Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Test gomme estive 2020: i 20 migliori pneumatici 245/45 R18

di Donato D'Ambrosi

Le prime giornate di sole preannunciano la primavera e per molti automobilisti è già tempo di mettersi alla ricerca delle migliori gomme estive 2020. Il test degli pneumatici estivi di cui parleremo oggi mette a confronto 20 delle gomme estive migliori che hanno superato una preselezione tra 50 modelli di pneumatici 245/45 R18. Ecco quali sono le gomme migliori nel test per frenata su asciutto e bagnato.

IL TEST DELLE GOMME ESTIVE 245/45 R18

Il test gomme estive 2020 elegge gli pneumatici estivi migliori che Autobild ha individuato nelle prove di frenata su fondo stradale asciutto e bagnato. Prima di arrivare alla classifica delle 20 gomme migliori da 18 pollici per l’estate, i test effettuati su 50 modelli di pneumatici di prima e seconda linea sono stati acquistati direttamente sul mercato. Tra le gomme estive testate Pirelli è forse la più svantaggiata poiché la difficoltà a reperire le gomme estive Pirelli più recenti ha comportato lo svantaggio delle Pirelli PZero sostituite.

I MIGLIORI PNEUMATICI ESTIVI 2020 SU ASCIUTTO E BAGNATO

Escluse le ultime 30 gomme meno performanti, il magazine tedesco ha messo a confronto le 20 gomme estive migliori in un test di frenata su asciutto da 100 km/h e un test di frenata su bagnato da 80 km/h. Tra le gomme estive migliori nella frenata su asciutto la classifica premia le Michelin Pilot Sport 4 (32,1 metri). All’estremo opposto, fuori dalla Top20, invece le gomme estive peggiori su asciutto sono le ricostruite King Meiler (43,2 metri). Il test di frenata su bagnato invece premia gli pneumatici estivi Bridgestone Potenza S001 (28,7 metri); molto davanti alle peggiori su bagnato, nuovamente le gomme King Meiler (43,2 metri) Nella tabella dei risultati qui sotto qui è poi riportata in metri anche la distanza di frenata totale e la classifica delle migliori gomme estive in ordine alfabetico che hanno frenato in meno spazio.

https://www.autobild.de/artikel/sommerreifen-test-5629291.html

LE ALTRE 30 GOMME ESTIVE NELLA CLASSIFICA DEL TEST

La classifica delle gomme estive migliori 2020 vede al primo posto le Michelin Pilot Sport 4, più performanti su asciutto. Al terzo posto la frenata migliore avvantaggia le gomme estive Bridgestone. Tra le due si piazzano le gomme estive Nokian Powerproof, che in totale frenano 20 cm prima delle gomme giapponesi. Come anticipato, le gomme estive Pirelli PZero sono fuori dalla Top20, al 25esimo posto, per le prestazioni di gran lunga peggiori rispetto alle più recenti che successivamente Autobild ha testato con ottimi risultati. Guarda la classifica completa delle gomme estive 2020.

The post Test gomme estive 2020: i 20 migliori pneumatici 245/45 R18 appeared first on SicurAUTO.it.

Gomme estive Laufenn: Hankook presenta i nuovi pneumatici “budget”

di Donato D'Ambrosi

Hankook rinnova nelle performance le gomme estive Laufenn, la marca bugdet del Costruttore sud coreano votata al rapporto prezzo-prestazioni. Gli pneumatici estivi “economici” imparentati con Hankook arriveranno sul mercato come Laufenn S FIT EQ + e Laufenn G FIT EQ +.

LE GOMME ESTIVE LAUFENN, SECONDA LINEA DI HANKOOK

Con il suo secondo marchio Laufenn, (guarda qui le marche premium e le seconde linee di pneumatici) Hankook offre dal 2015 ai consumatori europei una gamma di pneumatici per auto e SUV votati a ridurre il costo. Dalla prossima primavera saranno disponibili le gomme estive 2020 Laufenn S FIT EQ + più sbilanciate sulle performance, e Laufenn G FIT EQ + per le auto touring con un occhio più attento all’economia. La nuova generazione di pneumatici estivi Laufenn +, che sostituisce la precedente con una mescola ottimizzata, offre prestazioni più elevate e maggiore stabilità su strade bagnate e asciutte, secondo le anticipazioni del Costruttore.

CARATTERISTICHE E PRESTAZIONI DELLE GOMME LAUFENN S FIT EQ +

Il nuovo pneumatico Laufenn S FIT EQ + per le auto più performanti è dotato di un disegno del battistrada a blocchi Hydro-Flow per ridurre l’aquaplaning. “L’uso di una mescola di silice di seconda generazione ha portato a una riduzione significativa dello spazio di frenata, specialmente su strade bagnate”, prestazioni che aspettiamo di vedere confermate nei test indipendenti. S FIT EQ + raggiunge anche una buona stabilità a velocità più elevate grazie alle barre del battistrada rinforzate che garantiscono una maggiore rigidità del blocco.

GOMME ESTIVE 2020 LAUFENN G FIT EQ +

Le gomme estive Laufenn G FIT EQ + sono sviluppate con un disegno del battistrada a quattro nervature per garantire un migliore livello di confort su una vasta gamma di condizioni stradali. Le scanalature del battistrada a profondità variabile consentono un rapido deflusso dell’acqua e, insieme alle lamelle fissate ai blocchi della spalla interna, migliorano l’aderenza sul bagnato. Uno speciale strato di gomma sotto il battistrada aiuta a ridurre la resistenza al rotolamento e il consumo di carburante. Il profilo ottimizzato invece previene l’usura irregolare distribuendo il peso uniformemente su tutta la larghezza del battistrada. Ma per essere certi di guidare sempre con gomme efficienti e farle durare più a lungo, non dimenticate di fare i controlli frequenti che vi mostriamo nel video qui sopra.

The post Gomme estive Laufenn: Hankook presenta i nuovi pneumatici “budget” appeared first on SicurAUTO.it.

5 errori da non fare con la scelta delle gomme invernali

di Donato D'Ambrosi

La scelta delle gomme invernali è spesso basata sul costo delle gomme soprattutto sulla seconda auto di famiglia, quella di battaglia affidata ai figli per impratichirsi. Ma è la scelta migliore? Vediamo come scegliere le gomme invernali, in 5 punti chiave da non dimenticare ma soprattutto qual è la larghezza più adatta alle gomme invernali, meglio strette o larghe. Ecco i consigli e gli errori da non fare con le gomme invernali.

1 PNEUMATICI INVERNALI FATTI PER L’EUROPA

Alle gomme invernali basterebbe avere sul fianco il simbolo del fiocco di neve e rispettare i criteri minimi imposti dalla legge per poter essere omologate. In realtà tra una gomma lowcost e una sviluppata e testata in condizioni climatiche mutevoli ma pur sempre frequenti in un continente specifico è la scelta più sicura che si possa fare (Leggi qui il test delle gomme Nokia WR 4 lungo 10 mila km).

2 QUANDO VANNO CAMBIATE LE GOMME INVERNALI

Con le gomme stagionali è facile dimenticare quando risale la prima installazione degli pneumatici invernali. Nokian consiglia di sostituirle dopo 6 anni di uso attivo.  Anche se il battistrada residuo sembra ancora legale, non bisogna dimenticare che il lavoro maggiore lo fanno i tasselli e la capacità di adattarsi alla superficie di asfalto invernale che va dall’asciutto alla neve, passando per il fondo bagnato e quello ghiacciato.

3 L’ETA’ DELLE GOMME INVERNALI

A prescindere da quanto spesso si usa l’auto, controllare la sigla DOT degli pneumatici e assicurarsi che non abbiano più di 10 anni. Si può controllare sul fianco della gomma il DOT corrispondente alla data di produzione della gomma fatta di 4 numeri (le prime 2 cifre indicano la settimana e le seconde l’anno di produzione).

4 LO SPESSORE OTTIMALE DEGLI PNEUMATICI PER L’INVERNO

Negli ultimi anni – secodno Nokian Tyres – gli pneumatici sono stati un fattore di rischio ogni sette incidenti mortali causati da un’auto o da un furgone. Anche se spesso queste statistiche sono molto influenzate da una grande quantità di variabili, NokianTyres raccomanda di guidare  con uno spessore del battistrada non inferiore ai 4 mm per tutti gli pneumatici. Una convinzione che non vede tutti i Costruttori di pneumatici d’accordo e di questo ne abbiamo parlato in questo video “Perché usare le gomme fino a 1,6 mm?“.

5 LA PRESSIONE CORRETTA DELLE GOMME IN INVERNO

Attenzione al mito molto diffuso anche tra alcuni installatori che la pressione delle gomme invernali debba essere più alta di 0,5 bar: è sbagliato! Nel long test delle gomme invernali Nokian WR 4 qui, l’auto si è mostrata subito nervosa e poco bilanciata. Se è vero che in inverno la pressione delle gomme scende per tutti, scopri qui perché, Nokian ricorda che la pressione corretta di gonfi aggio delle gomme invernali va aumentata di 0,2 bar in più rispetto a quella standard estiva consigliata dal costruttore dell’auto.

The post 5 errori da non fare con la scelta delle gomme invernali appeared first on SicurAUTO.it.

Pneumatici Goodyear EfficientGrip Performance 2: 50% di durata in più

di Donato D'Ambrosi

I nuovi pneumatici Goodyear EfficientGrip Performance 2 puntano tutto sull’efficienza chilometrica. Arrivano sul mercato europeo le nuove gomme Goodyear 2020 per auto da 15 a 18 pollici. Nei test indipendenti le nuove gomme Goodyear durano di più e frenano prima anche rispetto ai principali concorrenti.

QUANTO DURANO LE GOMME GOODYEAR 2020

Le nuove gomme auto Goodyear EfficientGrip Performance 2 sono migliorate in durata chilometrica e frenata rispetto alla precedente EfficientGrip Performance del 2013 e anche rispetto alle gomme equivalenti di concorrenti. A riportare la notizia è PneusNews, che anticipa le novità dei nuovi pneumatici Goodyear High Performance destinati alle auto più diffuse in Europa. La durata chilometrica che promette Goodyear è del 50% superiore a quella del modello precedente. Nei test indipendenti le gomme Goodyear 2020 avrebbero una durata maggiore del 20% anche rispetto ai concorrenti diretti. Bisogna però dire anche che oltre alla durata, Michelin in particolare sta investendo ingenti risorse nella filosofia “Pneumatici sicuri dal primo all’ultimo chilometro”, guarda il video qui sotto per scoprire di cosa si tratta.

COME SONO LE NUOVE GOMME ESTIVE GOODYEAR EGP 2

Le anticipazioni della rivista specializzata in pneumatici parlano di come sono le nuove gomme Goodyear EfficientGrip Performance 2. Tra le novità delle gomme che saranno disponibili nelle dimensioni da 15 a 18 pollici, lasciando quindi fuori le super-utilitarie al lancio, ci sono:

– Maggiore elasticità e flessibilità del battistrada
– Intagli più lunghi e una mescola meno rigido del predecessore
– Costolature più larghe al centro del battistrada aumentano la rigidità e la stabilità in situazioni di emergenza.

PNEUMATICI ESTIVI GOODYEAR 2020 IN 45 MISURE

Le gomme estive Goodyear EfficientGrip Performance 2 arriveranno nel corso del 2020 in 45 misure diverse facendo breccia sulla potenziale maggiore durata delle gomme. E’ importante precisare che la durata del +50% è stata ottenuta in un test interno effettuato con gomme 205/55R16 Volkswagen Golf VII tra Lussemburgo e Francia. Ma le prestazioni a lungo termine potrebbero variare in base alla dimensione della ruota e soprattutto della strada percorsa. Ecco perché oltre al risparmio, consigliamo sempre di non lesinare sulla sicurezza e sui controlli periodici delle gomme.

The post Pneumatici Goodyear EfficientGrip Performance 2: 50% di durata in più appeared first on SicurAUTO.it.

Gomme invernali obbligatorie: le ordinanze neve 2019 – 2020

di Donato D'Ambrosi

Oggi scatta l’obbligo delle gomme invernali su autostrade e strade extraurbane: si circola solo con pneumatici invernali o catene da neve a bordo. Per molte regioni d’Italia non è una novità, mentre in alcune province le temperature rigide hanno fatto scattare l’obbligo delle gomme invernali attraverso ordinanze comunali.  Ecco l’elenco aggiornato delle ordinanze neve 2019 – 2020 e i consigli per mettersi in viaggio in sicurezza con gli pneumatici giusti.

PNEUMATICI INVERNALI, QUELLI OBBLIGATORI

Come ogni anno, facciamo chiarezza sull’obbligo delle gomme invernali che è scattato in anticipo in alcune regioni, mentre in altre sarà vigente nelle prossime settimane. Quali gomme si possono montare per rispettare l’ordinanza neve? Secondo il Codice della Strada, le gomme invernali obbligatorie dal 15 novembre devono avere sul fianco la marcatura M+S. Come abbiamo più volte spiegato però la sola marcatura M+S (Mud+Snow) non è sufficiente a garantire la migliore sicurezza nella guida su asfalto freddo. Il motivo è che negli anni i Costruttori hanno sviluppato mescole sempre più performanti che migliorano l’aderenza al di sotto dei 7 °C. Questo vale soprattutto per le gomme invernali, ma anche per i più recenti pneumatici quattro stagioni che hanno il simbolo della montagna e del fiocco di neve (3PMSF). La scelta tra le gomme invernali e le gomme quattro stagioni dipende da una serie di valutazioni che spieghiamo nel video qui sotto. Per tutti gli altri che guidano solo nei weekend su strade soggette alle ordinanze sono più indicate le catene da neve da tenere a bordo.

LE ORDINANZE NEVE AGGIORNATE AL 2019 – 2020

Le ordinanze neve 2019 – 2020 più recenti vedono l’obbligo di pneumatici invernali in Abruzzo, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria e Marche.

-L’Aquila da 17 novembre 2019 al 19 aprile 2020
-Provincia di Como (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Rimini (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Savona (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Ancona (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 15 aprile 2020
-Provincia di Fermo (su strade extraurbane) da 15 novembre 2019 a 31 marzo 2020

L’elenco aggiornato delle ordinanze neve 2019 – 2020 è consultabile qui.

I CONSIGLI PER L’INVERNO E LE GOMME INVERNALI

Le ordinanze prescrivono inizio e scadenza dell’obbligo di equipaggiarsi delle gomme invernali (o catene) ma non di smontarle dopo la scadenza dell’obbligo. E’ importante ricordare che gli pneumatici invernali legalmente si possono utilizzare tutto l’anno anche se sono meno sicuri in estate. E’ obbligato a smontare le gomme invernali entro il 15 maggio solo chi monta pneumatici con codice di velocità inferiore al libretto dell’auto (non meno di Q). Anche se può essere scontato per molti, le gomme invernali vanno su tutte e 4 le ruote a differenza delle catene, solo sulle ruote motrici. Chiariamo uno dei dubbi più frequenti di chi guida un’auto a trazione integrale alle prese con le catene: le catene su un’auto 4×4 vanno su tutte le ruote. Se però avete a disposizione solo una coppia di catene è meglio montarle sulle ruote anteriori così da avere un miglior controllo dell’auto. Per tutte le altre curiosità e informazioni vi rimandiamo alle guide per l’inverno qui sotto.

Migliori pneumatici invernali 2019 – 2020
Catene da neve: guida alla scelta e al montaggio
Gomme invernali dal 15 novembre: cosa rischia chi guida senza pneumatici invernali
Pressione pneumatici invernali: perché le gomme si sgonfiano col freddo
Test gomme quattro stagioni 2019 – 2020
Test pneumatici invernali SUV: le migliori gomme del 2019
Gli accessori auto più utili per l’inverno da tenere nel bagagliaio

The post Gomme invernali obbligatorie: le ordinanze neve 2019 – 2020 appeared first on SicurAUTO.it.

Michelin lancia la sfida sugli pneumatici efficienti: in premio 8 mila euro

di Donato D'Ambrosi

Secondo le stime Michelin entro il 2020 oltre 1,5 miliardi di veicoli si muoverà sempre di più per trasportare merci o persone. Una necessità che non può attraverso gli pneumatici mettere all’angolo la salvaguardia dell’ambiente con sprechi di materie prime e pneumatici sostituiti in anticipo. E’ per questo motivo che Michelin ha lanciato il contest sugli pneumatici efficienti Live The Motion Made To Last. Una competizione che vede sfidarsi gli studenti dell’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna e della Federico II di Napoli.

COME RACCONTARE L’EFFICIENZA DELLE GOMME

La gara prevede una prima selezione che si svolgerà all’interno di ciascun ateneo (semifinale), in cui verranno scelti i team (ciascuna squadra può essere composta da una fino a tre persone) che andranno in finale. Le idee della campagna di comunicazione potranno avere un taglio più tecnico o più pubblicitario, l’importante è che siano efficaci per informare il pubblico e promuovere la cultura dell’ecosostenibilità. I due primi classificati di ciascun ateneo presenteranno il loro progetto in un evento finale aperto al pubblico in un tempo massimo di 5 minuti (nella modalità del pitch event). Le semifinali e finali si terranno il 20 novembre 2019 a Napoli e il 22 novembre a Bologna.

PERCHE’ ALLUNGARE LA DURATA DELLE GOMME

I team potranno presentare l’idea alla giuria attraverso il supporto di un poster, una presentazione power point, un video. Gli studenti che decidono di partecipare al concorso dovranno prima di tutto individuare e dimostrare quali siano i benefici economici, ambientali e sociali delle tecnologie alla base della strategia Michelin Long Lasting Performance. In secondo luogo dovranno spiegare i motivi etici e pratici che spingono un’azienda come Michelin a garantire una lunga durata delle gomme nel tempo rinunciando così a venderne un po’ meno.

COME E QUANDO PARTECIPARE AL CONCORSO MICHELIN

Infine, nel ruolo di responsabili della comunicazione e/o nel settore innovazione dell’azienda, dovranno proporre ai consumatori in modo originale e innovativo tale strategia come best practice di economia circolare, dando visibilità alle sue implicazioni tecnologiche, economiche e sociali. In pratica dovranno rispondere alla domanda: “Come presentare ai consumatori i benefici della strategia Long Lasting Performance, in modo da orientare le loro scelte di acquisto verso prodotti che mantengano le loro proprietà nel tempo?”. Per partecipare bisognerà iscriversi entro il 15 novembre 2019 a www.livethemotion.it/madetolast/universita/homepage.

The post Michelin lancia la sfida sugli pneumatici efficienti: in premio 8 mila euro appeared first on SicurAUTO.it.

Ciardullo Gomme, specialista in assetti per auto sportive e stradali

di redazione

Ci sono tanti gommisti in giro, ma pochi come Ciardullo Gomme conoscono l’importanza e i segreti della messa a punto degli assetti delle auto sportive. Luigi Ciardullo, titolare dell’azienda, grazie alle sue esperienze in gara, è in grado di fornire un servizio prezioso alla clientela: ora è anche Elaborare Check Point!

L’arte dell’assetto

Luigi Ciardullo, titolare della Ciardullo Gomme nuovo Elaborare Check Point, ha iniziato a lavorare come gommista a 17 anni, ma non si è limitato ad imparare in quale maniera si montano e smontano le gomme, si ripara una foratura o si esegue un’equilibratura.

In 20 anni di carriera ha studiato, sperimentato soluzioni e lavorato nel mondo dei rally per affinare le sue capacità nella messa a punto degli assetti sportivi. A 37 anni ha deciso di compiere il grande balzo e creare un locale dove poter dedicare la giusta attenzione alla sua clientela, in costante aumento. “Per ottimizzare un assetto di una vettura occorre almeno mezza giornata di lavoro. Bisogna verificare i parametri iniziali dell’auto, capirne il comportamento, apportare le dovute modifiche e poi provarla di nuovo. Un gommista “normale” non può dedicarsi a tali operazioni con la cura di uno specialista e, perciò, ho deciso di creare una mia struttura in cui poter operare con la dovuta calma, dedicando il tempo necessario a questi interventi”.

L’Officina di Luigi Ciardullo è attrezzata in modo encomiabile, con un banco assetti tridimensionale di ultima generazione, bilance e tutti gli strumenti necessari per poter intervenire con la massima precisione sulla vettura. Luigi è uno di quei tecnici a cui piace lavorare “pulito”, con calma e pazienza, usando le chiavi inglesi come un ago da ricamo. “Seguo alcuni piloti che partecipano al Time Attack Italia, talvolta anche in pista, ma le auto stradali sono quelle più numerose.

Ciardullo Gomme, specialista in assetti per auto sportive e stradali
Ciardullo Gomme, specialista in assetti per auto sportive e stradali

Molti appassionati fanno montare dei kit coilover costosissimi, ma non toccano le geometrie fino a quando non si accorgono che in circuito le cose non vanno come dovrebbero o la macchina non sta in strada. A quel punto, magari con le gomme consumate malamente, arrivano nella mia officina dove scopriamo che gli angoli sono completamente sbagliati o addirittura alcuni componenti non sono stati installati correttamente. Mi è capitato di veder montate le molle al contrario o i camber kit ruotati di 90°!”. L’obiettivo di Luigi è quello di offrire un servizio al top, al fine di garantire la soddisfazione dei propri clienti.

“Tratto marche di eccellenza. Non mi interessa il lavoro di quantità anche perché non sono attrezzato per farlo; mi importa invece la qualità, che è quella che conta di più per un appassionato come me. Mi piace confrontarmi col cliente, consigliarlo e arrivare ad una messa a punto che garantisca il massimo piacere di guida e la totale sicurezza. Ovviamente lavoriamo anche sulle vetture di tutti i giorni, con i classici interventi di cambio gomme, riparazioni, montaggio cerchi in lega, ecc. ma, anche in questo caso, raccomando sempre dei prodotti qualitativamente al top”.

Ciardullo Gomme (contatti, indirizzo)

Via Monte Nero 41/c – 00012 Guidonia Montecelio (RM)
Contatti: Tel. 0774/015356
Email: ciardullogomme@outlook.it
Web: FB Ciardullo Gomme


Persona di riferimento: Luigi Ciardullo
Specializzazione: messa a punto assetti sportivi e stradali, servizio gommista, vendita e montaggio cerchi in lega
Marche Trattate: Toyo, Continental, OZ Racing, MAK, Fondmetal, Evocorse
Superficie: 600 mq (interno+esterno)
Personale: 1
Attrezzatura: bilance per peso auto e banco assetti tridimensionale
Garanzia: dipende dall’intervento richiesto
Carta di Credito: sì
Anni di attività: 3 anni

logo-check-point-elaborare-tuning
Ciardullo Gomme, specialista in assetti per auto sportive e stradali
Ciardullo Gomme, specialista in assetti per auto sportive e stradali

L'articolo Ciardullo Gomme, specialista in assetti per auto sportive e stradali proviene da ELABORARE.

Goodyear presenta UltraGrip 9+, migliora la durata degli pneumatici invernali

di Donato D'Ambrosi

Scegliere i migliori pneumatici invernali prima che inizi l’obbligo con le ordinanze invernali è la strategia di chi investe sulla sicurezza di guida piuttosto che cercare una marca di gomme qualsiasi a prezzo stracciato. Se la temperatura scende stabilmente sotto i 10 °C montare le gomme invernali diventa fondamentale al di là delle ordinanze sulle gomme o le catene da neve. Se si guida un’auto ad alte prestazioni poi, montare le gomme invernali giuste permette anche di risparmiare soldi sulla durata delle gomme nel tempo. Con l’inverno alle porte Goodyear ha rinnovato completamente la gamma di pneumatici invernali con le UltraGrip9+, dalle utilitarie alle sportive, ecco come migliorano frenata e durata su ghiaccio.

PNEUMATICI INVERNALI GOODYEAR 2019

Gli pneumatici invernali Goodyear UltraGrip Performance+ migliorano le prestazioni sulle auto sportive, nella guida su asciutto e bagnato, grazie a due tecnologie. La Traction Protect Technology sfrutta una mescola contenente resina che migliora l’elasticità e il ripristino della forma dello pneumatico e migliora l’aderenza in frenata. La Winter Grip Technology, invece, consiste in un nuovo mix di mescole che forniscono una maggiore elasticità della gomma a bassa temperatura su neve e ghiaccio.

DURATA MIGLIORATA DEGLI PNEUMATICI INVERNALI

Con la nuova gamma UltraGrip 9+, Goodyear ottimizza la durata delle gomme invernali. La tecnologia Mileage Plus protegge il pneumatico dalle rotture e dal distacco di pezzi di gomma provocati dalle avverse condizioni stradali. Analogamente alle altre gomme invernali, la Winter Grip Technology assicura un’aderenza migliorata su neve e ghiaccio.

PNEUMATICI INVERNALI PER VAN

La sicurezza degli pneumatici invernali non esclude anche i mezzi da lavoro, dove peso e dimensioni richiedono abilità e dotazioni all’altezza. Con miglioramenti del disegno del battistrada e delle mescole della gomma, il nuovo Goodyear UltraGrip Cargo per i veicoli commerciali è pensato per migliorare le performance ma contenere anche i costi di utilizzo. L’introduzione di UltraGrip Performance+ sarà graduale, con più dell’60% delle misure disponibili già da settembre così come tutte le misure di UltraGrip 9+ e UltraGrip Cargo.

The post Goodyear presenta UltraGrip 9+, migliora la durata degli pneumatici invernali appeared first on SicurAUTO.it.

Goodyear presenta le gomme invernali Ultra Grip 9+

di Antonio Elia Migliozzi

Goodyear mette a punto una nuova gamma di pneumatici invernali. UltraGrip Performance +, UltraGrip 9+ e UltraGrip Cargo sono pronti a scendere in strada anche nelle peggiori condizioni meteo. Il nuovo Ultragrip Performance + vuole unire prestazioni e capacità su bagnato, asciutto e neve. Nuova la tecnologia della mescola che offre elasticità anche a basse temperature. Goodyear UltraGrip 9+ unisce la durata chilometrica a una tenuta di strada migliorata anche su neve e ghiaccio. Completa il lineup Goodyear il nuovo invernale UltraGrip Cargo la gomma pensata per i veicoli commerciali leggeri. In questo caso una soluzione al servizio dei fleet manager che vogliono ottimizzare i costi di gestione dei mezzi aziendali. Vediamo i dettagli sulla gamma.

LE NUOVE INVERNALI

Goodyear annuncia novità interessanti per la sua pluripremiata gamma di pneumatici invernali. In arrivo un rinnovato assortimento UltraGrip che prevede un aggiornamento completo delle prestazioni. Goodyear ha pensato tre prodotti per rispondere a tre differenti esigenze del pubblico. Per i veicoli ad alte prestazioni ci sarà UltraGrip Performance +, per le citycar UltraGrip 9+ mentre UltraGrip Cargo è dedicato ai veicoli commercili. Goodyear UltraGrip Performance + promette di migliorare le prestazioni su bagnato, asciutto e invernale nel caso delle vetture di alta cilindrata. Il segreto è legato all’uso di due tecnologie chiave. La tecnologia Traction Protect include una nuova resina che migliora le capacità di deformazione e di riformazione del pneumatico. In questo modo le forze frenanti vengono convertite in grip. Winter Grip Technology si lega ad una nuova mescola che aumenta l’elasticità della gomma alle basse temperature, anche su neve e ghiaccio.

CONDIZIONI DIFFICILI

Goodyear pensa anche al grande pubblico delle citycar e svela il suo UltraGrip 9+. Ecco allora un pneumatico che lavora in condizioni stradali difficili, anche a temperature estremamente basse. La sua tecnologia Mileage Plus protegge il battistrada da incrinature e distacchi di particelle di gomma dovute all’inverno. Questo significa che questa gomma offre una migliore resa chilometrica. Anche UltraGrip 9+ prevede la tecnologia Winter Grip che lo rende ideale anche su neve e ghiaccio. Ultima novità il UltraGrip Cargo. Goodyear si rivolge ai proprietari di veicoli commerciali che viaggiano con il furgone anche con le condizioni invernali più difficili. Grazie ai diversi aggiornamenti al design del battistrada e alla sua mescola composta, il nuovo pneumatico invernale potrà fare la differenza. Secondo Goodyear sugli autocarri leggeri la gomma migliora la frenata anche sulla neve e riduce il costo totale di gestione per chilometro.

TUTTE LE TAGLIE

Il nuovo lineup Goodyear è pronto per la stagione invernale che scatterà, come ogni anno, dal 15 novembre. L’azienda ha comunicato che circa il 69% delle dimensioni disponibili per UltraGrip 9+ saranno introdotte entro giugno 2019. L’ultimo 31% arriverà gradualmente sul mercato con la completa disponibilità a settembre 2019. Goodyear distribuirà il nuovo UltraGrip Performance + a partire da giugno 2019, con più della metà delle dimensioni disponibili da Agosto 2019. Entro la fine di giugno 2020, saranno disponibili tutte le taglie previste per auto ad alte prestazioni. Per quanto riguarda gli UltraGrip Cargo sono già disponibili tutte le dimensioni previste dall’azienda per questo specifico prodotto.

The post Goodyear presenta le gomme invernali Ultra Grip 9+ appeared first on SicurAUTO.it.

Produttori pneumatici: la classifica dei TOP20 nel 2018

di Donato D'Ambrosi

La classifica dei maggiori produttori di pneumatici del 2019 vede in testa ancora una volta Bridgestone nella Top20 pubblicata da PneusNews. La classifica stabilita in base ai fatturati 2018 dei vari Costruttori di gomme resta pressoché invariata nelle prime 5 posizioni. Le carte rispetto al 2017 si mescolano a partire dalla posizione 6, occupata di soppiatto da Hankook che scalza Pirelli, scesa di due posizioni (era 5^) dal 2016. Leggi qui le parentele tra le principali marche di pneumatici.

PIRELLI PERDE UN’ALTRA POSIZIONE

La classifica di produttori mondiali di pneumatici del 2018 rimescola le posizioni a intervalli, con Bridgestone, Michelin,  Goodyear e Continental in vetta senza variazioni. Lo scambio di posizioni avviene solo dalla 6^ posizione in poi, dove Pirelli viene spodestata da Hankook. Il costruttore di pneumatici italiano , secondo quanto riporta PneuNews ha perso 160 miliardi di euro in fatturato e il posto in classifica. Una retrocessione che già nel 2015 si era verificata in favore di Sumitomo (Falken) ora in 5^ posizione, in seguito alla separazione di Prometeon dal resto del Gruppo.

ZC RUBBER CONQUISTA LA VETTA IN CINA

L’aumento delle vendite tiene chiaramente conto anche delle conversioni dalla valuta del Paese dei diversi Costruttori in euro. Così per Michelin e Continental l’aumento delle vendite rispetto al 2017 è stato meno significativo. Mentre Goodyear ha messo a segno un incremento equivalente a 700 milioni di euro nel 2017. Nella prima metà della classifica dei produttori di pneumatici Yokohama resta stabile all’8^ posto, mentre al 9^ dove ZC Rubber (Cina) risale dalla 12^ posizione del 2017.

APOLLO PRIMO PRODUTTORE INDIANO

La seconda metà della classifica ritrova nuovamente in posizioni stabili Giti Tire, Toyo Tires Cooper Tire & Rubber dalla 11^ alla 13^ posizione. Si fanno strada i due Costruttori di gomme dell’India Apollo ed MRF Tyres che anticipano Kumho (in 16 ^) scalzata dalla 14^ posizione. Apollo infatti risale dalla 16^ posizione fino alla 14^ e anticipa la società connazionale in 15^ posizione.  La top20 dei maggiori produttori di pneumatici, consultabile a tutta larghezza cliccando sull’immagine, si chiude con le posizioni invariate di Linglong, Sailun, Double Coin e Nokian.

L'articolo Produttori pneumatici: la classifica dei TOP20 nel 2018 proviene da SicurAUTO.it.

Crescono i gommisti in Italia: +8% in 10 anni

di Antonio Elia Migliozzi

Cresce il numero dei gommisti attivi in Italia. Secondo il rapporto redatto da Federpneus tra il 2009 e il 2018 sale a 6.734 unità la presenza sul territorio. L’espansione del settore deriva dalla crescita del parco circolante alla quale il settore dei gommisti ha dato risposta. Anche l’obbligatorietà delle gomme invernali, prevista per legge su alcuni tratti stradali e autostradali, ha favorito la crescita della rete di assistenza. A leggere i dati emerge che negli ultimi dieci anni la crescita del numero dei gommisti ha interessato gran parte d’Italia. In dieci anni il trend di espansione su base nazionale è stato dell’8%. Eppure ci sono delle differenze significative tra regioni del nostro paese. In particolare la crescita dei gommisti ha superato la media nazionale nelle Isole, con l’11,5%, e al Nord (+9,5%). Vediamo nel dettaglio.

TREND IN CRESCITA

Dal 2009 al 2018 c’è stata una notevole crescita dei gommisti attivi. Il numero delle aziende operative nel mercato italiano degli pneumatici è salito da 6.238 a 6.734 unità. In dieci anni, secondo i dati Cerved, la crescita complessiva è stata dell’8%. Numeri che confermano l’importanza dei gommisti che costituiscono una certezza nel variegato panorama dell’aftermarket automobilistico nazionale. L’elaborazione di Federpneus, l’Associazione Nazionale Rivenditori Specialisti di Pneumatici, aiuta ad interpretare meglio i numeri. Secondo Federpneus vi sono diversi motivi alla base della crescita di questa area di business. In primo luogo bisogna dire che le aziende attive nel settore pneumatici stanno potenziando anno dopo anno la loro organizzazione di assistenza agli automobilisti. Questo perché i gommisti intendono far fronte alle esigenze del parco circolante italiano che è ai primi posti in Europa e nel mondo per densità.

TRASFORMAZIONI TECH

La crescita dei gommisti in Italia si accompagna anche all’aumento della tecnologia applicata al mondo dell’automobile. Gli stessi pneumatici sono sempre più spesso dotati di sensori intelligenti per garantire elevati standard di sicurezza. Secondo Federpneus a pesare sull’espansione della rete dei gommisti in Italia è stata anche l’introduzione della legge n.120/2010 sull’obbligo degli pneumatici invernali. Come sappiamo in determinati periodi dell’anno e in determinate zone, è necessario munirsi di gomme adatte ad affrontare gelo e neve sia in città che fuori. Com’era facilmente prevedibile tale obbligo che visto un incremento della domanda a vantaggio degli istallatori. I gommisti attivi si sono concentrati principalmente in alcune aree d’Italia. In particolare, la crescita è stata maggiore della media nazionale nelle Isole, dove ha toccato l’11,5%, e nel Nord del paese (+9,5%).

NEL DETTAGLIO

Aumentano i gommisti, anche se con un tasso di crescita leggermente inferiore alla media nazionale, anche al Sud (+7,4%), mentre al Centro l’aumento è stato contenuto (+2,9%). Guardando al dettaglio delle regioni Federpneus ci dice che la Liguria la regione dove, tra 2009 e 2018, c’è stato il maggior tasso di crescita (+26,3%). Segue la Campania (+24,5%) e il Molise (+19%). Gommisti in difficoltà in quattro regioni caratterizzate dal segno meno. In particolare le Marche (-2,2%), la Puglia (-13,8%), il Trentino Alto Adige (-16,4%) e la Valle d’Aosta (-27,3%). Quanto alla Lombardia questa si conferma, anche nel 2018, la regione in cui è presente il maggior numero di gommisti attivi, ben 793. Seguono, nell’ordine, la Sicilia con 767 gommisti, la Campania con 661, il Lazio con 635 e l’Emilia Romagna con 576. In totale, queste cinque regioni ospitano quasi la metà di tutte le aziende attive in Italia.

L'articolo Crescono i gommisti in Italia: +8% in 10 anni proviene da SicurAUTO.it.

Pneumatici sgonfi per il 52% delle auto: è allarme sicurezza

di Redazione

Pneumatici sgonfi

L’estate è quasi alle porte e presto milioni di italiani si metteranno in viaggio per raggiungere i luoghi di vacanza. E questa, paradossalmente, non è una buona notizia per la sicurezza stradale, visto che più della metà delle autovetture circola con pneumatici sgonfi, mettendo a serio rischio la propria incolumità e quella degli altri.

SU 100.000 VEICOLI IL 52% NON HA GOMME A NORMA

Il preoccupante dato è stato diffuso da Assogomma e Polstrada durante la conferenza stampa di presentazione della sedicesima edizione di Vacanze Sicure, la campagna di sensibilizzazione degli automobilisti sulla sicurezza tramite il controllo delle gomme. La Polizia Stradale ha rivelato che nel corso dei controlli effettuati negli ultimi anni sullo stato dei pneumatici di circa 100.000 veicoli, il 52% sono risultati non a norma in quanto sottogonfiati. Ciò può provocare, oltre a un comportamento alterato della vettura, anche un cedimento strutturale dovuto al surriscaldamento, soprattutto con le temperature più calde (a questo proposito ricordiamo che da aprile a novembre vanno rimontati i pneumatici estivi).

PNEUMATICI SGONFI SONO UN RISCHIO PER LA SICUREZZA STRADALE

“Mettersi alla guida con pneumatici inadeguati espone gli automobilisti un elevato rischio di incidente stradale”. Sono le parole di Giovanni Busacca, direttore del servizio Polizia Stradale. “Un comportamento del genere”, ha proseguito, “costituisce un gesto di irresponsabilità che si ripercuote negativamente su tutto il sistema della circolazione”. Inoltre, aggiungiamo noi, i pneumatici sgonfi incidono negativamente sul consumo di carburante.

IRREGOLARE ANCHE IL 22% DEI GOMMISTI

Bisognerebbe quindi controllare più spesso lo stato dell’arte degli pneumatici, recandosi periodicamente dal gommista. Il problema è che anche un buon numero di officine nasconde qualche peccatuccio. Nei mesi scorsi, infatti, il 22% dei gommisti è risultato fuori norma in seguito a verifiche compiute dalle squadre di polizia giudiziaria. Più dettagliatamente, su 749 controlli effettuati in tutta Italia le forze dell’ordine hanno elevato 280 sanzioni con 35 denunce e 63 sequestri. Non a caso Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma, ha consigliato per il check up delle gomme di rivolgersi a “gommisti professionisti che svolgono la loro attività alla luce del sole nel rispetto pieno di tutte le norme di legge, ivi comprese quelle fiscali e ambientali”.

QUAL È LA GIUSTA PRESSIONE DELLE GOMME?

A questo punto, però, la domanda sorge spontanea: qual è la giusta pressione dell’aria negli pneumatici? In realtà non c’è una risposta univoca, perché dipende dal tipo di vettura e dal volume di carico dell’auto. Di solito la pressione delle gomme ideale di ciascun veicolo è specificata nella documentazione fornita dalla casa costruttrice. E spesso si trova anche su un’etichetta all’interno della portiera dell’auto. Le auto più moderne sono inoltre dotate del TPMS, un sistema elettronico di monitoraggio della pressione degli pneumatici, obbligatorio per legge su tutte le nuove autovetture.

L'articolo Pneumatici sgonfi per il 52% delle auto: è allarme sicurezza proviene da SicurAUTO.it.

Test pneumatici All Season SUV: Vredestein primo nelle prove di Auto Bild

di Donato D'Ambrosi

Dal 15 aprile molti automobilisti sono impegnati a cambiare le gomme invernali con quelle estive, ma non chi ha montato le gomme All Season. La rivista tedesca Auto Bild Allrad ha messo a confronto 7 modelli di pneumatici All Season per SUV di dimensione 235/55 R19. Il risultato del test sfata il mito delle gomme quattro stagioni valide tutto l’anno solo sulla carta, confermando la tendenza di alcune gomme a preferire l’estate all’inverno. Ecco i risultati per marca e modello del test gomme All Season SUV con i commenti di Auto Bild Allrad.

VREDESTEIN QUATRAC 5

La gomma della comparativa All Season per SUV di grandi dimensioni è la Vredestein Quatrac 5 essendo, secondo i collaudatori, la più equilibrata in tutte le prove con la dimensione testata. In tutte le valutazioni ha ottenuto il migliore punteggio, nello spazio di frenata (su asciutto estivi e invernale, bagnato e neve), controllo dello sterzo, resistenza al rotolamento e prezzo. Il prezzo invece penalizza la valutazione del parimerito Michelin CrossClimate SUV.

MICHELIN CROSSCLIMATE SUV

Le gomme quattro stagioni francesi non nascondo le loro performance a tutto tondo di uno pneumatico estivo con certificazione invernale, come le definisce Michelin nell’interessante video qui sotto. Secondo i collaudatori di Auto Bild le Michelin CrossClimate SUV si allineano alle Vredestein del test pur avendo un battistrada tendenzialmente estivo. Ma scendono di un gradino per via del prezzo maggiore a parità di dimensione. Bisogna anche ricordare che Michelin è stata la prima azienda ad eliminare i listini pubblicando online i prezzi consigliati al pubblico. Per cui il consumatore può orientarsi meglio sul prezzo d’acquisto applicato dall’installatore.

CONTINENTAL ALLSEASONCONTACT

Le gomme Continental All SeasonContact mancano l’en plein per qualche incertezza su asciutto. Nel test di Auto Bild sono state valutate globalmente con “buono” ma hanno dimostrato una migliore performance in condizioni invernali. La tendenza sottosterzante delle gomme le ha penalizzate rispetto ai primi pneumatici classificati.

GOODYEAR VECTOR 4SEASON SUV GEN-2

Le Goodyear Vector 4Seasons SUV Gen-2 sono risultate migliori nella frenata su neve e asfalto bagnato, rumorosità e consumo di carburante. Le lacune sulla tendenza al sottosterzo e l’appoggio laterale non ottimale sulla neve sono state penalizzanti per le quattro stagioni Goodyear che ricevono la valutazione “buone”.

NOKIAN WEATHERPROOF SUV

Le gomme All Season Nokian Weatherproof SUV del test si classificano al quinto posto poichè più performanti in inverno, contro l’aquaplaning e nella rumorosità di rotolamento. Pagano però una frenata più lunga degli altri pneumatici su asfalto bagnato e asciutto e una tendenza sottosterzante che comporta il voto “discreto”.

FALKEN EURO ALLSEASON AS210

Le Falken EuroAll Season AS210 sono al penultimo posto della comparativa pneumatici All Season SUV a causa di diverse lacune. Il voto “discreto” è per lo più dovuto a un’elevata resistenza all’aquaplaning; il video qui sotto spiega come funziona l’aderenza delle gomme. Risultati deludenti invece nella frenata su bagnato, confort, valutazione del sottosterzo e nel controllo del volante.

GRIPMAX STATUS ALLCLIMATE

I punti di forza degli pneumatici AllSeason Gripmax Status Allclimate sono il prezzo basso e una bassa resistenza al rotolamento, non abbastanza però da evitare il voto “non consigliato”. Secondo i tecnici di AutoBild Allrad le Gripmax hanno mostrato limiti nella direzionalità e maneggevolezza e prestazioni di aderenza non ottimali su asfalto bagnato e innevato.

Se vuoi conoscere le valutazioni su gomme All Season di altri modelli non perderti il Test pneumatici All Season 2019 dal 16 e 17 pollici.

L'articolo Test pneumatici All Season SUV: Vredestein primo nelle prove di Auto Bild proviene da SicurAUTO.it.

Consigli pneumatici estivi: meglio stretti o larghi?

di Redazione

Arriva il sole e torna la necessità di passare dalle gomme invernali alle gomme estive dal 15 aprile, benchè non è un obbligo se si mantiene lo stesso codice di velocità del libretto. E’ abitudine tra gli automobilisti dell’Europa Centrale avere due treni di ruote diversi di misure diverse. Mentre altri usano lo stesso cerchio per passare dalle gomme estive a quelle invernali e viceversa. Qual è tra le due la soluzione ottimale? Cosa bisogna sapere nella scelta tra pneumatici estivi più stretti o più larghi? Ecco cosa ne pensa Nokian, con alcuni consigli sulla scelta della larghezza del battistrada delle gomme estive.

ESTIVE E INVERNALI SULLO STESSO CERCHIO

Gli automobilisti che fanno il cambio gomme estive e invernali utilizzando lo stesso cerchio hanno meno possibilità di scelta rispetto al doppio treno di ruote. La scelta della larghezza del battistrada che influenza anche la dimensione del cerchio va fatta trovando un compromesso che vada bene tutto l’anno. Come abbiamo visto in questa comparativa, le gomme invernali più strette sono avvantaggiate in particolare sulla neve, ma meno nelle altre prove. Nel cambio con le gomme estive invece, una larghezza maggiore offre un’impronta a terra che va a beneficio degli spazi di frenata, ma a un costo maggiore. La scelta ottimale quindi è orientarsi su una misura intermedia, tra quelle sul libretto che permette di passare dalle gomme invernali a quelle estive e viceversa con il compromesso migliore. Se invece si hanno a disposizione due treni di ruote, che includono quindi anche cerchi di misura diversa, l’orientamento verso pneumatici estivi più larghi è quasi scontato.

STRETTE O LARGHE CON IL DOPPIO TRENO DI RUOTE

Gli pneumatici più grandi con un battistrada più largo, hanno una maggiore impronta a terra, e questo mette in gioco forze che influenzano i costi di gestione e il confort. Si può sintetizzare dicendo che in media le gomme estive più larghe offrono maggiore aderenza e spazi di frenata minori. Ma tende ad aumentare anche il consumo di carburante e la rumorosità sull’etichetta energetica misurata all’esterno (che non è la rumorosità percepita dal guidatore). Anche il confort delle gomme più larghe e ribassate è inferiore rispetto a quelle più strette. “Il volume d’aria di uno pneumatico inciderà particolarmente sul comfort di guida. Più grande è il diametro del cerchio, meno aria entrerà nello pneumatico. – spiega Nokian – Gli pneumatici dal profilo alto con molto spazio per l’aria sono più comodi rispetto a quelli larghi e dal profilo basso.” Il video qui sotto spiega come orientarsi nella scelta tra gomme estive, invernali e All Season.

OCCHIO AI CODICI

Per conoscere meglio l’indice di velocità legato all’obbligo di pasare alle gomme estive e distinguere le gomme strette e larghe facciamo un esempio pratico. Se la gomma estiva riporta sulla spalla la marcatura 205/55 R16 94V XL possiamo capire che:

1) 205 è la larghezza dello pneumatico in millimetri, alla corretta pressione di gonfiaggio.
2) 55 è il profilo dello pneumatico, cioè il rapporto tra l’altezza e la larghezza dello stesso.
3) R indica la struttura degli pneumatici radiali.
4) 16 è il diametro del cerchio in pollici.
5) 94 indica il carico massimo sostenuto sulla singola gomma, in questo caso è equivalente a 670 kg alla pressione di esercizio.
6) V è l’indice di velocità. In questo caso indica che la gomma è omologata oltre i 240km/h.
7) XL, in base al Produttore, indica può trasportare un carico maggiore rispetto ad uno corrispondente.

L'articolo Consigli pneumatici estivi: meglio stretti o larghi? proviene da SicurAUTO.it.

Yokohama Advan Neova AD08RS: 31 misure per la gomma sportiva in Europa

di Donato D'Ambrosi

Yokohama ha ufficializzato il lancio in Europa delle gomme sportive Advan Neova AD08RS, una novità ghiotta che per gli automobilisti fedeli al Costruttore di pneumatici giapponese. Con 31 misure a partire da 15 pollici infatti le Yokohama Advan Neova AD08RS concilia performance da tack day e sicurezza su strada.

 PIU’ EFFICIENTE PER L’EUROPA

 L’arrivo in Europa degli pneumatici sportivi stradali Yokohama Advan Neova AD08RS è stato annunciato in anteprima al Salone di Ginevra 2019. Ora Yokohama entra nel vivo del lancio che prevede entro l’estate 2019 il progressivo ampliamento della gamma di gomme estive. Le gomme Advan Neova AD08RS  – sostiene Yokohama – sono state specificamente riviste nelle tecnologie per rispondere meglio ai criteri di certificazione dell’etichetta energetica. I tecnici giapponesi sono partiti dai contenuti tecnologici delle Advan Neova AD08R.

BATTISTRADA MIGLIORATO

Anche se non si conoscono ancora le performance energetiche, possiamo dirvi che Yokohama ha confermato le soluzioni che ottimizzano l’aderenza e la resistenza al rotolamento. La R inserita nel nome contraddistingue l’impiego di microsilice. Una novità già vista sull’Advan Neova AD08R che evolve dalla mescola tradizionale MS2. La lunga durata promessa dalla mescola R si combina con il disegno del battistrada specifico. Yokohama definisce le scanalature arrotondate disposte in modo continuo per disperdere efficacemente l’acqua. La spalla monoblocco presente anche sull’ Advan Neova AD08RS contribuisce a rendere più rigida la struttura del battistrada.

LE GOMME SPORTIVE SONO LA CHIAVE DELLA STRATEGIA 

Le gomme Yokohama Advan Neova AD08RS saranno disponibili in 31 dimensioni, da 185/55R15 82V a 255/30R19 91W. La gamma da 15 a 19 pollici si completerà entro l’estate 2019.L’Advan Neova AD08RS è solo una delle novità della strategia Yokohama Rubber che si basa sempre più sullo sviluppo di pneumatici sportivi stradali. Non ci resta che raccontarvi di più con le nostre impressioni di guida in un prossimo test. Restate collegati.

L'articolo Yokohama Advan Neova AD08RS: 31 misure per la gomma sportiva in Europa proviene da SicurAUTO.it.

Pneumatici invernali delle auto, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti

di redazione

Dal 15 novembre scatta l’obbligo di montare sulle auto pneumatici invernali, per scegliere quelli giusti occorre conoscere bene norme e caratteristiche, per non incorre in sanzioni. I cartelli all’ingresso di autostrade e statali, il cui tracciato tocca località collinari o montuose, ricordano dunque che dalla metà di novembre sono obbligatori sulle auto e tutti i mezzi di trasporto, in alcuni tratti, di montare pneumatici invernali o di portare le catene a bordo.
La norma sulle gomme invernali sarà in vigore fino al 15 aprile dell’anno successivo, ma per il cambio gomme prevede un mese di tolleranza prima e dopo tali scadenze, ma in presenza di neve e ghiaccio le coperture invernali restano indispensabili.

Pneumatici invernali, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti – I segnali stradali
I segnali stradali che indicano le disposizioni per l’inverno hanno sfondo verde per le autostrade, blu per le strade extraurbane e bianco per quelle urbane. Da sottolineare che il mancato rispetto di questo obbligo comporta una sanzione amministrativa da 85,00 a 338,00 Euro; inoltre, se la marcia del veicolo senza dispositivi invernali dovesse rappresentare un grave pericolo per la sicurezza stradale, gli organi di Polizia possono impedire al mezzo di proseguire il viaggio finché non ne sarà dotato.

Pneumatici invernali delle auto, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti

Pneumatici invernali, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti – Uso delle catene
Per quanto riguarda le catene da neve è fondamentale consultare il libretto di uso e manutenzione della propria auto per verificare cosa abbia previsto il costruttore in tal senso: in alcuni casi infatti è necessario l’utilizzo di dispositivi dallo spessore ridotto, mentre in altri non è affatto possibile montare le catene.

Pneumatici invernali delle auto, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti

Pneumatici invernali, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti – La montagna con tre cime
La sigla “TPMSW”, acronimo di “Three Pick Mountain Snow Flake” ovvero il disegno di una montagna con tre cime e un fiocco di neve, si riferisce al simbolo appena descritto, che è possibile individuare sul fianco delle coperture invernali, le cosiddette “termiche”. Questo marchio non è obbligatorio, ma indica che il costruttore ha svolto dei specifici test su strada innevata e il pneumatico generalmente adotta una mescola con una particolare formulazione che ne ottimizza il comportamento in queste condizioni. La scritta obbligatoria per identificare le gomme termiche è “M+S” (Mud & Snow).

Pneumatici invernali, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti – I “4 stagioni”
Come già accennato, il simbolo del fiocco di neve con la montagna a tre cime indica che la copertura è stata provata in condizioni invernali; infatti possiamo trovarlo anche sulle “All Seasons”, ovvero le gomme che possono essere usate tutto l’anno senza l’obbligo di sostituirle al cambio di stagione. Le prove di confronto con le classiche “invernali” hanno evidenziato che le “4 stagioni” offrono sicuramente un grip maggiore su fondi bagnati e innevati rispetto a quelle “estive”, ma non raggiungono le prestazioni delle “termiche”.

L’articolo completo con tutti i dettagli sui pneumatici invernali è su Elaborare 243.

Pneumatici invernali delle auto, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti

ACQUISTA E RICEVI ELABORARE n° 243 Novembre 2018 QUI
ACQUISTA VERSIONE DIGITALE a 2,99 € PC, iOS, Android unico accesso QUI
ABBONATI E RICEVI ELABORARE QUI (diverse opzioni 3/6/11 numeri)
ABBONATI ALLA VERSIONE DIGITALE a solo 22,99€ 

Cover Elaborare 243 magazine novembre 2018

L'articolo Pneumatici invernali delle auto, quali sono le norme e come scegliere quelli giusti proviene da ELABORARE.

Monitoraggio pneumatici by SD Distribuzione

di redazione

SD Distribuzione propone il sistema di monitoraggio TPMS wireless di Wekgo controlla dinamicamente la pressione e la temperatura dei pneumatici.
Così previene l’anormale usura degi pneumatici prolungandone la vita; inoltre aumenta la sicurezza e migliora l’efficienza con risparmio di carburante. Il display LCD offre una lettura chiara per un monitoraggio di precisione in tempo reale con allarme visibile e udibile e BAR/PSI selezionabili.
L’installazione “fai da te” avviene in pochi minuti.


Il display viene fornito con attacco rapido alla presa accendisigari, mentre i sensori ruota hanno la codifica antifurto. Specifiche dei sensori: pressione 0-6 bar (0-87 psi) +/-0,1 bar (1,5 psi); temperatura lavoro -25 °C/+80 °C; potenza di trasmissione <8 dBm; frequenza 433,92 MHz; durata batteria circa 2 anni (sostituibile).
Tutti gli articoli sono disponibili presso il distributore esclusivo SD Distribuzione, on line su www.speedup.it oppure presso i Megastores Bep’s, ora anche online www.beps.it.

Info: www.speedup.it – www.beps.it

L'articolo Monitoraggio pneumatici by SD Distribuzione proviene da ELABORARE.

Adesivi per pneumatici by Simoni Racing

di redazione

Con la sua ricca gamma di adesivi per pneumatici, Simoni Racing offre la possibilità di scrivere qualsiasi cosa sulle spalle delle coperture di auto e moto, visto che il mondo delle personalizzazioni non conosce infatti limiti! Grazie agli adesivi per pneumatici by Simoni Racing gli appassionati delle quattro e delle due ruote possono applicare nomi, iniziali e frasi sui pneumatici! Si può scegliere il kit con lettere e simboli oppure il logo dell’Azienda. Basterà acquistare gli adesivi trasferibili Simoni Racing e le gomme diventeranno un “foglio” sul quale trasmettere la propria storia e la propria passione.
Applicare gli adesivi per pneumatici è molto semplice:
– Pulire la superficie con detergente sgrassatore o solvente e attendere l’evaporazione
– Posizionare l’etichetta sulla gomma e premere in modo omogeneo sulla superficie
– Attendere alcuni secondi e rimuovere delicatamente la carta trasparente protettiva
Gli adesivi per pneumatici by Simoni Racing sono disponibili con singoli caratteri trasferibili a 1,34 Euro IVA inclusa, anche il logo Simoni Racing trasferibile è acquistabile a 12,08 Euro IVA inclusa.

Info: Simoni Racing Tel. 0532/849850 – www.simoniracing.com

L'articolo Adesivi per pneumatici by Simoni Racing proviene da ELABORARE.

Cappucci valvola Simoni Racing

di redazione

Con la presentazione dei nuovi modelli Simoni Racing arricchisce la già ampia scelta di cappucci valvola per pneumatici della rinomata azienda emiliana di accessori per auto. Robusti e durevoli, hanno una misura standard che si adatta alla maggior parte delle coperture di auto, camper, furgoni, moto ecc. Sono venduti in kit da 4 pezzi, completi di gommino o-ring di guarnizione che impedisce alla pioggia, neve o polvere di entrare nelle valvole. Si avvitano al pneumatico in un attimo per ottenere in pochi secondi un look personalizzato e inedito. Già presentati ad inizio anno i Chrome dal disegno sobrio e classico, molto più audaci e trendy i nuovi Eyes in the Night ed Emoticons, very British gli UK Flag, vagamente horror ma molto originali gli Shocking Eyes, design più cult per i Black Cross e per gli amanti del gioco da tavolo e non, ci sono i nuovi Black Spades e la nuova versione degli 8 Ball.
Info: Tel. 0532/849850 – www.simoniracing.com

L'articolo Cappucci valvola Simoni Racing proviene da ELABORARE Tuning.

Lucidante gomme

di redazione

Lucidante gomme by Fra-Ber

Aktiv-E Lucidante Gomme è un nuovo prodotto Fra-ber capace di lucidare, nutrire e proteggere ogni tipo di pneumatico. Si tratta di un formulato di nuova generazione a base di enzimi attivi disponibile in due diversi formati (750 ml con spruzzino e 1000 ml, entrambi No Gas) capace di rinnovare i colori e l’elasticità originale del pneumatico lasciando una finitura incredibilmente brillante e omogenea. Gli enzimi presenti in formula penetrano nelle microporosità della gomma degradando lo sporco organico e prevenendo, insieme ai componenti attivi, le screpolature causate dall’invecchiamento. Lucidante Gomme può essere utilizzato anche per tappetini, paraurti, guarnizioni delle porte e qualsiasi altro particolare in gomma. Modo d’uso - Pulire ed asciugare la parte da trattare. Successivamente, agitare il flacone e spruzzare il prodotto uniformando, se necessario, il tutto con una spugna o pennello e poi lasciare asciugare. Nel caso in cui gli pneumatici risultassero particolarmente deteriorati ripetere l’operazione. E’ importante naturalmente non applicare il prodotto sul battistrada. Prezzo al pubblico della confezione da 750 ml con spruzzino è di € 5,90 (IVA compresa), mentre per confezione da 1000 ml il costo è di € 6,40 (IVA compresa). I prodotti sono disponibili anche su Amazon. Lucidante gomme by Fra-Ber

❌