Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

1,4 mln di credenziali Libero Mail e Virgilio Mail rubate da uno studente

di Dario D'Elia
Le credenziali di accesso di 1.400.000 utenti dei servizi Libero Mail e di Virgilio Mail sono state sottratte da un ventiquattrenne pirata informatico del milanese. Il Corriere della Sera oggi racconta che solo al secondo tentativo i carabinieri sono riusciti a bloccarlo: se ne stava comodo in un bar nei pressi degli uffici di Italiaonline […]

Denuncia Apple per 1 mld di dollari e fa emergere un (presunto) segreto degli Apple Store

di Dario D'Elia
Un giovane studente newyorchese ha denunciato Apple per 1 miliardo di dollari di danni, a seguito di un errore giudiziario generato dal sistema di riconoscimento facciale che presumibilmente l’azienda impiega nei suoi negozi. L’intera vicenda ha un che di bizzarro e di preoccupante. Tutto è iniziato a maggio 2018, come racconta CNET, quando il diciottenne […]

OK del Parlamento UE al più grande database biometrico europeo, a un anno dal GDPR

di Alessandro Crea
Il Parlamento UE ha dato il via libera necessario affinché divenga realtà il più grande database di dati biometrici dell’Unione europea. Il sistema, che unificherà gli attuali sistemi per il controllo delle frontiere esistenti nei singoli Paesi e consentirà un controllo molto più capillare anche tramite l’incrocio dei dati, è presentato come un avanzamento per […]

Instagram, le password esposte potrebbero essere milioni

di Alessandro Crea
Ormai non passa giorno senza che ci sia almeno una nuova notizia di problemi sulla gestione dei dati sensibili riguardante Facebook come gruppo. Oggi ad esempio tocca a Instagram, il social network visuale di proprietà dell’azienda di Mark Zuckerberg. La settimana scorsa era emerso infatti che inavvertitamente sui server aziendali erano state salvate password in […]

Facebook ha raccolto i contatti email di 1,5 milioni di persone senza permesso

di Gerardo Orlandin

Secondo un rapporto di Business Insider di ieri, Facebook ha confermato di aver caricato involontariamente gli indirizzi email di oltre 1,5 milioni di utenti senza la loro autorizzazione al momento dell'iscrizione al servizio a partire da maggio 2016. La società ha inoltre specificato che questi contatti non sono stati condivisi con nessuno e li sta eliminando, oltre a informare le persone coinvolte i cui contatti sono stati importati.

L'articolo Facebook ha raccolto i contatti email di 1,5 milioni di persone senza permesso proviene da TuttoAndroid.

Facebook: ops, abbiamo registrato 1,5 mln di vostri account mail e password

di Dario D'Elia
Facebook ha inavvertitamente archiviato indirizzi mail e password di 1,5 milioni di utenti. Sì, non si parla degli account dei profili Facebook ma proprio le mail personali e le password, per accedervi, di milioni di persone. Il noto social network ha confermato a Business Insider che la vicenda esplosa due settimane fa è più grande […]

“Porn block” dal 15 luglio 2019 nel Regno Unito, la svolta

di Dario D'Elia
Il governo britannico ha confermato che il cosiddetto “porn block”, la norma che introduce la verifica dell’età per i siti pornografici, entrerà in vigore a partire dal 15 luglio 2019. Verrà di fatto imposto a tutti i siti del settore di adottare tecnologie o strumenti di altro genere per verificare la maggiore età dei loro […]

Con Chrome 75 i siti web non sapranno quando stiamo navigando in Modalità Incognito

di Lorenzo Spada
Google Chrome 75

Attraverso le nuove Filesystem API introdotte da Google sul browser web Chrome, i siti web non sono in grado di rilevare quando si naviga in Modalità Incognito. Seppur questa flag al momento non funziona, sulla nuova versione Canary di Chrome 75 risulta essere funzionante (insieme ad altre novità legate alla sicurezza). Nella modalità di navigazione […]

L'articolo Con Chrome 75 i siti web non sapranno quando stiamo navigando in Modalità Incognito proviene da TuttoTech.net.

Accesso civico e tutela dei dati personali

di Alessandro Crea
Un’Azienda Sanitaria si è di recente rivolta al Garante della Privacy per chiarire se sia possibile per un cittadino richiedere documenti sanitari di pazienti, anche deceduti, con lo strumento dell’accesso civico. Il D.lgs. 33/2013 disciplina l’istituto dell’accesso civico, ovvero lo strumento attraverso il quale trova applicazione il diritto riconosciuto a chiunque di richiedere documenti, informazioni […]

Amazon ascolta i discorsi degli utenti per insegnare ad Alexa a migliorarsi

di Gerardo Orlandin

Secondo un rapporto di Bloomberg, Amazon impiega migliaia di lavoratori in tutto il mondo che ascoltano le conversazioni tra Alexa e i suoi utenti. I team trascrivono le registrazioni delle conversazioni degli utenti con Alexa e quindi le annotano e le caricano nuovamente nel database per assicurarsi che la prossima volta che si verifica una conversazione simile l'assistente sarà più preparato.

L'articolo Amazon ascolta i discorsi degli utenti per insegnare ad Alexa a migliorarsi proviene da TuttoAndroid.

Rischio hacker per il 47% dei siti dei comuni italiani, l’allarme di Federprivacy

di Alessandro Crea
Uno studio effettuato dall’Osservatorio di Federprivacy su ben 3.000 siti di comuni italiani, tra le varie non conformità ed altre carenze riscontrate, ha rivelato che 1.435 di essi, pari al 47%, continuano ad utilizzare connessioni non sicure basate sul vecchio protocollo HTTP, e per questo sono etichettati come “non sicuri” dai principali browser. Inoltre, 1.079 […]

European Data Protection Supervisor indaga su Microsoft

di Dario D'Elia
European Data Protection Supervisor (EDPS), che è l’autorità indipendente europea incaricata di monitorare il rispetto delle regole sulla protezione dei dati, ha avviato un’indagine nei confronti di Microsoft. I funzionari di Bruxeless si concentreranno sui contratti di fornitura software e servizi siglati tra le varie istituzioni UE e il colosso statunitense. L’iniziativa è diretta conseguenza […]

Garante della privacy sanziona Rousseau e svela criticità dei siti dell’M5S

di Dario D'Elia
L’Associazione Rousseau, referente per i siti del Movimento 5 Stelle, è stata sanzionata dal Garante della Privacy per 50mila euro. La lunga istruttoria iniziata nel 2017, a seguito della violazione dei sistemi informatici di movimento5stelle.it, rousseau.movimento5stelle.it e beppegrillo.it, è giunta al capitolo finale. Nel tempo è stata imposta l’adozione “di misure necessarie e opportune al […]

Gli italiani e la privacy, report di Symantec

di Luca Colantuoni

Sempre più spesso vengono scooperti attacchi informatici contro determinati target, principalmente aziende e istituzioni, ma anche i privati cittadini possono cadere in trappola dopo aver aperto un allegato alle email o utilizzato un’app troppo ficcanaso. Nel Norton LifeLock Cyber Safety Insights Report 2018, pubblicato da Norton LifeLock (società di Symantec), sono evidenziate le principali minacce per la sicurezza e i risultati di un sondaggio sulla privacy che ha coinvolto circa 1.000 italiani.

Leggi il resto dell’articolo

WhatsApp, come bloccare gli inviti ai gruppi

di Candido Romano

WhatsApp sta distribuendo in tutto il mondo una nuova e importante impostazione per l’app, legata agli inviti ai gruppi. Un nuovo strumento, che sarà disponibile gradualmente nelle prossime settimane per tutti, che permette di evitare di essere inseriti in inutili (o dannosi) gruppi senza il proprio consenso. Tutto questo avviene dopo diverse proteste da parte degli utenti, stanchi di essere inseriti di punto in bianco in gruppi WhatsApp di poco interesse.

Leggi il resto dell’articolo

Cloudflare lancia Warp su iOS: VPN facile e veloce

di Marco Grigis

A un anno esatto dal lancio del DNS 1.1.1.1, oggi divenuto uno dei più utilizzati a livello mondiale grazie alla sua incredibile velocità, Cloudflare presenta una nuova proposta per gli utenti iOS. Arriva infatti Warp, il servizio VPN del gruppo, in una comoda applicazione che permette di sfruttare contemporaneamente sia il servizio DSN che la Virtual Private Network. L’obiettivo dichiarato è quello di rendere davvero semplice l’uso di una VPN, con un processo d’attivazione comprensibile anche dai neofiti, affinché la navigazione di tutti sia più sicura e lontana da occhi indiscreti.

Leggi il resto dell’articolo

Nokia e il presunto invio dei dati in Cina, interviene HMD Global

di Saverio Alloggio
HMD Global è intervenuta sulla questione che vede coinvolta Nokia e il presunto invio dei dati degli utenti in Cina. L’azienda, in una nota ufficiale pubblicata sul proprio portale, ha spiegato di aver incluso erroneamente il client di attivazione degli smartphone in versione cinese all’interno dei software dei dispositivi commercializzati in Europa. Da qui il […]

Nokia 7 Plus, dati inviati in Cina per errore

di Luca Colantuoni

Alcuni Nokia 7 Plus inviano dati ad un server cinese. Questa stranezza, scoperta da un utente norvegese, ha subito destato le preoccupazioni del Garante della privacy finlandese. HMD Global ha pubblicato un comunicato per chiarire che si è trattato di un errore software, risolto con un aggiornamento distribuito a febbraio 2019.

Leggi il resto dell’articolo

Telegram 5.5, più privacy e migliore ricerca

di Luca Colantuoni

La software house russa ha annunciato la disponibilità di una nuova versione della sua app di messaggistica. Telegram 5.5 per Android e iOS introduce alcuni miglioramenti per la privacy, tra cui la possibilità di eliminare i vecchi messaggi delle chat private e il forwarding anonimo. Altre novità sono disponibili solo sul sistema operativo Google, come la ricerca delle emoji tramite parole chiave.

Leggi il resto dell’articolo

Troppi tracker commerciali sui siti Web della PA

di Claudio Davide Ferrara
I siti Web delle Pubbliche Amministrazioni europee presenterebbero ancora numerose componenti di terze parti per il tracciamento della navigazione. Leggi Troppi tracker commerciali sui siti Web della PA
❌