Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 5 Luglio 2020RSS feeds

Migliori app per ascoltare Podcast

di Gioele Cuomo
Tra i vari mezzi di informazione ed intrattenimento degli ultimi anni, i podcast stanno assumendo un ruolo sempre più importante. Sono infatti milioni le persone che hanno cominciato ad ascoltarli con regolarità, facendone uno degli leggi di più...
Meno recentiRSS feeds

Migliori app iPhone per scattare foto

di Roberto Cocciolo
Forse non sarà lo smartphone capace di scattare le migliori foto in assoluto, ma indubbiamente iPhone si presenta come un ottimo compagno di viaggio per catturare ricordi e momenti di ogni tipo. In particolare, per leggi di più...

Installare macOS Big Sur sui Mac obsoleti è (quasi) un gioco da ragazzi

di Irven Zanolla
Scontenti della scelta di Apple di escludere alcuni Mac dall; aggiornamento di Big Sur? Niente paura, ecco come aggirare l'ostacolo fin da subito.

Apple, macOS Big Sur installerà gli aggiornamenti in background

di Antonello Buzzi
Come probabilmente già saprete, Apple ha presentato, nel corso della sua conferenza WWDC virtuale, la nuova versione del sistema operativo macOS, che si chiamerà Big Sur. Tantissime le novità, a partire dalla compatibilità sia con l’architettura x86 sulla quale sono basati i processori Intel, sia con quella ARM a cui si affideranno le CPU Apple […]

iPhone 12, l'attesa vale la pena: le ultime novità sulle fotocamere

di HDblog.it

Il noto analista Ming-Chi Kuo torna a parlare di iPhone 12, dopo che a fine maggio aveva anticipato che la confezione dei nuovi melafonini non avrebbe incluso gli auricolari - e, sappiamo ora, probabilmente neppure il caricabatterie. Uno degli elementi più incerti relativi ad iPhone 12 è la data di lancio, con tante voci che si incrociano e parlano con insistenza sempre maggiore di un possibile ritardo. L'ultimo report di Kuo si inserisce in questo solco, dal momento che racconta di come il produttore delle lenti destinate al modulo fotografico dei suoi nuovi dispositivi, Largan, comincerà ad effettuare le prime spedizioni a metà luglio.

Sembrerebbe essere una finestra di tempo ragionevole per arrivare comunque sul mercato a settembre, ma non è così: Kuo fa infatti notare che il ritardo maturato è di sei settimane, il che implicherebbe il raggiungimento del picco delle spedizioni di Largan tra settembre e novembre, laddove normalmente cade tra agosto e ottobre. Kuo entra poi nel tecnico e afferma che Largan fornirà ad Apple obiettivi a 7 elementi: non sappiamo se li troveremo sui quattro iPhone in arrivo, o solo sui due modelli Pro e Pro Max (quest'ultimo dovrebbe essere dotato in esclusiva dello scanner LiDAR visto sugli ultimi iPad Pro).

Potremmo quindi ipotizzare un lancio slittato di un mese e mezzo, ma ci sono anche altri fattori in gioco al di là delle lenti: una recente ricostruzione di Nikkei parla delle fasi finali della produzione che inizieranno proprio ad ottobre. Insomma, la situazione è ancora poco chiara, ma da più parti arrivano conferme del fatto che la pandemia alla fine avrebbe inciso sull'iter di iPhone 12, e che il tradizionale lancio a settembre sembra un'ipotesi remota: vedremo se Apple sarà riuscita a rimettersi in carreggiata limitando il ritardo a poche settimane.


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

macOS Big Sur: aggiornarlo sarà più veloce che mai

di HDblog.it

Nell'introdurre il prossimo, consistente aggiornamento di macOS, Apple ha posto grande enfasi sulle novità relative all'interfaccia, alle app native e alle funzioni legate alla privacy. C'è poi una serie di cambiamenti non immediatamente documentati in sede di presentazione che miglioreranno ulteriormente l'esperienza di utilizzo. Uno riguarda la procedura di installazione degli aggiornamenti software della piattaforma.

Per accelerare le fasi di preparazione e di installazione dell'aggiornamento - che attualmente vengono effettuate in fase di avvio della macchina - macOS Big Sur ne eseguirà parte in background; nel frattempo l'utente potrà continuare ad utilizzare il Mac. La novità è documentata nella pagina ufficiale dedicata all'anteprima del nuovo sistema operativo:

Una volta che macOS Big Sur è installato, gli aggiornamenti software iniziano in background e terminano più velocemente di prima - così è più semplice che mai mantenere il vostro Mac aggiornato e sicuro


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Apple pensa a una tastiera più resistente con LED RGB modificabili | Brevetto

di HDblog.it

Apple ha provato di recente a stravolgere le tastiere dei suoi portatili, ma alla fine ha fatto marcia indietro: i nuovi MacBook, a partire dal Pro 16", montano la nuova "Magic Keyboard" con meccanismo a forbice, e hanno quindi abbandonato quello a farfalla introdotto anni fa e che - oltre ad offrire una corsa dei tasti per molti utenti troppo breve - si è rivelato presto fragile e inaffidabile, costringendo Cupertino a garantirne la riparazione gratuita.

Il brevetto di cui vi parliamo oggi, depositato da Apple presso l'USPTO nel maggio 2019 e registrato proprio oggi, 2 luglio 2020, descrive un cambiamento che interessa sempre la tastiera, sì, ma non il suo funzionamento meccanico. In questo caso, il problema da risolvere è di natura funzionale ma anche estetica: il documento parla infatti di come i tasti siano sottoposti nell'arco di anni a centinaia di migliaia o addirittura milioni di interazioni e sollecitazioni. Questo significa che, gradualmente, la finitura va a deteriorarsi, specie in quelle soluzioni che sarebbero più gradevoli alla vista. Al contempo, l'esigenza di progettare dispositivi sempre più sottili e compatti può essere un altro fattore di indebolimento, laddove porti a tasti di dimensioni ridotte, e quindi capaci di garantire una minore stabilità strutturale.

Per tutte queste ragioni, Apple nel brevetto propone una soluzione che prevede l'impiego di materiali trasparenti come il vetro - ma anche la plastica - per la parte superiore dei tasti: al di sotto di questa calotta protettiva verrebbero poi incisi i caratteri, che così non sarebbero sottoposti ad usura. Si tratta di una soluzione che, inoltre, permetterebbe di illuminare una zona più ampia del tasto, o anche l'interezza della sua superficie, non limitandosi al solo carattere e permettendo di cambiare a piacimento il colore del LED RGB e l'intensità dell'illuminazione. Anche se dubitiamo che Apple possa mai rilasciare un MacBook con tastiera arcobaleno e tutte quelle opzioni "tamarre" tipiche dei PC da gaming, vi piacerebbe vedere sui prossimi modelli una tastiera così?


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Dark Sky: l'app meteo di Apple attiva su Android sino al 1° agosto

di HDblog.it

Apple ha acquisito ad aprile scorso Dark Sky, un'app meteo che era balzata nei primi posti delle classifiche di categoria. Utenti e stampa specializzata ne hanno apprezzato il bel design, la completezza di funzionalità e le previsioni attendibili.

Su Android l'app chiuderà: non è più disponibile al download, e chi già l'ha installata sul proprio dispositivo (anche chi ha acquistato l'abbonamento premium per rimuovere la pubblicità) potrà usarla solo fino al 1 agosto prossimo. Lo stesso destino toccherà all'app per Wear OS.

Il termine ultimo è stato spostato di un mese rispetto all'annuncio di aprile e il team di sviluppo conferma che le sottoscrizioni ancora attive sino a quella data daranno diritto ad un rimborso (entità e modalità ancora da confermare).


Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, compralo al miglior prezzo da ASUS eShop a 699 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Nuovo iMac in arrivo: spunta su GeekBench un modello con Intel Core i9-10910

di HDblog.it

Durante la recente WWDC 2020 Apple ha annunciato una svolta storica: l'inizio della transizione verso l'architettura ARM. Sarà un processo che richiederà almeno un paio di anni, e a fare da apripista dovrebbero essere i nuovi modelli del MacBook Pro da 13" e dell' iMac da 24". Nell'attesa, però, Apple continuerà a lavorare con i processori Intel, e sembra che abbia intenzione di lanciare presto un modello inedito di iMac spuntato in queste ore su GeekBench.

Come possiamo osservare, il SoC è un Intel Core 19-10910 custom, cioè una variante realizzata appositamente dal colosso di Santa Clara per Apple, e la GPU è una Radeon Pro 5300 di AMD con 20 Compute Unit, 4 GB di VRAM e una frequenza di 1,65 GHz. L'ultima informazione che possiamo ricavare dal benchmark è il quantitativo di RAM, che è pari a 32 GB. Per quanto riguarda le dimensioni dello schermo, invece, non ci sono certezze: le voci che circolano in rete parlano di una diagonale di 21", oppure 24".

Non escludiamo, visto l'icona di un iMac dal design diverso rispetto a quello attuale scovata nel codice di iOS 14, che questo nuovo modello possa portare anche un redesign, da lungo atteso e anticipato. Ma se così fosse stato, allora sarebbe stato lecito attendersi che Apple gli riservasse la luce dei riflettori direttamente durante la WWDC 2020. Per quanto riguarda i tempi, non abbiamo indizi: da Cupertino ci hanno abituati a lanci spettacolari ma anche a "lanci ombra", con i prodotti che appaiono direttamente sullo store online.


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Apple TV+ pesca da Sony Pictures: le serie originali nelle mani di Chris Parnell

di HDblog.it

Apple prosegue la campagna acquisti volta a rafforzare Apple TV+, il suo servizio di contenuti in streaming lanciato lo scorso anno. Gli ultimi movimenti vengono segnalati da Variety e riguardano Chris Parnell, il quale pare aver lasciato la sua carica di co-presidente di Sony Pictures TV Studios per andare a ricoprire un ruolo altrettanto prestigioso all'interno del team di Apple TV+.

Secondo quanto riferito, Parnell si occuperà di seguire e sostenere lo sviluppo di nuove serie originali e riferirà direttamente a Matt Cherniss, a capo della programmazione e dello sviluppo delle sceneggiature in Apple. Insomma, si tratta di una figura di assoluto primo piano e carica di esperienza nel settore (ha trascorso ben 16 anni in Sony), grazie alla quale la casa di Cupertino potrebbe migliorare ulteriormente la sua offerta di contenuti originali.

Questa non è la prima volta che Apple assume personaggi chiave di Sony Pictures: nel 2017 era stato il turno di Jamie Ehrlicht e Zack Van Amburg.


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Perché Google paga miliardi di $ ad Apple

di HDblog.it

Google effettua annualmente ingenti pagamenti a favore di Apple, e lo fa per una buona ragione. La posta in ballo è fare in modo che il motore di ricerca della casa di Mountain View sia, per gli utenti del browser Safari, la soluzione predefinita per recuperare informazioni in rete. Tra le due aziende c'è un accordo che va avanti da anni e sul quale l'autorità Antitrust del Regno Unito sta indagando per valutare se e come questa posizione di favore, che Google conquista con ingenti esborsi, violi la normativa sulla concorrenza.

Risulta dal rapporto dell'Autorità che Google corrisponde ogni anno ad Apple la grande maggioranza degli 1,2 miliardi di sterline investiti per ottenere le cosiddette posizioni predefinite - cioè le somme di denaro grazie alle quali Google riesce piazzare il suo motore di ricerca come predefinito nei browser e nelle piattaforme digitali. Da sottolineare che le indagini dell'Antitrust si riferiscono solo alle somme pagate da Google per promuovere il motore di ricerca nel Regno Unito, ma verosimilmente importi simili vengono investiti negli altri mercati in cui la casa di Mountain View è attiva.

L'Antitrust teme che l'accordo Google-Apple possa penalizzare i gestori dei motori di ricerca concorrenti: l'accordo è stato infatti definito un significativo ostacolo all'ingresso di nuovi soggetti nel mercato e al rafforzamento della presenza di chi già prova a contrastare Google. Gli antagonisti non sono così numerosi - si possono citare, ad esempio, Bing gestito da Microsoft e DuckDuckGo - e si tratta di soggetti che potrebbero non essere in grado di rispondere con investimenti altrettanto rilevanti.


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Huawei MatePad arriva in Italia: a 329 euro con pennino incluso

di Nicolò D'Evangelista

Dopo averlo ufficializzato in Cina un paio di mesi fa, Huawei porta ufficialmente il suo nuovo MatePad nel mercato italiano, che per fascia di prezzo e utilizzo della penna sembra voler sfidare l’Ipad di Apple.(...)
Continua a leggere Huawei MatePad arriva in Italia: a 329 euro con pennino incluso su Androidiani.Com


© nicolodevangelista for Androidiani.com, 2020. | Permalink |

Tags del post: , , , ,

Apple Store USA, non ci sono le condizioni per tenere aperto: (ri)chiuso 1 negozio su 4

di HDblog.it

Tornano a chiudersi gli Apple Store negli Stati Uniti. Non si tratta di un numero esiguo, tutt'altro: ad abbassare le serrande sono oltre il 25% dei negozi, causa una diffusione del coronavirus che - oltreoceano - non sembra avere alcuna intenzione di attenuarsi. Ai 47 store già chiusi in precedenza se ne sono aggiunti ieri 30 in 7 Stati (Alabama, California, Georgia, Idaho, Louisiana, Nevada e Oklahoma).

La decisione presa da Apple non riguarda solamente questi casi: altri store ubicati negli USA non hanno ancora aperto fin dall'inizio della crisi sanitaria, e anche all'estero la situazione non sembra essere migliore. Negozi della Mela con le serrande giù si contano (nuovamente) in Australia e nel Regno Unito (l'ultimo caso è quello di Leicester).

Questo il comunicato che Apple ha rilasciato all'emittente americana CNBC:


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Google paga troppo Apple per il suo motore di ricerca

di Roberto F.
Dal Regno Unito arriva la notizia delle indagini condotte dalle autorità che regolano la concorrenza su un accordo di lunga data tra Google e Apple

Antitrust UK: l’accordo Apple-Google per i motori di ricerca è anticoncorrenziale

di Lucia Massaro
Apple e Google finiscono nuovamente sotto la lente di ingrandimento dell’Antitrust. Questa volta a muoversi sono i regolatori britannici che considerano l’accordo tra Google e Apple per l’impostazione dei motori di ricerca su Safari come una possibile barriera per i concorrenti quali Bing di Microsoft, Yahoo di Verizon e DuckDuckGo. In pratica, il colosso di […]

iPhone 12 Pro senza schermo a 120Hz

di HDblog.it

Gli iPhone 12 Pro non saranno equipaggiati con lo schermo a 120Hz: a sostenere l'ipotesi, andando contro i rumor diffusi alcuni giorni fa, è Ross Young, CEO di DSCC (Display Supply Chain Consultants). Il dirigente ha pubblicato un elenco di smartphone che già in commercio o in arrivo nel corso del 2020 che potranno beneficiare di uno scherno in grado di supportare una frequenza di aggiornamento pari o superiore ai 120Hz.

Young fa notare che gli iPhone 12 Pro non rientrano nella lista e che bisognerà attendere l'anno prossimo per vedere integrata questa funzionalità negli smartphone Apple. Sia il CEO di DSCC sia altre fonti hanno evidenziato in precedenza che ciò dipende dalla possibilità di utilizzare pannelli OLED con tecnologia LTPO che permettono di variare il refresh rate da 1 a 120Hz in base al contenuto. Apple potrà usare questi componenti non prima del 2021.

Tra gli smartphone 2020 con schermo a 120Hz non ancora annuciati ci sono i Note 20 e il Galaxy Fold 2 di Samsung, l'ASUS Rog Phone 3 e il Google Pixel 5.


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

La sfida fra Google Assistant e Siri si rinnova, ora su Android 10 e iOS 14

di Roberto F.
Cancellare la cronologia di Siri
Lo staff di In Depth Tech Reviews ha deciso di mettere alla prova Google Assistant e Apple Siri con iOS 14. Scopriamo come se la sono cavata

Apple: scatola più sottile per tutti gli iPhone (vecchi e nuovi), diremo addio agli accessori?

di Salvatore Lo Magno
Il solito, affidabile, analista Ming-Chi Kuo già a maggio aveva anticipato come nei piani di Apple ci fosse la rimozione delle cuffie auricolari EarPods dalla confezione dei nuovi iPhone, così da aumentare le vendite degli auricolari wireless AirPods. Sempre Ming-Chi […]

Il primo MacBook Pro con Display Retina entra nella lista dei prodotti obsoleti

di HDblog.it

Apple ha aggiornato la lista dei dispositivi considerati obsoleti, ovvero di quelli per i quali non viene più offerto alcun tipo di supporto per le riparazioni hardware. Come era lecito attendersi, l'ultima aggiunta alla lista è il primo MacBook Pro dotato di Display Retina, uscito nel lontano 2012 nell'unica variante da 15" (fatevi un tuffo nel passato riscoprendo l'articolo di presentazione del tempo!).

Questo significa che, qualora ne possediate ancora uno e vogliate fare un qualsiasi intervento hardware - inclusa la sostituzione della batteria -, dovete affidarvi a riparatori di terze parti che non utilizzano componenti ufficiali. Il MacBook Pro con Display Retina era già entrato a far parte della lista di dispositivi vintage nel 2018, quindi il suo passaggio nella categoria obsoleti era ampiamente previsto.

Vi ricordiamo che queste sono le due nomenclature utilizzate da Apple per classificare i terminali che sono usciti di produzione e che possono continuare a ricevere supporto (quelli vintage) o che non vengono più accettati dal servizio di assistenza di Cupertino (quelli obsoleti).


Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 429 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

iMac, un nuovo modello del 2020 potrebbe essere equipaggiato con un Intel Core i9-10910

di Antonello Buzzi
Nonostante i rumor circolanti da tempo, in occasione del recente evento Apple dedicato agli sviluppatori la società di Cupertino non ha mostrato alcun nuovo dispositivo della linea Mac, ad eccezione del Transition Kit che sarà impiegato da coloro che realizzano applicazioni destinate ai computer della mela morsicata per prendere confidenza con i nuovi processori Apple Silicon, CPU basate […]
❌