Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Oggi — 13 Dicembre 2018RSS feeds

5G, Fastweb accelera con Cellnex

di Filippo Vendrame

Fastweb accelera nel 5G e stringe un importante accordo di collaborazione con Cellnex, il principale operatore europeo di servizi e infrastrutture di telecomunicazioni wireless. L’obiettivo dell’intesa è quello di dare impulso alla realizzazione di una rete mobile di nuova generazione.

Leggi il resto dell’articolo

TIM e Qualcomm hanno realizzato la prima video chiamata europea in 5G sfruttando le onde millimetriche

di Lorenzo Spada
TIM 5G

Se pensavate che il 5G fosse in fase di sviluppo prevalentemente negli USA, in Cina (dove tra l’altro si sta già pensando al 6G) e in Corea del Sud, vi sbagliavate di grosso. TIM è in prima linea nello sviluppo delle reti di nuova generazione e, a dimostrazione di ciò, a Roma è stato aperto […]

L'articolo TIM e Qualcomm hanno realizzato la prima video chiamata europea in 5G sfruttando le onde millimetriche proviene da TuttoTech.net.

Ieri — 12 Dicembre 2018RSS feeds

iPhone: Apple progetta modem proprietari

di Marco Grigis

La contrapposizione tra Apple e Qualcomm potrebbe aver spinto il gruppo di Cupertino a investire sui modem proprietari. È quanto rende noto The Information, nel sottolineare come il gruppo sia già al lavoro per la progettazione di modem cellulari completamente progettati in-house, compatibili probabilmente con lo standard 5G e in arrivo sul mercato non prima del 2021.

Leggi il resto dell’articolo

OPPO presenta il prototipo 5G di OPPO Find X e continua la corsa verso il nuovo standard di rete

di Gerardo Orlandin

Durante la China Mobile Global Partner Conference 2018 svoltasi la scorsa settimana, OPPO ha svelato un nuovo prototipo di smartphone basato su OPPO Find X che vanta capacità 5G. Il prototipo monta lo Snapdragon 855 presentato da Qualcomm la scorsa settimana invece dello Snapdragon 845 presente sulla versione attuale di OPPO Find X e sfrutta il modem Snapdragon X50 integrato nel nuovo chipset per la connettività 5G.

L'articolo OPPO presenta il prototipo 5G di OPPO Find X e continua la corsa verso il nuovo standard di rete proviene da TuttoAndroid.

TIM e Qualcomm, prima videochiamata 5G in Europa

di Filippo Vendrame

Nuovo ed importante passo in avanti di TIM in ottica 5G. L’operatore ha annunciato di aver effettuato la prima videochiamata 5G standard in Europa su banda millimetrica grazie alla collaborazione di Qualcomm e la tecnologia di Ericsson. Questa dimostrazione è stata condotta a Roma in occasione dell’apertura del primo TIM Innovation Hub dedicato al 5G, alla presenza della sindaca di Roma Virginia Raggi, di Mario Di Mauro, Chief Strategy, Innovation & Customer Experience Officer di TIM, di Enrico Salvatori, Senior Vice President and President di Qualcomm EMEA, Elio Catania, Presidente di Confindustria Digitale ed altri esponenti del mondo industriale italiano e del settore ICT.

Leggi il resto dell’articolo

Xiaomi Mi MIX 3 ci mostra come cambierà la gestione dei dispositivi IoT con le reti 5G

di Irven Zanolla

Il portavoce di Xiaomi, Donovan Sung, ci mostra come cambierà la gestione dei dispositivi IoT grazie alle reti 5G, con l'aiuto di Xiaomi Mi MIX 3.

L'articolo Xiaomi Mi MIX 3 ci mostra come cambierà la gestione dei dispositivi IoT con le reti 5G proviene da TuttoAndroid.

Smartphone 5G di OnePlus a maggio 2019

di Luca Colantuoni

Il CEO Pete Lau aveva anticipato alcuni dettagli sullo smartphone 5G durante il Qualcomm Tech Summit. Il dirigente ha confermato i piani nel corso di un’intervista rilasciata a CNET, aggiungendo ulteriori informazioni sul dispositivo. Parlando invece con PCMag ha svelato l’eventuale arrivo di un modello con dimensioni inferiori.

Leggi il resto dell’articolo

TIM 5G, prima videochiamata a Roma e controllo remoto di un’auto a 700 km di distanza

di Dario D'Elia

Oggi a Roma Tim ha effettuato la prima videochiamata 5G in Europa su banda millimetrica sfruttando tecnologie Qualcomm ed Ericsson, nel rispetto degli standard ormai certificati a livello internazionale. Il test è stato realizzato in occasione dell’apertura nella capitale del primo TIM Innovation Hub dedicato al 5G.

“In particolare, la videochiamata 5G è stata effettuata su banda millimetrica nella cosiddetta modalità ‘new radio’ grazie ad un prototipo di terminale supportato dal modem 5G Qualcomm Snapdragon X50 ed avvalendosi delle componenti di rete messe a disposizione da Ericsson”, puntualizza l’operatore. “Si tratta di una nuova pietra miliare nel percorso che porterà all’uso commerciale della tecnologia 5G mmWave in Europa in tempi brevi”.

L’evento è stato occasione anche per svelare i primi smartphone compatibili con il 5G e le prime soluzioni e servizi della nuova rete mobile. Fra queste l’auto a guida remota, la visita a distanza di musei ed opere d’arte grazie alla realtà virtuale, il controllo a distanza di robot industriali, sistemi per il controllo tattile remotizzato, videogiochi interattivi multiplayer in realtà aumentata.

Per quanto riguarda l’auto a controllo remoto, si è andati oltre la demo di qualche mese fa. Oggi il pilota sedeva a Roma e l’auto si muoveva presso il spazi esterni del centro innovazione TIM Open Air Lab di Torino – a circa 700 km di distanza.

“Questa applicazione dimostra come il 5G sarà presto una tecnologia dirompente per l’intero sistema dei trasporti, in grado non solo di abilitare il trasporto autonomo controllato a distanza, ma anche di gestire intere flotte di veicoli con una modalità più efficiente”, spiega TIM.

Il nuovo 5G TIM Innovation Hub di Roma è uno spazio che intende attrarre l’intero ecosistema di imprese, startup, centri R&D e altri attori interessati all’evoluzione digitale, proponendosi come riferimento di eccellenza in Italia per lo sviluppo e la sperimentazione di servizi e soluzioni innovative basate sulla nuova tecnologia 5G. Fra i partner Nokia, Samsung, LG, Sony, Xiaomi e ZTE alcuni dei quali  hanno presentato prototipi di smartphone 5G e modem per servizi di Fixed Wireless Access 5G.

“Quando abbiamo cominciato a definire la strategia e i piani di sviluppo del 5G, ci siamo subito resi conto che una sfida così imponente non poteva essere affrontata senza il supporto di una ampia schiera di partner impegnati con lo stesso obiettivo, per questo abbiamo proposto a Qualcomm di predisporre insieme a noi un luogo dove immaginare e realizzare i nuovi servizi 5G, nel quale ogni idea di business potesse trovare una rapida concretizzazione grazie al supporto di player internazionali leader della tecnologia e start-up innovative dell’ecosistema locale e nazionale”, ha dichiarato Mario Di Mauro, Chief Strategy, Innovation & Customer Experience Officer di TIM.

“Qualcomm è davvero entusiasta di essere parte di questa iniziativa e ci complimentiamo con TIM per l’importante traguardo raggiunto in così poco tempo con l’Hub. La demo di oggi che mostra il primo prototipo di smartphone 5G mmWave supportato da Qualcomm Snapdragon X50 e connesso alla rete Radio Access 5G di Ericsson è un chiaro esempio di innovazione nata dall’impegno comune di molteplici attori chiave del settore”, ha commentato Salvatori. “Siamo lieti di essere parte di questo progetto, contribuendo con un ruolo attivo a rendere il 5G una realtà commerciale in Italia nel 2019 e contestualmente concretizzare la visione dell’Hub. Il 5G rappresenta molto più di nuovi dispositivi e smartphone e contribuirà a dar vita a innumerevoli opportunità di crescita in molti nuovi settori. L’Hub offre a TIM una solida piattaforma per estendere i benefici del 5G a un ampio spettro di nuovi clienti e mercati”.

L'articolo TIM 5G, prima videochiamata a Roma e controllo remoto di un’auto a 700 km di distanza proviene da Tom's Hardware.

Il primo smartphone 5G di OnePlus arriverà entro maggio, parola di Pete Lau

di Pietro Paolucci

Pete Lau annuncia che il primo smartphone 5G di OnePlus arriverà prima della fine di maggio 2019. Oltre a questo, il CEO della società cinese promette pure di avere l'obiettivo di contenere i costi il più possibile, seppur siano ovvi dei sovrapprezzi dovuti al supporto della nuova tecnologia.

L'articolo Il primo smartphone 5G di OnePlus arriverà entro maggio, parola di Pete Lau proviene da TuttoAndroid.

Meno recentiRSS feeds

Vodafone accende a Milano la prima rete 5G

di Filippo Vendrame

Vodafone fa un nuovo ed importante passo in avanti in ottica 5G. L’operatore, infatti, ha annunciato di aver acceso a Milano la prima rete 5G d’Italia. Ad un anno esatto dall’avvio della sperimentazione, la copertura della rete di quinta generazione ha raggiunto l’80% della popolazione di Milano. Sono ben 120 i siti 5G all’interno dell’area della capitale lombarda. Con un investimento complessivo di più di 90 milioni di euro, Vodafone è capofila della sperimentazione a Milano promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e sta lavorando con 38 partner industriali e istituzionali per realizzare 41 progetti nei seguenti ambiti: sanità e benessere, sicurezza e sorveglianza, smart energy e smart city, mobilità e trasporti, manifattura e industria 4.0, education e entertainment, digital divide.

Leggi il resto dell’articolo

Vodafone: accesa a Milano la prima rete 5G italiana. 120 siti attivi e copertura dell’80% della popolazione

di Dario D'Elia

Vodafone oggi ha “acceso” la prima rete 5G d’Italia, presentando contestualmente anche i progetti correlati nell’ambito della sperimentazione di Milano e area metropolitana. Si parla di 120 siti radiomobili già attivi e una copertura dell’80% della popolazione.

“Milano da oggi è la prima città in Italia con una rete 5G e diventa a pieno titolo la capitale europea del 5G”, ha dichiarato Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone Italia. “La sperimentazione di Milano, che ha catalizzato gli investimenti di importanti realtà nazionali e internazionali, ha confermato l’effetto dirompente del 5G che ridisegnerà tutte le filiere industriali, aprirà nuove opportunità di internazionalizzazione per le imprese italiane, e inciderà sul benessere delle comunità.  Il 5G sarà la base essenziale per creare vera innovazione sociale nelle città: siamo partiti da Milano, da gennaio inizieremo la copertura delle principali città italiane, entro il 2019 completeremo le prime 5 città”.

Vodafone ha previsto un investimento complessivo di 90 milioni di euro per il progetto milanese 5G, inoltre ha già coinvolto 38 partner industriali e istituzionali per realizzare 41 progetti nei settori “sanità e benessere, sicurezza e sorveglianza, smart energy e smart city, mobilità e trasporti, manifattura e industria 4.0, education e entertainment, digital divide”.

30 dei 41 progetti sono già partiti e oggi sono stati svelati in sede di presentazione stampa. Si parla di Cittadino 4.0, Ambulanza connessa, Wearable in ambito sportivo, Sicurezza urbana e dei passeggeri nelle stazioni, Telecamere mobili per la video-sorveglianza, Droni per riprese aeree di sicurezza, Logistica dell’ultimo miglio, Servizi giornalistici di nuova generazione, Turista 4.0. A questi vanno aggiunti quelli già svelati qualche mese fa: Robotica riabilitativa, Internet of Things per la telemedicina, Robotica collaborativa per l’Industria 4.0, Esperienza di acquisto tramite realtà aumentata, Lezioni 4.0 e Apprendimento immersivo.

“I nuovi servizi 5G sono rimasti disponibili per il pubblico presso il Piccolo Teatro di Milano, Chiostro Nina Vinchi, durante il pomeriggio dell’11 dicembre e saranno a disposizione dei cittadini per tutta la giornata di mercoledì 12 dicembre”, puntualizza l’operatore.

I partner della sperimentazione

Il Politecnico di Milano è partner strategico della sperimentazione, impegnato insieme a Vodafone nello sviluppo di circa metà dei servizi 5G. Collaborano al progetto altri due centri di ricerca e università italiane (IIT e CNIT), importanti partner tecnologici (Huawei, Nokia, Qualcomm, Altran, IBM,  Exprivia|Italtel, Prisma Telecom Testing, SIAE Microelettronica), leader di settore in vari ambiti industriali (ABB, FCA, Magneti Marelli, Pirelli, Vodafone Automotive, ENI Fuel, FS Italiane, Poste Italiane, Sky Italia, Esselunga), due primari ospedali italiani (Humanitas e IRCSS Ospedale San Raffaele), alcune eccellenti startup e piccole imprese innovative (L.I.F.E., e-Novia, Movendo Technology, Intellitronika, TIE). Senza contare alcune istituzioni locali, aziende municipalizzate e altre imprese: Regione Lombardia, Polizia Locale di Milano, AMAT, ATM, ACI Vallelunga, Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano, Touring Club Italiano, CREA, AWS e Siemens. È stata inoltre realizzata una cabina di regia della sperimentazione che coinvolge il Comune di Milano e la Città Metropolitana di Milano.

Da rilevare che grazie al bando “Action for 5G” Vodafone ha attivato un investimento da 10 milioni di euro che sarà impiegato per finanziare progetti di startup, PMI e imprese sociali dedicati a robotica, sensoristica, dispositivi connessi di Realtà Aumentata e Realtà Virtuale. La raccolta delle candidature per il secondo di quattro bandi annuali, promossi da Vodafone in collaborazione con l’incubatore del Politecnico di Milano PoliHub, sono aperte fino al 31 gennaio 2019 attraverso il sito Actionfor5G.it.

Infine bisogna ricordare che è stato inaugurato a Milano il Vodafone Lab, una struttura aperta alle startup e ai partner della sperimentazione 5G.

L'articolo Vodafone: accesa a Milano la prima rete 5G italiana. 120 siti attivi e copertura dell’80% della popolazione proviene da Tom's Hardware.

T-Mobile sperimenta il 5G in Europa

di Antonino Caffo

Il lancio di una nuova rete 5G non è semplice, richiede aggiornamenti per le torri cellulari, approvazioni normative e dispositivi ad-hoc. Lo sa bene T-Mobile, telco che vuole giocare un ruolo di primo piano nella fruizione 5G negli USA ma che ha in mente anche di rafforzare la sua presenza in Europa.

Leggi il resto dell’articolo

Vodafone, tombini con antenna 4G per migliorare la copertura nel Regno Unito

di Dario D'Elia

Vodafone sta sperimentando presso il suo quartier generale di Newbury (Berkshire, Regno Unito) i suoi primi tombini con antenna 4G integrata. Si tratta di una strategia poco invasiva che consentirebbe di incrementare la copertura dei servizi mobili soprattutto nelle aree urbane più affollate. La prospettiva è che possa essere d’aiuto anche in ottica 5G. Vodafone ricorda comunque che già oggi sta impiegando modalità alternative di infrastrutturazione: dai lampioni alle cabine telefoniche.

“Le antenne di copertura del pozzetto possono essere installate con il minimo disturbo per i cittadini – senza lavori stradali o costruzioni – e senza modificare l’aspetto dell’area, poiché il kit è sotto terra”, spiega Vodafone UK. “Sono collegati utilizzando la rete convergente ad alta velocità interamente in fibra Vodafone in tutto il Regno Unito, che supporta anche altre tecnologie mobili, banda larga domestica, Internet of Things (IoT) e servizi aziendali”.

Vodafone per ora sta sperimentando due tipi di approcci. Il primo è un vero e proprio tombino con antenna integrata, il secondo invece prevede di agganciare a uno esistente un’apparecchiatura specifica. Il consumo energetico è ridotto al minimo indispensabile mentre il raggio di copertura massimo teorico è di 200 metri.

“Newbury rappresenta comunque solo un punto di partenza, poiché i tombini potrebbero essere impiegati da tutti i fornitori di servizi pubblici in futuro. “Stiamo già installando piccole antenne 4G sui tetti delle tradizionali cabine telefoniche, a partire da Princes Street, Edimburgo – una destinazione commerciale e turistica molto frequentata – in tempo per le celebrazioni Hogmanay”, ha aggiunto Vodafone.

“Usare le cabine telefoniche per alloggiare le antenne è un altro ottimo modo per aumentare la velocità e la capacità di un segnale 4G a livello stradale. È anche utile per estendere 4G in aree di straordinaria bellezza e luoghi remoti dove è difficile installare un traliccio mobile poiché richiede un collegamento di alimentazione e di cavi in ​​fibra ottica”.

Per Nick Jeffery, AD di Vodafone UK, anche questo è un modo di estendere i servizi 4G nelle aree difficili e renderle pronte alla 5G.

L'articolo Vodafone, tombini con antenna 4G per migliorare la copertura nel Regno Unito proviene da Tom's Hardware.

Vodafone presenta i progetti 5G che rivoluzioneranno Milano nel 2019

di Irven Zanolla

Vodafone presenta i progetti 5G che cambieranno il modo di vivere Milano, dove la copertura al 100% arriverà nei prossimi mesi.

L'articolo Vodafone presenta i progetti 5G che rivoluzioneranno Milano nel 2019 proviene da TuttoAndroid.

Xiaomi svela la versione 5G del Mi MIX 3

di Luca Colantuoni

Il 2019 di Xiaomi si aprirà con due interessanti novità. Il produttore cinese annuncerà infatti uno smartphone con fotocamera posteriore da 48 megapixel e la versione 5G del Mi MIX 3. Quest’ultima è stata mostrata durante la China Mobile Global Partner Conference organizzata a Guangzhou.

Leggi il resto dell’articolo

La prima Smart City d’Italia è Cagliari

di Lorenzo Spada
Smart City

Molto spesso ci riferiamo alle reti 5G come lo strumento definitivo per proiettare le nostre città nel futuro (Smart City), con tutta la gestione del traffico, dei semafori, delle auto a guida autonoma, delle luci e della sicurezza passante attraverso il 5G. Tuttavia, ciò che non pensiamo mai è ai computer che sfrutteranno tali dati […]

L'articolo La prima Smart City d’Italia è Cagliari proviene da TuttoTech.net.

Xiaomi ha mostrato la versione 5G di Mi Mix 3

di Giovanni Pardo

Xiaomi mostra durante una demo l'aumento della velocità di download ottenibile grazie al modem 5G integrato in una versione speciale di Mi Mix 3.

L'articolo Xiaomi ha mostrato la versione 5G di Mi Mix 3 proviene da TuttoAndroid.

5G Italy: serve la convergenza degli investimenti

di Giacomo Barbieri

La terza e ultima giornata di 5G Italy chiude il cerchio mettendo a terra proposte per il coordinamento dell’ecosistema che si andrà a creare a partire dal prossimo anno. Il settore che più di tutti vedrà rivoluzionato il proprio ecosistema è quello automobilistico, che attraversa un periodo di profonda trasformazione, grazie all’introduzione di tecnologie innovative e alla connettività sempre più capillare.

Leggi il resto dell’articolo

Huawei rischia di perdere il business 5G in Europa per la paura di spionaggio

di Roberto F.

I timori statunitensi secondo cui Huawei potrebbe consentire operazioni di spionaggio da parte della Cina sembrano essere condivisi anche in Europa

L'articolo Huawei rischia di perdere il business 5G in Europa per la paura di spionaggio proviene da TuttoAndroid.

Samsung al lavoro su una rete 5G per le auto

di Antonino Caffo

Samsung sta collaborando con la Korea Transportation Safety Authority (KOTSA) per sviluppare un’infrastruttura di rete mobile per veicoli autonomi, presso l’impianto K-City di recente apertura. K-City, per chi non lo sapesse, è una delle numerose città fantasma sorte come aree di test per le ultime tecnologie in ambito smart city. L’azienda madre di Google, Alphabet, lo scorso anno ha portato qui dentro Castle, un hub di sperimentazione dedicato alla sussidiaria Waymo, che ha lanciato il suo primo servizio di auto a guida autonoma a Phoenix. Esperimenti di città simili, ad esempio in Russia, sono già noti per aver permesso a Yandex di testare automobili senza pilota, a Innopolis, già nel 2012.

Leggi il resto dell’articolo

❌