Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Asmodee: i giochi da tavolo Print & Play scaricabili gratuitamente per giocare stando a casa

di Giovanni Arestia
Asmodee, noto editore e distributore di giochi da tavolo, ha rilasciato un set di giochi da tavolo gratuiti e scaricabili come parte della sua nuova iniziativa Print & Play. Chiunque avrà la possibilità di stamparli e giocarli con la propria famiglia nella sicurezza della propria casa. L’attuale lista di sei titoli include la gamma di successo di giochi […]

Colora l’orrore: Call of Cthulhu – The Coloring Book è gratis

di Stefania Ricco
Call of Cthulhu – The Coloring Book è gratis sul sito della Chaosium. La casa editrice che ha pubblicato il Gioco di Ruolo sugli orrori di H. P. Lovecraft mette a disposizione in free download il libro da colorare per occupare il tempo quando così tante persone sono costrette a casa. Dal 16 Marzo potete […]

Eizo introduce ColorEdge CS2740, monitor 4K per professionisti

di Jacopo Ferrante
EIZO Corporation ha presentato il nuovo monitor ColorEdge CS2740, dotato di un display IPS da 27 pollici con una risoluzione 4K. Il pannello IPS del monitor ColorEdge CS2740 copre il 99% dello spazio cromatico AdobeRGB e CMYK ISO-Coated V2. Ciò consente una visione genuina e autentica dell’intero spettro cromatico delle moderne telecamere e garantisce una […]

Oppo Find X2 Pro : si alza il prezzo, ma anche la qualità | Recensione

di Federico Cinque

Oppo apre il 2020 con Find X2 e X2 Pro, portando sul nostro mercato soltanto quest’ultimo modello, il più potente della serie. Oggi è giunto il momento di tirare le somme sul nuovo top di gamma del brand cinese, che alza l’asticella sotto molto punti di vista. L’elegante confezione contiene al suo interno le cuffie in-ear con connettore Type-C, il cavo, una pratica cover in silicone trasparente e l’ingombrante alimentatore da 65W, indispensabile per sfruttare la ricarica rapida SuperVooc 2.0.

(...)
Continua a leggere Oppo Find X2 Pro : si alza il prezzo, ma anche la qualità | Recensione su Androidiani.Com


© federicocinque for Androidiani.com, 2020. | Permalink |
Vedi il miglior smartphone android di Marzo 2020
Tags del post: , , , , , ,

Asmodee Italia: le novità di Marzo

di Stefania Ricco
Asmodee Italia presenta le novità previste per il mese di Marzo fra giochi di carte ed una nuova linea di  accessori dedicati al mondo dei giochi da tavolo. Patchwork Doodle Già dal 2 Marzo potete acquistare nei vostri negozi di fiducia il nuovo party game Patchwork Doodle. Avrete l’occasione di creare magnifiche trapunte, ma attenzione a far combaciare tutti […]

Samsung Galaxy S20: in arrivo nuovi colori per i top di gamma?

di Biagio Petronaci
La serie Samsung Galaxy S20 è stata presentata solo da poche ore e sul web sono iniziate a circolare delle indiscrezioni dedicate ad alcuni nuovi possibili colori. La società coreana è solita andare a incrementare il numero di colorazioni disponibili durante l’anno. Anche nel 2020, la serie di punta è composta da ben 3 dispositivi: […]

Un nuovo dispositivo Realme ha ottenuto la certificazione FCC: avrà il solito ottimo rapporto qualità/prezzo?

di Biagio Petronaci
Realme non si ferma: dopo X2 Pro (ottimo dispositivo che potete trovare su Amazon) e X50 5G, un nuovo dispositivo sarebbe prossimo al rilascio. Realme 3C ha appena ottenuto la certificazione FCC ed è apparso nell’elenco. Sono poche le informazioni attualmente note. La certificazione ci fa però intuire che il lancio sia oramai imminente. Inoltre, […]

I 10 colori migliori per un’auto nuova nel 2019

di Donato D'Ambrosi

Qual è il colore migliore per un’auto nuova? La risposta esatta dipende da una serie di fattori tra valutazioni di testa e di pancia. Se però volete essere almeno certi di scegliere almeno uno dei 10 colori migliori per un’auto nuova, può aiutarvi la classifica sulle auto più vendute in UK e i colori preferiti dagli acquirenti negli ultimi 10 anni.

LA SCELTA DEL COLORE MIGLIORE PER L’AUTO: RAZIONALE O EMOTIVA

Scegliere il colore migliore per un’auto è una valutazione che fondamentalmente si fa con razionalità, ma non è l’unico modo. Se l’auto nuova è un acquisto che trasmette emozioni allora qualsiasi valutazione matematica perde di fondamento.  Non a caso sono esplose le possibilità di personalizzare un’auto nuova con abbinamenti a volte anche più costosi di un’utilitaria, ma si parla di cifre a “n” zeri. Sicuramente però se pensate di voler prendere un’auto seminuova per poi rivederla dopo un po’ la scelta del colore più adatto e diffuso vi aiuterà anche a rivederla. Non è certo un segreto che un’auto di colore arancione potrebbe restare invenduta più di un’auto grigia. Ma tutto dipende da come il colore di un’auto si abbina al modello scelto.

I 10 MIGLIORI COLORI PER AUTO NEGLI ULTIMI 20 ANNI

L’associazione di Costruttori auto inglesi (SMMT) ci mostra come sono cambiate le preferenze degli automobilisti in UK, quali sono i 10 migliori colori per un’auto e quali le auto più vendute nel 2019 in base al colore scelto dagli acquirenti. Pensare che il rosso sia il colore più adatto alla nuova auto da comprare può essere rischioso se si pensa che è al 5^ posto dei colori più scelti degli ultimi 15 anni. Lo stesso vale per il colore blu sulle auto vendute nel 1999 e da allora preferito a colori come il bianco, il nero e il grigio. Tra le auto nuove vendute nel 2019 nel Regno Unito infatti il grigio è il colore di almeno 2 auto su 10. Se invece state pensando di acquistare un’auto convenzionale di colore arancio, verde o giallo, sappiate che sarà molto difficile trovare un’altra persona con i vostri stessi gusti.

I 10 COLORI PIU’ SCELTI IN BASE AL MODELLO

La scelta del colore di un’auto nuova non segue regole rigide, almeno finché la vernice delle auto non influenzerà i sistemi di sicurezza attiva. Dalla classifica dei 10 migliori colori in base al modello di auto infatti, proprio i colori in media più rischiosi sono quelli più scelti per Suzuki Vitara (giallo) Fiat 500 (verde) e Dacia Duster (arancione). Lo stesso vale per il rosso che colora le Opel Corsa inglesi, mentre risalendo la classifica no sorprende il binomio tra le auto tedesche e i colori intramontabili bianco, grigio e nero.

The post I 10 colori migliori per un’auto nuova nel 2019 appeared first on SicurAUTO.it.

Lancia Fulvia Barchetta auto storica con preparazione Scuderia Tricolore

di redazione

La Lancia Fulvia Barchetta è un’auto storica da 140 CV che con la preparazione della Scuderia Tricolore rappresenta appieno l’epoca eroica dell’automobilismo sportivo.

Lancia Fulvia Barchetta elaborata

In occasione di un intervento di messa a punto generale, la Fulvia Barchetta è tornata presso l’officina di Ezio Campoli che, conoscendo i nostri gusti per le leggende del passato, non ha esitato a proporci un test in pista.

La testata, gioia e dolore di ogni preparatore specializzato su Lancia V4, è dotata di valvole di aspirazione da 38 mm e scarico da 34 mm, ovviamente abbinate a nuove geometrie e finiture dei condotti per adeguarli ai nuovi funghi. Le molle valvola su questa sono da 70 kg. Gli alberi a camme con profilo Colombo & Bariani e fasatura 48/84 80/44 hanno richiesto un rapporto di compressione geometrico di 11,3:1.

Lancia Fulvia Barchetta F&M auto storica 140 CV con preparazione Scuderia Tricolore
Lancia Fulvia Barchetta F&M auto storica 140 CV con preparazione Scuderia Tricolore

Lancia Fulvia Barchetta modificata

Su questa Barchetta modificata i pistoni Mondial sono quelli di serie, ma il modello variante 1016. Le bielle originali hanno subìto le dovute lavorazioni di alleggerimento e bilanciatura. Anche il volano della è stato messo a dieta e portato ad un peso di soli 5,5 kg, per poi essere equilibrato insieme all’albero motore, opportunamente rivisto nei passaggi olio dagli specialisti della Tani e Giannini.

Scheda tuning Lancia Fulvia Barchetta by Scuderia Tricolore
Motore
Preparazione testa con valvole maggiorate da 38 mm e 34 mm
Molle valvola 70 kg
Alberi a camme Colombo & Bariani
Pistoni Mondial 1016 rapporto di compressione 11,3:1
Bielle alleggerite e bilanciate
Albero motore rivisto
Volano alleggerito
Carburatori Weber DCOE 45 mm
Impianto di scarico completo
Cambio ravvicinato Bacci completo di coppia conica corta

Assetto
Bracci sospensione anteriore modificati per camber negativo
Ammortizzatori anteriori Delta Car Catania
Ammortizzatori posteriori Peugeot modificati
Modifica barra antirollio, balestre e geometrie ruote

Freni
Pinze anteriori Girling 4 pompanti
Pompa freni con pompante da 22 mm

Corpo vettura
Fulvia Coupé modificata con accorciamento di 30 cm, eliminazione tetto, creazione tonneau copertura passeggero, frangivento

Motore Lancia Fulvia Barchetta F&M auto storica 140 CV con preparazione Scuderia Tricolore
Motore Lancia Fulvia Barchetta F&M auto storica 140 CV con preparazione Scuderia Tricolore

Cerca la Lancia Fulvia nell’usato su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della Lancia Fulvia Barchetta by Scuderia Tricolore è su Elaborare 253.

Lancia Fulvia Barchetta by Scuderia Tricolore

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 253 Ottobre 2019 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 24,99 € 

VERSIONE PDF ON LINE ACQUISTA QUI

Cover Elaborare Ottobre n° 253 2019

L'articolo Lancia Fulvia Barchetta auto storica con preparazione Scuderia Tricolore proviene da ELABORARE.

Vernice bianca, nera, grigia e argento: quale colore scalda di più al sole?

di Donato D'Ambrosi

Quale colore scegliere su un’auto nuova, ma potendo anche usata? Ci sono diverse correnti di pensiero e logiche per scegliere la vernice auto migliore per una questione di costi, convenienza, estetica o praticità. Non tutti sanno come scegliere l’auto giusta e si fanno guidare dall’istinto. Anche se le vernici auto sono diventate più tecnologiche, colore e calore sono sempre legati l’uno all’altro. Qual è il colore che scalda di più al sole? E’ una domanda che dovrebbe porsi anche chi compra un furgone o un mezzo da lavoro con una vernice scura per trascorrerci diverse ore. In un interessante test sono state confrontate con una termocamera le carrozzerie di 4 auto identiche ma di 4 colori diversi al sole. Ecco quale vernice scalda di più tra bianco, nero, grigio e argento.

LA VERNICE BIANCA NON E’ PIU’ SOLO DA TAXI

Col bianco, nelle sue varie sfumature pastello, perlato, lucido, non si sbaglia mai. E se pensate che è tornata in voga la vernice di colore bianco tra i colori che si rivendono più facilmente, il test del blog MikesCarInfo vi darà ragione sulla scelta. Tra le quattro auto identiche parcheggiate al sole c’è da aspettarsi che la carrozzeria si quella bianca sia la più “fresca”. Alla prova della termocamera rivelatrice, la vernice bianca infatti arriva a 45 °C. Non sappiamo da quanto fossero parcheggiate, ma è poco rilevante poiché le 4 vernici sono state sottoposte alla stessa esposizione.

QUANTO E’ CALDA LA VERNICE NERA

Passare dal bianco alla vernice nera è come saltare dalla padella alla brace perché se per qualsiasi motivo si mette la mano sulla carrozzeria l’urlo è assicurato. Sappi una cosa, se stai pensando ai vantaggi per cui scegliere una vernice nera ce ne sono ben pochi. Di sicuro la rivendibilità e l’eleganza di una berlina nera è maggiore di un’auto che sembrerà un taxi dismesso. La prova della termocamera però mostra chiaramente che con una carrozzeria a 70°C bisognerà usare il climatizzatore (maggiori consumi) con maggiore frequenza. Se pensiamo poi alla sicurezza di guida (vernice nera si vede meno in condizioni di scarsa luminosità), il bianco sul nero vince a mani basse.

SCEGLIERE TRA GRIGIO CALDO E GRIGIO FREDDO

Cosa cambia però tra il colore grigio metallizzato e l’argento? Sotto al sole ci si aspetterebbe che la vernice grigia sia indifferentemente una via di mezzo tra il bianco e il nero. E invece non è così. Alla prova della termocamera l’effetto della grana della vernice metallizzata fa aumentare la temperatura della carrozzeria e non di poco. La vernice di grigio metallizzato (grana fine) si scalda fino a circa 54 °C, meno della vernice argento (grana grossa) che arriva a 63 °C. Quindi scegliere la giusta tonalità di vernice può rivelarsi importante tanto quanto la scelta del colore migliore.

The post Vernice bianca, nera, grigia e argento: quale colore scalda di più al sole? appeared first on SicurAUTO.it.

Targa auto scolorita: i costi e l’obbligo di cambiarla dopo 10 anni negli USA

di Donato D'Ambrosi

Se la tua auto, come tante, ha superato la soglia dei 10 anni, con ogni probabilità ha anche la targa scolorita con i numeri che non si leggono bene. Cosa bisogna fare se la targa è illeggibile? Beh, sicuramente non si può ritoccare a mano con un pennarello come è prassi comune. Se la targa della tua auto è deteriorata e non si legge, il Codice della Strada, impone la sostituzione della targa per deterioramento. La realtà dei fatti è che in pochi sono disposti a sostenere un costo per cambiare le targhe auto scolorite e deteriorate. A New York hanno escogitato un modo più efficace per obbligare gli automobilisti a cambiare le targhe più vecchie e scolorite.

L’OBBLIGO DI CAMBIARE LA TARGA DOPO 10 ANNI DAL 2020

Cambiare una targa illeggibile è obbligatorio e se si incappa nei controlli della Polizia si rischia anche il fermo amministrativo. Se la targa della tua auto si è deteriorata e vuoi sapere come cambiarla e quanto costa ne parliamo qui. Come avrai visto però cambiare le targhe auto deteriorate ha un costo molto maggiore rispetto alla trovata americana. Nello Stato di New York infatti è possibile personalizzare anche le targhe scegliendo tra diverse grafiche disponibili. Visto che in pochi cambiano le targhe quando diventano illeggibili, a New York hanno offerto la possibilità ai residenti di votare la nuova grafica. La scelta della nuova grafica introdurrà dalla primavera 2020 anche l’obbligo di cambiare le targhe che hanno oltre 10 anni, al costo di 25 dollari l’una.

QUANTO COSTA CAMBIARE LA TARGA PERSONALIZZATA

L’idea chiaramente ha diviso l’opinione pubblica, tra chi sostiene che la municipalità abbia bisogno di fare cassa e chi invece sostiene l’iniziativa. A pesare di più sul costo per cambiare una targa scolorita sarà la possibilità di personalizzarla per la seconda volta. In pratica se si vuole conservare il numero già registrato e rinnovare solo la targa bisognerà aggiungere 20 dollari al costo di base. Questo balzello non va giù a chi ha speso già dei soldi per registrare la targa auto personalizzata che deve rinnovare. E di targhe, come in Europa, ne devono essere applicate due, una davanti e una dietro, diversamente da come accade in altri pochi Stati USA (solo dietro).

LA GARANZIA DI 5 ANNI SULLE TARGHE SCOLORITE

Te lo stai chiedendo sicuramente: perché solo le targhe delle auto recenti si rovinano molto prima? Basta guardare molti veicoli anche d’epoca o degli anni 80-90 per scorgere targhe con piccole crepe, ma non totalmente illeggibili come quelle moderne. Sicuramente molto dipende dall’azione abrasiva e dai saponi aggressivi degli autolavaggi rapidi e automatici, sempre più diffusi nelle città. Ma può dipendere anche dalla qualità dei materiali utilizzati nella produzione delle targhe. Non a caso proprio l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato nel 2002 (circ. MIT Prot. MOT6/ 1098/60G1) hanno dovuto sostituire gratis le targhe auto con evidenti difetti e deterioramento prematuro. A tal proposito dovete ricordare che le targhe dell’auto sono coperte da garanzia contro il deterioramento per 5 anni. Se la targa si scolorisce entro 5 anni dall’immatricolazione la sostituzione attraverso la Motorizzazione sarà gratuita, dopo sarà a carico del consumatore.

The post Targa auto scolorita: i costi e l’obbligo di cambiarla dopo 10 anni negli USA appeared first on SicurAUTO.it.

Tribit XFree Color, a questo prezzo? Un furto! – Recensione

di Luciano Gerace

Ancora un prodotto realizzato da Tribit, ancora un successo. Andiamo a scoprire Tribit XFree Color e il loro prezzo scontatissimo!

(...)
Continua a leggere Tribit XFree Color, a questo prezzo? Un furto! – Recensione su Androidiani.Com


© Luciano Gerace for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: ,

Tesla: da luglio il nero si paga. Stessi colori per i prossimi 20 anni

di Donato D'Ambrosi

I colori preferiti dagli automobilisti non sono più quelli di una volta e visto che razionalizzare è il fattore comune a molti Costruttori di auto, anche Tesla ha annunciato cambiamenti importanti. Come suo solito fare, Elon Musk ha spiegato in un tweet lampo, qui sotto, che da luglio 2019 il colore nero costerà 1000 dollari e non sarà più quello base gratuito. In linea di massima i colori disponibili per le Tesla resteranno gli stessi ancora per molti anni. Ed è facile immaginare che far pagare la vernice di colore nero ha a che fare anche con la sempre maggiore compatibilità con i radar e i sensori dei sistemi ADAS.

L’ANNUNCIO DI MUSK SULLA VERNICE NERA DA 1000 $

Se fino ad oggi i colori scuri erano un must per le auto premium e quelle istituzionali, la tendenza del mercato va sempre più verso colori chiari, con il bianco in testa, e il grigio. Anche se non è ufficialmente chiaro il motivo della scelta Tesla di far pagare il colore nero 1000 dollari come per il grigio metallizzato a partire da luglio, si può ipotizzare che i nuovi colori siano più “radar-friendly”. Ma allora perché non dirlo chiaramente? Forse per non spaventare i clienti?

Starting next month, Tesla will charge $1000 for color black (same price as silver)

— Elon Musk (@elonmusk) June 19, 2019

COME CAMBIANO I COLORI DEI MODELLI TESLA

Quel che è certo è che da luglio il nero pastello non sarà più il colore di base gratuito: lo afferma sempre Elon Musk in risposta a un follower che chiedeva delucidazioni in merito. Quindi, salvo altre novità dell’ultimo minuto i colori standard delle Tesla sono fondamentalmente quelli della bandiera americana più qualche tono scuro: bianco pastello (gratis, di base), rosso, blu, grigio e nero metallizzati. E a chi ricorda a Musk che forse per Tesla è arrivato il momento di aggiornare la tavolozza dei colori, il CEO risponde che “Cambiare la tavolozza è l’inferno sul service, perché le auto durano per 20 anni. Ogni cambiamento di colore ha effetti a lungo termine, soprattutto per la Model 3.”

GLI EFFETTI DELLA VERNICE NERA SUGLI ADAS

Non sarebbe così improbabile il legame tra questa novità e l’introduzione di nuove vernici compatibili con i radar, poiché come abbiamo spiegato qui, saranno proprio i colori meno riflettenti e quelli scuri a sparire dai listini delle auto a guida autonoma. I maggiori fornitori di vernici stanno infatti lavorando con i Costruttori di auto allo sviluppo di rivestimenti che applicati su materiali che compensano il disturbo al funzionamento corretto dei Lidar. Sarà così anche per Tesla? Intanto se stavate pensando di comprare una Tesla nera farete bene ad affrettarvi per non pagare la vernice 1000 dollari in più.

The post Tesla: da luglio il nero si paga. Stessi colori per i prossimi 20 anni appeared first on SicurAUTO.it.

Le auto a guida autonoma saranno tutte chiare: ecco quali colori spariranno

di Donato D'Ambrosi

La diffusione delle auto a guida autonoma sarà fortemente influenzata dalle scelte legislative degli Stati ma c’è un aspetto di cui si parla ancora poco che riguarda le sfide per i produttori di vernici. Eh si, poiché se in Europa ad esempio è autorizzato il livello di guida autonoma 2, alcuni modelli sono già equipaggiati del livello 3 e oltre, ma inibito. Man mano che il livello di guida autonoma aumenta, aumenta anche la capacità delle auto di vedere e percepire gli altri mezzi. In questo la funzione della vernice e dei colori può essere una grossa limitazione. Ecco perché molti colori in futuro potrebbero sparire dai campionari dei Costruttori, e adesso capiremo perché.

LE FINITURE OPACHE NON RIFLETTONO AL MEGLIO

I Lidar saranno sempre più numerosi, piccoli e diffusi sulle auto a guida autonoma poiché rappresentano gli una parte dei sensi con cui percepiscono gli oggetti e le altre auto. Durante i test più recenti però si è scoperto che le superfici più riflettenti agevolano il lavoro dei Lidar, al contrario di quelle meno riflettenti. Il Lidar infatti, misura il tempo che impiega un impulso di luce per tornare indietro dopo aver colpito un oggetto. Quanto basta per capire che i rivestimenti e le vernici opache tanto in voga negli ultimi anni, non avranno una lunga vita.

IL BIANCO VINCE SUL NERO

Lo stesso accadrà per i colori nero e grigio che assorbono una quantità maggiore di luce a infrarossi rispetto ai colori chiari, come spiega Nexa Autocolor. Le auto nere infatti riducono i segnali IR riflessi del 50% rispetto alle auto bianche, alterando il funzionamento dei sensori basati su laser. Ma anche i materiali sempre più sofisticati e diversi dalla semplice lamiera di acciaio dovranno essere rivisti. Le parti in plastica, riducono la riflessione della luce e si prestano meno rispetto all’alluminio e all’acciaio. Ma non per questo vedremo tornare in uso i paraurti metallici aboliti negli anni ’90 perché troppo pericolosi nel contatto con i pedoni.

NON SOLO VERNICI MA ANCHE MATERIALI INNOVATIVI

Le sfide delle aziende impegnate nella produzione delle vernici per i Costruttori auto sono fatte anche di ricerca e sviluppo di rivestimenti che possano ridurre le ombre dei materiali meno riflettenti. E non bisogna pensare che si tratti solo di sicurezza, poiché le vernici innovative delle auto connesse dovranno anche ridurre gli accumuli di polvere, neve e sporcizia sui sensori sempre per lo stesso motivo. SE tutte le auto del futuro fossero di un solo colore i costi di produzione si ridurrebbero in modo significativo. Ma a giudicare dai colori preferiti dagli automobilisti, è più facile immaginare che il marketing la farà da padrone anche sul futuro delle auto a guida autonoma.

L'articolo Le auto a guida autonoma saranno tutte chiare: ecco quali colori spariranno proviene da SicurAUTO.it.

Oppo Reno, design top e tanti miglioramenti | Recensione

di Federico Cinque

Circa un anno fa Oppo è arrivata in Italia, debuttando con un Find X che ha fissato nuovi standard di design nel mercato degli smartphone. Con Reno e Reno 10x, i dispositivi di riferimento del 2019, si conferma un’estrema cura estetica e costruttiva e si delineano evidenti passi in avanti anche in ambito software.

Oggi vi parlo di Oppo Reno, il modello più economico tra i due, che si posiziona nella fascia media del mercato. Dopo qualche settimana di utilizzo e tanti test approfonditi, sono pronto a raccontarvi come si comporta nell’utilizzo quotidiano.

(...)
Continua a leggere Oppo Reno, design top e tanti miglioramenti | Recensione su Androidiani.Com


© federicocinque for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , , , , , ,

❌