbene il prodotto sia stato pensato per la 5a edizione di Dungeons and Dragons, il sistema funziona alla grande anche per i vecchi set di regole, ma anche per altri giochi ad ambientazione fantasy.

La campagna è in corso e continuano a crescere i traguardi raggiunti, con ancora alcuni giorni di attesa per la fine. Sono stati già aggiunti gli indovinelli, che sono il cruccio anche per i party di avventurieri più navigati e di solito consentono al master di prendersi una pausa per prendere fiato, mentre i giocatori si arrovellano su un’enigma.

Se dovesse procedere spedito il progetto di crowdfunding, saranno inserite anche delle illustrazioni estese nel libro, così da avere una spiegazione più chiara del complesso sistema di meccanismi che infesterà i nostri cunicoli.

Volete giocare alla quinta edizione di Dungeons & Dragons? Potete partire dallo Starter Set se non avete mai provato il gioco o iniziare direttamente dal Manuale del Giocatore se sapete già di cosa si parla.

Un 2019 all’insegna del Signore Degli Anelli per Ares Games: annunciate espansioni per tutte le linee prodotto.

di Simone Pesenti Gritti

Un 2019 ricco quello di Ares Games per quanto riguarda le proprie produzione legate al brand del Signore Degli Anelli. Ben tre i titoli in arrivo per gli amanti di questa saga fantasy che hanno potuto apprezzare negli anni le produzioni di questo editore “nostrano”.

Iniziamo con “La Guerra dell’Anello“, gioco “monolitico” ed iconico di Ares: nel 2019 uscirà il tassello finale di questo wargame ormai diventato un cult per gli amanti del genere. Dopo ben sei anni dalla prima uscita, giungerà alla luce la terza e ultima espansione, in occasione della ristampa della seconda revisione del gioco.

Kings of Middle-earth, questo il nome del nuovo prodotto andrà a chiude una vera e propria epopea. Nel tempo si sono avvicendati nelle varie espansioni i personaggi più carismatici della celebre saga come il Balrog, Re Elrond e dama Galadriel, eroi a cui è stato riservato un ruolo importante e altamente strategico anche nel gioco. Col proseguire degli anni abbiamo visto diventare protagonisti invece gli eserciti presenti in Warriors of Middle-earth, espansione dedicata alle fazioni degli Ent, delle Aquile e dei Dunharrow.

L’espansione, come dice il nome, avrà il suo fulcro nei sovrani della Terra di Mezzo, i cinque leader dei Popoli Liberi, che come nella storia originale, sono figure importanti ma spesso ambivalenti dato che Sauron influenza le loro azioni ed i loro pensieri con i suoi oscuri poteri, sia naturali che sovrannaturali, al fine di piegare la loro volontà ai suoi ordini.  Saranno presenti anche nuovi personaggi per l’Ombra ed il ritorno nel gioco delle macchine da assedio.

Passando dai wargame ai giochi più “compatti” è stata annunciata anche l’uscita di “Light and Shadow”, la prima espansione per il gioco Hunt for the Ring (La Caccia all’Anello) uscito nel 2018 sia in versione anglosassone che italiana

Per chiudere in bellezza è prevista la messa in produzione anche di una edizione deluxe de “The Battle of Five Armies” (La Battaglia dei Cinque Eserciti), lo spin-off di War of the Ring  basato sulla storia de Lo Hobbit. Così come la limited edition di War of the Ring e delle precedenti espansioni il set includerà 126 miniature completamente dipinte, oltre alla inedita mini-espansione The Fate of Erebor.

La standard edition di The Battle of Five Armies è completamente sold out nella sua edizione inglese ma ancora disponibile in quella italiana.. non ci sono piani per una ristampa quindi se siete degli appassionati del genere vi consigliamo di prendervene una copia prima che “scompaia” dagli scaffali.

 

L'articolo Un 2019 all’insegna del Signore Degli Anelli per Ares Games: annunciate espansioni per tutte le linee prodotto. proviene da Tom's Hardware.

Nuove miniature per Freeblades, attivo il kickstarter

di Simone Pesenti Gritti

Freeblades si arricchisce di un nuovo set di miniature, grazie ad un apposito progetto aperto su kickstarter, con l’arrivo della espansione Shakrim Wavestalkers.

L’obiettivo della campagna di crowdfunding è quello di permettere a tutti i giocatori di usare due nuove fazioni, Shakrim e Kandoran , nel  gioco  Freeblades Questi modelli serviranno a espandere il prodotto sia integrandosi negli scenari già esistenti sia in quelli di prossima produzione.

Lo starter set sarà composto da sei miniature Shakrim pensate per essere giocate nelle partite da “150 punti gold” e quindi nel gioco principale. Saranno disponibili sia i “classici” modelli in metallo da dipingere  sia quelli già assemblati e dipinti da professionisti acquistabili in alcuni bundle a tiratura limitata. Con il procedere della campagna KickStarter ed il raggiungimento dei vari stretch goals verrà aggiunta anche una seconda fazione i Kandoran Deathmasters, ovvero delle unità “non morte”

Nel lore del gioco gli Shakrim rivestono i panni di una popolazione esiliata dell’Impero e rifugiatasi in un arcipelago di isole. Rimasti senza una guida sono ben presto finiti sotto il giogo del Grande Shakkamal, una manifestazione terrena del dio degli inganni e del sotterfugio. Il loro aspetto è mutato nei secoli in quanto Shakkamal benedice i suoi seguaci con caratteristiche da uomini rettile, mutazione in linea con i desideri nascosti e malevoli dei suoi adepti. La prima generazione dei Shakrim, detta dei Blessed,  è caratterizzata da marcate fattezze serpentine in quanto  “più vicini al dio”. Le seguenti generazioni assomigliano invece a rettili bipedi e vengono denominati After. In oltre duemila anni gli Shakrim hanno fondato un prospero regno in grado di controllare le rotte del mare dell’Est, che divide i continenti in guerra.

Ricordiamo che Freeblades può essere giocato sia come gioco “one shot” con missioni e partite singole  sia in modalità campagna. Nel secondo caso è possibile tenere traccia del progresso della propria warband di personaggi che accumula esperienza fra una battaglia e l’altra e cambia sia in base a nuove unità che possono aggiungersi al gruppo sia in caso di dipartita ed eliminazione di alcuni elementi.

Una campagna tipica di Freeblades ha delle variabili interessanti. Come ogni wargame “classico” ogni drappello di miniature ha un valore totale in punti dato dal pregio e dalla “forza” di ogni singola unità;  confrontando questo punteggio, come ovvio, non sempre avvengono scontri alla pari fra personaggi e quindi ci si può trovare in una situazione di vantaggio così come in una  di svantaggio. Nel caso si sia in svantaggio, si potrà ricorrere da regolamento ad un sistema di bonus/malus prestabilito dal gioco che aiuta a colmare le differenze con l’avversario e a bilanciare il tutto. A fine battaglia poi, sia in caso di vittoria che di sconfitta è prevista una fase di avanzamento a punteggi degli attributi delle miniature oltre alla possibilità di assegnare talenti speciali ed abilità alle proprie truppe grazie alla esperienza maturata negli scontri. Le unità diverranno così sempre più potenti man mano che sopravvivono alle battaglie e ogni warband sarà unica e particolarmente portata a strategie di gioco diverse in base a come la si è fatta evolvere.

 

L'articolo Nuove miniature per Freeblades, attivo il kickstarter proviene da Tom's Hardware.

Chronicles of Crime: lo strano caso dell’espansione non giocabile

di Luca Bonora
E’ una strana brutta storia, direbbe Carlo Lucarelli. Di Chronicles of Crime abbiamo già parlato, in queste pagine, con una recensione in anteprima, ed a scanso di equivoci lo ribadiamo: il gioco è bellissimo, vuoi per l’immediatezza delle regole e dell’interfaccia, vuoi per la bellezza delle trame, mai banali ma nemmeno astrusamente complesse.

 

I giocatori sono chiamati a investigare per risolvere un caso tutti insieme (si gioca da 1 a 4, volendo anche di più) e la durata media di una partita è di un’ora e mezza. Sostanzialmente è un avventura punta e clicca, tramite codice QR, trasformata in gioco da tavolo, con una app che gestisce tutto: interrogatori, raccolta prove, esame della zona del crimine (volendo tramite occhiali 3d, altro plus del gioco).
Ed è proprio sul fronte della parte “digitale” del gioco che si sono presentati alcuni problemi. Quando abbiamo provato Chronicles of Crime la app di supporto, scaricabile gratuitamente per Apple e Android, era disponibile solo in inglese. Lo sapevamo, non è stato un problema anche perché i testi sono piuttosto semplici e non si fa ricorso a slang o a termini legali.

 

Sulla versione in italiano, ecco le prime difficoltà: per aggiornare la app non bastava andare online, ma serviva scansire un apposito codice QR ricevuto dal negoziante e/o dall’editore italiano, Uplay. E qui cominciano i problemi, perché molti rivenditori non sapevano – o avevano dimenticato – di dover fornire il codice, tanto meno gli acquirenti sapevano di doverlo richiedere. Risultato, è capitato spesso che si aprisse il gioco una sera, da amici, pensando di giocarlo in italiano e non era possibile.
Bisognava richiedere l’apposito codice QR e questo comportava inevitabilmente uno o due giorni di attesa: io stesso l’ho richiesto a Uplay tramite Facebook e l’ho ricevuto il giorno successivo. In più l’aggiornamento in italiano è esclusivo: se decidi di rivendere il gioco, o più banalmente cambi smartphone, Chronicles of Crime non è più giocabile in italiano.

 

Da Uplay però fanno sapere che è tutto segnalato chiaramente online nelle pagine relative al gioco: https://edizioni.uplay.it/chronicles-of-crime/ e https://www.uplay.it/gioco-da-tavolo-Chronicles-of-Crime.html, che i rivenditori erano stati avvisati e stava a loro informare il cliente, e che nella nuova ristampa, prevista per Play Modena, aprile 2019, inseriranno direttamente nella scatola il codice QR

Ora attenti perché arriva il pasticcio, quello “grosso”. Chronicles of Crime è disponibile sul mercato italiano da appena prima di Lucca Comics & Games 2018, vale a dire dalla fine di ottobre 2018. Non solo il gioco base, ma anche due espansioni tematiche, “Noir” e “Welcome to Redview“, che promettono di essere ancora più belle del gioco base. La prima catapulta nelle atmosfere gialle Anni Trenta, la seconda in una cittadina americana stile Stranger Things, con un gruppo di ragazzi impegnati in misteri più grandi di loro. Entrambe le espansioni introducono piccole regole aggiuntive. Entrambe le espansioni attualmente non si possono giocare.

Già, perché scorrendo la app di supporto del gioco – in inglese o con l’aggiornamento in italiano non fa differenza –, le due espansioni non sono disponibili. Non sono pronte, non sono finite, comunque non sono state “uploadate” e non lo saranno fino al 2019 e, stando dalle informazioni visualizzabili sull’App, sino almeno ad un generico “primo quarto” del nuovo anno.

Questa informazione era a disposizione di tutti i partecipanti della campagna Kickstarter ai quali le espansioni sono state spedite o consegnate a Lucca Comics & Games in anteprima in modo da essere “pronte all’uso” al day one di rilascio dell’APP e, da quanto dichiarato da Uplay, la medesima informazione era stata diffusa dall’azienda anche a tutti i sub distributori verso i quali bundle ed espansioni erano già stati spediti.. ma questo dettaglio non è ad oggi disponibile in vari store (online e fisici) dove abbiamo avuto segnalazioni di come non venga indicato in alcun modo che acquistando il prodotto non lo si può utilizzare sino all’arrivo dell’aggiornamento dell’app.
Pare quindi che qualcosa non abbia funzionato al meglio nella catena di scambio informazioni dalla “casa madre” al consumatore finale.

Ricapitolando, da fine ottobre 2018 sono in vendita due espansioni – di fatto giochi a sé ma giocabili solo avendo anche i materiali del base – per le quali è necessario un aggiornamento della app del gioco che a oggi non è ancora online, né si sa con certezza quando sarà disponibile.

 

Uplay, l’editore italiano del prodotto, interpellato sulla questione ci ha rilasciato le seguenti dichiarazioni chiarificatrici sia riguardo al discorso del QRCODE univoco e necessario per fruire del gioco in lingua italiana sia riguardo alla reperibilità in commercio delle espansioni.

Per quanto concerne la localizzazione del gioco ed il QRCODE necessario:
[..] Noi di uplay.it crediamo, in generale, che il lavoro, relativo sia a beni materiali che immateriali, come in questo caso, debba essere pagato. Proprio per tutelare questo diritto, è stato creato appositamente un codice QR che viene rilasciato al momento dell’acquisto del gioco e che permette di sbloccare l’app in italiano. Il codice è associato in maniera univoca all’utenza utilizzata sull’app. Per una trasparenza massima, tutto ciò è perfettamente segnalato sui nostri siti nella pagina relativa al gioco: 
uplay edizioni https://edizioni.uplay.it/chronicles-of-crime/ ed uplay store https://www.uplay.it/gioco-da-tavolo-Chronicles-of-Crime.html

Se l’acquisto è fatto tramite il nostro store, provvediamo al momento dell’ordine a inviare il codice via mail; se effettuato presso altri negozianti, allo stesso modo, anch’essi sono tenuti a segnalare la cosa e a rilasciare al momento dell’acquisto il codice da noi fornito loro. Può accadere che per una svista, perfettamente giustificabile in un periodo caotico come quello prenatalizio, qualche negoziante non abbia provveduto in tal senso; tuttavia l’acquirente può risolvere la cosa immediatamente rivolgendosi al negoziante che provvederà al rilascio del codice.

Da tutto ciò ne consegue che il gioco è senza ombra di dubbio fruibile in italiano. Aggiungiamo che, anche senza codice QR, Chronicles of Crime è comunque immediatamente giocabile in lingua inglese da coloro che, per esempio, non avessero ricevuto subito il codice per la svista del negoziante di cui parlavamo prima o avessero acquistato una copia all’estero.

Quanto alla trasferibilità del bene, il gioco è trasferibile cedendo l’account e il codice QR. Questa è una limitazione che deriva dal fatto che Chronicles of Crime funziona con un app e come tale ha gli stessi pregi, ma anche i medesimi vincoli. A tal proposito, rimandiamo alla lettura dei termini di utilizzo di Apple e Google, che coloro che acquistano Chronicles of Crime dovranno sottoscrivere effettuando il download dell’app, nei quali è espresso in maniera esaustiva il concetto di contenuto digitale con le annesse limitazioni d’uso, tra cui la vendita:
https://play.google.com/intl/it-it_it/about/play-terms/index.html

Ci spiace se in qualche modo abbiamo urtato la sensibilità di qualche utente; non era certo nostra intenzione. Possiamo garantire che facciamo tesoro di ogni critica costruttiva o consiglio che riceviamo per migliorare i nostri servizi. Coglieremo perciò l’occasione della nuova ristampa, prevista per aprile, per inserire direttamente nella scatola il codice QR e a segnalare anche sulla confezione la presenza del codice al suo interno.[..]

 

Per quanto concerne la presenza in vendita delle espansioni attualmente non giocabili:
Le due espansioni di Chronicles of Crime, ‘Welcome to redview’ e ‘Noir’, facevamo parte del bundle del Kickstarter e perciò sono in possesso di coloro che hanno aderito alla campagna. La stessa possibilità è stata offerta da uplay.it a coloro che avessero preordinato nel mese di settembre o comprato direttamente al Lucca Comics and Games l’Ultimate Set, comprensivo di gioco base, occhialini VR e, appunto, le 2 espansioni. In tutti i casi era stata segnalata la loro non giocabilità fino alla fine di gennaio 2019 (anche in lingua inglese). Uplay.it lo ha fatto tramite comunicazione sul sito dello store, avvertendo personalmente e formalmente i propri negozianti e gli acquirenti al Comics; da parte sua, la Lucky Duck Games ha esplicitato la cosa direttamente sul sito del Kickstarter di Chronicles of Crime https://www.kickstarter.com/projects/372651021/chronicles-of-crime/posts/2373780

A fronte di questa attesa, chi ha comprato le due espansioni all’interno del bundle ha avuto il vantaggio di acquistarle a un prezzo scontato e di poterle giocare comunque prima di coloro che vorranno comprare la semplice versione retail. Per quanto concerne uplay.it, infatti, le due espansioni, che sono state vendute nel solo mese di settembre e al Lucca comics and Games all’interno dell’Ultimate Set, saranno nuovamente in commercio, a prezzo pieno, solo a partire da aprile, al Play di Modena.

A dimostrazione di una trasparente comunicazione da parte nostra e della Lucky Duck Games, sta il fatto che non abbiamo, noi di uplay.it, ricevuto alcuna lamentela in merito né tanto meno richieste di reso da parte di nessuno, giocatore o negoziante che sia.

Lamentele sembra invece che ci siano state nei confronti di alcuni negozianti. Possiamo solo ipotizzare che questi non abbiano fatto la dovuta informazione ai loro clienti o che, a loro volta, non abbiano ricevuto le comunicazioni adeguate dal loro distributore, diverso da uplay.it. Su questo però uplay.it non è in grado di effettuare un controllo e neppure ne è responsabile. Come non è responsabile del venditore che vendesse su noti store online le espansioni separatamente senza esplicitarne tutte le caratteristiche, compresa quella dell’impossibilità attuale di giocare il gioco.

In ogni caso, quello che ci preme in questo momento è che il cliente finale che trovasse adesso ancora in vendita le due espansioni di Chronicles of Crime, ‘Welcome to redview’ e ‘Noir’, sia informato che non potrà giocarle fino alla fine di gennaio 2019, quando Lucky Duck Games le renderà disponibili in inglese. I tempi di divulgazione del gioco sono, infatti, dettati dalla Lucky Duck Games e noi di uplay.it non abbiamo assolutamente voce in capitolo. Per fugare i dubbi di qualche utente, escludiamo tuttavia in maniera categorica che la Lucky Duck Games, casa editrice nota e stimata per la sua serietà e la sua professionalità, non mantenga gli impegni presi con noi e, soprattutto, con i suoi clienti.

Perciò, non appena la versione inglese sarà diffusa, noi di uplay.it faremo l’impossibile per rendere disponibile la versione italiana quanto prima. 

Senza entrare nel merito della comunicazione fra editori e distributori segnaliamo quindi che ad oggi nel caso un utente acquisti le espansioni del gioco si troverà in possesso di un prodotto non fruibile sino a quando il produttore non rilascerà il necessario aggiornamento dell’app a supporto che è fondamentale e necessaria per poter intavolare una partita.

Alcuni store italiani ed anche Amazon prime ad oggi vendono ancora le due espansioni di Chronicles of Crime, in caso di acquisto tenete conto di quanto segnalato sino ad ora.

La data  di aggiornamento della app necessario a giocare le due espansioni è ad oggi stimata in Gennaio 2019 per la versione inglese e per Aprile 2019 per la versione localizzata in lingua italiana.

L'articolo Chronicles of Crime: lo strano caso dell’espansione non giocabile proviene da Tom's Hardware.

Degenesis Rebirth: in arrivo nuovi accessori

di Stefano Panza

I giocatori di Degenesis Rebirth, il gioco di ruolo post-apocalittico ambientato in Europa e Nord Africa e prodotto dallo studio creativo berlinese SixMoreVodka (il cui fondatore non è altri che l’illustratore di fama internazionale Marko Djurdjevic, che vanta collaborazioni con nomi del calibro di Marvel), tra non molto potranno godere di nuovi fantastici accessori che sapranno immergerli ancora di più nella sua peculiare ambientazione.

Stiamo parlando di un box mostrato direttamente da Djurdjevic in anteprima sulla pagina della community internazionale di Degenesis e che comprenderà un elegante set di 12 dadi a sei facce e un mazzo di carte che descrive i Potentials (abilità particolari) utilizzabili applicabili ai personaggi per approfondirne ulteriormente la personalizzazione.

Il mazzo sarà composto da almeno 230 carte e per ogni Culto (organizzazioni sociali a cui appartengono i personaggi) ci saranno 15 carte, di cui 6 relative a Potentials già descritti nel manuale base, mentre le restanti conterranno abilità completamente nuove. Anche per i Clanners (moltitudine di Culti minori) è stata prestata particolare attenzione essendo previste sia carte dedicate a specifici clan, che Potentials comuni a tutti.

Come sempre l’aspetto grafico ed estetico del materiale proposto è in linea con l’altissimo livello qualitativo a cui siamo stati abituati. Sia le carte che i dadi si presentano in un elegante nero con loghi e scritte in oro, con un risultato che a giudicare dalle immagini pubblicate è sicuramente di impatto.

Ricordiamo che dalla pubblicazione di Degenesis Rebirth (fine 2015) a oggi sono state pubblicate diverse espansioni che permettono di addentrarsi in profondità nell’ambientazione e nella dettagliatissima trama che anima l’universo di Degenesis tutt’ora in corso di sviluppo. A esclusione ovviamente dello schermo del narratore (presente in due diverse versioni che differiscono per l’illustrazione principale), in tutti i casi si tratta di manuali che in una prima parte si focalizzano su una particolare zona geografica descrivendone le principali città con le differenti situazioni sociali, politiche ed economiche, mentre la seconda parte viene dedicata ad avventure di ampio respiro ambientate esattamente in quella specifica zona.

In particolare sono stati pubblicati In Thy Blood, The Killing Game e Black Atlantic che insieme possono essere definiti un corpus unico dal punto di vista della campagna presentata, ancorché le avventure siano strutturate in modo tale da poter essere giocate anche singolarmente, essendo di fatto autoconclusive.

Degenesis Rebirth è attualmente disponibile in inglese, tedesco, francese e spagnolo, ma il prossimo 27 gennaio partirà una campagna di Kickstarter a cura di Wyrd Edizioni per la localizzazione in italiano.

Volete saperne di più sull’ambientazione di Degenesis Rebirth? Il manuale base in inglese è già disponibile in una versione da collezione contenuta in un box cartonato

L'articolo Degenesis Rebirth: in arrivo nuovi accessori proviene da Tom's Hardware.

❌