Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

5G, Kaspersky fa il punto sui principali rischi del nuovo standard

di Alessandro Crea
Esperti di Kaspersky e di Securing Smart Cities – iniziativa no-profit a livello globale che mira a risolvere i problemi di sicurezza informatica esistenti e futuri delle smart cities attraverso la collaborazione tra aziende, governi e media – hanno condiviso alcune riflessioni relative alla sicurezza e alla privacy in materia di 5G con uno sguardo […]

Sin City di Frank Miller diventerà una Serie Tv

di Mariagrazia Veccaro
Sin City potrebbe diventare a breve una serie televisiva, dopo un accordo sui diritti con la Legendary Television. La serie di fumetti noir è stata pubblicata per la prima volta nel 1991 dalla Dark Horse e realizzata dall’artista Frank Miller, già rinomato creatore di graphic novel come Daredevil per Marvel Comics e Batman: Year One per DC […]

Lego Advent Calendar 2019, c’è anche Harry Potter!

di Mabelle Sasso
Manca poco al Natale ed è il momento di pensare al calendario dell’avvento da appendere in casa! Lego come da tradizione propone una serie di prodotti dedicati con i Lego Advent Calendar che ricordiamo – per tutti i collezionisti – sono fra i prodotti LEGO a minor permanenza sul mercato essendo prettamente stagionali e limitati nel tempo come […]

The Friendship Tour: Lee Child, Ken Follett, Jojo Moyes e Kate Mosse incontrano il loro pubblico

di Mabelle Sasso
In occasione di Bookcity Milano si terrà presso il Teatro Carcano la tappa italiana del The Friendship Tour , dove quattro rock star della letteratura britannica incontreranno e si confronteranno con i propri lettori. A calcare il palcoscenico del prestigioso teatro milanese saranno gli scrittori Lee Child, Ken Follett, Jojo Moyes e Kate Mosse. Le quattro […]

Lego CITY, variante SPACE: La NASA dentro casa

di Japo Orbo
LEGO CITY è una delle ambientazioni più longeve che la LEGO abbia mai prodotto. Non è mai esistito un anno senza l’arrivo di un nuovo set LEGO CITY e le stazioni di polizia, i pompieri o gli ospedali LEGO sono fra i play-set meglio ricordati e più amati da bambini e adulti. Spesso il primo […]

Wind Tre partner della Milano Smart City Conference per il futuro delle città intelligenti

di Alessandro Crea
Wind Tre è partner della Milano Smart City Conference, prima edizione dell’importante conferenza internazionale dedicata al futuro delle città intelligenti, che si svolgerà dal 13 al 15 novembre presso l’area Fiera Milano di Rho. Esperti di settore, manager e rappresentanti delle istituzioni si confronteranno sui temi chiave delle smart cities, delle nuove tecnologie e dei […]

Tutti i set Lego ritirati e fuori produzione nel 2019

di Mabelle Sasso
Avete addocchiato un particolare set Lego, ma per qualche motivo non lo avete ancora acquistato? Allora vi conviene controllare leggere bene questa news e scorrere la lista dei set Lego che verranno ritirati ed andranno fuori produzione nel 2019. Lego produce ogni anno una quantità di scatole impressionante, tuttavia questi set hanno sempre una “data […]

Audi A1 citycarver, crossover urbano tecnologico e alla moda

di Federico Proverbio
La gamma A1 di Audi si aggiorna. A un anno di distanza dal debutto della seconda generazione di Sportback, ecco la versione citycarver; non un nuovo modello, ma un’evoluzione di stile e design: più alta di 5 centimetri e dall’aspetto grintoso e versatile. Un’utilitaria vestita da crossover, carrozzeria ormai tendenza che registra numeri importanti in […]

Fiat con PSA: addio Nuova Panda, costerebbe troppo per FCA

di Donato D'Ambrosi

Con la fusione FCA – PSA, è già tempo di programmare gli obiettivi in Europa e Fiat potrebbe dover dire addio alle citycar. Fiat Panda, Fiat 500 e Lancia Ypsilon sono i modelli di ingresso del gruppo Fiat – Chrysler che potrebbero fare la stessa fine della Fiat Punto pensionata in anticipo da Marchionne. E’ quanto si può dedurre dalle parole del CEO Mike Manley che ha guardato al futuro di Fiat in Europa. FCA sarà sempre più orientata verso modelli che garantiscono migliori profitti a causa di costi di produzione sempre più alti.

FIAT PANDA e 500 COSTANO TROPPO

Le auto piccole, quelle preferite da donne, neopatentate e che trainano il mercato tramite gli autonoleggi non saranno più nei listini Fiat in Europa. Non è chiaro quando, ma il pensionamento delle citycar Fiat si legge nelle parole dell’AD Manley agli analisti a fine ottobre, come riporta Autonews. D’altronde si è sempre saputo che sulle auto piccole i costruttori hanno margini di profitto basati su grandi volumi. Margini che si sono sempre più ristretti con l’inasprimento delle norme ambientali (il diesel è sparito sia dalla Fiat Panda che dalla Fiat 500 con l’Euro 6D TEMP). Un effetto che nonostante l’ibrido a GPL e a Metano ha contratto le vendite della 500 (-9% H1 2019) più che della Fiat Panda (+9% H1 2019).

UNA NUOVA PROBABILE FIAT PUNTO CONDIVISA CON PSA

Al posto delle citycar FCA prevede di riportare in produzione un segmento B lasciato vuoto dalla Fiat Punto che per lo stesso motivo fu pensionata. I numeri di vendite non erano abbastanza importanti da giustificare dei costi di sviluppo di un nuovo modello di Punto, secondo Marchionne. Ora Manley ripensa a quella Fiat 500 a 5 porte di cui si è parlato a più riprese, a una Panda di proporzioni diverse o a una nuova Fiat Punto. I nomi chiaramente sono solo un dettaglio, perché sottopelle saranno diverse, magari con nuove piattaforme provenienti dalle sinergie con PSA. Basta pensare ad esempio alla CMP di PSA condivisa tra Opel Corsa F, DS3 Crossback e la nuova Peugeot 208 II.

FCA SENZA CITYCAR COME ALTRI COSTRUTTORI

Una mission che per dovrà rivitalizzare i numeri di vendite in Europa dove FCA è meno forte di PSA e la rete dovrà fare del suo meglio. Fiat è da sempre riconosciuta per la convenienza delle auto compatte “facili”, perfette per chi è alle prime armi o per districarsi in città. Ma le dinamiche del mercato cambiano e paradossalmente Fiat è uno dei pochi costruttori che vende ancora citycar in Europa. Opel ha già fermato da tempo la Karl e l’Adam. Ford non importerà più la Ka+ a 5 porte dopo aver cancellato la Ka 3 porte e sarebbero in dubbio anche le 3 gemelle Seat Mii, Volkswagen up! e Skoda Citigo per il prossimo futuro.

The post Fiat con PSA: addio Nuova Panda, costerebbe troppo per FCA appeared first on SicurAUTO.it.

Lucca Comics & Games: ecco tutte le novità presentate al Tatai Lab Show

di Mabelle Sasso
Abbiamo seguito la conferenza di Tatai Lab, Tatai Lab Show, in cui l’editore ha presentato le sue novità editoriali, previste per a partire dal 2020. La conferenza si è tenuta durante Lucca Comics & Games, venerdì 1 novembre presso la caffetteria di Palazzo Ducale. Tatai Lab è uno degli editori italiani che negli anni ha […]

Renault City K-ZE, la citycar elettrica da 8mila euro arriverà in Europa

di Valentina Acri
Renault ha recentemente annunciato che la City K-ZE, veicolo nato esclusivamente per il mercato cinese, verrà prodotto in una nuova variante unicamente per l’Europa.   Renault sta portando avanti un piano piuttosto ambizioso per la sua crescita in Cina, ponendo come obiettivo lo sviluppo del brand grazie alla progettazione di veicoli economici “entry level EV” […]

City Hunter: il live action francese arriva nei cinema giapponesi coi nomi originali

di Roberto Tavecchia
Nicky Larson e il Parfum de Cupidon (Nicky Larson e il Profumo di Cupido), la crime comedy francese liberamente tratta dal manga City Hunter scritto e disegnato di Tsukasa Hojo, arriva in Giappone con titolo ed adattamento fedele all’opera originale. Lo ufficializza un trailer che non solo riprende il nome originale dell’opera, ma anche i […]

Uniti One, al via i preordini dell’elettrica da 17.500 euro

di Valentina Acri
La piccola elettrica Uniti One, sviluppata dalla startup svedese fondata nel 2016, è disponibile per i preordini con prezzi a partire da 15.100 sterline. Uniti One, la nuova citycar elettrica progettata in Svezia e costruita nel Regno Unito, può essere considerata la vera interpretazione del veicolo urbano utilizzato per la vita di tutti i giorni. […]

In arrivo su Sky il canale Cartoon Network Lego Days

di Mabelle Sasso
Anche quest’anno torna Cartoon Network Lego Days, il canale tematico dedicato all’animazione targata Lego. Gli appassionati di Ninjago e tutti gli show Lego non rimarranno delusi dalla programmazione tematica di questo canale. Leggi anche: Frozen II: rivelati i set Lego del film Dal 18 al 27 ottobre 2019 sintonizzandosi sul canale 608 di Sky, Cartoon […]

Gioco di Ruolo dell’Anno 2019 a Lucca Comics & Games: annunciati i finalisti

di Mabelle Sasso
Sono stati comunicati i nomi dei giochi di ruolo selezionati per accedere alla fase finale del premio Gioco di Ruolo dell’Anno 2019, premio indetto da Lucca Comics & Games che ogni anno seleziona il gioco di ruolo più meritevole. Tra i criteri di valutazione della giuria ci sono fattori come l’originalità del gioco, la sua […]

Cosa dice l’accordo tra Huawei e l’Ospedale San Raffaele

di Antonino Caffo
Lasciandosi dietro tutte le problematiche legate al blocco commerciale negli Stati Uniti, il lavoro di Huawei, nel campo dell’innovazione, prosegue senza sosta. E si colora sempre più di Italia, visto che nella giornata di ieri il gruppo cinese ha siglato un importante accordo di collaborazione con l’Ospedale San Raffaele di Milano. In occasione della prima […]

Open Fiber a Bari: oltre 147mila unità immobiliari coperte da FTTH. Inizia la seconda fase

di Dario D'Elia
Bari può festeggiare la copertura in fibra (FTTH) di oltre 147mila unità immobiliari grazie al lavoro svolto negli ultimi tre anni da Open Fiber. Oggi il Comune ha approfittato di un evento stampa a Palazzo di Città per fare un bilancio del progetto – da ricordare che l’avvio è datato novembre 2016. Il Sindaco Antonio […]

La smart mobility migliora la qualità della vita per il 96% degli italiani

di Redazione

Per gli italiani non ci sono dubbi. La qualità della vita migliore al verificarsi certe condizioni. Stiamo parlando di città meno inquinate, di soluzioni di mobilità flessibile e di aree urbane a misura d’uomo. Il 96% ne è convinto. Lo rivela “Sostenibilità, smart city e smart mobility”, studio promosso da Arval Italia, sempre più attenta ai servizi legati al mondo dell’auto. Lo ha fatto in collaborazione con Doxa e Corporate Vehicle Observatory (CVO).

QUALITÀ, LA PAROLA D’ORDINE

Il 96% degli italiani conferma che il miglioramento della qualità di vita deriva necessariamente da un mondo più sostenibile. Per ottenere questo è necessario che ognuno prenda consapevolezza di tale necessità singoli ed istituzioni. Da un campione di 1500 italiani è emerso che il 62% degli intervistati ritiene che siano indispensabili città non inquinate. Per il 51% è indispensabile essere attori principali per il risparmio di componenti naturali come l’acqua. Per il 42%, invece, l’utilizzo dei mezzi pubblici in sostituzione alle auto è indispensabile alla qualità dell’ambiente. La necessità di una vita in un contesto sano e vivibile è il desidero dell’81% degli intervistati. Di questi, il 18% ha a cuore quella dei propri figli e nipoti. Purtroppo il 50% non crede che nei prossimi 5 anni si potranno notare differenze sostanziali nella qualità della vita.

INSIEME È PIÙ SEMPLICE

Uno dei dati confortanti di questa ricerca è che il 56% ritiene che si avrà maggiore attenzione alle nuove generazioni grazie all’informazione. È considerata una componente necessaria per ottenere buoni risultati per un mondo maggiormente vivibile. Eppure, il 68% ritene che il processo di miglioramento possa essere rallentato sia da interessi di carattere economico sia a causa degli egoismi dei singoli (55%). Secondo il campione intervistato, questi sono stili d vita che è necessario assimilare se si vuole invertire la tendenza: bisogna puntare sulla tutela dell’ambiente e su quella che gli anglosassoni chiamano “usability”. Si tratta della facilità di accesso ai servizi. Anche Nissan ha da poco annunciato di aver avviato uno studio simile.

LO STATO FACCIA LA SUA PARTE

Il 55% ritiene che il cambiamento deve partire dal singolo soggetto, ma chiede anche alle istituzione pubbliche un aiuto a gestire il cambiamento attraverso la scuola con la formazione, oltre ad una maggiore comunicazione sui benefici della smart city e smart mobility (94%). Eppure in Italia qualcosa si muove. Il 91% desidera una più chiara campagna sui benefici, e il 93% chiede di conoscere meglio le differenze di combustibile utilizzati dalle auto. Nella realizzazione di un propria proposta, gli intervistati, hanno evidenziato come la smart city e la smart mobility si concretizzerebbero con la costruzione di maggiori piste ciclabili, l’utilizzo di mezzi pubblici e privati elettrici, monopattini, senza trascurare l’aumento di senso civico di ogni singolo.

DISPOSTI A QUALCHE RINUNCIA

È interessante rilevare che gli italiani, pur di contribuire al raggiungimento di una migliore qualità di vita , sono disposti a rinunciare ad una parte della propria privacy. Mettendo a disposizione dati inerenti l’auto (33%) al comune di residenza (32%) o per trasferire dati sulla propria guida (38%).

L'articolo La smart mobility migliora la qualità della vita per il 96% degli italiani proviene da SicurAUTO.it.

Nissan progetta la città del futuro: sarà connessa e sicura

di Redazione

Sono ufficialmente iniziate le attività operative del progetto Elis Open Connected City, che si propone di riprogettare e sviluppare servizi per la mobilità nell’ambito delle smart city. Le città  del futuro che per promuovere la diffusione delle vetture a guida autonoma punta sulla connessione tra vetture e ambiente circostante. Il progetto si realizzerà grazie alla collaborazione tra Nissan, Elis e altre sette grandi aziende. Senza contare il coinvolgimento di 12 studenti del Politecnico di Milano.

CONCLUSE LE OPERAZIONI PRELIMINARI

La prima fase di progettazione del programma si è conclusa. Prevedeva la definizione dei casi d’uso e la scelta delle tecnologie di riferimento da usare in fase di test. Quest’operazione di selezione è stata portata a termine da Nissan grazie alla collaborazione con numerose aziende partner. Sono Anas, Bridgestone, Cellnex, Huawei, Open Fiber, Sas e Tim. Il team di lavoro si è quindi dotato delle tecnologie necessarie per realizzare concretamente il progetto Open Connected City, che vedrà la luce in una sorta di versione demo all’interno del Campus Elis.

LA PRIMA “CITTÀ DEL FUTURO”

Il programma entra dunque nella sua fase operativa. Il gruppo di lavoro prevede di procedere alla prototipazione e alla realizzazione dei primi test entro giugno. La sperimentazione avverrà interamente all’interno del Campus, che diventerà un esempio di smart city del futuro. Il team di sviluppo ha già anche previsto quale sarà l’auto utilizzata per mettere alla prova le tecnologie introdotte. Si tratta della Nissan Leaf, vettura elettrica più venduta della storia, ideale perché già dotata dalla Casa giapponese di numerosi strumenti utili alla sua integrazione all’interno di una smart city.

TRE CASI D’USO ALLA PROVA

Gli sviluppatori hanno individuato i tre casi d’uso da sperimentare in queste prime fasi. Innanzitutto verrà realizzato, con il sostegno di Tim, Sas e Huawei, un sistema di riconoscimento dei veicoli in tempo reale. Consentirà di inviare notifiche riguardanti scadenza bollo, assicurazione e patente del guidatore. Il secondo caso approvato riguarda la guida al parcheggio libero. È possibile per mezzo di sensori e riconoscimento immagine. Questo sistema, sviluppato con il supporto di Cellnex, Sas e Huawei, potrà essere potenziato con il coinvolgimento di alcune start-up, che offriranno servizi come il lavaggio e la ricarica dell’autovettura direttamente al posteggio. Infine, Nissan e Bridgestone si occuperanno della realizzazione di un sistema di check-up delle vetture, che sarà possibile grazie all’accesso al computer di bordo. Ci si propone quindi di identificare gli stili di guida dei conducenti, per prevedere l’usura di alcuni componenti e quando si renda necessaria la loro sostituzione.

L'articolo Nissan progetta la città del futuro: sarà connessa e sicura proviene da SicurAUTO.it.

Renault City K-ZE: ecco la nuova crossover elettrica

di Redazione

Quello di Shanghai è il salone più grande del mondo. Normale, quindi, che rappresenti l’occasione ideale per svelare numerose novità. Soprattutto se queste novità riguardano in qualche modo il mercato asiatico. Renault, ad esempio, ha svelato la nuova crossover compatta City K-ZE, piccola cinque porte elettrica. L’auto sarà interamente prodotta in Cina, dove entrerà sul mercato entro fine anno. Nelle intenzioni della Casa, però, in futuro sarà destinata anche ad altri mercati, inclusi quelli europei.

DIVERSI SISTEMI DI RICARICA

La nuova Renault City K-ZE monta un motore elettrico alimentato da una batteria da 26,8 kWh. Ha un’autonomia di 271 km nel ciclo NEDC. Renault ha previsto diversi metodi di ricarica, dalle prese di casa con corrente da 220 Volt (necessarie quattro ore per la ricarica completa) alle colonnine di ricarica rapida (80% di ricarica in 50 minuti). La Casa francese l’ha anche dotata di dispositivi che consentiranno la ricarica anche grazie a sistemi che sono ancora in fase di sviluppo. L’auto, quindi, sarà compatibile con gli standard di ricarica odierni e futuri presenti nelle varie aree del mondo. Il motore, con 45 CV e 125 Nm di coppia, regala al veicolo un’accelerazione 0-60 km/h in 7″ e una velocità massima di 105 km/h. Le dimensioni sono quelle di un piccolo SUV: 3,735 mm di lunghezza, 1,559 di larghezza e 1,579 mm di altezza, con un bagagliaio che ha una capacità di 300 litri.

AL RIPARO DA INCIDENTI E INQUINAMENTO

La crossover francese sarà dotata di avanzati sistemi di assistenza alla guida. Renault ha pensato anche alla salute dei passeggeri. Il climatizzatore infatti è dotato di un filtro che intercetta le polveri sottili dannose (fino a PM 2.5) presenti all’esterno, impedendogli di entrare nell’abitacolo. Il sistema di filtraggio sarà eventualmente attivato nel caso in cui un sensore interno all’auto rilevi alte concentrazioni di polveri sottili nell’aria. Sempre all’interno del veicolo, inoltre, si troverà uno schermo da 8 pollici, posto al centro della plancia, per gestire il sistema di infotainment e il dispositivo di controllo della ricarica, che si potrà comandare da remoto.

ASSEMBLATA IN CINA, VENDUTA NEL MONDO

La City K-ZE sarà prodotta in Cina, già durante l’anno in corso. Chi si occuperà dell’assemblaggio sarà la eGT New Energy Automotive, una joint venture tra il gruppo Renault-Nissan-Mitsubishi e Dongfeng, impresa pubblica cinese tra i quattro maggiori produttori di auto del Paese orientale, con sede a Wuhan. Gli standard qualitativi e di sicurezza saranno all’altezza delle normative estere (in particolare quelle europee) per permettere una futura esportazione del veicolo verso il Vecchio Continente.

L'articolo Renault City K-ZE: ecco la nuova crossover elettrica proviene da SicurAUTO.it.

❌