Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Oggi — 24 Gennaio 2019RSS feeds

Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata con preparazione Carcagnì-Autech

di redazione

Questa Toyota Celica elaborata dal preparatore Carcagnì-Autech vanta una potenza 253 CV, una coppia di 364 Nm ed nuova grinta grazie ad un kit turbo e ad un vistoso bodykit che rende la carrozzeria più massiccia e aggressiva.

Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata

Gli esterni di questa Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata sono stati realizzati in varie fasi. Dapprima nel 2007, con l’adozione di un kit estetico della Veilside, cerchi da 18” e un impianto frenante maggiorato; poi dal 2015 hanno ricevuto una bella dose di aggressività grazie all’allargamento di 9 cm totali della carrozzeria, alle varie appendici aerodinamiche e alla riverniciatura bicolore, con il rosso del tetto e alcuni dettagli dei paraurti che svettano sul nero opaco della carrozzeria. Il kit widebody comprende elementi di diverse marche.

Toyota Celica 1.8 VVT-I modificata

La Toyota Celica 1.8 VVT-I modificata ha all’interno dell’abitacolo numerose plastiche che sono state appositamente riverniciate in nero e rosso. I sedili sono rimasti quelli di serie, ma forniti di un paio di cinture a 4 punti della OMP, mentre il volante a sgancio rapido è della RS Type. La strumentazione del cruscotto ora s’illumina di blu e rosso. Per tenere sempre sotto controllo il funzionamento del motore sono presenti una serie di manometri.

Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata

Toyota Celica 1.8 VVT-I tuning

La versione del propulsore impiegata sulla Toyota Celica VVT-I elaborazione è quella base da 143 CV e non la TS da 192 CV, dotata invece del sistema più evoluto VVT-IL con variatore di fase continuo che agisce anche sull’alzata delle valvole. Infatti, a partire da 6.000 g/m, sprigiona maggiore potenza, analogamente a quanto visto sulle Honda con la tecnologia VTEC.

Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata motore



Scheda tuning Toyota Celica 1.8 VVT-I

Motore
Kit turbo completo T28 raffred. a liquido Turbokits.com
Intercooler e raccorderia Turbokits.com
Collettori 4in1 Turbokits.com
Centralina motore Sauro Team
Pistoni maggiorati Wiseco
Bielle ad H rovesciata MWR
Iniettori maggiorati Denso 440 cc
Monoblocco lavorato
Testata lavorata
Guarnizione testa maggiorata Cometic
Pompa benzina maggiorata
Regolatore di pressione benzina
Radiatore acqua maggiorato
Filtro aria a cono K&N
Ricollocamento filtro aria
Modifica airbox originale
Frizione sportiva Fidanza V2
Mappa dedicata by Autech
Scarico completo in acciaio (progettato e costruito diam. 80 mm)
Cablaggio elettrico motore nuovo
Candele alta temperatura
Valvola blow-off Bonalume
Tappo olio TRD
Fissaggio batteria Cusco Racing
Morsetti batteria a sgancio rapido

Assetto
Ammortizzatori regolabili Koni Sport
Molle ribassate -4 cm Vogtland
Barra duomi anteriore
Barra duomi posteriore (autocostruita)
Barra rinforzo telaio (autocostruita)
Cerchi 18” Alutec riverniciati
Pneumatici Toyo Proxes T1S 225/35 R18

Freni
Pinze freno Brembo ant. 4 pompanti (Mercedes SL 400)
Dischi freno ant. 330 mm
Supporti pinza ricavati dal pieno
Tubi in treccia Goodridge

Estetica
Kit widebody con fenders APR
Paraurti anteriore Bomex
Paraurti posteriore Tsunami
Modifica paraurti ant. per intercooler
Canards creati su paraurti ant.
Lamiera alluminio sottoparaurti ant.
Kit Lambo Style Doors specifico
Spoiler posteriore in carbonio (progettato e costruito)
Estrattori aria su cofano originale
Presa d’aria cofano maggiorata
Fari anteriori DLR+Angel Eyes
Anabbagliante xeno 6000k
Abbagliante xeno 6000k
Fendinebbia xeno 6000k
Retronebbia a led (costruito)
Fari posteriori oscurati
Lunotto posteriore oscurato Panther 3M
Vetri posteriori oscurati Panther 3M
Gancio traino anteriore racing
Gancio traino posteriore racing
Riverniciatura bicolore nero/rosso

Interni
Cinture 4 punti OMP
Volante sportivo a sgancio rapido RS Type
Pomello cambio TRD
Illuminazione cruscotto blu e rossa
Porta manometri
Manometro temperatura gas di scarico
Manometro pressione olio
Manometro pressione turbo
Indicatore digitale temperatura liquido raffred.
Autoradio 2 Din con touchscreen da 6,2”

Costo totale intervento tuning oltre 30.000 Euro

Cerca la Toyota Celica usata su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata dal tuner Carcagnì-Autech è su Elaborare 245.

 Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata




L'articolo Toyota Celica 1.8 VVT-I elaborata con preparazione Carcagnì-Autech proviene da ELABORARE.

Ieri — 23 Gennaio 2019RSS feeds

Honda svela le immagini della prima auto elettrica in arrivo

Il prototipo Urban EV ha preso le forme da utilitaria, la prima auto elettrica Honda che sarà presentata nel 2019

Car2go e DriveNow diventano Jurbey, il carsharing BMW-Daimler

Rivelate alcune indiscrezioni sul più grande carsharing d’Europa nato dall’unione di car2go (Daimler) e DriveNow (BMW)

VW GOLF R elaborata con preparazione BRS Motorsport

di redazione

Questa VW Golf R elaborata tira fuori la vera anima della R: è più dinamica, più agile, più potente, ma senza esagerare. Preparata dal tuner BRS Motorsport vanta ora 399 CV e una coppia di 552 Nm. Questa poi non è solo la storia di una VW Golf R modificata, ma anche di un uomo giovane e della sua passione per la guida. resa più divertente e cattiva di quella standard, grazie ad un intervento di tuning mirato che ha comunque cambiato non di poco l’handling e il conseguente godimento di guida della “R”.

VW Golf R elaborata

L’upgrade della VW Golf R elaborata parte da una voglia di qualcosa in più anche in termini di coppia e cavalli. La soluzione adottata con la BRS Motorsport è stata quella di installare un kit Revo Stage 2 e di modificare l’aspirazione sempre Revo. Tutto questo ha spostato l’ago del 2 litri TSI dai 310 CV stock ai quasi 400 CV attuali, con 551 Nm di coppia, contro i 400 Nm di base.

VW Golf R modificata

Qualche ritocco sulla VW Golf R modificata è stato effettuato anche all’impianto frenante a sei pistoncini con disco flottante da 380 mm, mentre l’assetto sfrutta barre antirollio maggiorate e nuove molle H&R. Anche scarico ed esterni sono stati elaborati, con un impianto di scarico a centrale libero, senza catalizzatore e con un terminale silenziato dal diametro di 76 mm.

VW Golf R tuning

Sulla VW Golf R un tocco di tuning è stato dato anche all’estetica, con wrapping nero lucido per il tetto e oscuramento dei fari e dello stesso lunotto. I cerchi originali hanno lasciato il posto ai Revo da 19” bronze che, dobbiamo ammetterlo, rendono la Golf R molto più accattivante rispetto a quelli di serie un po’ smorti.

Scheda tuning VW Golf R by BRS Motorsport
Upgrade software motore Revo Stage2 Perf B 100 Ron 915€
Kit aspirazione Revo Carbon Series completo 1.050€
Kit cerchi Revo RV019 Matte Bronze 1.585€
Impianto frenante 6 pot Revo-Alcon 380 mm flottante 3.150€
Upgrade software DSG TVS Engineering Stage2+ 850€
Intercooler Airtec MQB Black Core 720€
Kit tubi siliconici intercooler TBF Performance 190€
Kit barre antirollio H&R 490€
Kit molle H&R 315€
Blow off DV+ 210€
Paddle color titanio Racing Line Performance
Kit candele NGK Iridium 79€
Kit puleggia servizi alleggerita BRS Motorsport 195€
Coppa olio maggiorata Wortec 475€
Olio Motul 300v 5W40 140€
Impianto di scarico completo composto da: downpipe 90 mm scatalizzato / centrale libero 76 mm / terminale silenziato 76 mm con 4 finali 100 neri in locazione standard BRS Motorsport 2.900€
Wrapping del tetto in nero lucido, oscuramento fari e vetri completo a cura di The Garage Milano 850€

Costo totale intervento tuning 14.100 Euro

Cerca la VW Golf usata su newsauto.it

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della VW Golf R elaborata dal tuner BRS Motorsport è su Elaborare 245.

Cover elaborare 245 magazine gennaio 2019


L'articolo VW GOLF R elaborata con preparazione BRS Motorsport proviene da ELABORARE.

BMW X3: continuano i test per la futura versione elettrica

di Nicolò Guccione

La iX3 è fedele alla variante con motore termico, solo piccole modifiche al paraurti e alla  mascherina. Sulle fiancate e sulla coda si possono vedere delle scritte che confermano la presenza delle batterie.

La presa di ricarica non si trova sul parafango sinistro come sulla concept, ma dovrebbe essere nascosta nel tradizionale sportello di rifornimento sul fianco, una soluzione che potrebbe non essere definitiva. Il modello di produzione dovrebbe sviluppare 270 CV con 400 km di autonomia.

Abbiamo già avuto modo di vedere iX3 in veste di concept al Salone di Pechino del 2018. In quell’occasione era fornita di un motore ovviamente elettrico da 270 CV e batterie da 70 kW. L’auto di produzione dovrebbe avere la possibilità di collegarsi a colonnine rapide da 150 kW per fare il pieno di energia in circa 30 minuti. 

Waymo produrrà auto a guida autonoma in serie

di Filippo Vendrame

Waymo fa davvero sul serio e sbarca nel Michigan per produrre in serie auto a guida autonoma. La scelta del Michigan si spiega con il fatto che è qui che si concentra la maggior parte dell’industria automobilistica americana. Waymo ha deciso di realizzare una fabbrica che darà lavoro sino a 400 dipendenti in cui saranno costruite auto a guida autonoma di serie. Da evidenziare, però, che non si tratterà di auto concettualmente nuove. All’interno della nuova fabbrica, Waymo effettuerà le conversioni delle auto che utilizza per i test o per il suo servizio di ride-sharing.

Leggi il resto dell’articolo

Ecco la classifica ufficiale delle 10 auto più vendute al mondo nel 2018

di Giulio Marangon

Mentre moltissime aziende automobilistiche si stanno preparando a lanciare la propria nuova automobile completamente elettrica, gli analisti hanno stilato una lista delle 100 automobili più vendute al mondo nel 2018. Prima di tutto bisogna precisare che lo scorso anno il mercato automobilistico ha fatto segnare un trend in crescita dello 0.2% rispetto al 2017, con […]

L'articolo Ecco la classifica ufficiale delle 10 auto più vendute al mondo nel 2018 proviene da TuttoTech.net.

KIA PROCEED prova a Barcellona

di Andrea Galeazzi
Chi mi segue avrà già avuto modo di vedere il video nel quale, a Barcellona, testavo la resistenza di un telefono rugged (ovvero super resistente). Ma il vero motivo del viaggio era il test drive della nuova KIA PROCEED. L’avevamo […]

Tesla, più sicurezza con la modalità Sentry Mode

di Filippo Vendrame

Tesla sta lavorando per ampliare le funzionalità della dashcam attraverso la nuova modalità “Sentry Mode” che secondo Elon Musk non dovrebbe tardare ad arrivare. Le funzioni dashcam delle Tesla, si ricorda, sfruttano le telecamere frontali utilizzate per l’Autopilot presenti in tutte le auto elettriche del brand americano. La funzione dashcam delle Tesla prevede che le persone debbano collegare alle porte USB dell’auto una memoria di archiviazione di generose dimensioni formattata in FAT32 con al suo interno una cartella chiamata “TeslaCam” in cui sono salvati i video registrati dalle telecamere.

Leggi il resto dell’articolo

Meno recentiRSS feeds

Porsche sperimenta un materiale che assorbe gli NOx dall’aria

Una tecnologia simile al filtro antiparticolato applicata alle pareti della fabbrica Porche trasforma gli NOx in acqua e azoto

Manutenzione auto: +10% l’attività delle officine a dicembre 2018

Le officine tirano le somme di un 2018 con lieve aumento delle operazioni di manutenzione. Ecco le previsioni dei prossimi mesi

Gunther Werks 400R top car elaborazione 431 CV

di redazione

La elaborazione della top car Gunther Werks 400R con 431 CV è stata effettuata negli USA dal tuner Gunther Werks che ha voluto mettere le mani sulla Porsche 993, ottenendo risultati davvero notevoli come dimostra la 400R modificata.

Gunther Werks 400R elaborata

Che sia un restomod o un top-tuning, una cosa è certa: per realizzare simili trasformazioni su una Porsche 911 di 30 o 40 anni fa è necessario disporre di una vettura donatrice dalla quale iniziare. Ciononostante appare ben più larga di un esemplare stock grazie all’impiego di un kit estetico widebody realizzato da Vorsteiner, specialista del settore anch’esso situato in California. L’allestimento comprende parafanghi anteriori e posteriori allargati, minigonne sottoporta, tetto, cofano anteriore, coperchio motore con alettone integrato, nonché nuovi paraurti anteriore e posteriore. Tali componenti sono tutti realizzati in carbonio mediante cottura sottovuoto in autoclave per aumentarne la robustezza.

Topcar Gunther Werks 400R

Gunther Werks 400R modificata

Per realizzare questa top car Gunther Werks 400R modificata il progetto è stato quello di trasformare la venticinquenne Porsche 993 in una supersportiva attuale e non c’è dubbio che l’operazione appaia riuscita ad iniziare dal motore. Nel caso specifico, infatti, il 3.6 litri “flat six” aspirato che equipaggiava la 993 è stato maggiorato fino a 4 litri mediante nuovi pistoni completi di bielle specifiche, un’inedita gestione elettronica dell’alimentazione, un impianto di scarico “rubato” alla sportivissima Porsche 996 GT3 e altre modifiche di completamento tra le quali l’irrobustimento del cambio manuale esamarce Getrag e della frizione, nonché il montaggio di un differenziale autobloccante meccanico al 40% fornito solo in opzione sulla 993 di fabbrica. Il tutto ha innalzato la cavalleria fino ad oltre 400 CV con una coppia massima attestata a quasi 450 Nm.

Topcar Gunther Werks 400R Motore

I numeri della Gunther Werks 400R

2017 – Anno di presentazione
993 – Sigla Porsche 911 di derivazione
25 – Esemplari previsti
431 – CV potenza max (317 kW)
447 – Nm coppia max (45,5 kgm)
1215 – Kg peso autovettura
2,80 – Rapp. peso/potenza (Kg/CV)

L’articolo completo con tutti i dettagli e i segreti della Gunther Werks 400R elaborata dal tuner americano è su Elaborare 245.

L'articolo Gunther Werks 400R top car elaborazione 431 CV proviene da ELABORARE.

Acciai sempre più resistenti: Mazda sviluppa una tecnica per auto più sicure

L’acciaio ultraresistente impiegato anche nelle parti più critiche del telaio fa risparmiare 3 kg a Mazda, ma riuscirci non è così semplice

Nuance Dragon Drive alla base degli assistenti vocali per l’automotive

di Vittorio Pipia

Come nasce un assistente vocale? Quali sono i segreti alla base del successo e quali i limiti? Nuance ci ha mostrato il processo nella creazione di un assistente vocale, la sua utilità nell’ambito gestionale e soprattutto automotive, e tutti i vantaggi di avere un assistente dedicato in grado di soddisfare ogni richiesta in modo naturale e completo. Un’interazione molto simile a quella che ci può essere tra due persone, che non obbliga dunque l’utente a imparare una terminologia specifica per poter sfruttare appieno la tecnologia a sua disposizione. L’obiettivo di Nuance è quello di rendere l’interazione più semplice e immediata, in modo da facilitarne l’utilizzo e aumentarne l’efficacia.

Gli assistenti vocali sono letteralmente esplosi nel corso del 2018, grazie all’arrivo anche sul mercato italiano di Google Home e Alexa, che permettono di avere accesso ad alcune funzioni come agenda, calendario, meteo e controllo domotica. Assistenti vocali presenti anche su altri dispositivi e su alcune auto, che però incontrano i propri limiti in quanto incapaci di interfacciarsi con molti degli elementi dell’auto. Sarà impossibile infatti chiedere quale sia l’autonomia residua, quanto manca al prossimo tagliando e tante altre informazioni legate all’uso dell’automobile.

Entra qui in gioco il sistema Dragon-Drive di Nuance, che permette di avere un’interazione immediata grazie a numerosi accorgimenti portati dall’azienda. Sistema che è alla base della MBUX di Mercedes e che al momento è disponibile su circa 200 milioni di veicoli circolanti.

Per sviluppare tale tecnologia Nuance ha condotto numerose ricerche, determinando che una buona percentuale degli automobilisti, gradirebbe un assistente vocale in grado di ricordare le proprie preferenze personali e imparare in base all’uso dell’auto e al proprio stile di guida. Ma anche di memorizzare preferenze relative ai ristoranti e che possibilmente siano in grado di interagire e comunicare quando l’auto ha bisogno di un servizio di manutenzione e assistenza in base al reale consumo dei vari componenti (pneumatici, freni, sostituzione olio).

Per rendere possibile tutto ciò, il sistema Dragon Drive integra la funzione “Just Talk”, che permette a chiunque all’interno dell’abitacolo di richiamare l’assistente vocale senza la pressione di un pulsante. L’assistente vocale rimane dunque in stand-by e in seguito alla pronuncia di uno specifico comando – Hey Mercedes, per esempio – si attiva. Durante una demo, utilizzando il sistema su una Classe A, abbiamo inoltre potuto verificare come sia possibile, una volta richiamato l’assistente, poter avere una conversazione in maniera del tutto naturale senza doverlo richiamare di volta in volta.

Sarà dunque possibile non solo chiedere quanto manca per raggiungere la destinazione, ma qual è il ristorante più vicino, avere informazioni sul meteo all’ora di arrivo e tanto altro con una conversazione continua. Ciò è possibile grazie all’Intelligenza Artificiale (Conversational AI), in grado di contestualizzare le varie richieste senza richiedere di volta in volta una specifica attivazione.

Il sistema può essere usato inoltre da tutti gli occupanti della macchina. I passeggeri potranno dunque gestire il sistema di riscaldamento, oppure accendere la luce di cortesia e tanto altro, senza dover distrarre chi guida. L’assistente vocale, grazie ai microfoni collocati sull’auto, percepisce da dove proviene il comando, sapendo dove agire.

Infine, attraverso vari sensori sparsi sull’auto, il sistema riconosce se il guidatore sta guardando un luogo di interesse lungo il percorso ed è in grado di fornire informazioni in tempo reale, su orari, apertura e molto altro ancora.

Un sistema del genere porta l’interazione con l’auto a tutt’altro livello ed è di gran lunga preferibile a un comune assistente vocale, in quanto rende la vita del conducente molto più semplice ma soprattutto sicura. Interagire con la voce, evita qualsiasi tipo di distrazione, come dover premere alcuni pulsanti o guardare il display dell’infotainment.

Un altro aspetto decisamente convincente è la naturalezza con il quale il sistema risponde alle varie richieste. Per raggiungere tale risultato, l’azienda parte da campionamenti audio, in varie lingue, che vengono poi trattati da tecnici audio specializzati, in modo da poter soddisfare gli standard richiesti in merito alla pronuncia e alla tonalità. È un lavoro molto lungo e complesso che porta ad avere però un risultato molto vicino a quella che è la dizione umana. Dall’esperienza fatta, l’assistente vocale della Mercedes-Benz Classe A è perfettamente in grado di interloquire in maniera naturale. Le voci robotiche presenti sulle nostre auto fino a qualche mese fa, saranno in futuro solo un lontano ricordo.

Nuance Automotive è leader nel settore dell’Intelligenza Artificiale per le auto e grazie alla piattaforma Dragon Drive in continua evoluzione offre un servizio dedicato e soprattutto facilmente personalizzabile dai diversi brand automobilistici. Sistema che è attualmente usato da Toyota, Audi, BMW, Daimler, FIAT e tanti altri ancora, disponibile in più di 40 lingue.

Vuoi un assistente vocale da usare a casa per ricordare promemoria e attività? L’Amazon Echo Dot è disponibile a soli 59,99 euro.

Hyundai Kona Iron Man Edition è un’edizione speciale per i fan di Tony Stark

di Lorenzo Spada
la Hyundai Kona Iron Man Edition potrebbe essere un'ottima aggiunta

Se Spider Man è l’eroe mascherato più popolare di New York, Iron Man ha senza dubbio scalato la classifica nel corso degli ultimi anni grazie ai 3 film dedicati e alle sue apparizione nei film degli Avengers (Endgame forse sarà l’ultimo). Se però guardarlo in video non dovesse bastarvi, la Hyundai Kona Iron Man Edition potrebbe […]

L'articolo Hyundai Kona Iron Man Edition è un’edizione speciale per i fan di Tony Stark proviene da TuttoTech.net.

Tesla riduce gli aumenti dei Supercharger

di Filippo Vendrame

Tesla ha deciso di ridurre l’aumento dei prezzi delle ricariche dei Supercharger che aveva annunciato da poco. La società di Elon Musk ha voluto andare in contro alle richieste dei suoi clienti che avevano giudicato eccessivi gli aumenti, chiedendo che venissero rivisti. Durante lo scorso weekend, Tesla aveva fatto saper di aver deciso di modificare la struttura dei prezzi dei Supercharger per meglio adattarli ai costi locali di energia elettrica. La conseguenza più immediata era stato un aumento medio dei costi delle ricariche di oltre il 30%.

Leggi il resto dell’articolo

EVA+, operative 130 stazioni di ricarica Fast

di Filippo Vendrame

Enel X continua a portare avanti il progetto EVA+ che prevede l’installazione di 200 colonnine di ricarica veloce per le auto elettriche, 180 in Italia e le altre 20 in Austria, lungo le tratte extraurbane. La società ha annunciato di aver installato e reso operative 130 colonnine di ricarica da 50kW, pari a 260 punti di ricarica. Tutte queste colonnine a ricarica rapida sono state collocate lungo le strade a lunga percorrenza di Italia e Austria.

Leggi il resto dell’articolo

Uber vuole sviluppare bici elettriche e scooter a guida autonoma

di Lorenzo Spada
Uber Jump bici eelttriche guida autonoma

All’inizio dell’anno scorso, Uber ha acquisito la società di bike sharing elettrico Jump per 100 milioni di dollari. Ora, il colosso dei viaggi in auto sembra che stia per fare il passo successivo nella sua spinta verso bici elettriche, moto elettriche e auto elettriche: assumere un team di “robotomicromobilità”. Il team sarà incaricato un team […]

L'articolo Uber vuole sviluppare bici elettriche e scooter a guida autonoma proviene da TuttoTech.net.

Le spedizioni europee di Tesla Model 3 inizieranno a febbraio

di Lorenzo Spada
Tesla Model 3

Nonostante la Tesla Model 3 sia pre-ordinabile ormai da qualche settimana qui in Italia, delle spedizioni non se n’è saputo nulla fino a qualche ora fa. Tesla prevede di iniziare a consegnare la “Long Range Battery” di Tesla Model 3 in Europa a febbraio, dopo aver ottenuto il via libera dall’autorità olandese dei veicoli RDW. […]

L'articolo Le spedizioni europee di Tesla Model 3 inizieranno a febbraio proviene da TuttoTech.net.

Bridgestone compra TomTom Telematics per 910 milioni di euro

Bridgestone non venderà più solo pneumatici: con l’acquisizione di Tomtom Telematics arrivano nuovi servizi digitali per le flotte aziendali in Europa
❌