Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 10 Dicembre 2018RSS feeds

Come proiettare lo schermo del telefono su TV

di Alessio Salome
Se vi è venuta voglia di guardarvi un bel film o un video su YouTube sul grande schermo sfruttando il vostro smartphone, allora siete capitati nella guida giusta. Nelle successive righe vi riporteremo tutti i leggi di più...
Meno recentiRSS feeds

Con Google Chrome 71 le Web App arrivano nel menu di condivisione Android

di Roberto F.

Tra le novità introdotte da Google Chrome 71 ne troviamo anche una che riguarda la condivisione, che si arricchisce del supporto alle Web App

L'articolo Con Google Chrome 71 le Web App arrivano nel menu di condivisione Android proviene da TuttoAndroid.

Chromebook con a bordo SoC Snapdragon in arrivo nel 2019

di Lorenzo Spada
Chrome OS Chromebook Linux

Seppur Qualcomm sia il principale produttore di SoC nel mondo degli smartphone e, nel mondo dei Chromebook non ha mai messo piede, nonostante Chrome OS sia estremamente compatibile con le CPU ARM. Fortunatamente per noi consumatori finali però, i primi Chromebook con a bordo SoC Qualcomm Snapdragon arriveranno nella seconda metà del 2019. Questo è […]

L'articolo Chromebook con a bordo SoC Snapdragon in arrivo nel 2019 proviene da TuttoTech.net.

Come eliminare account Google

di Alessio Salome
La nostra nuova guida odierna interesserà tutte quelle persone che vogliono sapere come eliminare account Google. Nelle prossime righe, infatti, vi spiegheremo tutte le soluzioni disponibili per rimuovere l’account personale di Big G dai dispositivi leggi di più...

Chrome 71 combatte l’advertising intrusivo

di Claudio Davide Ferrara
Le principali novità di Chorme 71, ultima versione del browser di Google per il 2018. Leggi Chrome 71 combatte l’advertising intrusivo

Chrome 71 combatte l’advertising intrusivo

di Claudio Davide Ferrara

Le principali novità di Chorme 71, ultima versione del browser di Google per il 2018.

Leggi Chrome 71 combatte l’advertising intrusivo

Chrome registra ancora i risultati in incognito

di Antonino Caffo

Probabilmente non saremmo mai venuti a conoscenza di DuckDuckGo se non fosse stato per il Datagate. Da quel momento però, con le dichiarazioni di Edward Snowden, la compagnia americana ha avviato un iter pubblicitario che l’ha portata a imporsi agli onori della cronaca come vero browser rispettoso della privacy degli utenti. In che modo? Prima di tutto grazie a una serie di trasmissioni crittografate che non permettono a nessuno, nemmeno allo stesso team di rintracciare chi è andato dove, a visitare quali siti o a fruire di certi servizi. Così, anche gli organi di controllo, che spesso obbligano le compagnie a collaborare, hanno ben poco da chiedere alla piattaforma, che fa solo da ponte visuale alla navigazione delle persone.

Leggi il resto dell’articolo

Google Chrome 71 modifica l’interfaccia Duet, la riproduzione automatica, introduce nuove API e altro

di Gerardo Orlandin

Google Chrome 71 è ora disponibile per piattaforme desktop e Android con alcune modifiche importanti che riguardano in particolare l'interfaccia "Duet" e l'autoplay. Chrome 71 ha ottimizzato anche la riproduzione automatica per le pagine che utilizzano l'API Web Audio e introdotto altre modifiche minori.

L'articolo Google Chrome 71 modifica l’interfaccia Duet, la riproduzione automatica, introduce nuove API e altro proviene da TuttoAndroid.

Chrome 71 disponibile al download per Windows, Mac e Linux

di Lorenzo Spada
Google Chrome 71

Gli sviluppatori di Google stanno procedendo al rilascio dell’aggiornamento a Chrome 71 su tutte le piattaforme supportate, fra cui Windows, Linux e Mac. La nuova versione di Chrome verrà rilasciata anche per Android e iOS ma nelle prossime settimane. Sui desktop, Chrome 71 introduce una serie di funzionalità che gli sviluppatori possono sfruttare, mentre il […]

L'articolo Chrome 71 disponibile al download per Windows, Mac e Linux proviene da TuttoTech.net.

Microsoft pronta a “copiare” Google Chrome? Un browser basato su Chromiun in arrivo

di Manolo De Agostini

Il browser Edge come lo conosciamo potrebbe avere i giorni contati. Letteralmente. Nel corso di questa settimana Microsoft dovrebbe annunciare infatti un nuovo browser, basato su Chromium, come Google Chrome e altri come Brave, Opera e Amazon Silk.

Il progetto, nome in codice Anaheim, affonderebbe le sue radici nella crescente frustrazione all’interno dell’azienda per i problemi di compatibilità con gli standard del web di Edge e del suo motore EdgeHTML, creato oltre tre anni fa per sostituire il vetusto Internet Explorer.

Invece di ripartire totalmente da zero, Microsoft avrebbe deciso di appoggiarsi a fondamenta solide, su un motore di rendering su cui ormai tutti gli sviluppatori ottimizzano i propri siti, dato che Chrome è il browser più popolare del mondo, grazie all’integrazione su Android e la disponibilità su PC e Mac.

Nonostante Microsoft abbia per lungo tempo vantato le virtù del suo motore di rendering, l’amara realtà è che il progetto non ha sfondato. Vedremo se l’adozione di Chromium porterà a un cambio di rotta.

Intanto in rete si parla anche di un altro progetto di Microsoft, chiamato Windows Lite, o solamente Lite. Si tratterebbe dell’ennesimo tentativo della casa di Redmond di rendere il sistema operativo un prodotto più leggero e meno complesso, dopo Windows RT e Windows 10 S (evoluto poi in una modalità di Windows 10). Secondo Brad Sams, il nuovo sistema operativo sarebbe basato su Windows Core OS e avrebbe l’obiettivo di competere con Google Chrome OS.

Secondo le indiscrezioni, Lite dovrebbe consentire il funzionamento delle sole app UWP (Universal Windows Platform) e PWA (Progressive Web Apps) ed eliminare molte parti di codice datate, il che lo renderebbe più leggero e veloce. Non è chiaro se ciò significhi la fine dei software Win32, che se ospitati sul Windows Store possono comunque girare su Windows 10 in modalità S.

Quanto al nome, Windows Lite, non si esclude che si tratti solo di un nome in codice. Al debutto potrebbe chiamarsi solo Lite, segnando un possibile e progressivo abbandono del marchio Windows. O forse solo un esperimento in tal senso, per saggiare la risposta del pubblico. Sta di fatto che Microsoft starebbe davvero analizzando il destino del marchio Windows, almeno per questo progetto.

Lite non dovrebbe arrivare negli ambienti business, e non sarà acquistabile singolarmente, bensì sarebbe a disposizione solo degli OEM, che dovrebbero preinstallarlo sui loro dispositivi. Tra questi vi sarebbe anche un prodotto della casa di Redmond atteso per il prossimo anno, un dispositivo pieghevole chiamato (in codice) “Centaurus“. Ne sapremo sicuramente di più nel corso della BUILD 2019, la conferenza per gli sviluppatori che si terrà all’incirca a metà anno in quel di Seattle.

Cerchi un portatile per giocare bene senza spendere troppo? Questo ROG Scar II di Asus è quello che fa per te.

L'articolo Microsoft pronta a “copiare” Google Chrome? Un browser basato su Chromiun in arrivo proviene da Tom's Hardware.

Microsoft potrebbe sostituire Edge con un browser web basato su Chromium

di Lorenzo Spada
Microsoft Edge

Sempre legato alla vicenda di Windows Lite e della concorrenza con Chrome OS, abbiamo scoperto che Microsoft starebbe lavorando a un browser web nuovo di zecca che vedrebbe la sua fondazione nel codice sorgente di Chromium. In altre parole, si verrebbe a creare un browser web di Microsoft avente la stessa base di Google Chrome, […]

L'articolo Microsoft potrebbe sostituire Edge con un browser web basato su Chromium proviene da TuttoTech.net.

5 nuove estensioni per Chrome dedicate agli sviluppatori

di Claudio Davide Ferrara
5 nuove estensioni per Google Chrome dedicate al lavoro degli sviluppatori e dei Web designer. Leggi 5 nuove estensioni per Chrome dedicate agli sviluppatori

5 nuove estensioni per Chrome dedicate agli sviluppatori

di Claudio Davide Ferrara

5 nuove estensioni per Google Chrome dedicate al lavoro degli sviluppatori e dei Web designer.

Leggi 5 nuove estensioni per Chrome dedicate agli sviluppatori

Installare Estensioni Chrome su Android

di Claudio Pomes
Google Chrome è il browser più usato da oltre il 65% di utenti in tutto il mondo, sia su PC che su smartphone. I pregi principali di Chrome ed anche la chiave del successo che ha avuto sta nella...

Continua...

Google Chrome potrebbe introdurre le gesture per andare avanti e indietro tra le pagine

di Roberto F.

Il team di Google Chrome sarebbe al lavoro su una nuova funzionalità che potrebbe garantire un'esperienza di navigazione decisamente più accattivante

L'articolo Google Chrome potrebbe introdurre le gesture per andare avanti e indietro tra le pagine proviene da TuttoAndroid.

5 estensioni di Chrome per sviluppatori

di Claudio Davide Ferrara
5 estensioni per il browser Google Chrome dedicate al lavoro degli sviluppatori. Leggi 5 estensioni di Chrome per sviluppatori

5 estensioni di Chrome per sviluppatori

di Claudio Davide Ferrara

5 estensioni per il browser Google Chrome dedicate al lavoro degli sviluppatori.

Leggi 5 estensioni di Chrome per sviluppatori

Le schede del browser diventeranno scorrevoli in Google Chrome

di Gerardo Orlandin

L'ingegnere di Google Chrome, Peter Kasting, ha confermato in un commento su Reddit che una soluzione per rendere le schede scorrevoli è in lavorazione. Kasting non ha specificato quando la nuova funzionalità sarà disponibile, ma nel frattempo l'ingegnere suggerisce di gestirle con le schede di gruppo.

L'articolo Le schede del browser diventeranno scorrevoli in Google Chrome proviene da TuttoAndroid.

Google promette un accoppiamento Bluetooth più veloce: le AirPods in salsa Android grazie a Fast Pair

di Lucia Massaro

Google sta aggiornando Fast Pair, la funzione in grado di velocizzare l’accoppiamento dei dispositivi tramite Bluetooth attraverso un solo click evitando quindi di eseguire tutta una serie di passaggi. L’update cerca di semplificare e accelerare ancor di più il pairing. In che modo?

In maniera simile alle AirPods di Apple. In pratica, sarà possibile abbinare contemporaneamente dispositivi Bluetooth compatibili che condividono lo stesso account Google. Per esempio, se volessimo configurare le nostre cuffie wireless, quest’ultime saranno collegate al nostro account e di conseguenza saranno automaticamente accoppiate a tutti i terminali (smartphone, tablet e laptop) che sono stati configurati con il nostro account.

La funzione è disponibile su tutti i dispositivi che hanno almeno la versione 6.0 o successive di Android. Mentre il supporto per Chromebook arriverà nel corso del 2019. Si tratta di un importante passo in avanti dato che le cuffie Bluetooth sembrano riscuotere sempre più successo ma presentano ancora il problema relativo alla condivisione con più dispositivi.

Tuttavia, gli accessori che hanno implementato il protocollo Fast Pair sono ancora rari ma il colosso di Mountain View sta lavorando con aziende come Jaybird, Anker e Bose per una maggiore diffusione. Chissà se le cuffie senza filo rappresentano davvero il futuro in questo campo. Staremo a vedere.

Google Pixel 2 XL con 128GB di memoria interna è disponibile su Amazon a 680 euro. Lo trovate a questo link. 

L'articolo Google promette un accoppiamento Bluetooth più veloce: le AirPods in salsa Android grazie a Fast Pair proviene da Tom's Hardware.

Impostare Chrome su Android più veloce e comodo da usare

di Claudio Pomes
Chrome è il browser numero uno per Android, perchè molto veloce, perchè pieno di funzioni e soprattutto perchè viene preinstallato, essendo di Google, su molti modelli di smartphone con sistema...

Continua...
❌