Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

iPhone XR è il miglior smartphone con fotocamera singola testato da DxOMark

di HDblog.it

DxOMark ha pubblicato i risultati della sua analisi approfondita effettuata sulla fotocamera di iPhone XR, il più economico dei nuovi iPhone lanciati quest'anno da Apple. A differenza di iPhone XS e iPhone XS Max, su iPhone XR è stata utilizzata una soluzione con un singolo sensore da 12 megapixel con pixel da 1,4 μm, obiettivo da 26 mm, apertura f/1.8, stabilizzazione ottica, messa a fuoco a rilevamento di fase e flash a LED dual tone.

iPhone XR ha ottenuto complessivamente 101 punti, il massimo assegnato fino ad oggi da DxOMark a smartphone con fotocamera singola. Nel dettaglio, iPhone XR ha ottenuto 103 punti per quanto riguarda il comparto fotografico e 96 punti per quello video.

Tra i punti a favore del comparto foto sono stati rilevati un'ottima esposizione e gamma dinamica in condizioni di luce intensa ed interni, un buon mantenimento del dettaglio in tutte le condizioni di illuminazione, colori "vivaci e piacevoli" nella maggior parte delle situazioni di scatto ed una messa a fuoco rapida e precisa. Tra i punti a sfavore, invece, un basso livello di dettaglio negli scatti con zoom a medio e lungo raggio, una "grana fine visibile" in condizioni di scarsa illuminazione e l'assenza di una sfocatura realistica in modalità ritratto.

(aggiornamento del 11 December 2018, ore 18:06)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Come passare in automatico dal tema chiaro al tema scuro in Windows 10

di Giacinto Palisssandro

Siete tra quelli che al mattino preferiscono utilizzare il Computer con le applicazioni visualizzate in modalità chiara? O siete tra gli irriducibili che la sera no, se non è attiva la Dark Mode, poi ho fastidio agli occhi? Windows 10 Auto-Night-Mode Windows 10 e le sue applicazioni ci danno la possibilità di scegliere tra il nuovissimo […]

Puoi leggere l'articolo Come passare in automatico dal tema chiaro al tema scuro in Windows 10 in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Google Pixel 3 e Apple iPhone XR si sfidano in un drop test. Chi vincerà? | Video

di HDblog.it

I più recenti iPhone, i Pixel 3 e la maggior parte degli smartphone di ultima generazione sono solitamente caratterizzati da back cover in vetro, una particolarità che consente di integrare il modulo per la ricarica wireless e di ottenere un'estetica più curata. Il rovescio della medaglia, però, c'è: la resistenza alle cadute accidentali è messa a dura prova.

A tal proposito, il famoso YouTuber JerryRigEverything ha realizzato un drop test, mettendo a confronto un Google Pixel 3 con un Apple iPhone XR. I due dispositivi sono stati fatti cadere da diverse altezze, ipotizzando alcuni dei più classici scenari in cui si può perdere la presa con il proprio smartphone come, ad esempio, estraendolo dalla tasca dei pantaloni.

Pur sottolineando la scarsa oggettività di questo tipo di prove - sono tante le variabili che potrebbero incidere sulla formazione di eventuali danni alla scocca o all'hardware - è curioso notare quali siano le parti maggiormente esposte a rotture.

(aggiornamento del 11 December 2018, ore 16:51)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

watchOS 5.1.2 disponibile: funzione ECG su Apple Watch 4 in USA

di HDblog.it

Aggiornamento

Come da previsioni, aggiornamento watchOS 5.1.2 per Apple Watch completo di funzione ECG (solo USA) è finalmente disponibile. Apple lo ha rilasciato da pochi minuti pertanto arricchiremo la news con maggiori dettagli nelle prossime ore qualora emergano novità particolari, a seguire gli screen di chagelog/ECG e la notizia originale dove potrete reperire maggiori informazioni sulle novità introdotte.

E per finire ecco le schermate relative alla funzionalità ECG.


Tanta memoria interna e ottimo hardware a prezzo conveniente? Honor View 10 Lite, in offerta oggi da Clicksmart a 236 euro oppure da eBay a 299 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Google Pixel 3 e Apple iPhone XR si sfidano in un drop test. Chi vincerà? | Video

di HDblog.it

I più recenti iPhone, i Pixel 3 e la maggior parte degli smartphone di ultima generazione sono solitamente caratterizzati da back cover in vetro, una particolarità che consente di integrare il modulo per la ricarica wireless e di ottenere un'estetica più curata. Il rovescio della medaglia, però, c'è: la resistenza alle cadute accidentali è messa a dura prova.

A tal proposito, il famoso YouTuber JerryRigEverything ha realizzato un drop test, mettendo a confronto un Google Pixel 3 con un Apple iPhone XR. I due dispositivi sono stati fatti cadere da diverse altezze, ipotizzando alcuni dei più classici scenari in cui si può perdere la presa con il proprio smartphone come, ad esempio, estraendolo dalla tasca dei pantaloni.

Pur sottolineando la scarsa oggettività di questo tipo di prove - sono tante le variabili che potrebbero incidere sulla formazione di eventuali danni alla scocca o all'hardware - è curioso notare quali siano le parti maggiormente esposte a rotture.

(aggiornamento del 07 December 2018, ore 12:26)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

È attiva su Apple Watch Series 4 la funzione ECG

di Lorenzo Spada

Confermando quanto sapevamo, con l’aggiornamento a watchOS 5.1.2, Apple ha finalmente abilitato una delle funzioni che maggiormente sono state pubblicizzate dall’azienda stessa e dagli appassionati relativamente all’Apple Watch Series 4. Stiamo parlando della funzione ECG (elettrocardiogramma). L’Apple Watch Series 4 è in grado di misurare gli impulsi elettrici del cuore sfruttando due punti di contatto […]

L'articolo È attiva su Apple Watch Series 4 la funzione ECG proviene da TuttoTech.net.

WhatsApp avvia il rollout delle chiamate di gruppo e prepara altre novità

di Irven Zanolla

La versione 2.18.373 di WhatsApp mostra i progressi compiuti con la condivisione multipla e avvia il rollout delle chiamate di gruppo.

L'articolo WhatsApp avvia il rollout delle chiamate di gruppo e prepara altre novità proviene da TuttoAndroid.

Apple iOS 12.1.1 per iPhone e iPad insieme ad aggiornamenti per TV, HomePod e MacOS

di Valerio Porcu

Apple ha pubblicato l’aggiornamento ad iOS 12.1.1 per iPhone e iPad, insieme a tvOS (12.1.1), MacOS Mojave (10.14.2) e HomePod (12.1.1). Tutti i sistemi ricevono correzioni e miglioramenti. Tra i più notevoli c’è sicuramente quello che riguarda FaceTime, i cui utenti godranno di un’interfaccia migliorata con un sistema più comodo per passare dalla videocamera frontale a quella posteriore.

Per chi usa un iPhone XR l’aggiornamento porta invece una nuova funzione relativa al display: con HapticTouch si potranno espandere le notifiche con una pressione prolungata. È stato anche rivisto il design dell’icona Apple Watch.

Per l’iPhone entry level di Apple è un miglioramento importante, visto che questo smartphone non è dotato della funzione 3D Touch riservata ai modelli superiori. In verità non c’è una grande differenza rispetto all’implementazione Haptic Touch, che a sua volta è del tutto simile a quanto si vede sugli smartphone Android. Alcune funzioni specifiche, comunque, probabilmente non arriveranno mai sull’iPhone XR.

Per gli utenti MacOS l’aggiornamento include alcune piccole correzioni, oltre che l’inserimento di RTT (Real-Time Text) per le chiamate via Wi-Fi, un nuovo meno nell’applicazione Notizie e la risoluzione di un problema di compatibilità tra iTunes e altoparlanti AirPlay di terze parti.

L’aggiornamento di HomePod è pensato soprattutto per il mercato cinese, dove Apple sta per mettere in vendita il dispositivo.

L’Apple Homepod è uno smart speaker con Siri che costa circa 340 euro. Oppure si può prendere un Amazon Echo Dot a 60 euro; non è la stessa cosa ma costa molto meno.

L'articolo Apple iOS 12.1.1 per iPhone e iPad insieme ad aggiornamenti per TV, HomePod e MacOS proviene da Tom's Hardware.

Belkin Boost Up, sbarca sull’Apple Store il dock di ricarica wireless per iPhone e Watch

di Alessandro Crea

Se siete orfani dell’annunciato ma finora mai commercializzato Apple AirPower, Belkin ha la soluzione che fa per voi: si chiama Boost Up ed è un dock di ricarica wireless su cui poggiare contemporaneamente un iPhone e un Watch. Già disponibile anche nello Store italiano, il Boot Up supporta lo standard Qi ed è in grado di erogare 7,5 W, assicurando così la ricarica degli iPhone XS alla massima velocità possibile.

Belkin Boost Up è molto curato ed elegante. Disponibile nelle colorazioni bianca o nera, consente anche di ricaricare lo smartphone senza estrarlo da una eventuale custodia, a patto che non sia più spessa di 3 mm. Inoltre, grazie alla presenza di una porta USB-A da 5 watt sul retro è possibile collegare un terzo dispositivo, ad esempio un paio auricolari AirPods o di cuffie Beats, ma in generale qualsiasi dispositivo provvisto di porta USB-A.

Purtroppo però il Belkin Boost Up riempie solo parzialmente il vuoto lasciato dall’Apple AirPower, anche se per alcuni potrebbe offrire persino qualcosa di più. A differenza della base di ricarica annunciata da Apple infatti, le postazioni sul Boost Up sono rigidamente separate, con quella dedicata al Watch che è anche magnetica e con un’inclinazione tale da consentire l’utilizzo del Watch come sveglia. L’AirPower invece dovrebbe essere un semplice tappetino su cui poggiare nell’ordine e nell’orientamento che si preferisce l’iPhone, il Watch e anche la custodia degli iPad. A voi giudicare cosa è più comodo. Il prezzo è pari a 159,95 euro.

belkin_adattatore_usb_hdmi

Le novità però non finiscono qui, perché Belkin ha introdotto anche un adattatore da USB-C a HDMI, che però nel momento in cui scriviamo non è ancora disponibile nello Store italiano. Anche in questo caso però si tratta di una soluzione che va a colmare un vuoto importante, perché consente di espandere ulteriormente le capacità del nuovo iPad Pro. L’adattatore Belkin infatti è l’unico che consente lo streaming sicuro di contenuti da Netflix e iTunes supportando contemporaneamente risoluzione 4K a 60 Hz, HDR e HDCP 2.2. Nel Regno Unito, dove il Belkin è già disponibile nello Store, il prezzo è di 49,95 sterline, pari a circa 60 euro.

L'articolo Belkin Boost Up, sbarca sull’Apple Store il dock di ricarica wireless per iPhone e Watch proviene da Tom's Hardware.

Apple sta testando il supporto alle chiavi di sicurezza 2FA su Safari

di Lorenzo Spada
Apple test Safari Yubikey 2FA FIDO2

Apple sta testando una nuova funzione di sicurezza sul proprio browser web Safari relativa al supporto alle chiavi di sicurezza per la 2FA contraddistinte dallo standard WebAuthn. Sviluppato dal World Wide Web Consortium (W3C) e dalla FIDO Alliance, WebAuthn è un tentativo di standardizzare e migliorare il processo di autenticazione dell’utente attraverso vari sistemi e […]

L'articolo Apple sta testando il supporto alle chiavi di sicurezza 2FA su Safari proviene da TuttoTech.net.

iPhone X 256GB torna in offerta a 899 euro da Amazon e Mediaworld: vale la pena?

di HDblog.it

iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR sono tutte novità che Apple ha presentato pochi mesi fa e che hanno un prezzo di listino generalmente alto. Per questo, a distanza di oltre un anno dal debutto sul mercato, iPhone X è ancora molto ricercato, soprattutto nella variante da 256GB. 

Proprio questo taglio di memoria è oggetto di un'offerta interessante che vede Mediaworld protagonista e Amazon subito pronta a copiarne il prezzo (come ormai prassi per il noto e-commerce americano). Vale la pena spendere 899€ per un iPhone X 256GB?

La risposta è complessa e c'è chi preferirebbe spendere la medesima cifra per un iPhone XR con miglior processore, chi invece ritiene l'Oled di X nettamente superiore all'LCD (e come biasimarli), o ancora chi rinuncerebbe a tanta memoria per un XS 64GB a prezzo simile. 

(aggiornamento del 11 December 2018, ore 15:46)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Apple: in cantiere una serie con Richard Gere per il nuovo servizio streaming?

di HDblog.it

Stando alle indiscrezioni che girano ormai da diversi mesi, Apple starebbe lavorando a un nuovo servizio di streaming video con contenuti gratuiti e altri a pagamento, che dovrebbe esordire nel 2019.

E la novità odierna riguarda proprio i contenuti originali: a quanto pare, Apple starebbe considerando l'idea di produrre una serie televisiva con Richard Gere nei panni del protagonista. A rivelarlo, durante un'intervista con Deadline, è stato Rick Rosen; la notizia è poi stata ripresa da varie testate.

Oltre alla presunta partecipazione a questo misterioso show Apple, sembra che il noto attore statunitense sarà anche protagonista della serie MotherFatherSon della BBC: in oltre trent'anni di carriera, sarà la prima volta che Gere reciterà in una serie televisiva. MotherFatherSon è attualmente in lavorazione e debutterà su BBC Two nel 2019.


Tre fotocamere per il massimo divertimento e un hardware eccellente? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Tigershopit a 775 euro oppure da ePrice a 959 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Google Play Film v4.9 ritocca l’interfaccia utente e prepara i confronti fra prezzi

di Gerardo Orlandin

Come accaduto per le principali applicazioni di Google anche Google Play Film sembra adottare il Material Theme che introduce principalmente dei ritocchi estetici all'interfaccia utente. Per quanto riguarda spettacoli e film in vendita, sono presenti delle righe di codice che suggeriscono un confronto dei prezzi che aiuta a identificare il prezzo originale e attuale.

L'articolo Google Play Film v4.9 ritocca l’interfaccia utente e prepara i confronti fra prezzi proviene da TuttoAndroid.

Addio, Allo: Google abbandona lo sviluppo dell’app

di Elena Tocci

Google Allo

Google ha confermato la chiusura di Allo, la sfortunata App di messaggistica che nel tempo non è riuscita a fare breccia nel cuore degli utenti. La dipartita era nell’aria, dato che Big G ne aveva bloccato lo sviluppo e gli investimenti già da alcuni mesi.

Allo continuerà a funzionare fino a marzo 2019 e sino a quel momento chi l’ha utilizzato potrà esportare tutta la cronologia delle conversazioni presenti nell’App (in ottica “Google Takeout”, secondo il principio per cui l’utente deve potersi portare appresso i propri contenuti qualora abbandoni un’app o un servizio).

La notizia è stata diffusa direttamente sul blog ufficiale di Google dal vicepresidente Matt Klainerin.

All’inizio di quest’anno abbiamo sospeso gli investimenti di Allo e abbiamo inserito alcune delle sue funzionalità più amate, come Smart Reply, GIF e supporto desktop in Messaggi.

Se Allo finisce nel cestino, un’altra app fa capolino nel momento giusto e questo non è sicuramente un caso. Proprio oggi, infatti, viene lanciata da Verizon negli USA, ufficialmente solo su Pixel 3 e 3 XL, RCS Chat, l’applicazione che si candida ad essere formalmente la diretta concorrente di iMessage di Apple su Android. La limitazione su un solo carrier e su pochi device non la candida ad essere un servizio mainstream, ma è chiaro come gli spazi lasciati aperti dagli insuccessi di Buzz, Wave, G+ e Allo fanno a questo punto gola a molti.

La casa madre di Mountain View è la prima a voler risolvere questo problema e nel proprio post ha spiegato quanto lavoro stia facendo in collaborazione con molti carrier a livello internazionale per evolvere le comunicazioni su Android. Nel prossimo futuro, nello specifico, Google si concentrerà a pieno regime su Messaggi e Duo per gli utenti consumer e su Hangouts Chat ed Hangouts Meet per la comunicazioni in azienda.

Siamo entusiasti dei progressi che abbiamo compiuto e siamo pronti a prendere ciò che abbiamo imparato da Allo e a metterlo in pratica per rendere l’App Messaggi ancora più performante. Ci concentreremo su Messaggi e Duo per i consumatori e Hangouts Chat e Hangouts Meet per i team di lavoro, per offrire un’esperienza di comunicazione più semplice e più completa per tutti voi.

The post Addio, Allo: Google abbandona lo sviluppo dell’app appeared first on telefonino.net.

Spotify per Xbox si aggiorna con un’interfaccia utente rinnovata

di Filippo Molinini

L’app di Spotify si aggiorna e si rinnova completamente per Xbox One. Di seguito trovate l’elenco completo delle novità. AGGIORNAMENTO | La nuova interfaccia e le altre novità di Spotify per Xbox è ora disponibile per tutti. Nuova interfaccia utente – L’interfaccia utente è stata rinnovata e migliorata, con menu più grandi e un nuovo layout […]

Puoi leggere l'articolo Spotify per Xbox si aggiorna con un’interfaccia utente rinnovata in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Google dice addio ad Allo: chiuderà a marzo 2019

di Marco Locatelli

Come già annunciato in precedenza, Google ha fatto sapere tramite un post sul blog ufficiale che nella primavera del prossimo anno cancellerà l’applicazione di messaggistica istantanea Allo.

Leggi il resto dell’articolo

iOS 12.1.1 è disponibile: le novità

di Marco Grigis

Nuova tornata di aggiornamenti per i possessori di un iDevice Apple. Nella tarda serata di ieri, infatti, il gruppo di Cupertino ha rilasciato iOS 12.1.1, il terzo upgrade del sistema operativo mobile, considerando ovviamente anche le release intermedie. Si tratta di un pacchetto minore rispetto al precedente iOS 12.1, pensato per risolvere alcune problematiche e stabilizzare le performance.

Leggi il resto dell’articolo

Da oggi è possibile utilizzare Siri Shortcuts sull’Apple Store

di Giulio Marangon

Continuano a susseguirsi le piccole novità all’interno dell’azienda di Cupertino e dopo il lancio ufficiale della tanto attesa cover ufficiale per iPhone Xr, quest’oggi Apple ha annunciato l’introduzione dei comandi vocali all’interno del suo store ufficiale. Feature che sicuramente può far comodo a chi ha problemi fisici o semplicemente non vuole perdere tempo nella ricerca […]

L'articolo Da oggi è possibile utilizzare Siri Shortcuts sull’Apple Store proviene da TuttoTech.net.

Google stacca la spina ad Allo per concentrarsi solo su Messages

di Federico Gambarelli

La lunga lista di progetti creati e poi abbandonati da BigG si arricchisce di un nuovo nome: Google Allo, l’app di messaggistica smart lanciata nel 2016 e che presto verrà rimpiazzata da Google Messagges.

(...)
Continua a leggere Google stacca la spina ad Allo per concentrarsi solo su Messages su Androidiani.Com


© federicogambarelli for Androidiani.com, 2018. | Permalink |

Tags del post:

iPhone Xr ha finalmente la sua (costosa) cover ufficiale

di Lorenzo Spada
Cover ufficiale iPhone XR

Dopo un’attesa di diverse settimane dal lancio iniziale di iPhone XR, Apple ha finalmente messo in catalogo una cover ufficiale da abbinargli. Si tratta di un qualcosa che era emersa nelle scorse settimane attraverso un’indiscrezione. Seppur iPhone XR sia stato lo smartphone più consigliato degli ultimi mesi, una critica che è stata mossa ad Apple […]

L'articolo iPhone Xr ha finalmente la sua (costosa) cover ufficiale proviene da TuttoTech.net.

❌