Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Oggi — 20 Febbraio 2020RSS feeds

Google Pixel 5: scopriamo i primi render

di Alessandro Ricatti

In questi giorni, stanno circolando in rete numerosi rumors riguardanti il nuovo smartphone targato Google: stiamo parlando del Pixel 5. A tal proposito, possiamo visionare alcuni render riguardanti l’ipotetico design e possiamo scoprire alcune delle funzionalità che, molto probabilmente, verranno implementate.

(...)
Continua a leggere Google Pixel 5: scopriamo i primi render su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: ,

Dispositivi anti abbandono: MyMi funziona anche senza smartphone

di Raffaele Dambra

Dispositivi anti abbandono

La startup milanese Bluon, che in passato ha già creato altri prodotti legati alla sicurezza dei bambini, ha incontrato la stampa specializzata, tra cui noi di SicurAUTO.it, per presentare il suo dispositivo anti abbandono MyMi. La presentazione è avvenuta proprio alla vigilia della messa online della piattaforma per richiedere il bonus di 30 euro, fissata il 20 febbraio 2020, e in previsione dell’avvio delle sanzioni (dal 6 marzo) per coloro che non hanno ancora provveduto a mettersi in regola. Gli utenti abituali del nostro portale sanno già con quanta attenzione abbiamo affrontato l’argomento ‘dispositivi anti abbandono’. Seguendo passo dopo passo il travagliato iter legislativo, segnato da non poche incertezze e contraddizioni. E soprattutto testando direttamente alcuni prodotti per capire se ce ne fosse qualcuno migliore o più affidabile degli altri. Per questo ci siamo avvicinati con molta curiosità al nuovo dispositivo antiabbandono MyMi, annunciato come ‘rivoluzionario’ e ‘con tripla sicurezza’. Come sarà andata?

DISPOSITIVI ANTI ABBANDONO: COSA PREVEDE LA NORMATIVA

Prima di spiegare come funziona MyMi riepiloghiamo velocemente la legge sull’obbligo dei dispositivi anti abbandono, già in vigore dallo scorso novembre (ma, come detto, le sanzioni saranno irrogate solo dal 6 marzo 2020). La normativa riguarda quei dispositivi di allarme predisposti a prevenire l’abbandono dei bambini di età inferiore ai 4 anni a bordo delle auto. Tali dispositivi possono essere integrati all’origine nel sistema di ritenuta per bambini (senza alterarne le caratteristiche di omologazione), inseriti nel veicolo come dotazione di base o accessoria, oppure totalmente indipendenti. I dispositivi devono essere in grado di attivarsi automaticamente a ogni utilizzo, senza ulteriori azioni da parte del conducente. E soprattutto, qualora se ne presenti la necessità, devono dare un segnale di allarme. Attirando in modo tempestivo l’attenzione del conducente mediante alert visivi, acustici o aptici percepibili sia all’interno che all’esterno del veicolo. Infine, non meno importante, i dispositivi anti abbandono possono essere dotati di un sistema di comunicazione automatico. Che serve ad allertare urgentemente altre persone se per un motivo qualsiasi il conducente si trovi impossibilitato a intervenire.

COME FUNZIONA IL DISPOSITIVO ANTI ABBANDONO MYMI

Inutile dire che MyMi rispetta tutti questi parametri, altrimenti non potrebbe neanche essere commercializzato. E a differenza della quasi totalità dei prodotti oggi sul mercato, non ha per forza bisogno della app per smartphone (comunque presente) per inviare l’allarme in caso di allontanamento dal veicolo con bimbo a bordo. Una caratteristica decisamente interessante! Il dispositivo, oltre al piccolo cuscinetto sfoderabile e lavabile da disporre sul seggiolino auto (come nella foto in basso), che rileva la presenza del bimbo, è dotato infatti di un piccolo tracker-portachiavi (da attaccare al mazzo di chiavi dell’auto per essere sicuri di averlo sempre con sé) che in pratica ‘fa le veci’ dello smartphone. Emettendo anch’esso un segnale d’allarme. La ‘tripla sicurezza’ è data appunto dalla presenza di tre elementi – cuscinetto, app per smartphone e tracker-portachiavi – ognuno dei quali concorre a segnalare un potenziale pericolo. Il cuscinetto attiva una segnalazione acustica ricorrente se non rileva la presenza del tracker-portachiavi o se il bluetooth dello smartphone risulta spento; la app invia un segnale d’allarme tramite smartphone non solo al conducente ma anche alle altre persone associate; il tracker entra in funzione se per qualche ragione l’app non è in grado di inviare l’allarme (smartphone spento, scarico o con bluetooth disattivato). È importante sottolineare questo aspetto: i due sistemi (app e tracker) non sono pensati per operare in contemporanea e l’app ha sempre la precedenza. Di conseguenza chi vuole, per motivi di praticità, utilizzare solo il tracker al posto dello smartphone, deve escludere quest’ultimo. Disattivando il bluetooth oppure non installando neppure l’app.

PECULIARITÀ DEL DISPOSITIVO ANTI ABBANDONO MYMI

La app di MyMi (disponibile sia per Android che per iOS) è comunque più completa del tracker. In quanto, appunto, può avvisare non solo il conducente, ma anche un numero pressoché infinito di persone associate, aggiungendo pure la posizione geolocalizzata. Per ricevere il segnale d’allarme l’app ha bisogno soltanto dell’attivazione del bluetooth, mentre per inviarlo ad altre persone necessita anche della connessione dati. Significa che il conducente riceve il segnale sullo smartphone anche se impegnato in una conversazione telefonica o se ha il cellulare fuori campo o in modalità aerea (ma con bluetooth sempre attivato).
Il cuscinetto e il tracker-portachiavi funzionano con comunissime pile a bottone CR2450 e CR2032 entrambe sostituibili utilizzando un piccolo cacciavite (la durata media di una pila è di circa 2 anni, il livello delle batterie è monitorabile dall’app, in ogni caso entrambe le unità emettono uno specifico segnale acustico quando le pile sono quasi scariche) e che con un solo smartphone si possono gestire fino a 20 dispositivi. Chi vuole può acquistare altri tracker separatamente (per esempio in una famiglia potrebbero servirne due, uno per il papà e uno per la mamma). Importante: più tracker possono essere abbinati allo stesso cuscinetto e un tracker può essere associato a più cuscini. Pertanto se nell’auto ci sono due seggiolini (con due bambini) non è necessario portarsi dietro due tracker, ne basta uno solo. Da notare, poi, che l’app non è legata ad alcun account personale; per cui al termine dell’obbligo di utilizzo (quando il bimbo compie 4 anni) il dispositivo può essere tranquillamente ceduto ad altre persone.

GIUDIZIO DI SICURAUTO.IT SU MYMI

Di sicuro la possibilità di avere un’alternativa all’app eludendo quindi possibili problemi di natura ‘tecnologica’ dello smartphone, nonché di sostituire le pile quando si esauriscono, pongono MyMi in una posizione di fascia alta tra tutti i dispositivi anti abbandono presenti sul mercato. Forse il prezzo di 69,90 euro non è tra i più economici, ma con il bonus di 30 euro la spesa diventa più sostenibile. Il tracker-portachiavi aggiuntivo (facoltativo) costa 19,90 euro. Per quanto riguarda infine la delicata questione dell’omologazione, ricordiamo che la normativa non impone che i dispositivi anti abbandono risultino ‘omologati’. Ma richiede che, oltre a rispondere a determinate specifiche tecnico-costruttive e funzionali (per cui il produttore rilascia un’autocertificazione di conformità), non alterino in nessun modo le caratteristiche di omologazione dei seggiolini auto. A questo proposito Bluon ha genericamente dichiarato che il cuscinetto del dispositivo MyMi, in seguito a crash test (distruttivi) effettuati, non interferisce con l’omologazione di alcun seggiolino od ovetto per auto. Senza fornire però indicazioni più precise riguardo i modelli di seggiolini su cui sono stati fatti i crash test con il dispositivo installato; e l’ente/società che li ha realizzati. Restiamo ovviamente a disposizione qualora Bluon voglia indicarci anche questi dati.

The post Dispositivi anti abbandono: MyMi funziona anche senza smartphone appeared first on SicurAUTO.it.

Ieri — 19 Febbraio 2020RSS feeds

Huawei non ha il Play Store? Niente paura, ci pensa TrovApp

di Alessandro Ricatti

Uno dei problemi comuni che si riscontrano quando si utilizza un dispositivo senza i servizi Google è sicuramente il reperimento delle applicazioni. A causa dei dazi voluti da Donald Trump, Huawei ha deciso di non implementare questi servizi e, di conseguenza, non è presente il Play Store. Un team di sviluppatori italiani ha creato un’applicazione, TrovApp, che ci permetterà di scaricare qualsiasi tipo di programma in maniera sicura e rapida.

(...)
Continua a leggere Huawei non ha il Play Store? Niente paura, ci pensa TrovApp su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: ,

Meno recentiRSS feeds

Bluetooth allarme antiabbandono: quanto è davvero pericoloso per i bimbi

di Donato D'Ambrosi

Seggiolini anti abbandono caratteristiche obbligo

Con l’obbligo degli allarmi antiabbandono per bambini è esplosa la psicosi da pericoli del Bluetooth sui bambini. Quanto è pericoloso realmente il Bluetooth per la salute umana? Esiste il rischio di radiazioni per i bambini e i neonati seduti sopra i cuscini con allarme antiabbandono? La risposta sorprenderà sicuramente i genitori apprensivi e va cercata nei limiti delle radiazioni stabiliti dall’Unione europea.

BLUETOOTH E RADIAZIONI PERICOLOSE: DIPENDE DALLA POTENZA

Con l’obbligo di trasportare in auto bambini fino a 4 anni solo con un allarme antiabbandono, il parere dei genitori è diviso tra chi trova un investimento utile e chi invece no. Lo si può vedere anche dai commenti al nostro video test qui sotto, che mette a confronto 4 dispositivi antiabbandono diversi. Al di là dei punti di vista però in molti si chiedono ancora se il Bluetooth degli smartphone fa male alla salute. Un comprensibile timore che possiamo chiarire con l’aiuto di Tata, che dichiara quante radiazioni emette il Bluetooth di un allarme antiabbandono per bambini. Intanto cerchiamo di capire quanto è potente il Bluetooth di un dispositivo di allarme antiabbandono. In generale, come si vede dalla tabella delle Classi del Bluetooth, più è potente il segnale, più lungo è il raggio d’azione della comunicazione.

QUANTO E’ PERICOLOSO IL BLUETOOTH PER LA SALUTE UMANA

Poiché sappiamo che gli allarmi antiabbandono funzionano entro una distanza di 10 metri dallo smartphone, sono associati a potenze più basse (Classe 2, 3,4,). Che sono molto al di sotto di quanto il Wi-Fi di casa, cui è esposto quotidianamente ogni bambino in ogni famiglia che usa una connessione a internet. Vi starete chiedendo allora, ma se il bambino è seduto proprio sopra l’allarme con il Bluetooth, non è più pericoloso? La risposta è no. Il perché lo spiega l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che sull’uso degli smartphone consiglia proprio l’utilizzo di auricolari Bluetooth per ridurre al minimo l’esposizione della testa a radiazioni elettromagnetiche. Radiazioni che per costituire un rischio alla salute devono superare il valore SAR (Specific Absorption Rate) nell’uso normale di 2 W/kg. Rispetto al valore del Tasso di Assorbimento stabilito dall’Unione europea per l’intero corpo, gli smartphone super-connessi sono al di sotto di 0,5 W/kg.

Classi e portata delle connessioni Bluetooth

LE RADIAZIONI EMESSE DALL’ALLARME ANTIABBANDONO

Il pericolo reale del Bluetooth sul corpo umano ci porta a rispondere alla domanda iniziale. Il Bluetooth è pericoloso per un bambino seduto sull’allarme antiabbandono? Ora che sappiamo qual è il limite di assorbimento “sicuro” possiamo comprendere meglio quante radiazioni elettromagnetiche emette un allarme antiabbandono. Nel caso del dispositivo Tata Pad, l’azienda dichiara un valore di SAR di 0,0099 W/kg, 200 volte inferiore alla soglia dell’Ue. Piuttosto, e cogliamo l’occasione per ripeterlo ancora una volta, quando i bambini viaggiano in auto bisognerebbe proteggerli da altri rischi ricordando ad esempio di:

Montare correttamente il seggiolino e controllarlo periodicamente;
– Allacciare e stringere adeguatamente le cinturine come si vede nel video in alto;
– Far viaggiare il bambino contro il senso di marcia almeno fino a 15 mesi di età;
– Accertarsi che l’airbag passeggero sia disattivato se il bambino viaggia davanti;
– Dare il buon esempio fin da piccoli, con una guida prudente, indossando e facendo indossare a tutti i passeggeri la cintura di sicurezza.

The post Bluetooth allarme antiabbandono: quanto è davvero pericoloso per i bimbi appeared first on SicurAUTO.it.

Samsung Galaxy Fold 2: la fotocamera sarà sotto al display

di Alessandro Ricatti

Dopo aver presentato il Galaxy Z Flip, Samsung starebbe lavorando sul successore del Galaxy Fold. Ad alimentare questa voce sono stati alcuni leakers che hanno condiviso delle informazioni riguardanti la scheda tecnica del pieghevole sudcoreano.

(...)
Continua a leggere Samsung Galaxy Fold 2: la fotocamera sarà sotto al display su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

Xiaomi MI 10 e Mi 10 Pro UFFICIALI: top di gamma a tutti gli effetti

di Alessandro Ricatti

Oggi, giovedì 13 febbraio, sono stati presentati ufficialmente i nuovi smartphone targati Xiaomi: stiamo parlando del MI 10 e del MI 10 Pro. Molte delle indiscrezioni condivise dai leakers sono state confermate: sistema di raffreddamento a camera di vapore al grafene e Snapdragon 865 con supporto al 5G. Ovviamente, per entrambi gli smartphone, il sistema operativo è Android 10, personalizzato dall’interfaccia proprietaria MIUI 11.

(...)
Continua a leggere Xiaomi MI 10 e Mi 10 Pro UFFICIALI: top di gamma a tutti gli effetti su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Samsung sconta i Galaxy S20 fino a 330€

di Alessandro Ricatti

Ieri, martedì 11 febbraio, è stato presentata ufficialmente la nuova gamma di Samsung Galaxy S20. A tal proposito, è possibile usufruire di un’offerta proposta direttamente dal produttore per ottenere alcuni vantaggi relativi al prezzo.

(...)
Continua a leggere Samsung sconta i Galaxy S20 fino a 330€ su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

Nokia e HMD non parteciperanno al MWC 2020

di Alessandro Ricatti

Una delle aziende più attese al Mobile World Congress 2020 di Barcellona è sicuramente Nokia. A causa del possibile contagio da Coronavirus, l’azienda finlandese e HMD Global hanno deciso di non partecipare alla fiera catalana.

(...)
Continua a leggere Nokia e HMD non parteciperanno al MWC 2020 su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Il mercato dei dispositivi indossabili wireless continua a crescere: Apple mantiene la prima posizione

di Biagio Petronaci
Apple continua a mantenere il primo posto nella classifica dei produttori di dispositivi indossabili true wireless. Counterpoint Research ha recentemente pubblicato un report con cui ha ribadito che il colosso di Cupertino potrebbe mantenere questo primato anche nel 2020, vendendo circa 100 milioni di unità. Gli analisti hanno sottolineato che, durante il quarto trimestre del […]

Xiaomi MI 10: confermate alcune specifiche tecniche

di Alessandro Ricatti

Uno degli smartphone più attesi dalla community del robottino verde è sicuramente lo Xiaomi MI 10. A tal proposito, sono state condivise alcune informazioni relative al comparto fotografico, all’audio ed alla batteria.

(...)
Continua a leggere Xiaomi MI 10: confermate alcune specifiche tecniche su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

Samsung Galaxy S20, S20 Plus e S20 Ultra presentati ufficialmente

di Federico Cinque

Nel corso dell’evento UNPACKED appena conclusosi a Londra, Samsung ha ufficializzato la nuova serie di dispositivi top di gamma, vale a dire Galaxy S20, S20 Plus e S20 Ultra.

(...)
Continua a leggere Samsung Galaxy S20, S20 Plus e S20 Ultra presentati ufficialmente su Androidiani.Com


© federicocinque for Androidiani.com, 2020. | Permalink |
Qui trovi la classifica del miglior smartphone android
Tags del post: , , , , , , , ,

Motorola Razr: smontare il display è quasi impossibile [VIDEO]

di Alessandro Ricatti

Uno degli smartphone più attesi di questo 2020 è sicuramente il Motorola Razr. La particolarità di questo dispositivo la ritroviamo nella presenza di un pannello pieghevole che, grazie all’ottima cerniera, riesce a chiudersi a conchiglia senza danneggiare il display flessibile. A tal proposito, sono stati riscontrati dei problemi relativi allo smontaggio ed alla sostituzione del pannello.

(...)
Continua a leggere Motorola Razr: smontare il display è quasi impossibile [VIDEO] su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

Samsung Galaxy Note 20: svelata la sezione posteriore?

di Alessandro Ricatti

Aspettando la presentazione ufficiale della famiglia Galaxy S20 e del foldable Galaxy Z Flip, si incomincia a parlare del prossimo smartphone che l’azienda coreana presenterà: stiamo parlando del Samsung Galaxy Note 20. A tal proposito, grazie ad alcuni leakers, possiamo visionare l’ipotetico frame laterale che potrebbe svelarci il design del Note 20.

(...)
Continua a leggere Samsung Galaxy Note 20: svelata la sezione posteriore? su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: ,

Dispositivi anti abbandono: bonus 30 euro, come fare richiesta

di Raffaele Dambra

Seggiolini anti abbandono caratteristiche obbligo

In vista del 6 marzo 2020, data in cui scatteranno le sanzioni, per chi trasporta in auto bambini al di sotto dei 4 anni, in caso di mancato utilizzo dei dispositivi anti abbandono, il MIT ha finalmente comunicato come fare richiesta del bonus di 30 euro. Ovvero l’importo messo a disposizione dei soggetti interessati come contributo o rimborso per l’acquisto di un dispositivo. Per coprire la spesa il Governo ha stanziato 15,1 milioni di euro per il 2019 e 5 milioni di euro per il 2020, ma i fondi assegnati per l’anno passato sono rimasti pressoché inutilizzati (solo il 10% dei genitori ha già acquistato il seggiolino salva-bebè) e saranno presumibilmente ‘scalati’ al 2020. Non è detto però che basteranno per tutti i bambini di età fino a 4 anni residenti in Italia, che sono circa 1.860.000.

DISPOSITIVI ANTI ABBANDONO: COME CHIEDERE IL BONUS DI 30 EURO

Attraverso una nota del 28/1/2020, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha stabilito che per ottenere il bonus per l’acquisto dei dispositivi anti abbandono sarà necessario registrarsi – a partire del 20 febbraio 2020 – sulla piattaforma informatica Sogei o sul portale dello stesso MIT. Il contributo sarà erogato mediante il rilascio di un buono spesa elettronico del valore di 30 euro, valido per comprare un seggiolino antiabbandono per ogni bambino di età inferiore ai 4 anni. Quindi le famiglie che hanno più di un figlio in quella fascia di età potranno accedere a più contributi. Il bonus sarà erogato anche a chi ha già acquistato il dispositivo: in questo caso per ottenerlo bisognerà farne richiesta registrandosi sulla piattaforma Sogei entro 60 giorni dal 20 febbraio 2020, allegando copia del giustificativo di spesa.

DISPOSITIVI ANTI ABBANDONO: NORMATIVA

Con le specifiche per la richiesta del bonus di 30 euro e avvicinandosi la data in cui i trasgressori potranno essere sanzionati, la fase di transizione verso l’obbligo di montare i dispositivi anti abbandono è da ritenersi ormai agli sgoccioli. Da questo momento in poi, quindi, genitori e famiglie con bambini piccoli hanno solo da mettersi in regola. Ricordiamo che la normativa prevede l’installazione obbligatoria a bordo dei veicoli di un dispositivo di allarme per prevenire l’abbandono in auto di bambini sotto i 4 anni. L’allarme si attiva quando il conducente si allontana dal veicolo e può essere integrato nel seggiolino del bambino o indipendente dal sistema di ritenuta. Per chi viola l’obbligo sono previste multe da 83 a 333 euro e meno 5 punti dalla patente. In caso di recidiva nel biennio scatta pure la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

DISPOSITIVI ANTIABBANDONO: IL VIDEO TEST DI SICURAUTO.IT

Per aiutare i genitori nella scelta del miglior prodotto, noi di SicurAUTO.it abbiamo messo a confronto 4 dispositivi anti abbandono: Remmy, Baby Bell, Tippy Smart Pad e Chicco BebèCare Easy-Tech. Ponendo in risalto le differenze tra i dispositivi in commercio, i relativi pro e contro e soprattutto valutando quali sono le caratteristiche realmente utili che ogni dispositivo deve avere. Scoprite tutto nel nostro video test qui sotto, mentre cliccando sul tasto rosso Scarica PDF è possibile prendere visione del decreto attuativo n. 122/2019 del MIT che definisce nel dettaglio le caratteristiche funzionali dei dispositivi.

The post Dispositivi anti abbandono: bonus 30 euro, come fare richiesta appeared first on SicurAUTO.it.

Samsung Galaxy S20: scopriamo il comparto fotografico

di Alessandro Ricatti

Una della gamma di smartphone più attesi di questo 2020 è sicuramente la nuova famiglia di S20 targata Samsung. A tal proposito, sono state rilasciate alcune notizie riguardanti il comparto fotografico degli smartphone.

(...)
Continua a leggere Samsung Galaxy S20: scopriamo il comparto fotografico su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: ,

Samsung Galaxy Z potrà essere piegato in due posizioni

di Alessandro Ricatti

Uno degli smartphone più chiacchierati di questo periodo è sicuramente il Samsung Galaxy Z Flip. La particolarità di questo dispositivo la ritroviamo nel design a conchiglia e in alcune funzionalità che, se dovessero essere confermate, risulterebbero essere molto interessanti ed innovative.

(...)
Continua a leggere Samsung Galaxy Z potrà essere piegato in due posizioni su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

Poco X2 mostrato in un video teaser: fake o realtà?

di Alessandro Ricatti

Da qualche giorno, Poco si è staccata da Xiaomi per diventare a tutti gli effetti un brand indipendente. Ad oggi, sappiamo ben poco riguardo alla nuova gamma di smartphone che andrà ad affiancare il Poco Phone F1.

(...)
Continua a leggere Poco X2 mostrato in un video teaser: fake o realtà? su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

Huawei brevetta uno smartphone con otto fotocamere

di Alessandro Ricatti
Nonostante il ban imposto dagli USA, Huawei sarebbe intenzionata a presentare nuovi smartphone. A tal proposito, sta facendo discutere il nuovo brevetto depositato dall’azienda cinese riguardante un nuovo camera-phone.

(...)
Continua a leggere Huawei brevetta uno smartphone con otto fotocamere su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

LG brevetta uno smartphone pieghevole

di Alessandro Ricatti

Uno dei trend che sicuramente caratterizzerà questo 2020 sarà sicuramente lo smartphone con display pieghevole. Dopo Samsung, Huawei e Motorola, anche LG potrebbe presentare il suo terminale pieghevole. Infatti, grazie ad alcuni leakers, siamo venuti a conoscenza di veri e propri progetti riguardanti questo smartphone futuristico.

(...)
Continua a leggere LG brevetta uno smartphone pieghevole su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: ,

AMAZFIT X: inizia il preordine ufficiale su Indiegogo

di Alessandro Ricatti

Uno dei brand che, negli ultimi anni, si è consolidato nella produzione di smartwatch è sicuramente Huami. A tal proposito, lo scorso anno era stato presentato un prototipo unico nel suo genere: stiamo parlando dell’AMAZFIT X. Purtroppo, fino a ieri, non si hanno avuto più notizie, tanto da far pensare che il progetto fosse stato archiviato alla mera fase prototipale.

(...)
Continua a leggere AMAZFIT X: inizia il preordine ufficiale su Indiegogo su Androidiani.Com


© alessandroricatti for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

❌