Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Oggi — 19 Settembre 2019RSS feeds

Google: nuovi attributi per il “nofollow”

di Marco Grigis
Google introduce due nuovi attributi per il nofollow: sponsored, per le affiliazioni, e ugc invece destinato allo user generated content. Leggi Google: nuovi attributi per il “nofollow”
Ieri — 18 Settembre 2019RSS feeds

Google: nuovi attributi per il “nofollow”

di Marco Grigis

Google introduce due nuovi attributi per il nofollow: sponsored, per le affiliazioni, e ugc invece destinato allo user generated content.

Leggi Google: nuovi attributi per il “nofollow”

Meno recentiRSS feeds

KPI nel digital marketing: significato, quali sono, esempi

di Isabella Costa
Quali sono i KPI (Keyword Performance Indicators) e come utilizzarli per la nostra campagna i social media marketing: tutto ciò che c'è da sapere. Leggi KPI nel digital marketing: significato, quali sono, esempi

Salesmate: cos’è, come funziona, prezzi

di Filippo Vendrame
Salesmate è una potente piattaforma che offre funzionalità aggiuntive per la gestione delle vendite e l'automazione aziendale. Leggi Salesmate: cos’è, come funziona, prezzi

Infusionsoft: funzionalità, tutorial, vantaggi, alternative

di Filippo Vendrame
Piattaforma di marketing per le piccole imprese per automatizzare i processi di vendita e migliorare il business. Leggi Infusionsoft: funzionalità, tutorial, vantaggi, alternative

Digital Bros Game Academy: al via il quinto anno accademico

di Nicola Armondi
A poco più di un mese dalla chiusura dello scorso ciclo formativo, Digital Bros Game Academy, l’accademia per diventare sviluppatori di videogiochi del Gruppo Digital Bros, ha ufficializzato, con la cerimonia di Day1 svoltasi ieri, 10 settembre 2019, l’apertura del 5° anno accademico 2019/2020. 89 nuovi iscritti provenienti da 16 regioni d’Italia hanno fatto il loro […]

SalesHandy: funzionalità, tutorial, vantaggi

di Filippo Vendrame
Srumento di analisi dei dati che permette di strutturare al meglio campagne email e di verificarne il successo. Leggi SalesHandy: funzionalità, tutorial, vantaggi

Italia’s Got Talent 2020: date, orari, casting e tutte le altre novità

di Lorenzo Spada
Italia’s Got Talent 2020

Sky si sta preparando a Italia’s Got Talent 2020, quinta edizione italiana del talent show dove troveremo diverse novità nella giuria e in altri aspetti

L'articolo Italia’s Got Talent 2020: date, orari, casting e tutte le altre novità proviene da TuttoTech.net.

Ci siamo, X Factor torna su Sky Uno con una giuria tutta nuova

di Lorenzo Spada
X Factor 2019

X Factor si appresta a tornare con la tredicesima edizione, novità nella giuria dove dalle passate edizioni tornerà solo Mara Maionchi.

L'articolo Ci siamo, X Factor torna su Sky Uno con una giuria tutta nuova proviene da TuttoTech.net.

Polizze RC auto: la firma digitale è riconosciuta?

di Raffaele Dambra

Polizze RC auto firma digitale

Giorni addietro vi abbiamo annunciato l’imminente riconoscimento della firma elettronica avanzata per il disbrigo delle pratiche auto presso gli uffici dell’ACI della motorizzazione. Un passo necessario per velocizzare le procedure e migliorare gli standard di sicurezza, dato che la FEI, a differenza della firma autografa, è difficilmente contraffabile. Passo che le assicurazioni avevano compiuto già da qualche anno, dato che la firma digitale è riconosciuta sulle polizze RC auto fin dal 2015.

LA FIRMA DIGITALE NELLE POLIZZE RC AUTO

Quattro anni fa, infatti, con il Regolamento n. 8 del 3/3/2015, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ha dato il via alla ‘rivoluzione digitale’ del settore assicurativo in Italia. Invitando le compagnie a privilegiare l’email ai documenti cartacei, a consentire il pagamento elettronico e a favorire la sottoscrizione a distanza dei contratti mediante l’utilizzo della firma elettronica. Dopo qualche mese di rodaggio tutte le compagnie si sono adeguate e oggi, effettivamente, si possono stipulare polizze assicurative senza recarsi fisicamente in agenzia (chi preferisce può comunque utilizzare il vecchio metodo). L’art. 5 capo II del citato Regolamento dell’IVASS ha tra le altre cose specificato che i documenti informatici sono sottoscrivibili con firma elettronica avanzata; con firma elettronica qualificata; o con firma digitale, nel rispetto delle disposizioni normative vigenti in materia. Esclusa invece la firma elettronica semplice.

DIFFERENZA TRA FIRMA ELETTRONICA AVANZATA, FIRMA ELETTRONICA QUALIFICATA E FIRMA DIGITALE

La differenza tra le tre differenti firme adottate è la seguente:
– con firma elettronica avanzata (FEA) si definisce l’insieme di dati in forma elettronica allegati oppure connessi a un documento informatico che consentono l’identificazione del firmatario del documento e garantiscono la connessione univoca al firmatario, creati con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo, collegati ai dati ai quali detta firma si riferisce, in modo da consentire di rilevare se i dati stessi siano stati successivamente modificati;
– con firma elettronica qualificata (FEQ) si definisce la firma elettronica ottenuta attraverso una procedura informatica che garantisce la connessione univoca al firmatario, creata con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo e collegata ai dati ai quali si riferisce in modo da consentire di rilevare se i dati stessi siano stati successivamente modificati. La FEQ è basata su un certificato qualificato e realizzata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma;
– infine la firma digitale è un particolare tipo di firma elettronica qualificata basata su un sistema di chiavi asimmetriche a coppia, una pubblica e una privata, che consente al titolare tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chiave pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e l’integrità di un documento informatico o di un insieme di documenti informatici.

POLIZZE RC AUTO: LA FIRMA DIGITALE È IL FUTURO

Appare evidente che l’IVASS, nella transizione verso l’era digitale, abbia comunque voluto assicurare la massima protezione del contraente adottando soltanto firme elettroniche ultra sicure. Questo pur sapendo che le forme avanzate di sottoscrizione digitale (come la FEA e la FEQ) sono ancora nella disponibilità di pochi e non della massa dei consumatori, ma confidando allo stesso tempo che nel volgere di pochi anni (massimo un decennio) la digitalizzazione del comparto assicurativo sarà completa.

The post Polizze RC auto: la firma digitale è riconosciuta? appeared first on SicurAUTO.it.

Facebook: addio al conteggio dei Like

di Marco Grigis
Facebook potrebbe eliminare il conteggio di like e reaction: ecco cosa cambia e i possibili effetti sul digital marketing. Leggi Facebook: addio al conteggio dei Like

Facebook: addio al conteggio dei Like

di Marco Grigis

Facebook potrebbe eliminare il conteggio di like e reaction: ecco cosa cambia e i possibili effetti sul digital marketing.

Leggi Facebook: addio al conteggio dei Like

Autopilot: a cosa serve e tutorial

di Filippo Vendrame
Autopilot è una soluzione per l'automazione del marketing facile da usare e che si integra con soluzioni come Zapier, Slack, Segment e Twilio. Leggi Autopilot: a cosa serve e tutorial

Facebook non è più “gratuito”

di Claudio Davide Ferrara

Facebook rinuncia a definirsi un servizio gratuito per non violare le normative europee in materia di dati personali.

Leggi Facebook non è più “gratuito”

Facebook non è più “gratuito”

di Claudio Davide Ferrara
Facebook rinuncia a definirsi un servizio gratuito per non violare le normative europee in materia di dati personali. Leggi Facebook non è più “gratuito”

Date e orari dei principali match dei gironi di Champions League 2019/2020

di Lorenzo Spada
UEFA-Champions-League-20192020

Ecco date, orari e dove guardare in Tv e Streaming i principali match delle prime tre giornate dei gironi di Champions League 2019/2020

L'articolo Date e orari dei principali match dei gironi di Champions League 2019/2020 proviene da TuttoTech.net.

Social commerce: uno standard nella vendita al dettaglio

di Claudio Davide Ferrara

Social commerce: più di un terzo degli utenti online ha eseguito un acquisto passando dai social media, cambiano le regole del commercio al dettaglio.

Leggi Social commerce: uno standard nella vendita al dettaglio

Social commerce: uno standard nella vendita al dettaglio

di Claudio Davide Ferrara
Social commerce: più di un terzo degli utenti online ha eseguito un acquisto passando dai social media, cambiano le regole del commercio al dettaglio. Leggi Social commerce: uno standard nella vendita al dettaglio

Telecamere al posto degli specchietti: l’NHTSA frena il lancio negli USA

di Antonio Elia Migliozzi

Negli Usa non è ancora arrivato il via libera ufficiale agli specchietti digitali. Ecco allora che le case automobilistiche rinnovano il loro accorato invito all’Autorità nazionale NHTSA perché proceda a fornire le autorizzazioni necessarie. Da parte sua l’NHTSA ha bloccato da diverso tempo le richieste arrivate dai costruttori in attesa di svolgere dei test di sicurezza completi. Le Autorità americane prendono tempo mentre Europa e Giappone hanno già permesso la vendita di auto prive di specchietti esterni. Sul nuovo SUV 100% elettrico Audi e-Tron come sulla ammiraglia giapponese Lexus LS troviamo monitor e telecamere al posto dei tradizionali specchietti. Si tratta di una soluzione che convince sempre di più i costruttori ed è per questo che la prossima compatta elettrica Honda e ricorrerà a questa tecnologia. Vediamo allora pregi e difetti di questa tecnologia per potrebbe rivoluzionare il nostro approccio alla guida.

SPECCHIETTI E SICUREZZA

La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) testerà gli specchietti esterni digitali prima di autorizzarne l’uso su strada. L’obiettivo dei regolatori americani è capire come i conducenti useranno le telecamere esterne al posto degli specchi tradizionali. Il test pianificato dall’NHTSA verificherà il “comportamento di guida e l’esecuzione di manovre di cambio corsia” in auto con specchi tradizionali e su veicoli con sistemi che sfruttano delle telecamere. Insomma su vuole capire se questi strumenti possano indurre i conducenti in errore magari distraendoli in modo eccessivo dalla guida. Nel marzo 2014, un gruppo di produttori di automobili tra cui General Motors, Volkswagen, Toyota e Tesla avevano presentato una petizione all’NHTSA. La richiesta era chiara, poter utilizzare sistemi di visione posteriore o laterale basati su delle telecamere. Una istanza simile era stata presentata da Daimler nel 2015. In quel caso si faceva riferimento ad un sistema di telecamere da impiegare sui camion.

USA AL PALO

Tutte queste richieste di verifica risultano ancora pendenti. Lo scorso anno l’NHTSA aveva fatto sapere che stava esaminando il problema per arrivare ad una rapida soluzione. I nuovi test sugli specchietti digitali partiranno dall’esame di veicoli per il trasporto passeggeri e successivamente saranno estesi a mezzi più grandi. Da alcuni anni i produttori di automobili sfruttano telecamere anteriori, posteriori e laterali per aiutare i conducenti nelle manovre di parcheggio. La tecnologia fa ora l’ultimo passo rimpiazzando i tradizionali retrovisori esterni. Le telecamere laterali sono già state approvate sia in Europa che in Giappone. Dallo scorso anno Toyota ha iniziato a commercializzare in Giappone l’ammiraglia Lexus ES provvista di specchietti laterali digitali. All’inizio di quest’anno si è mosso anche il gruppo Volkswagen, che ora propone il SUV elettrico Audi e-Tron. Siccome i retrovisori digitali non sono per ora ammessi negli Usa, i clienti americani devono accontentarsi di quelli tradizionali.

LE RICHIESTE DEL MERCATO

Come abbiamo visto gli specchietti digitali sono, per ora, appannaggio di vetture di segmento premium e rappresentano un optional davvero molto costoso. Sembra però che le cose stiano per cambiare. Honda ha reso noto l’arrivo entro la fine dell’anno, o all’inizio del prossimo, della sua compatta elettrica “e”. La vettura offrirà una plancia centrale a sviluppo orizzontale caratterizzata dalla presenza di molti schermi a colori alle cui estremità ci saranno due display per i retrovisori digitali. I sistemi mirrorless sono: “Un esempio di come la tecnologia automobilistica sia in anticipo rispetto al legislatore degli Stati Uniti, ha dichiarato Mark Dahncke, portavoce di Audi America. L’autorizzazione all’uso dei retrovisori digitali sarà di grande aiuto per i brand dell’auto al lavoro sullo sviluppo della guida autonoma. Nel prossimo futuro l’intelligenza artificiale sarà in grado di valutare la situazione che circonda il veicolo e prendere decisioni senza l’intervento del conducente.

The post Telecamere al posto degli specchietti: l’NHTSA frena il lancio negli USA appeared first on SicurAUTO.it.

❌