Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Come vengono fabbricate le schede video

di Aggregator

Vi siete mai chiesti da dove viene la vostra scheda grafica? È probabile che sia fatta in Cina, in una fabbrica come quella di PCPartner, azienda che possiede Zotac e si occupa appunto di produrre le schede video e altri componenti hardware per HP, Dell, Acer e Fujitsu.

La tecnica di produzione usata per assemblare queste schede è chiamata SMT, che sta per Surface-Mount Technology. Questo sistema mostra che l’efficienza è la direttiva primaria in un impianto come questo. La pasta saldante è stata applicata alle aree della scheda dove i componenti saranno montati per semplificare e velocizzare il processo di assemblaggio.

I robot possono essere bravi a fare un certo tipo di lavoro, ma ci vuole ancora un occhio umano per controllare il risultato finale. È stata applicata una saldatura troppo sottile? C’è una piccola quantità di pasta dove non deve esserci? I lavoratori controllano ogni singola scheda per scovare questi problemi e correggerli, se necessario. Dopotutto, non si desidera bruciare una scheda solo perché qualche saldatura errata ha attraversato alcuni fili. Infine, le schede sono prese e trasportate alla linea di assemblaggio successive per gli ultimi ritocchi e alcuni test.

[adv1]

Vengono testate tutte le uscite delle schede, poi viene avviato Windows per assicurarsi che la scheda funzioni come dovrebbe. Poi viene effettuato 3DMark 2006. Ognuna di queste stazioni è composta da almeno quattro persone, con ognuna che controlla 3-4 schede in parallelo. Poiché alcuni di questi test possono richiedere tra 6 e 8 minuti, alcuni passaggi di convalida hanno due di queste file dedicate.
In caso di errore, la scheda viene rimandata indietro, controllata di nuovo e riparata, se possibile.

Fonte

Caratteristiche e nuove funzioni Android Ice Cream Sandwich 4.0

di Aggregator

Android 4.0 Ice Cream Sandwich costituisce un passo importantissimo per Android forse ancor più lungo del passo che c’è stato da Froyo a Gingerbread. La prima caratteristica di Ice Cream Sandwich ci viene rivelata da Kevin Packingham, SVP di Samsung, il quale ci comunica che Android 4.0 è stato progettato per la risoluzione nativa a 1280 x 720p.

FACE UNLOCK

Ora potremmo interagire con il nostro telefono non solo con le mani ma anche attraverso la fotocamera, la quale sarà in grado di riconosce il volto del proprietario e sbloccarsi di conseguenza. Il tutto funziona tramite la fotocamera frontale.

ROBOTO

Roboto rappresenta la nuova interfaccia di Ice Cream Sandwich, legata ad una vera e propria nuova filosofia che fa dell’essenziale il suo punto di forza.
Roboto caratterizzerà tutto il sistema operativo e soprattutto il nuovo Galaxy Nexus, grazie alla nuova gestione dei tasti touch, le scorciatoie tramite gesture, il nuovo design geometrico e minimale.

SCREENSHOT

Android Ice Cream Sandwich è in grado di catturare screenshots nativamente, tenendo premuti contemporaneamente i tasti Volume giù + Power. Trattasi di una feature interessante che non era mai stata implementata in Android. Gli utenti fino ad ora potevano ugualmente catturarli, solo che avevano bisogno dei permessi di root per farlo. Ora invece il tutto è nativo.

LOCKSCREEN

Il lockscreen è stato ulteriormente migliorato, con la possibilità stavolta di aprire la barra delle notifiche anche con blocco schermo attivo. Dalla schermata del lockscreen è possibile sbloccare il terminale oppure selezionare l’applicazione fotocamera.

BROWSER

Il browser è tutto nuovo, dalla struttura all’interfaccia, per finire con l’integrazione completa con Chrome in versione desktop, con il quale finalmente si sincronizzano le informazioni, tra cui anche i segnalibri.
Potremmo beneficiare della funzione request desktop site per disattivare la versione mobile del sito. Possibilità di aprire fino a 16 schede contemporaneamente e vedere l’anteprima nel nuovo tab browser oltre che poter salvare le pagine web offline con un semplice tap del dito.

GMAIL

Quasi tutte le applicazioni Google sono state ridisegnate e riviste, tra queste pure Gmail. A disposizione ci sarà una nuova barra delle applicazioni con ben due file per le anteprime delle conversazioni o e-mail. E’ facilissimo passare da una conversazione all’altra grazie alla nuova gesture infatti basta scorrere il dito intuitivamente. Inoltre si cercherà di legare ad ogni indirizzo mail un avatar, in modo che si possa comunicare con persone e non con indirizzi e-mail il più delle volte anonimi. La ricerca online rimane sempre un punto di forza del client Google, ma sarà possibile anche eseguirla offline con Ice cream Sandwich.

MONITOR TRAFFICO DATI

Finalmente con android 4.0 potremmo gestire nativamente il traffico dati di ogni singola applicazione, limitandone il download con delle semplici regole o limiti. Per esempio potremmo impostare facebook per l’utilizzo solo con rete wi-fi in modo da risparmiare il credito delle nostre prepagate o abbonamenti.

FOTOCAMERA E FOTO-EDITING

Con Android Ice cream sandwich si è puntato molto anche alla parte multimediale, quindi a tutto l’ecosistema delle foto e dei video. Oltre a poter beneficiare di scorciatorie già nella homescreen, la fotocamera ora presenta delle funzioni avanzate, come messa a fuoco spot su un punto a nostro piacere, esposizione, riconoscimento facciale in real time e molto altro ancora. In aggiunta potremmo modificare a nostro piacimento le foto con alcune funzione integrate di foto editing, come la rotazione, il ritaglio dell’immagine e l’implementazione di particolari filtri.

VIDEOCAMERA

Android 4.0 supporta la registrazione di video in full HD come mostrato con il Galaxy Nexus. Durante la cattura delle immagini potremmo impostare in diretta lo zoom digitale oltre a poter attivare la messa a fuoco continua. Mentre giriamo un video si potrà catturare anche un’immagine grazie al supporto al time lapse.

[adv1]

PEOPLE

People è una nuova app integrata nel sistema che ci mostra una griglia fotografica in cui vengono visualizzate diverse persone. Cliccando su una di esse si potrà conoscere diverse informazioni dell’utente, tra cui le informazioni sugli account Google plus o Facebook.

ANDROID BEAM

Quasi tutti conosciamo Bump, il servizio di terze parti cross platform che permette lo scambio di file e informazioni tramite scuotimento dei dispositivi. Android Beam è praticamente uguale, anche se integrato nel sistema operativo e attivabile mettendo due dispositivi android 4.0 frontalmente, schermo contro schermo. Rispetto a Bump però i contenuti condivisibili sono ben maggiori, come video, biglietti da visita, pagine web, documenti, giochi e molto altro.

RICEZIONE CHIAMATE

Swipe integrato per le telefonate in arrivo. Praticamente, durante una chiamata in arrivo, potremmo scorrere il dito a schermo e far partire una nostra registrazione o un messaggio vocale pre-impostato in precedenza.
Una segreteria telefonica avanzata gestibile sia automaticamente che manualmente dall’utente.

Fonte

Snackbot, il robot che consegna snack e bevande

di Candido Romano

Un robot che porta gli snack agli studenti è stato annunciato da PepsiCo che, con poca fantasia, è stato battezzato snackbot. Sarà una flotta di piccoli facchini robotici che consegneranno i prodotti nel campus della University of the Pacific, in California. I prodotti faranno parte di Hello Goodness, detenuta proprio da PepsiCo, una selezione curata dei “migliori” snack made in Pepsi.

Leggi il resto dell’articolo

Alla scoperta di Ecovacs Ozmo 960

di Antonino Caffo

Gli aspirapolvere robot dovrebbero semplificarci la vita, ma un problema comune è che per usarli correttamente, gli ambienti devono essere pronti e preparati. In che senso? riordinare le sedie, togliere di mezzo cavi e fili e possibili elementi che, se di intralcio al passaggio del piccolo aiutante, possono creare problemi concreti. Ecovacs è arrivato a CES 2019 con una possibile soluzione: Deebot Ozmo 960.

Leggi il resto dell’articolo

Alexa pulisce la casa con iRobot Roomba

di Filippo Vendrame

Alexa è pronta a pulire la casa assieme ai robot aspirapolvere iRobot Roomba. Il produttore americano specializzato in prodotti per la domotica ha confermato la disponibilità del supporto di Alexa in lingua italiana che permetterà alle persone di controllare alcuni modelli dei robot aspirapolvere solamente con l’utilizzo della voce. Trattasi di una novità molto importante che rende i Roomba di iRobot ancora più smart. La compatibilità arriva sotto forma del rilascio della Skill “iRobot Home” per Alexa per gli utenti italiani. Le Skill sono piccole app che permettono di aumentare le funzionalità dell’assistente vocale di Amazon.

Leggi il resto dell’articolo

Robot insegnanti, ecco la e.Do Experience

di Marco Locatelli

I robot non potranno mai completamente sostituire gli esseri umani, ma possono sicuramente dare loro una grande mano in tantissime attività, anche l’insegnamento. Imparare in modo nuovo, interattivo e creativo, affiancati da un robot: questa la filosofia di e.DO Experience, la piattaforma educativa progettata da Comau Academy e disponibile a partire da gennaio 2019, che utilizza il robot e.DO per promuovere un approccio non-convenzionale e stimolante alla didattica, scolastica ed extra-scolastica.

Leggi il resto dell’articolo

Amazon lancia l’evento re:MARS: focus sull’IA

di Filippo Vendrame

Amazon ha annunciato re:MARS, un nuovo evento globale dedicato all’Intelligenza Artificiale per il Machine Learning, l’Automazione, la Robotica e lo Spazio. Negli ultimi due anni, l’amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha organizzato un evento annuale privato, conosciuto come “MARS”, in cui miliardari, astronauti e tante altre personalità hanno discusso del futuro della tecnologia. Adesso, quell’evento si sta trasformando in una conferenza pubblica.

Leggi il resto dell’articolo

Micro robot per farmaci solo sui tessuti malati

di Candido Romano

Ci sono diversi modi in cui vengono somministrati i farmaci: tradizionalmente per via orale o con una iniezione. C’è però uno scenario futuristico in cui il paziente potrà ingerite una sorta di piccoli robot che saranno in grado di “consegnare” i farmaci direttamente nelle zone interessate, difficili da raggiungere. Si tratta di una ricerca delll’Ecole polytechnique fédérale de Lausanne (EPFL) e del Politecnico federale di Zurigo (ETH), che hanno creato dei piccoli robot ispirati ai batteri.

Leggi il resto dell’articolo

Amazon Robotic Tech Vest, protezione dai robot

di Filippo Vendrame

Molti dipendenti di Amazon che lavorano all’interno dei magazzini possono dover operare in ambienti dove sono presenti robot. Per garantire la massima sicurezza ai lavoratori che lavorano a stretto contatto con macchine automatizzate, Amazon ha iniziato a testare all’interno di alcuni dei suoi siti la “Robotic Tech Vest“. Trattasi di una sorta di veste composta da delle bretelle e da una cintura ricca di sensori che permetterà ai dipendenti di farsi riconoscere dai robot. In questo modo, individuando le persone, i robot di Amazon rallenteranno ed eviteranno di scontrasi in qualche modo con loro, salvaguardando la loro sicurezza.

Leggi il resto dell’articolo

Leonardo, il robot che cammina, salta e vola

di Candido Romano

Di solito i robot camminano oppure riescono a volare, come i droni: Leonardo, il nuovo robot sviluppato dai ricercatori della Northeastern University, può fare tutte e due le cose. Camminare sulle due sottili gambe, ma anche saltare e volare per brevi distanze con l’obiettivo di evitare gli ostacoli che si parano davanti al suo percorso.

Leggi il resto dell’articolo

Robot umanoidi in aiuto negli ospedali

di Marco Locatelli

Negli ospedali italiani sta per arrivare un aiuto robotico, anzi due. Loro si chiamano Pepper e R1, e sono due robot dall’aspetto umanoide che daranno una mano al personale sanitario.

Leggi il resto dell’articolo

Amazon Scout, il robot corriere di Amazon

di Filippo Vendrame

Amazon pensa che in futuro gli ordini potranno essere consegnati ai clienti attraverso un sorta di corriere robot completamente automatizzato. La società di Jeff Bezos ha iniziato a testare Amazon Scout, un vero e proprio corriere robot pensato per sostituire il corriere umano nella consegna dei prodotti al cliente finale. Questo curioso robot dispone di dimensioni di un piccolo frigo ed è dotato di un piccolo scompartimento e di 6 ruote per muoversi agevolmente lungo i marciapiedi delle città.

Leggi il resto dell’articolo

Dall’Italia la pianta-robot che si arrampica

di Marco Locatelli

Arriva dall’Italia il primo robot in grado di simulare il comportamento di una pianta rampicante e avvolgendosi di fatto attorno ad un supporto.

Leggi il resto dell’articolo

iRobot svela Terra, la falciatrice connessa

di Antonino Caffo

L’anticipazione sarà in Germania, poi anche nel resto d’Europa, Italia compresa. iRobot ha presentato il tagliaerba Terra, uno dei primi esemplari del genere dedicati alla massa.

Leggi il resto dell’articolo

Dal MIT il robot che gioca a Jenga

di Marco Locatelli

Che si tratti di impilare gli scaffali al supermercato o di pulire casa i robot stanno entrando in modo sempre più significativo nella vita di tutti i giorni. Di recente gli ingegneri del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno sviluppato un robot capace di svolgere un ruolo apparentemente inutile, ma che dimostra le grandi capacità cognitive di queste macchine: giocare a Jenga.

Leggi il resto dell’articolo

iRobot presenta Roomba i7+

di Antonino Caffo

Roomba i7+, la più recente ammiraglia di iRobot sta per arrivare in Italia. L’aspirapolvere è ancora rotonda, ha ancora il pulsante CLEAN sulla parte superiore del case e continua ad avere un unico obiettivo: pulire casa.

Leggi il resto dell’articolo

Ecovacs Robotics presenta Deebot Pro930

di Antonino Caffo

La critica di tutti i robot aspirapolvere che sono in commercio è fondamentalmente la stessa: per tappezzeria, angoli, soffitti e altre aree difficili da raggiungere è ancora necessario un modello “normale”. Ecovacs tenta di invertire la rotta degli esemplari autonomi moderni con il Deebot PRO930, dotato di molteplici punti di interesse.

Leggi il resto dell’articolo

L’artista robot che disegna ritratti

di Candido Romano

Un robot dalle sembianze umane e dotato di intelligenza artificiale il prossimo maggio disegnerà ritratti all’Università di Oxford. Alcuni ricercatori alla britannica Engineered Arts stanno attualmente lavorando con una galleria d’arte inglese per creare il primo vero artista robot, con concrete abilità nel disegno.

Leggi il resto dell’articolo

Good Ship IKEA, la barchetta che ripulisce i fiumi

di Matteo Tontini

Si chiama Good Ship IKEA ed è, sostanzialmente, una barca telecomandata che elimina i rifiuti dall’acqua: si tratta dell’ultimo sforzo dell’azienda svedese per contribuire al benessere ambientale e alla battaglia contro l’inquinamento.

Leggi il resto dell’articolo

Sphero RVR: robot compatibile con Raspberry Pi

di Francesco Ciannamea

Sphero, azienda di giocattoli con sede in Colorado, ha avuto successo creando robot di forma sferica, controllabili da smartphone. Per il suo prossimo lancio sta seguendo una strategia diversa per la vendita al dettaglio: una campagna Kickstarter.

(...)
Continua a leggere Sphero RVR: robot compatibile con Raspberry Pi su Androidiani.Com


© francescociannamea for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

❌