Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

The Court of Miracles: in arrivo l’edizione internazionale de La Cour des Miracles

di Mabelle Sasso
Lucky Duck Games ha annunciato l’uscita di The Court of Miracles, gioco da tavolo competivo in cui i giocatori prenderanno il controllo di gang di ladri nella Parigi del sedicesimo secolo. Lanciato nel 2019 per il mercato francese con il titolo La Cour des Miracles, questo gioco si affaccerà al mercato internazionale. The Court of […]

Warrior Nun, recensione: le suore ninja alla conquista di Netflix

di Manuel Enrico
Gi anni ’90 sono stati per il mondo dei fumetti un decennio incredibile, capace di toccare vette altissime ma anche di dare vita a una serie di personaggi esagerati e paradossali che hanno però interpretato al meglio quel periodo di eccesso stilistico, graficamente e narrativamente. A questa categoria apparteneva anche Warrior Nun Areala, fumetto creato […]

Keen, il nuovo social di Google

di Alessandro Matthia Celli

L’idea di questo nuovo social è venuta a CJ Adams, un co-fondatore appassionato, dopo che lui e sua moglie hanno notato che stavano trascorrendo molto del loro tempo libero a scorrere i feed dei social media.

(...)
Continua a leggere Keen, il nuovo social di Google su Androidiani.Com


© alessandromatthiacelli for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Warrior Nun: una suora guerriera è la protagonista della nuova serie Netflix

di Rossana Barbagallo
Warrior Nun: se pensavate che una suora non potesse essere anche una guerriera, vi sbagliavate. Ecco il trailer e la data d’uscita della nuova serie TV Netflix. Nel 1994 Ben Dunn ha creato un fumetto americano in stile manga intitolato Warrior Nun Areala, in cui una combattiva e scosciata suora di nome Shannon Masters, discendente […]

Ubisoft denuncia Google ed Apple

di Alessandro Matthia Celli

Per ogni gioco popolare nel mondo dei videogame, c’è sempre una versione simile e tarocca abbastanza popolare che alla fine finisce sempre per essere citata in giudizio dall’editore originale.

(...)
Continua a leggere Ubisoft denuncia Google ed Apple su Androidiani.Com


© alessandromatthiacelli for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , ,

Area B Milano: auto storiche, cambiano le regole per l’accesso

di Raffaele Dambra

Area B Milano auto storiche

Introdotte novità per l'Area B di Milano che riguardano le auto storiche e non solo: cambiano le regole per l’accesso e vengono introdotte nuove deroghe

The post Area B Milano: auto storiche, cambiano le regole per l’accesso appeared first on SicurAUTO.it.

Area B Milano: poco utile per il 60% dei residenti

di Raffaele Dambra

Area B Milano

Come è percepita l’Area B di Milano dai cittadini milanesi? Non bene a leggere i numeri di un sondaggio Ipsos dedicato al tema ambientale. E questo nonostante i buoni risultati comunicati dal Comune, che nei primi 6 mesi di attivazione ha rilevato un calo del 13% di auto inquinanti in transito, pari a circa 12 mila vetture in meno al giorno. Percentuale destinata senz’altro a crescere con l’estensione del divieto ai diesel Euro 4, introdotto lo scorso ottobre. Eppure il campione dei residenti intervistati si è mostrato molto scettico sulla reale efficacia del provvedimento.

AREA B MILANO: SCETTICI I CITTADINI MILANESI

Il sondaggio è stato realizzato in occasione della XXI edizione del ‘Panettone d’oro’, il premio alla virtù civica degli abitanti di Milano promosso dal Coordinamento comitati milanesi per valorizzare le persone che si sono distinte per il loro impegno nei confronti del prossimo e della società. Ai partecipanti è stato chiesto tra le altre cose di esprimersi su alcune tematiche ambientali che riguardano la città di Milano, a cominciare proprio da Area B, la zona a traffico limitato istituita il 25 febbraio 2019 che limita la circolazione dei veicoli inquinanti su gran parte del territorio comunale, dalle 7:30 alle 19:30 dal lunedì al venerdì. E, come abbiamo anticipato, le risposte non sono state troppo positive.

PARERI CONTRASTANTI SU AREA B DI MILANO

Secondo la maggioranza dei milanesi, infatti, Area B non ha prodotto benefici consistenti alla città. Per il 60% delle persone l’inquinamento dell’aria è rimasto pressoché uguale, mentre per il 55% anche il traffico e la viabilità sono rimasti immutati. Inoltre solo il 31% degli intervistati si è detto molto d’accordo con l’istituzione della Ztl. Viceversa il 18% ha risposto di essere per nulla d’accordo con Area B. Evidentemente, a prescindere dal calo del traffico che, numeri alla mano, sembrerebbe esserci stato per davvero, la percezione della maggioranza dei residenti di Milano è ancora quella di una città molto inquinata. Ci vorrà forse tempo per cambiare le cose.

AREA B: IL VERO BILANCIO SOLO QUANDO TUTTI I VARCHI D’ACCESSO SARANNO CONTROLLATI

Del resto era stato tempo fa lo stesso Marco Granelli, assessore alla Mobilità del Comune di Milano, a sostenere che il primo vero bilancio su Area B si potrà fare soltanto quando tutti i varchi di accesso saranno controllati dalle telecamere, cosa che presumibilmente avverrà entro l’autunno del 2020. Al 31 dicembre erano sorvegliati solo 15 dei 186 varchi, ma entro la fine di marzo ne saranno attivate ulteriori 73. Per quanto riguarda invece gli altri aspetti toccati dal sondaggio, tra gli elementi ritenuti più importanti per la difesa dell’ambiente il 77% dei milanesi ha individuato la raccolta differenziata, davanti all’ampliamento delle zone verdi e della rete dei mezzi pubblici.

The post Area B Milano: poco utile per il 60% dei residenti appeared first on SicurAUTO.it.

Ztl Milano: mappa, regole e orari

di Raffaele Dambra

Ztl a Milano mappa regole orari

Come funziona la Ztl a Milano? Attraverso mappa, regole e orari proviamo a venire a capo delle due grandi zone a traffico limitato della metropoli lombarda: Area B, denominata ‘la più grande Ztl d’Italia’ e Area C, così da offrire il miglior servizio possibile ai residenti ma anche, se non soprattutto, ai visitatori occasionali. Vediamo dunque quali vetture possono o non possono accedere nelle Ztl di Milano, gli eventuali costi, le deroghe e quant’altro (cliccate sulle mappe per visualizzarle in formato più grande).

ZTL MILANO: AREA B

Area B coincide con gran parte del territorio di Milano. È una Ztl con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti oltre a quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci.

– Orari di Area B:
La Ztl è attiva dal lunedì al venerdì, dalle 7:30 alle 19:30, festivi esclusi.

– Veicoli per il trasporto di persone che non possono accedere ad Area B:
Auto Euro 0, 1 benzina;
Auto Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel senza FAP;
Le Auto Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km;
Auto Euro 4 diesel con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione;
Auto Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato dopo 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4;
Le Auto a doppia alimentazione gasolio-Gpl e gasolio-metano Euro 0, 1, 2;
Ciclomotori e motocicli a due tempi Euro 0, 1;
Ciclomotori e motocicli a gasolio Euro 0, 1.
N.B.: dal 2022 e fino al 2030 le limitazioni saranno progressivamente estese ad altre categorie di veicoli.

– Costo per l’accesso ad Area B:
Non sono previsti costi. Semplicemente i mezzi esclusi non possono accedere nei giorni e negli orari di attivazione della Ztl.

– Deroghe per l’accesso ad Area B:
Per ogni veicolo: deroga d’ufficio consistente in un bonus di 50 giorni anche non consecutivi di circolazione nel primo anno di entrata in vigore del divieto;
Residenti: dal secondo anno di entrata in vigore del divieto, un soggetto residente può usufruire di 25 giorni di accesso e circolazione dinamica all’anno, conteggiato dal 1° ottobre al 30 settembre, previa registrare sul Portale Area B. Per i non residenti i giorni di accesso scendono a 5.

Previste deroghe anche per le imprese con sede operativa a Milano e fuori Milano; autoscuole, agenti di commercio e artigiani; trasporto di persone affette da gravi patologie e malattie rare e di persone dirette alle strutture di pronto soccorso; personale sanitario per interventi di natura medica in pronta reperibilità; medici di medicina generale e pediatri di famiglia; lavoratori turnisti e soggetti con obbligo di dimora in caserma militare; volontari che prestano assistenza socio sanitaria; veicoli d’interesse storico con più di 30 anni.

Ulteriori informazioni: https://www.comune.milano.it/aree-tematiche/mobilita/area-b

ZTL MILANO: AREA C

Area C è un’area del centro storico di Milano, delimitata da 43 varchi, che coincide con la Ztl della Cerchia dei Bastioni. Per alcune tipologie di veicoli l’accesso ad Area C è libero e gratuito; le altre possono accedere negli orari in cui Area C è attiva pagando un ticket di ingresso a validità giornaliera.

– Orari di Area C:
La Ztl Area C di Milano è attiva dal lunedì al venerdì, dalle 7:30 alle 19:30. Non è invece attiva il sabato e nei giorni festivi.

– Veicoli che entrano gratuitamente in Area C:
veicoli che trasportano disabili, muniti di contrassegno, oppure persone dirette al pronto soccorso ospedaliero;
vetture elettriche, ciclomotori e motoveicoli;
veicoli ibridi M1 (propulsione elettrico-termica) con contributo emissivo ≤ 100 g/km;
veicoli ibridi M1 con contributo emissivo di CO2 >100 g/km (fino all’1/10/2022);
autoveicoli ibridi diversi dalle autovetture;
velocipedi;
veicoli che espongono il contrassegno invalidi il cui titolare sia a bordo del veicolo;
veicoli per trasporti specifici muniti permanentemente di speciali attrezzature per il trasporto dei disabili motori;
autoambulanze;
veicoli appartenenti o in uso esclusivo alle Forze Armate, alle Forze di Polizia, alla Polizia Locale, alle associazioni che esercitano attività riconosciuta di primo soccorso o trasporto socio-sanitario;
Per l’elenco completo vi rimandiamo al sito web ufficiale di Area C (link in basso).

– Costo per l’accesso ad Area C:
Per entrare in Area C bisogna acquistare un ticket e attivarlo associando il codice del tagliando alla targa del veicolo. Con un ticket si può entrare e uscire da Area C con uno stesso veicolo per un numero illimitato di volte nella stessa giornata. Il costo varia da 2 euro (per i residenti) a 5 euro (per i non residenti). I ticket si acquistano online o al parcometro.

– Deroghe per l’accesso ad Area C:
Sono previste agevolazioni e deroghe per veicoli con contrassegno disabilità; per le imprese con veicoli di servizio; per società e associazioni che operano nel campo dell’assistenza socio-sanitaria e della salvaguardia degli animali; in caso di motivi di salute; per residenti ed equiparati e per le autorimesse convenzionate; per gli accessi tra le 8:00 e le 10:00.

Ulteriori informazioni: https://www.comune.milano.it/aree-tematiche/mobilita/area-c.

The post Ztl Milano: mappa, regole e orari appeared first on SicurAUTO.it.

Area B a Milano funziona: in 6 mesi -13% di auto inquinanti in transito

di Raffaele Dambra

Area B a Milano funziona

In vigore dallo scorso mese di febbraio, Area B a Milano sta funzionando piuttosto bene. Nei primi 6 mesi di attivazione il provvedimento che, attraverso un sistema di divieti di accesso progressivi, blocca l’ingresso in città alle auto più inquinanti, ha già ridotto del 13% (circa 12 mila vetture al giorno) il transito di veicoli. E con l’inasprimento delle restrizioni in atto dal 1° ottobre 2019 promette di fare ancora meglio.

I VEICOLI ESCLUSI DA AREA B A MILANO

Definita non a torto la ‘zona a traffico limitato più grande d’Italia’, Area B di Milano, che coincide con gran parte del territorio comunale del capoluogo lombardo, vieta l’ingresso ai veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2 e 3 e alle moto a due tempi Euro 0 e 1 dal lunedì al venerdì, dalle ore 7:30 alle 19:30, esclusi i festivi. Da ottobre il divieto vale anche per le vetture diesel Euro 4.

AREA B A MILANO NEI PRIMI 6 MESI DI ATTIVAZIONE

Nei giorni scorsi sono stati elaborati i dati relativi ai primi 6 mesi di attivazione di Area B, che, come detto, hanno rilevato una diminuzione di passaggi in ingresso in città di circa il 13%. Dato che si traduce in circa 12 mila transiti veicolari in meno ogni giorno. Mentre durante l’ultima settimana di gennaio 2019, utilizzata come campione, c’erano stati circa 89 mila transiti giornalieri. I numeri si riferiscono al semestre che va da aprile a settembre 2019. Questo perché Area B è entrata in vigore il 25 febbraio, ma il mese di marzo è stato utilizzato per il pre-esercizio, come previsto dalla norma.

IL TRANSITO IN AREA B A MILANO

Al momento sono presenti 186 varchi di accesso ad Area B di cui 15 controllati da telecamere, ed è proprio su questi che si è concentrato il monitoraggio dei transiti. Che tra le altre cose ha consentito pure di verificare che l’orario di punta nei giorni feriali c’è stato tra le 7:30 e le 9, con una media complessiva, nelle 15 strade, di 4.500 transiti ogni 30 minuti, ovvero 150 veicoli al minuto. Il picco pomeridiano feriale è stato tra le 17 e le 19 con una media di 4.000 transiti ogni 30 minuti, tradotto in 133 veicoli al minuto. Negli stessi orari, il traffico si riduce a 1/3 il sabato mattina ed è pari a 2/3 il sabato e la domenica pomeriggio. Invece non c’è quasi nessuna variazione tra i giorni feriali e festivi per le fasce orarie non di punta, in particolare tra le 10:30 e le 13 e dopo le 21.

IL VERO BILANCIO SU AREA B DI MILANO SI POTRÀ FARE SOLO TRA UN ANNO

“Questi primi sei mesi rappresentano un primo deciso passo nell’attuazione di Area B a Milano”, ha dichiarato Marco Granelli, l’assessore alla Mobilità, commentando i dati sulla Ztl. “Che dimostra con questi numeri di essere una misura potenzialmente efficace. Certamente siamo ai primi passi e il vero bilancio potrà essere definito solamente quando tutte le telecamere saranno posate e quindi fra circa un anno (si prevede in autunno del 2020, ndr). Ma intanto i segnali concreti ci sono. E siamo certi che Area B, Area C, i potenziamenti del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile, insieme ai comportamenti dei cittadini, ci aiuteranno nell’obiettivo di diminuire la congestione e l’inquinamento dell’aria e di procedere decisi verso una città che vuole combattere urgentemente e concretamente l’alterazione climatica del pianeta”.

The post Area B a Milano funziona: in 6 mesi -13% di auto inquinanti in transito appeared first on SicurAUTO.it.

Area B Milano 2019: è corsa all’acquisto di auto usate meno inquinanti

di Raffaele Dambra

Area B Milano 2019

Il 1° ottobre 2019 inizierà la nuova fase di Area B a Milano che prevede l’estensione dei limiti alla circolazione delle auto diesel nella superficie delimitata, attualmente interdetta alle vetture a gasolio Euro 0, 1, 2 e 3 senza FAP (ed Euro 0 benzina). Saranno interessate dal provvedimento specialmente le auto Euro 4 diesel senza FAP ed Euro 3 e 4 diesel con FAP di serie, portando a circa 160.000 il numero di vetture che non potranno più circolare nell’area. E per non farsi trovare impreparati, i cittadini milanesi hanno già iniziato ad adeguarsi alle nuove restrizioni, che anno dopo anno diventeranno sempre più stringenti fino all’abolizione totale dei diesel nel 2030, visto che nel primo semestre di quest’anno sono nettamente diminuiti gli acquisti di auto usate più vecchie, mentre sono cresciute le auto meno inquinanti.

AREA B MILANO SPINGE L’ACQUISTO DI AUTO USATE MENO INQUINANTI

Le statistiche elaborate dal centro studi di AutoScout24 sulla base dei dati ACI, mostrano infatti che da gennaio a giugno 2019 a Milano solo il 7,8% dei passaggi di proprietà di auto usate ha riguardato le classi già escluse da Area B (-43,7% rispetto allo stesso periodo del 2018). Viceversa sono aumentati gli acquisti riguardanti le vetture ad alimentazione tradizionale Euro 5 e 6 (+6,8%), che avranno ancora accesso per qualche anno, e quelle ibride ed elettriche (+17,6%). Ricordiamo che a Milano fino allo scorso anno il parco circolante era costituito da 693.084 auto, di cui il 23,6% appartenenti alle classi ambientali Euro 0 benzina ed Euro 0-1-2-3-4 diesel, quindi già colpite dal blocco o pronte per esserlo. Siamo quasi certi che al 31 dicembre 2019 quella percentuale sarà scesa di parecchio.

AUTO INQUINANTI NELLE ALTRE CITTÀ: BENE AOSTA E TRENTO, MALE NAPOLI

AutoScout24 ha fotografato anche il parco circolante di altre città, scoprendo che le città capoluogo di regione più virtuose sono Trento e Aosta, dove le auto più inquinanti sono rispettivamente del 4,7% e 4,9% sul totale. A Napoli, al contrario, sono il 43,1%, seguita da Campobasso (39,7%) e Potenza (38,6%). Milano quindi si colloca più o meno nel mezzo.

CHE COS’È AREA B DI MILANO

In vigore dallo scorso 25 febbraio, l’Area B di Milano copre gran parte del territorio cittadino e prevede il blocco della circolazione delle auto diesel più inquinanti nei giorni feriali dalle 7:30 alle 19:30 ((per i dettagli su tutti i tipi di vetture coinvolte, oggi e in futuro, vi rimandiamo alla nostra guida sulla Area B di Milano). A delimitare l’area ci sono 186 varchi elettronici, e chi entra senza averne diritto è sanzionato con una multa da 163 a 658 euro. In caso di recidiva nel biennio si applica la sospensione della patente da 15 a 30 giorni. Come detto, dal 1° ottobre 2019 i limiti riguarderanno queste vetture:
– auto Euro 4 diesel senza FAP;
– auto Euro 3 e 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km;
– le auto Euro 4 diesel con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione (in assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo);
auto Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato dopo il 31 dicembre 2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4.

The post Area B Milano 2019: è corsa all’acquisto di auto usate meno inquinanti appeared first on SicurAUTO.it.

❌