Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

10 errori da non fare quando si guida in città

di Redazione

I neopatentati temono la giungla urbana, i guidatori esperti sottovalutano i pericoli. Ecco gli errori più comuni da evitare con la guida in città

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

I migliori smartphone tra 200 e 250 euro

di Biagio Petronaci
Sono sempre più numerosi i produttori che decidono di sviluppare delle proposte da collocare nella fascia di prezzo compresa tra 200 e 250 euro. Questi smartphone offrono agli utenti delle caratteristiche di tutto rispetto, senza però dover spendere una quantità molto alta di denaro. La fascia media, nel 2020, è ricchissima di device imperdibili, grazie […]

10 errori da non fare in regime di Zona Protetta da Coronavirus

di Donato D'Ambrosi

Come affrontare l’isolamento da Coronavirus senza stress in regime di Zona Protetta: ecco i 10 errori da non fare e i consigli per chi vive con anziani o animali in casa

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Guidare in Austria: limiti, norme e consigli per evitare multe

di Redazione

In Austria non si sorpassano gli scuolabus alla fermata, ma pochi lo sanno: ecco i limiti, norme e consigli per evitare multe se vi trovate a guidare in Austria

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Gli errori da non fare al volante per allungare la vita dell’auto

di Redazione

Alcuni sembrano banali, ma importanti per la sicurezza di guida e la vita dell'auto auto: ecco gli errori da non fare al volante

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Guidare in Repubblica Ceca: limiti, norme e consigli per evitare multe

di Redazione

In Repubblica Ceca c'è tolleranza zero per alcool alla guida e farmaci pesanti: ecco gli altri limiti, le norme e i consigli per guidare in Repubblica Ceca in sicurezza

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Guidare in Polonia: limiti, norme e consigli per evitare multe

di Redazione

In Polonia il guidatore straniero paga la multa alla pattuglia che lo ha fermato. Ecco i limiti, norme e consigli per guidare in Polonia

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

10 errori da non fare con il seggiolino auto per bambini

di Redazione

1 genitore su 2 monta in modo errato il seggiolino in auto, ecco alcuni consigli ed errori da non fare con il seggiolino auto per bambini

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Guidare in Croazia: limiti, norme e consigli per evitare multe

di Redazione

Per il codice stradale croato i minori di 24 anni non possono bere neppure un cicchetto: ecco limiti, norme e consigli per guidare in Croazia

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

10 errori da non fare durante un sorpasso

di Gabriele Amodeo

Il Sorpasso, uno dei momenti più critici e potenzialmente pericolosi quando si è alla guida. Scopriamo gli errori durante un sorpasso da evitare

Leggi l'articolo completo su SicurAUTO.it

Guida con occhiali: i consigli per farlo in sicurezza

di Redazione

Uno degli aspetti che spesso viene trattato marginalmente quando si parla di sicurezza stradale è quello della vista del guidatore e della guida con occhiali. Si stima infatti che fino 6 incidenti su 10 possono verificarsi proprio da difetti di vista non corretti o trascurati. Scopriamo quali sono i consigli da seguire per guidare in sicurezza e vederci bene con occhiali da sole o lenti obbligatorie al volante!

1.OCCHIALI AL VOLANTE E RISCHIO INCIDENTI

La sicurezza stradale è una delle mission prioritarie della redazione di SicurAUTO.it e trattiamo oggi un argomento che riteniamo di grande rilevanza per i nostri lettori -automobilisti. Parliamo infatti del binomio vista e guida sicura, aspetto spesso trascurato dagli stessi conducenti con difetti di vista; prendendo sottogamba il proprio deficit possono commettere errori, aumentando drasticamente la percentuale di rischio di causare incidenti stradali. Come abbiamo accennato in apertura gli incidenti legati alla vista possono raggiungere il 60% del totale, lo confermano gli studi condotti dall’Automobile Club d’Italia e ricerche condotte dall’Università Bicocca di Milano. A mettere a nudo gli automobilisti poco sensibili al problema ha provveduto uno studio commissionato da Grand Vision e condotto dall’Istituto EDRA; il dato che emerge è inaspettato, scopriamolo di seguito.

2.IL 25% DEGLI ITALIANI NON INDOSSA GLI OCCHIALI ALLA GUIDA

Analizzando un campione di 1.500 automobilisti italiani gli intervistatori hanno redatto la ricerca Vista e Guida Sicura 2017; agli intervistati è stato chiesto di “fotografare” il proprio comportamento in auto a partire dai gesti immediatamente successi all’accesso al veicolo. Tra i controlli che vengono effettuati rapidamente dai conducenti per sentirsi più sicuri al primo posto si trova il check della cintura di sicurezza (47%), seguito da quello sull’assetto della vettura (27%) e solo all’ultimo posto la verifica di essere nelle condizioni migliori per vederci bene (23%) essere cioè in possesso di occhiali correttivi o occhiali da sole e gocce idratanti per chi porta le lenti a contatto. Il 77% del campione sembra non considerare vederci bene una priorità quando viaggia in auto e il 26% dei conducenti intervistati ammette di non effettuare un controllo della vista da almeno 2 anni (Sai che nella patente europea  è indicato il tipo di lente per chi è obbligato a guidare con gli occhiali?).

3.VEDERE E FARSI VEDERE ALLA GUIDA

Tra le difficoltà riscontrate al volante, ammesse dagli intervistati, troviamo in cima quelle relative all’abbagliamento e all’adattamento luce-buio. Al primo posto infatti è stato posto l’abbagliamento causato dai fari delle alte vetture (53%), seguito dalla visuale limitata (51%) e dall’accecamento temporaneo causato dal sole forte (35%). Troviamo infine le difficoltà visive causate dalla pioggia battente (31%) e quelle causate dalla guida al buio (29%). Riguardo la frequenza dei controlli oculistici la ricerca ha evidenziato come i guidatori più giovani siano i meno attenti, il 33% degli under 35 non effettua un controllo della vista da oltre 2 anni. Vediamo di seguito quali sono i consigli da seguire per non patire fastidi alla guida causati da problemi alla vista, si tratta di suggerimenti forniti dal Dr. Andrea Giani, specialista in oftalmologia e ricercatore presso l’Università di Milano.

4.OCCHIALI ALLA GUIDA PER PROTEGGERSI DALL’ABBAGLIAMENTO

Spesso per strada capita di essere abbagliati dai riflessi del sole su superfici lucide, asfalto compreso. Il consiglio, anche per chi non ha problemi di vista, è quello di indossare occhiali da sole di buona qualità, possibilmente con lenti polarizzate; la polarizzazione delle lenti riduce al massimo i riflessi del sole e migliora sensibilmente il contrasto, offrendo così una migliore nitidezza e affaticando meno gli occhi sia del conducente che dei passeggeri che li indossano (leggi qui quanto la stanchezza influisce sugli incidenti stradali). Per chi deve al tempo stesso proteggersi dall’abbagliamento e correggere un difetto di vista il consiglio è quello di utilizzare occhiali da sole con lenti graduate, magari sfumate verso il basso così da vedere chiaramente il cruscotto. I colori consigliati sono il grigio o il marrone, aumentano il contrasto e la qualità visiva senza compromettere la percezione dei colori.

5.DALLA LUCE AL BUIO E VICEVERSA, COME RISOLVERE CON GLI OCCHIALI ALLA GUIDA

Uno dei problemi spesso riscontrati anche da chi non ha deficit visivi è quello dell’adattamento dalla luce al buio e viceversa. L’esempio classico è l’ingresso o l’uscita da una galleria in pieno giorno, i tempi di adattamento dell’occhio umano potrebbero provocare attimi nei quali la visibilità è estremamente ridotta. Il consiglio è quello di utilizzare lenti fotocromatiche, capaci quindi di adattarsi in base alla quantità di luce presente e garantendo sempre una visione ottimale.

6.GUIDARE CON LE LENTI A CONTATTO, COME COMPORTARSI

Le lenti a contatto sono ormai un indispensabile accessorio per chi, avendo difetti visivi da correggere, non vuole indossare occhiali da vista. Si tratta di un dispositivo medico estremamente pratico ma che necessita di particolari accorgimenti, soprattutto quando si è in auto. Bisogna avere sempre con sé gocce idratanti e un eventuale paio di occhiali di scorta se una lente a contatto dovesse staccarsi o da utilizzare all’insorgere di fastidi o irritazioni.

7.VADEMECUM PER CHI GUIDA CON GLI OCCHIALI

Di seguito una serie di suggerimenti per guidare sempre in condizioni ottimali per quanto riguarda la vista. Le lenti degli occhiali, anche quelli da sole, devono essere sempre ben pulite per garantire sempre la massima nitidezza e la giusta correzione nel caso di lenti graduate. Controllare periodicamente i naselli degli occhiali e stringere le eventuali viti allentate. Non lasciare mai per un tempo prolungato gli occhiali sul cruscotto esposti alla luce diretta del sole o nelle giornate particolarmente calde, il rischio è quello di deteriorare alla lunga i trattamenti delle lenti. Scegliere modelli di occhiali che favoriscano la visuale laterale e realizzate con materiali leggeri. Infine eseguire controlli e visite oculistiche con regolarità così da poter correggere eventuali variazioni del visus.

The post Guida con occhiali: i consigli per farlo in sicurezza appeared first on SicurAUTO.it.

10 errori da non fare quando si guida sulla neve o il ghiaccio

di Donato D'Ambrosi

Guidare sulla neve o il ghiaccio con le gomme invernali o tenere le catene a bordo (resta aggiornato sull’elenco delle ordinanze invernali in ogni regione) a volte non basta ecco perché abbiamo raccolto un vademecum con gli errori più frequenti da non fare quando si guida in inverno e  i consigli utili per gli automobilisti in una breve guida su come prepararsi al meglio ad affrontare situazioni di guida più o meno difficoltose. Vediamo di seguito i 10 errori da non fare nella guida su neve o ghiaccio che puoi condividere tra le persone che hai a cuore!

1.GUIDA SU NEVE O GHIACCIO: NON RISCHIARE

Se affacciandosi alla finestra non si vede null’altro che bianco è il caso di soffermarsi a pensare se davvero vale la pena uscire con l’auto  e sottovalutare le insidie che neve e ghiaccio nascondo. Ciò non significa blindarsi in casa ma essere consapevoli che potremmo non essere adeguatamente equipaggiati. Per essere sicuri meglio approfondire qui come preparare l’auto ad affrontare l’inverno.

2.NON GUIDARE ALLA CIECA

Potrebbe sembrare scontato ma non lo è, considerando che l’abitudine maturata durante l’anno di attaccarsi ai tergicristalli per rimuovere qualsiasi cosa dal parabrezza, anche quando il vetro è ghiacciato si spera nel miracolo delle spazzole anteriori. Se con qualche difficoltà si guadagna uno spioncino da cui sbirciare la strada, vetri laterali e lunotto passano in secondo piano pur di partire. Non c’è niente di più pericoloso che limitare il proprio campo visivo senza riuscire a vedere le auto sopraggiungere agli incroci. Meglio dotarsi di uno spray de-ghiacciante da tenere in casa per scongelare in pochi secondi i vetri e le guarnizioni attaccate che impediscono l’apertura degli sportelli.

3.PRIMA DI PARTIRE PENSATE AL COMFORT

Una volta saliti a bordo bisogna ricordarsi che l’auto sarà gelida e pensare di aspettare che il condizionatore d’aria (scalda l’aria sfruttando l’acqua calda del sistema di raffreddamento in uscita dal motore) vada a regime è pura utopia. In questi casi meglio impostare una temperatura adeguata tramite il climatizzatore, ricordandosi poi di spegnerlo se l’auto non riesce a svincolarsi da partenze difficoltose; più avanti vediamo come non partire su neve o ghiaccio. Leggi qui come usare il climatizzatore nel modo corretto anche in inverno e qui sotto un video sulla corretta manutenzione del climatizzatore.

4.LA PARTENZA SULLA NEVE O GHIACCIO

L’istinto al volante quando si guida su neve o ghiaccio ci spinge a comportarci come siamo abituati a fare: cintura di sicurezza (il minimo, si spera), prima marcia e via. E’ la situazione più difficoltosa in cui si possa trovare l’auto soprattutto se l’asfalto è coperto da uno spesso strato di neve schiacciata da altre auto o da un sottile strato di ghiaccio (si nota dall’aspetto più scuro e lucido dell’asfalto). In situazioni del genere partire con la seconda marcia è il consiglio comune più valido ricordandosi però che il rilascio della frizione deve essere molto dolce evitando anche di affondare sull’acceleratore. Meglio mantenere una velocità costante, bassa (va ricordato che con le catene da neve il limite scende a 50 km/h e in alcuni casi è consigliato anche 40 km/h se si montano le calze da neve, approfondisci qui il test di salita di calze e catene da neve). Ciò non toglie che la prima marcia possa essere utilizzata se le condizioni della strada lo consentono.

5. COME GUIDARE IN SALITA CON LA NEVE

Una volta raggiunta una buona motricità è meglio non perderla, quindi avanzare con una velocità bassa ma costante poiché ripartire da fermo in salita potrebbe essere più impegnativo. Uno degli errori più pericolosi riguarda la disattivazione dei controlli elettronici di sicurezza e assistenza alla guida. Disattivare il controllo di trazione può aiutare in caso di partenza in piano con le catene da neve (leggere sempre quanto consigliato dal manuale dell’auto) ma il controllo di stabilità è meglio lasciarlo attivato (laddove disinseribile) poiché soprattutto in salita aiuta a mantenere motricità e aderenza. E se si sente qualche pneumatico slittare non bisogna farsi prendere dal panico ma mantenere la giusta andatura (meglio quindi non frenare o decelerare di colpo).

6. COME GUIDARE IN SALITA CON LA NEVE

Anche se sembrerebbe una follia consigliare di non usare  freni, in realtà è così: quando si guida su neve e ghiaccio bisogna rispolverare i consigli sul freno motore della scuola guida. Mantenere quindi le marce alte e scalarle rilasciando dolcemente la frizione riduce la velocità tenendo motricità sulle ruote. E’ pur vero che in caso di emergenza o per arrestare l’auto il freno va utilizzato ma cercando di non stuzzicare troppo l’ABS. Il motivo è semplice: sulla neve o il ghiacciogli spazi di arresto raddoppiano, ma non tutti lo ricordano.

7. LA PRECEDENZA IN CASO DI NEVE O GHIACCIO

Quando si guida su neve o ghiaccio, soprattutto se le temperature sono calate drasticamente e all’improvviso, bisogna essere consapevoli che non tutte le auto incrociate in strada potrebbero essere ben equipaggiate con gomme invernali  o essere preparati ad una guida preventiva. Questo significa che andrebbero evitate le manovre brusche, raggiungendo invece gli incroci con una velocità bassa in modo da tenere a distanza le altre auto, soprattutto quelle in evidente difficoltà. La cosa migliore da fare è agevolare il passaggio o l’immissione senza rischiare il contatto.

8. INCASTRARSI SUI BINARI DI NEVE

E’ quasi sempre la strada più facile quella già battuta dalle altre auto che ci spinge a infilare le ruote nei solchi scavati da altri. In realtà diventa un binario da cui diventa difficile uscire nel caso si presenti qualche ostacolo improvviso davanti. Meglio evitare i canali nella neve e se la neve è molto compatta e il ghiaccio mette a dura prova anche gli pneumatici invernali l’unica soluzione è fermarsi in un luogo sicuro e montare le catene da neve per disimpegnarsi magari con l’auto carica di passeggeri e bagagli.

9. GOMME INVERNALI SOLO DAVANTI

Quando si acquista un SUV l’idea di poter scalare le montagne è forte ma questa convinzione si scontra con i limiti fisici e climatici: la maggior parte dei SUV in commercio infatti è equipaggiato di serie con pneumatici M+S (vedi cosa cambia rispetto alle vere gomme termiche) non adatti ad avanzare sulla neve – nel video qui sotto invece puoi vedere le differenze tra gomme All season e Invernali. Pensare di affidarsi alla trazione integrale o montare le gomme invernali solo su un asse è fortemente sconsigliato. Curiosi di sapere che succede? Guarda i video dei test con gomme estive e invernali su auto a trazione integrale.

10. CATENE DA NEVE QUESTE SCONOSCIUTE

Le catene da neve spolverate a novembre e riposte nel bagagliaio dell’auto per superare i controlli su strada servono a poco. E la situazione peggiora quando si chiedono in prestito catene da neve di emergenza ad amici e conoscenti in occasioni di sporadici weekend in montagna (tanto nessuno ai  posti di blocco controlla se sono della misura giusta, si crede). Non è raro vedere automobilisti alle prese con catene aggrovigliate e arrugginite (anche nuove appena comprate in area di servizio) alle prese con tragicomiche imprese di montaggio. Il consiglio sempre valido è prepararsi a casa a montare e smontare più volte le catene tenendo le istruzioni a portata di mano. Solo così si potrà guidare sereni e sicuri di non restare bloccati nel bel mezzo di una forte nevicata.

The post 10 errori da non fare quando si guida sulla neve o il ghiaccio appeared first on SicurAUTO.it.

Weekend San Valentino 2020: le previsioni meteo e traffico in autostrada

di Donato D'Ambrosi

Il Weekend di San Valentino 2020 non creerà particolari problemi a chi deciderà di festeggiare la festa degli innamorati senza spostarsi troppo dalla città. Per chi invece ha programmato una gita fuoriporta per festeggiare San Valentino dal 14 al 16 febbraio 2020 lontano da casa, abbiamo raccolto alcuni consigli utili sul traffico. Ecco le previsioni del traffico in autostradale e meteo per la festa di San Valentino 2020.

I CONSIGLI PER GUIDARE IN SICUREZZA ANCHE NEL WEEKEND DI SAN VALENTINO

Prima di mettersi in viaggio per il weekend di San Valentino 2020 è bene ricordare che oltre alla fuga d’amore bisogna essere informati sul traffico in autostrada. Viaggiare con l’auto a San Valentino, non vi solleva infatti dagli obblighi delle ordinanze invernali e in base al meteo previsto a San Valentino vogliamo ricordarvi i consigli alla guida. Chi viaggia nelle regioni centrali potrebbe incontrare rilevanti precipitazioni nevose e raffiche di vento. Avere le catene a bordo potrebbe non bastare in caso di necessità, per cui guarda gli errori da non fare con le catene da neve. Il vento accompagnerà da nord a sud il weekend di San Valentino, con fenomeni di mareggiate anche lungo le coste. Ecco i consigli e gli errori da non fare per guidare con vento forte in autostrada in sicurezza.

PREVISIONI METEO A SAN VALENTINO: NEVE E VENTO IN ARRIVO

Le previsioni del meteo per San Valentino, secondo l’ultimo bollettino ANAS dicono che dal pomeriggio di giovedì 13 febbraio 2020, e per le successive 18-24 ore, si prevedono venti da forti a burrasca. Le raffiche di vento fino a burrasca forte monteranno su Emilia Romagna, Toscana, Marche ed Umbria, in particolare su settori appenninici e costieri. Il giorno di San Valentino, venerdì 14 febbraio 2020, e per le successive 24-30 ore, si prevedono venti da forti a burrasca, con raffiche fino a burrasca forte su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, in particolare su settori appenninici e costieri.

PREVISIONI, CODE E TRAFFICO IN AUTOSTRADA A SAN VALENTINO

Viaggiare in autostrada richiederà più tempo del solito su alcune tratte dove sono previsti dei rallentamenti. Le previsioni del traffico in autostrada a San Valentino di Autostrade per l’Italia riguardano le seguenti tratte e uscite:

– Coda in uscita a Modena Nord dalle ore 09:00 alle ore 11:00 dal giorno 14/02/2020 al giorno 16/02/2020 per Fiera.
– Traffico in uscita a Bergamo dalle ore 19:00 alle ore 21:00 dal giorno 15/02/2020 al giorno 15/02/2020 per Importante manifestazione sportiva.
– Coda in entrata a Bergamo dalle ore 23:00 alle ore 00:00 dal giorno 15/02/2020 al giorno 16/02/2020 per Importante manifestazione sportiva.
– Traffico su Svincolo 1 Nuova Bazzanese dalle ore 15:00 alle ore 18:00 dal giorno 15/02/2020 al giorno 15/02/2020 provenendo da Autostrada Bologna-Taranto verso Bologna per traffico intenso.
– Coda su Svincolo 1 Nuova Bazzanese dalle ore 15:00 alle ore 18:00 dal giorno 15/02/2020 al giorno 15/02/2020 provenendo da Autostrada Bologna-Taranto verso Vignola per traffico intenso.

Prima di partire e durante il viaggio vi consigliamo di tenervi aggiornati sull’evolversi delle condizioni di traffico e meteo. Leggete le indicazioni sulle tabelle luminose autostradali o chiamate il numero 1518 (CCISS) per avere informazioni sulla viabilità ordinaria e autostradale.

The post Weekend San Valentino 2020: le previsioni meteo e traffico in autostrada appeared first on SicurAUTO.it.

5 errori da non fare con la scelta delle gomme invernali

di Donato D'Ambrosi

La scelta delle gomme invernali è spesso basata sul costo delle gomme soprattutto sulla seconda auto di famiglia, quella di battaglia affidata ai figli per impratichirsi. Ma è la scelta migliore? Vediamo come scegliere le gomme invernali, in 5 punti chiave da non dimenticare ma soprattutto qual è la larghezza più adatta alle gomme invernali, meglio strette o larghe. Ecco i consigli e gli errori da non fare con le gomme invernali.

1 PNEUMATICI INVERNALI FATTI PER L’EUROPA

Alle gomme invernali basterebbe avere sul fianco il simbolo del fiocco di neve e rispettare i criteri minimi imposti dalla legge per poter essere omologate. In realtà tra una gomma lowcost e una sviluppata e testata in condizioni climatiche mutevoli ma pur sempre frequenti in un continente specifico è la scelta più sicura che si possa fare (Leggi qui il test delle gomme Nokia WR 4 lungo 10 mila km).

2 QUANDO VANNO CAMBIATE LE GOMME INVERNALI

Con le gomme stagionali è facile dimenticare quando risale la prima installazione degli pneumatici invernali. Nokian consiglia di sostituirle dopo 6 anni di uso attivo.  Anche se il battistrada residuo sembra ancora legale, non bisogna dimenticare che il lavoro maggiore lo fanno i tasselli e la capacità di adattarsi alla superficie di asfalto invernale che va dall’asciutto alla neve, passando per il fondo bagnato e quello ghiacciato.

3 L’ETA’ DELLE GOMME INVERNALI

A prescindere da quanto spesso si usa l’auto, controllare la sigla DOT degli pneumatici e assicurarsi che non abbiano più di 10 anni. Si può controllare sul fianco della gomma il DOT corrispondente alla data di produzione della gomma fatta di 4 numeri (le prime 2 cifre indicano la settimana e le seconde l’anno di produzione).

4 LO SPESSORE OTTIMALE DEGLI PNEUMATICI PER L’INVERNO

Negli ultimi anni – secodno Nokian Tyres – gli pneumatici sono stati un fattore di rischio ogni sette incidenti mortali causati da un’auto o da un furgone. Anche se spesso queste statistiche sono molto influenzate da una grande quantità di variabili, NokianTyres raccomanda di guidare  con uno spessore del battistrada non inferiore ai 4 mm per tutti gli pneumatici. Una convinzione che non vede tutti i Costruttori di pneumatici d’accordo e di questo ne abbiamo parlato in questo video “Perché usare le gomme fino a 1,6 mm?“.

5 LA PRESSIONE CORRETTA DELLE GOMME IN INVERNO

Attenzione al mito molto diffuso anche tra alcuni installatori che la pressione delle gomme invernali debba essere più alta di 0,5 bar: è sbagliato! Nel long test delle gomme invernali Nokian WR 4 qui, l’auto si è mostrata subito nervosa e poco bilanciata. Se è vero che in inverno la pressione delle gomme scende per tutti, scopri qui perché, Nokian ricorda che la pressione corretta di gonfi aggio delle gomme invernali va aumentata di 0,2 bar in più rispetto a quella standard estiva consigliata dal costruttore dell’auto.

The post 5 errori da non fare con la scelta delle gomme invernali appeared first on SicurAUTO.it.

Guidare con vento forte: consigli e precauzioni in autostrada

di Donato D'Ambrosi

Guidare con vento forte in autostrada è sconsigliato per alcuni veicoli, soprattutto telonati o mezzi lunghi che più esposti al rischio di sbandare per le raffiche di vento. Cosa bisogna fare in caso di guida con vento in autostrada? Ecco gli errori più frequenti e i consigli per evitarli quando una tempesta di pioggia e vento vi sorprende alla guida in autostrada o anche su una semplice strada urbana.

GUIDARE CON IL VENTO, QUANDO DIVENTA PERICOLOSO

Guidare con il maltempo o durante una pioggia intensa è sempre sconsigliato. Restare a casa soprattutto se le previsioni danno una tempesta in arrivo è la precazione migliore per evitare incidenti e salvarsi la vita. Molti però per lavoro o motivi di salute (approvvigionamento medicine o cure indispensabili) non possono evitare di usare l’auto con il vento. In tutti questi casi o quando il vento improvviso vi sorprende alla guida, la regola principe è adottare uno stile di guida difensiva. Lo ricordano gli esperti dell’ADAC (l’Automobile Club Tedesco) che ci aiutano a fare chiarezza sulle precauzioni da adottare nella guida con vento forte in autostrada. Non sottovalutare il pericolo del vento. Quando le previsioni del vento annunciano raffiche di vento forza 10 o superiori, guidare l’auto in mezzo a una tempesta comporta seri pericoli. Guidare l’auto con vento forte ma meno intenso richiede attenzione dalle raffiche di forza 5 in su.

GUIDARE UN VEICOLO ALTO IN CASO DI TEMPESTA, COSA NON FARE

L’altezza del veicolo diventa molto importante in funzione della forza del vento, di conseguenza anche la velocità va adeguata alla tipologia di veicolo. La regola più importante è ridurre la velocità. Se una raffica di vento colpisce l’auto, è molto più facile reagire e controsterzare a basse velocità. Spesso i tabelloni luminosi prima di entrare in autostrada avvertono i conducenti di veicoli telonati o furgoni del forte vento. Ricordate che tutto ciò che si trova sul tetto (box bagagli, portapacchi con oggetti voluminosi, ecc.) aumenterà notevolmente la spinta laterale del vento. Meglio smontare tutto ciò che non vi serve e lasciarlo a casa.

LE SITUAZIONI PIU’ RISCHIOSE DURANTE LA GUIDA CON PIOGGIA E VENTO

Durante un sorpasso, si commette spesso il rischio di eccedere nella velocità, dimenticando l’importanza della regola precedente. I rischi maggiori di guidare l’auto con vento forte in autostrada si corrono durante un sorpasso, in galleria e sui viadotti. Se si sta superando un veicolo di dimensioni più grandi bisogna prestare attenzione a un possibile improvviso cambio di traiettoria che potrebbe spingerlo nella vostra corsia. Lo stesso può capitare all’auto nella fase finale di un sorpasso o all’uscita da una galleria, quando la superficie laterale può essere investita da una raffica. Meglio tenere il volante ben saldo con entrambe le mani e non farsi sorprendere da una possibile sbandata.

GUIDARE L’AUTO CON IL VENTO EVITANDO PEDONI E CICLISTI  

Guidare con forte vento può essere pericoloso anche in città o su strade extraurbane. Per limitare i rischi bisognerebbe pianificare al meglio il percorso evitando le strade con alberi molto alti. Ricordiamo poi che la sicurezza degli altri utenti può dipendere anche da noi: osservare la posizione di pedoni e ciclisti nei dintorni può prevenire situazioni di estremo pericolo se il vento dovesse sbalzarli o farli cadere proprio nella traiettoria dell’auto.

The post Guidare con vento forte: consigli e precauzioni in autostrada appeared first on SicurAUTO.it.

Come scegliere la bicicletta elettrica migliore

di Salvo Vosal
bici elettrica

La bici elettrica è diventata un mezzo di trasporto sempre più diffuso, il suo successo non dovrebbe sorprendere, è un mezzo molto pratico ed economico per spostarsi in città e con sforzo quasi nullo. In questo articolo vedremo quali sono i parametri e gli aspetti da tenere in considerazione per acquistare la bici elettrica migliore […]

Come scegliere la bicicletta elettrica migliore

Catene da neve: 5 errori da non fare per salvarsi la pelle

di Donato D'Ambrosi

Montare le catene da neve è tra le cose più importanti che un automobilista dovrebbe essere in grado di fare. L’improvvisazione quando si guida su una strada con l’obbligo di catene da neve può essere molto pericolosa. Se non sapete come montare le catene da neve, trovate qui la guida sulla scelta e il montaggio. Oggi però vogliamo approfondire gli errori da non fare quando si montano le catene da neve e darvi quei consigli che meno frequentemente si trovano sul libretto di istruzioni.

1.MONTARE LE CATENE DA NEVE IN UN POSTO QUALSIASI

La decisione di montare le catene da neve si prende quasi sempre all’improvviso, quando le condizioni dell’asfalto e la neve che si deposita diventano più preoccupanti. Il primo errore quando si montano le catene da neve è fermarsi in un punto qualsiasi o dopo una curva e sul ciglio della strada. Anche se voi avete già percorso la curva, potreste sorprendere le altre auto in arrivo e innescare situazioni di rischio. Piuttosto, evitate di fermarvi lungo la strada, su strade in pendenza e cercate di rendervi visibili il più possibile.

2.MONTARE LE CATENE DA NEVE DOVE POSSONO TRAVOLGERVI

Montare le catene da neve richiede più tempo e maggiore impegno rispetto alle prove andate a buon fine nel garage di casa. Ricordate che il fattore maggiore di rischio sono gli altri veicoli in circolazione che potrebbero travolgervi mentre montate le catene. Sarebbe più indicato preferire uno spazio ampio e piano dove non ci sono auto in circolazione, come una stazione di carburante o il parcheggio di un supermercato. In ogni caso posizionate sempre l’auto in modo che non sia di intralcio, sia visibile ma che ci sia sempre qualcosa a proteggervi (es. alberi, delimitatori, pali della luce e altro).

3.MONTARE LE CATENE DA NEVE SENZA GUANTI

Se sporcarvi le mani non vi spaventa quando cambiate una gomma forata, sappiate che nel montare le catene da neve farete i conti con il gelo. Dimenticare dei guanti spessi ma comodi può essere un grosso problema: proteggete le mani dal freddo e dall’acqua per essere più concentrati nel montaggio delle catene da neve. Senza guanti le dita si intorpidiranno presto e se il montaggio non riesce al primo colpo tutto sarà più difficile.

4.MONTARE LE CATENE DA NEVE IN EQUILIBRIO

Prima di chinarvi a montare le catene da neve posizionate qualcosa a terra e inginocchiatevi sulla gamba più comoda. Mentre l’altra gamba poggia sul piede e vi aiuterà ad essere stabili e in caso di emergenza ad alzarvi velocemente e allontanarvi. Restando accovacciati e sospesi mentre montate le catene da neve i muscoli delle gambe saranno in tensione per tutto il tempo. Se preferite potete procurarvi delle ginocchiere di gomma, altrimenti anche un paio di tappetini saranno sufficienti.

5.MONTARE LE CATENE DA NEVE ALLA CIECA

Quando ci si imbatte in come montare le catene da neve, ben pochi si preoccupano anche di come poi andrà fatto il procedimento inverso. La parte più facile del montaggio rischia di diventare quella più complessa in fase di smontaggio delle catene da neve. Il consiglio da non dimenticare è individuare un punto del cerchio (esempio la valvola di gonfiaggio) in corrispondenza della quale si andrà a chiudere la catena che poi finisce dietro il cerchio. Così facendo non dovrete cercare a tentoni dove si trova l’aggancio e non sarete costretti a spostare di diversi metri l’auto, magari senza accorgervi di essere finiti sulla carreggiata.

The post Catene da neve: 5 errori da non fare per salvarsi la pelle appeared first on SicurAUTO.it.

Black Friday 2019: 5 accessori auto utili da non perdere

di Donato D'Ambrosi

Il Black Friday 2019 è iniziato e molti automobilisti ne approfitteranno per farsi o fare un regalo in largo anticipo. Ecco alcuni consigli per riuscire a distinguere le finte offerte dalle vere occasioni del Black Friday. Cosa si può comprare durante la settimana del Black Friday 2019? Ecco 5 accessori auto per il confort, il fai da te e la sicurezza di viaggio più utili da non farsi mancare.

QUANTO DURA IL BLACK FRIDAY 2019

Il Black Friday è una tradizionale ricorrenza USA che si è diffusa nel mondo negli ultimi decenni. Ma perché si chiama Black Friday? Il Black Friday è il venerdì seguente il giorno del Ringraziamento negli USA. Per i negozi scandisce l’avvio del periodo si shopping sfrenato prenatalizio, per molti altri solo il traffico “nero” congestionato per la caccia ai regali. Il Black Friday 2019 in Italia va dal 22 al 29 novembre 2019, e anticipa il Cyber Monday. Il lunedì successivo alla settimana del Black Friday infatti si ripetono le offerte dedicate esclusivamente alle vendite online, quest’anno il Cyber Monday cadrà il 2 dicembre.

I CONSIGLI PER GLI ACQUISTI NEL BLACK FRIDAY

Come distinguo le offerte reali del Black Friday da quelle finte come i saldi stagionali? Una delle regole chiave è conoscere esattamente il valore del prodotto che volete acquistare. In questo modo saprete sempre se state pagando il giusto prezzo scontato a prescindere dal canale di vendita. Confrontate sempre più venditori poiché gli sconti sono sempre arbitrari: uno sconto basso potrebbe essere più conveniente se applicato allo stesso prodotto che parte da un prezzo inferiore. E’ per questo che Amazon ha maturato una certa credibilità e trasparenza: per ogni prodotto viene mostrato chiaramente il prezzo originale e scontato nel Black Friday. Cosa poso comprare durante il Black Friday? Qualunque cosa. Tradizionalmente durante le offerte del Black Friday si punta ad ottenere lo sconto maggiore, quindi ai prodotti che durante l’anno costano di più.

GLI ACCESSORI AUTO DA NON PERDERE CON IL BLACK FRIDAY 2019

Tra gli accessori auto più utili da non farsi scappare durante il Black Friday 2019 ci sono quelli per il fai da te, per la sicurezza dei passeggeri in viaggio e per le emergenze. I seggiolini auto per bimbi sono sicuramente un utile regalo per la sicurezza dei più piccoli, che durante il Black Friday si possono acquistare anche al 50% in meno. Accertatevi però che sia tra i seggiolini più sicuri dei test e che sia iSize. Due accessori utili soprattutto d’inverno che si possono acquistare o regalare con il Black Friday sono i caricabatterie auto e gli avviatori di emergenza per la batteria scarica. Per gli amanti del fai da te e i maniaci della pulizia un kit di chiavi assortite e un aspirapolvere  auto di buona qualità son l’acquisto ideale per approfittare degli sconti del Black Friday in modo intelligente.

The post Black Friday 2019: 5 accessori auto utili da non perdere appeared first on SicurAUTO.it.

Gomme invernali obbligatorie: le ordinanze neve 2019 – 2020

di Donato D'Ambrosi

Oggi scatta l’obbligo delle gomme invernali su autostrade e strade extraurbane: si circola solo con pneumatici invernali o catene da neve a bordo. Per molte regioni d’Italia non è una novità, mentre in alcune province le temperature rigide hanno fatto scattare l’obbligo delle gomme invernali attraverso ordinanze comunali.  Ecco l’elenco aggiornato delle ordinanze neve 2019 – 2020 e i consigli per mettersi in viaggio in sicurezza con gli pneumatici giusti.

PNEUMATICI INVERNALI, QUELLI OBBLIGATORI

Come ogni anno, facciamo chiarezza sull’obbligo delle gomme invernali che è scattato in anticipo in alcune regioni, mentre in altre sarà vigente nelle prossime settimane. Quali gomme si possono montare per rispettare l’ordinanza neve? Secondo il Codice della Strada, le gomme invernali obbligatorie dal 15 novembre devono avere sul fianco la marcatura M+S. Come abbiamo più volte spiegato però la sola marcatura M+S (Mud+Snow) non è sufficiente a garantire la migliore sicurezza nella guida su asfalto freddo. Il motivo è che negli anni i Costruttori hanno sviluppato mescole sempre più performanti che migliorano l’aderenza al di sotto dei 7 °C. Questo vale soprattutto per le gomme invernali, ma anche per i più recenti pneumatici quattro stagioni che hanno il simbolo della montagna e del fiocco di neve (3PMSF). La scelta tra le gomme invernali e le gomme quattro stagioni dipende da una serie di valutazioni che spieghiamo nel video qui sotto. Per tutti gli altri che guidano solo nei weekend su strade soggette alle ordinanze sono più indicate le catene da neve da tenere a bordo.

LE ORDINANZE NEVE AGGIORNATE AL 2019 – 2020

Le ordinanze neve 2019 – 2020 più recenti vedono l’obbligo di pneumatici invernali in Abruzzo, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria e Marche.

-L’Aquila da 17 novembre 2019 al 19 aprile 2020
-Provincia di Como (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Rimini (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Savona (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Ancona (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Fermo (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 31 marzo 2020

L’elenco aggiornato delle ordinanze neve 2019 – 2020 è consultabile qui.

I CONSIGLI PER L’INVERNO E LE GOMME INVERNALI

Le ordinanze prescrivono inizio e scadenza dell’obbligo di equipaggiarsi delle gomme invernali (o catene) ma non di smontarle dopo la scadenza dell’obbligo. E’ importante ricordare che gli pneumatici invernali legalmente si possono utilizzare tutto l’anno anche se sono meno sicuri in estate. E’ obbligato a smontare le gomme invernali entro il 15 maggio solo chi monta pneumatici con codice di velocità inferiore al libretto dell’auto (non meno di Q). Anche se può essere scontato per molti, le gomme invernali vanno su tutte e 4 le ruote a differenza delle catene, solo sulle ruote motrici. Chiariamo uno dei dubbi più frequenti di chi guida un’auto a trazione integrale alle prese con le catene: le catene su un’auto 4×4 vanno su tutte le ruote. Se però avete a disposizione solo una coppia di catene è meglio montarle sulle ruote anteriori così da avere un miglior controllo dell’auto. Per tutte le altre curiosità e informazioni vi rimandiamo alle guide per l’inverno qui sotto.

Migliori pneumatici invernali 2019 – 2020
Catene da neve: guida alla scelta e al montaggio
Gomme invernali dal 15 novembre: cosa rischia chi guida senza pneumatici invernali
Pressione pneumatici invernali: perché le gomme si sgonfiano col freddo
Test gomme quattro stagioni 2019 – 2020
Test pneumatici invernali SUV: le migliori gomme del 2019
Gli accessori auto più utili per l’inverno da tenere nel bagagliaio

The post Gomme invernali obbligatorie: le ordinanze neve 2019 – 2020 appeared first on SicurAUTO.it.

Guida sotto la pioggia: 5 errori da non fare con l’allerta meteo

di Donato D'Ambrosi

Guidare l’auto sotto la pioggia comporta già di per sé molti rischi, farlo con l’allerta meteo in corso richiede ancora più attenzioni al volante.  La pioggia è la causa più frequente di strade allagate, esondazioni e circolazione in tilt in molte città. Fare a meno dell’auto e chiudersi in casa quando l’allerta meteo diventa di colore rosso sarebbe la cosa più sensata. Ma chi è costretto a guidare l’auto sotto un forte temporale cosa deve sapere? Ecco i 10 errori più comuni e i consigli da seguire alla guida dell’auto con allerta meteo.

1.VEDERE E FARSI VEDERE SOTTO LA PIOGGIA

Nei giorni di forti piogge diventa fondamentale assicurarsi che i tergicristalli e tutte le luci siano funzionanti, ancora di più se monta l’allerta meteo. Accendete tutte le luci (frecce di emergenza incluse) e fate il giro dell’auto prima di uscire dal garage per un check. Una pioggia di forte intensità è come un muro che limita il campo visivo del conducente e l’efficacia delle luci anteriori e posteriori. Accendere i fendinebbia in questi casi è prescritto dal Codice della Strada perché servono a farsi vedere dalle altre auto. Per aiutare il climatizzatore a disappannare i vetri vi consigliamo di pulirli all’interno con un detergente di quelli casalinghi. Anche gli accessori auto per l’inverno da tenere nel bagagliaio possono tornare utili. Restate informati sullo stato dell’allerta tramite le pagine ufficiali (anche facebook) delle autorità locali e e della protezione civile.

2.LA PIOGGIA NASCONDE LE BUCHE

Uno dei miti più diffusi quando si guida su una strada allagata è entrarci a forte velocità per non spegnere il motore. Non c’è cosa più sbagliata e pericolosa, primo perché se l’auto che viene di fronte fa lo stesso ci si becca l’onda di ritorno. Secondo perché tutto ciò che sta sotto il livello dell’acqua può fare danni ancora più grossi. Bastano pochi centimetri d’acqua per nascondere un ramo spezzato (rischio foratura) o peggio ancora una buca (danni maggiori al gruppo ruota). Se l’allerta meteo è in corso è consigliabile evitare di imbattersi in strade molto allagate, stare lontani dai sottopassaggi e transitare a bassa velocità sulle strade da guadare.

3.I PERICOLI DELL’ASFALTO CHE NON DRENA LA PIOGGIA

Su molte strade più recenti viene utilizzato un asfalto più drenante per limitare l’accumulo di acqua e ridurre il rischio di aquaplaning, ma non su tutte. A prescindere dal tipo di asfalto si possono ridurre i rischi di incidente riducendo la velocità (in autostrada a 110 km/h e sulle strade extraurbane principali a 90 km/h per legge). Se l’asfalto è drenante, appare opaco in superficie e grossolano nell’aspetto (foto sotto). Se l’asfalto non è drenante (aspetto lucido e “si illumina” al passaggio delle auto) e le gomme sono abbastanza vecchie, meglio fare manovre morbide e graduali.

4.CON LA STRADA BAGNATA LE GOMME DEVONO ESSERE A POSTO

Guidare l’auto durante l’allerta meteo per pioggia senza ricordare quando avete controllato le gomme è uno dei pericoli più frequenti. Spessore del battistrada e corretta pressione sono i fondamentali controlli da fare. In inverno infatti la pressione delle gomme scende più velocemente e un battistrada ridotto, richiede frenate dolci per non innescare l’aquaplaning. E’ vero che i controlli elettronici di sicurezza aiutano, ma perché correre il rischio?

5.IN CASO DI PANNE SU STRADA ALLAGATA

Trovarsi bloccati su una strada allagata è comunque un’eventualità che può capitare. Se il livello dell’acqua si avvicina ai fari e l’intensità della pioggia aumenta è forte la tentazione di scappare fuori dall’abitacolo. Piuttosto che uscire dall’auto, meglio restare al sicuro con il tetto sulla testa e chiamare i numeri di emergenza di Vigili del Fuoco, Carabinieri o Polizia. La calma e il sangue freddo vi serviranno per non fare scelte avventate andando incontro a rischi maggiori. Piuttosto aiutatevi con Google Maps per dare precise indicazioni su dove siete.

The post Guida sotto la pioggia: 5 errori da non fare con l’allerta meteo appeared first on SicurAUTO.it.

❌